Crea sito

HOME

RICETTE

I PESCI

FOTO

RADICI

ESPERIENZE

CONTATTI

LINK

 

Dunni trasi lu suli un trasi lu mericu

 

Lettera T

 

Tabacchera – s. f. Scatola per conservare il tabacco, tabacchiera.

 

Tabacchinu – s. m. Venditore di tabacchi e prodotti di monopolio.

 

Tabaranu - agg. Lento, apatico, lunatico, fiacco, inconcludente.

 

Tabutu – s. m. Bara, cassa da morto.

 

Tacca – s. f. Piccola, breve incisione, macchia, chiazza, alone, segno, traccia di sporco.

 

Taccareddru – s. m. Pezzo di legno robusto, murato serve per sostenere telai di porte, cancelli, inferriate.

 

Tacchiari - tr. Macchiare, bruttare con macchie| intr. Battere i tacchi e andarsene, camminare speditamente, correre, fuggire.

 

Tacchiateddru - agg. Poco macchiato, sporco.

 

Tacchiatina – L’atto e l’effetto dello sporcare.

 

Taccuni – s. m. Traversa cerata per letto impermeabile.

 

Taddrarita – s. f. Pipistrello, mammifero Chiroptera simile al topo che vola al crepuscolo in cerca d'insetti.

 

Taddru – s. m. Fusto di grosso ortaggio, tallo.

 

Tafanaru – s. m. Sedere, deretano, tafanario.

 

Tagghiari - tr. Separare una o pi๙ parti per mezzo di lame affilate, recidere, stroncare, tagliare.

 

Tagghiarini – s. m. Tipo di pasta di casa, tagliatelle sottili.

 

Tagghiateddri – s. m. Pasta di casa tagliata a strisce.

 

Tagghienti - agg. Affilato.

 

Tagghiu – s. m. La parte affilata di una lama, opposta alla costa| Incisione, ferita, squarcio.

 

Taliari - tr. Rivolgere gli occhi verso un oggetto, custodire, osservare, badare, sbirciare, guardare.

 

Taliarisi - rifl. Guardarsi, corrispondersi con lo sguardo.

 

Taliata – s. f. Sguardo, il guardare breve e fuggevole ma significativo.

 

Taliatazza – s. f. Occhiata torva, minacciosa.

 

Taliateddra – s. f. Lieve occhiata, sguardo fugace.

 

Taliatina – s. f. Sguardo, controllo.

 

Taliatu – agg. Guardato, controllato, sorvegliato, osservato, ammirato.

 

Taliatura – s. f. Sguardo per lo pi๙ minaccioso, occhiataccia.

 

Taliaturi – s. m. Osservatore, spettatore.

 

Tammurinaru – s. m. Suonatore di tamburi.

 

Tammurineddru – s. m. Piccolo tamburo.

 

Tammuriata – s. f. Suonata di tamburo.

 

Tammurinu – s. m. Tamburo.

 

Tampa – s. f. Pesce piatto dal corpo ellittico allungato, linguattola  |Per saperne di pi๙: http://andreasormani.altervista.org/pesci.htm#Linguattola

 

Tampiceddra – s. f. Piccola linguattola.

 

Tampasiari - intr. Girare, aggirarsi guardando con fare sospetto, andare in giro senza meta, bighellonare.

 

Tampasiata – s. f. Sguardo furtivo, sospetto| l’atto del bighellonare.

 

Tampunamentu - sm. Il tamponare, scontro.

 

Tampunari - tr. Chiudere ferita, falla, perdita| rimediare in qualche modo| tamponare, cozzare.

 

Tampuni – s. m. Rombo, grosso pesce piatto simile alla sogliola, cuscinetto per timbri.

 

Tana – s. f. Dimora di animale.

 

Tanca – s. f. Recipiente per combustibile, per liquidi.

 

Tanfu – s. m. Odore di muffa, di rinchiuso, cattivo odore, puzza.

 

Taniceddra, tanuzza – s. f. Piccola tana.

 

Tannu - avv. In quel tempo, a quell'epoca, tempo fa.

 

Tanticchieddra – avv. In minima parte.

 

Tanticchia - avv. Un poco, una piccola parte |V. Nanticchia.

 

Tantivoti – avv. Spesso, molte volte.

 

Tantu - agg. - avv. Esteso, intenso, assai, abbondante, parecchio, numeroso.

 

Tapizzeri – s. m. Chi per mestiere riveste stanze, poltrone e simili.

 

Tappamentu – s. m. Chiusura, modo di tappare.

 

Tappari - tr. Chiudere, otturare, occludere, intasare| v. ntappari, attappari.

 

Tappateddra – s. f. Leggera chiusura.

 

Tappatina – s. f. Leggera chiusura, otturazione.

 

Tappatu - agg. Chiuso, otturato.

 

Tappaturi – s. m. Chi ่ preposto a tappare.

 

Tappazzu – s. m. Grosso o brutto tappo.

 

Tappiari - tr. Pagare solo a promesse.

 

Tappiatu – agg. Bidonato, non pagato o mal pagato.

 

Tappiaturi – s. m. Chi bidona i commercianti per abitudine.

 

Tappiceddru, tappuzzu – s. m. Piccolo tappo |V. Stuppaggheddru.

 

Tappina – s. f. Ciabatta, babbuccia.

 

Tappinara – s. f. Donna di facili costumi.

 

Tappinaru – s. m. Artigiano che produce e vende ciabatte.

 

Tappinata – s. f. Colpo di ciabatta.

 

Tappinazza – s. f. Grande o brutta ciabatta.

 

Tappiniari – intr. Camminare con scarpe non completamente infilate, rumoreggiare.

 

T’appiru – loc. Ti hanno avuto.

 

Tappitazzu – s. m. Grande o brutto tappeto.

 

Tappiteddru – s. m. Tappetino.

 

Tappitu – s. m. Tappeto.

 

Tappu – s. m. Oggetto per chiudere recipienti| persona tarchiata e bassa| somma dovuta e non pagata, tappo |V. Stuppagghiu.

 

Tappuni – s. m. Grosso tappo.

 

Tarallu – s. m. Biscotto a forma di ciambella, dolce o salato, tipico delle regioni meridionali, tarallo.

 

Tarantula – s. f. Rettile dei Geconidi (Tarentola mauritanica), grigiastro o bruno, del tutto innocuo, frequente sui muri anche delle abitazioni dove, spec. di notte, dเ la caccia agli insetti attirati dalla luce.

 

Tardazzu - avv. Troppo tardi.

 

Tardivu - agg. Che tarda, lento nello sviluppo, nella crescita, nella maturazione.

 

Tardu - avv. Dopo il tempo previsto.

 

Tarduliddru - avv. Leggermente tardi, in lieve ritardo.

 

Tardusu – agg. Lento, flemmatico.

 

Taroccu – agg. Qualitเ d’arancia, dalla buccia finissima.

 

Tartaddriari - tr. Dardeggiare, colpire con dardi |fig. il sole D. = scalda molto, brucia.

 

Tartagghieddra - agg. Di bambino, piccolo, minuto, di bassa statura, che s’intrufola dappertutto con molta facilitเ.

 

Tartagghia - agg. Di persona, piccola, fisicamente poco sviluppata.

 

Tartaru – s. m. Concrezione formata da solidi di varia natura, sale potassico che si deposita sulle pareti interne della botte, incrostazione giallastra che si forma tra i denti, sporcizia resistente e tenace.

 

Tartaruni – s. m. Rete da pesca tirata anche da terra  al tramonto.

 

Tasciu - agg. Indica chi si comporta e assume atteggiamenti di cattivo gusto. 

 

Tastari - tr. Toccare una cosa per riconoscerla al tatto, assaggiare, gustare per riconoscerne il sapore, provare, mettere alla prova.

 

Tastata – s. f. Assaggio, l’assaggiare e l’atto.

 

Tastatina – s. f. Azione di assaggiare i cibi, toccamento.

 

Tastaturi – s. m. – agg. Chi o che assaggia.

 

Tastera - sf. Tasti di strumenti musicali, di macchine per scrivere.

 

Tastiari - tr. Esercitare il senso del tatto.

 

Tavirnaru, tavirneri – s. m. Gestore o frequentatore di taverne.

 

Tavulata – s. f. Gli invitati a una stessa tavola e ci๒ che la tavola contiene.

 

Tavulatu – s. m. Insieme di assi.

 

Tavulazzu – s. m. Tavolo inclinato su cui dorme il soldato punito.

 

Tavuliddra – s. f. Piccola tavola, il mangiare in compagnia piacevolmente |V. schiticchiu.

 

Tavulinazzu – s. m. Brutto tavolo.

 

Tavulineddru – s. m. Piccolo tavolo.

 

Tavulu – s. m. Mobile su cui si poggia il piatto per mangiare.

 

Tavuluni – s. m. Lunga asse spessa per sopportare pesi e formare ponteggi.

 

Te’, ti้, teccเ   - loc. Diminutivo di tieni - toh, prendi.

 

Teni - loc. Toh, prendi, dura, resisti.

 

Tenilu – loc. Tienilo.

 

Teniri - tr. Stringere con mano, reggere, sostenere, trattenere, frenare, prendere, tenere.

 

Tenitillu - loc. Tienitelo.

 

Tenna – s. f. Larga stoffa che si dispone per ripararsi, tenda.

 

Tenniru - agg. Non duro, che cede al tatto, delicato, tenero.

 

Tepitu – agg. N้ caldo n้ freddo, tiepido.

 

Terraglia – s. f. Stoviglie in ceramica.

 

Tet๙ - s. m. Dolce tipico della pasticceria siciliana simile al tarallo ma con aggiunta di mandorle e cacao.

 

Tia - pron. A te.

 

Tianata – s. f. Contenuto di un tegame, quanta roba pu๒ contenere.

 

Tianazzu – s. m. Grande o brutto tegame.

 

Tianeddru – s. m. Piccolo tegame.

 

Tianu – s. m. Tegame.

 

Tianuni – s. m. Grosso o grande tegame.

 

Tianuzzu – s. m. Piccolo tegame.

 

Tiatru – s. m. Luogo dove si rappresentano opere teatrali |Piazzata, buffonata.

 

Ticchiu – s. m. Contrazione rapida, involontaria di uno o pi๙ muscoli specialmente della faccia, atto di nervosismo, tic.

 

Tigna – s. f. Testa rasata a zero o priva di capelli, malattia del cuoio capelluto.

 

Tignari - tr. Fare all'amore.

 

Tignata – s. f. Zuccata, atto sessuale.

 

Tignusazzu - agg. Totalmente privo di capelli.

 

Tignuseddru - agg. Leggermente privo di capelli.

 

Tignusu - agg. Privo di capelli, pelato.

 

Tila – s. f. Tessuto di lino o di cotone o di canapa.  

 

Tilareddru – s. m. Piccolo telaio.

 

Tilaru – s. m. Macchina per tessere, per porte e finestre.

 

Tilaruni – s. m. Grande telaio.

 

Tilaruzzu – s. m. Piccolo telaio.

 

Tiluni – s. m. Grande tenda.  

 

Timogna – s. f. Covone di grano, ammassamento.

 

Timpagnamentu – s. m. Chiusura della botte alla base.

 

Timpagnari - tr. Recingere con muratura, di botte, chiudere alla base.

 

Timpagnatina – s. f. Atto del delimitare con muro.

 

Timpagnaturi – s. m. Chi recinge con muri, chi chiude la botte alla base.

 

Timpagnolu  - s. m. Taglio di tufo adatto per parete divisoria.

 

Timpagnu – s. m. Doga della botte, recinzione di muro | Na botta a la utti e natra a lu timpagnu = Dare retta sia  a uno che a l’altro.

 

Timpistari - tr. Far tempesta, battere furiosamente, insistere.

 

Timpistazza – s. f. Grande o brutta tempesta.

 

Timpulata – V. Tumpulata.

 

Timugnuna – s. f. Grande catasta di spighe.

 

Timugnuzza – s. f. Piccola catasta di spighe.

 

Timunazzu – s. m. Grosso o brutto timone.

 

Timuneddru – s. m. Piccolo timone.

 

Timunera – s. f. Termine per identificare l’insieme delle trasmissioni che consentono di muovere il timone di un’imbarcazioni, timoneria | Mettiti a T. = Collocati in timoneria a controllare.

 

Timuneri – s. m. Chi conduce le imbarcazioni.

 

Timuni – s. m. Sterzo delle imbarcazioni, timone.

 

Tinaggheddra – s. f. Piccola tenaglia.

 

Tinagghia – s. f. Attrezzo a due parti incrociate e imperniate per afferrare, stringere, estrarre, tenaglia.

 

Tineddru – s. m. Piccolo tino, mastello.

 

Tinghit่ - loc. Dicesi di recipiente pieno a pi๙ non posso, oltre ogni misura, fino a traboccare.

 

Tingimentu – s. m. Il tingere e l’atto.

 

Tingiri - tr. Dare a una cosa un colore diverso da quello che ha, colorare, recare danno a qualcuno.

 

Tingitina – s. f. L’atto del tingere.

 

Tingitura – s. f. Tinta, il tingere e il modo.

 

Tingituri - agg. – s. m. Tintore, cattivo pagatore, chi ่ consapevole di creare male ad altri.

 

Tingiutu – agg. Tinto, colorato.

 

Tiniri - tr. Tenere| V. Teniri.

 

Tinirisi - rifl. Reggersi, aggrapparsi, stare sulle proprie, intrattenersi.

 

Tinirisilla – loc. Preferire non darla.

 

Tinirisillu - loc. Tenerselo.

 

Tinitilu – loc. Tenetelo.

 

Tinitivillu - loc. Tenetevelo.

 

Tinnirizza – s. f. Tenerezza.

 

Tinnirumi – s. m. Insieme di cose tenere e di vegetali| Parte tenera della pianta delle zucche.

 

Tintari - tr. Provare, sperimentare, allettare, invogliare.

 

Tintata – s. f. Tentativo.

 

Tintatu – agg. Conquistato.

 

Tintaturi - sm. - agg. Chi o che tenta, spinge a fare cose non buone.

 

Tintazioni – s. f. Il tentare, lusinga.

 

Tintazzu – agg. Troppo cattivo.

 

Tintu - agg. Di cibo, avariato, inservibile | Di cosa – sgradita | Di persona - incapace, brutta, cattiva, corrotta, malefica.

 

Tintuliddru - agg. Poco avariato, sgradito.

 

Tinturia – s. f. Laboratorio del tintore, l'arte di tingere, fiacca, indolenza, apatia, cattiveria.

 

Tinu – s. m. Recipiente a forma tronco-conica per trasporto di uva.

 

Tipu – s. m. Stampo, esempio, modello, tipo.

 

Tiraciatu - s. m. Persona che ti assilla, tormenta, molesta.

 

Tiragni - s. m. pl. Fasce di tessuto o cuoio che sostengono i pantaloni, agganciandosi ad essi davanti e dietro e passando sopra le spalle di chi le indossa, bretelle.

 

Tirata – s. f. Strattone, strappo.

 

Tiratappi – s. m. Aggeggio per stappare bottiglie, cavaturaccioli.

 

Tirateddra, tiratina – s. f. L'atto del tirare.

 

Tirateddru - agg. Stretto di manica, poco avaro, teso.

 

Tiratu - agg. Sollevato, gettato, lanciato, attirato, teso, tirchio, spilorcio, avaro.

 

Tiratura – s. f. Il tirare e l’atto | tiro, alzata.

 

Tiraturi – s. m. Attrezzo usato dai fornai per tirare la brace.

 

Tirrenu – s. m. Fondo, campo, podere, appezzamento.

 

Tirruri – s. m. Grande spavento.

 

Tirrurizzari - tr. Incutere terrore, spaventare a morte.

 

Tistamentu – s. m. Atto con cui si lasciano i beni alle persone desiderate, testamento.

 

Tistera – s. f. Finimento, provvisto di redini, che passa sopra la testa del cavallo.

 

Tistiari - tr. Scrollare la testa in segno di approvazione o diniego.

 

Tistuni - agg. Zuccone, testardo.

 

Tisu - agg. Allungato, esteso, disteso, stirato, eretto, nervoso.

 

Tisuliddru – agg. Poco rigido.

 

To - agg. Tuo, che ti appartiene.

 

Toccu – s. m. Il toccare e il modo, gioco in cui i giovani familiarizzano con il bere alcoolici e chi non beve rimane Urmu V. Urmu | Grosso pezzo di qualcosa specialmente di cibo.

 

Tocu, togu - agg. Buono, bello, eccellente, di lusso.

 

Toletta – s. f. Mobile con specchio davanti al quale ci si dเ l’ultima sistemata prima di uscire.

 

Tombulu – s. m. Cuscino cilindrico con cui si fanno merletti.

 

Torchiu – s. m. Pressa per uva, olive e fichi.

 

Torilla - s. f. Briga, contesa, contrasto, lite | Attaccari T. = Cercare liti.

 

Tornacuntista – s. m. Chi bada solo ai propri conti.

 

Tortula – s. f. Trottola.

 

Tostu - agg. Vivace, irrequieto, discolo, birbante, furbo, malandrino, turbolento, dispettoso.

 

Trabugghiamentu – s. m. Scuotimento d'animo.

 

Trabugghiarisi - rifl. Scuotersi, agitarsi, emozionarsi.

 

Trabugghiatina – s. f. L'atto dell’emozione.

 

Trabugghiu – s. m. Scuotimento, agitazione d'animo, emozione.

 

Traficari, trafichiari - tr. Affaccendarsi, lavorare, faticare, commerciare illegalmente.

 

Trageria – s. f. Fatto tragico, mortale.

 

Tragiriaturi - agg. Chi  ha reazioni esagerate per ogni  sciocchezza, vigliacco, infame, falso, carogna.

 

Tramezzu – s. m. Muro divisorio sottile tra una stanza e l'altra, parete.

 

Tramuntana – s. f. Vento freddo del nord.

 

Tramutari - tr. Separare il vino dalla feccia.

 

Tranni - avv. Eccetto, salvo.

 

Trantu - agg. Teso, eretto, rigido, turgido.

 

Trantuliari - intr. Scuotere, smuovere| Tremare per il freddo.

 

Trantuliddru - agg. Poco teso.

 

Trantuliu – s. m. Movimento traballante.

 

Trantuliuni – s. m. Smossa prepotente,  movimento brusco e inatteso.

 

Trapanari - tr. Forare| assorbire acqua.

 

Trapเnu – s. m. Strumento per forare legno, muri, metalli.

 

Trappitari – tr. Frangere, macinare le olive per ricavarne olio.

 

Trappitaru – s. m. Proprietario di oleificio, chi lavora nel frantoio.

 

Trappitu – s. m. Oleificio, macchinario e luogo dove avviene la molitura delle olive.

 

Trarimentu – s. m. Slealtเ, voltafaccia, tradimento.

 

Trarimintusu - agg. Ingannatore, infido, spione.

 

Trariri - tr. Mancare alla fede data, ingannare.

 

Trarituri – s. m. - agg. Traditore, sleale.

 

Trasbordu – s. m. Il trasbordare.

 

Trasburdari - tr. Trasferire merce da una natante all'altro.

 

Trascin์u – s. m. Il condurre  strisciando.

 

Trascinuni – s. m. Traccia, impronta lasciata sul terreno per cosa trascinata.

 

Trasfurmari - tr. Cambiare, dare forma diversa.

 

Trasfurmarisi - rifl. Assumere forma e sembianze diverse.

 

Trasiri - tr. Entrare, penetrare, portare dentro, guadagnare, ricavare.

 

Trasuta – s. f. Luogo per il quale si entra.

 

Trasutu – agg. Introdotto.

 

Tratta – s. f. Rete usata per la pesca delle sarde.

 

Trattenimentu , trattinimentu – s. m. Festa con invitati.

 

Trattiniri - tr. Tenere per s้.

 

Trattinirisi – rifl. Fermarsi, indugiare.

 

Tratturari – tr. Arare il terreno col trattore.

 

Travagghieddru – s. m. Lavoretto, prestazione di lavoro piacevole.

 

Travagghiabili - agg. Che si pu๒ lavorare.

 

Travagghiari - intr. Lavorare, faticare.

 

Travagghiaturi – s. m. - agg. Lavoratore, operoso, laborioso, chi ama lavorare.

 

Travagghiu – s. m. Lavoro, impegno.

 

Travasari - tr. Traboccare, versare liquido in altro recipiente| v. sdivacari.

 

Travasatu – agg. Versato in altro recipiente, traboccato.

 

Travasu – s. m. Versamento di liquido da recipiente ad altro.

 

Traversa – s. f. Legno o altro materiale messo a traverso come rinforzo, stradina che incrocia una via principale.

 

Traversu – avv. Obliquo, non diritto.

 

Traviamentu – s. m. Deviazione, perversione, perdita di moralitเ.

 

Traviari - tr. Deviare, fare uscire dalla virt๙, corrompere, indurre alla depravazione.

 

Trazzera – s. f. Strada di campagna a fondo naturale, sistemata per carri agricoli.

 

Trazzireddra – s. f. Piccola e stretta via di campagna.

 

Trazziruna – s. f. Larga strada di campagna.

 

Tri, trini - agg. Tre.

 

Tribbiatura – s. f. Il trebbiare.

 

Tribbiaturi – s. m. Chi presiede alla trebbiatura.

 

Triccentu – s. m. Tre volte cento.

 

Trienniu – s. m. Periodo di tre anni.

 

Trigghia – s. f. Pesce pregiato per la sua bontเ | Per saperne di pi๙: http://andreasormani.altervista.org/pesci.htm#Trigliascoglio

 

Trigghiazza – s. f. Grossa triglia.

 

Trigghiceddra – s. f. Piccola triglia.

 

Trigghiuleddra, trigghiola – s. f. Insieme di piccole triglie.

 

Trigghiuna – s. f. Grossa triglia.

 

Trimareddra – s. f. Tremarella, fifa, tremore per paura o per freddo.

 

Trimari - intr. Agitarsi per freddo o paura.

 

Trimmila – s. f. Tre volte mille.

 

Trimmisi – loc. Periodo di tre mesi.

 

Trimuliari – intr. Tremare, scuotere.

 

Trimulina - s. f. Verme che vive nelle zone di fango o sabbia e usato come esca | Per saperne di pi๙: http://andreasormani.altervista.org/Ricordi.htm

 

Trimul์u – s. m. Agitazione, tremore.

 

Trimulizzu – s. m. Inquietudine,  batticuore.

 

Trina – s. f. Un numero di tre| Merletto per impreziosire capi di biancheria.

 

Trincettu – s. m. Lama affilatissima a un solo taglio usata dal calzolaio.

 

Trinciatu – s. m. Tabacco tagliato finemente.

 

Trincittata – s. f. Colpo o taglio di trincetto.

 

Trintina – s. f. Quantitเ stessa di trenta.

 

Trintinu - agg. Di trenta anni.

 

Trippiari - intr. Trottare, saltare spesso e a piccoli passi, andare a trotto, ballare confusamente, folleggiare, ballare per gioia.

 

Tririci - agg. Tredici.

 

Triricinu - agg. Persona esile, intruso.

 

Trisoru – s. m. Tesoro.

 

Trispu – s. m. Sostegno di assi del letto, cavalletto.

 

Trizza – s. f. Treccia di qualsiasi cosa, d’aglio, di cipolle | Ciocche di capelli intrecciate a treccia.

 

Tronu - s. m. Tuono.

 

Trubberi – s. m. Tovaglia da tavola.

 

Trubulu, trubbulu - agg. Torbido, che non ่ limpido.

 

Truccu – s. m. Inganno, imbroglio.

 

Trumma – s. f. Strumento musicale a fiato, la proboscide dell'elefante e il succhiatoio degli insetti, tromba.

 

Trummiari - tr. Suonare con la tromba, fare all’amore.

 

Trummiata – s. f. Colpo, suono di tromba| atto sessuale.

 

Trummiateddra – s. f. Leggero colpo di tromba, breve atto sessuale.

 

Trummiatina – s. f. Atto del trombare.

 

Trummiaturi – s. m. Suonatore di tromba, chi fa spesso l’amore, chi allontana altri dalla carica.

 

Trunazzu – s. m. Grande o brutto trono, tuono rumoroso.

 

Truniari – intr. Rombare del tuono.

 

Truniceddru – s. m. Piccolo tuono.

 

Trunzazzu – s. m. Grosso fusto del broccolo, del cavolo e simile.

 

Trunziceddru – s. m. Piccolo o tenero fusto del broccolo, cavolo.

 

Trunzu – s. m. Fusto del broccolo, torsolo di cavolo, l'anima del carciofo, troncone.

 

Trunzuni – s. m. Grosso torsolo.

 

Trunzusu, trunzutu - agg. Di cavolo, che ha grosso torsolo, di persona, fisicamente ben messa, robusta, forte.

 

Truppicari - intr. Inciampare, incespicare.  

 

Truppicata, truppicatina, truppicatura – s. f. L'atto dell'inciampare.

 

Truppicuni – s. m. Inciampo, ostacolo che provoca caduta, difficoltเ.

 

Truscia – s. f. Fagotto, involto, fardello di panni sporchi, donna sporca.

 

Trusciazza – s. f. Grosso fardello di panni sporchi, donnaccia di strada.

 

Trusciceddra, trusciteddra, trusciuzza – s. f. Piccolo fardello di panni| ragazza di strada.

 

Trusciuna – s. f. Grande fardello di panni, donnaccia.

 

Truttata – s. f. L'andare a trotto del cavallo.

 

Truttatina – s. f. L'atto del trottare.

 

Truvari - tr. Rinvenire, scoprire, conseguire, trovare.

 

Truvarisi - rifl. Essere in un luogo, in una certa condizione.

 

Truvata – s. f. Espediente, scoperta.

 

Truvatura – s. f. Nascondiglio, rifugio di un tesoro.

 

Truzzamentu – s. m. Il toccarsi, l’urtare.

 

Truzzari - tr. Picchiare, urtare,

 

Truzzarisi - rifl. Scontrarsi, fronteggiarsi.

 

Truzzatina – s. f. Scontro.

 

Tubbista - s. m. Riparatore di tubi, idraulico.

 

Tubettu – s. m. Proiettile per fucile.

 

Tubittuni – s. m.  Tipo di pasta per minestra.

 

Tuccamentu – s. m. Il toccare, il palpeggiare.

 

Tuccari - tr. Spettare, appartenere,toccare, palpare con le mani.

 

Tuccata – s. f. Il toccare, spettanza.

 

Tuccateddra – s. f. Leggera toccata.

 

Tuccateddru - agg. Poco toccato, marcio.

 

Tuccatina – s. f. L'atto del toccare, pertinenza.

 

Tuccatizzu - agg. Molto toccato, marcio.

 

Tuffarisi - rifl. Immergersi, andare sott'acqua.

 

Tuffu – s. m. Immersione in acqua, resto del caff่ |V. Buzzuni.

 

Tumazzu – s. m. Formaggio, pecorino cotto e salato.

 

Tumma – s. f. Latte cagliato.

 

Tumminia – s. m. Grano antico siciliano ideale per pane e pasta, eccellenti i prodotti conseguiti a Castelvetrano.

 

Tumminu – s. m. Staio, tomolo, misura agraria corrispondente a 2143,59 mq di superficie.

 

Tumpulata – s. f. Schiaffo| Offesa, umiliazione.

 

Tumpulatazza – s. f. Schiaffone.

 

Tumpulateddra – s. f. Leggero schiaffo.

 

Tumpuliari - tr. Schiaffeggiare, prendere a schiaffi una persona.

 

Tumpuliatu – agg. Preso a schiaffi.

 

Tumpuluni – s. m. Grosso schiaffo, manrovescio.

 

Tunna - agg. Completa, rotonda | Fari T. - Farla completa, vincere tutto.

 

Tunnara – s. f. L'insieme di reti particolarmente conformate che vengono usate per la pesca del tonno e per estensione, il luogo in cui la si usa nella pratica con la mattanza.

 

Tunnaru – s. m. Pescatore di tonno.

 

Tunniggianti - agg. Di forma sferica.

 

Tunniggiari - tr. Ridurre a forma sferica.

 

Tunnillaggiu – s. m. Stazza di nave, misura in tonnellate.

 

Tunnina – s. f. Carne di tonno.

 

Tunnizza – s. f. Rotonditเ, sfericitเ.

 

Tunnu – s. m. Grosso pesce marino di carne pregiata| agg. Tondo, rotondo.

 

Tunnuliddru – agg. Che ่ in carne, di forma sferica.

 

Tuppazzu – s. m. Grosso toupet, grande chignon.

 

Tuppiceddru, tuppiddru – s. m. Piccolo toupet.

 

Tuppu – s. m. Acconciatura dei capelli raccolti dietro la nuca a crocchia o  nido di rondine.

 

Tuppuliari - tr. Battere alla porta per farsi aprire, bussare.

 

Tuppul์u – s. m. Il bussare, picchiare alla porta.

 

Tuppuliuni – s. m. Forte bussare alla porta.

 

Turchiceddru – s. m. Piccolo Turco.

 

Turciuniari - tr. Torcere.

 

Turciuniatu - agg. Contorto, attorcigliato.

 

Turciuta – s. f. Torsione,  giro completo.

 

Turcu – agg. Abitante della Turchia, di pelle scura.

 

Turiddu, turiddru - Nome maschile diminutivo di Salvatore.

 

Turmentu – s. m. Strazio, dolore fisico o morale orribile.

 

Turmintari - tr. Infastidire insistentemente, molestare, assillare.

 

Turmintatu – agg. Infastidito,angosciato.

 

Turmintaturi – s. m. - agg. Chi o che tormenta, molesta.

 

Turmintazzu – s. m. Gran tormento.

 

Turminteddru – s. m. Piccolo tormento.

 

Turmintusu – agg. Che tormenta.

 

Turnacuntu – s. m. Vantaggio, utile, profitto.

 

Turnari - intr. Rientrare, andare e venire di nuovo.

 

Turnituri – s. m. Operaio specializzato al tornio.

 

Turrazza – s. f. Grande o brutta torre.

 

Turretta – s. f. Piccola torre.

 

Turri – s. f. Solida costruzione, punto di osservazione.

 

Turriceddra – s. f. Piccola torre.

 

Turtera – s. f. Recipiente per preparare torte.

 

Turticeddra – s. f. Piccola torta.

 

Turticeddru – s. m. Piccolo torto| agg. Poco storto, contorto.

 

Turtuliddru - agg. Poco storto.

 

Turt๙ra – s. f. Tormento, insieme di tormenti.

 

Turtura – s. f. Uccello della famiglia dei colombi.

 

Turturari - tr. Sottoporre a tortura, tormentare.

 

Turturaturi – s. m. – agg. Torturatore, chi o che tortura.

 

Turturazza – s. f. Grande tortura.

 

Turtureddra – s. f. Piccola tortora, lieve tortura.

 

Tusamentu – s. m. Il tosare.

 

Tusari - tr. Tosare lana, pelo, capelli.

 

Tusatina, tusatura – s. f. L'atto del tosare.

 

Tusaturi – s. m. Addetto alla tosatura.

 

Tussi – s. f. Espirazione rumorosa e violenta dovuta alla presenza di catarro con cui si espelle.

 

Tussiari - intr. Avere tosse, provocar la.

 

Tussiceddra, tussiddra – s. f. Leggera tosse.

 

Tussiri - V. Tussiari.

 

Tustuliddru – agg. Di bambino, discolo, vivace.

 

Tuttanavota - avv. A un tratto, in unica soluzione.

 

Tuttu - agg. – s. m. - pr.ind. Intero, il tutto, ogni cosa.

 

Tuttulannu - avv. Perenne, che c'่ sempre.

 

Tuvaggheddra – s. f. Piccolo asciugamano.

 

Tuvagghia – s. f. Asciugamano, telo per asciugarsi.

 

Tuvagghiata – s. f. Contenuto avvolto in un asciugamano.

 

Tuzzareddru, tuzziceddru – s. m. Piccolo tozzo di pane.

 

 

Torna all’Indice