Crea sito

HOME

RICETTE

I PESCI

FOTO

RADICI

ESPERIENZE

CONTATTI

LINK

   

Lu rispettu è misuratu cu lu porta l'avi purtatu

 

 

Lettera R

 

Rabbiuna – s. f. Grande rabbia, grosso dispiacere.

Rabbiusu - agg. Collerico, violento, adirato, crudele.

Raccamari - tr. Eseguire con l'ago su un tessuto punti decorativi seguendo un disegno.

Raccamateddra – s. f. Leggero ricamo.

Raccamateddru - agg. Poco, scarsamente ricamato.

Raccamatina – s. f. L'atto del ricamare.

Raccamatrici – s. f. Esperta del ricamo.

Raccamatu - agg. Impreziosito da ricamo.

Raccamatura – s. f. Ricamo e forma.

Raccamu – s. m. Metodo di arricchire e impreziosire capi di biancheria.

Raccumannari – tr. Affidare alla protezione, alla cura o all'attenzione altrui, appoggiare qualcuno segnalandolo all'attenzione di chi può favorirlo, anche in modo scorretto.  

Raccumannata – s. f. Lettera che garantisce il mittente da eventuali smarrimenti o altro, l’atto del raccomandare.

Raccumannateddru - agg. Poco raccomandato.

Raccumannatina – s. f. L'atto del raccomandare.

Raccumannatu - agg. Che sfrutta l'appoggio di persone influenti.

Raccumannaturi – s. m. Chi o che raccomanda.

Raccumannazioni – s. f. Il raccomandare in tutti i modi.

Raccurdari - tr. Unire due parti, collegare capi, accordare strumenti musicali.

Rachiticu - agg. Affetto da rachitismo.

Racina – s. f. Frutto della vite, uva.

Racinaru – agg. Di terreno, che si presta a essere coltivato a vigneto |di persona, mangiatrice d’uva.

Racinazza – s. f. Brutta qualità di uva.

Racineddra – s. f. Uvetta selvatica, asprigna.

Racinuna – s. f. Uva dagli acini grossi.

Raddena -  s. f. Strumento di legno che ha una ruota con la quale girando si torce lo spago usata dai cordai |Donna trasandata pettegola dal chiacchierare fastidioso | Marzaiola.

Raddiniari - intr. Straziare con continue lamentele, chiacchierare a vanvera.

Raddinìu – s. m. Continuo lamento, chiacchiericcio fastidioso.

Raddiniusu - agg. Insopportabile, insofferente, irritabile.

Rafanellu – s. m. Pianta ortense che ha radice piccante, ravanello | V. Raricia.

Rafia – s. f. Palma tipica delle regioni tropicali, la cui fibra è usata per fare reti, corde e stuoie.

Raffriddari – tr. V. Rifriddari.

Ragghiamentu – s. m. Il ragliare.

Ragghiari - intr. Lamentarsi dell'asino| cantare o recitare male, provare forte dolore fisico, lamentarsi, sbraitare.

Ragghiata – s. f. Un ragliare prolungato.

Ragghiatazza – s. f. Lungo lamento.

Ragghiateddra – s. f. Breve ragliata, lamento.

Ragghiatina – s. f. L'atto del ragliare.

Ragghiu – s. m. Verso dell'asino.

Raggia – s. f. Eccesso d'ira, stizza, collera, idrofobia, rabbia.

Raggiazza – s. f. Grande rabbia, collera, furore.

Raggiuni – s. m. grosso o lungo raggio.

Ragiunamentu – s. m. Discorso, discussione intorno a un argomento.

Ragiunari - intr. Argomentare servendosi della ragione, pensare, riflettere, discutere.

Ragiunevulizza – s. f. L'essere ragionevole.

Ragiuni – s. f. Facoltà di pensare, mettendo in rapporto i concetti e le loro enunciazioni, e insieme la facoltà che guida a ben giudicare |Contrapp. a torto:  il buon diritto, cioè il giusto nell’agire o nel pensare, nell’affermare, nel discutere, nel giudicare.

Raia – s. f. Pesce dal corpo piatto del genere Raja di cui ne esistono, nel mediterraneo, quindici specie.  | Per saperne di più: http://andreasormani.altervista.org/pesci.htm#Razzachiodata

Ràis – s. m. Capo ciurma della tonnara.

Ralligrari - tr. Rendere, dare allegrezza, infondere gioia, allegria.

Ralligrarisi - rifl. Avere piacere, gioire, compiacersi.

Rallintari - tr. Ritardare, frenare.

Ramagghia – s. f. Rami di potatura.

Ramiceddru, ramuzzu – s. m. Piccolo ramo.

Ramiggiu – s. m. Rami di albero.

Ramigna – s. f. Gramigna, erba selvatica che appartiene alla famiglia delle Graminacee. E’ sempre stata molto diffusa, , è un vero e proprio infestante naturale, detestata dai contadini poiché ovunque si diffonde prolifera velocemente e rovina le colture.

Ramigneddra – s. f. Tenera gramigna.

Ramignuna – s. f. Abbondanza di gramigna.

Ramignusu – agg. Di terreno, su cui cresce facile la gramigna.

Rampicanti - agg. – s. m. Che si arrampica, qualunque pianta che si attacca sui muri, es. l’edera.

Rampicateddra – s. f. Leggera arrampicata.

Rampiceddra – s. f. Piccola rampa di scala.

Ramu – s. m. Ciascuna propaggine di albero, ramo| branca, discendenza| rame.

Ramuni - s. m. Grosso ramo.

Ramusu - agg. Che sa, che ha ripreso il colore del rame| che contiene rame, pieno di rami.

Ramuzza – s. f. Rametto.

Ramuzzu – s. m. Pezzetto di rame.

Rana – s. m. Denaro, monete.

Ranatazzu – s. m. Grosso melograno.

Ranateddru – s. m. Piccolo melograno.

Ranatu – s. m. Melograno, sia  l’ albero che il frutto,  la melagrana.

Rancari - intr. Arrancare, accorrere, camminare con difficoltà.

Rancata – s. f. Porzione di giornata lavorativa.

Rancatazza – s. f. Spezzone di giornata lavorativa pesante.

Rancateddra – s. f. Spezzone di giornata lavorativa leggera.

Rancitu - agg. Di grassi o di cibi grassi che, alterandosi a causa di un processo di ossidazione, hanno acquistato un odore e un sapore forte, acre e sgradevole, rancidume, rancido.

Rancitusu - agg. Che sa di rancido, arrugginito, persona molto sporca.

Ranciuliari – tr. Grattare leggermente, sfiorare.

Rancu – s. m. Contrazione involontaria, dolorosa e transitoria, di un muscolo o di un gruppo di muscoli, crampo.

Rancuri s.m. Sentimento di odio represso contro qualcuno; risentimento nascosto.

Rancurusu - agg. Che porta rancore, odia.

Ranfa – s. f. Mano lunga, tentacolo.

Ranfata – s. f. Gesto sconsiderato per appropriarsi di qualcosa | Sonoro manrovescio.

Ranfiari – tr. Allungare il braccio per appropriarsi di cose non sue, sgraffignare.

Ranfuni - agg. Arruffone, che arraffa.

Ranita – s. f. Gelato granuloso, granita.

Ranni - agg. Più grande della misura e del numero previsto, che ha alta statura fisica, intellettiva o morale, adulto, grande.

Ranniceddru - agg. Un po' più della misura.

Rannizza – s. f. Grandezza, capacità, volume.

Rannizzu - agg. Troppo grande, corpulento.

Rannula – s. f. Grandine, ghiandola.

Rannulata, rannuliata  – s. f. Grandinata.

Rannuliari - intr. Grandinare.

Rannuliddru – agg. Poco più grande.

Rannuzzu - agg. Che non è più piccolo, grandicello.

Rantu – s. m. Luogo vicino, accanto.

Rantuliari - intr. Ansare, respirare a fatica.

Rantuliu, rantulu – s. m. L’ansare affannoso, rumoroso.

Rantuluni – s. m. Grosso rantolo.

Rantulusu - agg. Che ha rantolo, rumoroso.

Ranturantu - loc.  Accanto, nei pressi.

Ranu – s. m. Frumento, grano.

Rapiri – V. Japriri.

Rappa, rappu – s. m. Grappolo di frutti come uva o pomodori.

Rappaciari - tr. Mettere di nuovo in pace, d’accordo |Rappacificare, riconciliare.

Rappaciarisi - rifl. Porre fine alle ostilità, ai dissapori.

Rappatina – s. f. Atto del raggrinzire, del rattrappire, invecchiamento.

Rappazzu – s. m. Grosso o brutto grappolo d'uva.

Rappezzu – s. m. Rattoppo, rimedio.

Rappiceddru, rappiteddru, rappiddru – s. m. Piccolo grappolo d'uva.

Rappizzari - tr. Rattoppare, rimettere in uso.

Rappizzata, rappizzatina, rappizzatura – s. f. Rattoppo, riparazione.

Rapprisintari - tr. Fare le veci| recitare.

Rappugghia – s. f. Il grappolo privato degli acini.

Rappuni – s. m. Grosso grappolo.

Rappuzzu – s. m. Piccolo grappolo.

Rara – s. f. Inferriata a sbarre fitte, grata.

Rarenti - agg. Che tocca appena, che sfiora.

Raretta – s. f. Piccola grata.

Rarica – s. f.  Organo della pianta specializzato nell'assorbimento di acqua e sali minerali dal terreno, fondamentali per la vita delle piante, radice.

Raricari – tr. Attecchire, mettere radici, stabilizzarsi.

Raricarisi - rifl. Mettere radici, attecchire, stabilizzarsi, prendere domicilio.

Rariceddra – s. f. Piccola grata, ravanello.

Rariceddru - avv. Di rado, di tanto in tanto.

Raricheddra, rarichiceddra – s. f. Piccola radice.

Raricia - s. f. Pianta orticola saporita o piccante, ravanello.

Rariciazza – s. f. Grosso ravanello.

Rariciuzza – s. f. Piccolo ravanello.

Raricuna, raricuni – s. f. Grossa radice.

Raricusu - agg. Che ha tante radici.

Rariggheddra, rarigghiuzza  – s. f. Piccola griglia.

Rarigghia – s. f. Griglia, graticola per arrosto.

Rarigghiata – s. f. Quantità di cibo contenuta in una griglia, grigliata.

Rarigghiazza – s. f. Grande o brutta graticola.

Rarigghiuna – s. f. Grande graticola per arrostire.

Rariri - tr. Radere, rasare barba o peli in genere. 

Raririsi - rifl. Radersi.

Rarizzi – s. m. Rarità.

Rarutu – agg. Rasato, raso.

Rascabili - agg. Che si può raschiare, grattare. 

Rascaddrusu -agg. Che ha la superficie non liscia, non levigata, aspra al tatto, acre, ruvida | Di persona brusca, difficile, dura di carattere, soprattutto nei modi esteriori.

Rascamentu - sm. Raschiamento, il grattare.

Rascari - tr. Asportare con arnese ciò che è attaccato alla superficie di una cosa, grattare.

Rascarisi - rifl. Grattarsi con le unghie o con attrezzi adeguati.

Rascata – s. f.  Grattata.

Rascatazza – s. f. Profondo e lungo grattamento.

Rascateddra – s. f. Leggera grattata, raschiata.

Rascatina – s. f. Atto del grattare.

Rascatura – s. f. Materia raschiata, il grattare.

Rascaturi, raschiettu – s. m. Raschietto, raschiatoio, grattino, chi gratta.

Rascia, rasciu – s. m. Sporcizia, sporco, luridume, unto.

Rasciumi – s. m. Luridume.

Rasciusazzu - agg. Ingente quantità di sporco, sporchissimo.

Rasciuseddru - agg. Poco sporco.

Rascuneddru – s. m. Grattatina, segno lasciato dalle unghie.

Rascuni – s. m. Grattamento gradito.

Rasenti - agg. Che lambisce i punti della superficie.

Rasintari - tr. Sfiorare.

Rasoliu -  s. m. Liquore di moderata gradazione alcolica, dolci e aromatizzati, rosolio.

Rasolu – s. m. Strumento affilato per radere la barba, rasoio.

Rassazzu – s. m. Brutto unto.

Rassiceddru – s. m. Leggero strato di grasso.

Rassignari - tr. Dare tranquillità, pace, rasserenare.

Rassignarisi - rifl. Sottomettersi, arrendersi.

Rassignateddru - agg. Poco rassegnato.

Rassimigghianza – s. f. Analogia reciproca di qualità o di aspetti esteriori, rassomiglianza.

Rassimigghiari - intr. Essere simile a qualcuno o a qualcosa nell'aspetto o in certe qualità.

Rassirinamentu – s. m. Il rasserenare.

Rassirinari - tr. Tranquillizzare, calmare.

Rassirinarisi - rifl. Divenire sereno, tranquillo, calmarsi.

Rassittari - tr. Riordinare, raccomodare, sistemare.

Rassittarisi - rifl.  Darsi gli ultimi ritocchi, sistemarsi.

Rassittateddra – s.  f. Un'accomodata alla meglio.

Rassittatu - agg. Accomodato, riordinato.

Rassizza – s. f. Abbondanza di tessuto adiposo, grassezza.

Rassu – s. m. Termine generico di sostanze untuose, poco dense, che si presentano come solidi molli a basso punto di fusione o come liquidi di origine animale o vegetale | Nella novena suonata davanti al presepe, a Mazara, finita la litania sacra l’orchestrina eseguiva “lu Rassu” un motivetto allegro di musica moderna. | V. Novena.

Rassuni – s. m. - agg. Grande ritaglio di grasso, troppo grasso.

Rassusu - agg. Che contiene tanto grasso.

Rasta – s. f. Vaso di terracotta usato per la coltivazione di piante ornamentali o aromatiche| V. Casaria, Grasta.

Rastreddru – s. m. Strumento dentato usato per togliere sassolini o sterpaglie dal terreno, rastrello.

Rastrellari – tr. Adoperare il rastrello, rastrellare.

Rastriddrata – s. f. Colpo dato col rastrello, utilizzo del rastrello.

Rastu – s. m. Impronta, orma, traccia, segno sul terreno, indizio.

Rastuliari – tr. Tentare insistentemente di trovare o ritrovare qualcosa.

Rasulata – s. f. Colpo di rasoio.

Rattabili – agg. Che si può grattugiare.

Rattalora – s. f. Aggeggio che serve a ridurre in briciole formaggio, pane e quant’altro, grattugia.  

Rattari - tr. Sbriciolare fregando sulla grattugia, grattare, grattugiare.

Rattarisi - rifl. Fregarsi per alleviare il prurito, grattarsi. 

Rattata – s. f. Il semplice grattugiare o grattare.

Rattatazza – s. f. Abbondanza di formaggio grattugiato, il grattare a lungo.

Rattateddra – s. f. Strato di formaggio grattugiato, grattatina  leggera per prurito.

Rattateddru - agg. Poco grattugiato, grattato.

Rattatina – s. f. L’atto del grattare o del grattugiare.

Rattatu - agg. Grattugiato, grattato.

Rattuliari - tr. Il grattare con le unghie la porta da parte dei felini.

Ratu – agg. Dato, donato, regalato.

Ravusu - agg. Pesante, che ha un peso smisurato.

Razia – s. f. Avvenenza, bellezza, stile, aiuto divino,  condono di pena.

Raziari – tr. Graziare, perdonare, rimettere in libertà.

Raziuseddru - agg. Carino, poco grazioso.

Raziusu - agg. Che ha grazia, delicatezza.

Renniri – tr. Rendere, produrre utile, fruttare.

Rennita – s. f.  Reddito di capitale, la parte del prodotto che spetta al proprietario della terra a compenso delle qualità naturali e indistruttibili del suolo, entrata che si trae dai terreni o da altri averi, provento.

Renti – s. m. Ciascuno degli organi della masticazione, dente.

Rentificiu – s. m. Pasta per lavare i denti, dentifricio.

Rera – s. f. Eredità genetica, ascendenza, casato, famiglia.

Resca – s. f. Lisca di pesce.

Resta – s. f. Frutta acerba, treccia d’aglio.

Restanti - agg. Che avanza di una quantità, parte residua.

Restari - V. Ristari.

Retini – s. m. Le due lunghe strisce, per lo più di cuoio, attaccate al morso del cavallo, del mulo e affini, che servono a guidarlo, redini.

Retipuntari - tr. Cucire con la macchina.

Retipuntazzu – s. m. Brutto cucito fatto a macchina.

Retipunteddru, retipuntinu – s. m. Breve cucito a macchina.

Retipuntu – s. m. Serie continua di punti tutti uguali fatti a macchina.

Retta – s. f. Debito.

Rettamenti - avv.  Senza pensarci.  

Reviu – agg. Insipido, scipito, senza sale, senza sapor |Di carattere schivo, introverso

Revula, reula – s. f. Regolo usato dai muratori per spianare e livellare la malta di un intonaco o di un pavimento, staggia.

Ri – prep. Di 

Ria – s. f. Strumento con cui si tirano linee, riga, segno lineare, scriminatura dei capelli.

Riabituirisi – rifl. Riprendere le vecchie abitudini.

Riagiri - intr. Contrastare, non subire.

Rialari - tr. Dare, donare.

Rialatu – agg. Regalato.

Rialu – s. m. Ciò che si dà come dono, regalo.

Rianata – s. f. Pizza a focaccia siciliana con origano, cipolle, acciughe, pomodoro e formaggio |V. Arianu

Rianimari - tr. Rimettere in vita, infondere nuovo coraggio.

Rianimarisi - rifl. Riprendere animo, coraggio, vigore.

Riari - tr. Tracciare linee, solcare, scanalare, rigare.

Riartà - sf. Concretezza, l'essere effettivo, realtà.

Riatu – s. m. Delitto, reato| Infrazione alla legge penale, contravvenzione| agg. Rigato, scanalato.

Riavulu – s. m. Diavolo.

Riazza – s. f. Brutta linea.

Ribbuccari - tr. Spianare una superficie muraria con l'applicazione di intonaco, rabboccare.

Ribbosciatu – s. m.  Persona dissoluta,  viziosa | agg. Depravato, vizioso, infiacchito dal vizio, dalla vita libertina. 

Ricalari – tr. Regalare, donare | ridiscendere, riabbassare.

Ricalarisi – rifl. Sottomettersi, riconoscere i propri errori, riabbassarsi.

Ricalazzu – s. m. Brutto o grande, regalo.

Ricalinu – s. m. Piccolo regalo.

Ricalu – s. m. Dono, ciò che si regala.

Ricangiari - tr. Cambiare di nuovo.

Ricangiu – s. m. Ricambio, pezzo da sostituire.

Ricanuscenti - agg. Che mostra gratitudine, obbligato.

Ricanuscenza – s. f. Sentimento che ci ricorda il beneficio ricevuto o se ne prova gratitudine, fidanzamento ufficiale.

Ricanuscimentu – s. m. Il riconoscere, ufficializzazione del fidanzamento.

Ricanusciri - tr. Ravvisare persona o cosa già conosciuta, distinguere, ammettere confessandoi.

Ricanuscirisi – rifl. Conoscere i propri difetti o conoscersi vicendevolmente.

Ricanusciutu – agg. Noto.

Ricapitari - tr. Capitare di nuovo, riaccadere.

Ricarcabili - agg. Che si può, da ricalcare.

Ricarcari - tr. Ricopiare con carta carbone.

Ricarcatina, ricarcatura – s. f. Atto del ricalcare, al fine di ottenere copia.

Ricarcu – s. m. Ricalco, stampo, copia.

Ricaruta – s. f. Peggioramento.

Ricattari - tr. Estorcere denaro.

Ricatteri – s. m. Commerciante o venditore di pesci.

Ricavari - tr. Trarre utile o guadagno, ottenere.

Ricavatu - agg. – s. m. Profitto, guadagno, utile.

Ricchiceddru - agg. – s. m. Agiato, appena appena ricco.

Ricchizza – s. f. Beni di grande valore.

Ricchizzi – s. m. Cumulo di beni di cui si è detentori.

Ricciu – s. m. Mammifero coperto di aculei| involucro di castagna| riccio di mare  | agg. spinoso.

Ricciulinu – s. m. Piccolo ricciolo.

Ricciulu – s. m. Ciocca di capelli ricci.

Ricciuluni – s. m. Gran ciocca di capelli ricciuti.

Ricciuni – s. m. Grosso riccio.

Riccuni – s. m. - agg. Chi o che possiede esagerate ricchezze.

Riccuneddru, riccuzzu – agg. Agiato, ma non ricco.

Ricenti - agg. Di fresca data.

Riceviri - V. Riciviri.

Richiantabili - agg. Che si può ripiantare.

Richiantari - tr. Piantare di nuovo, trapiantare.

Richianu – s. m. Ripiano, mensola di appoggio.

Riciatiari - tr. Riprendere fiato, rifiatare.

Ricintari - tr. Chiudere un'area.

Ricintatu – agg. Chiuso con recinzione.

Ricintu – s. m. Luogo chiuso da siepi, filo, muro.

Ricioppu – s. m. Ciascun rametto del grappolo della vite, piccolo grappolo d'uva rimasto sulla vite dopo il raccolto| qualunque frutto dimenticato o abbandonato .

Ricitari - tr. Ripetere a memoria, rappresentare sulle scene.

Riciuppamentu – s. m. Raccolta dei grappoli lasciati o dimenticati dal vendemmiatore.

Riciuppari - tr. Cercare e cogliere quel che rimane dopo il raccolto, raccattare ciò che è stato dimenticato nella normale raccolta |V. Viscugghiari.

Riciuppaturi – s. m. Chi raccoglie i raccatti o i frutti rimasti dopo il raccolto.

Riciuppazzu – s. m. Grosso grappolo o frutto rimasto dopo il raccolto.

Riciuppeddru, riciuppuzzu – s. m. Piccolo rametto d’uva o frutto rimasto sull’albero dopo il raccolto.

Riciuppiatina, riciuppatura – s. f. Raccolta di frutti rimasti dopo il raccolto.

Riciviri - tr. Accettare ciò che è dato, ereditare, ospitare, accogliere.

Ricogghiri - tr. Raccattare cosa da terra, raccogliere, rimettere assieme.

Ricordu – s. m. Cosa che tiene viva la memoria di qualcuno o di qualcosa| v. riordu.

Ricota – s. f. Produttività dei campi.

Ricoviru – s. m. Rifugio, ricovero, riparo, tana, nascondiglio.

Ricriamentu – s. m. Conforto, ristoro, divertimento.

Ricriari - tr. Confortare, ristorare, divertire.

Ricriarisi - rifl. Gioire, divertirsi, prendere ristoro, sollievo, provare piacere, avere soddisfazioni.

Ricriatu - agg. Rigenerato, ristorato, soddisfatto, divertito.

Ricriazioni – s. f. Intervallo, riposo, passatempo, divertimento.

Ricrisciri - tr. Ricrescere.

Ricrìu – s. m. Gioia, piacere, godimento, divertimento, svago.

Ricugghibili – agg. - Da raccogliere.

Ricugghituri – s. m. Chi o che raccoglie, accumula.

Ricugghiutazza – s. f. Abbondante raccolto.

Ricugghiuteddra – s. f. Discreto raccolto.

Ricugghiutina – s. f. Atto del raccogliere.

Riculari – tr. Colare per la seconda volta.

Riculatu – agg. Colato due volte.

Ricuminciari - tr. Ricominciare, cominciare di nuovo, riprendere.

Ricumpariri - tr. Riapparire, ripresentarsi .

Ricuttaru – s. m. Venditore di ricotta.

Ricunzabili – agg. Che si può, da aggiustare.

Ricunzari - tr. Aggiustare cosa disfatta.

Ricunzatu – agg. Riaggiustato.

Ricuperari - V. Ricupirari.

Ricupirabili - agg. Che si può, da recuperare.

Ricupirari - tr. Ritornare in possesso di cosa perduta, colmare lo svantaggio.

Ricupiratu – agg. Ricuperato.

Ricurdari - V. Riurdari.

Ricurrenza – s. f. Giornata commemorativa.

Ricuttaru – s. m. Lussurioso, frivolo| s. m. Venditore, mangiatore di ricotta.

Ricuttiari - V. Pumiciari.

Ricuvirari - tr. Ricoverare, alloggiare.

Ricuvirarisi - rifl. Ricoverarsi in ospedale.

Riddossu – s. m. Riparo, stare appartato.

Riddra – s. m. Semi di alcuni frutti come: pomodori, fichidindia.

Riddru – s. m. Tipo di uva, grillo.

Riddrusu - agg. Di frutto, con abbondanti semi.

Ridduciri - tr. Ridurre, cambiare.

Ridducirisi - rifl. Ridursi in condizioni miserevoli, incappare nei guai.

Riddussari – tr. Mettere al riparo dal vento.

Riddussarisi - rifl. Mettersi al riparo dal vento.

Riddussata – s. f. Luogo riparato dal vento.

Riddussatu - agg. Riparato dal vento.

Ridottu – Part. Portato in una determinata condizione, diversa da quella di prima e di solito peggiore; scaduto o deteriorato spesso irrimediabilmente | è R. pelle e ossa; un vaso R. in pezzi.

Riduciri - V. Ridduciri.

Rifari - tr. Fare di nuovo.

Rifarisi – rifl. Vendicarsi, rimediare al tempo perduto, giocare rifarsi |Un chiangiu a me figghiu chi perdi, chiangiu a me figghiu chi si voli rifari.

Rifriddari – tr. Rendere più freddo, rinfrescare, rendere meno intenso un sentimento, un legame, affievolire.

Rifilari - tr. Tagliare a filo per pareggiare i margini; raffilare | Affibbiare qualcosa a qualcuno.

Rifinimentu – s. m. Il rifinire, portare a compimento.

Rifiniri - tr. Completare, ultimare.

Rifiriri - tr. Riportare, riferire.

Rifiririsi – rifl. Essere in rapporto, riferirsi, richiamarsi, alludere.

Rifiutu – s. m. Ciò che non serve, che è da buttare, che non si vuole, scarto.

Rifranchirisi - rifl. Rifarsi, ridurre il passivo, vincere quello che si era perso.

Rifriscamentu – s. m. Refrigerio, sollievo, rinnovamento.

Rifriscari - tr. Dare, avere sollievo, rinnovare| Mettere al fresco, a raffreddare.

Rifriscarisi - rifl. Rinfrescarsi, darsi un ritocco, innovarsi.

Rifriscata – s. f. Sollievo, al pomeriggio dopo la calata del sole.

Rifriscateddra – s. f. Leggera rinfrescata.

Rigatteri – s. m. Venditore di pesci | V. Ricatteri.

Rignunari – tr. Rimettere in luoghi appropriati oggetti poco usati.

Riguzza – s. f. Righello, piccola riga.

Riinchimentu – s. m. Il riempire e l'effetto.

Riinchiri - tr. Riempire di nuovo, ricoprire.

Riincutu – agg. Riempito.

Rileggiri - tr. Leggere di nuovo.

Riliggiuta – s. f. Il leggere un’altra volta.

Riliggiutu – agg. Riletto.

Rimannari – tr. Ritornare indietro, rimettere al mittente.

Rimari - intr. Spostare la barca a remi.

Rimaritarisi - rifl. Sposarsi di nuovo.

Rimasugghia – s. f. Avanzo di poco valore, resti.

Rimata – s. f. Colpo di remi.

Rimaturi – s. m. Chi pilota la barca con remi.

Rimazzitu – s. m. Luogo dove si accumulano alla rinfusa varie cose, ripostiglio, bugigattolo.

Rimidiari – tr. Rimediare.

Riminari - tr. Rimestare, rigirare, rimescolare, scrollare.

Riminarisi - rifl. Muoversi, agitarsi, sbrigarsi.

Riminata – s. f. Mescolata, smossa, scuotimento.

Riminatazza – s. f. Abbondante mescolata.

Riminateddra – s. f. Leggera mescolata.

Riminatina – s. f. L'atto del mescolare.

Riminavintura - s. m. f. Persona, uomo o donna, ritenuta capace di prevedere e annunciare l’avvenire, di divinare cose future o nascoste | Vecchia donna dal carattere litigioso e violento, spesso associato a un aspetto brutto e disgustoso.

Rimoddrari - V. Rimuddrari.

Rimoniu – s. m. Diavolo, persona malvagia.

Rimorchiari - V. rimurchiari.

Rimu – s. m. Attrezzo per infondere al natante il movimento sull'acqua.

Rimucchiari - tr. Tirare un mezzo con un altro, trainare|V. Rimurchiari.

Rimuddrari - tr. Diventare molle, perdere forza |V. Arrimuddrari.

Rimuddratina – s. f. Atto d'infiacchire, del rammollire.

Rimunnari - tr. Potare, sfoltire piante.

Rimunnatina – s. f. Atto dello sfoltire.

Rimunnatu – agg. Di albero, sfoltito.

Rimunnatura – s. f. Potatura, sfoltimento di rami.

Rimunnaturi – s. m. Chi pota, sfoltisce le piante.

Rimurchiari - tr. Tirare un mezzo con un altro, trainare.

Rimurchiaturi – agg. - sm. Chi o che ha il compito di rimorchiare.

Rimurchiazzu – sm. Grande rimorchio.

Rimuvibili - agg. Da rimuovere.

Rina – s. f. Sabbia, terra silicea e granulosa

Rinalata – s. f. Colpo di orinale e suo contenuto.

Rinalazzu – s. m. Grande o brutto orinale.

Rinaleddru – s. m. Piccolo orinale.

Rinali – s. m. Orinale, pitale, vaso da notte.

Rinaluni – s. m. Grande orinale.

Rinari – s. m. Soldi, denaro.

Rinchiuriri - tr. Chiudere di nuovo.

Rinchiuririsi - rifl. Chiudersi dentro.

Rinchiusu - agg. Chiuso dentro, non arieggiato.

Rincigghiu – s. m. Uncino, rampino, ronciglio.

Rincretiniri, rincritiniri - intr. Divenire cretino, non capire più niente, allibire.

Rincritinutu - agg. Allibito, turbato.

Rinculari - tr. Respingere, indietreggiare.

Rinculatu – agg. Indietreggiato, spinto all’indietro.

Rincurari - tr. Incoraggiare, confortare.

Rincurarisi - rifl. Darsi animo, trovare conforto.

Rincuratu – agg. Sostenuto, incoraggiato, confortato.

Rinesciri - V. Arrinesciri.

Rinfacciari - tr. Rimproverare gettandogli in faccia la colpa, l'errore.

Rinforzari - V. rinfurzari.

Rinforzu – s. m. Il rinforzare, sostegno, aiuto.

Rinfriscari - tr. Rendere piacevolmente freddo,  rinfrescare, ritemprare, riportare alla mente.

Rinfriscarisi - rifl. Rinfrescarsi, pigliare fresco, ristorarsi.

Rinfriscata – s. f. Ristoro, sollievo.

Rinfurzari - tr. Rendere più resistente, dare forza, vigore.

Rinfurzarisi - rifl. Farsi più forte, rigenerarsi, rinvigorire.

Ringraziatina – s. f. Atto di ringraziare.

Rini – s. m.  Organi pari e simmetrici della cavità addominale, reni.

Rinnestu – s. m. Nuovo innesto.

Rinnimentu – s. m. Il rendimento, produttività.

Rinnovari, Rinnuvari - tr. Rifare, sostituire.

Rinnuvarisi - rifl. Rinnovarsi, mettersi a nuovo.

Rinocchiu – s. m. Articolazione tra femore e tibia e la regione anatomica a essa corrispondente, ginocchio.

Rintami – s. f. Dentatura, apparato dentale.

Rintanari - tr. Ricacciare nella tana, nascondere.

Rintanarisi - rifl. Rientrare nella tana, nascondersi.

Rintazzu – s. m. Grosso o brutto dente.

Rintera – s. f. Dentiera, protesi dentaria.

Rinticeddru, rintuzzu  – s. m. Dentino, piccolo dente.

Rintra – avv. e prep.   Nell’interno, nella parte interna |Dentro a, Dentro la.

Rintronu – s. m. Rumore assordante.

Rintrunamentu – s. m. Il rintronare.

Rintrunari - intr. Rimbombare, rintronare.

Rintuni – s. m. Grosso dente.

Rinuccheddru – s. m. Piccolo ginocchio.

Rinucchera – s. f. Benda o apparecchio per la protezione del ginocchio o per la terapia di sue lesioni.

Rinucchiata – s.f. Colpo di ginocchio.

Rinucchiazzu – s. m. Grosso ginocchio.

Rinzaviri – tr. Riprendere conoscenza, riaversi.

Rinzavutu – agg. Ripresosi da malessere.

Riolu – s. m. Orzaiolo.

Riordu – s. m. Ricordo, momento particolare.

Riparari - tr. Mettere al riparo, rimediare, risarcire, rimettere in funzione, aggiustare.

Ripararisi - rifl. Mettersi al riparo per non bagnarsi.

Riparateddra – s. f. Piccola riparazione, leggera protezione.

Riparateddru - agg. Poco riparato.

Riparatina – s. f. L'atto del riparare e del ripararsi.

Riparu – s. m. Ricovero, protezione.

Ripassari - intr. Passare di nuovo o reiteratamente per lo stesso luogo | tr. Riattraversare,filtrare di nuovo, rileggere.

Ripassarisi - rifl. Rammentare, rileggersi.

Ripensari - V. Ripinsari.

Ripigghiari - tr. Riprendere, recuperare.

Ripigghiarisi - rifl. Rimettersi, riaversi, ristabilirsi, recuperare in pieno.

Ripinsari – tr. Riconsiderare qualcosa per correggerlo o trasformarlo, rievocare.

Ripisari - tr. Pesare di nuovo.

Ripitiari - tr. Ripetere a vanvera, vaneggiare.

Ripizzari - tr. Rattoppare, riparare, rimediare, risanare.

Ripizzata – s. f. Il rattoppare.

Ripizzateddra – s. f. Piccola rappezzatura.

Ripizzatina – s. f. Atto del rappezzare.

Ripizzuni – s. m. Grande rattoppo.

Riprisintari - tr. Presentare di nuovo.

Riprisintarisi - rifl. Riapparire, presentarsi di nuovo.

Riprovari, ripruvari - tr. Provare di nuovo, ritentare.

Ripuntari - tr. Scommettere di nuovo, rimirare.

Ripusari - intr. Sospendere un'attività per recuperare le forze fisiche e psichiche, rilassarsi, riposare |tr. Farli cessare di affaticarsi, ristorare.

Ripusarisi – pron. intr. Prendere riposo, trovare sollievo alla propria fatica, alla propria stanchezza fisica o mentale.

Riputari - tr. Stimare, considerare, tenere in conto.

Riputarisi - rifl. Credersi, stimarsi, considerarsi.

Riri – tr. Dire, pronunziare, recitare, raccontare, affermare, avvertire, rispondere, riferire.

Ririri – intr. Manifestare una spontanea e per lo più improvvisa reazione di ilarità, gioia, allegria, ridere.

Rispigghiu – s. m.  Risveglio.

Risbummari - intr. Balzare indietro o in senso contrario.  

Risbummatina, risbummatura – s. f. L'atto del rimbalzare, rimbalzo.

Risbummatu – agg. Rimbalzato.

Risbutari – tr. Risvoltare.

Riscazza – s. f. Grossa o brutta lisca.

Rischiceddra – s. f. Piccola lisca.

Rischiceddru – s. m. Piccolo rischio.

Rischiuni – s. m. Grosso rischio.

Riscinniri - tr. Scendere di nuovo, avere origine.

Riscotiri – t r. Riscuotere.

Riscuna – s. f. Grossa lisca.

Riscurriri -  tr.  Analizzare con un dialogo un problema, contestare esprimendo riserve o obiezioni, criticare |intr.  Conversare più o meno animatamente su un argomento, dibattere.

Riscursu – s. m. Discorso, comizio, contenuto di un fatto.

Riseriri - intr. Stare di continuo in un luogo, avere sede, dimora, decantare.

Risettu – s. m. Collocazione, tranquillità.

Risicari - tr. Mettere a rischio la propria incolumità, salute, avere l’ardire, rischiare.

Risicarisi - rifl. Volere correre il rischio.

Risiccutu – agg. Rinsecchito, dimagrito, emaciato.

Risicu, rischiu – s. m. Rischio, imprudenza.

Risiggiri – tr. Esigere, riscuotere di nuovo.

Risìna – s. f. prodotto naturale, di consistenza plastica e di origine vegetale prodotta da una pianta.

Risintiri - tr. Sentire di nuovo.

Risintirisi - rifl. Avere risentimento, comunicare di nuovo.

Risintutu – agg. Risentito, offeso.

Risirenti - agg. Che risiede.

Risirenza – s. f. Luogo in cui si risiede, ciò che rimane sul fondo contenitori.

Risirutu – agg. Decantato.

Risittari - tr. Assestare, sistemare, ordinare.

Risittarisi - rifl. Tranquillizzarsi, calmarsi.

Risittata – s. f. Sistemata.

Risittatu – agg. Ordinato.

Risolari - V. Risulari.

Risorviri - tr. Dare la soluzione, risolvere.

Risparmiari - V. Sparagnari.

Rispettari - V. Rispittari.

Rispettu - s. m. Rispetto, riguardo, deferenza, stima.

Rispirari - tr. Riprendere fiato.

Rispiriri - tr. Rimandare indietro, respingere.

Rispiru – s. m. Il respirare, sollievo.

Rispittari - tr. Portare rispetto, avere riguardo.

Rispittarisi - rifl. Avere rispetto uno dell'altro, convivere, coesistere.

Rispittusu - agg. Che ha o mostra rispetto, riguardo.

Risprizzari - tr. Non stimare, biasimare, disprezzare.

Risprizzarisi – rifl. Non ritenersi nella dovuta considerazione.

Rispunniri - intr. Replicare, corrispondere, mostrarsi insolente, rispondere.

Rispuntari - intr. Riapparire, rigenerarsi.

Rispustazza – s. f. Grande o brutta risposta.

Rispusteddra – s. f. Piccola o piacevole risposta.

Rispusteri - agg. Impertinente, maleducato.

Rispustiari - intr. Rispondere male a persone anziane o di riguardo.

Ristabilirisi - rifl. Riaversi, rimettersi in salute, guarire.

Ristari - tr. Rimanere, trattenersi, concordare, bloccare, fermare.

Ristuccia – s. f. Quel che rimane del grano falciato.

Ristuppari – tr. Sturare, disintasare, liberare.

Ristuppatu – agg. Sturato.                                                                       

Risulari - tr. Mettere nuove suole alle scarpe.

Risulutu – agg. Caparbio, tenace, ostinato, testardo.  

Ritagghiari - tr. Asportare una parte da un pezzo di carta, tessuto o altro materiale, seguendo il contorno di una figura.

Ritagghiu – s. m. Pezzetto di tessuto o altro materiale.

Ritaliari - tr. Guardare nuovamente, riguardare.

Ritastari – tr. Assaggiare nuovamente.

Ritastatu - agg. Assaggiato per la seconda volta.

Ritina – s. f. Membrana dell'occhio, paglietta per pulire tegami.

Ritintari – tr. Tentare di nuovo, riprovare.

Ritirari - tr. Portare dentro, tirare indietro, restringere, tirare di nuovo.

Ritirarisi - rifl. Abbandonare, lasciare, cessare dal servizio, andare in pensione.

Ritoccari - V. rituccari.

Ritoccu – s. m. Il ritoccare, leggera correzione.

Ritrattazzu – s. m. Grande o brutto ritratto.

Ritratteddru, ritrattinu - agg. Piccolo ritratto.

Ritrattu – s. m. Figura di persona dipinta, fotografia.

Ritruvari - tr. Trovare ciò che si è perso.

Ritruvarisi - rifl. Darsi convegno, incontrarsi dopo tempo, concordare, decidere.

Rituccari - Tr. Rivedere, dare gli ultimi ritocchi.

Rituccata – s. f. L'atto del ritoccare, ritocco.

Rituccateddra – s.f. Leggero ritocco.

Rituccatina – s. f. Atto del ritoccare, del rivedere.

Rituffu – s. m. Scarto, avanzo di cibi e di cose in genere.

Ritunnari - tr. Rendere tonda una cosa, smussare.

Ritunnatu – agg, Arrotondato.

Ritunnu – s. m. Pesce da corpo allungato e fusiforme, zerro | per saperne di più: http://andreasormani.altervista.org/pesci.htm#Zerro

Rituzza – s. f. Piccola rete, vezzeggiativo di Rita.

Riuncari - intr. Divenire rancido, alterarsi degli olî e delle sostanze grasse, rancidire, irrancidire.

Riuncatu - agg. Alimento che, per essere stato conservato troppo a lungo e male, ha perso la freschezza e ha acquistato odore e sapore sgradevoli, vicini al rancido o all’ammuffito, stantìo, rancido.

Riungiri - tr. ricongiungere, riunire, rilegare.

Riungirisi - rifl. Ricongiungersi, riunirsi, rimettersi  insieme.

Riungitina, riungitura – s. f. Giunta, giuntura, giunzione.

Riunta – s. f. Differenza per cambio di merce di differente valore.

Riurdari - tr. Tenere, richiamare alla mente, ricordare.

Riurdarisi - rifl. Riportare, tenere a mente, ricordarsi.

Riurdatu – agg. Avvertito, riportato alla mente.

Riurdinari - tr. Ordinare di nuovo, rimettere ordine.

Riurdinarisi - rifl. Darsi gli ultimi ritocchi, ricomporsi, rimettersi in ordine.

Riurdinatu – agg. Rifatto, rimesso in ordine.

Riusciri - V. Rinesciri.

Riustu – s. m. Sconvolgimento, alterazione di tempo per cambiamento di clima| prov. Austu e R. è capu di mernu giustu – Ad agosto si hanno i primi sintomi di cambiamento di clima.

Riuzzu – s. m. Piccolo re.

Rivelari - V. rivilari.

Rivèniri - intr. Riaversi, ritornare.

Riversa – s. f. Rovescio, parte contraria alla faccia vista.

Rivicchiuto - agg. Di persona giovane che si manifesta e si esprime con termini da persona anziana.

Rivinniri - tr. Vendere cosa comprata.

Rivinnita – s. f. Il rivendere specie al dettaglio, tabaccheria.

Rivinnituri – s. m. Rivenditore, commerciante al dettaglio.

Rivinutu – agg. Rinvenuto, che ha ripreso conoscenza.

Riviriri - tr. Rivedere, rispettare, salutare con rispetto.

Rivirutu – agg. Riverito, ossequiato, rispettato.

Rivosi – loc. Ha preteso, ha rivoluto.  

Rivugghimentu – s. m. Agitazione, eccitazione d'animo.

Rivugghiri - intr. Agitarsi, eccitarsi, fremere, ribollire.

Rivugghiutu – agg. Ribollito.

Rivuliri - tr. Volere di nuovo, volere indietro.

Rivuluni – s. m. Lunga tavola da usare come livella nell'edilizia.

Rivutarisi - rifl. Voltare nuovamente, girarsi.

Rivutatu – agg. Messo alla rovescia.

Rizza – s. f. Rete da pesca.

Rizzagghiu – s. m. Rezzaglio, antica rete da pesca di forma circolare, legata a una corda al centro del cerchio.

Rizzu – s. m. Mammifero ricoperto di aculei che vive nei boschi| involucro spinoso di castagna| riccio di mare.

Rizzufinu - s. m. Intonaco civile per rifinire le parenti interne di una casa.

Robba – s. f. Tutto ciò che comprende beni mobili e immobili, costituisce ricchezza, vestiti, corredo.

Robacarti – s. m. Gioco di carte che consiste nel girarne una alla volta, rubamazzetto.

Robustizza – s. f. L'essere robusto, robustezza.

Rocca – s. f. Roccia, ogni massa di pietra viva che affiori dalla superficie terrestre.

Rocchiu – s. m. Pezzo di materiale vario, di forma approssimativamente cilindrica, ma piuttosto corto e massiccio, e in genere alquanto grosso |R. ri sozizza – R. di salsiccia.

Roggiu, rologgiu – s. m. Orologio, indicatore del tempo.

Rologgiaru – s. m. Chi vende, aggiusta, ripara orologi.

Rossu - agg. Grosso, contrario di sottile, spesso, di persona grande e grossa.

Rosula – s. f. Gelone.

Rota – s. f. Corredo, insieme di beni che i genitori assegnano ai figli in età di sposarsi| ruota.

Rotulu – s. m. Cosa avvolta su se stessa.

Rovesciari - tr. Traboccare, rimettere, vomitare.

Rovesciarisi - rifl. Capovolgersi, vomitare.

Rovesciu – s. m. Vomito| la parte che si oppone al diritto| il calciare la palla all'indietro.

Rozzizza – s. f. Comportamento rozzo, villania.

Rozzu - agg. Grossolano, zotico, incivile, incolto.

Rubari - tr. Appropriarsi l'altrui bene, rapire, commettere furto.

Rubatina – s. f. L'atto del rubare.

Rubbuneddru - s. m. Giacca per bambini aperta davanti.

Rubbuni - s. m. sorta di giacca con maniche ampie aperta sul davanti.

Ruccheddru, rutinu  – s. f. Quantità di filo o spago avvolto, complotto, fatto ordito, intricato | Essiri un R. - essere un poco di buono, un imbroglione.

Rucchiddraru - s. m. Chi tesse intrighi, imbrogli.

Rucciazza, rucciuna – s. f. Grande roccia.

Rucculiamentu – s. m. Lamento conitnuo.

Rucculiari - tr. Lamentare, compiangere.

Rucculiarisi – rifl. Lagnarsi, lamentarsi.

Rucculusu - agg. Brontolone, lamentoso, fastidioso.

Ruddruliari - tr. Ingarbugliare, capitombolare, ruzzolare.

Ruddruliu – s. m. Capitombolo, rovina.

Ruddruliuni – agg. Ruzzolone.

Ruffianarisi - rifl. Essere servile.

Ruffianazzu - agg. Molto servile.

Ruffianeddru - agg. Servizievole, poco ruffiano o di bambino ruffiano.

Ruffianu - agg. Servile, favoreggiatore, che fa gli interessi altrui per averne favori, ruffiano.

Rufuliari – tr. Mulinare del vento, girare.

Rufuliata – s. f. L’azione del vento che gira, mulinello.

Rufuliuni – s. m. Turbinio, vortice.

Rugginiri - intr. Ricoprire di ruggine, ossidarsi, arrugginire.

Rugginutu - agg. Coperto di ruggine.

Rugna – s. f. Malattia della pelle, scabbia, rogna.

Rugnuni – s. m. Organo dell’intestino.

Rugnusazzu - agg. Molto rognoso, ostico.

Rugnuseddru - agg. Poco rognoso.

Rugnusu - agg. Affetto da rogna| Ingrato, pesante.

Rullari – tr. Appianare col rullo.

Rullata – s. f. Una passata di rullo.

Rullatina, rullatura – s. f. L’atto del rullare.

Rumaneddru – s. m. Spago forte.

Ruminica - s. f. Domenica.

Rumpiri - tr. Sconnettere, guastare, frantumare, spezzare.

Rumpitina – s. f. Rottura, l'atto del rompere.

Rumputu – agg. Rotto.

Runfuliari – intr. Far rumore nel respirare dormendo, russare, ronfare.

Runcu – s. m.  – s. m. Pesce simile all’anguilla di colore grigio, grongo.

Runni – avv. Dove |V. Dunni.

Runniegghié - avv. Dovunque, dappertutto, da qualsiasi parte.

Runzu - s. m. Pianta spinosa della famiglia delle rosaceae, rovo (Rubus ulmifolius).

Ruppazzu – s. m. Grosso o brutto nodo.

Ruppiceddru, ruppiddru, ruppuzzu – s. m. Piccolo nodo.

Ruppiddrusu - agg. Pieno di piccoli nodi.

Ruppu – s. m. Nodo.

Ruppuni – s. m. Grosso nodo.

Ruppusu - agg. Pieno di nodi, nodoso.

Rurici – agg. V. Durici.

Rurimentu – s. m. Il rodere| rabbia, tormento.

Ruriri – tr. Arrabbiarsi, irritare, innervosire, indurre alla rabbia.

Ruru - agg. Duro.

Rurusu - agg. Dispettoso, fastidioso, indisponente.

Rurutu – agg. Roso, arrabbiato.

Rusicabili - agg. Che si può rosicchiare, masticare.

Rusicari - tr. Sgretolare con rumore qualcosa in bocca, sgranocchiare.

Rusicatina – s. f. Atto del rosicchiare, del masticare.

Rusiceddra, rusiddra – s. f. Piccola rosa.

Russania - s. f. Malattia dei bambini con macchie sulla pelle, rosolia.

Russiari - intr. Rosseggiare, tendere al rosso, arrossire.

Russiatu – agg. Arrossato, divenuto rosso.

Russignu - agg. Rossiccio, che dà sul rosso.

Russizza – s. f. Grossezza, l'essere grosso.

Russu - agg. Di colore rosso.

Russuliddru, russuneddru - agg. Grassottello.

Rutazza – s. f. Grande o brutta ruota.

Ruticchia, rutiddra – s. f. Piccola ruota.

Ruttazza – s. f. Brutta e profonda grotta.

Ruttazzu – s. m. Rumoroso e poco piacevole rutto.

Rutti – s. f. Grotta| qualsiasi tipo di vuoto sotterrane, cavità più o meno estesa del terreno sottostante al suolo (ambiente ipogeo).

Rutticeddra, ruttiddra – s. f. Piccola grotta.

Rutticeddru, ruttiddru, ruttinu – s. m. Piccolo rutto.

Ruttu – s. m. Emissione di gas dalla bocca, rutto| agg. Rotto, spezzato.

Ruttuliddru – s. m. Poco rotto.

Ruttuna – s. f. Grande grotta.

Ruttuni – s. m. Rumoroso rutto.

Ruttuzza – s. f. Piccola grotta.

Ruttuzzu – s. m. Piccolo rutto.

Rutuliari - intr. Girare su se stesso.

Rutuliarisi - rifl. Rotolarsi più volte, ruotare su se stesso.

Rutuliuni – s. m. Rapido capitombolo.

Ruvina – s. f. Grave perdita, disastro economico.

Ruvinari - tr. Cadere giù, mandare in perdizione, danneggiare, ridurre in miseria.

Ruvinarisi - rifl. Ridursi in miseria.

Ruzzuliari - intr. Girare su se stesso, rotolare, cadere in modo travolgente.

Ruzzuliarisi - rifl. Stramazzare, arrotolarsi.

Ruzzuluni – s. m. Caduta rovinosa, arrotolamento.

 Torna all’Indice