Crea sito

HOME

RICETTE

I PESCI

FOTO

RADICI

ESPERIENZE

CONTATTI

LINK

 

Prima ri parlari mastica li palori

 

 Lettera P – Parti secunna da Pis a Puz

 

Pisa – s. f.  Pesatura, il luogo e l'impianto destinato alle operazioni di valutazione o di controllo del peso.

Pisaloru – s. m.  Addetto alle pesate.

Pisantuliddru - agg. Poco pesante.

Pisari - tr. Gravare, pesare.

Pisarisi - rifl. Verificare, andare in malora, pesarsi

Pisateddra – s. f. Piccola pesata.

Pisateddru - agg. Poco pesato, quasi distrutto.

Pisatina – s. f. L'atto del pesare.

Pisatuna – s- f. Grossa pesata.

Pisazzu – s. m. Grosso o brutto peso.

Pisca – s. f. Il totale dei pesci pescati| estrazione al gioco.

Piscabili - agg. Che si può pescare.

Piscaggiu – s. m. L'altezza della parte di un galleggiante che rimane immersa nell'acqua

Piscareggiu – s. m. Imbarcazione da pesca.

Piscari - tr. Pigliare pesci con strumenti adeguati, estrarre a sorte, cogliere sul fatto, scovare una cosa, prendere, afferrare |intr. avere una determinata immersione nell'acqua |V. Piscaggiu.

Piscaria – s. f. Luogo dove si vende il pesce.

Piscata – s. f. Pese catturato in una pescata.

Piscatazza – s. f. Lunga e abbondante pescata.

Piscateddra – s. f. Scarsa pescata.

Piscatu – s. m. Quantità di pesce pescato durante un’uscita in mare.

Piscaturi – s. m. Chi pesca per mestiere.

Pisci – s. m. Nome generico di animali che vivono in acqua.

Piscialettu - sm. Persona che, per cause varie, fa la pipì a letto.

Piscialoru – s. m. Vespasiano, bagno pubblico | Venditore di pesci (il termine è usato maggiormente nei paesi dell'entroterra).

Pisciareddra – s. f. Urgenza di pisciare.

Pisciari - tr. Orinare.

Pisciarisi – rifl. Farsela addosso| P. ncoddru - essere preso dal panico.

Pisciaru – s. m. Pescivendolo.

Pisciata – s. f. Il pisciare e l'effetto.

Pisciatazza – s. f. Lunga e abbondante orinata.

Pisciateddra – s. f. Breve orinata.

Pisciateddru – agg. Leggermente pisciato.

Pisciatina – s. f. L'atto del pisciare.

Pisciatuna – s. f. Lunga pisciata.

Pisciazza – s. f. Piscia, orina.

Pisciazzata – s. f. Abbondante pisciata.

Pisciazzu – s. m. Grosso o brutto pesce.

Piscicani – s. m. Squalo.

Piscirovu – s. m. Uovo sbattuto con aglio, prezzemolo, arrotolato in padella.

Piscipani – s. m. Nome usato in commercio per alcune specie di pino dell’America sett., pitch-pine,  è un legno, duro, pesante, resinoso e molto resistente, usato per costruzioni civili e navali. 

Pisciteddru, pisciuzzu – s. m. Piccolo pesce.

Pisciuni – s. m. Grosso pesce.

Piscusazzu - agg. Molto pescoso.

Piscuseddru – s. m. Poco pescoso.

Piscusu - agg. Ricco di pesci.

Piseddra – s. f. Pisello, pianta leguminosa e suoi frutti.

Pisiddraru – agg. Di terreno, che si presta alla coltivazione dei piselli.

Pisiddrata – s. f. Luogo coltivato a piselli.

Pisiddrazza – s. f. Grossi o brutti piselli.

Pisiddruni – s. m. Qualità di piselli grossi.

Pisiddruzza – s. f. Qualità di piccoli piselli.

Pisera – s. f. Contenitore di pesi a corredo della bilancia.

Pisiceddru, pisiddru, pisinu – s. m. Piccolo peso.

Pissacosa - loc. Per questo motivo, ora mi spiego.

Pissempri - loc. Per sempre, in perpetuo.

Pissuarutu, pissuasu  - agg. Convinto, che si è reso conto, persuaso.

Pissuariri, pirsuariri - tr. Convincere.

Pissuaririsi, pirsuarisi  - rifl. Convincersi, rendersi conto.

Pista - s. f. Quantità imprecisata ma abbondante di qualcosa, classica e nota è l'espressione "Pista di lignati" per indicare la quantità di botte date o prese.

Pistari - tr.  Pestare, calcare, calpestare con i piedi| P. ri lignati – Riempire qualcuno di botte.

Pistata – s. f. Pigiatura, lasciare impronte sul bagnato | Azione del pestare, del calpestare.

Pistatazza – s. f. Abbondante pestare, calpestare.

Pistateddra – s. f. Leggero pestare, calpestare.

Pistatina – s. f. Pigiatura| Azione del pestare.

Pistiari - tr. Mangiare avidamente.

Pisticeddra – s. f. Piccola pista.

Pistulata – s. f. Sparo, colpo di pistola, pistolettata.

Pistulazza – s. f. Grande o brutta pistola.

Pistuleddra – s. f. Piccola pistola.

Pistulittata – s. f. Sparo.

Pistulittazza – s. f. Grande o brutta pistola.

Pistuluni – s. m. Grande pistola, filone di pane.

Pistuluneddru – s. m. Filoncino di pane.

Pistunazza – s. f. Grande o brutta pista.

Pistunazzu – s. m. Grande o brutto pistone.

Pistuneddru – s. m. Piccolo pistone.

Pistuni – s. m. Organo animato di moto rettilineo alternativo di una macchina alternativa come il motore a vapore o diesel.

Pisu – s. m. Massa di un corpo, peso.

Pisuliari - tr. Stimare il peso di un corpo con le mani.

Pisuni – s. m. Grosso peso.

Pisuzzu – s. m. Piccolo peso.

Pitanza – s. f. Vivanda preparata per pranzare, pietanza, seconda portata.

Pitinia – s. f. Essiccamento della pelle che tende a formare delle sottili lamelle secche che si squamano.

Pitittazzu – s. m. Grande appetito.

Pititteddru – s. m. Piccolo appetito.

Pitittu – s. m. Pungente sollecitazione a soddisfare il bisogno di cibo | Stimolo, impulso ad appagare i propri istinti e desideri.

Pitittusu - agg. Che mette, ha appetito.

Pitittuzzu – s. m. Leggero appetito.

Pitrami – s. f. Insieme di pietre per selciati, per drenaggi.

Pitrata – s. f. Colpo, lancio di pietra, sassata.

Pitrazza – s. f. Grossa o brutta pietra.

Pitrificari - tr. Divenire pietra| tr. Rassodare, indurire.

Pitrina – s. f. Piccola pietra focaia per accendini.

Pitriscu – s. m. Ammasso di pietre minute per selciati o calcestruzzi, pietrisco.

Pitruliari - intr. Prendere a sassate, lapidare.

Pitruliata – s. f. Sassaiola, lancio di pietre.

Pitruna – s. f. Grossa pietra.

Pitrusinu – s. m. Prezzemolo.

Pitrusu - agg. Pietroso, ciottoloso, sassoso.

Pitruzza – s. f. Piccola pietra, sassolino.

Pittari - tr. Tinteggiare, scialbare, imbiancare.

Pittarisi – rifl. Imbellettarsi, truccarsi, abbellirsi.

Pittatazza – s. f. Notevole tintura al viso.

Pittateddra – s. f. Leggera tinta del viso.

Pittateddru - agg. Leggermente tinto, colorato.

Pittatina – s. f. L’atto del tingere, del colorare.

Pittatura – s. f. Tinta, coloritura.

Pittazzu – s. m. Gran petto, robusto.

Pittera – s. f. Finimenti del cavallo relativi al petto.

Pitticeddru – s. m. Petto poco sviluppato o dei bambini.

Pittinari – tr. Rassettare i capelli col pettine.

Pittinarisi - rifl. Rassettarsi i capelli.

Pittinata – s. f. Atto del pettine, colpo di pettine.

Pittinatazza – s. f. Lunga pettinata.

Pittinateddra – s. f. Leggera pettinata.

Pittinatina – s. f. L'atto del pettinare.

Pittinazzu – s. m. Grande o brutto pettine.

Pittineddru – s. m. Piccolo pettine tascabile.

Pittinicchiu, pittiniceddru, pittininu – s. m. Piccolo pettine o dai denti stretti.

Pittinissa – s. f. Pettine con funzione di borchia.

Pittuni – s. m. Un bel petto.

Pitturali – s. m. Striscia di cuoio che avvolge il petto delle bestie da soma atta al traino.

Pitturina – s. f. Torace, vuoto compreso tra la camicia e il petto.

Pitturari - tr. Dipingere, colorare, verniciare.

Pitturarisi - rifl. Imbrattarsi il viso, darsi il belletto| P. l’ugna - tingersi le unghie, smaltarle| P. i labbra – tingersi le labbra col rossetto.

Pitturata, pitturatina – s. f. Tinta.

Pitturatu - agg. Tinto, dipinto, colorato, verniciato.

Pitturatura – s. f. Tinta, coloritura.

Pitturi – s. m. Chi esercita l'arte della pittura, creatore di quadri, imbianchino, tintore.

Pitturusu - agg. Dal petto ben sviluppato.

Pitturutu - agg. Borioso, vanitoso, superbo.

Pittusu - s. m. Buco, pertugio, foro.

Pittuzzu – s. m. Piccolo o poco sviluppato petto.

Piuminu – s. m. Guanciale di piume, batuffolo per incipriarsi.

Piumusu - agg. Ricco di piume.

Pizzaloru – s. m. Chi fa pizze per mestiere e le vende.

Pizzapizza - loc. Merlettato, adornato di pizzo.

Pizzenteria, pizzentiria – s. f. L'essere o avere comportamento da pezzente.

Pizzicatazza – s. f. Grosso pizzico.

Pizzicateddra – s. f. Piccolo pizzico.

Pizzicateddru – agg. Poco pizzicato, spuntato.

Pizzicatina – s. f. Atto del pizzicare.

Pizzicaturi – s. m. Chi dà pizzichi.

Pizziceddra – s. f. Piccola pizza, straccetto, strofinaccio.

Pizzicunazzu – s. m. Grosso pizzico.

Pizzicuneddru - sm. Piccolo pizzico.

Pizzicuni – s. m. Grosso pizzico.

Pizziddru – s. m. Osso sporgente del piede, malleolo.

Pizziddrichiari, pizziddricari  – s. f. Atto del gocciolare, leggera pioggia.

Pizziddrichiata – s. f. Pioggerellina caduta fine e lenta, il piovigginare.

Pizziddrichiu – s. m. Pioggerellina lenta e ininterrotta (Assuppaviddrani – Inzuppa contadini).

Pizziddru – s. m. Osso sporgente del piede, malleolo.

Pizzinazzu – s. m. Grande o brutto biglietto, messaggio.

Pizzineddru – s. m. Piccolo biglietto, messaggio.

Pizzintunaria – s. f. Modo di vivere da pezzente.

Pizzintuni - agg. – s. m. Avaro, spilorcio, tirchio.

Pizzinu – s. m. Biglietto scritto con cui si comunica, messaggio.

Pizzolu - s. m. Chi provoca, punzecchia con battute.

Pizzottu - s. m. Parte della scarpa che copre il calcagno.

Pizzuddra – s. f. Pezzuola.

Pizzuddru – s. m. Pezzetto, parte di un tutto.

Pizzuliari - tr. Staccare con le dita pezzetti di qualcosa da mangiare, dare pizzicotti, beccheggiare degli uccelli, litigare, farsi dispetti, beccare.

Pizzuliaturi – s. m. Chi ha il vizio di dare pizzicotti.

Pizzuluni - s. m. Beccata di gallo, galline o uccelli.

Pizzuna – s. f. Grande rattoppo.

Pizzutu - agg. Appuntito, aguzzo.

Pizzuzza – s. f. Piccola pezzuola.

Poiri – tr. Porgere, dare.

Poitari – intr. Esprimere sentimenti dell’animo in versi.

Poitastru – s. m. Cattivo poeta.

Polisa - s. f. Piccola carta con scrittura per accordo tra privati e usata nelle lotterie con un numero per sorteggiare i premi, biglietto.

Politicanti – s.m. Mestierante della politica.

Pollazzu – s. m. Grosso o brutto pollo.

Pollettu – s. m. Piccolo pollo.

Pompaggiu – s. m. Atto del pompare.

Pompari - V. pumpari.

Pompiata – s. f. Pompaggio per irrigare.

Pompinara – s. f. Stimolatrice erotica orale del pene.

Pompinu – s. m. Stimolazione erotica orale del pene, fellatio.

Poniri - tr. Collocare, supporre.

Popò – s. m. Nel linguaggio infantile è, la cacca.

Populinu – s. m. Persone di bassa condizione sociale.

Portabagagliu – s. m. Abitacolo dell'auto, facchino.

Portabannera – s. m. Alfiere, asta porta drappo.

Portacannili – s. m. Supporto per candela, bugia.

Portacinniri – s. m. Portacenere.

Portafogghiu – s. m. Portafoglio.

Portalittri – s. m. Chi recapita le lettere a domicilio, portalettere.

Portalumi - s. m. Supporto del lume non usato.

Portaparaccu – s. m. Contenitore dove si conservano gli ombrelli.

Portari - V. Purtari.

Portaritrattu – s. m. Portafoto.

Portaspinguli – s. m. Portaspilli.

Portavugghi – s. m. Astuccio per aghi.

Portò – s. m. Capo di vestiario che s’indossa sopra gli abiti per ripararsi dal freddo, cappotto.

Posari - V. pusari.

Posiziunari – tr. Dare posa, sistemare.

Postu – s. m. Sito, luogo, spazio| impiego.

Potti – v. v. Potere – Poté.

Poviru - agg. – s. m. Chi o che vive di stenti, ed è costretto a elemosinare.

Pozzu - v. v. Potere: Posso.

Praticari - tr. Esercitare, frequentare.

Praticatu - agg. Usato, frequentato.

Praticu - agg. Esperto, capace.

Praticuliddru - agg. Poco esperto.

Precchia - s. f. Perchia (Serranus cabrilla) pesce del genere Serranus | Per saperne di più: http://www.andreasormani.altervista.org/pesci.htm#Perchia

Preceriri – tr. Precedere, essere avanti rispetto a un altro.

Precisu - agg. Determinato, distinto, esatto, pienamente

Preju, preiu, preu  – s. m. piacere, allegria, compiacimento.

Prena – agg. Incinta, in stato di gravidanza, particolarmente usato per indicare lo stato degli animali.

Preoccuparisi – rifl. Stare in ansia, in stato di tensione.

Preula, prevula – s. f. Impalcatura a sostegno di viti o di altre piante rampicanti, pergola, pergolato.

Prerica – s. f. Predica, omelia.

Prescia – s. f. Fretta, premura.

Prestu – avv. Di buon ora, subito.

Priari – tr. Pregare.

Priarisi, prijarisi – intr. Compiacersi, rallegrarsi, manifestare la propria gioia.

Priatoriu – s. m. Luogo dove le anime patiscono pene temporali, purgatorio.

Priatu - agg. Felice, preso di sé. 

Pricipiri - tr. Capire, intendere, riscuotere, ricevere.

Pricipitarisi - rifl. Accorrere, affrettarsi.

Pricipitusu – agg. Frettoloso, irriflessivo.

Pricirenti - agg. Che precede, viene primo| s. m. Fatto accaduto da prendere ad esempio.

Pricirenza – s. f. Priorità| Il precedere.

Priciriri - tr. Andare avanti, essere superiore a qualcosa, venire primo, avanzare.

Pricisari - tr. Chiarire, correggere, determinare con esattezza.

Pricisatu – agg. Chiarito, corretto, riferito con esattezza.

Pricisazioni – s. f. Spiegazione, esattezza di cose, precisazione a quanto detto, chiarimento.

Pricisioni – s. f. Esattezza.

Pricocità – s. f. L'essere precoce, maturazione avvenuta prima del tempo.

Pridicissuri – s. m. Che precede il successore.

Priduminiu – s. m. Comando, sovranità.

Priduni – s. m. Ladro, predone

Prifirenza – s. f. Scelta, preferenza.

Prifiriri – tr. Scegliere, avere a preferenza.

Prifirutu - agg. Scelto tra tanti o tante cose.

Prigiunia – s. f. Luogo di concentramento di prigionieri.

Prilibatu - agg. Squisito, eccellente.

Prilivari - tr. Prendere una parte della somma depositata.

Prilivatina – s. f. L'atto del prelevare.

Primalora – s. f. Primipara, femmina che partorisce per la prima volta.

Primeggiari - intr. Avere il sopravvento sugli altri.

Primiari - tr. Dare il premio di un’opera, impresa, scoperta.

Primiaturi – s. m. Chi distribuisce premi.

Primiazzu – s. m. Grosso o brutto premio.

Primiceddru – s. m. Piccolo premio.

Primintivu - agg. Che matura anzitempo, precoce.

Primintiu - agg. Seminato anzitempo, precoce.

Primurarisi - rifl. Affrettarsi, essere sollecito.

Primurusu - agg. Che ha premura, fretta, sollecito.

Principali – s. m. Capo di un'arte, di un negozio, di un'impresa presso di cui si è dipendenti.

Principiari - tr. Incominciare, iniziare.

Priparari - tr. Approntare, apparecchiare, disporre.

Pripararisi - rifl. Tenersi pronto per qualunque evenienza.

Priparatina – s. f. L'atto e l'effetto del preparare.

Priparazioni – s. f. Il preparare e la cosa preparata, presa di cognizione, conoscenza specifica.

Priputenti - agg. Prepotente, soverchiatore, violento.

Priputenza – s. f. Soverchieria, abuso di potere, violenza.

Priricari - tr. Diffondere, spiegare la parola di Dio.

Priricata – s. f. Predica.

Priricaturi – s. m. – agg. Chi o che predica, oratore.

Priricazza – s. f. Lunga e noiosa predica.

Pririchiceddra – s. f. Breve e piacevole predica.

Priricozzu – s. m. Ramanzina.

Priricuna – s. f. Lunga e consistente predica.

Prisciazza – s. f. Gran brutta fretta.

Prisciceddra – s. f. Leggera fretta.

Prisciuna – s. f. Gran fretta.

Priscrivibili - agg. Da prescrivere.

Priscriviri - tr. Ordinare, stabilire.

Prisenti - agg. Che è alla presenza di qualcuno, attuale.

Prisentimentu, prisintimentu – s. m. Sensazione, premonizione.

Prisenza – s. f. Aspetto, sembianza.

Priserbativu, priservativu   – s. m. Profilattico protettivo.

Prisintari - tr. Porgere, offrire, dare, mostrare.

Prisintarisi - rifl. Apparire, comparire, mostrarsi, offrirsi, rispondere all'appello.

Prisintimentu – s. m. Sensazione.

Prisintiri – tr. Avvertire, presagire.

Prisinziari - tr. Essere a capo, condurre.

Prisirbari - tr. Tenere lontano dai pericoli.

Prisirenti – s. m. Chi è a capo di una società, di uno Stato.

Prisirenza – s. f. Ufficio o autorità di presidente.

Prissabili - agg. Che si può, da pressare, comprimere.

Prissanti - agg. Incalzante, che comprime.

Prissari - tr. Fare premura, comprimere, stringere, torchiare, sollecitare.

Prissioni – s. f. Azione del premere, sollecitazione.

Pristabiliri - tr. Stabilire prima.

Pristabilitu, pristabilutu - agg. Stabilito, accordato prima.

Pristamenti - avv. Con prestezza, subito, in poco tempo.

Pristanza – s. f. Dote fisica, bell'aspetto.

Pristanti - agg. Fisicamente dotato.

Pristari - tr. Dare altrui cosa con patto di restituzione| v. mpristari.

Pristatu – Agg. prestato, dato in prestito.

Pristaturi – s. m. chi dà in prestito.

Pristazzu - avv. Troppo presto.

Pristiceddru - avv. Di buon'ora.

Pristuliddru - avv. Di buon'ora

Pristuni - avv. Molto presto.

Pritenniri - tr. Avere a qualsiasi titolo e prezzo.

Pritinnenti - agg. – s. m. Chi o che aspira a qualcuno, a qualcosa.  

Priurità – s. f. Anteriorità.

Privaliri - intr. Avere più valore, più forza, vincere, trionfare.

Privari - tr. Far rimanere senza, spogliare di un bene.

Privarisi - rifl. Spogliarsi, rinunziare a un bene.

Privativa – s. f. Rivendita di tabacchi, tabaccheria.

Priviligiari - tr. Preferire, esentare per titoli o diritti, donare.

Priviniri - tr. Venire prima, anticipare.

Privintivari - tr. Stabilire prima.

Privintivatu – agg. Stabilito in precedenza.

Privintivu – s. m. Somma che si ritiene di spendere prima.

Privinutu - agg. Anticipato, sospettoso.

Privistu - agg. Supposto, immaginato.

Priziusu - agg. Di gran pregio.

Prizziceddru – s. m. Prezzo discreto.

Prizzuni – s. m. Alto prezzo.

Proccupari - tr. Dare pensieri, suscitare ansia.

Proccuparisi - rifl. Stare in pensiero, in ansia, in timore, in apprensione.

Proccupazioni – s. f. Stato di ansia| timore, pensiero.

Procerimentu – s. m. Iter, procedimento, percorso.

Proceriri  - tr. Andare camminando, continuare, seguitare.

Prodizza – s. f. Valore, coraggio, bravura.

Produciri - tr. Produrre. 

Produttivu - agg. Che produce, fertile.

Profanu - agg. Sacrilego, ignorante, incompetente.

Profilu - agg. Linea di un soggetto visto di fianco| ciò che si sa di una persona.

Profumarisi - rifl. Spargersi, darsi il profumo.

Profumatamenti - avv. Largamente, senza risparmio.

Profumeri – s. m. Produttore e venditore di profumi.

Profuminu – s. m. Leggero profumo| boccetta di profumo.

Profumiria – s. f. Negozio del profumiere.

Proiri – tr. Porgere, offrire. |V. Poiri, Pruiri.

Promettiri - V. prumettiri.

Prontizza – s. f. Sveltezza, celerità.

Propositu – s. m. Intenzione, fine.

Propostu - agg. Presentato, avanzato, designato.

Propriamenti - avv. Realmente, veramente.

Propiu – avv. Proprio.

Propunimentu – s. m. Proposito, intenzione.

Propuniri - tr. Avanzare, fare osservare.

Prorigiu – s. m. Fenomeno inconsulto nell'ordine della natura, miracolo, portento.

Prorigiusu – agg. Fenomenale, portentoso, miracoloso.

Prorucibili - agg. Che si può produrre.

Proruciri - tr. Generare, fruttare, cagionare, causare.

Prosciogghimentu – s. m. Disdetta, rinuncia, proscioglimento.

Prosciogghiri - tr. Rendere libero.

Prosciortu - agg. Liberato, assolto.

Prosciucamentu – s. m. Assorbimento di acqua.

Prosciucari - tr. Rendere asciutto, bonificare.

Prosciucatina – s. f. L'atto del prosciugare.

Prosciucatizzu - agg. Molto prosciugato.

Prosita – s. f. Augurio per qualche lieto evento o per un successo conseguito | E Prosita!

Prositu - s. m. Deretano, sedere.

Prospettari - V. Pruspittari.

Prospettu – s. m. Ciò che si presenta innanzi agli occhi, in particolare la facciata di una casa.

Prospirità – s. f. Ricchezza, floridezza, buona salute.

Prospiru - agg. Ricco, fiorente, florido, felice, favorevole, propizio | Fiammifero.

Prospittari - V. Pruspittari.

Prostituirisi - rifl. Prostituirsi, degradarsi, vendersi.

Proteggiri - V. Pruteggiri.

Protestari - V. Prutistari.

Protitturi – s. m. - agg. Chi o che offre protezione.

Provari - V. Pruvari.

Provinienti - agg. Che proviene, deriva.

Provinienza – s. f. Luogo d'origine, radice.

Provvisoriamenti – avv. Frattanto.

Prubabili – agg. Che può essere, apparire, eventuale.

Prubabilità – s. f. Eventualità, possibilità, evenienza.

Pruceriri – s. m. Cattiveria, stato d’animo interiore| lu to P. un mi piaci  - il tuo modo di fare non mi piace.  

Prucessu – s. m. Procedimento giudiziario.

Prucidura – s. f. Modo di procedere, di andare avanti.

Prucirimentu – s. m. Modo di comportarsi.

Prucissari - tr. Sottoporre a processo.

Prufissari - tr. Esercitare la professione.

Prufittarisi - rifl. Trarre vantaggio, abusare, avvantaggiarsi, progredire.

Prufittaturi – s. m. – agg. Chi o che approfitta con abuso sugli altri.

Prufittu – s. m. Utile, guadagno.

Prufunnità – s. f. L'essere profondo, prfondità.

Prufunnu - agg. Che penetra molto addentro, efficace, potente.

Prugittari - tr. Disegnare sulla carta l'opera da realizzare.

Prugittatina – s. f. L'atto del progettare.

Prugittista – s. m. Titolate del progetto.

Pruibili - agg. Che si può porgere.

Pruibimentu – s. m. Proibizione, il proibire.

Pruibiri - tr. Vietare, impedire di fare.

Pruibitivu - agg. Impossibile, inaccessibile.

Pruibizioni – s. f. Il proibire, divieto.

Pruiettari - V. pruittari.

Pruiettili – s. m. Ogni corpo che si scaglia con arma da fuoco.

Pruimentu – s. m. Porgimento.

Pruiri - tr. Approssimare cosa ad altri, dare, trasmettere |V. Proiri e Poiri.

Pruitina – s. f. Trasmissione di cosa.

Pruittari - tr. Mandare in onda, trasmettere.

Pruitturi – s. m.  Apparecchio per produrre immagini, suoni.

Pruituri – s. m. Porgitore.

Pruizioni – s. f. Il proiettare e la cosa proiettata.

Prumettiri - tr. Promettere.

Prumuturi - agg. – s. m. Chi o che dà inizio a qualcosa.

Pruntizza – s. f. Speditezza, rapidità, celerità.

Prunu – s. m. Albero e frutto del prugno, prugna.

Pruponiri - tr. Suggerire, designare.

Prupunimentu – s. m. Proposito, ciò che si vuole o non fare.

Prupuniri – tr. Suggerire.

Prurali - agg. Categoria grammaticale del numero, che si oppone al singolare, plurale.

Prurenti - agg. Cauto, attento.

Prurenza – s. f. Accortezza, cautela.

Pruritu – s. m. V. mangìu.

Pruruciri - V. produciri.

Prurugari – tr. Rinviare ad altra data, dilazionare.

Prusciogghiri,  Prusciugghiri - tr. Sciogliere gruppo di persone, società.

Pruseguiri, prusiguiri – intr. Continuare ad andare per lo stesso tragitto.

Pruspittari - tr. Indicare, mostrare.

Pruteggiri - tr. Tutelare, difendere, assistere.

Prutesta – s. f. Pubblica dichiarazione della propria volontà o sentimento, opinione diversa.

Prutestari - V. Prutistari.

Prutestu – s. m. Atto con cui si dispone il risarcimento di un debito.

Prutettu - agg. – s. m. Chi o che gode protezione, tutelato.

Prutistanti - agg. – s. m.  Seguace del protestantesimo| che protesta, si lamenta.

Prutistari - tr. Dichiarare la propria volontà, sentimento, opinione.

Pruvabili - agg. Da dimostrare.

Pruvari - tr. Esperimentare, dimostrare, tentare.

Pruvatina – s. f. L'atto e l'effetto del provare.

Pruvatizzu - agg. Molto provato, stanchissimo.

Pruvirenza – s. f. Ordine con cui Dio indirizza le cose umane al fine previsto, Avvenimento inatteso che favorisce, che risolve una situazione difficile.

Pruvirinziali – agg. Fortuito, inaspettato.

Pruvucamentu – s. m. Il provocare e l'effetto.

Pruvucanza – s. f. Il provocare e l'effetto.

Pruvucari - tr. Eccitare, irritare, cagionare sdegno.

Pruvucatina – s. f. Atto del provocare.

Pruvulazzata – s. f. Polverone.

Pruvulazzu – s. m. Terra arida minutissima che si forma e si posa su qualsiasi cosa.

Pruvuli – s. f. Polvere da sparo.

Pruvveriri, pruvviriri - tr. Mettere a disposizione.

Pruvvisoriamenti - avv. Per adesso, in via provvisoria.

Pruvvisorità – s. f. L'essere provvisorio, temporanea disponibilità.

Pruvvisoriu - agg. V. Provvisoriu.

Pubblicari - tr. Divulgare, dare alla stampa, diffondere.

Pubblicu - agg. Noto a tutti| s. m. La gente presente ad una manifestazione.

Puchizza – s. f. Scarsità, insufficienza.

Puci – s. m. Insetto parassita, pulce.

Puciazzu – s. m. Grossa pulce.

Puciddru – s. m. Piccola pulce.

Puddra – s. f. Segno indelebile di riconoscimento, marchio d’origine.

Puddrari - tr. Timbrare.

Puddratina – s. f. Timbratura.

Puddratu - agg. Timbrato.

Puddratura – s. f. Timbratura.

Puddraturi – s. m. Impiegato preposto alla timbratura.

Puddrastra – s. f. Giovane gallina.

Puddrastreddra – s. f. Giovanissima gallina.

Puddrastru – s. m. Giovane gallo.

Puddrastruna – s. f. Quasi gallina pronta per fare le uova.

Puddrastruni – s. m. Grosso galletto.

Puddricinazzu – s. m. Grosso pulcino.

Puddricineddru – s. m. Piccolo pulcino.

Puddricinu – s. m. Piccolo volatile, in particolare alla covata della gallina.

Puddru – s. m. Bollo, timbro, marchio.

Pueticu - agg. Di poeta, sentimentale, romantico.

Pugna – s. m. Entrambe le mani chiuse o in atto di stringere.

Pugnalari - tr. Uccidere col pugnale, tradire, parlar male di qualcuno.

Pugnalazzu – s. m. Grosso o brutto pugnale.

Pugnaleddru – s. m. Piccolo pugnale.

Pugnalinu – s. m. Piccolo pugnale.

Pugnaluni – s. m. Grosso pugnale.

Pugnazzu – s. m. Cazzottone, mano chiusa per raccogliere più cose possibili.

Pugniceddru, pugniddru  – s. m. Piccolo o leggero pugno.

Pugnu – s. m. Mano serrata per colpire, contenuto di una mano chiusa, pugno.

Pugnuni – s. m. Gran pugno.

Puisia – s. f. Arte di far versi, ispirazione poetica.

Puitari - tr. Comporre, esprimersi in versi.

Pulacchinu – s. m. Scarpa alta.

Pulimicari - intr. Far polemica, criticare.

Pulimicusu - agg. Che non è d'accordo con altri| Essiri P. - non accettare i discorsi degli altri.

Pulintuni – s. m. Settentrionale| mangiatore di polenta.

Puliticazzu – s. m. Politico invadente, importuno.

Puliticchiu - agg. Poco pulito, ordinato.

Puliticuni – agg. – s. m. Politico gonfiato, furbacchione.

Pulitizzu - agg. Molto pulito.

Pulizia – s. f. Polizia, pubblica, sicurezza| L'essere netto e il pulire.

Puliziari - tr. Nettare, spolverare. pulire| P. gnuni - pulire le parti nascoste di una casa.

Puliziata – s. f. Il pulire a fondo.

Puliziatazza – s. f. Buona e accurata pulita.

Puliziatazzu - agg. Molto ben pulito.

Puliziateddra – s. f. Leggera pulita.

Puliziateddru - agg. Poco pulito.

Puliziatina – s. f. L'atto e l'effetto del pulire.

Puliziatu - agg. Liberato dallo sporco, nettato, lavato.

Pulla - s. f. Prostituta, puttana |V. Buttana.

Pullaiolu – s. m. Allevatore o venditore di polli.

Pullami – s. f. Quantità di polli| Polli in genere.

Pulloviru – s. m. Golf di lana, pullover.

Pulluvirazzu – s. m. Ampio pullover.

Pumaramurata, pumarurata – s. f. Campo coltivato a pomodori.

Pumaramuri, pumaroru – s. m. Pomo d’amore, pomodoro| pianta e frutto del pomodoro.

Pumarurata – s. f. Campo coltivato a pomodoro, mangiata eccessiva di pomodori.

Pumarurazzu – s. m. Grosso o brutto pomodoro.

Pumarureddru – s. m. Piccolo pomodoro.

Pumata – s. f. Unguento per ferite| Aviri P. - darsi arie.

Pumatusu - agg. Vanesio, borioso, troppo preso di sé, vanitoso.

Pumazzu – s. m. Grossa o brutta mela.

Pumeddru, pumellu – s. m. Tirante delle porte.

Pumici – s. f. Pietra vulcanica leggerissima, spugnosa e porosa.

Pumiciari - intr. Coprire di carezze e baci con idee morbose, coprire d'effusioni.

Pumiciata – s. f. Atto di effusione amorosa.

Pumiciatazza – s. f. Lunga effusione.

Pumiciateddra – s. f. Breve effusione amorosa.

Pumiciatina – s. f. L'atto e l'effetto dell’amoreggiare.

Pumiddru – s. m. Piccolo melo| parte superiore della faccia, zigomo| maniglia dei  cassetti.

Pumpamentu – s. m. Pompaggio, l’atto del pompare.

Pumpari - tr. Aspirare acqua con la pompa.

Pumpata – s. f. Il pompare, colpo di pompa.

Pumpatazza – s. f. Lunga pompata.

Pumpatazzu - agg. Molto pompato.

Pumpateddra – s. f. Leggera pompata, breve pompaggio.

Pumpatina – s. f. L'atto e l'effetto del pompare.

Pumpazza – s. f. Grande o brutta pompa.

Pumpiari - tr. Irrorare, aspergere, disinfettare con la pompa.

Pumpiata – s. f. Innaffiata. 

Pumpiateddra – s. f. Leggera irrorazione.

Pumpiatina - sf. L'atto e l'effetto dell'irrorare.

Pumpiddra, pumpuzza – s. f. Piccola pompa.

Pumu – s. m. L'albero delle mele e la mela stessa.

Punenti – s. m. Occidente, ovest,  dove tramonta il sole | Vento del mediterraneo che spira verso ovest.

Puneru - V. v. Punire – Punirono |V. v. porre, posare - posero.

Pungigghiari - tr. Punzecchiare, pizzicare, molestare.

Pungigghiuni – s. m. Pungiglione, stimolo, pungolo, aculeo delle api.

Pungigghiusu - agg. Aguzzo, che punge, ironico, sarcastico.

Pungiri, pungìri - tr. Ferire , pizzicare, irritare| Tentare, convincere a far male| Avi a P. pi fari mali – Deve P. per fare male (solo se fa male, si può capire).

Pungirisi - rifl. Pungersi| essere ferito nell'orgoglio.

Pungiusu - agg. Pungente, aguzzo, che irrita.

Pungiuta – s. f. L'atto del pungere.

Pungiutazza – s. f. Il pungere profondamente.

Pungiuteddra – s. f. Leggera puntura.

Pungiutina – s. f. L'atto e l'effetto del pungere.

Pungiutu - agg. Punto, forato, bucato, tentato, iniziato, ferito.

Punibili - agg. Che è da punire, degno di punizione.

Punintaru – s. m. Pescatore che è  solito pescare nella zona occidentale.

Puniri - tr. Infliggere castigo, pena, condanna| porre, depositare.

Puntaloru – s. m. Punteruolo.

Puntata – s. m. Tiro o pedata con la punta del piede |scommessa.

Puntaturi – s. m. Contatore dell’energia elettrica o del gas | giocatore, scommettitore.

Puntazza – s. f. Grossa o brutta punta.

Puntiari - tr. Fare, dare punti| cucire, rammendare| fissare con puntine.

Puntiatu - agg. Intervallato da punti, cucito alla meglio.

Punzecchiari, punzicchiari – tr. Spingere ad agire, a fare, istigare.

Pupa – s. f. Bambola per bambine.

Puparu – s. m. Costruttore o venditore di pupi |Organizzatore, chi manovra i fili.

Pupazza – s. f. Grande o brutta bambola.

Pupata – s. f.  Azione da marionetta.

Pupazzata – s. f. Azionaccia, cattivo comportamento di chi non si attiene ai patti.

Pupazzeddru – s. m. Bambolotto.

Pupazzu – s. m. Grande bambolotto, bambolotto per maschietti.

Pupazzuni – s. m. Grande pupazzo.

Pupiddra – s. f. Bambola piccola e bella |Orifizio circolare situato al centro dell'iride, attraverso il quale penetrano nell'occhio i raggi luminosi.

Pupiddru – s. m. Pupazzetto, piccolo fantoccio | Uomo che vale quanto un bambolotto.

Puppa – s. f. Parte posteriore di un natante.

Pupu – s. m. Immagine in miniatura di persona adulta| persona che si lascia manovrare facilmente  come  quelli dell’opera de pupi, fantoccio.

Purcaria – s. f. Cosa sudicia o mal riuscita.

Purcaru – s. m. Guardiano, allevatore di porci.

Purcazzu – s. m. Grosso maiale.

Purchiceddru – s. m. Piccolo maiale| agg. Che ha comportamento da maiale.

Purciddruzzu – s. m. Piccolo maiale ma anche sporcaccione.

Purcuni - sm. Grosso maiale| agg. sporcaccione.

Purmuni – s. m. Organo primario della respirazione.

Purmunia – s. f. Infiammazione polmonare.

Purpacciu – s. m. Polpaccio della gamba.

Purpastrellu – s. m. La carne contrapposta all’unghia, polpastrello.

Purpazzu – s. m. Grosso o brutto polpo.

Purpiceddru, purpiddru – s. m. Piccolo polipo.

Purpu – s. m. Mollusco marino provvisto di otto tentacoli, polpo.

Purpuni – s. m. Grosso polpo.

Purpuzzu – s. m. Piccolo polpo.

Purpetta – s. f. Polpetta di…… qualsiasi cosa.

Purpittazza – s. f. Grossa o brutta polpetta.

Purpitteddra, purpittina – s. f. Piccola polpetta.

Purpitu – s. m. Pulpito,  palco per prediche in genere.

Purpusu - agg. Ricco di polpa.

Purrettu – s. m. Piccola escrescenza dura sulla pelle, verruca .

Purritu – agg. Fradicio, marcio, putrido.

Pursazioni – s. f. Espansione ritmica del cuore, pulsazione.

Pursinu – s. m. Parte terminale delle camicie a maniche lunghe o di alcuni abiti femminili, chiusa al polso da bottoni o da gemelli, polsino.

Purtamentu – s. m. Atteggiamento assunto in corrispondenza dei movimenti specialmente in rapporto alla personalità, Contegno.

Purtari – tr. Trasferire cosa da un luogo a un altro | condurre, recapitare qualcosa a qualcuno.

Purtarisi - rifl. Trasferirsi in altro luogo, comportarsi.

Purtaru - sm. Falegname che costruisce porte.

Purtata – s. f. Ciascuna delle vivande che vengono successivamente servite in tavola nel corso del pasto |Capacità di carico di un mezzo di trasporto |Condizione o qualità di una persona, distanza percorsa da un proiettile, gittata.

Purteddru – s. m. Finestra di casa rustica posta in alto| tavola per chiudere il carretto.

Purticeddra – s. f. Piccola porta.

Purticeddru – s. m. Piccolo porto.

Purtiddrazza – s. f. Grande o brutta porta.

Purtiddruni – s. m. Ampia finestra di casa rustica| grossa anta di una finestra.

Purtiddruzza – s. f. Piccola porta.

Purtiddruzzu – s. m. Finestrno di casa rustica.

Purtunaru – s. m. Portinaio.

Puru - avv. Anche, pure  |agg. Casto, puro.

Pusari - tr. Posare, deporre, adagiare.

Pusiddru – s. m. Piccolo polso, persona di polso.

Pusillanimi – agg. Timido, pauroso, di animo meschino, vile.

Pusizionari, pusiziunari - tr. Sistemare al posto giusto, collocare.

Pusiziunarisi - rifl. Assumere la posizione voluta o richiesta.

Pusseriri , pussiriri - tr. Avere in possesso.

Pussirenti - agg. – s. m. Chi o che possiede, ha ricchezze.

Pussirenza – s. f. L'essere possidente e la cosa posseduta.

Pussirimentu – s. m. Il possedere e la cosa posseduta, possesso.

Pussirutu - agg. Posseduto, invasato.

Pussissuri – s. m. Chi possiede, possidente.

Pustazioni – s. f. Luogo di attesa, fortino, casamatta.

Pustazzu – s. m. Grande o brutto posto.

Pusteddra – s. m. Segno sul braccio derivato dal vaccino contro il vaiolo.

Pusteri – s. m. Distributore di posta a domicilio, portalettere.

Pustiari - tr. Pedinare, tendere agguato, spiare.

Pusticeddru – s. m. Posticino, lavoretto, occupazione.

Pustiddrazza, pustiddruni – s. f. Grossa cicatrice provocata dall'antivaiolosa.

Pustuni – s. m. Posto di lavoro di prestigio, posto tranquillo.  

Pusu – s. m. Parte dell'avambraccio, polso, carattere, autoritarietà.   

Putari - tr. Tagliare ad arte i rami superflui di una pianta per favorirne la crescita, potare.   

Putateddra – s. f. Leggera potata.

Putateddru - agg. Leggermente potato.

Putatina – s. f. L'atto del potare.

Putatura – s. f. Il potare e l'effetto.

Putaturi – s. m. Chi o che pota.

Putia – s. f. Bottega, esercizio commerciale, osteria, officina artigianale.

Putiaru – s. m. Bottegaio, esercente, commerciante.

Putiazza – s. f. Ampia o brutta bottega.

Putieddra, putiuzza – s. f. Piccola bottega.

Putinu – s. m. Botteghino del lotto, ricevitoria.   

Putiri – s. m. Avere la facoltà, la forza, la capacità, la libertà, oppure i mezzi, il modo, la convenienza di fare qualcosa.

Putiri – V. Essere in grado di fare qualcosa, avendone la capacità e la forza, potere | tr.  Riuscire.

Putiuna - s. f. Grande bottega, negozio.

Putruni - agg. Persona indolente, svogliata e oziosa.

Puvirazzu - agg. – s. m. Troppo povero, sventurato, poveraccio.

Puvireddru, puvirinu – s. m. - agg. Poverello, poverino.

Puzzazzu – s. m. Ampio e capace pozzo.

Puzzali - s. m. Termine marinaresco per indicare la parte finale delle reti di pesca a strascico.

Puzzettu – s. m. Tombino per lo scolo delle acque piovane.

Puzziceddra – s. f. Leggera puzza, fetore.

Puzziceddru, puzziddru – s. m. Piccolo pozzo.

Puzzu – s m. Scavo circolare praticato nel terreno per attingere acqua da sottostanti strati acquiferi, pozzo.

Puzzuni – s. m. Grande pozzo.

Torna all’Indice