Crea sito

HOME

RICETTE

I PESCI

FOTO

RADICI

ESPERIENZE

CONTATTI

LINK

 

 

Faccioli e Farfanti tenili distanti

 

Lettera F

Fabbrica– s. f. Fabbrica, costruzione, edificio.

Fabbricari – tr. Costruire, realizzare, creare.

Facchinazzu - agg. – s. m. Gran maleducato.

Facchineddru - agg. Che ha modi da maleducato.

Facci – s. f. Volto, viso| Parte del corpo umano dalla fronte all'estremitΰ del mento| lato o parte di superficie piana, ciascuna banda di foglio o stampato| parte vista di una costruzione.

Facciazza – s. f. Grosso o brutto volto.

Faccifacci - nella loc. Iccari o ittari F. - agire senza ritegno.

Faccifaria – s. f. Angheria, sopruso, atto di prepotenza.

Facciolu - agg. Bugiardo, falso, ambiguo, vigliacco, ipocrita, che si appoggia al piω forte per trarne vantaggi.

Facciprova – loc. Confronto| Fari F. – mettere a confronto due persone.

Faccitosta - agg. Discolo, monello, che non prova vergogna e rimane sordo al rimprovero| espansivo, aperto| anche:  facci tosta.

Facciuna – s. f. Grande faccia.

Facciuni – s. m. Grande volto.

Facciuzza – s. f. Viso asciutto o di bambini.

Facemula – loc. Facciamola.

Facenna – s. f. Cosa da farsi o da compiersi, affare, negozio, fatto, problema.

Facianu - V. Fascianu.

Facileddru - agg. Poco impegnativo.

Facilista – s. m. Facilone, irresponsabile, superficiale.

Faciluzzu - agg. Semplice, fattibile.

Facinneri - agg. – s. m. Chi o che θ occupato o attende ai lavori altrui a pagamento.

Faiddra – s. f. Stella cadente, schizzo di carbone acceso, scintilla, fiammella.

Falarata – s. f. Grembiulata, quanta roba puς contenere il grembiule della massaia.

Falarazzu – s. m. Ampio o brutto grembiule.

Falareddru – s. m. Piccolo grembiule o grembiulino dello scolaro.

Falari – s. m. Grembiule, pezzo di pannolino cinto ai fianchi che certi bottegai portano dinanzi e scendente per lo piω fino a mezza gamba, a protezione del vestito, indumento per gli scolari e per certe categorie di lavoratori.

Falarinu, falaruzzu – s. m. Piccolo grembiule.

Falaruni – s. m. Grande grembiule e suo contenuto.

Fallignami – s. m. Artigiano che lavora il legno, falegname.

Fami – s. f. Voglia o bisogno di mangiare.

Famiceddra, famuzza  – s. f. Piccola bisogno di mangiare.

Famiggheddra – s. f. Piccola famiglia.

Famigghia – s. f. Numero di persone congiunte da vincolo di sangue.

Famigghiazza – s. f. Famiglia di basso condizione

Famigghiola – s. f. Piccola famiglia.

Famigghiuna – s. f. Famiglia numerosa.

Famigghiuzza – s. f. Piccola famiglia.

Famuna – s. f. Bisogno di mangiare.

Fanalazzu – s. m. Grosso o brutto faro.

Fanaleddru, fanaluzzu – s. m. Piccolo faro.

Fanalinu - s. m. Piccolo faro.

Fanaluni – s. m. Grosso faro.

Fanaticaria – s. f. Modo stucchevole di comportarsi dell’uomo, ostentazione del bello, del nuovo, di ciς che non θ, narcisismo, mostra di sι.

Fanaticazzu - agg. Molto preso di sι.

Fanaticheddru - agg. Poco preso di sι.

Fanatichizza – s. f. L'essere borioso, fanatico.

Fanfalu – s. m. Pesce pilota, Naucrates ductor, diffuso in tutto il Mediterraneo | Per saperne di piω: http://andreasormani.altervista.org/pesci.htm#Pescepilota

Fanfarata - s. f. Fuoco vivo a fiamma alta e di poca durata, fiammata, falς.

Fanfariuni – agg. Narcisista, che vuole apparire quello che non θ, smargiasso, spaccone.

Fanfarunata – s. f. Atto da spaccone.

Fanfarunazzu - agg. – s .m. Grande spaccone.

Fanfaruneddru - agg. – s. m. Piccolo presuntuoso.

Fanfaruni - agg. – s. m. Spaccone, uomo vano che minaccia, ostentando coraggio che non ha, smargiasso, presuntuoso.

Fangazzu – s. m. Quantitΰ eccessiva di mota.

Fanghiceddru – s. m. Quantitΰ minima di mota.

Fangu – s. m. Fango, persona di scarsa qualitΰ morale.

Fani – loc. Fa - dal verbo fari.

Fanni – V.v. fari – fa a noi.

Fannillu – loc. Faccelo.

Farchiteddru, Farcuneddru – s. m. Piccolo falco.

Farcu – s. m. Uccello di rapina simile allo sparviero| di uomo - astuto, avido, vorace.

Farcunazzu – s. m. Grosso falco.

Farcuni – s. m. Grosso falco.

Faretta, faritteddra - s. f. Sottoveste, uomo sottomesso al volere della moglie.

Farfallunazzu - agg. Grande imbroglione, che non sta alla parola| fanfarone, che non mantiene le promesse.

Farfalluneddru - agg. Piccolo imbroglione, fanfarone.

Farfalluni - agg. Imbroglione, fanfarone che racconta frottole o fatti dal proprio punto di vista, che non rispetta l'accordo.

Farfalluzza – s. f. Piccola farfalla.

Farfantaria – s. f. Bugia, menzogna, frottola.

Farfanti - agg. Bugiardo, menzognero, fanfarone, millantatore.

Farfantunazzu - agg. Gran furfante.

Fari – s. m. Comportamento, modo d'agire.

Fari - tr. Operare, agire, eseguire, diventare, svolgere, maturare, lievitare.

Fariccilla – loc. Riuscirci.

Fariccinni – loc. Fargliene.

Farinaru – s. m. Venditore di farina.

Farinazza – s. f. Gran brutta farina.

Farinazzu – s. m. Pastone di farina che si dΰ a mangiare alle bestie.

Farsari – tr. Ricavare copie illegalmente.

Farsariu – s. m. Contraffattore di oggetti, di monete.

Farsiari - tr. Mostrarsi scorretto, allontanarsi dal vero, dal giusto.

Farsiatina – s. f. Mutamento di cosa da vera a falsa| inganno, scorrettezza.

Farsu – s. m.  finto, simulato, contraffatto | bugiardo | falsitΰ.

Farsuliddru - agg. Poco contraffatto, bugiardo.

Fasceddra, fascedda  – s. f. Fiscella, canestro in vimini per ricotta e formaggio.

Fascianu – s. m. Pesce Capone Lyra della famiglia dei triglidi che si distingue per la sua testa grossa in proporzione al corpo | Per saperne di piω:  http://andreasormani.altervista.org/pesci.htm#Caponelira

Fasciatina – s. f. L'atto del bendare, legatura di pighe.

Fasciazza – s. f. Larga o brutta fascia.

Fasciceddra – s. f. Piccola o stretta fascia.

Fasciteddra – s. f. Piccola benda.

Fasciteddru - sm. Fascina| piccolo fascio.

Fasciuzza – s. f. Piccola o stretta fascia.

Fasola, fasolu  – s. f. Fagiolo, sorta di pianta erbacea delle leguminose| i cariossidi di essa pianta.

Fastidiari, fastiriari - tr. Infastidire, importunare.

Fastidiatu, fastiriatu - agg. Infastidito, importunato.

Fastidiu, fastiriu – s. m. Stato d'animo di sensazione modesta.

Fastidiuseddru, fastiriuseddru - agg. Poco fastidioso, importuno.

Fastidiusu, fastiriusu - agg. Importuno, seccante.

Fastuca - s. f. Pistacchio | A Mazara con questo termine si indicano oggetti di materia plastica.

Fasulina – s. m. Fagiolo in tenero baccello da mangiare come contorno.

Fattazzu – s. m. Atto abominevole| agg. Molto maturo.

Fatticeddru – s. m. Piccola storia, racconto semplice| agg. Quasi maturo.

Fattizzi – s. m. Lineamenti, tratti somatici dell’uomo.

Fattizzu - agg. Di frutto, troppo maturo, di pane, ben lievitato, pronto per essere infornato.

Fattu - agg. Di frutto, maturo, di tema, portato a termine, eseguito, concluso, svolto, di pane, lievitato, di palazzo - costruito, edificato.

Fattura – s. f. Maleficio, malia, sortilegio, stregoneria, nota della merce venduta.

Fattustΰ - loc. Il fatto θ.

Fauci – s. f. Strumento a lama curva, falce.

Fauciata – s. f. Colpo di falce, quello che si riesce a falciare in una volta.

Fauciazza – s. f. Grande o brutta falce.

Fauciuna – s. f. Grande falce.

Faurazzu – s. m. Grande o brutto favore.

Faureddru, fauruzzu – s. m. Piccolo favore.

Fauri – s. m. Grazia che si conferisce altrui, dimostrazione d'affetto e di stima che ci viene da altri.

Fauriri - tr. Gradire, accettare| Entrare, accomodarsi.

Fauruni – s. m. Grosso favore.

Fausu, Favusu – agg. Imbroglione, inaffidabile, scorretto, riluttante, che non risponde alle attese, falso.

Favazza – s. f. Grossa o brutta fava |non rispondente alle attese, non maturo | Muluni F.  – Anguria non rispondente alle attese.

Favetta – s. f. Fava minuta.

Favuci – s. f. V. Fauci.

Favuna – s. f. Grossa fava.

Favurazzu – s. m. Grosso o brutto favore.

Favureddru – s. m. Piccolo favore.

Favuri – s. m. Protezione, aiuto, disponibilitΰ, favore| v. fauri.

Favurutu – agg. Dato per favore, prescelto.

Favusazzu – agg. Troppo imbroglione, falso.

Favuseddru – agg. Poco falso.

Favusiari – intr. Agire da bugiardo, da imbroglione.

Favuzza – s. f. Piccola fava.

Fazzi - avv. Per caso, per ipotesi, ammettiamo che, qualora, se.

Fazzittuni – s. m. Grande scialle di lana per ripararsi dal freddo, plaid.

Fazzulata – s. f. Contenuto di un fazzoletto.

Fazzulittata – s. f. Quanta roba puς contenere un fazzoletto.

Fazzulittazzu – s. m. Grande o brutto fazzoletto.

Fazzulitteddru, fazzulittinu – s. m. Piccolo fazzoletto da naso.

Feddra – s. f. Parte di alcuna cosa tagliata sottilmente dal tutto, fetta.

Feli – s. m. Umore, amaro, che si ricava dal fegato| Scoppiarici u F. – crepare per la stanchezza| Sputari F. - avere l’amaro in bocca.

Fella – s. f. Pianta erbacea perenne, Ferula Communis, molto diffusa nel bacino del Mediterraneo e nota come finocchiona.

Fenu – s. m. Erba secca da dare in pasto al bestiame, fieno.

Fera – s. f. Mercato autorizzato | Pesce Delfino.

Fermentari, fermintari - V. firmintari.

Fermu - agg. Privo di moto, deciso, autoritario| s. m. Arnese con cui si bloccano gli infissi, arresto di polizia, blocco, sequestro.

Ferrabottu – s. m. Traghetto, nave che trasporta cose e persone da una sponda all'altra.

Ferraustu – s. m. Metΰ agosto.

Ferriu - agg. Di ferro.

Ferru – s. m. Metallo solido di colore grigio, semplice in natura, duttile, malleabile| Aviri na saluti ri F. - essere sano e forte| F. filatu - fil di ferro | Iccari o ittari lu F. a mari – ancorarsi | Tuccari F. - essere scaramantico| | Lu F.  si batti quannu θ cavuru  – il ferro, si forgia quando θ caldo.

Festaiolu, fastaloru - agg. Che non ama lavorare.

Festi – s. m. Giornate imposte come festive.

Fetiri - intr. Puzzare| loc. Lu pisci feti ri la testa – I guai vengono da chi ci governa.

Fetu – s. m. Puzza, odore.

Feu – s. m. Vastissima estensione di terra appartenente a unico proprietario| feudo.

Fezza – s. f. Parte sporca o posatura del vino che si deposita nel fondo della botte, feccia.

Fiaccamentu – s. m. Stanchezza, debolezza.

Fiaccatina – s. f. Mancamento di forza| debolezza.

Fiaccu - agg. Debole, spossato, stanco.

Fiacculiddru - agg. Poco debole.

Fiaccuni - agg - Troppo debole.

Fialeddru – s. m. razzo,  superl.  velocissimo

Fialetta – s. f. Involucro di vetro che contiene sostanza medicamentosa.

Ficara – s. m. Albero o luogo coltivato a fichi.

Ficatazzu – s. m. Grande fegato.

Ficateddru – s. m. Piccolo fegato| Ogni F. i musca θ sustanza - ogni piccola cosa puς avere la sua utilitΰ.

Ficatu – s. m. Ghiandola del corpo umano o animale che secerne la bile| Aviri F. - essere coraggioso.

Ficcaloru - agg. Che ha la mania, il vizio di fare sesso.

Ficcamentu – s. m. Introduzione| Penetrazione.

Ficcari - tr. Penetrare, introdurre.

Ficcata – s. f. Atto sessuale, introduzione, penetrazione di cosa.

Ficcatazza – s. f. Piacevole e lungo atto amoroso| penetrazione difficoltosa ma piacevole.

Ficcateddra – s. f. Piacevole e sbrigativo atto amoroso, leggera penetrazione.

Ficcatina – s. f. Penetrazione.

Ficcaturi – s. m. Chi ha dissolutezza, l'abitudine di fare l'amore.

Ficimu – v. v. – Facemmo.

Ficuna – s. f. Grosso fico.

Ficurigna, ficurinnia – s. f. Frutto ovale spinoso, molto dolce, a forma di botte, ficodindia .

Ficurignaru, ficurinniaru – s. m. Raccoglitore di fichidindia.

Ficurignata, ficurinniata  - s. f. Grande mangiata di fichidindia.

Ficurignazza – s. f. Grosso ficodindia.

Ficurigneddra – s. f. Piccolo ficodindia.

Ficurignuna – s. f. Grosso ficodindia.

Ficusicca – s. f. Fico essiccato per dolci.

Ficuzza – s. f. Piccolo fico.

Fiddrata – s. f. Ferita inferta col coltello o cosa tagliente.

Fiddratina – s. f. Taglio, ferita.

Fiddrazza – s. f. Grossa fetta.

Fiddreccula – s. f. Uccello simile all'anatra vive in grandi stormi vicino ad acque stagnanti, folaga.

Fiddriari - tr. Tagliare con volontΰ di deturpare il viso| affettare.

Fiddriceddra, fiddruzza – s. f. Piccola fetta.

Fiddriculi – s. f. Pianta della famiglia delle Urticaceae, possiede numerosi peli che, toccati, causano un forte prurito, ortica.

Fiddrusu – agg. Riconducibile a fette.

Figghia – s. f. Nata da una coppia, figlia. 

Figghiari - tr. Partorire, dare alla luce, mettere al mondo.

Figghiastru – s. m. Figlio del coniuge di seconde nozze.

Figghiata – s. f. Parto.

Figghiazzu – s. m. Figlio poco rispettoso dei genitori.

Figghiolu – s. m. Bravo ragazzo o figlio.

Figghiozzu – s. m. Chi θ tenuto a battesimo o a cresima.

Figghiu – s. m. Nato da una coppia.

Figghiulami – s. f. Insieme dei figli.

Figghiulanza, figghiulata – s. f. Numero dei figli di una coppia.

Figurazza – s. f. Brutta figura| V. fiurazza.

Figurinu – s. m. Damerino, chi veste con ricercatezza.

Figuruni – s. m. Grande figura, riuscita.

Filaru – s. m. Filare, serie di tanti alberi o viti, posti uno a una determinata distanza dall’altro.

Filari - tr. Ridurre a filo| Rigar dritto, andare a velocitΰ sostenuta.

Filarisilla - rifl. Darsela a gambe, scappare, svignarsela.

Filata – s. f. Fila| successione di alberi.

Filatu – s. m. Ogni cosa filata e l'atto| agg. Di fibra che θ stata trasformata in filo| ferru o filu f. - fil di ferro.

Filatura – sf. L’atto del filare.

Filaturi - sm. Chi trasforma le fibre in genere in fili di vario spessore.

Filazzu – s. m. Lungo o grosso filo.

Fileccia - sf. Fionda, v. faleccia| I carnuzzi to si n’hanu ha beniri fileccifilecci - possa tu essere colpito da una

Filera – s. f. Insieme di cose disposte una di seguito all'altra.

Filettari - V. filittari.

Filiddra,filiddru – V. Piliddra

Filinia – s. f. Ragnatela| trappola per mosche e insetti.

Fillata – s. f. Affettato, mortadella.

Fillizzu – s. m. Sgabello rudimentale molto usato nelle case di campagna realizzati usando tronchi di Ferla (Ferula communis).

Fimmina – s. f. Donna, animale di sesso femminile.

Fimminaru - agg. Donnaiolo, che corre dietro alle donne, cascamorto.

Fimminazza – s. f. Scostumata, donnaccia.

Fimmineddra – s. f. Giovane donna, pervertito.

Fimminuna – s. f. Donnone, brava massaia.

Fina – loc. Fino a

Finaeri - loc. Fino a ieri.

Finallultimu – loc. Fino alla fine.

Finantura - loc. Fino a poco tempo fa.

Finarda – s. f. Limite, confine di proprietΰ tra terreni agricoli.

Finastura - loc. Fino a questo momento.

Finemula – loc. Cerchiamo di smetterla.

Finimentu – s. m. Compimento, ritocco| ornamento di cavallo.

Finistrazza – s. f. Grande o brutta finestra.

Finistreddra - s. f. Piccola finestra.

Finistrinu – s. m. Apertura con caratteristica di finestra, lucernario.

Finistruna – s. f. Grande finestra.

Finistruni – s. m. Larghissima finestra, apertura che dΰ accesso ad un ballatoio, balcone.

Finistruzza – s. f. Piccola finestra.

Finitoria – s. m. Fase finale, termine.

Finocchiu – s. m. Pianta ortense con foglie carnose | Pederasta, omosessuale.

Finu - agg. Molto sottile, delicato, impreziosito, di qualitΰ.

Finucchiata – s. f. Campo coltivato a finocchi.

Finucchiazzu – s. m. Grosso o brutto finocchio.

Finucchieddru  - s. m. Finocchio selvatico (Foenicolum vulgare), aneto.

Finuliddru - agg. Delicato, dai lineamenti piacevoli.

Finuligghi – s. m. usato al pl.  Residui | V. Funnurigghiu

Finumunnu – loc. Fine del mondo.

Finutu - agg. Terminato, completato, consumato, rovinato, usurato.

Fioccu – s. m. V. Scocca.

Fioraiu – s. m. Venditore di fiori.

Firarisi - rifl. Essere capace, avere le forze| Firarisilla – averne le capacitΰ.

Firatina – s. f. Capacitΰ, certezza di riuscire.

Firatu - agg. Di assoluta onestΰ.

Firi – s. f. Aviri F. – fidarsi.

Firili – agg. Che si comporta conformemente alla fiducia che gli θ stata accordata, fedele.

Firimentu – s. m. Il ferire.

Firiri - tr. Offendere, colpire nell'intimo.

Firirisi - rifl. Tagliarsi con qualunque cosa.

Firita – s. f. Escoriazione, squarcio fatto con arma o altro.

Firitu – agg. – s. m. Chi θ colpito grave e ha bisogno di cure immediate.

Firituri – s. m. Chi causa ferite.

Firmaggheddru – s. m. Piccola forcina, borchia.

Firmagghiazzu – s. m. Grossa o brutta forcina.

Firmagghiu – s. m. Filo di ferro piatto, ripiegato in due, a molla per fermare i capelli| borchia, forcina.

Firmagghiuni – s. m. Grossa forcina, borchia.

Firmari - tr. Garantire l’autenticitΰ di uno scritto| sottoscrivere un contratto| Arrestare, bloccare| serrare, chiudere| apporre la firma| filmare.

Firmarisi - rifl. Bloccarsi, arrestarsi di scatto, trattenersi, sottoscrivere.

Firmata – s. f. Bloccaggio| bivacco, sosta.

Firmatazza – s. f. Lunga sosta, attesa.

Firmateddra – s. f. Sosta breve.

Firmatina, firmatura – s. f. Sosta, attesa| chiusura, bloccaggio.

Firmentu – s. m. Ebollizione, movimento incessante di persone.

Firmiceddra – s. f. Sottoscrizione a piccoli caratteri.

Firmintari - intr. Ribollire.

Firmintatura – s. f. Bollore.

Firmuneddru – s.  m. Una mandata, un giro di serratura.

Firnicia – s. f. Frenesia, smania.

Firragghia, firrami – s. f. Pezzatura di metallo.

Firraiolu – s. m. Artigiano che lavora il ferro nei cantieri.

Firrami – s. f. Insieme di ferri.

Firrari - tr. Rivestire gli zoccoli dei cavalli.

Firraru – s. m. Fabbro | F. ferrascecchi – s. m. Chi mette i ferri ai cavalli, fabbro ferraio.

Firratura – s. f. Insieme dei ferri che rivestono gli zoccoli dei cavalli.

Firraturi – s. m. Chi applica i ferri alle bestie, maniscalco.

Firrazzu – s. m. Grosso o vecchio pezzo di ferro.

Firrettu – s, m. Catenaccio, chiavistello, saliscendi,  asta di ferro con cui si serra la porta dall'interno, forcina per capelli.

Firrignu - agg. Duro, tenace, compatto, resistente.

Firrittinu – s. m. Borchia a u per fermare i tupθ alle signore.

Furrittiusu – agg. Antipatico, seccante.

Firriuni – s. m. Torsione, giro completo, mandata.

Firriusu – agg. Chi o che mette sempre puntigli, cavilloso, pretestuoso.

Firruni – s. m. Grosso pezzo di ferro.

Firruzzu – s. m. Piccolo pezzo di ferro.

Firticchiu - s. m. Capriccio, voglia, estro.

Firtrari - tr. Passare un liquido attraverso un velo, filtrare.

Firtru – s. m. Corpo poroso che trattiene le parti solide di un liquido.

Firutu - agg. Che θ stato colpito, ferito.

Fiscalettu – s. m. Aggeggio che emette suoni soffiandovi, fischietto.

Fiscalittazzu – s. m. Grosso fischietto.

Fiscalitteddru – s. m. Piccolo fischietto.

Fischiatu – agg. Disapprovato.

Fischiaturi – s. m. Chi o che emette fischi.

Fischiateddra – s. f. Breve fischio, leggera disapprovazione.

Fischiateddru - agg. Poco disapprovato con fischi.

Fischiatina – s. f. L'atto del fischiare, del disapprovare.

Fischiu – s. m. Suono acuto che si fa con la bocca.

Fissa - agg. Che si lascia prendere in giro.

Fissaria – s. f. Sciocchezza, atto, detto di nessun significato.

Fissiarisilla - loc. Esitare a compiere un'azione, perdere tempo, indugiare.

Fistaiolu, fistaloru - agg. Amante, frequentatore di feste |s. m. Chi organizza feste.

Fistinu – s. m. Divertimento, trattenimento |Festa dedicata -  F. di Santu Vitu |Festa trasgressiva. 

Fistuna – s. f. Grande festa, ben riuscita.

Fistusu - agg. Contento, giocoso.

Fistuzza – s. f. Festicciola.

Fitintazzu - agg. Puzzolente al massimo.

Fitinteddru - agg. Poco puzzolente.

Fitintumi – s. f. Puzza.

Fitintuni - agg. – s. m. Gran puzzolente.

Fitintuzzu - agg. – s. m. Piccolo puzzolente.

Fitinzia – s. f. Sporcizia, sudiciume.

Fitiri - intr. Puzzare, emanare fetore |v. fetiri.

Fituri – s. m. Puzza, odore nauseante.

Fitusazzu - agg. Molto puzzolente.

Fituseddru - agg. Poco puzzolente.

Fitusu - agg. Puzzolente, maleodorante.

Fiura – s. f. Figura| Fari F. - non tradire le aspettative| Fari mala F. - fare una figuraccia| Fari na bella F. - ben figurare| Figura, immagine, icona.

Fiurari - tr. Rappresentare con figure, apparire.

Fiurarisi - rifl. Credere, pensare, immaginare.

Fiurazza – s. f. Brutta figura.

Fiurazzu – s. m. Grosso o brutto fiore.

Fiurera – s. f. Vaso da davanzale.

Fiuriceddra, fiuriddra, fiureddra – s. f. Piccola edicola  votiva contenente l’immagine del santo a cui θ dedicato |figura misera, immagine | V. Chisiola.

Fiuriceddru, fiuriddru – s. m. Piccolo fiore.

Fiurina – s. f. Piccola figura.

Fiurizza – s. f. Tempo di maggiore apertura.

Focu – s. m. Mistura di luce e di calore di cose che bruciano, fiamma, fuoco

Foddri - agg. Pazzo, dissennato, insensato.

Fodira – s. f. Tela, panno o altro con cui nel rovescio si rinforza il vestito | A F. do chiumazzu - la federa del cuscino.

Fodirazza – s. f. Brutta tela.

Fodirazzu – s. f. Brutto o grande fodero.

Fodiru – s. m. guaina, astuccio.

Fodiruni – s. m. Grande fodero.

Fodiruzzu – s. m. Piccolo fodero.

Fogghia – s. f. Parte con cui la pianta respira, foglia.

Fogghiu – s. m. Carta composta di due facciate, foglio.

Fommu – loc. Siamo stati.

Fora - avv. Fuori| Opposto a intra – dentro.

Foramanu - avv. Lontano| anche – Fora manu.

Foravia – s. m. Carico che non θ dello stesso seme nel gioco della briscola.

Forfici – s. f. Forbici.

Foristeri – s. m. D'altro paese, straniero.

Formaggiu – s. m. V. tumazzu.

Fororariu - loc. Fuori tempo massimo.

Fossu – s. m. Grande buca.

Fracassazzu – s. m. Gran pialletto.

Fracasseddru – s. m. Piccolo pialletto.

Fracassiatina – s. f. L'atto del piallettare.

Fracassiatizzu - agg. Molto piallettato.

Fracassiatu - agg. Piallettato, spianato, lisciato.

Fracassinu – s. m. Piccolo pialletto.

Fracassu – s. m. Arnese di legno o in acciaio del muratore per spianare o lisciare l'intonaco, frattazzo| rumore di cose che si rompono| strepito grande, danno, rovina, rumore.

Fraccata – s. f.  Grande quantitΰ di qualcosa.

Fraccu - agg. Magro, debole, gracile.

Fracculiddru - agg. Debole, dimagrito.

Franchigghia – s. m. Beneplacito, consenso.

Francu - agg. Gratis, in omaggio, libero, esente da gravezze.

Franiatri - loc. Fra noi.

Frariciu - agg. Marcio, guasto, corrotto.

Frariciumi – s. m. Quantitΰ di cose marce, di persona corrotta.

Frariciuni - agg. Molto marcio o corrotto.

Frariddri – loc. Fra loro.

Fraschi – s. m. Rametti fronzuti e secchi.

Fratastru – s. m. Fratello nato da genitore diverso dal proprio| Fratello dal cuore arido cui non si vuole bene.

Fratazzu – s. m. Cattivo fratello.

Frati – s. m. Nato dai medesimi genitori| religioso di un ordine.

Fratta – s. f. Sterpaglia, erba secca.

Frattami – s. f. L'insieme di erbe secche.

Frattazza – s. f. Abbondante erba secca, buona da bruciare.

Fratticeddra – s. f. Erbetta secca.

Fratuni – s. m. Grosso o grande frate, fratello.

Fratuzzu – s. m. Piccolo fratello.

Frazzata – s. f. Coperta che riesce a contenere tanto quanto la larghezza delle braccia.

Frazzatazza – s. f. Grande coperta.

Frazzateddra – s. f. Piccolo coperta.

Frevi – s. f. Calore oltre il normale, febbre  .

Fricarisinni – loc. Non prendere in considerazione, fregarsene.

Fricatura – s. f. Fregatura| Raggiro, presa in giro.

Friddiceddru – s. m. - agg. Leggero freddo.

Friddizza – s. f. L'essere freddo.

Friddu – s. m. La sensazione contraria al caldo, periodo in cui la temperatura si mantiene bassa| agg. Freddo, che ha poco calore, timido, senza entusiasmo.

Fridduliddru - agg. Poco freddo| s. m. Leggero freddo.

Friddulinu - agg. Che patisce il freddo.

Friddusu – agg: Che accumula e da freddo, persona che patisce il freddo.

Friddura – s. f. Frescura, sensazione di freddo.

Fridduri – s. m. Freddo| Freddezza.

Friiri - tr. Cuocere in padella con olio, fremere, friggere.

Friitina – s. f. L'atto del cuocere in padella.

Friituna – s. f. Lunga frittura.

Friitura – s. f. Azione del friggere.

Friituri – s. m. Chi o che frigge o vende roba fritta.

Friscanzana – s. f. Fresco del mattino che penetra nelle ossa.

Frischiari - tr. Mandar suoni col fischietto, con la bocca, con le dita.

Frischiata – s. f. Disapprovazione manifestata con fischi, uso del fischietto.

Frischiceddru - sm. Freschetto, aria piacevole, leggero fischio| agg. Che θ leggermente freddo.

Frischizza – s. f. Freddo moderato e piacevole| rigoglio di gioventω| carni fresche| frutta e verdura di giornata.

Friscu – s. m. Freddo piacevole, fresco, luogo ombroso, frescura | agg. Fresco, non caldo, recente.

Frisculiari – tr. Avvertire sintomi di fresco, non essere disponibile.

Frisculiata – s. f. Antifona, sentore, fatto che presagisce qualcosa poco piacevole.

Frisculiddru - agg. Sufficientemente fresco, s. m. leggero freddo.

Friscura – s. f. Venticello piacevole| a F. - nel tardo, quando la temperatura si abbasserΰ.

Friscusu - agg. Che θ, che dΰ fresco.

Friscuzzu – s. m. Freschetto, piacevole fresco.

Frittatazza – s. f. Grande o brutta frittata.

Frittateddra – s. f. Piccola frittata.

Frittatuna – s. f. Grossa frittata.

Friuta – s. f. Il friggere una volta.

Friutazza – s. f. Il friggere a lungo.

Friutazzu - agg. Troppo fritto.

Friuteddra – s. f. Breve e leggera frittura.

Friuteddru - agg. Poco fritto.

Friutina – s. f. L'atto del friggere.

Friutizzu - agg. Molto fritto.

Friutu – agg. Cotto in padella con olio, rovinato.

Frivaru – s. m. Secondo mese dell'anno.

Frivazza – s. f. Alta o brutta febbre.

Friviceddra – s. f. Leggera febbre.

Frivuna – s. f. Alta febbre.

Frivuzza – s. f. Leggera febbre.

Frocia – s. f. Frittata di uova.

Frunti – s. f. Parte del viso sopra gli occhi, la parte vista di qualunque cosa.

Frunticeddra, fruntiddra – s. f. Piccola fronte.

Frustatazza – s. f. Grande rimprovero, colpo di frusta.

Frustatazzu - agg. Colpito ripetutamente con frusta, che grida come un ossesso, redarguito in malo modo.

Frustateddra – s. f. Lieve rimprovero, leggera frustata.

Frustateddru – agg. preso a leggere frustate.

Frustatina – s. f. il frustare.

Frustazza – s. f. Grande o brutta frusta.

Frustuna – s. f. Grande frusta.

Fruttaloru – s. m. Venditore di frutta e verdura.

Fruttaru – s. m. Venditore di frutti e verdure.

Fruttazzu – s. m. Grosso o brutto frutto.

Fruttera – s. f. Contenitore per la frutta.

Frutticeddru – s. m. Piccolo o piacevole frutto.

Fruttitu – s. m. Luogo coltivato a piante da frutto.

Fucilazzu – s. m. Grosso o brutto fucile.

Fucileddru – s. m. Piccolo fucile.

Fuciluni – s. m. Grosso fucile.

Fuciluzzu – s. m. Piccolo fucile.

Fuciuni - loc. Sgorgo o zampillo di acqua e altri liquidi in modo dirompente.

Fucusazzu - agg. Troppo focoso, scalpitante.

Fucuseddru - agg. Poco focoso, recalcitrante.

Fucusu - agg. Scalpitante, aitante, di natura ardente, facile all'ira.

Fuddra – s. f. Moltitudine di persone| calca di gente.

Fuddrazza – s. f. Grande calca di gente.

Fuiri - intr. Scappare.

Fuimentu – s. m. Allontanamento da casa.

Fuirisinni - rifl. Andarsene, scappare da coppie d'innamorati.

Fuitina – s. f. Fuga d'innamorati, il sottrarsi alla vigilanza dei genitori.

Fuiuta – s. f. Scappatella, durata di assenza d’innamorati.

Fuiutu - agg. Fuggito, scappato.

Fumaloru – s. m. Parte esterna della canna fumaria.

Fumazzu – s. m. Intenso e prolungato fumo| grande quantitΰ di fumo.

Fumeri – s. m. Sterco di animale, letame, strame, concime organico.

Fumiceddru, fumiddru – s. m. Piccola e leggera quantitΰ di fumo.

Fumiraru – s. m. Raccoglitore di letame e spazzatura varia da trasformare in concime organico.

Fumuseddru – agg. Superbo, preso da alterigia.

Fumusu - agg. Pieno, che manda fumo| superbo, borioso.

Fungia, funcia – s. f. Pianta senza foglie e senza fiori, fungo |labbra carnose di una persona| grugno.

Fungiazza – s. f. Grosso fungo, grugno, labbra troppo sporgenti.

Fungiceddra, fungiddra – s. f. Piccolo fungo, labbra carnose sporgenti.

Fungiuni-a – s. f. Grosso fungo, labbra troppo sporgenti.

Fungiutu - agg. Di persona, che ha labbra carnose e sporgenti, il grugno.

Fungiuzza - s. f. v. Fungiddra.

Funnacu -  s. m. Fondaco, letteralmente "casa-magazzino" svolgeva funzioni di magazzino e anche di alloggio per i mercanti stranieri. Solitamente si trattava di un locale sito al pianterreno.

Funnali – s. m. Il fondo del mare, fondale.

Funnamentu – s. m. Ano, orifizio all'estremitΰ dell'intestino retto.

Funniri - tr. Sciogliere metalli, fondere.

Funnirisi – rifl. Sciogliersi, liquefarsi.

Funnu – s. m. Profonditΰ del mare, la parte piω bassa di un recipiente, della sedia su cui ci sediamo, fondo |Fina 'n funnu = Fino in fondo.

Funnurigghiu – s. m. Residuo di fondi, feccia, resti del caffθ, morchia  | V.  Murga, Tuffu

Funnutazzu - agg. Troppo profondo.

Funnuteddru - agg. Poco profondo.

Funnutu - agg. Profondo, fondo| F. F. – profondissimo.

Funtaneddra – s. f. Piccola fontana.

Funtaneri – s. m. Chi θ preposto al funzionamento delle fontane di un comprensorio, alla loro manutenzione e alla fornitura dell’acqua controllata.

Furbiciari – tr. Tagliare con le forbici, parlottare di qualcuno senza motivo.

Furbiciaru – s. m. Venditore, riparatore o affilatore di forbici.

Furbiciazza – s. f. Grosse o brutte forbici.

Furbicina – s. f. Piccole forbici.

Furbiciuna – s. f. Grosse forbici.

Furbiciuni – s. m. Grosse forbici.

Furbu - agg. Chi con astuzia e accortezza mira a raggiungere i suoi fini.

Furbuliddru – agg. Poco furbo.

Furbuni - agg. Molto astuto.

Furceddra – s. f. Bastone lungo la cui cima termina con due o tre denti, chiamati rebbi, da mettere come supporto alla corda del bucato.

Furciddrata – s. f. Colpo di forca.

Furciddrazza, furciddruna – s. f. Alta e robusta forca.

Furciddruzza – s. f. Bassa e sottile forca.

Furcina – s. f. V. firmagghiu.

Furcunata – s. f. Forte bastonata.

Furfantuzzu - agg. Di bambino, bugiardo.

Furfι - sm. V. forfι.

Furficiari - tr. Parlare male di una persona.

Furficiaru – s. m. V. furbiciaru.

Furficiata – s. f. V. furbiciata.

Furficiusu – agg. Che parla male degli altri.

Furgunata – s. f. Quanto materiale si trasporta col furgone.

Furgunazzu – s. m. Gran furgone.

Furguneddru – s. m. Piccolo furgone.

Furiusazzu - agg. Troppo furioso.

Furiuseddru - agg. Poco furioso.

Furiusu - agg. Impetuoso, pazzo.

Furma – s. f. Stampo, calco, sagoma.

Furmaggiaru – s. m. Mangiatore o venditore di formaggio.

Furmaggiu - sm. V. tumazzu.

Furmaggiuni – s. m. Grossa forma di formaggio.

Furmarisi - rifl. Prendere forma.

Furmateddru - agg. Parzialmente formato.

Furmatina – s. f. L'atto del formare.

Furmazza – s. f. Grande o brutta forma, calco.

Furmenturinu, furmintuni - s. m. Pianta erbacea perenne con frutti a pannocchia e semi commestibili da cui si ricava farina e olio, mais.

Furmiceddra, furmiddra – s. f. Piccola forma.

Furmicheddra – s. f. Piccola formica.

Furmicula – s. f. Noto insetto, formica.

Furmiculeddra – s. f. Piccola formica.

Furmiculiu – s. m. Prurito.

Furmiculuni – s. m. Grossa formica.

Furmicuni – s. m. Grossa formica.

Furmicuzza – s. f. Piccola formica.

Furmiddra – s. f. Piccolo stampo.

Furminarisi - rifl. Di lampadina, bruciarsi.

Furmini – s. m. Scarica elettrica che si sprigiona dalle nubi.

Furmuculiari - tr. Dare sensazione di scarica elettrica a parte del corpo.

Furmuculiu – s. m. Il formicolare, formicolio.

Furmuculiuni - s. Persistente formicolio.

Furmuna – s. f. Grande forma.

Furmuzza – s. f. Piccola calco.

Furnacella – s. f. Piccola fornace, braciere.

Furnaru – s. m. Fornaio, chi fa il pane| panettiere.

Furnata – s. f. Quanto pane puς contenere il forno in una volta.

Furnazzu – s. m. Grande o brutto forno.

Furniceddru, furniddru – s. m. Piccolo forno.

Furnu – s. m. Luogo per cuocervi il pane.

Furnuni – s. m. Grande forno.

Furnuzzu – s. m. Piccolo forno.

Furriari - tr. Girare, volgere, svoltare| tr. Rotolare, mettere sotto sopra.

Furriarisi - rifl. Voltarsi, girarsi.

Furriata – s. f. Girata, giro completo attorno a un punto.

Furriatazza – s. f. Grande o brutto giro.

Furriateddra – s. f. Piccolo giro.

Furriatina – s. f. L'atto del girare.

Furriatu – agg. Girato, sotto sopra, al contrario.

Furriunazzu – s. m.  Grande giro.

Furriuneddru – s. m. Piccolo giro.

Furriuni – s. m. Giro di chiave, avvitamento, girata, svolta.

Furtuliddru – agg. Poco forte

Furtunatazzu - agg. Molto fortunato.

Furtunateddru - agg. Poco fortunato.

Furtunazza – s. f. Grande o brutta fortuna.

Furtuneddra – s. f. Leggera fortuna.

Furzata – s. f. Sforzo, eccessiva tensione, prova di forza| Fari furzati – sforzarsi.

Furzatazza – s. f. Grosso o brutto sforzo.

Furzatazzu - agg. Molto forzato, costretto a viva forza, con violenza.

Furzateddra – s. f. Piccolo sforzo.

Furzateddru - agg. Poco forzato, costretto.

Furzatina – s. f. L'atto dello sforzo.

Furziceddra – s. f. Intervento, appoggio.

Furzuni – s. m. Grande, massimo sforzo.

Fussazza – s. f. Grande o brutta fossa.

Fussazzu – s. m. Grande o brutta fossa.

Fussetta – s. f. Piccola buca.

Fussiceddra, fussiddra, fussiteddra – s. f. Piccola buca, fossetta.

Fussuna – s. f. Grande buca.

Fussuni – s. m. Grosso fosso.

Fussuzza – s. f. Piccola fossa.

Fustazzu – s. m. Grande o brutto fusto.

Fusticeddru, fustinu – s. m. Piccolo fusto.

Fustu – s. m. Parte dell'albero che s'innalza dalle radici, corpo dell'uomo, recipiente per liquidi.

Fustuni – s m. Capacissimo fusto.

Fustuzzu – s. m. Piccolo fusto.

Futticumpagnu - nella loc. A F. - con malvagio agire.

Futtiri - tr. Fregare, rubare, fare sesso.

Futtirisinni – rifl.  fregarsene, non darsi pensiero.

Futtuta – s. f. Atto sessuale.

Futtutu - agg. Preso in giro, fregato.

Torna all’Indice