Crea sito

HOME

RICETTE

I PESCI

FOTO

RADICI

ESPERIENZE

CONTATTI

LINK

 

 

 

 

A pagari e a moriri c'è sempri tempu

 

 Lettera P – Parti prima da Pà a Pir

 

Pa’ – s. m. Diminutivo di patri – padre.

Paca – s. f. Paga.

Pacari, paari, pagari - tr. Soddisfare un debito, corrispondere la paga, pagare.

Pacaturi – s. m. Chi mantiene l’impegno nel pagare, pagatore

Paccazzu – s. m. Grosso o brutto pacco.

Pacchettu – s. m. Piccolo pacco, in particolare quello delle sigarette| anche: pachettu.

Pacchianu – s. m. Grossolano, privo di gusto, cafone.

Pacchiazzu – s. m. Ampia vagina.

Pacchiceddru – s. m. Pacchettino | piccola vagina.

Pacchittazzu – s. m. Grande o brutto pacchetto.

Pacchitteddru, pacchittinu, Pacchittinu, pacchittuzzu – s. m. Piccolo pacchetto.

Pacchittuni – s. m. Grosso pacchetto.

Pacchiu – s. m. Vagina di donna matura.

Pacchiuna – agg. Donna prosperosa.

Paccomora – loc. Per intanto, nel mentre.

Paccu – s. m. Pacco, plico, collo.

Paccuni – s. m. Grosso pacco.

Pacenza, pacenzia – s. f. Virtù per la quale si sopportano offese, dolori

Pacenziari - V. Pacinziari.

Paceri, pacieri  – s. m. Intermediario di pace.

Pachettu – s. m. Pacchetto, piccolo involto | Scatola di carta spessa o cartoncino che contiene sigarette.

Pacinziari - intr. Sapere attendere con relativa serenità.

Pacinziuna – s. f. Grande pazienza.

Pacinziusu - agg. Che sa aspettare| tollerante.

Pacinziuzza – s. f. Piccola, leggera tolleranza.

Paciusu – agg. Che ha tendenza alla pace.

Paciuzza – s. f. Breve pace.

Paganu - agg. – s. m. Adoratore d’idoli.

Pagghetta – s. f. Copricapo di paglia, paglietta.

Pagghia – s. f. Resto di biade trebbiate e del grano, paglia.

Pagghialora – s. f. Luogo di deposito di paglia.

Pagghialoru – s. m. Chi accumula paglia in estate per venderla in inverno, locale in cui si deposita la paglia.

Pagghiarazzu – s. m. Grande o brutto ricovero di stoppie e canne.

Pagghiareddru – s. m. Piccolo ricovero di paglia e stoppie.

Pagghiriccà - loc. Più in qua.

Pagghiriddrà - loc. Più in là.

Pagghiarizzu – s. m. Saccone di paglia per dormire in campagna.

Pagghiaru – s. m. Capanna fatta di canne, stoppie e paglia adatta per guardiani campestri, per pastori| Immensa catasta di paglia di forma piramidale.

Pagghiaruni – s. m. Grande pagliaio.

Pagghiaruzzu – s. m. Piccolo pagliaio.

Pagghiazza – s. f.  Brutta paglia o suoi avanzi.

Pagghiazzata – s. f. Cattivo comportamento | Spettacolo mal riuscito o insoddisfacente.

Pagghiazzu – s. m. Pagliaccio, pagliericcio.

Pagghiolu – s. m. Pagliolo, fondo interno di una barca.

Pagghiri - prep. Verso,  in direzione, nelle vicinanze |P. ccà = verso qua, P. ddrà = verso là, P. a Mazara = nelle vicinanze di Mazara.

Pagghiuneddru – s. m. Piccolo imbroglio con le carte da gioco.

Pagghiuni – s. m. Imbroglio che deriva dal rimescolare le carte da gioco al fine di barare, pagliericcio.

Pagghiusu – agg. Che produce una gran quantità di paglia.

Pagghiuzza – s. f. Piccolo pezzo di paglia, di stoppia, pagliuzza.

Paginazza – s. f. Gran brutta pagina.

Pagineddra – s. f. Piccola pagina.

Paginuna – s. f. Grande pagina, acuta, interessante.

Pagliaccettu – s. m. Vestitino per bambino simile a quello che indossano i pagliacci.

Pagnittuni, pagnuttuni – s. m. Cazzottone, forte pugno.

Pagnittuzzu, pagnuttuzzu  – s. m. Leggero cazzotto, pugno sferrato da un bambino.

Pagnuccuni – s. m. Pacioccone, bonaccione | V. Abbunazzatu.

Pagnuttazza – s. f. Grossa o brutta pagnotta.

Pagnutteddra – s. f. Piccola pagnotta.

Pagnutteddru – s. m. Piccolo cazzotto.

Pagnuttista - agg. – s. m. Mangione, pappone, chi o che si lascia corrompere.

Pagaccillu - loc. Pagaglielo.

Pagaccinni – loc. Pagagliene.

Pagamillu - loc. Pagamelo.

Pagaminni – loc. Pagamene.

Pagamuccillu – loc. Paghiamoglielo.

Pagateddru - agg. Modestamente pagato.

Paisaggeddru – s. m. Piccolo o poco piacevole paesaggio.

Paisaggiazzu – s. m. Grande o brutto paesaggio.

Paisanata – s. f. Manifestazione tipica di paese.

Paisanazzu – s. m. Brutto o cattivo paesano.

Paisaneddru – s. m. Piccolo o gentile paesano.

Paisanu – s. m. Nativo dello stesso paese| agg. Del paese, del luogo, conterraneo.

Paisazzu – s. m. Grosso o brutto paese.

Paiseddru, paisottu, paisuzzu – s. m. Piccolo paese.

Paisi – s. m. Estensione di territorio| Centro abitato, borgo.

Pala – s. f. Strumento da lavoro per sterrare, spalare, infornare, vanga | Foglia carnosa del ficodindia.

Palamitu – s. m. Attrezzo di pesca professionale o sportiva costituito da una lunga lenza di grosso diametro con inseriti ad intervalli regolari spezzoni di lenza più sottile portanti ognuno un amo.

Palancaru -  V. Palamitu | per estens.  Pescatore che usa l’attrezzo P.

Palandruni – s. m. Persona pigra, fannullone, scansafatiche, pelandrone.

Palarizzari - tr. Immobilizzare, rendere inerte.

Palarizzatu – agg. Colpito da paralisi, immobile.

Palata – s. f. Colpo di pala, quantità di materiale che si può prendere con la pala.

Palataru – s. m. Parte superiore della cavita orale, volta palatina, palato.

Palettu – s. m. Piccolo palo, chiavistello, spranga per chiudere porte o finestre.

Paliari - tr. Paleggiare,  muovere qualcosa con  la pala |P. denari = essere ricchissimo.

Paliceddra – s. f. Foglia del ficodindia, piccola pala.

Palisari - tr. Svelare, riferire.

Palisarisi - rifl. Manifestarsi, apparire, mostrarsi.

Palisi - agg. Manifesto, noto, chiaro, evidente.

Palistrazza – s. f. Grande e brutta palestra.

Palistreddra, palistrina – s. f. Piccola, graziosa palestra.

Palistruna – s. f. Grande palestra.

Palittata – s. f. Colpo inferto con la paletta| quantità di  materiale che si riesce a prendere.

Palittazza – s. f. Grande o brutta paletta.

Palitteddra -  s. f. Piccola pala, paletta.

Pallazza – s. f. Grossa o brutta palla.

Pallinazza – s. f. Grossa o brutta pallina.

Pallineddra – s. f. Piccola pallina.

Pallirizza – s. f. Pallidezza, colorito.

Palliru, pallitu - agg. Sciupato in volto.

Pallunaru - agg. Falso, bugiardo, imbroglione| s. m. Venditore di palloni.

Palluneddru – s. m. Piccolo pallone.

Palluri – s. m. Colore pallido del viso.

Pallusu – agg. Pesante, noioso.

Palluttuliari - tr. Ridurre a palla, appallottolare.

Palora – s. f. Sequenza linguistica, espressione, vocabolo, parolaccia, insulto, parola.

Palummaru – s. m. Chi lavora sottacqua indossando lo scafandro | venditore di colombi.  

Palummazza – s. f. Grossa o brutta colomba.

Palummeddra, palummuzza – s. f. Piccola colomba.

Palummu – s. m. Piccione, piccolo squalo ovvero palombo.

Palurazza – s. f. Brutta parola, volgare, offensiva.

Palureddra – s. f. Cenno o discorso breve, perlopiù confidenziale o affettuoso.

Paluruna – s. f. Parola lunga o difficile, parola enfatica ma vuota o povera di significato.

Paluzzu – s. m. Piccolo palo, sostegno.

Pampina – s. f. Foglia di qualunque pianta.

Pampinazza – s. f. Larga o brutta foglia.

Pampineddra – s. f. Piccola o tenera foglia  |Aviri l'occhi a P. = Avere le palpebre degli occhi che sventolano come foglie al vento per il sonno.

Panararu – s. m. Chi intreccia o vende cestini, canestri, panieri.

Panarata – s. f. Contenuto, colpo inferto con un cesto.

Panarazzu – s. m. Grande o brutto paniere.

Panareddru, panarinu – s. m. Piccolo cesto.

Panaru – s. m. Manufatto con manico intrecciato con vimini o canne e usato, principalmente, dai contadini.

Panaruni – s. m. Grande canestro.

Panaruzzu – s. m. Piccolo canestro.

Panella – s. f. Frittella preparata con farina di ceci.

Panellaru - s. m. Friggitore o venditore di panelle.

Panfinu - avv. Persino.

Pani – s. m. Pane.

Panneri – s. m. Negoziante di stoffe.

Pantiddraria – s. f. Isola di Panelleria.

Pantischi – agg. pl. Indica chi è nato o abita a Pantelleria.

Pantofula – s. f. V. Tappina.

Pantufularu – s. m. Venditore di pantofole| persona che ama starsene in casa in pantofole.

Pantufuluna – s. f. Grande pantofola.

Pantufuluzza – s. f. Piccola pantofola.

Panza – s. f. Pancia, addome, stomaco, ventre.

Panzareddra, panzuzza – s. f. Pancia di un bambino.

Panzata – s. f. Brutto tuffo in acqua.

Panzazza – s. f. Grossa o brutta pancia.

Panzuni – s. m. Grossa pancia| Persona con una grande pancia o di donna incinta.

Panzuteddru - agg. Leggermente panciuto.

Papacchiari - tr. Imbrattare, sporcare, lordare.

Papacchiusu – agg. Disordinato, imbrattatore.

Papariari, papariddriari – int. Sguazzare come le papere.  

Papellu – s. m. Foglio con una lunga serie di vocaboli.

Pappaddru – s. m. Uccello esotico di più colori dal becco caratteristico| Chi ripete parole o frasi di altri.

Papparina – s. f. Pianta erbacea dal fiore rosso vermiglio, papavero.

Papula – s. f. Lesione della pelle o delle mucose, rappresentata da un piccolo rilievo solido di forma, colore e consistenza variabili, vescica.

Papuliceddra, papuluzza – s. f. Piccola vescica.

Papuluna – s. f. Grossa vescica.

Papulusu – agg. Pieno di vesciche.

Papuri – s. m. Vapore, barche a vapore ovvero le prime barche a motore.

Papuzzana – -  s. f. Piccolo coleottero della fava - Bruchus Rufimanus - ovvero Tonchio della fava | per transizione si indicano, come P., anche le persone minute.      

Para – s. f. Una coppia, due, paio.

Paraccata – s. f. Colpo dato con il parapioggia o l’ombrello.

Paraccazzu – s. m. Grande o brutto parapioggia, ombrello.

Paraccheddru, paraccuzzu  – s. m. Piccolo parapioggia, ombrello.

Paraccu, paracqua – s. m. Accessorio per ripararsi dalla pioggia o dall’ombra, parapioggia, ombrello.

Paraggiu – s. m. Uguale, identico, pari.

Paragunari - V. paraunari.

Paraguni – sm. Paragone, confronto.

Paramuschi – s. m. Arnese per riparare dalle mosche.

Parancu – s. m. Macchina per sollevare pesi, caratterizzata da un bozzello fisso e uno mobile.

Paranza – s. f. Imbarcazione da pesca costiera.

Parapigghia – s. m. Repentina e rumorosa confusione di persone e cose, parapiglia.

Parateddra – s. f. Piccola o facile parata.

Parateddru - agg. Leggermente parato, riparato.

Paratura – s. f. Apparato finale ed essenziale di una lenza da pesca | V. Vrazzola.

Paraunabili - agg. Comparabile, confrontabile.

Paraunari - tr. Mettere a confronto.

Paraunazzu – s. m. Gran brutto paragone.

Parauneddru – s. m. Piccolo paragone.

Parauni – s. m. Atto con cui più cose o persone si confrontano.

Parchettu, parchiceddru – s. m. Palchetto, parchetto| Piccolo palco, parco.

Parda -  s. f. Disordine, bizzarria, stravaganza.

Pardusu – agg. Di persona bizzarra, stravagante, che crea disordine

Pareddra, pateddra – s. f. Arnese per friggere vivande.

Pariceddru – s. m. Paio di piccole cose.

Pariddraru, patiddraru – s. m. Chi fa, vende, ripara padelle.

Pariddrata, patiddrata – s. f. Contenuto, colpo di padella.

Pariddrazza, patiddrazza – s. f. Grande o brutta padella.

Pariddruna, patiddruna – s. f. Grande, enorme padella.

Pariddruzza, patiddruzza – s. f. Piccola padella.

Parigghia – s. f. Coppia, due cose della medesima specie e grandezza.

Pariggiaturi – s. m. Chi pareggia, bilancia, uguaglia.

Parintaggiu – s. m. Rapporto di parentela, casato.

Parintami – s. f. L’insieme dei parenti.

Parintatu – s. m. Casato, discendenza| famiglie dello stesso ceppo.

Parintazzu – s. m. Cattivo parente.

Parinteddru – s. m. Buon parente.

Parintela – s. f. Legame, relazione, vincolo di sangue o di affinità.

Parintuni – s. m. Parente intimo.

Pariri - tr. Sembrare, credere di essere, apparire.

Parissimu – loc. Sembreremmo.

Parissivu – loc. Sembrereste.

Pariavu – loc. Sembravate.

Parlari, parrari - tr. Esprimere idee, discutere, ragionare, conversare | s. m.  Modo di parlare, linguaggio, conversazione, diceria.

Parlarsi, parrarisi – rifl. Prendere accordi.

Parma – s. f. Pianta del dattero.

Parmata – s. f. Colpo di palma.

Parmazza – s. f. Lunga o brutta palma.

Parmazzu – s. m. Ampio palmo della mano.

Parmiceddra, parmiddra, parmina, parmuzza – s. f. Piccola palma.

Parmiceddru, parmiddru, parmuzzu – s. m. Piccolo palmo della mano.

Parmitu – s. m. Luogo coltivato a palme, palmeto.

Parmu – s. m. Palmo, estensione della mano aperta dall'estremità del pollice a quella del mignolo.

Parmuna – s. f. Grande palma.

Parmuni – s. m. Ampio palmo della mano.

Parpagghiuni,pappagghiuni, pappagghiolu,parpagghiolu – s. m. Farfalla, farfallina, falena.

Parpagnu – s. m. Sagoma, misura, forma, linea.

Parpibra – s. f. Ciascuna delle due pieghe cutanee mobili che, avvicinandosi tra loro, coprono la parte anteriore del globo oculare, palpebra.

Parpitamentu – s. m. La pulsazione del cuore.

Parpitari - intr. Muoversi con straordinaria frequenza e forza e si dice del cuore.

Parpitu – s. m. Singolo battito del cuore, sussulto.

Parrastra – s. f. Moglie del padre vedovo della prima moglie, matrigna| Cattiva madre.

Parrastru – s. m. Marito della madre vedova del primo marito, patrigno.

Parrinaru – s. m. Chi frequenta i preti o li favoreggia.

Parrinazzu – s. m. Cattivo prete, finto padrino.

Parrineddru – s. m. Seminarista, piccolo prete| Buon padrino.

Parrinu – s. m. Prete| Chi porta a battesimo o a cresima, padrino.

Parritteri, parlitteri - agg. Ciarliero, linguacciuto, chiacchierone, loquace, che parla come per abitudine.

Parruccazza – s. f. Grande o brutta parrucca.

Parruccheddra – s. f. Piccola parrucca.

Parrucchianu – s. m. Chi appartiene a una parrocchia.

Parrucchiazza – s. f. Grande o brutta parrocchia.

Parrucchieddra, parrucchiuzza  - s. f. Piccola parrocchia.

Parrucchinu – s. m. Parrucchino, chi fa uso di parrucca, piccola parrucca.

Parrucchiuna – s. f. Grande parrocchia.

Parruccianu – s. m.  Cliente affezionato, che si serve sempre nello stesso negozio.

Parrucuni – s. m. Parroco di notevole levatura.

Parrucuzzu – s. m. Parroco di modesta levatura.

Partazza – s. f. Partaccia, brutto comportamento, scorrettezza, cattiva azione.

Partecipari, participari - intr. Prendere parte, concorrere, intervenire, assistere.

Parti – s. f. Porzione, spettanza| azione, modo d'agire.

Particeddra – s. f. Piccola parte.

Partitazzu – s. m. Grosso partito| Buona stirpe per un pretendente.

Partiteddra – s. f. Piccola o piacevole partita.

Partiteddru, partitinu – s. m. Piccolo partito| Famiglia discreta per il pretendente.

Partitu – s. m. Insieme di persone con uguali idee politiche| Stirpe, famiglia, casato.

Partituna – s. f. Grande partita.

Partituni – s. m. Grosso partito.

Partuallu – s. m. Arancia dalla buccia sottile della specie portogallo.

Partuna – s. f. Grossa, grande, abbondante porzione o quota.

Parturienti – s. f. Chi sta per partorire, donna incinta prossima a partorire.

Parturienza – s. f. Il partorire e l'atto.

Partuta – s. f. Avvio, inizio, partenza.

Partutu - agg. Andato via, partito| Guasto, danneggiato| Che dà i numeri, fuori di sé, impazzito.

Partuzza – s. f. Piccola parte, parte secondaria.

Paru – s. m. Paio, due cose uguali o della stessa specie considerate come un'unità | agg. Pari, contrario di dispari.

Parulazza – s. f.  Offesa, parolaccia.

Paruleddra – s. f. V. Palureddra.

Pasciri - tr. Crescere, allevare, pascere.

Pasculari - tr. Condurre le bestie al pascolo.

Passacarti – s. m. Burocrate, impiegato che ha a che fare con le pratiche.

Passamillu - loc. Passamelo.

Passamunillu – loc. Passiamocelo.

Passari – tr. Passare, percorrere, superare, sorpassare, attraversare.

Passariddrazzu – s. m. Grosso passero.

Passariddruzzu – s. m. Piccolo passero.

Passarisi – v. pronom. Tr. darsi qualcosa reciprocamente, contagiarsi.

Passatoiu – s. m. Ogni cosa su cui si passa, stretto tappeto d’ingresso.

Passiari - tr. Camminare per diletto, per fare un po’ di movimento, passeggiare.

Passiata – s. f. Il passeggiare e il tratto percorso.

Passiatazza – s. f. Lunga passeggiata.

Passiateddra – s. f. Breve passeggiata.

Passiatina – s. f. Piacevole passeggiata.

Passiaturi – s. m. Amante della passeggiata.

Passiceddru, passiddru, passuzzu  – s. m. Piccolo passo.

Passitu – s. m. Vino liquoroso, ricavato da uve appassite al sole.

Passiu – s. m. Passeggio, viavai per diletto.

Passiusu – agg. Che ama passeggiare.

Passu – s. m. Distanza tra un piede e l’altro, luogo di agguato (a lu passu), andatura di un animale, misura convenzionale.

Passuluni – s. m. Olive nere rinsecchite sull’albero e condite.

Passula, passulina  – s. m. Uva passa, acino appassito.

Passuni – s. m. Passo lungo.

Pastaru – s. m. Chi fa o vende pasta| gran mangiatore di pasta.

Pastazza – s. f. Brutta pasta.

Pastigghia – s. f. Castagna essiccata senza buccia.

Pastuni - s. m. Intruglio a base di crusca, pasta e altri resti vegetali che si danno a mangiare ai maiali per ingrassarli.

Pastura – s. f. Luogo di pascolo, cibo per animali, fune con cui si legano le zampe anteriori delle bestie per non farle allontanare.

Pastureddru – s. m. Piccolo pastore, statuina da presepe.

Patataru – s. m. Venditore o mangiatore di patate| agg. Di terreno, atto alla coltivazione di patate.

Patatazza – s. f. Grossa o brutta patata.

Patateddra – s. f. Piccola patata.

Patatuna – s. f. Grossa patata.

Patatuni - agg. Duro di comprendonio, poco intelligente, grossa patata, bitorzolo.

Pateddra – s. f. Mollusco molto conosciuto con una sola valva con un grosso piede arrotondato e molto ampio, e grazie ad esso che l'animale sta attaccato sulle rocce, patella |V. Pareddra.

Patiddraru – s. m. Pescatore e venditore molluschi | ma si dice anche per il venditore di padelle.

Patiddrazza – s. f. Grossa o brutta tellina o padella.

Patiddruna – s. f. Grossa patella o padella.

Patiddruzza – s. f. Piccola patella o padella.

Patrastru – s. m. V. parrastru.

Patrazzu – s. m. Cattivo, indegno padre.

Patri – s. m. Chiunque abbia figli, titolo dato ai  sacerdoti e ai monaci.

Patrignu – s. m. V. Parrastru.

Patrunanza – s. f. Proprietà, autorità di padrone, piena conoscenza.

Patrunazzu – s. m. Appellativo di chi fa propri atteggiamenti dispotici, prepotente.

Patruneddru – s. m. Piccolo padrone, figlio del padrone, piccolo possidente.

Patruni – s. m. Chi ha possesso o disponibilità di beni| santo protettore di una città.

Patruzzu – s. m. Padre affettuoso.

Pattiari - tr. Trattare sul prezzo, mercanteggiare.

Pattiata, pattiatina – s. f. L'atto del negoziare, dell'accordarsi sul prezzo.

Pattiatu – agg. Patteggiato, negoziato.

Pattiaturi – s. m. Chi patteggia, tratta, negozia, mercanteggia.

Patticeddru – s. m. Piccolo patto, accordo.

Pattu – s. m. Accordo, convenzione tra Stati, ma anche tra persone, patto.

Pattùgghia – s. f. Piccolo corpo di soldati con compiti di vigilanza.

Pattugghiamentu – s. m. Sorveglianza di pattuglia.

Pattugghiari - tr. Perlustrare, sorvegliare, vigilare.

Pattuni – s. m. Grosso patto, accordo raggiunto.

Pattuzzu – s. m. Piccolo patto, accordo raggiunto.

Patutu - agg. Sciupato, pallido per sofferenze.

Pavimintari – V. ammarunari.

Pavunazzu – s. m. Grosso pavone| agg. Superbo, vanitoso.

Pavuneddru – s. m. Piccolo pavone| agg. Superbetto, vanitoso.

Pavuni, pau – s. m. Uccello dell'ordine dei gallinacei con bellissime penne e lunga coda tempestata di macchia a foggia d'occhi.

Pavuniggiamentu – s. m. Superbia, vanità.

Pavuniggiarisi - rifl. Mostrarsi compiacente, farsi prendere dalla vanità, dalla superbia.

Pavuniggiusu – agg. Superbo, vanitoso.

Pazziata – s. f. Atto da pazzi.

Peccari - V. Piccari.

Pecchi – s. m. Mancanze, difetti.

Peccatrici – s. f. Persona che pecca | Rana pescatrice Lophius piscatorius detta anche rospo di mare.

Peccu – s. m. Peccato.

Pecorinu – s. m. Formaggio prodotto con latte di pecora| agg. Di pecora.

Pecura – s f. Pecora| di persona accondiscendente, arrendevole.

Peddri – s. f. Membrana che ricopre il corpo, pelle.

Peddririsuli - s. m. Puntino nero sulla pelle, comedoni.

Peggiorari - V. Piggiurari.

Peggiu - agg. Peggiore.

Peggiuramentu - sm. Condizione di chi peggiora.

Peiu – s. m. V. Preiu.

Pelatu - agg. Privo di buccia| Calvo, senza capelli.

Penari - V. Pinari.

Pensari - V. Pinsari.

Pentisi – rifl. Pentirsi, dolersi.

Pepè – s. m. Nel linguaggio infantile, scarpa.

Perdiri - tr. Smarrire, avere perdita| Contrario di guadagnare, di vincere.

Perdirisi – rifl. Smarrirsi, rovinarsi| P. di casa – Finire in miseria.

Perfidamenti - avv. In modo perfido, malefico.

Perfumata – s. f. Inalazione di vapori per raffreddore.

Perfumu – s. m. Vapore che deriva da erbe cotte e che la persona raffreddata aspira.

Peri – s. m. Parte terminale dell'arto inferiore, piede, sostegno di un tavolo, di una sedia, tronco d’albero e l’albero stesso.

Periperi - locuz. In giro, nei paraggi, nei dintorni.

Peririporcu – s. m. Arnese per scassare porte.

Peritorti – s. m. Imperfezione fisica ai piedi.

Peritozzu – s. m. Scalpiccio, camminata nota, rumore di piedi in movimento.

Perlomenu – loc. Almeno.

Pirniceddru, pernettu – s. m. Piccolo perno, bulloncino.

Pernu – s. m. Ferro a vite che lega due parti, asse, equilibrio, sostegno.

Persichiceddru – s. m. Piccola e saporita pesca.

Persicu – s. m. Albero di pesche o la pesca stessa.

Persicunazzu – s. m. Grossa e brutta pesca.

Persu - agg. Inservibile, smarrito, rovinato.

Persuariri - V. pirsuariri.

Petra – s. f. Concrezione e indurimento della crosta terrestre, sasso, pietra.

Petrificari - tr. Pietrificare - divenire pietra o simile, solidificare, indurire.

Pettini – s. m. Arnese con cui si rassettano i capelli, pettine.

Pettu – s. m. La porzione del tronco umano che sta tra il collo e l'addome e costituisce la parte anteriore del torace, opposta al dorso, il seno delle donne, il davanti di una camicia, di una giacca, la parte inferiore della scarpa che tocca il terreno.

Petturutu - agg. Che va col petto in fuori e rilevato per superbia| Vanitoso, superbo.

Pezza – s. f. Straccio, cencio.

Pezzu – s. m. Parte di cosa solida divisa dal tutto, tratto di tempo e di spazio, una canzone, una composizione.

Pi – pr. s. Per| Pi cumminazioni - per caso | Pi mia – per me.

Piacevulizza – s. f. Gradimento.

Piacimentu – s. m. Gradimento| A P. - a scelta.

Piacireddru - sm. Piccolo piacere, favore, servizio.

Piaciri – s. m. Godimento, gradimento, piacere.

Piaciri, piacìri – intr. Cagionare una sensazione di piacere, gradimento.

Piaciruni – s. m. Grande piacere.

Piaciruzzu – s. m. Piccolo leggero piacere.

Piacivuli – agg. Gradito, che interessa.

Piacivulizza – s. f. Sentimento di piacere, gradimento.

Piaia – s. f. Spiaggia.

Piallamentu – s. m. L’atto di piallare.

Piallaturi – s. m. – agg. Chi o che toglie le scabrosità col pialletto, falegname.

Pianerottulu – s. m. Spazio in piano alle scale o a ciascuna rampa.

Piantunari - tr. Fare la guardia a qualcuno.

Pianu, pianuforti – s. m. Strumento musicale a tasti| ciascun ordine di stanze in cui è divisa una casa nella sua altezza| avv. Contrario di forte, di veloce, adagio, lentamente, con calma, moderatamente.

Pianuterra – s. m. Casa a livello di strada.

Piattami – s. f. Serie di piatti diversi.

Piattaru – s. m. Venditore di piatti e stoviglie in genere.

Piattata – s. f. Contenuto di un piatto, colpo.

Piattazzu – s.  m. Grande o brutto piatto, troppo pieno.

Piattera – s. f. Rastrelliera, chiusa o a giorno, in cui si mettono i piatti, puliti e sciacquati, a scolare.

Piatticeddru, piattinu – s.m. Piccolo piatto.

Piattu – s. m. Vaso in ceramica in cui si mangia.

Piattuni – s. m. Grande piatto e suo contenuto.

Piattuzzu – s. m. Piccolo piatto e suo contenuto.

Piatusazzu - agg. Troppo pietoso.

Piatuseddru - agg. Leggermente pietoso.

Piatusu - agg. Che muove a pietà, desta compassione.

Piazzari - tr. Collocare, installare, esporre.

Piazzatu – agg. Piazzato, ben messo.

Picara - s. f. Pesce cartilagineo appartenente alla famiglia Rajidae  e se vuoi saperne di più http://www.andreasormani.altervista.org/pesci.htm#Razzachiodata | Donna popolana  di facili costumi.

Picata – s. f.  Impacco medicamentoso, qualcosa che sta male, non adeguata| colpo di piccone.

Picateddra – s. f. Piccolo impacco, leggero colpo di piccone| stoltezza. 

Picazzu – s. m. Grande, pesante piccone.

Picca - agg. - avv. Contrario di assai, scarso di numero, poco.

Piccà - loc. Per di qua, da questa parte.

Piccanti - agg. Che punge al palato, pungente.

Piccareddra, piccareddru  - avv. Pochino, insufficiente.

Piccari - intr. Commettere azioni immorali, deplorevoli.

Piccatazzu – s. m. Grave o brutto peccato.

Piccateddru, piccatuzzu – s. m. Piccolo peccato.

Piccatu - sm. Trasgressione volontaria, peccato

Piccatuni – s. m. Grave peccato.

Piccaturazzu – s. m. Grande peccatore.

Piccatureddru – s. m. Piccolo peccatore.

Piccaturi – s. m. Chi o che pecca.

Piccatuzzu – s. m. Piccolo peccato.

Picchì - loc. Per questo, per quale motivo, perché.

Picchissu – loc. Ecco perché, ora mi spiego, per questo motivo.

Picchiuliari – tr. Piagnucolare, piovigginare.

Picchiuliata – s. f. Lamento continuo.

Picchiu – s. m. chi è sul punto di piangere| Uccello dal becco poderoso |Lu picciriddru si misi lu P. - il bambino sta per piangere.

Picchiusazzu - agg. - sm. Chi ha gli occhi ammalati e li apre con difficoltà, a malapena.

Picchiuseddru - agg. - sm. Chi ha gli occhi socchiusi per problemi fisici.

Picchiusu - agg. – s. m. Persona che sta per piangere, per commozione| Aviri l’occhi picchiusi – non vederci a sufficienza.

Piccio’ – s. m. Diminuitivo di Picciòttu.

Picciòttu/a – s. m. Giovane più che adolescente, giovanotto, commesso.

Picciriddru  - s. m. Bambino, piccolo.

Picciriddruzzu – s. m. Neonato, lattante.

Picciuli – s. m. Soldi, denari contanti| Insieme di monete.

Picciunara, picciunaru – s. m. Luogo dove dormono i piccioni domestici.

Picciunazzu – s. m. Grosso o brutto piccione.

Picciuneddru – s. m. Piccolo piccione.

Picciuni - s. m. Colombo viaggiatore| organo genitale di bambina.

Picciuttanza – s. f. Età che segue l’adolescenza.

Picciuttaru – agg. Che si mantiene giovane.

Picciuttazzu – s. m. Giovane di bell’aspetto fisico.

Picciutteddru – s. m. Ragazzo beneducato.

Picciuttuni – s. m. Giovane fisicamente ben messo.

Piccomu – loc. Dal mio punto di vista.

Picculezza, picculizza – s. f. Piccolezza.

Picculezzi – s. m. Cose di poco valore.

Picculiddra – s. f. Pochino.

Piché – s. m. Tessuto di cotone.

Pichettu – s. m. Paletto di legno o di metallo aguzzo a un'estremità, che si pianta in terra durante le operazioni di picchettazione oppure per fissare qualcosa.

Pichittamentu – s. m. Picchettamento| sorveglianza.

Pichittazzu – s. m. Grosso o brutto picchetto.

Pichitteddru – s. m. Piccolo picchetto.

Pichittiari – tr. Picchiettare, battere qualcosa su una superficie con colpi piccoli e frequenti, tamburellare, disporre con picchetti per allineamenti vari | Nel linguaggio marinaresco, battere piccoli colpi con il picchietto sulla superficie interna o esterna del fasciame per toglierne le incrostazioni.

Pichittatina – s. f. Atto del picchiettare.

Pichittiatura – s. f. Il picchiettare e l'effetto.

Pichittinu - s. m. Piccolo picchetto, martellino.

Pichittuni – s. m. Grosso picchetto.

Pichittuzzu – s. m. Piccolo picchetto.

Pici – s. f. Materia resinosa, nera per rendere impermeabile terrazze o strade, pece.

Piciazza – s. f. Brutta pece.

Picissioni, pricissioni – s. f. Lungo corteo di gente a seguito di un santo e simili.

Piconia - s. f. Malinconia, tristezza, tedio, depressione.

Picu – s. m. Strumento di ferro a taglio e punta per scavare e demolire, piccone. | Tuffarisi a la picu – Tuffarsi verticalmente | V. Appicu.

Picunata – s. f. Gran colpo di piccone.

Picunazzu – s. m. Grande o brutto piccone.

Picuneddru – s. m. Piccolo piccone.

Picuni – s. m.  Carponi, gattoni.

Picuniari - tr. Scavare, demolire, spicconare.

Picuniata – s. f. Colpo di piccone.

Picurarata – s. f. Azione bassa e volgare.

Picurarazzu – s. m. Brutto o cattivo pastore.

Picurareddru, picuraruzzu – s. m. Bambino che porta a pascolo le pecore.

Picuraru – s. m. Pastore.

Picuraruni – s. m. Gran pecoraio.  

Picurazza – s. f. Brutta o vecchia pecora| persona timida e impacciata.

Picureddra – s. f. Pecora docile.

Picurina – s. f. Posizione dell'uomo che imita la pecora.  

Picurinu - agg. Di o da pecora.

Picuruni – s. m. Uomo senza opinione propria | agg. Minchione, sciocco.

Picuruzza – s. f. Piccola pecora.

Picuzzu – s. m. Piccolo piccone.

Pidalazzu – s. m. Brutto o grande pedale.

Pidaleddru, pidalinu – s. m. Piccolo pedale.

Piddririnu, pillirinu – s. m. Chi viaggia per devozione| straniero, viandante, forestiero |Chi divaga o vaga senza meta.

Piddrizzuni – s. m. Parassita, pidocchio dei polli.

Piddrusinazzu – s. m. Brutto prezzemolo.

Piddrusineddru – s. m. Piccolo e gradevole prezzemolo.

Piddrusinu – s. m. Erba aromatica, prezzemolo |Beddru peri di P. – Persona poco affidabile.

Pidinamentu – s. m. Atto e modo di pedinare.

Pidinari - tr. Seguire qualcuno di nascosto per vedere che fa e dove va e i contatti.

Piegamentu – s. m. Flessione, cedimento.

Piffora - loc. Per fuori, per uscire | Pigghiari P. – uscire, andare via.

Pigghiari - tr. Prendere, afferrare, acchiappare, scegliere, rubare, comprare, occupare.

Pigghiarisi - rifl. Prendersi| Azzuffarsi| Mettersi insieme.

Pigghiarisillu – loc. Appropriarsene.

Pigghiata – s. f. Presa, il prendere nel gioco delle carte o vincere al lotto.

Pigghiatina – s. f. L'atto del prendere.

Pigghiatu – agg. Preso, acchiappato.

Piggiuramentu – s. m. Il peggiorare.

Piggiurari - intr. Ridursi in peggiore stato, diventare cattivo.

Pignata – s. f. Pentola per cuocere | li vai di la P. li  sapi la cucchiara – ognuno ha i suoi guai.

Pignataru - agg. Riparatore o venditore di pentole.

Pignatata – s. f. Colpo di pentola, il suo contenuto.

Pignatazza – s. f. Grande o brutta pentola.

Pignateddra – s. f. Piccola pentola.  

Pignateddri – s. m. Colpetti sulla testa con le nocche delle dita dati per gioco.

Pignatri - loc. Per noi, per causa nostra.

Pignatuna – s. f. Grande e capacissima pentola.

Pignatuni – s. m. Pentolone.

Pignazzu – s. m. Grossa pigna.

Pigniceddru – s. m. Piccola pigna.

Pignolu - agg. Pedante ed esigente, ligio, meticoloso, preciso |Frutto della pigna, pinolo.

Pignu – s. m. Pigna| Albero delle pigne| Garanzia che si depone al creditore | Oggetto che, in giochi fanciulleschi o di società, viene depositato dal responsabile di un errore e che viene restituito dopo una penitenza.

Pignurabili - agg. Soggetto a pignoramento, da porre sotto sequestro.

Pignuramentu – s. m. L’atto del pignorare.

Pignurari - tr. Bloccare la roba altrui con pegno di pagamento.

Pignuzzu – s. m. Piccola pigna| Pegno di poco valore.

Piiddru - loc. Per lui, per causa sua.

Pila – s. f. Vasca, per lo più di pietra, per contenere acqua e lavarvi i panni a mano| dispositivo che converte energia chimica in energia elettrica, batteria.

Pilacciuni - s. m. Lavatoio scavato in un blocco unico di roccia compatta in uso nelle case di campagna e utilizzato anche come abbeveratoio.

Pilata – s. f. Quantità di panni che si può lavare in una pila.

Pilaturi – s. m. Scanalatura della pila atta allo sfregare e strizzare i panni.

Pilazza – s. f. Grande o brutta pila o altro contenitore per il bucato.

Pilazzu – s. m. Lungo o grosso pelo.

Pileri – s. m. Ceppo indicativo di confine rurale.

Piliceddra – s. f. Piccola pila per lavare.  

Piliceddru – s. m. Piccolo o sottile pelo.

Piliddra, piliddru   - s. m. Filo di acqua che scorre dal rubinetto, quantità minima di liquidi | Un P. d’acqua - un filo d’acqua.

Pillicula – s. f. Film, nastro di proiezione.

Pillicu  - agg. e  s. m. Restio nello spendere, attaccato al denaro, tirchio, avaro, taccagno.

Pillittiarisi - rifl. Imbellettarsi, specchiarsi a lungo.

Piloccu – s. m. Qualunque tipo di pelo animale o vegetale si rinvenga sui vestiti.

Pilu – s. m. Pelo.

Pilucca – s. f. Parrucca, capelli finti.

Piluccari - tr. Staccare a uno a uno i chicchi di un grappolo, per mangiarli |sbocconcellare.

Piluccazzu – s. m. Grosso o lungo pelo.

Piluccheddru – s. m. Piccolo pelo.

Piluni – s. m. Pilone, grosso o lungo pelo.

Pilusazzu - agg. Troppo pieno di pelo, villoso.

Piluseddru - agg. Parzialmente coperto di peli.

Pilutari - tr. Guidare un aereo, una nave, un’automobile da gara.

Pilutatu – agg. Guidato.

Piluzza – s. f. Piccolo pila per lavare panni.

Piluzzu – s. m. Piccolo pelo.

Pima – avv. Prima in tutte i significati.

Pinali - agg. Di pena| s. f. Obbligazione prevista per un contraente nel caso di proprio inadempimento verso la controparte.

Pinalità – s. f. Penalità, penale.

Pinalizzari – tr. Penalizzare, non favorire, condannare.

Pinari – tr. Penare, soffrire internamente.

Piniari - tr. Lamentarsi, patire, soffrire.

Piniatu – agg. Sofferto.

Piniceddra – s. f. Piccola pena, leggera condanna.

Pinitenti - agg. – s. m. Chi o che s’impone una penitenza.

Pinitenza – s. f. Punizione volontaria o imposta.

Pinitrari - tr. Entrare con difficoltà, conficcare, passare addentro.

Pinìu – s. m. Sofferenza derivata da povertà, lamento di dolore.

Piniusu – agg. Sofferente.

Pinna – s. f. Ciò di cui è coperto l'uccello, penna| Strumento per scrivere| organo sessuale maschile.

Pinnacchiu – s. m. Mazzo di penne usato come ornamento.

Pinnaculu - agg. Parte più alta di un'asta verticale.

Pinnata – s. f. Quantità di inchiostro contenuta in una penna, colpo di penna, colpo di penna | Loggiato, tettoia| Colpo del pene.

Pinnazza – s. f. Grosso o lungo pene| grossa piuma di volatile.

Pinnenti - agg. Penzoloni, pendulo | s. m. Orecchino pendulo| loc. Per niente, nella maniera più assoluta.

Pinnenza – s. f. Pendenza| stato di lite non risolta.

Pinniceddra, pinnuzza  - s. f. Il pene di un bambino.

Pinnicuni – s. m. Pisolino, l'appisolarsi, pennichella, sonnellino.

Pinnillatina – s. f. Atto del pennellare.

Pinnillatura – s. f. Il pennellare e l'effetto.

Pinnillaturi – s. m. Chi pennella, usa il pennello.

Pinnillazzu – s. m. Grosso o brutto pennello.

Pinnilleddru, pinnillinu – s. m. Piccolo pennello.

Pinnillificiu – sm. Fabbrica di pennelli.

Pinnilluni – s. m. Grosso pennello.

Pinnula – s. f. Dischetto medicinale, pillola.

Pinnularu – s. m. Orlo della palpebra, ciglia e contorno dell’occhio.

Pinnulazza – s. f. Grossa o brutta pillola.

Pinnuliari - tr. Penzolare, pendere, stare sospeso.

Pinnuliarisi - rifl. Sospendersi a cosa in movimento, lasciarsi trascinare.

Pinnuliddra – s. f. Piccola pillola.

Pinnuliuni - agg. Sospeso.

Pinnilluni – s. m. Grosso pennello.

Pinnuluna – s. f. Grossa pillola.

Pinnuna – s. f. Grossa penna, pene.

Pinsamentu – s. m. Il pensare, valutazione.

Pinsari - tr. Applicare l'intelletto, rammentare, riflettere, ricordare, ideare.

Pinsata – s. f. Articolato di pensieri per raggiugere una conclusione concreta.

Pinsatazza – s. f. Grande pensata.

Pinsateddra – s. f. Piccola riflessione.

Pinsatina – s. f. L'atto del pensare.

Pinseri – s. m. Facoltà di pensare e l'atto.

Pinseddru – s. m. Pennello per dipingere.

Pinsiddrari - tr. Dipingere, scialbare, tinteggiare.

Pinsiddrata – s. f. Colpo di pennello.

Pinsiddrateddra – s. f. Leggera pennellata.

Pinsiddrateddru - agg. Poco pennellato.

Pinsiddratina - s. f. Atto del pennellare.

Pinsiddratizzu - agg. Molto ben pennellato.

Pinsiddratu - agg. Pennellato, tinto.

Pinsiddratura - s. f. Il pennellare e l'effetto.

Pinsiddrazzu – s. m. Grosso o brutto pennello.

Pinsiddriari - tr. Dipingere.

Pinsiddriatu - agg. Tinto, dipinto.

Pinsirazzu – s. m. Grave pensiero, grossa difficoltà, difficile problema da risolvere.

Pinsireddru, pinsiruzzu  – s. m. Lieve difficoltà.

Pinsiruni – s. m. Grosso pensiero.

Pinsirusu - agg. Triste, riflessivo, assorto.

Pinsiunari - tr. Mandare, andare in pensione.

Pinsiunatu - agg. – s. m. Chi o che vive di pensione| luogo in cui si pernotta dietro compenso di denaro.

Pinsiunazza, pinsiuniuna – s. f. Grossa pensione.

Pinsiuneddra – s. f. Piccola pensione.

Pintirisi - rifl. Rammaricarsi, dolersi del mal fatto, mutar opinione o volontà.

Pintulami – s. f. Serie di pentole di varia dimensione.

Pintulazza – s.f. Grande o brutta pentola.

Pintuluni – s. m. Grande pentola| V. Pignatuni.

Pintutazzu - agg. Troppo pentito.

Pintuteddru - agg. Leggermente pentito.

Pintutu - agg. Ravveduto, pentito.

Pinusu - agg. Che muove a compassione, doloroso.

Pinuzzu – s. m. Piccolo pino.

Pinzeddru – s. m. Pennello.

Piombari – tr. Sigillare con piombo.

Piombatu - agg. Sigillato con piombo.

Piombinu – s. m. Cartuccia di fucile da Luna park |V.  Chiumminu.

Piora, pirora - loc. Per il momento, al punto in cui siamo.

Pipardenti – s. m. Peperoncino.

Pipareddru – s. m. Pianta erbacea, Capsicum annuum, coltivata in numerose varietà con frutti a bacca di varie forme, dimensioni e colori, dolci o piccanti, peperone.

Pipari - tr. Insaporire col pepe | V. Mpipari.

Pipazza - s. f. Grande o brutta pipa.

Pipì – s. f. Nel linguaggio infantile piscio| Fari a P. - pisciare, urinare.

Pipiceddra, pipiddra – s. f. Piccola pipa.

Pipirunata – s. f. Pietanza a base di peperoni.

Pipirunazzu – s. m. Grosso o brutto peperone.

Pipiruneddru – s. m. Piccolo peperone.

Pipistrellu – s. m. V. Taddrarita.

Pipitiarisi - rifl. Insuperbirsi, ringalluzzire.

Pippicca – loc. Quasi, per poco.

Piragna s. f. - Stuoia, zerbino. Negli anni cinquanta erano famosi e molto utilizzati quelli a forma ovale costruiti con curina intrecciata.

Pirata – s. f. Calcio, orma, impronta di piede, pedata| raccomandazione, favore.

Piratazza – s. f. Calcione, grande orma di piede, efficace raccomandazione.

Pirateddra – s. f. Piccolo calcio| leggera impronta| raccomandazione.

Piratiria – s. f. Azione da pirata, ruberia.

Pirazzu – s. m. Piedone, grossa pera, grande albero.

Pirchì - cong. Perché, poiché.  

Pirch’iddru – loc. Perché lui.

Pirchissu, picchissu – loc. Perciò, per quel motivo.

Pirchistu, picchistu – loc. Perciò, per questo motivo.

Pirciabili - agg. Che si lascia perforare| di strumento, atto a far buchi.

Pircialazzu – s. m. Pezzatura grossolana di breccia.

Pircialeddru – s. m. Pietrisco di media misura.

Pirciali – s. m. Serie di pietre per selciati o strade ferrate, breccia, pietrisco, ghiaia.

Pirciamentu – s. m. Foratura, foro, perforazione, buco.

Pirciari - tr. Perforare, bucare, trapassare da una parte all’altra.

Pirciata – s. f. Foratura, il bucare.

Pirciateddru – agg. A malapena forato.

Pirciatinu – s. m. Bucatino, pasta lunga con foro.

Pirciatu - agg. Bucato, forato, perforato.

Pirciaturi – s. m. Chi pratica fori, arnese appuntito, lesina| agg. Perforante, che passa da parte a parte.

Pircipiri – tr. Riscuotere, ricevere, apprendere, intendere.

Pirciputu – agg. Riscosso, guadagnato, inteso, capito.

Pircocu – s. m. Noto frutto estivo, albicocca| albero dell’albicocca.

Pircurrenza – s. f. Tratto di strada e tempo impiegato a percorrerlo.

Pircurrutu – agg. Attraversato.

Pircussuri – s. m. Aggeggio che determina l'esplosione di una cartuccia, di un proietto.

Pirdenti - agg. – s. m. Chi o che è destinato a perdere.

Pirdizioni – s. f. Danno, rovina, dannazione dell'anima.

Pirdonu – s. m. Remissione di offesa ricevuta, indulgenza.

Pirdunabili - agg. Che si può, da perdonare.

Pirdunari - tr. Rimettere l'offesa.

Pirdunatu – agg. – s. m. Chi o che ottiene il perdono.

Pirdunaturi – s. m. Chi è capace di perdonare.

Pirdutina – s. f. L’atto del perdere| Rovina.

Pirdutu - agg. Perso, rovinato, smarrito.

Piricuddru – s. m. Peduncolo, picciolo.

Piritteddru, pirittuzzu -  s. m. Piccolo cedro.

Pirettu - s. m. Frutto simile al limone, ma più grosso, più polposo, cedro.

Pirittuni – s. m. Grosso cedro.

Pirfettamenti - avv. In modo perfetto.

Pirfettu - agg. Che non manca di nulla, compiuto nel suo genere.

Pirfidu - agg. Che rompe la fede data| malvagio, cattivo.

Pirfilari - tr. Tagliare le sfilacciature di una stoffa priva di ordito.

Pirfinu - cong. Perfino, anche, persino.

Pirfiria - sf. L'essere perfido, atto o detto di persona cattiva| slealtà, tradimento.

Pirfirizza – s. f. Slealtà, cattiveria d’animo.

Pirfitu – agg. Cattivo, capace di solo male.

Pirfizionari - V. Pirfiziunari.

Pirfizioni – s. f. Stato di ciò che è perfetto.

Pirfiziunabili - agg. Che si può, da perfezionare.

Pirfiziunamentu – s. m. Miglioramento.

Pirfiziunari - tr. Migliorare.

Pirfurabili - agg. Che si può, da perforare.

Pirfuramentu – s. m. Perforamento, foratura.

Pirgamena – s. f. Carta pecora o da capra, ricavata dalla pelle conciata.

Pirgiuriziu – s. m. Opinione erronea, proveniente da giudizio falso o avventato| Superstizione.

Pirgulatu – s. m. Insieme di viti i cui tralci formano un tetto.

Pirgulitu – s. m. Terreno coltivato a pergole.

Piriceddru – s. m. Piccolo pero, peretta.

Piricuddru – s. m. Picciolo, gambo della foglia o del frutto, peduncolo, picciolo.

Piricuddruni – s. m. Grosso picciolo.

Piricuddrusu – agg. Fornito di picciolo.

Piriculanti - agg. Che è in pericolo, pericoloso.

Piriculu – s. m. Stato o condizione in cui c'è da temere qualcosa, male, danno, pericolo.

Piriculusu - agg. Pieno di pericoli, dannoso.

Piriddru – s. m. Piccola pera e l’alberello che la produce | Mi purtasti a P.  va lassalu cunn’è iddru = Mi hai portato qualcosa di non gradito, portatela indietro.

Piripicchiu – s. m. Omiciattolo, ragazzo di poco valore.

Piritarisi - rifl. Emettere peti| divenire nervoso| insuperbirsi, lasciarsi prendere da vanità.

Piritazzu – s. m. Peto molto rumoroso.

Piriteddru, piriticeddru – s. m. Peto leggero, poco rumoroso.

Piritiarisi - rifl. V. piritarisi.

Pìritu – s. m. Emissione rumorosa di gas intestinali, peto, scoreggia, pernacchia| Persona che vale nulla.

Pirìtu – s. m. Stimatore di danni o beni| luogo piantato a peri.

Pirituni – s. m. Rumorosa scoreggia.

Pirituniarisi - rifl. Divenire superbo |Scorreggiarsi .

Pirituzzu – s. m. Peto del bambino.

Piriziari – tr. Assegnare a un bene o a un danno il proprio valore.

Piriziatu – agg. Valutato con perizia.

Pirmanenti - agg. Stabile, durevole, definitivo.

Pirmanenza – s. f. Durata ininterrotta, stabilità, sosta.

Pirmettiri - tr. Consentire, concedere, autorizzare.

Pirmissu – s. m. Licenza, autorizzazione.

Pirmittibili - agg. Che si può, da permettere.

Pirnacchiuni – s. m. Grossa pernacchia.

Pirnacchiuzza – s. m. Piccola pernacchia.

Pirnazzu – s. m. Grosso o brutto perno.

Pirniceddru, pirniddru, pirnuzzu   – s. m. Piccolo perno.

Pirnuttamentu – s. m. Il pernottare.

Pirnuttari - intr. Passare la notte in casa non propria.

Pirocchiu - s. m. Pidocchio.

Pirucchiuni – s. m. Grosso pidocchio.

Pirucchiusu – agg. Pieno di pidocchi.

Pirucchiuzzu – s. m. Piccolo pidocchio.

Piroscafu – s. m. Imbarcazione a vapore, bastimento.

Pirquisiri - tr. Cercare con diligenza, rovistare per trovare cosa che interessa.

Pirquisituri – s. m. Addetto alla perquisizione.

Pirrera – s. f. Luogo scavato nella terra per estrarre massi di tufo, e anche di gesso.

Pirsiana – s. f. Difesa e chiusura esterna di una porta o finestra composta da aste parallele.

Pirsicazzu – s. m. Grossa o brutta pesca.

Pirsicheddru – s. m. Alberello di pesco, piccola pesca,

Pirsichiceddru, pirsicuzzu  – s. m. Piccola pesca.

Pirsicuni – s. m. Grossa e gustosissima pesca.

Pirsicutari - tr. Nuocere altrui, seguire alcuno senza dargli tregua.

Pirsuarìri - tr. Convincere, persuadere.

Pirsuaririsi - rifl. Convincersi.

Pirsuasu - agg. Convinto.

Pirsuna – s. f. Nome generico di un essere umano.

Pirsunaggiu – s. m. Uomo di alto lignaggio, protagonista.

Pirsunalità – s. f. L'essere della persona.

Pirsunalizzatu – agg. Con gli estremi della persona, adatto.

Pirsunarmenti - avv. Di persona.

Pirsunazza – s. f. Cattiva o brutta persona.

Pirsuneddra - sf. Gentile o piccola persona.

Pirtantu - cong. Dunque, tuttavia, perciò, quindi.

Pirtinenti - agg. Che appartiene, spetta.

Pirtinenza – s. f. Competenza, appartenenza, spettanza.

Pirtusazzu – s. m. Grosso o brutto buco.

Pirtuseddru – s. m. Piccolo buco.

Pirtusu – s. m. Buco, foro.

Piru – s. m. Albero delle pere e la pera stessa.

Pirunazzu – s. m. Grossa pero o pera.

Piruneddru, piruzzu – s. m. Piccola pero.

Pirunettu – s. m. Calza che copre tutta la gamba.

Piruni – s. m. Grosso pero| piedone, camminare scalzo.

Piruzzu – s. m. Piedino.

Pirversu - agg. Malvagio, perfido, perverso.

Pirvirsioni – s. f. Degenerazione e alterazione degli istinti.

Pirvirtiri - intr. Corrompere, guastare, depravare, viziare.

Pirvirtitu – s. m. Corrotto, scostumato, depravato, viziato.

Torna all’Indice