Crea sito

HOME

RICETTE

I PESCI

FOTO

RADICI

ESPERIENZE

CONTATTI

LINK

 

Vinu vecchiu e ogghiu novu

 

Lettera V

 

Va - V. v. Imperativo di andare | Datti da fare, orsù.

Vabbeni – loc. Va bene, tutto a posto.

Vacabunnaggiu – s. m. Ozio, l’andare senza meta, vagabondaggio.

Vacabunnaria –  V. Macabunnaria.

Vacabunnu – V. Macabunnu.

Vacaca – loc. Non dire fesserie.

Vacantaria – s. f. Privo di idee, sbadataggine.

Vacanti - agg. Privo, mancante, vuoto.

Vacantuliddru - agg. Poco vuoto.

Vaccaru – s. m. Guardiano di mucche, mandriano.

Vaccatta – loc. Vai a comprare.

Vaccazza – s. f. Vecchia mucca, donna troppo grassa e flaccida.

Vacchiceddra, vaccuzza – s. f. Vacca giovane, giovenca.

Vaccuna – s. f. Grossa o vecchia mucca.

Vacercalu – loc. Vai a cercarlo.

Vacili - s. m. Bacinella, bacile di dimensioni ridotte e di materia per lo più non preziosa (maiolica, porcellana, vetro, metallo smaltato, materiale plastico), a pareti inclinate, verticali o svasate, che serve per le pulizie personali.

Vacilata – s. f. Contenuto di un bacile.

Vacunata – s. f. Carico di un vagone.

Vacunazzu – s. m. Grosso vagone, troppo pieno.

Vacuneddru - s. m. Piccolo vagone, poco pieno.

Vacuni – s. m. Carrozza ferroviaria per trasporto merci, vagone.

Vacurcati – loc. Togliti dai piedi, levati di torno, va a letto.

Vaddrara – s. f. Fuoriuscita di viscere dalla cavità che normalmente li contiene, ernia.

Vaddrareddra – s. f. Piccola ernia.

Vaddraruna – s. f. Grossa ernia.

Vaddrarusu – agg. Che ha un ernia evidente.

Vaebeni – s. m. Andata e ritorno.

Vaeccalu – loc. Vallo a buttare.

Vaetaru – s. m. Uccello marino (laridae) dell'ordine dei Caradriiformi, gabbiano.

Vagnari - tr. Bagnare.

Vagnarisi - rifl. Spruzzarsi d'acqua, bagnarsi.

Vagnatazzu - agg. Molto bagnato, inzuppato.

Vagnateddra – s. f. Leggera bagnata, spruzzatina.

Vagnatina – s. f. L'atto del bagnare.

Vagnatu - agg. Inzuppato, umido.

Vaiana – s. f. Baccello, involucro che racchiude il frutto delle leguminose.

Vaianazza – s. f. Grosso o brutto baccello.

Vaianeddra – s. f. Piccolo baccello.

Vaitivinni – loc. Andatevene.

Vaiu – s. m. Guaio, imprevisto.

Valenti - agg. Che vale nella sua arte o professione, amante del lavoro, poderoso, forte, di valore.

Validizza – s. f. Validità, efficacia.

Valigeddra, valigiuzza – s. f. Piccola valigia.

Valigiaru – s. m. Chi fa o vende valigie.

Valigiata – s. f. Colpo di valigia ma anche il suo contenuto.

Valigiazza – s. f. Grande o brutta valigia.

Valigiuna – s. f. Grande valigia.

Valintizza – s. f. Abilità, capacità nell’operare.

Valiri - tr. Essere equivalente, valido, avere valore, avere un prezzo, costare, avere importanza, valere.

Vallirata – s. f. Contenuto, colpo di barile.  

Vallirazzu – s. m. Grande o brutto barile.

Vallireddru, valliruzzu  – s. m. Piccolo barile di forma ovale, maneggevole| V.  Carrateddru.

Valliri – s. m. Botte ridotta di legno a doghe, barile.

Vallirottu – s. m. Barilotto.

Valuri – s. m. Ciò che vale una persona, una cosa, insieme di forza e coraggio, valore.  

Valurizzari - tr. Mettere un valore, avvalorare.

Valurusu - agg. Che ha valore.

Valutari - tr. Assegnare a una cosa il giusto valore, stimare.

Vampa – s. f. Fiamma, lingua di fuoco che si leva dal fuoco vivo, desiderio, ardore.

Vampaciucia – s. f. Materia secca che brucia subito e dura poco, truciolo, segatura.

Vampata – s. f. Fiamma alta causata da materiale che brucia rapidamente, fuoco vivo, fiammante.

Vampateddra, vampuzza – s. f. Piccola fiamma.

Vampazza, vampuna – s. f. Alta e violenta fiamma.

Vampugghia - s. f. Insieme di trucioli di legno |V. Vampaciucia.

Vancazzu – s. m. Grande o brutto banco.

Vanchiceddru, vanchiteddru – s. m. Piccolo banco.

Vanchiuriti – loc. Sparisci, vatti a nascondere.

Vancu – s. m. Tavolo scrittoio per alunni, banco, panca per sedersi, tavolo da lavoro per negozio.

Vancuni – s. m. Tavolo da lavoro per falegnami, ferraioli, vetrai, negozi | V. Bancuni.

Vancuzzu – s. m. Piccolo banco.

Vaneddra – s. f. Strada o via molto stretta| lasciare la porta a V. – socchiuso.

Vaniddrazza - s. f. Lunga o brutta strada stretta.

Vaniddruzza - s. f. Stradina stretta di breve corso, porta semiaperta

Vantamentu – s. m. Vanteria, vanto.

Vantari - tr. Esaltare con lodi, avere utile.

Vantarisi - rifl. Gloriarsi, esaltarsi.

Vantaturi – s. m. - agg. Chi o che esalta le qualità che non ha| vanitoso, borioso.

Vantu – s. m. Gloria, boria, esaltazione di sé.

Vapurazzu – s. m. Natante di ampia stazza.

Vapureddru – s. m. Natante di media stazza.

Vapuri – s. m. Bollicine d'acqua in ebollizione, battello a vapore | V. Papuri.

Varagnari - tr. Acquisire denaro industriandosi e lavorando, utile proveniente dal  lavoro.

Varagnatu – s. m. Guadagnato con il lavoro e la fatica.

Varagnu – s. m. Ogni sorta di utile che si ritrae dalla fatica, dal lavoro | vantaggio, profitto, guadagno.

Varagnuni – s. m. Grosso guadagno.

Varagnuzzu, Varagneddru – s. m. guadagno minimo.

Varari - tr. Spingere un natante in mare.

Varca, vaicca – s. f. Natante di varia forma e per vari usi.

Varcaloru,varcaiolu – s. m. Carpentiere falegname  costruttore di barche in legno e opere fini  | V. Mastrurascia.

Varcata – s. f. Quantità, di qualsiasi cosa, che riesce ad accogliere una barca.

Varcazza – s. f. Grande o brutta barca.

Varchiari - intr. Andare in barca, altalenare.

Varchiata – s. f. Gita in barca.

Varchiceddra, varchiteddra, varcuzza – s. f. Piccola barca.

Varcu – s. m. Apertura che dà accesso in un luogo, passaggio obbligato.

Varcuna – s. f. Grossa barca.

Varcuni – s. m. Grossa barca per trasporto.

Varda – s. f. Sella da trasporto per bestie da soma.

Vardaomu - s. m. - Rettile di color verde smeraldo nel dorso e addome giallo, ramarro.

Vardari - tr. Custodire, vigilare, sorvegliare, porre attenzione, riguardare, avere rispetto.

Vardarisi – rifl. Guardarsi, porre attenzione che non gli capiti niente di brutto, avere riguardo per sè.

Vardaru – s. m. Antico mestierante che produceva selle e ornamenti per cavalli e muli | Per saperne di più: http://andreasormani.altervista.org/mestieri.htm

Vardata – s. f. Occhiata, sguardo, colpo di sella per bestie da soma.

Vardatazza – s. f. Lunga e torva occhiata, custodia.

Vardateddra – s. f. Occhiata, breve sguardo.

Vardazza – s. f. Grande o brutta bardatura, sella.

Vardeddra – s. f. Snella ed elegante bardatura per trasporto legna.

Vardia – s. f. Chi è preposto alla sorveglianza di un luogo, guardia.

Vardiania – s. f. Compenso spettante al guardiano, al sorvegliante per mestiere.

Vardianu – s. m. Custode, sorvegliante.

Vardiari - tr. V. Vardari.

Vardiatina – s. f. Sorveglianza, custodia e relativo compenso.

Variccillu – loc. Vai a dirglielo.

Varva – s. f. Peli che crescono sulla faccia dell'uomo, barba.

Varvarozzu – s. m. La parte inferiore del viso sotto la bocca, mento.

Varvaruzzeddru – s. m. Il mento del bambino.

Varvaruzzuni – s. m. Grosso mento.

Varvaruzzutu - agg. Che ha il mento grosso e sporgente.

Varvazza – s. f. Brutta, lunga e incolta barba, barbaccia.

Varveri – s. m. Chi, per mestiere, rade la barba e taglia i capelli.

Varviceddra, varvuzza – s. f. Piccoli radi peli dell'adolescente e di certi uomini.

Varvuna – s. f. Lunga e incolta barba.

Vasamanu – s. m. Atto del baciare la mano altrui per riverenza o asservimento, baciamano.

Vasamentu – s. m. Atto del baciare.

Vasamuni – loc. Baciamoci.

Vasari - tr. Toccare con le labbra in segno d'affetto o di riverenza, baciare.

Vasarisi - rifl. Scambiarsi baci.

Vasata – s. f. L'atto del baciare e del baciarsi| bacio.

Vasatazza – s. f. Lungo e profondo bacio.

Vasateddra – s. f. Bacio frettoloso.

Vasatina – s. f. L'atto del baciare e del baciarsi.

Vasazzu – s. m. Grande o brutto bacio.

Vasciu – agg. Basso.

Vasciuliddru - agg. Poco basso.

Vastaiocu – s. m. - agg. Importuno, scontroso, impertinente.

Vastari - tr. Guastare, ridurre una cosa in cattivo stato, rovinare.

Vastarisi - rifl. Rovinarsi, andare a male, corrompersi, deteriorarsi, mal funzionare.

Vastasaggini, vastasata – s. f. Azione poco pulita, indecente, degna di un maleducato.

Vastasazzu, vastasuni - agg. Esagerato in maleducazione, incivile.

Vastaseddru, vastasuzzu - agg. Poco educato, selvaggio.

Vastasu - agg. Maleducato, incivile, volgare| s. m. Facchino, uomo di fatica, scarica valigie.

Vastasuliddru – agg. Poco educato.

Vastatazzu – agg. Malandato, rovinato.

Vastateddru – agg. Poco guasto, malmesso.

Vastatina – s. f. Sconquasso, scompiglio, guasto.

Vasteddra – s. f. Forma tonda di pane casereccio.

Vastiddrazza – s. f. Grosso pane casereccio.

Vastiddruni – s. m. Forma di pane casereccio oltre il chilo.

Vastiddruzza – s. f. Forma di pane casereccio inferiore al chilo.

Vastunaca – s. f. Pianta delle ombrellifere la cui radice è dolce e commestibile, selvatica, carota.

Vastunari - tr. Bastonare, percuotere.

Vastunata – s. f. Colpo di bastone.

Vastunazzu – agg. Grande o brutto bastone.

Vastuneddru – s. m. Piccolo bastone.

Vastuni – s. m. Ramo d'albero diritto che il contadino tiene per appoggiarsi, per offendere in caso di necessità, per sostegno, per appoggio |Uno dei quattro semi delle carte da gioco siciliane.

Vastuniari - V. Vastunari.

Vasu – s. m. Bacio.

Vasunazzu – s. m. Grosso bacio.

Vasuneddru, vasuzzu – s. m. Piccolo bacio.

Vatinni, vattinni  - v.v. - Vattene, vai via.

Vattiari - tr. Battezzare, fare da padrino.

Vattiu – s. m. Uno dei sette sacramenti e relativa cerimonia, battesimo.

Vava – s. f. Saliva vischiosa emessa dalla bocca, sostanza con cui le lumache si difendono, bava.

Vavareddra - s. f. Palpebra.

Vaviarisi - rifl. Emettere bava dalla bocca, esaltarsi.

Vaviata – s. f. Emissione di bava.

Vaviatazza – s. f. Abbondante sbavata.

Vaviateddra – s. f. Leggera sbavata.

Vaviatu – agg. Intriso di bava.

Vavusazzu - agg. Troppo intriso di bava.

Vavuseddru - agg. Poco intriso di bava.

Vavusu - agg. Pieno di bava, che emette bava| Presuntuoso, che esalta capacità che non ha.

Veletta – s. f. Striscia di velo nero con cui le donne si coprono (?) il capo.

Venaddiri - avv. Sarebbe a dire, piuttosto, cioè.

Veniri - intr. Recarsi in un luogo o da una persona, giungere, arrivare, derivare, provenire.

Venniri, vinniriria – s. f. Quinto giorno della settimana, venerdì.

Ventri – s. f. Cavità addominale che contiene i visceri, stomaco, pancia prominente.

Vermi – s. m. Ciascun invertebrato o insetto allo stato larvale, verme.

Versu – s. m. Elemento di una composizione poetica, il canto degli uccelli, direzione, modo.

Vertula – s. f. Una delle due sacche della bisaccia.

Vertulu – s. m. Sacca o borsa a due tasche simmetriche che si posano sul dorso dell’animale da traino per trasporto di masserizie.

Vesta – s. f. Abito femminile, vestito.

Vestia – s. f. Nome generico dato agli animali da soma| uomo dal comportamento non consono.

Viaggiazzu – s. m. Lungo o scomodo viaggio, trasporto di un grosso carico.

Viaggiceddru – s. m. Piccolo viaggio, trasporto di un carico.

Viaggiuni – s. m. Lungo viaggio.

Vialeddru, vialuzzu  – s. m. Piccolo o piacevole viale.

Vialuni – s. m. Largo e lungo viale.

Vicariotu – agg. Chi o che conduce una vita contraria all’onestà, malandrino, cattivo, violento, tipo da galera. (Il termine, ormai in disuso,  deriva da Vicaria che anticamente indicava il carcere).

Vicchiaia – s. f. L'età ultima della vita.

Vicchiareddru, vicchiuzzu  – s. m. - agg. Uomo avanti negli anni, vecchietto.

Vicchiazzu – s. m. - agg. Brutto o troppo vecchio, antipatico, scorbutico.

Vicchiumi – s. m. Quantità di cose vecchie e inutili.

Vicchiuni – s. m. - agg. Molto vecchio.

Vicchizza – s. f. L'essere vecchio, vecchiaia, anzianità.

Vicenna – s. f. Successione alternativa, circostanza, vicenda.

Vicinatu – s. m. Vicinato, case vicine e la gente che le abita.

Vicineddru – Avv. - agg. Buon vicino.

Vicinu – s. m. Chi abita nei pressi| agg. - avv. Vicino, poco distante.

Viddrana – s. f. Contadina o moglie del contadino.

Viddranata – s. f. Azione da villano.

Viddranazzu – s. m. Villanzone, maleducato, screanzato.

Viddraneddru – s. m. Contadinello, figlio di contadino.

Viddrania - sf. Azione, comportamento da villano.

Viddraniscu – agg. Basso, da villano, incivile.

Viddranisimu – s. m. Categoria dei contadini.

Viddranu – s. m. Contadino, bracciante agricolo, chi lavora la terra| agg. Di uomo, rozzo e scortese.

Vigghianti - agg. Sveglio, che è in stato di veglia, che non  dorme, desto.

Vigghiari - tr. Vegliare, vigilare, sorvegliare, accudire.

Vignaiolu, vignaloru – s. m. Coltivatore di vigneti.

Vignazza – s. f. Grande o brutta vigna.

Vignetu – s. m. Luogo  coltivato con viti.

Vigniceddra, vignuzza  – s. f. Piccola vigna.

Vilenu – s. m. Veleno.

Vili - agg. Senza coraggio, timido, pauroso, vigliacco, pigro, indolente, che non ha voglia di lavorare.

Viliceddru - agg. Che ha poco coraggio, poca voglia di lavorare.

Vilitudini – s. f. Fiacca, svogliatezza, indolenza.

Villiceddra, villuzza  – s. f. Piccola villa.

Villinu – s. m. Casa in mezzo al verde o al mare.

Villuna – s. f. Grande villa.

Villutu – s m. Drappo di stoffa soffice, velluto.

Vilucità – s. f. Rapidità, prontezza, sveltezza.

Vilucizzari - tr. Dare o accrescere velocità, rendere più rapido.

Vina – s. f. Vena| Vaso sanguigno.

Vinaru – s. m. Produttore, venditore di vino, oste.

Vinazza – s. f. Quanto avanza dalla spremitura dell'uva, vinaccia |grossa o brutta vena.

Vinciri - tr. Vincere.

Vinirari - tr. Onorare con devozione.

Vinni – V. Pres. 3ª p.s. - E’ venuto, venne.

Vinnibili - agg. Che si può vendere.

Vinnigna – s. f. Tempo di raccolta dell'uva per farne mosto.

Vinnignari – tr. Tagliare l'uva per farne mosto, vendemmiare.

Vinnignaturi – s. m. Chi taglia l'uva da mosto.

Vinniri - tr. Trasferire, cedere la proprietà di una cosa o di un diritto dietro compenso.

Vinnita – s. f. Trasferimento di un bene per valore, vendita.

Vinnitina – s. f. L'atto del vendere, trasferimento di bene ad un costo.

Vinnituri – s. m. Chi vende.

Vinnutu - agg. Venduto, corrotto.

Vintata – s. f. Soffio di vento.

Vintazzu – s. m. Forte o brutto vento.

Vintenni - agg. Che ha venti anni.

Vinti - agg. Due volte dieci.

Vintilatu – agg. Arieggiato.

Vintina – s. f. Quantità di venti unità.

Vintinu - agg. Che ha vent'anni.

Vintrazza - sf. Grande o brutto ventre.

Vintuliari - tr. Fare vento con qualche oggetto.

Vintuliarisi - rifl. Farsi vento con qualche oggetto.

Vintura – s. f. Sorte, fortuna.

Vinuta – s. f. Il venire, arrivo.

Vinutu – agg. Venuto, arrivato.

Viogna – s. f. Turbamento d'animo per cose che apportano disonore, vergogna.

Violu  - s. m. Sentiero di campagna, mulattiera, viottolo.

Vippi - v. v. Ho bevuto.

Virdastru - agg. Del colore tendente al verde.

Virdeddru – s. m. Limone ancora acerbo.

Virdi - agg. Color verde.

Virdinu - agg. Di un colore che si avvicina al verde.

Virdizza – s. f. Verdume, dose di verde.

Virdognulu - agg. Che tende al verde.

Virdura – s. f. Ogni erba commestibile, verdura.

Virduraru – s. m. Ortolano, verduraio, coltivatore o venditore di verdura.

Viremma - avv. Anche, pure, persino |V. Miremma.

Virginità – s. f. L'essere vergine.

Viri – v.v. Vedi | Viri virì – fuggi fuggi.

Viria – s. f. Bastoncino lungo e sottile molto flessibile, staffile, scudiscio.

Viriata – s. f. Sferzata, scudisciata, colpo dato con la verga.

Virichi - loc. Stai attento, tieni presente, sappi.

Viriri - tr. Percepire con l'occhio, guardare, constatare| in alcuni casi  diventa Miriri es. un miriri nenti – non vedere.

Viririsi - rifl. Ritrovarsi, ammirarsi, specchiarsi, rivedersi .

Virità – s. f. Chiarezza, giusto senso delle cose, verità.

Viriteri – agg. Che ha del vero, che non sa mentire.

Viriuna – s. f. Grossa verga.

Viriuzza – s. f. Piccola verga.

Virivirì - s. f. Parapiglia, trambusto, confusione, caos | V. Curricurri.

Virmazzu – s. m. Grosso o brutto verme.

Virmiceddru, virmuzzu – s. m. Piccolo verme.

Virmuni – s. m. Grosso o lungo verme.

Virniciari - tr. Dare la vernice, tinteggiare, verniciare.

Virniciatina – s. f. Atto del verniciare.

Virrina, virrinia – s. f. Trivellino, trapano a mano, succhiello.

Virriniari - tr. Forare, penetrare, importunare, tormentare.

Virriniusu - agg. Seccatore, importuno, insopportabile.

Virtigini – s. f. Perdita temporanea della conoscenza.

Virtulata – s. f. Quantità di cose contenute nelle bisacce.

Virtulazza – s. f. Grande o brutta bisaccia.

Virtuluna – s. m. Grande bisaccia, capacissime sacche di panno robusto.

Viruta – s. f. L'atto del vedere, veduta, panorama.

Visazza – s. f. Bisaccia |V. Vertula.

Viscottu – s. m. Biscotto.

Viscugghiari – tr. Cercare minuziosamente, raccattare uva o frutta dopo il raccolto |V. Riciuppari.  

Viscuttaru – s. m. Pasticciere, chi fa o vende biscotti.

Viscuttata – s. f- Scorpacciata di biscotti.

Viscuttazzu – s. m. Grosso o brutto biscotto.

Viscutteddru, viscuttinu – s. m. Piccolo biscotto.

Viscuvu – s. m. Vescovo.  

Visitazza – s. f. Visita accurata e minuziosa, lungo incontro con persone.

Visiteddra – s. f. Visita breve e gradita.

Vispazza – s. f. Grossa o brutta vespa.

Vispiceddra, vispuzza  – s. f. Piccola vespa.

Vispuna, vispuni  – s. f. Grossa vespa.

Vistimentu – s. m. Modo di vestire.

Vistineddra – s. f. Vestitino per bambine.

Vistiolu - V. Viteddru.

Vistirisi - rifl. Indossare i panni, il vestito, vestirsi

Vistitazzu – s. m. Grande o brutto vestito.

Vistiteddru, vistitinu – s. m. Piccolo vestito.

Vistitu – s. m. Abito maschile, completo.

Vistuseddru - agg. Poco appariscente.

Vistusu - agg. Che dà nell'occhio, attira l'attenzione, appariscente.

Vistuteddru - agg. Ben vestito.

Viteddru – s. m. Figlio della mucca, vitello.

Viticeddra, vituzza – s. f. Piccola vite.

Vitiddrazzu, vitiddruni – s. m. Grosso vitello.

Vitiddruzzu – s. m. Piccolo vitello.

Vitraiu, vitraru – s. m. Chi fabbrica o lavora o vende o applica vetri.

Vitraria – s. f. Laboratorio del vetraio, industria del vetro.

Vitti – v. v. Da vedere - ho visto, vidi.

Vittivitti – loc. Richiamo per colombi.

Viugnari - tr. Indurre alla vergogna, far riconoscere il senso di colpa.

Viugnarisi - rifl. Provare vergogna| non avere coraggio di ammettere la propria colpa.

Viugnazza – s. f. Grande vergogna.

Viugneddra, viugniddra – s. f. Piccola vergogna.

Viugnusu - agg. Che si vergogna.

Viulazzu – s. m. Brutto sentiero.

Viuleddru – s. m. Piccolo sentiero.

Viuluni – s. m. Lungo viottolo di campagna, mulattiera.

Viuzza – s. f. Via breve o stretta.

Viviri - tr. Avere, condurre, godere la vita| campare| bere| s. m. Il vivere la vita, esistenza.

Vivituri - agg. – s. m. Chi o che beve per vizio, beone.

Vivu - agg. Che è in vita| A carni viva - senza anestesia| A chi che era V. a che è mortu – sembrava dovesse migliorare e invece è morto| A focu V. - a viva fiamma| Essiri V. ppi miraculu - averla scampata bene| Farisi V. - farsi vedere, mostrarsi.

Vivuta – s. f. L'atto del bere, ciò che si beve in una volta.

Vivutazza – s. f. Abbondante bevuta.

Vivuteddra – s. f. Breve bevuta.

Vivutina – s. f. L'atto del bere.

Viziazzu – s. m. Brutto vizio.

Viziceddru, viziuzzu – s. m. Piccolo vizio.

Viziu – s. m. Disposizione al male, difetto, cattivo vezzo.

Viziusazzu - agg. Troppo vizioso.

Viziuseddru - agg. Poco vizioso.

Viziusu - agg. – s. m. Chi o che ha vizi.

Vogghia – s. f. Desiderio che può implicare una partecipazione della volontà o costituire una pura manifestazione dell'istinto, forte desiderio, voglia.

Vogghiardamenti - avv. Prestamente, con sveltezza, di gran carriera.

Vogghiardizza – s. f. Sveltezza di mano o di mente, celerità di esecuzione.

Vogghiardu - agg. Veloce, agile, svelto, rapido, spedito.

Vogghiarduliddru – agg. Più veloce del solito.

Voiu – s. m. Maschio della mucca castrato, bue.

Voli – v.v. vuole, pretende.

Volu – s. m. Il volare.

Vordiri – loc. Ciò significa, cioè.

Voscenza – s. f. Eccellenza, vostra signoria, titolo che si dà a persone di riguardo.

Voscu – s. m. Estensione di terreno piantato ad alberi, bosco.

Vosi – v.v. Volle, ha voluto.

Vossia - pr. Voi, lei, si dà a persone estranee e anziane.

Vossiabinirica – s. m. Saluto riguardoso verso anziano| V. Assabinirica.

Vossignuria – s. m. Vostra signoria, vostra eccellenza.

Vostru - agg. - pr. Vostro - che vi appartiene, di voi.

Vota – s. f.  Tempo, momento| Na V. - un tempo.

Vraca – s. f. Pantalone, braca.

Vrachi – s. m. Pantaloni, brache.

Vrazza – s. m. Braccia.

Vrazzazzu – s. m. Grosso braccio.

Vrazziceddru, vrazziteddru, vrazzuddru – s. m. Piccolo braccio.

Vrazzola – s. m. pl. Braccioli con relativi ami che completano la lenza per pescare |V. Paratura.

Vrazzu – s. m. In generale, arto superiore dell'uomo.

Vrazzuni – s. m. Braccio forte e robusto.

Vriogna – s. f. V. Viogna.

Vuari - tr. Vogare, remare.

Vuatina – s. f. L'atto del vogare, del remare.

Vuaturi – s. m. Vogatore, rematore, marinaio che dà di remi.

Vucca – s. f. Cavità corrispondente all’inizio del canale alimentare, bocca, | apertura di un recipiente, di un vulcano.

Vuccagghiu – s. m. Arnese di ferro o cuoio nel quale, messo il muso dell’animale, gli si vieta di mordere, museruola |V. Mussinu.

Vuccata – s. f. Quanta roba si può tenere in bocca o prendere con essa.

Vuccazza – s. f. Bocca larga.

Vucciria – s. f. Confusione, caos | è un noto mercato storico di Palermo che si estende tra via Roma, la Cala, il Cassaro, lungo la via Cassari, la piazza del Garraffello, la via Argenteria nuova, la piazza Caracciolo e la via Maccheronai. Il nome deriva dalla parola Bucceria ( dal francese boucherie, macelleria). Il mercato inizialmente era destinato al macello e alla vendita delle carni. Con il termine Vucciria (ma anche Ucciria), che in palermitano significa "Confusione", si vuole mettere in evidenza le “abbanniate” (strilli, grida) dei Vucceri (macellai) e degli altri venditori per pubblicizzare la loro merce e che caratterizzano questo mercato.

Vuccuni – s. m. Ciò che s’introduce in bocca per masticarlo e inghiottirlo, sorso di liquido | v. muccuni.

Vuccuzza – s. f. Piccola bocca, boccuccia.

Vuci – s. f. Suono prodotto dalle vibrazioni delle corde vocali, voce.

Vuciari - intr. Parlare ad alta voce, gridare.

Vuciata – s. f. Richiamo ad alta voce, grido.

Vuciatazza - sf. Il vociare forte, urlo.

Vuciateddra – s. f. Il vociare attenuato.

Vuciaturi – s. m. - agg. Urlatore, chi è solito parlare a voce alta.

Vuciazzari, vuciazziari – intr. Strillare, parlare con tono alto e impertinente.

Vuciazzeri - agg. – s. m. Urlatore, chi o che parla a voce alta, grida.

Vuciuna – s. f. Timbro alto di voce, tenorile, di persona adulta.

Vuciuzza – s. f. Timbro di voce basso, da bambino.

Vugghenti - agg. Caldo da scottare, bollente.

Vugghiata – s. f. Quanto refe s’infila ogni volta nell'ago per cucire.

Vugghiatazza – s. f. Lunga gugliata.

Vugghiri  - intr. Di liquidi, sviluppare bolle di vapore che salgono tumultuosamente alla superficie e vi si aprono, cuocere nell'acqua bollente | tr. Portare ad ebollizione, fremere, agitarsi.

Vugghiu  - s. m. Ebollizione, bollore, gorgoglio dell’acqua che bolle per effetto del calore.

Vui - pr. Voi.

Vuiatri - pr. Voialtri.

Vulennu – v.v. volere – volendo.

Vulintirusu – agg. Che ha voglia.

Vuliri – s. m. Consenso, volontà, è spesso usato davanti all'infinito di un altro verbo| tr. Tendere a un fine, desiderare, esigere, pretendere, volere.

Vuluntà – s. f. Disposizione d'animo a fare.

Vureddru – s. m. Intestino, budello, vicolo.

Vuriddrazzu – s. m. Grosso o brutto budello.

Vuriddruzzu – s. m. Piccolo budello.

Vurpi – s. f. Mammifero astutissimo dei canidi, persona furba.

Vurpuni – s. m. Volpone, persona maliziosa e astuta.

Vuscenza – s. f. Eccellenza, vostra – signoria, titolo che si dà a persone di riguardo.

Vutari - tr. Dare, esprimere il voto, capovolgere, cambiare di posizione, girare, svuotare, versare.

Vutarisi – rifl. Girarsi, cambiare.

Vutata – s. f. Il voltare, l’atto e il modo, giro completo.

Vutti - V. Utti.

Vutu – s. m. Libera promessa che si fa a Dio e ai santi, voto.

Vuvari – intr. Fare avanzare un’imbarcazione a forza di remi, vogare | V. Vuari.

Vuvitu – s. m. Gomito.

Vuvitata – s. f. Colpo di gomito, gomitata.

Vuvitazzu – s. m. Grosso gomito.

 

Torna all’Indice