Crea sito

HOME

RICETTE

I PESCI

FOTO

RADICI

ESPERIENZE

CONTATTI

LINK

   

 

Nuddu si pigghia si nun si rassimigghia

 

 Lettera N – Parti secunna da Ne a Nzu

 

Necca – s. f.  Ripicca, dispetto, ostinazione.

Necessitari - V. Nicissitari.

Negari - V. Niari.

Negghia – s. f. Vapore che si solleva da luoghi umidi e bassi e che offusca l'aria, nebbia.

Negoziari - V. Niguziari.

Nenna – s. f. Nel linguaggio infantile mammella, tetta.

Nenti - pron. Niente.

Nentirimenu, nentimenu – avv. Nientedimeno, addirittura.

Nenza - prep. Senza.

Nesciri - tr. Uscire, contrario di entrare, portare alla luce| Sorgere, nascere.

Nespulitu – s. m. Terreno coltivato a nespoli.

Nespulu - s. m. Albero con lunghe e larghe foglie| frutto relativo di colore giallo.

Nessunu - V. nuddru.

Nettamenti - avv. Chiaramente, distintamente.

Neu - s. m. Macchia o prominenza cutanea, piccolo difetto, neo| Leggera imperfezione.

Neutrali - agg. Che non si dichiara per alcuno delle parti in lite.

Nevicari - V. Nivicari.

Nfacci, nfacciu  - loc. In faccia, in presenza, di fronte.

Nfaccialatu – agg. Camuffato, mascherato, imbacuccato.

Nfaciliri - tr. Facilitare, rendere facile.

Nfalarari – tr. Deporre, contenere nel grembiule.

Nfallibili - agg. Che non fallisce, sicuro.

Nfamari - intr. Tacciare, accusare d'infamia.

Nfamazzu - agg. Grande infame, vigliacco, falso.

Nfami - agg. Vigliacco, falso, bugiardo, disonesto, furbo, ingannevole| essiri N. e cascittuni - essere infame e delatore, vile.

Nfamiceddru, nfamuzzu - agg. Piccolo infame.

Nfamità – s. f. Infamia, macchia grave dell'onore| inganno, furberia, furbizia.

Nfamuni - agg. Di uomo, troppo infame, spione.

Nfanatichiri - intr. Divenire fanatico, fare cattivo uso di buoni insegnamenti.

Nfanatichirisi - rifl. Divenire sprezzante dei buoni insegnamenti.

Nfangamentu – s. m. L'infangare, anche in senso morale.

Nfangari - tr. Muovere accuse disonorevoli, infamanti, mettere in cattiva luce, infangare.

Nfangarisi - rifl. Mettersi in cattiva luce, infangarsi.

Nfangatazzu - agg. Troppo infangato, caduto troppo in basso.

Nfangateddru - agg. Poco infangato.

Nfangatina, nfangatura – s. f. L'atto dell'infangare| bassezza morale.

Nfangaturi – s. m. - agg. Chi o che sporca di fango, spinge alla bassezza morale.

Nfantili - agg. Che ha atti da bambino, puerile, bambinesco.

Nfanzia – s. f. La prima età di una persona.

Nfarinamentu – s. m. Infarinamento.

Nfarinari - tr. Spargere, imbiancare di farina.

Nfarinarisi - rifl. Cospargersi di farina.

Nfarinatu – agg. Sporco, coperto di farina.

Nfarinatura – s. f. Conoscenza approssimativa di un qualcosa.

Nfartu – s. m. Infarto.

Nfasciari - tr. Avvolgere, stringere e legare in fascine, fasciare.

Nfasciatazzu - agg. Molto ben fasciato.

Nfasciateddru - agg. Leggermente fasciato.

Nfasciatina – s. f. L'atto del fasciare.

Nfasciatura – s. f. Fasciatura, bendaggio.

Nfastidiari, nfastidiri, nfastiriri - tr. Infastidire, importunare.

Nfastidiatu, nfastidutu, nfastirutu – agg. Infastidito, disturbato.

Nfauri, nfavuri - loc. A vantaggio.

Nfazzulettari, nfazzulittari - tr. Avvolgere e legare oggetti in capaci fazzoletti.

Nfazzulittatu – agg. Avvolto in un fazzoletto.

Nfermu - agg. Disturbato da infermità.

Nfestari - V. nfistari.

Nfettari - V. nfittari.

Nfiacchiri – tr. Indebolire, debilitare.

Nfiaccutu – agg. Infiacchito, debilitato.

Nfiammi - loc. Che brucia.

Nfila - loc. In fila.

Nfilabili - agg. Che si può infilare.

Nfilari - tr. Introdurre, far entrare, trafiggere.

Nfilarisi - rifl. Infilarsi, introdursi in qualsiasi cosa, intrufolarsi tra la folla, cacciarsi dentro.

Nfilatu - agg. Introdotto, inserito.

Nfilera - loc. Uno di seguito all'altro.

Nfilici - agg. Non felice, sventurato, misero, triste.

Nfilicità – s. f. L'essere infelice, tristezza, sventura.

Nfinali - loc. In finale.

Nfinastura – loc. Al punto in cui siamo, a questo momento.

Nfinattannu – loc. Fino allora.

Nfinocchiari - V. Nfinucchiari.

Nfinora - loc. Fino a ora.

Nfinu - loc. Fino a.

Nfinucchiari - intr. Dare a intendere, prendere in giro, truffare.

Nfirmentu - loc. In piena attività, in eccitazione.

Nfirmeri – s. m. Chi ha cura degli infermi, infermiere.

Nfirrari - tr. Munire gli zoccoli delle bestie da soma di ferri.

Nfirriata – s. f. Chiusura composta da aste di ferro tra loro connesse| Ringhiera, v. cancillata.

Nfirrittari – tr. Serrare, chiudere col catenaccio.

Nfirrittatu - agg. Serrato, bloccato, chiuso col catenaccio.

Nfistari - tr. Contagiare, appestare, ammorbare.

Nfittari - tr. Rendere infetto, contagiare, contaminare.

Nfittatu - agg. Contaminato, infetto, contagiato.

Nfittusu - agg. Contagioso, che infetta.

Nfocari - V. Nfucari.

Nfodirabili - agg. Da, che si può foderare.

Nfodirari - tr. Rivestire con federa, mettere nel fodero| v. nfudirari.

Nfodiratina – s. f. Atto ed effetto dell'infoderare e del foderare.

Nfodiratura – s. f. Atto ed effetto del rinfoderare, del foderare.

Nfodiraturi – s. m. Chi fodera, ripone nel fodero.

Nforma - loc. In perfetto stato fisico.

Nformari - V. nfurmari.

Nforsi - loc. In forse, indeciso, dubbioso.

Nforza - loc. In forza, in stato di salute, essere regolarmente alle dipendenze.

Nforzari - V. nfurzari.

Nfossari - V. nfussari.

Nfrariciri - intr. Diventare fradicio, marcire.

Nfretta - loc. In fretta.

Nfriddu - loc. In freddo| Teniri N - conservare in luogo freddo.

Nfriddulutu - agg. Infreddolito, che ha preso freddo.

Nfronti – loc. In, sulla fronte.

Nfucamentu – s. m. Ardimento.

Nfucari - tr. Arrossare col fuoco.

Nfucatu - agg. Arrossato, arroventato, infiammato.

Nfuddriri - intr. Scalpitare, camminare nervosamente, essere preso da smania, impazzire.

Nfuddrutu - agg. Smanioso, preso da nervosismo.

Nfumu - loc. In fumo.

Nfunnu – loc. In fondo| essiri N. - trovarsi in fondo| Iri N. – Affondare.

Nfuria - loc. In furia, frettolosamente.

Nfuriari – intr. Indurre persona ad arrabbiarsi.

Nfuriarisi - rifl. Andare su tutte le furie, agitarsi.

Nfuriatina, nfurmatura  – s. f. L'atto dell'infuriare e il suo effetto.

Nfuriatu - agg. Furioso, arrabbiato.

Nfurma – loc. In forma.

Nfurmari - tr. Avvisare| dare forma.

Nfurmarisi - rifl. Attingere notizia, prendere forma.

Nfurmatina – s. f. L'atto dell'informare.

Nfurmatu - agg. Messo al corrente, nella forma.

Nfurnari - tr. Mettere a cuocere.

Nfurnata – s. f. Ciò che s’inforna in una volta| numero di persone assunte.

Nfurnatina – s. f. Atto dell'infornare.

Nfurnatu - agg. Messo a cuocere nel forno.

Nfurnatura – s. f. Atto ed effetto dell'infornare.

Nfurzari - tr. Fortificare| Aumentare flusso, velocità.

Nfuscari – tr. Rendere scuro, confondere.

Nfuscarisi – Intr. Confondersi, andare in confusione.

Nfussamentu – s. m. Affossamento.

Nfussari - tr. Cagionare danno, cedere.

Nfussarisi - rifl. Impelagarsi, mettersi nei guai.

Nfussatina, nfussatura – s. f. L'atto dell'infossare.

Nfussaturi – s. m. Chi affossa, causa rovina per gli altri.

Nfuturu – loc. In futuro.

Ngagghia - loc. In gabbia, fessura, spazio fra due cose connesse o legate insieme.

Ngagghiari - tr. Mettere, chiudere in gabbia, incappare, afferrare.

Ngagghiatina – s. f. Atto dell'ingabbiare.

Ngagghiatura – s. f. Atto ed effetto dell'ingabbiare.

Ngairiri – tr. Diventare acido.

Ngalera - loc. In galera.

Ngalla – loc. A galla.

Ngamba - loc. In gamba.

Ngangarusu – s. m. - agg. Chi o che inganna altrui, baro, imbroglione.

Ngannabili - agg. Facile da ingannare.

Ngannari, ngannariari – intr. Imbrogliare, barare, raggirare| N. li cristiani - prendere in giro, raggirare.

Ngannariatu - agg. Raggirato, imbrogliato, ingannato.

Ngannarisi - rifl. Sbagliarsi, cadere in errore.

Ngannateddru - agg. Leggermente ingannato.

Ngannatina – s. f. L'atto e l'effetto dell'ingannare.

Ngannu – s. m. Qualunque azione con fine d’ingannare.

Ngara - loc. In gara.

Ngarbugghiari - tr. Confondere, disorientare, travisare i fatti.

Ngarbugghiateddru - agg. Poco intricato, contorto.

Ngarbugghiatina – s. f. Atto ed effetto di contorcere i fatti.

Ngegnarisi – V. Ngignarisi.

Ngegnu – s. m. Intelligenza acuta, personalità ingegnosa.

Ngeniu - loc. A genio, gradito.

Ngenuu - agg. Poco accorto| senza malizia.

Ngessari - V. ngissari.

Ngestibili – agg. Da non potersi gestire.

Nghirlandari - tr. Ornare di corone di fiori, adornare.

Ngialliri – intr. Sbiadire, divenire giallo.

Ngiallutu – agg. Sbiadito, appassito.

Ngigantiri – tr. Ingrandire a dismisura.

Ngigantirisi – rifl. Assumere forme gigantesche, ingrandirsi a dismisura.

Ngignari – tr. Usare per la prima volta.

Ngignarisi - rifl. Adoperarsi con ingegno, industriarsi.

Ngigneri – s. m. Ingegnere.

Ngignusità – s. f. Ingegnosità, destrezza, spiccata capacità.

Ngilusiari, ngilusiri - intr. Indurre alla gelosia.

Ngilusiarisi, ngilusirisi - rifl. Divenire geloso, provare avversione verso altri.

Nginagghia – s. f. Inguine |V. Ncinagghia.

Nginocchiari - V. Nginucchiari.

Nginocchiarisi - V. Nginucchiarisi.

Nginocchiu - loc. In atto di preghiera.

Nginucchiari – intr. Porre alcuno sulle ginocchia.

Nginucchiarisi - rifl. Piegarsi sulle ginocchia.

Nginucchiatu - agg. In atto di preghiera.

Nginucchiuni - loc. In atto di pregare.

Ngiru - loc. In giro, nei paraggi, nei pressi.

Ngissabili - agg. Da ingessare.

Ngissari - tr. Murare con gesso.

Ngissata – s. f. L'ingessare.

Ngissateddra – s. f. Rapida e provvisoria ingessatura.

Ngissatina, ngissatura – s. f. Atto ed effetto dell'ingessare.

Ngissatizzu - agg. Molto ingessato.

Ngiuria – s. f. Nomignolo, appellativo, soprannome, offesa.

Ngiuriari - intr. Offendere con ingiurie, con insulti.

Ngiuriarisi - rifl. Offendersi reciprocamente.

Ngiuriusu - agg. Offensivo.

Ngiustizia – s. f. Vizio o atto contrario alla giustizia.

Ngiustu - agg. Ingiusto, di parte.

Nglisi - agg. Proveniente dall’Inghilterra| chiavi N. - chiave caratteristica usata dagli idraulici.

Ngranari - tr. Girare dell’ingranaggio| aumentare in peso e in volume.

Ngranniri - tr. Ingrandire, accrescere, aumentare.

Ngrannirisi - rifl. Estendere la propria attività.

Ngrasciabili - agg. Che facilmente si sporca di unto.

Ngrasciamentu – s. m. Lo sporcare e lo sporcarsi.

Ngrasciari - tr. Sporcare di grasso, ungere.

Ngrasciarisi - rifl. Ungersi di grasso.

Ngrasciata – s. f. Donna di malaffare| sudiciume a base di grasso.

Ngrasciateddru – agg. Poco sporco di unto. 

Ngrasciatina – s. f. L'atto dello sporcare di grasso.

Ngrassari - tr. Diventare grasso.

Ngrassateddru - agg. Poco ingrassato.  

Ngratitudini - agg. Dimenticanza di benefici ricevuti, irriconoscenza.

Ngratu - agg. Irriconoscente.

Ngravidari - tr. Ingravidare, mettere incinta, inseminare.

Ngravidata – s. f. Ingravidata, messa incinta.

Ngrazia – loc. In grazia.

Ngraziarisi – rifl. Farselo amico.

Ngrussari - tr. Ingrossare| intr. Divenire grosso.

Ngrussarisi - rifl. Aumentare di volume e peso, divenire più grasso.

Ngrussatu - agg. Divenuto più grosso, ingrassato.

Nguaiabili - agg. Che si può rovinare, mettere nei guai.

Nguaiamentu – s. m. Rovina, disastro.

Nguaiari - intr. Rovinare, danneggiare gravemente, mettere nei guai.

Nguaiarisi - rif. Rovinarsi, mettersi nei guai.

Nguaiateddru - agg. Poco rovinato, compromesso.

Nguaiatu - agg. Rovinato, compromesso.

Nguantera – s. f. Grande piatto per servire a tavola vivande.

Nguanti - sm. Coperture adattate alle forme delle mani e delle dita, guanti.

Nguardia – loc. In guardia| stari N. - vigilare.

Nguaribili - agg. Inguaribile.

Nguerra - loc. In guerra.

Ngummari - tr. Congiungere, saldare, rimarginare, cicatrizzare.

Ngurfabili - agg. Che si può ingolfare.

Ngurfamentu – s. m. L'ingolfare.

Ngurfarisi - rifl. Essere soffocato.

Nngusciari – tr. Piangere a dirotto, convulsamente.

Ngusciu - s. m. Pianto convulso.

Ngustiarisi – intr. Essere in pena, in angoscia.

Ngustiatu – agg. Chi è in sofferenza, inquieto, afflitto.

Ni - part. pron. Ne, ce li| ce le| ci, di ciò, di esso.

Niari - tr. Rifiutare, non concedere, non dire la verità, negare.

Niarisi - rifl. Rifiutarsi, tirarsi indietro, ritrattare.

Niatri - pr. Noialtri, noi| è usato come soggetto e come complemento.

Niatu - agg. Negato, rifiutato.

Niaturi – s. m. - agg. Bugiardo, falso.

Niazzu – s. m. Grosso neo.

Nicareddru - agg. Piccoletto, bambino piccolo,  minuto| Lu N. - il più piccolo.

Nichea – s. f. Offesa, disturbo, seccatura.

Nicchenacchi - loc. Che c'entra, non è possibile, ti sbagli.

Nichiusu – agg. Dispettoso, antipatico.

Nicissità – s. f. Estremo bisogno.

Nicissitari - intr. Abbisognare.

Nicissitatu - agg. Abbisognato, costretto.

Nicissitusu - agg. Bisognoso.

Nicu - agg. Piccolo, minuto, poco cresciuto |N. N. - piccolissimo.

Nicuzzu - agg. Piccolino, minuto.

Nigativa – s. f. Immagine fotografica da sviluppare| atto contrario, rifiuto.

Nigghiazza – s. f. Fittissima o brutta nebbia.

Nigghiceddra – s. f. Leggera o rada nebbia.

Nigoziu – s. m. Negozio, affare, trattativa, luogo di vendita.

Niguziamentu – s. m. Negozio, trattativa.

Niguzianti – s. m. Commerciante, esercente, venditore di merce.

Niguziari - tr. Trattare il prezzo di cosa in vendita.

Nimicu - agg. – s. m. Avversario, ostile, avverso, contrario.

Nimmulara - agg. - Di persona che ha l'abitudine di fare e scambiare chiacchiere, sul conto degli altri, con allusioni e commenti maliziosi o che mette zizzanie, pettegolo, petulante.

Ninniemu - loc. Ce ne andiamo.

Niputami – s. f. Schiera di nipoti.

Niputazzu – s. m. Cattivo nipote.

Niputeddru – s. m. Piccolo, caro nipote.

Niputi – s. m. Il figlio o la figlia dei figli oppuree delle sorelle o dei fratelli.  

Niputiddruzzu – s. m. Il più piccolo dei nipoti.

Nirata – s. f. Pulcini di una covata.

Nirazzu – s. m. Grosso o brutto nido| agg. Troppo nero, nerissimo.

Nirìa - Nome di persona maschile – Andrea.

Niriceddru – s. m. Piccolo nido.

Niru – s. m. Piccolo cavo fatto dagli uccelli per covarvi le uova, piccolo giaciglio di mammiferi in cui l’animale partorisce e allatta, nido.

Nirumi – s. m. Nerume, quantità di nero, insieme di cose nere.

Niruni – s. m. Grosso nido| agg. Troppo nero.

Nirvata – s. f. Colpo dato col nerbo.

Nirvatazza – s. f. Forte nerbata.

Nirvateddra – s. f. Leggera nerbata.

Nirvusazzu - agg. Troppo nervoso, stizzoso, collerico.

Nirvuseddru - agg. Poco collerico, stizzoso.

Nirvusu - agg. Stato di chi è arrabbiato| agg. Eccitabile, collerico.

Nirvuzzu – s.m. Piccolo nerbo.

Nisba – avv. Niente, nulla.

Niscanza - loc. Ci scanzi, salvaguardi| Diu N.  – che Dio ci eviti il male.

Niscennu – loc. Mentre esce.

Niscirisinni - rifl. Dimettersi, allontanarsi.

Niscitina – s. f. Atto dell’uscire | Contribuzione.

Nisciuta – s. f. Uscita, passeggiata, quattro passi | Porta da cui si esce.

Nisciuteddra – s. f. Uscita breve.

Nisciutu - agg. Uscito.

Nispulazzu – s. m. Grossa nespola, grande albero.

Nispuleddru, nispuliddru, nispuluzzu – s. m. Piccola nespola, giovane albero.

Nispulitu – s. m. Terreno coltivato a nespole.

Nispuluni – s. m. Grande nespolo| grossa nespola.

Nistari - V. Nnistari.

Nivi – s. f. Neve.

Nivicatazza – s. f. Abbondante nevicata.

Nivicateddra – s. f. Leggera caduta di neve, di poca durata e consistenza.

Nivurazzu - agg. Troppo nero, annerito.

Nivuriceddru - agg. Poco nero, annerito.

Nivurognulu - agg. Scuro, che si avvicina al nero.

Nivuru - agg. – s. m. Che è del colore più scuro, nero| colore, persona dalla pelle scura.

Nivurumi – s. m. Quantità di nero.

Nivuruni - agg. Troppo nero.

Nivusu - agg. Che promette neve.

Nivvia – s. f. Verdura simile alla cicoria.

Niziali – s. f. Lettera con cui inizia un nome.

Niziativa – s. f. Atto per il quale si dà inizio.

Nnaculiari – tr. Dondolare.

Nnaculiatu – agg. Dondolato.

Nnaculiuni – s. m. Forte spinta al fine di far dondolare.

Nnaffiabili - agg. Da innaffiare.

Nnaffiamentu – s. m. Innaffiamento, beveraggio.

Nnaffiari - tr. Dare acqua alle piante.

Nnaffiata – s. f. Quantità d’acqua che si dà alle piante.

Nnaffiateddra – s. f. Leggera innaffiata, abbeverata.

Nnaffiateddru - agg. Poco innaffiato, abbeverato.

Nnaffiatina – s. f. Atto dell'innaffiare, dell’abbeverare.

Nnamuramentu – s. m. L'innamorarsi e l'amore medesimo.

Nnamurarisi - rifl. Invaghirsi.

Nnamurateddru - agg. Poco innamorato.

Nnamuratina – s. f. Atto dell'innamorarsi.

Nnamuratu - agg. – s. m. Chi o che è acceso d'amore, spasimante, amante.

Nnanzi – avv. Di fronte, vicino, davanti.

Nnarcamentu – sm. Atto di fingere di dar botte, minaccia priva d’intenzione.

Nnarrera - loc. Idietro, all’indietro| iri N. - indietreggiare, regredire.

Nnarvuliari – tr. Ribaltare.

Nnavanti – loc. In avanti| iri N. – avanzare.

Nnavantuliddru - loc. Poco più avanti.

Nnavanzamentu – sm. Spostamento in avanti.

Nnavanzari – intr. Andare oltre, più avanti.

Nneci – loc. In dieci.

Nnestari - V. Nnistari.

Nnestu – s. m. Rametto domestico connesso col selvatico.

Nniavulari - tr. Indurre a opere malefiche, a comportamento vivace.

Nniavulatu - agg. Infuriato, troppo vivace.

Nnigabili - agg. Che non si può negare.

Nnimicari - tr. Creare astio, inimicizia tra persone.

Nnimicarisi - rifl. Inimicarsi, farsi, crearsi inimicizie.

Nnimicu - agg. – s. m. Avversario, ostile.  

Nnimicusu – agg. Ostile, avverso.

Nnirarisi - rifl. Penetrare, nascondersi.

Nniria – v. Nirìa.

Nniriri - tr. Annerire, fare nero, oscurare.

Nniririsi - rifl. Annerirsi, diventare nero.

Nnirutu - agg. Diventato nero, oscurato.

Nnirvusiari, nnirvusiri – tr. Rendere nervoso.

Nnirvusiarisi, nnirvusirisi – rifl. Divenire nervoso.

Nnistabili - agg. Che si può o si deve innestare.

Nnistamentu – s. m. L'innestare.

Nnistari - tr. Innestare, unire.

Nnistata – s. f. L'innestare, inserimento.

Nnistatina – s. f. Atto dell'innestare.

Nnistatu - agg. Innestato, congiunto, inserito.

Nnistatura – s. f. L'innestare e l’atto.

Nnistaturi – s. m. Chi innesta, addomestica piante selvatiche.

Nnordini – loc. In ordine.

Nnovi - loc. In, per nove| a nove a nove.

Nnuccenti - agg. – s. m. Chi o che non ha colpa, senza malizia, puro, bambino.

Nnuccentimenti – avv. Innocentemente.

Nnuccenza – s. f. Purezza, semplicità, ingenuità.

Nnuci – nella locuzione - Mettiri ncruci e N. – intrecciare.

Nnuciri - tr. Edulcorare, addolcire | intr. Acquisire dolcezza per naturale maturazione, detto di frutto.

Nnuciutu - agg. Divenuto, fatto dolce.

Nnui - loc. In, per due| a due a due, a coppia.

Nnuiari - intr. Apportare noia, dare fastidio.

Nnuiaturi – s. m. - agg. Chi o che provoca noia.

Nnuiusu – agg. Fastidioso.

Nnullenti - agg. Inerte, pigro, svogliato.

Nnullenza – s. f. Inerzia, pigrizia, svogliatezza.

Nnumani – avv. Il giorno seguente.

Nnuminabili - agg. Che non si può, da non nominare.

Nnurimentu – s. m. Stato della cosa indurita.

Nnuriri - tr. Fare duro.

Nnuririsi - rifl. Indurirsi, divenire, farsi duro.

Nnurutu - agg. Indurito, fatto, divenuto duro.

Nnustriusu - agg. Che si dà da fare.

Nnutari - tr. Annotare, prendere appunti.

Nnuttari - tr. Fare notte, sopravvenire del buio.

Nnuvulari – tr. Coprire di nuvole, oscurare.

Nnuvularisi - rifl. Coprirsi di nuvole, offuscarsi, rabbuiarsi.

Nnuvulatina – s. f. Atto ed effetto dell'annuvolarsi.

Nnuvulatu, nnuvulusu - agg. Coperto di nuvole.

Nobilicchiu – s. m. Nobile di poco peso.

Nobirtà – s. f. Stato di essere nobile, dignità di sentimenti.

Nociri - intr. Far danno, male.

Nodu – s. m. V. ruppu.

Nolitu – s. m. Capriccio, seccatura, opera di breve durata.

Nomina – s. f. Nomea| fatti la N. e va curcati – fatti la N. e puoi dormire tranquillo, vivrai di rendita.

Nominari - tr. Dare incarico, eleggere| tr. Chiamare per nome| v. numinari.

Nomu – s. m. Parola con cui si chiamano persone, animali, oggetti|nome.

Nonnu – s. m. V. Nannu.

Nonsi, nonsignore, nonsignuri - loc. No, nossignore, non può essere.

Nora – s. f. Moglie del figlio.

Nostranu - agg. Che è delle nostre parti.

Nostru - agg. – pr. Nostro, che appartiene a noi.

Notari - V. Nutari.

Notrannu – loc. Il prossimo, l’anno venturo.

Nova – s. f. Novità.

Novamenti - avv. Di nuovo.

Novantinu - agg. Di novant'anni.

Novena – s. f. Attività di devozione cristiana di nove giorni  destinata alla preparazione a una ricorrenza solenne, come il Natale. A Mazara un piccolo gruppo di musicanti suonava, a pagamento, di casa in casa davanti al presepe e nelle edicole votive della città | V. Rassu.

Novimbrinu – agg. Relativo il mese di novembre.

Novimila - agg. Nove volte mille.

Novu - agg. Eletto di fresco, fatto da poco | Contrario di vecchio, moderno.

Nquacchiari – tr. Imbrattare, insudiciare.

Nquacchiu – s. m. Imbratto, sporcizia.

Nquacinari – tr. Stendere calcina non professionalmente, impiastricciare.

Nquatrabili - agg. Che si può inquadrare.

Nquatramentu – s. m. Inquadramento.

Nquatrari - tr. Mettere in cornice, disporre in un certo ordine.

Nquatrarisi - rifl. Inquadrarsi, disporsi in un certo ordine.

Nquatratura – s. f. L'inquadrare.

Nquattru - loc. Per quattro.

Nquinnici – loc. A gruppi di quindici.

Nsabbiari - tr. Coprire di sabbia, dimenticare.

Nsaccabili - agg. Che si può mettere nel sacco.

Nsaccamentu – s. m. Riempimento di sacco.

Nsaccari - tr. Mettere nel sacco, riempire.

Nsaccatina – s. f. Atto ed effetto dell'insaccare, riempimento di sacco.

Nsaccatu – agg. Insaccato, riempito

Nsacchetta - loc. In tasca.

Nsacchettari, nsacchittari – tr. Riversare nei sacchi.

Nsaiari - tr. Provare abbigliamento per trovarne la misura.

Nsaiarisi – rifl. Provarsi un abito o un paio di scarpe.

Nsaiatina, nsaiatura – s. f. L’atto di prova.

Nsalata – s. f. Cibo di erbe o di ortaggi conditi |N. vastava – Insalata ricca e ben condita.

Nsalataru - agg. Pomodoro adatto per insalata, venditore di erbe e ortaggi in genere, di terreno, atto a essere coltivato a insalata.

Nsalateddra – s. f. Piacevole insalata.

Nsalatera – s. f. Recipiente in cui è condita l'insalata.

Nsalatina – s. f. Piacevole insalata.

Nsaluti - loc. Sano, che sta bene.

Nsapunamentu – s. m. Insaponata.

Nsapunari - tr. Insaponare.

Nsapunarisi - rifl. Cospargersi di sapone.

Nsapuriri - tr. Dare sapore, fare più saporito.

Nsegnari - V. Nsignari.

Nsegretu - loc. Di nascosto.

Nseguimentu – s. m. L'inseguire, l'andare dietro.

Nseguiri - tr. Inseguire.

Nsei – loc. Per sei, a gruppi di sei.

Nsemi, nsemmula - avv. - cong. Insieme, con, congiuntamente.

Nsensi - loc. In sensi, in condizioni di ragionare.

Nsensibili - agg. Che non ha sentimento, senza cuore.

Nseparabili - agg. V. nsiparabili.

Nserrari - V. nsirrari.

Nsertari - V. nsirtari.

Nservibili - agg. Inutile, che non serve all'uso cui era stato destinato.

Nsestu - loc. In posizione voluta.

Nsicchiri - intr. Dimagrire, divenire magro, disseccare.

Nsiccu - loc. A secco, senza acqua.

Nsiccumarisi – rifl. Striminzirsi, assorbirsi.

Nsiccumatu – agg. Assottigliato, striminzito, asciutto, assorbito.

Nsiccutu – agg. Dimagrito, rinsecchito.

Nsignamentu – s. m. Insegnamento.

Nsignari - tr. Dare altrui cognizione di alcuna cosa.

Nsignatu - agg. Abituato, educato.

Nsigni - agg. Illustre, famoso.

Nsignificanti - agg. Di nessuna importanza.

Nsignuriri - intr. Divenire signore, gentile nei modi di essere.

Nsignurutu - agg. Ingentilito, educato.

Nsilenziu - loc. Senza farsi sentire.

Nsina - avv. Fino a, sino a.

Nsinga – s. f. Segno, tutto ciò che richiama alla mente qualcosa, impronta, cenno.

Nsingari - tr. Segnare su checchessia, appuntare, annotare, tracciare, lasciare il segno.

Nsinsatu - agg. Privo di ogni criterio.

Nsinsibili - agg. Che non ha cuore, privo di comuni sentimenti.

Nsiparabili - agg. Che non si può separare.

Nsipiteddru - agg. Leggermente insipido.

Nsipitu - agg. Senza sale, disamorato.

Nsiria – s. f. Trabocchetto, tranello.

Nsiriamentu – s. m. Presa di possesso.

Nsiriari - tr. Tendere insidie| intr. Dare possesso.

Nsiriarisi - rifl. Tendere insidie, prendere possesso.

Nsiribili - agg. Che si può, da inserire.

Nsirimentu – s. m. Inserimento.

Nsiriri - tr. Mettere dentro, aggiungere.

Nsiriusu - agg. Ingannevole, falso.   

Nsistiusu, nsistenti  – agg. Caparbio, insistente.

Nsiritu – agg. Contenuto, che vi fa parte, introdotto.

Nsirragghiari - tr. Asserragliare, stringere.

Nsirragghiatu - agg. Stretto, ristretto.

Nsirrari - tr. Stringere fin quasi a tagliare.

Nsirrusu – agg. Che stringe, soffocante.

Nsirtari, nsittari - tr. Indovinare, prevedere, predire, pronosticare.

Nsistenza – s. f. Testardaggine, ostinatezza, caparbietà.

Nsistibili - agg. Che insiste, che non demorde.

Nsistimentu – s. m. Ostinazione, caparbietà.

Nsistiri - intr. Essere ostinato, insistere.

Nsitari – V. Nzitari.

Nsivari - tr. Ingrassare, ungere di grasso.

Nsivatu - agg. Unto, ingrassato.

Nsivusu - agg. Che unge, ingrassa.

Nsoddisfari - V. nsudisfari.

Nsoddisfattu - agg. Non contento.

Nsoddisfazioni – s. f. Scontentezza, malumore.

Nsoffirenti – agg. Di persona ansiosa, insofferente,  che va facilmente in agitazione.

Nsoffirenza – s. f. Stato d’animo scosso.

Nsognu – loc. In, durante il sogno.

Nsolitamenti - avv. In modo diverso.

Nsonnu - loc. Durante il sonno, mentre dorme.

Nsorgiri - intr. Sollevarsi contro qualcuno.

Nsozzari - V. nsuzzari.

Nsosizzari – tr. Insaccare salsiccia.

Nsubbugghiu - loc. In continua agitazione.

Nsuccessioni, nsuccissioni – loc. Uno di seguito all’altro.

Nsuggizionari, nsuggiziunari – intr. Mettere in soggezione.

Nsuggizioni – loc. In soggezione, sotto controllo.

Nsulenti - agg. Irrispettoso, maleducato, arrogante.

Nsulenza – s. f. L'essere insolente, arroganza, maleducazione.

Nsulutu – agg. Non risolto.

Nsumma - avv. In conclusione.

Nsummità – loc. In cima.

Nsunnacchiatu - agg. Assonnato, insonnolito.

Nsupirabili - agg. Che non si può superare.

Nsupirbiri - intr. Rendere superbo.

Nsupirbirisi - rifl. Divenire superbo.

Nsupirbutu - agg. Insuperbito.

Nsuppilu - avv. Poco per volta, lentamente, piano piano | Iri nsuppilunsuppilu –  peggiorare.

Nsuppurtabili - agg. Da non potersi sopportare.

Nsurdiri - intr. Divenire sordo, perdere l'udito.

Nsurdutu – agg. Divenuto sordo.

Nsurfarabili - agg. Da, che è da inzolfare.

Nsurfarari - tr. Inzolfare, disinfestare viti.

Nsurfaratu - agg. Irrorato di zolfo.

Nsuriciari – tr. Insudiciare, sporcare.

Nsurtari - tr. Molestare, voglia di litigare.

Nsurtatu - agg. Offeso, molestato.

Nsurtu – s. m. Offesa.

Nsuspittabili - agg. Insospettabile, che non dà sospetti.

Nsuspittatu – agg. Non sospettato.

Nsuspittiri - intr. Dare sospetti.

Nsuspittusu – agg. Che non ha sospetti.

Nsustituibili – agg. Insostituibile, unico.

Nsutta - loc. Di nascosto| Nsuttansutta - sotto banco.

Nsuttamanu - loc. Sotto banco.

Nsuzzari - tr. Sporcare, lordare.

Nsuzzatu - agg. Insozzato, sporco.

Ntabariniri - intr. Incretinire, allibire.

Ntabarinutu - agg. Incretinito, allibito, allocco.

Ntacca – s. f. Taglio nelle pareti per incassi.

Ntaccabili - agg. Che si può, da intaccare.

Ntaccari - tr. Intaccare, fare tacche per incassarvi elementi utili per la casa tubi, fili ecc. | offendere.

Ntaccatina – s. f. Atto ed effetto dell'intaccare.

Ntaccazza – s. f. Larga tacca, fessura.

Ntacchiceddra – s. f. Piccola tacca.

Ntaccuna – s. f. Larga fessura, tacca.

Ntaccuzza – s. f. Piccola, leggera tacca.

Ntaddrarari, ntaddrariari, ntaddrariri - intr. Irrobustire, divenire robusto.

Ntagghiari - tr. Intagliare, scolpire, incidere.

Ntagghiateddru - agg. Poco intagliato.

Ntagghiatina – s. f. Atto ed effetto dell'intagliare.

Ntagghiaturi – s. m. Intagliatore.

Ntagghiu – s. m. Arte e opera da intagliare.

Ntamatu – agg. Sbalordito, imbambolato.

Ntanari - rifl. Nascondere nella tana.

Ntanarisi - rifl. Intanarsi, rifugiarsi, nascondersi.

Ntanatu - agg. Nascosto, intanato.

Ntantu - avv. In questo, nel frattempo.

Ntappari - tr. Chiudere col tappo.

Ntappateddru - agg. Poco tappato.

Ntappatina – s. f. L'atto del tappare.

Ntappatu - agg. Tappato, chiuso, otturato, attaccato.

Ntappatura – s. f. Il tappare e l'effetto.

Ntappaturi – s. m. Chi tappa, chi causa intasamento, otturazione.

Ntarsiari - tr. Decorare mediante inserimento a incastro di motivi ornamentali, segni, figure, intarsiare.

Ntarsiatura – s. f. L'intarsiare e l'opera stessa.

Ntarsiaturi – s. m. Chi lavora d’intarsio.

Ntarsiu – s. m. Intarsio.

Ntartarari, ntartariri - tr. Sporcare, incrostare.

Ntartaratu – agg. Coperto di tartaro.

Ntasamentu – s. m. Occlusione, blocco.

Ntasari - tr. Chiudere, occludere, ammassare.

Ntasateddru - agg. Poco intasato, otturato.

Ntasatina – s. f. L'atto dell'intasare.

Ntasatu - agg. Pieno, affollato, stipato, occluso.

Ntasatura – s. f. Zona dove è presente il blocco.

Ntascari - tr. Riscuotere.

Ntascatu – agg. Realizzato, incassato, riscosso.

Ntattu - agg. Intero, puro, incontaminato.

Ntavula - loc. In tavola.

Ntavulari - tr. Impalcare| Chiarire.

Ntavulatu - agg. Intavolato.

Ntempu – nella loc. In tempo |Arrivasti N. –  Sei arrivato al momento giusto.

Ntenniri - tr. Sentire, comprendere.

Ntensu - agg. Intenso, profondo.

Ntentu – s. m. Proposito, fine, intendimento, intenzione | Un c’è cosa peggiori quannu li cosi si fannu pi N. – Non c’è cosa peggiore quando le cose si fanno per un fine personale.

Nteressari, ntirissari - intr. Essere utile, toccare direttamente, riguardare, dare mandato.

Nterminabili - agg. Che non termina mai.

Nterra - loc. In, a, da terra.

Nterrari - V. Ntirrari.

Nterrogari - intr. Domandare per sapere, esaminare.

Nterrogazioni – s. f. Interrogazione, esame.

Nterrompiri - V. Ntirrumpiri.

Nteru - agg. Tutto, completo.         

Nterveniri, ntirviniri - intr. Assistere, partecipare, operare, prendere la parola.

Nterza - loc. In terza.

Ntestardirisi - rifl. Fare il testardo, insistere.

Ntilarari – tr. Disporre sul telaio la parte di stoffa da ricamare.

Ntilaratu – agg. Intelaiato, pronto per eseguire il ricamo.

Ntimari - tr. Ordinare in modo perentorio o imperioso | Notificare in nome dell'autorità.

Ntimpagnari - tr. Chiudere, sigillare, otturare |Il verbo è usato molto dai bottai ma anche dai carpentieri.

Ntimpagnatu – agg. Chiuso, otturato.

Ntiumugnamentu – s. m. V. Ntumugnata.

Ntimugnari - tr. Accatastare.

Ntimugnata – s. f. Sovrapposizione di biche da fare cataste.

Ntimugnatu - agg. Accatastato, raccolto.

Ntimuriri - tr. Incutere timore, spaventare.

Ntimuririsi - rifl. Avere paura, spaventarsi.

Ntinagghiari - tr. Attanagliare, stringere con forza.

Ntinagghiatina – s. f. Atto dell'attanagliare.

Ntinagghiatu - agg. Attanagliato, stretto con forza.

Ntiniri - agg. Non sufficientemente maturo o cotto, al dente.

Ntiniriri – tr. Rendere tenero| Rinverdire, ringiovanire.

Ntinna – s.f. Antenna per teleradiofonia | parte alta dell'albero maestro | A Mazara fino ai primi anni ottanta era famosa la gara della “Ntinna a mari”, in occasione del fistino di S. Vito. 

Ntinniceddra – s. f. Piccola antenna.

Ntinnimentu – s. m. Intendimento, proposito.

Ntinniri - tr. Sentire, ascoltare, intendere, comprendere, capire| v. ntenniri.

Ntinniriri - tr. Intenerire, muovere al sentimento di compassione| Divenire tenero, commuoversi.

Ntinnirisi – rifl. Intendersi, capirsi.

Ntinnirutu – agg. Intenerito.

Ntinnituri - sm. - agg. Esperto, capace, intenditore.

Ntinnuna – s. f. Grande o grossa antenna.

Ntinnutu, ntisu – agg. Inteso, sentito.

Ntinzioni – s. f. Disposizione d'animo, disponibilità | Intento, scopo.

Ntinziunali - agg. Fatto con intenzione.

Ntinziunatu - agg. Che è disponibile.

Ntipamentu – s. m. Otturazione, bloccaggio.

Ntipari - tr. Otturare, chiudere una falla, una buca, bloccare, fissare.

Ntipatia - sf. Avversione naturale verso cose e persone| contratrio di simpatia.

Ntipaticu - agg. Che desta antipatia, spiacevole, ripugnante, contrario di simpatico.

Ntiressamentu – s. m. Contributo personale di impegno e di attenzione; più spesso, premura cortese o affettuosa.

Ntiressi – s. m. Denaro a frutto, utile, vantaggio, profitto| .

Ntirfiriri - intr. Intromettersi, frapporsi.

Ntiriora – s. f. Gli intestini degli animali.

Ntiriori - agg. Che è o rimane dentro| Anteriore, che è davanti, che precede, precedente in ordine di tempo.

Ntirissanti - agg. Importante, utile, piacevole, attraente.

Ntirissarisi - rifl. Avere interesse, impicciarsi, prendersi cura, occuparsi di qualcuno o di qualcosa|Garantire il proprio interessamento.

Ntirnamenti - avv. Internamente, nell'interno.

Ntirpitari, ntirpritari - tr. Spiegare dubbi e fatti oscuri.

Ntirrari - tr. Mettere sotto terra, sotterrare, seppellire.

Ntirrumpiri - tr. Sospendere (Come rumpiri).

Ntirrusu – agg. Che ama interrarsi.

Ntirrutturi - sm. Apparecchio che interrompe il flusso di corrente elettrica.

Ntirruzioni - sf. Rottura, sospensione, bloccaggio.

Ntisa – s. f. Il sentire, udito.

Ntistardiri – intr. Rendere testardo, indurre alla testardaggine.

Ntistardirisi - rifl. Impuntarsi, insistere.

Ntistari - tr. Attribuire a qualcuno.

Ntistatu - agg. Attribuito, assegnato.

Ntistazioni – s. f. L'intestare e l'essere intestato.

Ntisu - agg. Sentito, udito, ascoltato, avvertito |Di persona stimata.

Ntoccabili – agg. Da non potersi o doversi toccare.

Ntoccu – s. m. Tela grezza colorata per vestiti da lavoro, fricò, famosi quelli di Comiso, Serradifalco e Chiaromonte.

Ntonacari - V. ntunacari.

Ntonacu – s. m. Intonaco.

Ntoppu – s. m. Ostacolo, contrattempo.

Ntostari - V. Ntustari.

Ntra - prep. Tra| ntra iddri - tra di loro| Ntra nui, niatri, niavutri - tra noi.

Ntracchilleru - s. m. Persona che ha l'abitudine di temporeggiare o tenere in sospeso una decisione, tergiversatore.

Ntrallazzari - tr. Prestarsi a un gioco di interessi segreti e illegali, intrigare | Avere una relazione sentimentale segreta.

Ntrallazzu – s. m. Manovra resa possibile dal ricorso alla segretezza o alla illegalità | Intrigo, rapporto equivoco, compromesso disonesto.

Ntrallazzusu – agg.  Di azione Illecita, fuori legge, comportamento illegale | Persona equivoca.

Ntramari - tr. Intrecciare, unire a forma di reticolo, intreccio, ordire.

Ntramarisi - rifl. Stringere rapporti di amicizia.

Ntrapanabili - agg. Che non si lascia attraversare, penetrare dall’acqua.

Ntrappula - loc. In trappola.

Ntrappulari - tr. Cogliere sul fatto.

Ntrappularisi - rifl. Mettersi nei guai.

Ntrappulatu - agg. Finito nella trappola.

Ntrata – s. f.  Luogo per il quale si entra, ingresso |V. Intrata

Ntrattabili - agg. Di carattere difficile, incorreggibile.

Ntratteniri - V. ntrattiniri.

Ntrattinibili – agg. Che si può trattenere.

Ntrattinimentu – s. m. Riunione di persone.

Ntrattiniri - tr. Intrattenere.

Ntrattinirisi - rifl. trascorrere piacevolmente il tempo in compagnia |Indugiare, soffermarsi a parlare.

Ntravari - tr. Puntellare con travi.

Ntravatu - agg. Completo di travi, puntellato.

Ntrecciari - V. Ntricciari.

Ntreppitari - tr. spiegare, farsi interprete di qualcosa (presso qualcuno), esprimere a qualcuno i sentimenti, i pensieri, la volontà altrui.

Ntreppitazioni, nterpitrazioni – s. f. Giudizio personale di intendere le cose.  

Ntreppiti, nterpitri – s. m. Persona che si assume la traduzione di un fatto o di un documento in termini valevoli sul piano conoscitivo o pratico.

Ntri – loc. In tre.

Ntricanti - agg. Che s’intromette negli affari altrui.

Ntricanza – s. f. Ingerenza, intromissione.

Ntricarisi - rifl. Intromettersi negli affari altrui.

Ntricaloru - s. m. Ficcanaso, impiccione, chi non si fa i fatti suoi.

Ntricatu,ntrichiatu - agg. Implicato, connivente.

Ntricciamentu – s. m. Modo di fare intrecci.

Ntricciari - tr. Unire in intreccio| V. Ntrizzari.

Ntricciatu – agg. Ridotto a treccia.

Ntrichi – s. m. Maneggio occulto, opera di raggiri e d’imbrogli per conseguire uno scopo con mezzi scorretti o sleali, per ostacolare il corso regolare d’un affare, per provocare disordini.

Ntricusu - agg. Che s’intromette nelle faccende altrui.

Ntrimularisi - rifl. Impelagarsi, mettersi nei guai.

Ntrippu - loc. In preda a spavalderia.

Ntririci - loc. In affanno, forzatamente inattivo, in condizione da non potere proseguire| Lassari N. – Abbandonare al proprio destino| Ristari N. - rimanere impotente, impossibilitato a proseguire| A gruppi di tredici.

Ntrisicari, ntrisicarisi  – tr. e rifl.  Introdursi, cacciarsi in mezzo con astuzia o di soppiatto, senza farsi notare

Ntrisichenti – s. m. Persona che per abitudine s'impiccia dei fatti altrui.

Ntrisichezza - s. f. Intima dimestichezza e familiarità.

Ntrisicu –  agg. Di chi è molto stretto ad un altro, confidente, fiducioso.

Ntristiri, ntristuliri - intr. Fare o divenire triste.

Ntrita - sf. Mandorla sbucciata.

Ntrizzabili - agg. Che si può, da intrecciare.

Ntrizzamentu – s. m. Intreccio.

Ntrizzari - tr. Fare intrecci.

Ntrizzatina – s. f. Atto dell'intrecciare.

Ntrizzatu - agg. Intrecciato.

Ntrizzatura – s. f. L'intrecciare e l'effetto.

Ntrizzaturi – s. m. Chi intreccia (per saperne di più - http://andreasormani.altervista.org/mestieri.htm).

Ntroitari - V. Ntruitari.

Ntroitu - s. Incasso, riscossione di denaro.

Ntrubuliri – tr. Indorbidire.

Ntrubulutu – agg. Intorbidito.

Ntruitari - tr. Riscuotere, incassare.

Ntrummari - tr. Congiungere due corde o tubi.

Ntrummatura – s. f. L’atto e il punto di unione di due oggetti.

Ntrummaturi – s. m. Chi unisce due pezzi di corda o tubo.

Ntrunari - intr. Restare scioccato| arrestarsi della cottura dei legumi.

Ntrunatura - s.f. Atto delliintontire, stordimento.

Ntrunateddru - agg. Leggermente intontito, fermato.

Ntrusciari - tr. Avvolgere, infagottare| circuire, imbrogliare.

Ntrusciarisi – rifl. Fare proprio, disporre | Coprirsi per bene, non prendere freddo.

Ntrusciateddru - agg. Poco avvolto.

Ntrusciatina – s. f. Atto dell'avvolgere.

Ntruvabili - agg. Che non si riesce a trovare, raro.

Ntullirabili - agg. Che non si può tollerare, insopportabile.

Ntulliranti - agg. Da non potersi tollerare| insopportabile, insofferente.

Ntulliranza – s. f. Mal sopportazione, insofferenza.

Ntulliratu – agg. Non tollerato, non sopportato.

Ntummari - intr. Coagulare del latte, condensare, rapprendere.

Ntummatina – s. f. L'atto del coagulare.

Ntummatizzu - agg. Molto rappreso, coagulato.

Ntummatu - agg. Coagulato, rappreso | Di persona stordita, triste.

Ntummatura – s. f. L'atto del coagulare.

Ntummaturi – s. m. Coagulante| caglio.

Ntunacari - tr. Coprire di calcina liscia muri arricciati.

Ntunacata – s. f. L'intonacare.

Ntunacatina – s. f. Atto dell'intonacare.

Ntunacatu - agg. Intonacato.

Ntunnari, ntunniri - tr. Arrotondare, fare tondo.

Ntunnuntunnu – loc. Tutt'attorno, lungo il perimetro.

Ntunnutu – agg. Arrotondato, reso sferico.

Ntuppari - tr.   Capitare casualmente, otturare, tappare.

Ntuppatu - agg. Capitato, otturato, tappato.

Ntuppatura – s. f. Otturazione, occasione.

Nturciuniari - tr. Attorcigliare, contorcersi.

Nturciuniarisi - rifl. Attorcigliarsi, ripiegarsi su sé stesso| contorcersi, accartocciarsi.

Nturciuniatu - agg. Attorcigliato, accartocciato.

Nturciuniuni – s. m. Attorcigliamento di corda, stoffa.

Nturciuniusu – Che si può torcere, girevole.

Nturniari – tr. Attorniare, circondare.

Ntussicamentu – s. m. Avvelenamento, intossicazione.

Ntussicari - intr. Avvelenare.

Ntussicatu - agg. Avvelenato, intossicato.  

Ntustari – intr. Divenire sodo, raggiungere il giusto grado di cottura.

Nubili - agg. V. Schetta.

Nucciulitu – s. m. Terreno coltivato a nocciole.

Nuci – s. f. Frutto del noce e lo stesso albero.

Nuciddra – s. f. Frutto del nocciolo, con guscio legnoso.

Nuciddraru - agg. Che si presta alla coltivazione di noccioli, gran mangiatore, venditore di nocciole.

Nuddrabanna - nella loc. A N. - in nessun posto.

Nuddru - agg. - pr. Nessuno, neppure uno.

Nuiusu - agg. Che annoia, antipatico.

Nulenti - agg. Che non vuole| N. o vulenti - che lo voglia o no.

Nullatinenti - agg. Che non possiede beni.

Nullu - agg. Non valido.

Numericu - agg. Di numero.

Numinari - tr. Chiamare per nome.

Numinata – s. f. Nomea, cattiva fama.

Numirari, nummirari - tr. Assegnare un numero.

Nunnata - s. f. Neonata di pesce azzurro.

Nura – s. f. Nudità, denudata.

Nurrizza – s. f. Balia.

Nuru - agg. Senza vestiti.

Nustranu - agg. Indigeno, locale.

Nutari - tr. Osservare, richiamare l'attenzione.

Nutaru - s. m. Chi ha la facoltà legale di stendere atti pubblici.

Nutatu - agg. Osservato, annotato, appuntato.

Nutazioni – s. f. Annotazione, appunto.

Nutificari - tr. Far noto, portare a conoscenza.

Nutificatu - agg. Reso noto.

Nutificaturi - agg. – s. m. Messo comunale, ufficiale giudiziario.

Nutili - agg. Inutile.

Nutizia – s. f. Cognizione, ragguaglio.

Nutiziazza – s. f. Grande o brutta notizia.

Nutizieddra – s. f. Piccola o piacevole notizia.

Nutiziuna – s. f. Grande e importante notizia.

Nutricari - tr. Nutrire, allevare, accudire, educare.

Nutricu – s. m. Neonato, lattante.

Nutrimentu – s. m. Qualunque cosa alimenti gli esseri viventi.

Nutrutu – agg. Nutrito.

Nuttata – s. f. Spazio temporale di una notte.

Nuttatazza – s. f. Brutta nottata.

Nuttateddra – s. f. Piacevole nottata.

Nuttuliddru - avv. Leggermente tardi nella notte.

Nuzzenti - s. m. Innocente, bambini puri.

Nuvuleddra – s. f. Piccola o piacevole nuvola.

Nuvuluna – s. f. Grande nuvola.

Nuvuluseddru - agg. Poco nuvoloso.

Nvadenti – agg. Che si appropria di cosa non sua, prepotente.

Nvadenza – s. f. Invadenza.

Nvaghirisi - rifl. Accendersi d'amore, ardere di desiderio o di vaghezza.

Nvalidu, nvalitu - agg. – s. m. Mutilato, chi è invalido, non ha forza| privo d'affetto, di validità.

Nvarenti - agg. Che sconfina, che si occupa di ciò che non lo riguarda.

Nvarenza – s. f. L'essere invadente.

Nvariri - tr. Entrare con impeto per occupare.

Nvecchiari - V. nvicchiari.

Nvena - loc. In vena, in condizione di fare.

Nventari - V. Nvintari.

Nvernali - agg. D’inverno.

Nvernu – s. m. Inverno| v. mmernu.

Nviari - tr. Trasmettere, spedire.

Nvicchiamentu – s. m. Invecchiamento.

Nvicchiari - tr. Divenire vecchio.

Nvicchiatu - agg. Reso, divenuto vecchio.

Nvidiari – tr. Avere invidia| v. nviriari.

Nvincibili - agg. Che non può essere vinto.

Nvincibilità – s. f. Qualità che rende invincibile.

Nvinnita - loc. In vendita, da vendere.

Nvintari - tr. Scoprire.

Nvintatu – agg. Inventato.

Nvinturi – s. m. Chi inventa.

Nvinzioni – s. f. Ritrovamento di cosa non conosciuta prima, scoperta.

Nvisibili - agg. Che non si vede, è scomparso alla nostra vista.

Nvisibilità – s. f. L'essere invisibile.

Nvitari - tr. Chiamare a partecipare | V. Mmitari.

Nvitatu - agg. – s. m. Ospite, convitato| chiamato, convocato.

Nvitu – s. m. L'invitare, richiamo.

Nvolontariu - agg. Non volontario, non voluto.

Nvortu – s. m. Fagotto, fardello.

Nvucari - tr. Chiamare con preghiera, chiedere.

Nvugghiari - tr. Spingere a fare.

Nzacchetta – loc. In tasca

Nzaiari – tr. Provare l’abito per eventuali correzioni.

Nzaiarisi – rifl. Provarsi l’abito davanti allo specchio per prova.

Nzaiata, nzaiatina – s. f. Prova di abito.

Nzalata – s. f. Ortaggi utilizzati come contorno.

Nzalataru – agg. Di terreno, che si presta alla coltura, mangiatore d’insalata.

Nzalatazza – s. f. Brutta insalata.

Nzalateddra – s. f. Piacevole insalata.

Nzalatera – s. f. Recipiente in cui si appronta l’insalata.

Nzemmula – avv. Assieme, insieme.

Nzertari - V. Nzirtari.

Nzincari – tr. Segnare, porre il segno.

Nzirrari - tr. Chiudere, sbarrare, serrare, tenere chiuso ben stretto.

Nzirriusu – agg. Che fa attrito.

Nzirtari, nzittari  – tr. Indovinare, rispondere adeguatamente, dire il vero, colpire.

Nzirtusu – agg. Ostinato, caparbio, che non demorde.

Nzitari - tr.  Innestare, per i fichidindia, asportare i primi frutti nel mese di maggio| La pianta si riveste di nuovi frutti che crescono più grossi e maturano più tardi (Scuzzulati o Bastarduni).

Nzituni – s. m. Flemmone doloroso, infezione con indurimento dei tessuti cellulari e muscolari intorno, infiammazione purulenta.

Nzolia – s. f. Qualità d'uva da tavola.

Nzuccarari, nzuccariri – tr. Addolcire con zucchero, edulcorare.

Nzunzareddru – s. f.  Classica risposta della mamma al singhiozzo del bambino.

Nzunzari - tr. Intingere, macchiare, toccare con il corpo.

Nzunzarisi - rifl. Accostarsi, strofinarsi, sporcarsi.

Nzunzatu – agg. Accostato, sporcato.

Nzunzusu - agg. Untuoso, che sporca.

Nzurfurusu – agg. Che si irrora di zolfo.

Nzurriri, nzurriari - intr. Aumentare l'attrito, stridere, bloccarsi.

Nzurru - agg. Non oleato, lento nel girare, bloccato.

Nzurrusu, nzurrutu - agg. Che provoca attrito, lento nel girare, nello scorrere, bloccato.

Nzurtari – tr. Insultare, molestare, infastidire.

Nzurtusu – agg. Di persona, che cerca la lite a tutti i costi.

 

Torna all’Indice