Crea sito

HOME

RICETTE

I PESCI

FOTO

RADICI

ESPERIENZE

CONTATTI

LINK

                                                                                        

 

 A F O R I S M I

 

Gli aforismi o frasi celebri sono una mia vecchia passione. Di seguito ne elenco alcuni da me “filtrati” e messi così a casaccio. A me  piacciono molto e le ritengo pillole di saggezza, prova a leggerle e non pensare che uno non abbia proprie idee ed ha bisogno di quelle altrui. Aspetta, non giudicare, prima leggi e poi rifletti.

 

 IL SILENZIO DEGLI INVIDIOSI FA MOLTO RUMORE. (K. Gibran)

 

Se tu hai una mela, e io ho una mela, e ce le scambiamo, allora tu ed io abbiamo sempre una mela per uno. Ma se tu hai un’idea, e ce le scambiamo, allora abbiamo entrambi due idee. (George Bernard Shaw)

 

Per giudicare un uomo bisogna conoscere il segreto del suo pensiero, delle sue sventure, delle sue emozioni. (Honoré de Balzac)

 

Solo due cose sono infinite: l’universo e la stupidità umana, ma riguardo l’universo ho ancora dei dubbi. (Albert Eistein)

 

Gli uomini si vergognano, non delle ingiurie che fanno, ma di quelle che ricevono. (Giacomo Leopardi)

 

Un uomo non dovrebbe mai vergognarsi di confessare d’aver avuto torto, il che equivale a dire, in altre parole, che oggi è più saggio di ieri. (Swift)

 

Non c’è uomo tanto intelligente da conoscere tutto il male che fa. (La Rochefoucauld)

 

Il vantaggio di essere intelligente è che si può sempre fare l’imbecille, mentre il contrario è del tutto impossibile. (W. Allen)

 

Ognuno ha la pretesa di soffrire molto più degli altri. (Honoré de Balzac)

 

Capita a volte di sentirsi per un minuto felici. Non fatevi cogliere dal panico: è questione di un attimo e passa. (G. Bufalino)

 

La felicità dell’uomo moderno : guardare le vetrine e comprare tutto quello che può permettersi, in contanti o a rate. (Erich Fromm)

 

Una vita che miri principalmente a soddisfare i desideri personali conduce prima o poi a un’amara delusione. (Albert Eistein)

 

Io non amo la gente perfetta, quelli che non sono mai caduti, non hanno mai inciampato. A loro non si è svelata la bellezza della vita. (Boris Pasternak)

 

Nulla è più complicato della sincerità. (Luigi Pirandello)

 

Uomo che ami parlare molto: ascolta e diventerai simile al saggio. L’inizio della saggezza è il silenzio. (Pitagora)

 

Meglio tacere e passare per idiota che parlare e dissipare ogni dubbio. (Abraham Lincoln)

 

Abbiamo due orecchie e una sola bocca proprio perché dobbiamo ascoltare di più e parlare di meno. (Zenone)

 

Non è sufficiente possedere una buona mente. L’importante è saperla usare nel momento giusto. (Cartesio)

 

Bisognerebbe fare un lungo esame di coscienza prima di pensare a criticare gli altri. (Moliere)

 

Per perdere la testa, bisogna averne una!  (A. Einstein)

 

Se incontrerai qualcuno persuaso di sapere tutto e di essere capace di fare tutto non potrai sbagliare, costui è un imbecille. (Confucio)

 

Tutti coloro che sono incapaci di imparare si sono messi ad insegnare. (Oscar Wilde)

 

C’è un solo bene: il sapere; e un solo male l’ignoranza. (Socrate)

 

L’ignoranza è temporanea, la stupidità è per sempre. (Anonimo)

 

Meglio è non saper niente che saper molte cose a metà. (F. Nietzsche)

 

Imparate dal passato, vivete per il presente, sognate per l’avvenire. (Anonimo)

 

Vi sono uomini che non hanno mai ucciso, eppure sono mille volte più cattivi di chi ha assassinato sei persone. (Fedor Michailovic Dostoevski)

 

I filosofi non hanno mai ucciso alcun prete, invece questi ultimi hanno condannato e ucciso molti grandi filosofi. (Denis Diderot)

 

Sposati: se trovi una buona moglie sarai felice; se ne trovi una cattiva, diventerai filosofo. (Socrate)

 

Io trascorro la mia vita in quella solitudine per noi tanto penosa nella gioventù ma cosa gradita negli anni della maturità. (Albert Eistein)

 

L’uomo che pensa di poter vivere senza gli altri sbaglia, ma quello che pensa che gli altri non possono vivere senza di lui è un illuso. (Hasidic Saying)

 

Puoi dimenticare la persona con cui hai riso, mai quella con cui hai pianto. (Khalil Gibran)

 

Ognuno di noi da solo non vale nulla. (Ernesto Che Guevara)

 

Le carezze sono come l’aria, ne hai sempre bisogno. (Anonimo)

 

Il piacere dei banchetti non si deve misurare dalle squisitezze delle portate, ma dalla compagnia degli amici e dai loro discorsi. (Cicerone)

 

Un vero amico riesce a non farti essere nessuno…se non te stesso. (Anonimo)

 

Non sapremo mai quanto bene può fare un sorriso. (Madre Teresa di Calcutta)

 

Essere giovane e non essere rivoluzionario è una gran contraddizione. (Ernesto Che Guevara)

 

La maggior parte di coloro che pensano di cambiare idea non ne hanno mai avuto una. (M. de Unamuno)

 

L’uomo è come il vino: non tutti i vini invecchiando migliorano; alcuni inacidiscono. (Eugenio Montale)

 

Tre persone possono tenere un segreto, se due di loro sono morte. (B. Franklin)

 

Quando i ricchi si fanno la guerra, sono i poveri a morire. (Jean Paul Sartre)

 

Il vero guaio della guerra moderna è che non dà a nessuno l’opportunità di uccidere la gente giusta. (Ezra Pound)

 

L’egoismo è sempre stata la peste della società, e quando è stato maggiore tanto peggiore è stata la condizione della società. (G. Leopardi)

 

Ciò che vuoi non sia fatto a te stesso, non farlo agli altri. (Confucio)

 

Non è la libertà che manca; mancano gli uomini liberi. (Leo Longanesi)

 

Meglio esser pazzo per conto proprio, anziché savio secondo la volontà altrui. (F. Nietzsche)

 

Dopo tre apparizioni in video, qualunque coglione viene intervistato, dice la sua e quella degli altri. (Enzo Biagi)

 

Non mi interessa sentirmi intelligente guardando in TV dei cretini, preferirei sentirmi un cretino di fronte a persone eccellenti. (Franco Battiato)

 

Anche per i più grandi uomini di stato fare politica vuol dire improvvisazione e sperare nella fortuna. (F. Nietzsche)

 

Le mogli dei politici fanno tutte beneficenza. Per forza! Hanno il senso di colpa per quello che rubano i mariti. (Roberto Benigni)

 

A proposito di politica, ci sarebbe qualcosa da mangiare? (Totò)

 

Adesso fanno le partite fra giudici e cantanti. Ne dovevano fare una tra ministri e mafiosi: insomma, un’amichevole. (Roberto Benigni)

 

Il lavoro è il rifugio di coloro che non hanno nulla di meglio da fare. (Oscar Wilde)

 

Ciò che conta non è fare molto, ma mettere molto amore in ciò che si fa. (Madre Teresa di Calcutta)

 

A me interessa più la mia coscienza che l’opinione degli altri. (Cicerone)

 

Nessun uomo è abbastanza ricco da poter riscattare il proprio passato. (Oscar Wilde)

 

Non c’è dolore più grande della perdita della terra natia. (Euripide)

 

Il mare non ha paese nemmeno lui, ed è di tutti quelli che lo stanno ad ascoltare, di qua e di là dove nasce e muore il sole. (G. Verga da “I Malavoglia”)

 

……………………. e ancora per riflettere

Il mare

Sorride in lontananza.

Denti di spuma

Labbra di cielo

Federico Garcia Lorca

 

Non so dove i gabbiani abbiano il nido,
ove trovino pace.
Io son come loro,
la vita la sfioro com’essi l’acqua ad acciuffare il cibo.
E come forse anch’essi amo la quiete,
la gran quiete marina,
ma il mio destino è vivere,
balenando una burrasca. 

Vincenzo Caldarelli