Crea sito

HOME

RICETTE

I PESCI

FOTO

RADICI

ESPERIENZE

CONTATTI

LINK

Filastrocche Siciliane

 

I visitatori servono anche a sollecitarti nuovi inserimenti, un caro visitatore che frequenta e legge il mio web, con piacevole assiduità, mi ha telefonato perché non conosceva il senso di una filastrocca che vagamente ricordava. Inserisco perciò la tabella divisa in tre parti: 1) La filastrocca originale da come l'ho ricevuto dai miei (nonni, genitori, amici e anziani); 2) La traduzione in lingua italiana; 3) Il significato o l’occasione della filastrocca. Naturalmente io espongo quelle dei miei ricordi fanciulleschi a Mazara, in mazarese e in ordine alfabetico d’altronde sappiamo tutti che alcune di esse variano di paese in paese. Se qualcuno dei miei lettori fosse a conoscenza di altre filastrocche, vi prego di suggerirmele in modo che si possa arricchire il link.

Dialetto Siciliano

Traduzione in Italiano

Significato o occasione

 

 

 

L’Angilu vardianu

Jè mi curcu ‘nna stu lettu
Cu Gesuzzu ‘nta lu  pettu
Lu corpu rormi e l’arma vigghia cala l’Angilu e ti pigghia.

 

L’Angelo guardiano

Io mi corico in questo letto con Gesù nel petto. Il corpo dorme e l’anima veglia scende l’Angelo e ti prende (in custodia)

Era una ninna nanna che cantavano le nostre mamme la sera quando ci accompagnavano a letto. Io avevo un po’ paura perché credevo che l’Angelo mi portasse via, poi mia mamma mi spiegò che l’Angelo mi custodiva invece portava via i bambini che morivano.

Bo, bo e bo

Ora veni lu Patri tò
e ti porta la siminzina, la rosamarina e lu basilicò
e ti porta pani e pisci e lu figghiu s'addumisci.
E si lu figghìu u’nvoli durmiri, naticateddri av’araviri.

Bo, bo e bo

Ora viene il Papà tuo e ti porta la semenzina, il rosmarino e il basilico e ti porta pane e pesci e il figlio s’addormenta. E se il figlio non vuole dormire nelle natiche botte avrà.

 

Una ninna nanna per  i bambini più piccoli a cui le mamme,   cantandola tenendoli in braccio, danno piccoli colpi nel sederino.

Chiovi, Chiovi

Chovi, Chiovi, pasta cu li fasoli e la zita si marita cu la vesta di sita

Piove, Piove

Piove, Piove, pasta con i fagioli e la fidanzata si sposa con il vestito di seta

Questa i bambini la cantavano quando pioveva perché era un’occasione per  festeggiare (data la rarità)

Dumani è duminica

Dumani è duminica ci
tagghiamu a testa a Minica.Minica u’n c’è ci la tagghiamu a lu  re. Lu re è malatu ci la tagghiamu a lu  surdatu. Lu surdatu è a la guerra  e va duna lu culu ‘nterra. ‘Nterra ci fa mali e va duna lu culu a mari.

Domani è domenica

Domani è domenica ci tagliamo la testa a Domenica. Domenica non c’è la tagliamo al re. Il re è malato la tagliamo al soldato, il soldato e in guerra e sbatte il culo per terra. A terra fa male e lo sbatte a mare.

 

Questa filastrocca si cantava, da bambini dandosi la mano e formando un girotondo, alla fine ci si sedeva tutti per terra all’unisono.

 

 

 

Giuvanni cacaranni

Giuvanni cacaranni jetta un piritu  e fa quattr’anni e li fa a dui a dui e Giuvanni si ‘nni fui

 

Giovanni Cagone

Giovanni  cagone  getta una scorreggia e compie quattro anni e li compie a due a due e Giovanni se ne scappa

 

Nell’occasione che un bambino facesse una scorreggia gli si cantava questa filastrocca per farlo andare un po’ distante e non sentire l’eventuale puzza

Manu Moddra

Manu modda, manu modda,
lu Signuri ti l'arrimodda cu lu pani e cu lu vìnu viva viva San Martinu

Mano molle

Mano molle, mano molle il Signore te l’ammolla con il pane e con il vino viva viva San Martino

Per tradizione siciliana, per S. Martino, i proprietari terrieri distribuivano del pane caldo e condito, ai braccianti. A emulazione
di  San Martino che diede un pezzo, al povero, il suo mantello per ripararsi dal freddo.

Peppi Nappa

Peppi Nappa munci la vacca, tenila forti  chi ti  scappa.  E ti scappa nmezzu lu chianu
Peppi Nappa lu ruffianu

Peppe Nappa

Peppe Nappa mungi la vacca, tienila forte che ti scappa. E ti scappa in mezzo la piazza Peppe Nappa il ruffiano.

 

Peppe Nappa è la maschera siciliana per antonomasia e a cui si appioppa qualsiasi colpa.

Rosa patosa

 Rosa la patosa fimmina di casa veni to maritu ti pizzica e ti vasati jetta ‘n capu u lettu e ti sona u friscalettu

Rosa l’appassionata (dal greco  pàthos)

Rosa l’appassionata   femmina di casa / viene tuo marito e ti pizzica e ti bacia / ti butta sul letto / e ti suona il fischietto

In Rosa patosa i riferimenti sessuali erano più che un semplice riferimento, ed erano anche il motivo per cui noi ragazzi stavamo attenti a non cantarla davanti ai “grandi” che, se avessero sentito, ci avrebbero rimproverati.

Safina

Safina, Safina un chilu di tria fina, picca è picca è natranticchia ni vogghiu jè masinnò masinnò cu sò figghia u’n ci jocu chiù

 

Safina

Safina, Safina un chilo di spaghetti, sono pochi sono pochi ne voglio ancora un po’, altrimenti altrimenti con sua figlia non gioco più

Con questa filastrocca si provocavano le signore, per ottenere qualche merendina, in cambio di far partecipare i loro figli ai giochi dei bambini, in quanto soli, non avendo fratelli o sorelle con cui giocare.

Orazione a Santu Vitu

Santu Vitu di Mazara cu lu vrazzu n’arripara e lu populu divotu Diu ni scanza di terremotu e lu populu dilettu Diu ni scanza d’ogni ‘nfettu Vi priamu cu cori piu Diu ni scanza di ogni castiu Tutti a Vui facemu festa Tutti a vui facemu festa.

Orazione a San Vito

San Vito di Mazara con il braccio ci ripara e il popolo devoto Dio ci scanzi dal terremoto e il popolo diletto Dio ci scansi da qualsiasi infezione Vi preghiamo con cuore pio Dio ci scansi da ogni castigo Tutti a Voi facciamo festa Tutti a Voi facciamo festa.

 

A San Vito protettore di Mazara questa orazione veniva recitata in ogni occasione di pericolo

Sutta lu lettu di la za Cicca

Sutta u lettu d’a za Cicca
c’è ‘na jatta sicca sicca
cu’ parra prima s’a va licca.

 

Sotto il letto della zia Francesca
Sotto il letto di zia Cicca / c’è una gatta magra magra / chi per primo parlerà / la gatta leccherà

Questa filastrocca  invitava al silenzio anche perché il parlare minacciava, a chi l’avesse rotto,  sensazioni molto sgradevoli.

Vicè, Vicè

Vicè, Vicè Vicè,
japi la porta e viri cu c'è,
c'è lu succi cu la cazzola e Vicenzu cu lu culu di fora.

Vincenzo, Vincenzo

Vicè, Vicè Vicè, (diminutivo) apri la porta e vedi chi c’è, c’è il topo con la cazzuola e Vincenzo con il culo scoperto.

 

Era una filastrocca che serviva per canzonare i bambini che si chiamavano Vincenzo.