Crea sito

HOME

RICETTE

I PESCI

FOTO

RADICI

ESPERIENZE

CONTATTI

LINK

 

 

Babbiannu, Babbiannu, cacchi cosa facemu

 

Lettera B

Babau – s. m. Nel linguaggio infantile, cane.

Babbaluceddri – s. m. Lumachine del tipo Theba pisana.

Babbaluci – s. m. Lumache del tipo Eobania vermiculata .

Babbaluciaru – s. m. Raccoglitore e venditore, mangiatore di lumache.

Babbaluciata – s. f. Scorpacciata di lumache.

Babbaluciazza – s. f. Grossa lumaca.

Babbariusu – agg. Che ama scherzare.

Babbarunazzu – agg. Credulone, sempliciotto.

Babbaruneddru – agg. Sciocchino, ingenuo.

Babbaruni - agg. Sciocco, credulone.

Babbaruniri - tr. Rincretinire, allibire.

Babbasunazzu – agg. Credulone, sempliciotto.

Babbasuni – agg. Sciocco, credulone.

Babbau – s. m. Nel linguaggio infantile, cane, mangiatore di bambini.

Babbazzu - agg. Bonaccione, timido, credulone, ingenuo, stupidone, scioccone, allocco.

Babbiamentu – s. m. Scherzo, comportamento scherzoso.

Babbiari - intr. Scherzare, prendere alla leggera qualcosa, in giro qualcuno.

Babbiata – s. f. Scherzo di poco conto.

Babbiatazza – s. f. Scherzo pesante, grande presa in giro.

Babbiateddra – s. f. Leggero scherzo.

Babbiatina – s. f. Lo scherzare, presa in giro.

Babbiatura – s. f. Presa in giro, l'atto dello scherzare.

Babbiaturi – agg. Di persona a cui piace scherzare.

Babbiceddru – agg. Poco scemo.

Babbignu - agg. Bonaccione, timido, introverso, è il giudizio che si ha di una persona al solo guardarla in viso.

Babbità – s. f. Scemenza, cretineria, idiozia, dabbenaggine.

Babbitudini – s. f. Scemenza, idiozia,  cretineria| v. babbizza.

Babbìu – s. m. Scherzo, presa in giro, parlare senza riflettere, comportamento scherzoso, ciarlare.

Babbiusu – agg. Di persona cui piace scherzare.

Babbizza – s. f. Scemenza, idiozia, cretineria, stupidità.

Babbu - agg. Scemo, sciocco, stupido, idiota, cretino.

Babbuliddru - agg. Sciocchino, stupido.

Babbuliri – tr. Indurre alla scemenza, alla cretineria.

Babbulutu – agg. Reso scemo, indotto alla scemenza, alla cretineria.

Babbunazzu - agg. Sciocco, grande stupido| pacioccone.

Babbuneddru – agg. Sciocchino, stupido.

Babbuni - agg. Tutto scemo, gran babbeo, sciocco, stupido.

Babbuzzu - agg. Piccolo sciocco, scimunito.

Bàcara – s. m. Membro virile, pene.

Bàcarata – s. f. Sciocchezza, stupidaggine.

Bacasceddra – s. f. Ragazza spudorata e maleducata, che manca del senso del pudore.

Bacascia – s. f. Prostituta, donna di malaffare.

Bacasciari - intr. Esercitare la prostituzione, fare la civetta, mostra di sé in senso vergognoso e spudorato, attirare con malizia l’altrui attenzione.

Bacasciata – s. f. Azione da prostituta.

Bacasciazza – s. f. Anziana prostituta, o comunque di provata esperienza.

Bacasciuna – s. f. Grande prostituta.

Bacasciuzza – s. f. Giovane prostituta.

Bacateddru - agg. Poco obliquo, inclinato, marcio, avariato.

Bacatina – s. f. Marciume.

Baccagghiu – s. m. Gergo della malavita, Vociare confuso.

Baccagghiari – Tr. Litigare ad alta voce, parlare in gergo malavitoso.

Bacchittateddra – s. f. Leggero colpo di bacchetta.

Bacchittateddru – agg. Leggermente percosso, rimproverato.

Bacchittatina – s. f. Rimprovero.

Bacchittazza – s. f. Lunga o grossa bacchetta.

Bacchitteddra – s. f. Bacchettina.

Bacchittiari - tr. Bacchettare, rimproverare, richiamare al dovere.

Bacchittiatu - agg. Preso a colpi di bacchetta, rimproverato.

Bacchittina – s. f. Piccola ed esile bacchetta.

Bacchittuna – s. f. Grossa bacchetta │Bacchettona.

Bacchittunazzu - agg. Corpulento, lento nei movimenti e nei riflessi, impacciato.

Bacchittuneddru - agg. Piccolo bacchettone.

Bacchittuni - agg. Chi vuole imporre il proprio credo religioso, le proprie opinioni agli altri| Di persona, corpulenta, impacciata, lenta nei movimenti, ozioso e fannullone.

Bacchittuzza – s. f. Piccola bacchetta.

Bacettu – s. m. V. vasuneddru.

Baciamanu – s. m. Saluto col quale si baciava la mano al signore o a persona di rispetto. , Baciari - V. vasari.

Baciu – s. m. V. vasuni.

Baciù – s. m. Lampada elettrica per la notte.

Baciuzzu – s. m. Piccolo bacio| v. vasuneddru.

Baddra – s. f. Tutto ciò che ha forma sferica.

Baddrariari - tr. Toccare, manovrare arrotolando oggetti| Incollerire.

Baddrariata – s. f. Sussulto, tremore intenso│ Grande dispiacere.

Baddrariatu - agg. Mosso e rimosso, sballottato, appallottolato| Arrabbiato.

Baddrarìu – s. m. Manipolazione, toccamento │Ira, collera.

Baddrarò – s. m. Ballarò quartiere e mercato di Palermo, tenuta agraria.

Baddri – s. m. Palle, testicoli, sassi.

Baddriari - tr. Rivoltare, appallottolare, manipolare.

Baddrotta, Baddrottula – s. f. Esca per i cani da eliminare, pallottola.

Baddrottula – s. f. Donnola, piccolo mammifero simile alla faina.

Baffazzi – s. m. Grossi, poco curati baffi.

Bafficeddri – s. m. Piccoli ed esili baffi ben curati.

Baffuna – s. m. Folti e lunghi baffi.

Baffunazzu – s. m. Grosso baffo.

Baffuneddru – s. m. Piccolo baffo, di giovane, baffuto.

Baffuni – s. m. Di persona, dai folti e lunghi baffi.

Baffusu, baffutu - agg. Con baffi lunghi e folti.

Baffuzzu – s. m. Piccolo baffo.

Bagagghieddru, bagagliettu, bagaglinu – s. m. Piccolo bagaglio.

Bagagghiu, bagagliu – s. m. Valigia, collo.

Bagagghiuni, bagagliuni – s. m. Grosso bagaglio.

Bagagghiuzzu, bagagliuzzu – s. m. Piccolo bagaglio.

Bagasceddra, bagascella – s. f. Sgualtrinella, priva di senso morale.

Bagascia – s. f. Prostituta, puttana, donna di bordello.

Bagasciari – intr. Esercitare la prostituzione| di ragazza, civettare, andare alla ricerca dell’avventura senza alcun ritegno.

Bagasciata – s. f. Azione da puttana.

Bagasciazza – s. f. Gran prostituta.

Bagghiu, bagliu – s. m. Fabbricato rurale con spiazzo o  cortile interno.

Bagghiuri, bagliuri – s. m. Luce intensa, lume, splendore, luccichio.

Baggianaria – s. f. Spavalderia, prepotenza.

Baggianarisi - rifl. Pavoneggiarsi, mostrarsi eccentrico, spavaldo.

Baggianata – s. f. Spavalderia, bravata, eccentricità, smargiassata.

Baggianazzu - agg. Grande spaccone, prepotente, spavaldo.

Baggianeddru - agg. Giovane spaccone.

Baggianiarisi – rifl. Comportarsi da spaccone, da estroso.

Baggianiata –  s. f. Atto da spaccone.

Baggianiu – s. m. Estrosità, mostra di sé, eccentricità.

Baggianiusu – agg. Eccentrico, estroso.

Baggianu - agg. Spaccone, prepotente, spavaldo, malandrino, civettuolo, egocentrico.

Baggianuni – agg. Spaccone, gran prepotente.

Baggianuzzu – agg. Piccolo spaccone, prepotente.

Bagnalora – s. f. Recipiente a forma di vasca, in cui si fa il bagnetto ai bambini (bagneruola).

Bagnarisi - V. vagnarisi.

Bagnarola – s. f. V. bagnalora.

Bagnateddra – s. f. Leggera bagnata.

Bagnateddru – agg. Poco bagnato.

Bagnatina – s. f. Immersione, atto di bagnare.

Bagnatu – s. m. – agg. V. vagnatu.

Bagnatuna – s. f. Abbondante bagnata.

Bagnatuzza – s. f. Leggera bagnata.

Bagnazzu – s. m. Prolungato bagno| abbondante servizio da bagno.

Bagnera – s. f. Recipiente di forma ovale con manici.

Bagniceddru – s. m. Piacevole, piccolo bagno.

Bagnireddra – s. f. Piccola bagneruola.

Bagnuni – s. m. Prolungato bagno.

Bagnuzzu – s. m. Piccolo bagno, il lavaggio fatto ai bambini.

Baiamentu – s. m. Latrato, v. abbaiamentu.

Baiari - intr. Il gridare dei cani, latrare | v. abbaiari e der.

Baiunittata – s. f. Pugnalata.

Baiunittazza – s. f. Grosso pugnale.

Baiunitteddra – s. f. Piccolo pugnale.

Baiunittuna – s. f. Grossa baionetta.

Balacu - s. f. Pianta erbacea perenne della famiglia delle Brassicaceae, simbolo di bellezza |Aviri lu B. = Avere qualcosa di particolare bellezza, lodandolo spesso in modo esagerato e sconveniente.

Balanza – s. f. Strumento per pesare, bilancia.

Balanzata – s. f. Quello che si pesa in una volta, colpo di bilancia.

Balanzazza – s. f. Grande o brutta bilancia.

Balanzeddra – s. f. Piccola bilancia.

Balanzuni – s. m. Grossa bilancia.

Balata – s. f. Lastra di pietra, roccia lavica dura per pavimentare strade e come sporgenza dei marciapiedi| botola, pietra di forma quadra per colombario cimiteriale o circolare per la copertura di ripostigli interrati, pietra di spessore ridotto che chiude la bocca del forno.

Balatari - tr. Pavimentare strade con lastre laviche squadrate o basole.

Balatata – s. f. L’atto di ricevere un grosso colpo di pietra.

Balatatu – agg. Lastricato, basolato, pavimentato.

Balatazza – s. f. Larga e spessa lastra di roccia squadrata.

Balateddra, balatina – s. f. Piccola e spessa lastra di roccia squadrata.

Balatunaru – s. m. Chi opera nella basolatura, scalpellino.

Balatuni – s. f. Lastrone di roccia spessa.

Balatuzza – s. f. Piccola e spessa lastra di pietra.

Ballamentu – s. m. Tremore, sussulto, avvallamento.

Ballariari – intr. Sobbalzare, girare saltellando.

Ballarinu - agg. – s. m. Chi o che balla, sobbalza, sussulta, esercita la professione del ballo.

Ballariusu – agg. Saltellante.

Ballatazza – s. f. Lungo ballo.

Ballateddra – s. f. Piccolo e piacevole ballo.

Ballatina – s. f. L’atto del ballare, avvallamento.

Ballatizzu - agg. Ripetutamente ballato, molto avvallato, arcuato.

Ballazzu – s. m. Brutto ballo.

Ballettu – s. m. Piacevole ballo.

Ballunaru - agg. Imbroglione, falso, menzognero, raccontatore di chiacchiere, di frottole.

Ballunata – s. f. Grossa fesseria, fandonia, frottola.

Balluneddru – s. m. Palloncino di acqua e sapone.

Balluni – s. m. Bolla, rigonfiamento che fa l'acqua e sapone.

Balluzzu – s. m. Piccolo ballo.

Baluccarisi - rifl. Trastullarsi, giocare.

Balurdazzu - agg. Gran balordo.

Balurdeddru - agg. Piccolo balordo.

Balurdiria, balurdizza – s. f. Azione da irresponsabile.

Balutari – tr. Stimare │V. Valutari.

Bambulazza – s. f. Grande o brutta bambola.

Bambulicchia – s. f. Piccola bambola, di bambina, bellina.

Bambuliddra – s. f. Piccola o graziosa bambola.

Bambuluni – s. m. Grosso fantoccio con lineamenti maschili │ Ragazzone con modi goffi e puerili.

Bambuluzza – s. f. Piccola bambola.

Bammineddru, Bomminu – s. m. Il bambino Gesù.

Bananeddra, bananiceddra – s. f. Piccola banana.

Bancareddra – s. f. Banco espositivo di merce varia da vendere nei mercati ambulanti.

Bancareddru, Banchiceddru – s. m. Piccolo banco.

Bancata – s. f. Banco della bottega.

Bancazzu – s. m. Grande o brutto banco.

Banchiceddra – s. f. Piccola banca.

Bancu – s. m. Mobile che serve come sedile, anche come banco di lavoro | ruolo del giocatore che gestisce le carte da giuoco.

Banculottu – s. m. Luogo pubblico dove si gioca al lotto.

Bancunata – s. f. Colpo di banco, parte inferiore di parete tinta.

Bancunazzu – s. m. Vecchio o grande banco.

Bancuneddru – s. m. Piccolo banco da lavoro.

Bancuni – s. m. Banco da lavoro di molti operai o esercenti.

Bandazza – s. f. Gran numero di persone dedite al malaffare.

Bandiceddra – s. f. Numero ristretto di persone dedite al malaffare.

Baneddra – agg. Di uscio socchiuso/a. │V. Vaneddra

Baniddruzza – agg. Leggermente socchiuso.

Banna – s. f. Parte, posto, luogo, lato, complesso musicale di una città| compagnia di gente armata per atti criminosi.

Bannera – s. f. Bandiera che rappresenta uno Stato, una città, un’ associazione, una qualsiasi società sportiva | vessillo| Di persona  che rappresenta nel migliore dei modi qualcosa o qualcuno | B. di cannavazzu = Banderuola,  persona che vale poco.

Banniari – tr. Propagandare vociando, reclamizzare | v. abbanniari, vanniari.

Bannirazza – s. f. Grande o brutto drappo.

Bannireddra – s. f. Piccolo e simpatico drappo │Di persona banderuola.

Banniri - tr. Cacciare, allontanare da uno Stato| tr. Rendere pubblico.

Bannirola – s. f. Bandierina per verificare la direzione dei venti │ Di persona banderuola che va dove tira il vento.

Banniruna – s. f. Gran drappo.

Banniruzza – s. f. Piccolo drappo.

Barari - intr. Custodire, accudire, sorvegliare | imbrogliare.

Barata – s. f. Sorveglianza, accudimento| giocata da baro.

Baratina – s. f. Vigilanza, sorveglianza, accudimento| imbroglio.

Barattulazzu – s. m. Brutto o grande barattolo.

Barattuleddru, barattulinu – s. m. Piccola confezione.

Barattuluzzu – s. m. Piccolo barattolo.

Baratura - sf. Sorveglianza| v. baratina.

Baraturi - sm. Custode, vigile, sorvegliante| baro, imbroglione.

Baraunna – s. f. Gran confusione.

Barbatellu – s. m. Rametto selvatico della vite che innestato diventa vite comune dal cui frutto si genera il vino.

Barbicamentu – s. m. L'attaccarsi di certe piante o il camminare difficoltoso| inerpicamento.

Barbicarisi - rifl. Tenersi stretto, camminare o salire per vie impervie| inerpicarsi.

Barbicatu - agg. Molto aggrappato.

Barcollari - V. barcullari.

Barcullari - intr. Stare malfermo sulle gambe come l'ubriaco o chi porta un carico pesante sulle spalle o si trova su una barca, ondeggiare.

Barcunata – s. f. Inferriata dei balconi.

Barcunazzu – s. m. Grande inferriata.

Barcuneddru – s. m. Piccola inferriata| balcone.

Bardascia – s. f. Donna di facili costumi| Fari a B. - prostituirsi.

Bardottu – s. m. Il concepito tra il cavallo e l'asina.

Bariceddru – s. m. Piccolo baro, imbroglione.

Barilottu – s. m. Piccolo barile| v. vallireddru.

Barra – s. f. V. Sbarra.

Barracca – s. f. Costruzione di legno.

Barraccamentu – s. m. Accampamento.

Barracanu – s. m. Veste caratteristica di pelo di cammello che si porta sopra tutte le altre vesti, mantello.

Barraccaru – s. m. Chi abita in baracca per mancanza di casa.

Barraccazza – s. f. Grande o brutta baracca.

Barraccheddra – s. f. Piccola baracca.

Barraccuni – s. m. Grande o brutta baracca, tendone per esposizione, per spettacoli.

Barrari - tr. Tagliare| v. sbarrari.

Barretta – s. f. Breve segno tracciato con la penna.

Barri – s. m. Aste, traverse del passaggio a livello.

Barriceddra, barriddra – s. f. Piccola barra.

Barruna – s. f. Grossa barra.

Barruzza – s. f. Piccola barra.

Baruni – s. m. Barone, latifondista libero.

Barunia – s. f. Dignità, dominio e giurisdizione del barone.

Barunissa – s. f. Moglie del barone.

Bascia – s. f. Prostituta.

Bascu – s. m. Copricapo, berretto di panno senza tesa o visiera.

Basculla – s. f. Bilancia a più leve, con ampio piano di carico, in grado di equilibrare con piccoli pesi carichi decine di volte maggiori.

Basilicò – s. m. Pianta nota per il suo aroma, basilico.

Basolari - V. Basulari.

Bassamenti - avv. In modo basso, volgare.

Bassettu, bassinu - agg. Piccolo di statura, poco alto.

Bassità – s. f. Bassezza.

Bassittuna – s. m. Folte e lunghe basette.

Bassittuzza – s. f. Piccola basetta.

Bassizza – s. f. L'essere basso| volgarità.

Bassottu - agg. Di bassa statura.

Bassu - agg. Contrario di alto, scadente, di animo meschino, volgare, poco costoso| di luce, fioca, di luogo, più vicino al livello del mare, di derivazione plebea, d’infima estrazione sociale, di voce rauca| s. m. Chi canta in chiave di basso| v. vasciu.

Bassufunnu – s. m. Zona malfamata di una città.

Bassuliddru – agg. Di statura non molto elevata , di qualità scadente.

Bastardeddru – s. m. Piccolo bastardo.

Bastardiri – tr. Perdere linearità, originalità.

Bastardu - agg. Illegittimo, nato fuori del matrimonio.

Bastarduni – s. m. Il fico d’india (Opuntia ficus indica) in autunno produce frutti chiamati commercialmente “bastardoni” . Sono frutti più grossi ottenuti attraverso una tecnica colturale chiamata “scuzzulatura”.

Bastardutu agg. Imbastardito, che non appartiene alla norma.

Bastarduzzu – s. m. Piccolo bastardo.

Bastari - tr. Essere sufficiente | v. abbastari.

Bastevuli - agg. Sufficiente.

Bastunari - V. vastuniari.

Bastunera – s. f. Mobile per appendervi cappotti, ombrelli.

Bastuni – V. Vastuni.

Basulamentu – s. m. Pavimentazione con basole.

Basulari - tr. Pavimentare strade.

Basulata – s. f. L'atto del pavimentare e la cosa pavimentata.

Basulatina, basulatura – s. f. Pavimentazione di strade.

Basulaturi – s. m. Chi pavimenta strade.

Basulazza – s. f. Grossa basola.

Basuleddra – s. f. Piccola basola.

Basuluna – s. f. Grande basola.

Basuna – s. f. Grande base.

Basuzza – s. f. Piccola base.

Bateddra, batia – s. f. Convento di religiose, di monaci fuori città.

Batiotu – s. m. Monaco, religioso che vive in convento.

Batissa - s. f. Superiora di convento.

Batosti - s. m. Serie di botte, percosse.

Battaggheri, battagghieri, battaglieri - agg. Bellicoso, indomito, fiero condottiero, valente in battaglia.

Battaggheru – agg. Lottatore.

Battagghia, battaglia - sf. Combattimento di eserciti o di loro parti.

Battagghiari, battagliari - tr. Combattere, lottare, duellare.

Battagghiata, battagliata - s. f. Combattimento, lotta, duello, scontro.

Battagghiuni, battagliuni - s. m. Corpo di fanteria, composto di più compagnie| gran numero di persone.

Battaglieru - agg. Indomito, fiero, bellicoso.

Battellu – s. m. Scialuppa.

Battenti – s. m. Parte dell'imposta di uscio che batte sullo stipite| batacchio, campanello a battello per bussare.

Battesimari - V. Vattiari.

Battesimu – s. m. Il primo dei sette sacramenti, la cerimonia del battezzare.

Batticori – s. m. Palpito di cuore| emozione, spavento.

Battipannu – s. m. Arnese di vimini intrecciati di forma circolare con manico.

Battisimatu - agg. Che ha avuto il battesimo.

Battitina – s. f. Il picchiare, palpitazione, fremito.

Battutazza – s. f. Lunga, grande battuta.

Battuteddra – s. f. Piccola battuta.

Battuteddru - agg. Poco indisposto, demoralizzato.

Battutina – s. f. Demolizione, percussione.

Battutizzu - agg. Molto indisposto, demoralizzato.

Battutu - agg. Demolito, demoralizzato, indisposto, sconfitto, superato.

Bavagghinu, bavaglinu – s. m. Tovagliolo che si lega al collo del bambino per non fargli sporcare il vestitino o per tenerne all’asciutto il petto.

Bazzicamentu – s. m. Frequenza di certi ambienti.

Bazzicari, bazzichiari - tr. Frequentare.

Bazzicatu, bazzichiatu - agg. Frequentato, praticato.

Bazzicaturi – s. m. e agg. Chi o che frequenta certi posti.

Beatu - agg. Tranquillo, felice| s. m. Chi è tenuto in venerazione dalla chiesa.

Bebè – s. m. Neonato, il bambino ancora in fasce.

Beccaficu – s. m. Sarde imbottite con mollica di pane.

Beccamortu, becchinu – s. m. Chi si occupa della sepoltura dei morti.

Beccu – s. m. La parte ossea sporgente della testa degli uccelli e che serve loro di bocca| tutto ciò che in natura somiglia al becco degli uccelli| l'estremità ricurva dei vasi da cui si versa il liquido| caprone, il maschio della capra| agg. Cornuto, tradito.

Beccucciu – s.m. Condotto adunco di ampolla, caraffa.

Beddra, Beddru, bellu - agg. Bella e bello, piacevole alla vista.

Beddrumisu – agg. Ordinato, sistemato, fisicamente dotato.

Benamatu - agg. Stimato, voluto bene.

Benarmatu - agg. Armato di tutto punto │Dotato.

Benessiri – s. m. Prosperità, ricchezza, ottimo stato di salute.

Benintinziunatu - agg. Che ha buone intenzioni.

Benirizioni – s. f. Il benedire| l'ultima parte della messa.

Benivulizza – s. f.  Benevolezza.

Bentrattatu – agg. Trattato con riguardo.

Benvirutu, benvistu - agg. Apprezzato, stimato.

Benvulutu - agg. Amato, apprezzato, stimato.

Bersaggheddru – s. m. Piccolo bersaglio.

Bersagghiata – s. f. Serie di tiri a bersaglio.

Bervederi – s. m. Luogo eminente da cui si può godere una bella veduta, vista panoramica.

Biancamentu – s. m. L'imbiancare, tinteggiatura.

Biancari - tr. Tinteggiare.

Biancastru - agg. Sbiadito.

Biancata – s. f. Tinteggiatura.

Biancatazza – s. f. Imbiancata alla buona.

Biancateddra – s. f. Leggera imbiancatura.

Biancateddru - agg. Poco imbiancato.

Biancatina – s. f. Tinteggiatura, imbiancata.

Biancatu - agg. Imbiancato,  tinteggiato.

Biancatura – s. f. Tinteggiatura.

Biancazzu - agg. Troppo bianco.

Bianchiria – s.  f. Insieme di panni.

Bianchiari – tr. Imbianchire, tinteggiare.

Bianchiceddru - agg. Poco bianco.

Bianchinu – s. m. Imbianchino, tintore.

Bianchittari, bianchittiari – tr. Fare bianco, tingere di bianco.

Bianchizza – s. f. Chiarezza della pelle, finezza, splendore, nitidezza.

Bianculiddru – agg. Poco bianco.

Biancumanciari - s. m. Dolce tipico della Sicilia a base di latte tipo budino ma molto più ricco di sapori.

Biancumi – s. m. Tutto ciò che è bianco.

Biancunazzu – agg. Brutto bianco.

Biancuri – s. m. Bianchezza, candore.

Biari - tr. Gettare, tirare, lanciare, versare, avviare.

Biarisi - rifl. Gettarsi, buttarsi, lanciarsi, stendersi, avviarsi.

Biata, biatina  – s. f. Lancio, gettito, cominciata.

Biccamentu – s. m. Il colpire col becco.

Biccari - tr. Prendere il cibo col becco, il ladro con le mani nel sacco, ferire| intr. Colpire.

Biccata – s. f. Colpo di becco, ciò che si riesce a prendere col becco.

Biccatazza – s. f. Grossa beccata.

Biccateddra – s. f. Leggero colpo di becco.

Biccateddru - agg. Poco beccato.

Biccatina – s. f. L'atto del beccare.

Biccatu - agg. Preso, colpito.

Biccatura – s. f. Il beccare, segno lasciato dal becco.

Biccazzu – s. m. Grosso becco| gran cornuto| ripetutamente tradito| caprone, irco.

Biccheri – s. m. Bicchiere per bere, quantità di liquido in lui contenuto.

Bicchiceddru – s. m. Piccolo becco, giovane capro.

Bicchinu – s. m. Chi seppellisce i morti, beccamorto.

Bicchirata – s. f. Brindisi| colpo di bicchiere.

Bicchirazzu – s. m. Gran brutto bicchiere, o contenuto disgustoso.

Bicchireddru, bicchirinu – s. m. Piccolo bicchiere e suo contenuto.

Bicchiruni – s. m. Grande bicchiere e suo contenuto.

Bicchiruzzu – s. m. Piccolo bicchiere e suo contenuto.

Biccucciu – s. m. Canaletto adunco per versamento di liquido.

Biccumi – s. m. Caratteristico fetore degli ovini.

Biccuni – s. m. Grosso becco, caprone, irco.

Biccuzzu – s. m. Piccolo becco, giovane capro.

Bicichittata – s. f. Passeggiata in bicicletta, colpo di bicicletta.

Bicichittazza – s. f. Grande o brutta bicicletta.

Bicichitteddra, bicichittina , bicichittuzza – s. f. Piccola bicicletta.

Bicichittista – s. m. Chi vende o ripara biciclette.

Bicichittuna – s. f. Gran bicicletta.

Bicichetta – s. f. Bicicletta.

Biddrazzu - agg. Prosperoso, florido, ben pasciuto.

Biddricaru - s. m. Ombelico prominente, pancione.

Biddricazzu – s. m. Grosso o brutto ombelico.

Biddricheddru, biddricuzzu  – s. m. Piccolo ombelico.

Biddricu – s. m. Ciò che rimane della recisione praticata al cordone ombelicale al momento della nascita, ombelico.

Biddricuni – s. m. Grosso ombelico.

Biddrizza – s. f. L'essere bello, contrario di bruttezza.

Biddruni - agg. Troppo bello.

Biddruzzu - agg. Carino, simpatico, discreto.

Bidunata – s. f. Colpo di bidone, suo contenuto.

Bidunazzu – s. m. Grande o brutto bidone.

Biduneddru – s. m. Bidone di media grandezza.

Biduni – s. m. Recipiente a forma con manico per trasportar liquidi.

Bifara – agg. Di albero di fico che produce frutti due volte l’anno, fico fiorone.

Bigghiolu – s. m. Termine marinaresco per indicare il secchio che si usa a bordo ma anche una persona stronza, volgare.

Bigghiuleddru – s. m. Piccolo secchio o stronzetto (riferito a persona).

Bigghiuluni – s. m. Grosso secchio o grande stronzo (riferito a persona).

Bilateddra – s. f. Breve lamento, richiamo degli ovini.

Bilatina – s. f. L'atto del richiamare degli ovini, lamento.

Biliari, biliri - tr. Muovere a rabbia, scoraggiare.

Biliarisi, bilirisi - rifl. Perdersi d'animo, scoraggiarsi.

Biliatina – s. f. Avvilimento, angoscia.

Biliatu - agg. Accasciato, angustiato.

Biliusu - agg. Collerico, iracondo.

Bindazza – s. f. Grande o brutta benda.

Bindiceddra – s. f. Piccola benda.

Biniriciri, biniriri – tr. Dare benedizione.

Biniriciutu, binirittu – agg. Benedetto

Binificiu – s. m. Regalia, donazione, offerta.

Binirica – s. m. Saluto, letteralmente benedica| B. a bossia - lei mi benedica.

Biniricenti - agg. Che benedice.

Biniricenza – s. f. L'atto di benedire.

Biniriciutu, binirittu - agg. Benedetto, consacrato| Tuttu bonu e B. – con i migliori auguri.

Biniritteddra – s. f. Ben benedetta, in risposta all’Assabinirica si aggiunge B. e Santa.

Binirizioni – s. f. L'atto del benedire| grazia, favore, fortuna.

Binivulenza – s. f. Stima, disposizione d'animo che ci inclina ad amare uno, a fargli del bene.

Binivulizza – s. f. L'essere benemerito| benemerenza.

Binivulutu - agg. Stimato, apprezzato.

Biunnu - agg. Di colore tra quello dell'oro e il castano dei capelli, biondo.

Birarisi - rifl. Accadere, verificarsi.

Birbantata – s. f. Atto da persona furba, scaltra.

Birbantazzu - agg. Gran furbo, scaltro.

Birbanteddru - agg. Piccolo furbo, scaltro, furfantello.

Birbanti - agg. Scaltro, furbo e disonesto, furfante e intelligente, impavido.

Birbantiria, birbanteria  – s. f. Scaltrezza, l'insieme della furbizia e della disonestà.

Birbantuliddru, birbuneddru  - agg. Poco furfante.

Birbantuni - agg. Gran furbastro, furfante.

Birbantuzzu - agg. Piccolo furfante.

Birrinia – s. f. Trivellino, trapano a mano, succhiello |V. Virrina.

Birritta – s. f. V. birrittu.

Birrittaiu, birrittaru – s. m. Confezionatore, venditore di copricapi, chi lo indossa.

Birrittata – s. f. Colpo di berretto, quanta roba può contenere.

Birrittazzu – s. m. Grande o brutto berretto.

Birritteddru, birrittinu – s. m. Piccolo berretto.

Birrittu – s. m. In generale copricapo.

Birrittuni – s. m. Copricapo di lana per la notte, berretto da lavoro.

Birrittuzzu – s. m. Piccolo copricapo.

Birsamentu – s. m. Sistemazione, accomodamento.

Birsari - tr. Sistemare, aggiustare, accomodare, ordinare, allestire, preparare.

Birsarisi - rifl. Aggiustarsi, acconciarsi, ravvedersi.

Birsata – s. f. Sistemazione.

Birsatazza – s. f. Grossa riparazione, buona sistemazione.

Birsatazzu - agg. Molto aggiustato, riparato, acconciato, accomodato, sistemato.

Birsateddra – s. f. Provvisoria e rapida sistemazione.

Birsateddru - agg. Che è modestamente sistemato, acconciato, riparato, poco aggiustato.

Birsatina – s. f. Sistemazione, aggiustamento.

Birsatizza – s. f. Grossolana sistemazione.

Bisitu – s. m. Periodo di lutto che segue la morte di un familiare.

Bisognari - V. bisugnari.

Bisognu – s. m. Mancamento di cose utili e talvolta necessarie, necessità corporale.

Bissi – s. m. Bis, replica, parola con cui si chiede la ripetizione di una cosa.

Bistemia – s. f. Parola offensiva verso Dio, imprecazione, maldicenza.

Bistialità – s. f. Qualità da animale, azione o discorso da ignorante.

Bistimiari - tr. Offendere Dio e i santi.

Bistimiatina – s. f. L'atto del bestemmiare.

Bistimiaturi - agg. – s. m. Chi o che offende Dio e i santi per vizio.

Bistinami – s. m. L’insieme dei pesci facenti parte alla famiglia degli Squalidae.

Bistinu – s. m. Palombo stellato o altri squalidi.

Bistiunazzu – s. m. Grande o brutto animale.

Bistiuneddru – s. m. Piccolo bestione.

Bistiuni – s. m. Grande o grossa bestia.

Bisugnabili - agg. Che necessita.

Bisugnari - intr. Essere necessario o conveniente.

Bisugnazzu – s. m. Gran bisogno, necessità.

Bisugneddru, bisugnuzzu  – s. m. Piccolo bisogno.

Bisugnusu - agg. Che manca di qualcosa o di tutto, di cosa, che occorre.

Biunnazzu - agg. Molto biondo.

Biunniddru, biondinu - agg. Biondiccio.

Biviraggiu – s. m. L’insieme delle cose da bere  irrigazione.

Biviri - tr. Bere, si usa all'infinito| Vaiu a B. - vado a bere| V. Viviri.

Biviruni – s. m. L’atto di passare acqua e cemento sull’astracu (Tetto terrazzo) per evitare infiltrazioni.

Bizzeffi - nella loc. A B. – a iosa, in grande quantità.

Bleffaiolu - agg. Truffaldino, truffatore, imbroglione, baro.

Bleffari - V. bliffari.

Bleffi – s. m. Presa in giro, truffa, imbroglio giocando a carte.

Bliffaiolu - agg. Truffaldino, truffatore, imbroglione, baro.

Bliffari - tr. Truffare, imbrogliare, barare.

Bliffaturi – s. m. Truffatore, baro, imbroglione.

Bloccamentu – s. m. Bloccaggio, arresto.

Bloccari - Bluccari - tr. Serrare, chiudere, fermare, rendere innocuo.

Bloccu – s. m. Bloccaggio, fermo, arresto| masso.

Bobò – s. f. Nel linguaggio infantile sonno.

Boh! – escl. Che ne so io, non lo so.

Boi – s. m. Buoi | V. Voiu. 

Bolu – s. m. Volo. - A B. - A  volo   |V. volu.

Bombardari, Bommardari - tr. V. bummardari.

Bomboloni - agg. Di ragazzo grassottello, grossa bombola, caramelle grosse artigianali.

Bompisu – s. m. Peso superiore al normale.

Bompuntu – s. m. Buon punto| Anche:  a bon puntu.

Bon - agg. Buono|  Bon tempu, Bon viaggiu.

Bona - agg. Buona |Per indicare una bella donna.

Bonacciuni - agg. Meno di parola, semplice| pacioccone, timido.

Bonaffari – s. m. Affare vantaggioso| Anche:  bonu affari.

Bonannata – s. f. Favorevole annata| ricco raccolto| anche: bona annata.

Bonannu – s. m. Favorevole anno, propizio| anche:  annu bonu .

Bonappitittu – s. m. Augurio di buon pranzo| anche:  bon appitittu.

Bonarma, bonarmuzza – s. f. Espressione usata quando si parla di defunti | anche:  bona arma e bona armuzza.

Bonasira – s. f. Saluto pomeridiano | anche: bona sira.

Bonantinzioni – s. f. Favorevole proposito.

Bonintinzionatu - agg. Che ha buone intenzioni.

Bonomu – s. m. Uomo di buone qualità civili, morali e sociali.

Bonsegnu – s. m. Che lascia bene sperare| anche:  bon segnu.

Bonsensu – s. m. Buona disposizione d’animo, comprensione| anche:  bon sensu.

Bonsirvitu, bonsirvutu – s. m. Ben servito, licenziamento.

Bontempu – s. m. Bel tempo | anche:  bon tempu.

Bontimpuni - agg. Che vive senza pensare ad altro, spensierato.

Bonu - agg.  Si usa in vari contesti per indicare qualcuno| Bravo o buono │ s. m. Scontrino.

Bonuntisu - agg. Persona di valore ben ascoltato dagli altri, chiaramente capito.

Bonviaggiu – s. m. Saluto augurale| anche:  bon viaggiu.

Bordellu – s. m. Chiasso o casa di tolleranza | V. burdellu.

Bordu – s. m. Margine, estremità, lembo| A B. -  sulla barca.  

Boscenza - loc. Vostra signoria| v. voscenza.

Bossia - loc. a voi, a lei, a vostra signoria| V. Vossia.

Bota - nella loc. Cacchi B. - qualche volta| V. Vota.

Botanicu - agg. e sm. Chi o che s’interessa o studia le piante.

Botta – s. f. Percossa| disgrazia, sventura| infarto, colpo| rumore, fragore.

Bottu – s. m. Rumore provocato da oggetti che cadono rumorosamente per terra, sparo, boato, petardo|  Subito, immediatamente.

Bozza – s. f. Stomaco, l'intestino dei volatili in genere.

Bozzu – s. m. Bernoccolo, bitorzolo.

Braccari - tr. Inseguire, stare alle calcagna.

Braccatina – s. f. Inseguimento, ricerca.

Braccatu - agg. Inseguito, ricercato.

Braccettu – s. m. Piccolo braccio| v. vrazzuddru.

Braccianti – s. m. Chi vive del lavoro delle proprie braccia.

Bracciu – s. m. Arto, diramazione di porto| v. vrazzu.

Bravizza – s. f. Buona capacità.

Breccia, Brecciali – s. f. Piccole pietre per selciati.

Briantazzu – s. m. Spregevole brigante.

Brianteddru – s. m. Piccolo brigante.

Brianti, bricanti  – s. m. Chi vive di rapina| ladro, delinquente.

Bricciulinu – s. m. Pietruzze per selciati o per ricavarne calcestruzzi.

Bricciuluni – s. m. Pietruzze di pezzatura grossolana per selciati.

Brigghiu, brigliu – s. m. Pezzo di legno ritto e affusolato che si fa cadere giocando a bocce, capacità di stare in piedi │Volgarmente anche, pene.

Brigghiuni – s.  m. Grosso birillo.

Brigghiuzzu – s. m. Piccolo birillo.

Brillantizza – s. f. Lucentezza, splendore.

Brilliu – s. m. Splendore, lucentezza.

Brilluri – s. m. Splendore, luce viva e intensa.

Brinnisi – s. m. Scialacquio, sperpero, brindisi per festeggiare qualcuno che offre agli altri.

Brisculata, Brisculiata – s. f. Giocata a briscola.

Brisculazza – s. f. Grossa briscola.

Brisculiddra – s. f. Piccola briscola.

Brisculuna – s. f. Grossa briscola.

Brìvitu – s. m. Brivido.

Brocculu – s. m. Cavolfiore, broccolo.

Broma – s. f. Lepre di mare (Aplysia depilans), opistobranchia  dell’ordine dei molluschi gasteropodi | Per saperne di più:  http://andreasormani.altervista.org/Ricordi.htm

Broru – s. m. Acqua in cui si siano cotte vivande, brodo.

Broscia – s. f. Morbido panino per colazione o per gelati, brioche.

Bruccularu – s. m. Coltivatore, venditore di broccoli e di verdure in genere| mangiatore di broccoli | agg. Di terreno, atto a essere coltivato a broccoli.

Brucculata – s. f. Piantagione di broccoli, mangiata di cavolfiori.

Brucculazzu, Brucculuni – s. m. Grosso o brutto broccolo.

Brucculiddru, Brucculuzzu  – s. m. Piccolo broccolo.

Bruciuri – s. m. Bruciore, scottatura.

Bruragghia – s. f. Minestra annacquata.

Brurari – tr. Allungare con brodo, annacquare.

Bruracchiata – s. f. Abbondante bevuta di brodo.

Brurata – s. f. Brodaglia.

Brurazzu – s. m. Liquido in quantità eccessiva.

Brurusazzu - agg. Troppo annacquato.

Bruruseddru - agg. Poco annacquato.

Brurusu - agg. Annacquato.

Brusca – s. f. Grossa spazzola di setole dure o di lamiera dentata con cui si rimuove la polvere ai cavalli, fa binomio con strigghia  | V. Strigghia.

Buatta – s. f. Vaso di latta, per tenervi conserve.

Buattari - tr. Inscatolare, conservare in barattoli │V. Abbuattari.

Buattata – s. f. Colpo inferto con una scatola di conserva, suo contenuto.

Buattatu - agg. Inscatolato, chiuso, sigillato in barattolo.

Buattazza, buattuna – s. f. Grande o brutto barattolo.

Buatteddra, buattina, buattuzza – s. f. Piccolo barattolo.

Bubù – s. f. Nel linguaggio infantile piccolo infortunio, dolore.

Bucalazzu – s. m. Grande o brutta caraffa.

Bucaleddru – s. m. Piccola caraffa.

Bucali – s. m. Boccale, caraffa.

Bucamentu – s. m. Perforazione, l’imbucare.

Bucari - tr. Forare, trapassare da parte a parte, imbucare.

Bucateddru - agg. Poco forato, che ha pochi e piccoli buchi.

Bucatina – s. f. Foratura, l'atto dell'imbucare.

Bucazzu – s. m. Grosso o brutto foro.

Buccari - tr. Versare, riversare, travasare, svuotare | intr. Abboccare, cadere nella trappola, capovolgersi.

Buccetta - s. f. Forchetta.

Bucciazza – s. f. Grande o brutta boccia.

Bucciceddra, bucciteddra, Bucciuzza – s. f. Boccetta, piccola boccia.

Bucciuna – s. f. Grande boccia.

Buccuni - loc. riverso, capovolto, a testa in giù, prono.

Buchiddru, buchinu, bucuzzu  – s. m. Pertugio, forellino.

Buci -  loc.  oralmente, verbalmente |V.  Vuci.

Bucuni – s. m. Grosso o profondo foro.

Buddra - s. f. Bolla, vescica.

Buddricchia – s. f. Vescichetta della pelle dovuta a scottatura o acne.

Buffatura - agg. Grossa mareggiata che si abbatte sulla barca.

Buffetta – s. f. Tavolo di scarso valore.

Buffitteddra – s. f. Tavolino scadente. 

Buffittuni, bufulittuni - agg. Di ragazzo, grassottello.

Buffunata – s. f. Atto da stravagante.

Buffunazzu - agg. Gran stravagante.

Buffuneddru - agg. Piccolo comico.

Buffuni - agg. Ridicolo, stravagante, comico │ Persona che non rispetta le promesse fatte.

Buffuniari - intr. Deridere, prendere in giro, indispettire, fare le boccacce, contraffare il viso, uscire la lingua.

Buffuniata – s. f. Presa in giro.

Buffuniatu - agg. Deriso, schernito, preso in giro.

Bufu - s. m. Rospo di tipo comune della famiglia Bufonidae.

Bugghiareddru – s. m. Piccolo Bugghiu (Trigone).

Bugghiunèddru – s. f. Lenta bollitura.

Bugghiu – s. f. Trigone viola, pesce cartilagineo, famoso per la coda assottigliata, quasi filiforme, spesso molto lunga (la famosa cura di bugghiu sventolata dai padri pescatori per minacciare i figli per un cattivo comportamento), su cui si impianta un aculeo caratteristico │Per riflesso = uomo grasso con forma strana.  Per saperne di più: http://www.andreasormani.altervista.org/pesci.htm#INDICE

Bugghiuni – s. m.  Acqua che giunge a bollitura, persona  particolarmente grassa.

Bugigattulu – s. m. Stanzino, piccolo vano, casotto.

Bulletta – s. f. Ricevuta di consegna o di un pagamento |Non avere un soldo.

Bullittariu – s. m. Libro a d'origine di una ricevuta.

Bullittazza – s. f. Grande o brutta bolletta.

Bullitteddra – s. f. Piccola bolletta.

Bullonari - V. Bullunari.

Bullunabili - agg. Da, che si può avvitare.

Bullunamentu – s. m. Avvitamento.

Bullunari - tr. Stringere con bulloni due pezzi. 

Bullunata – s. f. Avvitamento, stretta.

Bullunatu - agg. Stretto con bulloni.

Bulluni – s. m. Dado a testa con filettatura| chiodo a vite| grosso bollo.

Bumma – s. f. Grosso ordigno di ferro incavato e ripieno di polvere a mitraglia, bomba.

Bummardamentu – s. m. Il bombardare.

Bummardari - tr. Colpire con bombe.

Bummardatu - agg. Colpito da bombe.

Bummarderi – s. m. Soldato addetto alle bombe, aereo da bombardamento.

Bummatu - agg. Come una bomba, ovale.

Bummatura – s. f. L'atto del rendere sferica  qualcosa.

Bummazza – s. f. Grossa o brutta bomba.

Bummiceddra, bummiddra – s. f. Piccola bomba, botto.

Bummulazzu – s. m. Grande o brutto vaso di terracotta.

Bummuliddru – s. m. Piccolo Bummulu/fiasco.

Bummulu – s. m. Vaso in terracotta per mantenere l’acqua fresca, fiasco, anfora.

Bummuluni – s. m. Grossa anfora in terracotta.

Bunaca – s. f. Giacca spessa di velluto o fustagno per uomo.

Bunacciuni - agg. D'animo buono.

Bunariamenti - avv. In buona fede, in amicizia.

Bunazza – s. f. Calma di vento e di mare, tempo sereno.

Bunazzu - agg. Persona molto tranquilla.

Bunazzuni - agg. Persona semplice e buona.

Bunnali - s. m. Termine marinaresco per indicare ognuno dei canali di scolo sistemati lungo la periferia di un ponte di una nave per evitare che su di esso si possa accumulare acqua. Sono generalmente costituiti da fori di presa, con griglia, posti lungo i trincarini e da condutture sottostanti. Dai ponti superiori possono scaricare nei ponti sottostanti o fuori bordo; dai ponti posti al di sotto del galleggiamento scaricano in sentina. Ombrinale.

Bunnanzia – s. f. Gran quantità di cose, abbondanza.

Burattinaru – s. m. Chi rappresenta commedie facendo agire i burattini o le marionette, i pupazzetti| v. puparu.

Burattineddru – s. m. Piccolo burattino.

Burattinu – s. m. Fantoccio con cui si rappresentano commedie| marito debole, uomo permissivo │V. Pupu

Burbiru - agg. Severo, rigoroso, rigido, austero, aspro di maniere.

Buccetta, burcetta  – s. f. Forchetta ovvero strumento di metallo con cui s’infilzano i cibi per mangiarli.

Burcittari – tr. Dare di forchetta, prendere a forchettate.

Burcittata – s. f. Quanto cibo si può prendere in una volta con la forchetta| colpo di forchetta.

Burcittatazza – s. f. Forchettata troppo piena| grande o brutta forchetta.

Burcittateddra – s. f. Forchettata non piena| piccola forchetta.

Burcittazza – s. f. Grande o brutta forchetta.

Burcitteddra, burcittina, burcittuzza – s. f. Forchettina, piccola forchetta.

Burcittiari - tr. Colpire con la forchetta.

Burcittuni – s. m. Grande forchetta.

Burdaggiu – s. m. L'accostarsi di un natante.

Burdata – s. f. Periodo intero di uscita in barca per pescare.

Burdellu - s. f. Casa di tolleranza| casino, baccano.

Burdillara – s. f. Prostituta, donna di male affare, frequentatrice di bordello, casinista.

Burdillata – s. f. Birichinata, schiamazzo.

Burdillazzu – s. m. Grande bordello, rumore assordante, fracasso.

Burdilleddru, Burdillinu  – s. m. Leggero baccano.

Burdilliari – intr. Provocare baccano, frastuono, andare in giro senza meta allo scopo di fare mostra di sé.

Burdillista – s. m. Sobillatore, chi crea scompiglio.

Burdilluni – s. m. Gran rumore, putiferio.

Burdura – s. f. Bordo, estremità di lenzuolo, di tovaglia.

Burgisi – s. m. Possidente terriero, di condizione agiata.

Buriusu - agg. Superbo, vanitoso.

Burnia – s. f. Vaso di vetro, barattolo.

Burrania – s. f.  Pianta selvatica commestibile della famiglia Borago Officinalis, borragine.

Burrascheddra – s. f. Piccola burrasca.

Burrascuni – s. m. Grande burrasca.

Burrascusu - agg. Di persona, capace di provocare discussioni animate, liti| di tempo, che minaccia perturbazioni atmosferiche.

Burrascuzza – s. f. Piccola burrasca.

Burruni – s. m. Luogo scosceso e profondo, precipizio.

Bursami – s. f. Insieme di borse di vario tipo e grandezza.

Bursata – s. f. Quanta roba può contenere, colpo dato con la borsa.

Bursatazza – s. f. Contenitore troppo pieno, gran botta.

Bursateddra – s. f. Contenitore meno che pieno, piccola botta.

Bursazza – s. f. Grande o brutto contenitore e quel che c’è dentro.

Bursetta, bursiceddra, bursitta, bursiteddra – s. f. Piccola borsa.

Bursunata – s. f. Quantità di materiale che può contenere un borsone, colpo inferto.

Bursuzza – s. f. Piccola borsa.

Burza – s. f. Rustica borsa, cartella scolastica.

Burzata – s. f. Contenuto di una borsa, di una cartella, colpo di borsa.

Burzuni – s. m. Grossa borsa da viaggio.

Buscagghia – s. f. Gran bosco con fitta vegetazione.

Buscaiolu – s. m. Chi custodisce i boschi| legnaiolo.

Buscamentu – s. m. Importo guadagnato col lavoro.

Buscari - tr. Guadagnare col proprio lavoro.

Buscatazzu - agg. Guadagnato con difficoltà e con molto sudore.

Buscateddru - agg. Guadagnato con qualche difficoltà.

Buscatina – s. f. L'atto di guadagnare.

Buscatu - agg. Guadagnato col proprio lavoro.

Buschettu, buschiceddru – s. m. Piccolo bosco.

Buschìtu – s. m. Terra coltivata a bosco.

Buscusu - agg. Con molti alberi.

Bussula – s. f. Strumento simile a orologio con ago calamitato che serve per orientarsi.

Bustazza – s. f. Grande o brutta busta.

Busticeddra – s. f. Piccola busta.

Busticeddru, bustinu – s. m. Di stretto torace.

Bustu – s. m. Parte del corpo, torace.

Bustuni – s. m. Grossa busta o ampio torace.

Bustuzzu – s. m. Piccolo busto.

Butari - tr. Esprimere un voto, girare, convincere, si usa all'infinito |V. Vutari.

Buttana – s. f. Donna di malavita, prostituta.

Buttanata – s. f. Leggerezza, cosa di poco conto.

Buttanazza – s. f. Gran prostituta, megera.

Buttaneddra – s. f. Giovane prostituta, scostumata immorale.

Buttaneri, buttanieri - sm. Chi ama andare a puttane, cercatore di approcci amorosi.

Buttaniarisi - rifl. Pavoneggiarsi| mostrarsi compiacente| darsi arie| Assumere atteggiamenti sconvenienti alla morale │Litigare in modo volgare.

Buttaniggiu – s. m. L'arte del prostituirsi.

Buttaniscamenti - avv. Con atteggiamenti da puttana.

Buttiari - tr. Palpitare, battere, pulsare, ansimare.

Butticeddra – s. f. Leggera botta, percossa, piccolo infortunio fisico o economico, malessere.

Butticeddru – s. m. Piccolo botto, sparo, rumorino.

Buttiggheddra – s. f. Piccola bottiglia e suo contenuto.

Buttigghia – s. f. Bottiglia.

Buttigghiamentu – s. m. L’imbottigliare vino, aceto, olio.

Buttigghiari – tr. Riempire e tappare bottiglie in cui si è versato del liquido │V.  Abbuttigghiari

Buttigghiata – s. f. Colpo di bottiglia.

Buttigghiazza – s. f. grande o brutta bottiglia.

Buttigghiunazzu – s. m. Gran brutta damigiana.

Buttigghiuni – s. m. Fiasco, damigiana.

Buttiu – s. m. Pulsazione, battito, palpitazione.

Buttunaru – s. m. Venditore di bottoni e chi li fa.

Buttunatura – s. f. L'insieme dei bottoni e degli occhielli.

Buttunazzu – s. m. Grosso o brutto bottone.

Buttuncinu, buttuneddru – s. m. Piccolo bottone.

Buttunera – s. f. Bottoniera, fila di bottoni per pantaloni. |V. Nappa

Buttuni – s. m. Bottone che serve a congiungere insieme e fermare una parte della veste con l'altra| bocciolo di fiore.

Buzzareddra – s. f. Piccolo gozzo, stomaco dei volatili.

Buzzazza, Buzzuna – s. m. Grosso gozzo di volatile.

Buzzuni – s. m. Tuffo con entrata in acqua di testa.

Torna all’Indice