Crea sito

HOME

RICETTE

I PESCI

FOTO

RADICI

ESPERIENZE

CONTATTI

LINK

    </font>

Nenti si fa, chi nenti si sapi

 

 Lettera N – Parti prima da Na a Ndu

Na, nna - art. ind. Una| C’era Na vota - C'era una volta.

Naca – s. f. Culla, altalena, amaca.

Nacari - tr. V.  Annacari

Nacazza – s. f. Grande o brutta altalena.

Naccara – s. f. Perlina in vetro, lustrino di bigiotteria.

Nachiceddra – s. f. Piccola altalena.

Nacitiri – tr. Corrompersi del vino.

Nacitatu, nacitutu – agg. di persona, turbata| corrotto, decomposto, divenuto aceto.

Naculiata – s. f. Colpo d’anca.

Nacuna – s. f. Grande altalena.

Nacuzza – s. f. Piccola altalena, culletta.

Nanfa, nanfara – s. f. Costipazione con prerogativa nasale che dà alla voce una tonalità tipicamente nasale.

Nanfarusazzu - agg. Di persona, che parla con forte accento nasale.

Nanfaruseddru - agg. Di bambino, che parla con accento nasale.

Nanfarusu – s. m. - agg. Chi o che parla con accento tipicamente nasale.

Nanna – s. f. Madre di un genitore, nonna.

Nannavava – s. f. Bisnonna.

Nannazza – s. f. Nonna antipatica, scorbutica, priva di senso affettivo, cattiva.

Nannazzu – s. m. Nonno burbero e rigoroso.

Nanniceddru – s. m. Nonnino, amabile nonno.

Nannu – s. m. Padre di uno dei genitori, nonno.

Nannulinu – agg. Di bambino, cui piace vivere col nonno.

Nannuni – s. m. Nonno importante.

Nannuvavu – s. m. Bisnonno.

Nannuzza – s. f. Nonna cara e affettuosa.

Nannuzzu – s. m. Nonno caro e affettuoso.

Nanticchia - avv. Una particina, un poco di una cosa.

Nanticchieddra - avv. Poco di una piccola parte.

Nanu – s. m. Uomo di bassa statura e caratteristiche da adulto.

Nanuzzu, nanettu  – s. m. Piccolo nano, pupazzo che rappresenta un nano.

Napara . loc. Due| anche: na para.

Napocu – loc. Un po’| anche: na pocu.

Nappa  –  s. f. Striscia di stoffa dei pantaloni con bottoniera, orlatura, bordo, pellame, bottoniera |N. ri Calamaru – bordo, pinne di calamaro| V. Buttunera

N’appi – loc. Ne ho, ha avuto, ne ebbe |Cu N., N. cassateddri di Pasqua – Chi ne ha avuto , ne ha avuto dolcini di Pasqua (ne ha goduto solo chi c’era).

Nappiceddra – s. f. Piccola orlatura, pinne di calamaro.

Nappimu – loc. Abbiamo avuto, siamo dovuti| N. a gh’iri a la casa  –  siamo dovuti a casa| anche: n’appimu.

N’appiru – loc. Hanno avuto, dovuto.

Narrera, narreri, narré  - avv. Indietro, trascorso, in peggioramento| Iri N. comu lu curdaru – indietreggiare come il cordaio.

Narvuliamentu – s. m. Ribaltamento.

Narvuliari - tr. Rovesciare all'indietro, scaricare | intr. Innervosire| Un mi N. - non farmi innervosire.

Narvuliarisi – rifl. Diventare nervoso,  per affronto ricevuto, o insoddisfazioni.

Narvuliata, narvuliatina – s. f. Atto di ribaltamento del carro.

Narvuliatu – agg. Di carro, ribaltato.

Nasca – s. f. Parte prominente del viso, organo dell'odorato, naso.

Nascareddra – s. f. Naso affilato e piccolo.

Nascariddruzza – s. f. Piccolo naso.

Nascata – s. f. Colpo di naso.

Nascazza – s. f. Grosso naso.

Nascazzu – s. m. Dal naso grosso.

Naschi – s. m. pl. Narici.

Naschiari – tr. Odorare, fiutare, intuire.

Nasciri – tr. Nascere.

Nascuna, nascuni –  Grosso naso.

Nascusu – agg. Superbo, borioso.

Nasettu, nasiceddru, nasiddru, nasinu – s. m. Piccolo naso.

Nassa – s. f. Antico attrezzo da pesca, ancora impiegato nella pesca tradizionale, ve ne sono diversi tipi, a seconda delle zone e del tipo di preda. Si costruiva con giunco e germogliazioni di ulivo.

Nassarolu – s. m. Pescatore con nasse è uno dei mestieri più antichi di Mazara |Per saperne di più: http://www.andreasormani.altervista.org/mestieri.htm

Nastriddru, nastrinu – s. m. Nastro stretto.

Nasu – s. m. | V. Nasca

Natari - intr. Spostarsi nell'acqua compiendo una serie di opportuni movimenti coordinati, nuotare | Di corpo inanimato, galleggiare o essere immerso in un liquido.

Natata – s. f. Tratto di mare percorso a nuoto.

Natatazza – s. f. Lunga nuotata.

Natateddra – s. f. Breve e piacevole nuotata.

Natatina – s. f. L'atto del nuotare, breve nuotata.

Nataturi – s. m. Esperto del nuoto.

Naticata – s. f. Botta alle natica, sculaccione.

Naticheddra, natichiceddra, natichiddra, naticuliddra, naticuzza – s. f. Piccola anca.

Naticuna – s. f. Grossa e prominente anca.

Natru – agg. - pron. Un altro| avanti N. – avanti il prossimo.

Natura – s. f. Sesso femminile pronunciato in forma ipocrita.

Nausia – s. f. Indisposizione allo stomaco,  nausea.

Nautru, a – agg. - pron. Un altro |Nautra vota -  Un'altra volta.

Navanti - avv. Avanti, più avanti.

Navicari - V. navigari.

Naviceddra – s. f. Piccola nave in rapporto ad altra più grande.

Naviganti – s. m. - agg. Chi o che naviga.

Navigari - tr. Andare, viaggiare in mare.

Navigghiu, navigliu – s. m. Insieme delle imbarcazioni.

Navota – avv. Un tempo| anche: na vota.

Navuna – s. f. Grande nave.

Navutru - v. Natru.

Navuzza – s. f. Piccola nave.

Ncabbiamentu – s. m. L’ingabbiare e la cosa ingabbiata.

Ncabbiari – tr. Chiudere nella gabbia.

Ncabbiatu – agg. Chiuso nella gabbia.

Ncaddrozzari, ncaddruzzari - intr. Ringalluzzire, stuzzicare, attaccare briga| tr. Ripartire, ridurre carni tritate in rocchi per derivarne salami e salsicce.

Ncaddruzzatu – agg. Ridotto in rocchi.

Ncagghiabili, ncagliabili - agg. Che si può accalappiare, agganciare, afferrare con le mani.

Ncagghiamentu – s. m. Accalappiamento, agganciamento, incagliamento.

Ncagghiari, ncagliari - tr. Accalappiare, agganciare, capitare per caso, cadere, incagliare.

Ncagghiateddru - agg. Poco, agganciato, accalappiato.

Ncagghiatina – s. f. L’accalappiare, aggancio.

Ncagghiatu, ncagliatu - agg. Accalappiato, preso col guinzaglio, agganciato, incagliato.

Ncagghiatura – s. f. V. ncagghiatina.

Ncairiri - tr. Prendersi d'acido, deteriorarsi, decomporsi, guastarsi.

Ncalu – loc. In calo, in ribasso, in diminuzione.

Ncalurarisi - rifl. Accalorarsi, accaldarsi, infervorarsi, entusiasmarsi.

Ncaluratu – agg. Accaldato.

Ncaluri - loc. Pronto per l'accoppiamento | Quannu a cani è N. si fa pigghiari - quando la cagna è pronta accetta d’accoppiarsi.

Ncaluriri - tr. Scaldare.

Ncaluririsi - rifl. Scaldarsi, infervorarsi, entusiasmarsi, accendersi di rabbia.

Ncalurutu – agg. Accaldato.

Ncambiu - loc. Come contropartita, al posto di altro.

Ncaminarisi - rifl. Avviarsi, muoversi lentamente.

Ncaminu - loc. In movimento| Mettisi N. – avviarsi.

Ncampagna - loc. In campagna.

Ncamuffari – intr. Ammuffire.

Ncamuffutu – agg. Ammuffito.

Ncamuliari – tr. Corrompere cibi, avariare, avvertire fitte a parti del corpo malato.

Ncamuliarisi - rifl. Corrodersi, essere attaccato da parassiti, corrompersi.

Ncamuliatu, ncamulutu - agg. Roso dalle tarme, rovinato, corroso, corrotto.

Ncamuliusu – agg. Soggetto al tarlo.

Ncanalabili - agg. Che si può, da incanalare.

Ncanalamentu – s. m. Canalizzazione di acque.

Ncanalari - tr. Canalizzare acque correnti| Coprire di tegole.

Ncanalatu - agg. Avviato, guidato| Coperto di tegole.

Ncanalatura – s. f. Canalizzazione| lungo scorrere di acqua| Copertura di tetti.

Ncanalaturi – s. m. Convogliatore, chi incanala acque correnti| Chi copre tetti con tegole.

Ncancariari – tr. Trattare duramente, opprimere con angherie | Tormentare, tiranneggiare.

Ncancariniri, ncancriniri – tr. Incancrenire, corrompersi di tessuti del corpo umano.

Ncancarusu – agg. Di persona che opprime con angherie e imposizioni.

Ncanciabili – agg. Da non potersi cambiare| Da agganciare.

Ncanciari – tr. Agganciare.

Ncanciu – s. m. In cambio |N. rii una damminni dui – In cambio di una dammene due.

Ncancriniri – tr. Corrompersi.

Ncancrinusu – agg. Che va in cancrena, corruttibile.

Ncancrinutu – agg. Decomposto, corrotto, incancrenito.

Ncanestrari - V. Ncanistrari, Ncannistrari.

Ncanestru – loc. In canestro.

Ncangiabili – agg. Immutabile, che non cambia.

Ncangiu - loc. In cambio.

Ncannistrari - tr. Dare forma di canestro.

Ncannistratu – agg. Sistemato nel canestro.

Ncannulari - tr. Fare i riccioli, inanellare, arrotolare i cannoli.

Ncannulatina – s. f. Atto ed effetto d'attorcigliare.

Ncannulatu - agg. Attorcigliato, avvoltolato, inanellato.

Ncannulatura – s. f. Atto ed effetto d'attorcigliare.

Ncannulaturi – s. m. Chi attorciglia, avvoltola.

Ncanottiera - loc. In canottiera.

Ncantabili - agg. Che incanta, lascia perplessi, sbalorditi.

Ncantamentu – s. m. L'incantare.

Ncantari - tr. Meravigliare, ammaliare, soggiogare l'altrui volontà.

Ncantarisi - rifl. Bloccarsi, trattenersi.

Ncantateddru - agg. Poco ammaliato.

Ncantatina – s. f. Atto ed effetto dell'incantare.

Ncantatizzu - agg. Molto incantato.

Ncantatu - agg. Ammaliato, incantato| Arristari N. - rimanere sbalordito, incantato.

Ncantatura – s. f. Incanto, bloccaggio.

Ncantaturi – s. m. Chi opera malie, sbalordisce con i suoi discorsi.

Ncantisimari - intr. Ammaliare, mettere in soggezione, soggiogare.

Ncantisimatu - agg. Ammaliato, soggiogato.

Ncantisimu, ncantesimu  - s. m. Malia, incantesimo.

Ncantu – s. m. Pubblica vendita| malia, sortilegio, cosa incantevole| stupore.

Ncapaci - agg. Inetto, inabile.

Ncapacitarisi – rifl. Non potersi capacitare, rendere conto.

Ncaparrari - tr. Vincolare, impegnare.

Ncaparratu – agg. Vincolato con caparra.

Ncapitabili - agg. Che non si riesce a trovare.

Ncappari - intr. Incappare, imbattersi in cosa o in persona dannosa o molesta, incorrere, capitare, accadere.

Ncappatina – s. f. L'accadere e la cosa accaduta.

Ncappatu - agg. Capitato, accaduto.

Ncappeddrari, ncappiddrari – tr. Coprire, imberrettare.

Ncappiddratu – agg. Col capo coperto.

Ncapricchiarisi, ncapricciarisi – rifl. Avere un debole per una persona, innamorarsi.

Ncaprittari – tr. Legare nel modo in cui si fa con un capretto.

Ncaprittatu – agg. Legato mani e piedi.

Ncapu – avv. Sopra.

Ncapucchiari, ncapucciari - tr. Incappucciare, dare forma di cappuccio.

Ncapucchiarisi, ncapucciarisi - rifl. Incappucciarsi, coprirsi il capo col cappuccio.

Ncapuniri - tr. Intimorire, spaventare, soggiogare.

Ncapunirisi – rifl. Impaurirsi, spaventarsi, avere soggezione, ostinarsi.

Ncapunutu – agg. Impaurito, ostinato.

Ncaputtari – tr. Mettere il cappotto.

Ncaputtarisi - rifl. Indossare , coprirsi col cappotto.

Ncaputtatu - agg. Ben coperto col cappotto.

Ncaramentu – s. m. Rincaro di un prodotto.

Ncarari - tr. Aumentare di prezzo.

Ncaratu – agg. Aumentato di prezzo.

Ncarcabili - agg. Che si può conficcare, battere, pressare.

Ncarcamentu – s. m. Pressione, battimento su cosa che è conficcata.

Ncarcari - tr. Spingere col martello, aggravare, battere, premere.

Ncarcata – s. f. Penetrazione.

Ncarcatazza – s. f. Forte spinta.

Ncarcateddra – s. f. Lieve spinta, leggera percussione.

Ncarcateddru - agg. Poco spinto, pressato.

Ncarcatina – s. f. Battito, atto del conficcare| pressione.

Ncarcatu - agg. Pressato, calcato, spinto.

Ncarcatura – s. f. Pressione, atto dello spingere.

Ncarcaturi – s. m. Chi o che spinge, conficca, permette la penetrazione, accorcia.

Ncarciarari, ncarcirari - intr. Mettere in galera.

Ncarciaratu, ncarciratu – agg. Condannato, incarcerato.

Ncarciri - loc. In galera.

Ncarcuneddru – s. m. Spintarella per favorire l’introduzione| leggero colpo.

Ncarcuni – s. m. Colpo, battito, spintone| pressione.

Ncarcusu – agg. Penetrante.

Ncarni - loc. In carne, ben pasciuto.

Ncarognari - V. ncarugnari.

Ncarramattari – tr. Porre sulla carretta.

Ncarrettari - V. ncarrittari.

Ncarrettu – loc. In carretto.

Ncarricari - tr. Incaricare, dare incombenza.

Ncarricarisi - rifl. Farsi carico, assumere l'onere.

Ncarricateddru - agg. Reso appena responsabile.

Ncarricatina – s. f. Atto ed effetto del rendere o  rendersi responsabile.

Ncarricatu - agg. Reso responsabile, di persona cui è data fiducia.

Ncarricatura – s. f. Atto ed effetto del rendere o  del rendersi responsabile.

Ncarricaturi – s. m. Chi dà incombenze, ha fiducia negli altri.

Ncarricazzu – s. m. Grosso o brutto incarico.

Ncarricheddru, ncarrichiceddru,ncarrichicchiu, ncarricuzzu  – s. m. Piccolo, modesto incarico.

Ncarricu – s. m. Incarico, incombenza.

Ncarricuni – s. m. Incarico di una certa importanza.

Ncarrittari – tr. Disporre sul carretto materiale da trasporto.

Ncarrozza - loc. Favorevolmente, col vento in poppa.

Ncarruzzari, ncarruzziari – tr. Trasportare con la carrozza, trasportare, portar via, trascinare.

Ncarruzzatu, ncarruzziatu – agg. trasportato con la carrozza.

Ncarruzzeddra – loc. Col vento in poppa.

Ncarta – loc. In carta| Mettiri N. – confezionare.

Ncartabili - agg. Da, che è da incartare.

Ncartamenti – s. m. Documenti di una pratica.

Ncartamentu – s. m. Avvolgimento di carta, documento.

Ncartari - tr. Confezionare, avvolgere, rivestire pareti con carta.

Ncartateddru - agg. Poco avvolto in carta.

Ncartatina – s. f. Confezione| atto ed effetto dell'incartare.

Ncartatizzu - agg. Bene incartato, avvolto in carta.

Ncartatu - agg. Confezionato, incartato, avvolto in carta.

Ncartatura – s. f.  Confezione, l'incartare e l'effetto.

Ncartaturi – s. m. Chi incarta, avvolge in carta, confeziona.

Ncarteddrari, ncartiddrari - tr. Mettere nella gerla materiale per il suo trasporto.

Ncartu – s. m. Incarto, cosa incartata, pacco, involto.

Ncartucciabili – agg. Che si può avvoltolare, incartare, involtare.

Ncartucciamentu – s. m. Incartocciamento.

Ncartucciari - tr. Avvolgere formando un cartoccio.

Ncartucciateddru - agg. Poco incartocciato.

Ncartucciatina, ncartucciatura  – s. f. Atto d'incartocciare e suo effetto.

Ncartucciatizzu - agg. Bene incartocciato.

Ncartucciatu – agg. Avvolto in carta.

Ncartucciaturi – s. m. Chi accartoccia.

Ncartunabili - agg. Che si può infilare in uno scatolone.

Ncartunamentu – s. m. Il confezionare in scatoloni.

Ncartunari - tr. Imballare, inscatolare.

Ncartunatina – s. f. Confezionamento in scatole di cartone.

Ncartunatura – s. f. Il confezionare con scatole di cartone.

Ncartunaturi – s. m. Chi avvolge, confeziona, inscatola.

Ncarugnari – tr. Intimorire, mettere in soggezione.

Ncarugnarisi - rifl. Avere soggezione, tirarsi indietro, rinunziare, desistere.

Ncarugnateddru - agg. Insicuro, poco soggezionato.

Ncarugnatina, ncarugnatura  – s. f. Atto della rinunzia, soggezione.

Ncarugnatizzu - agg. Deciso a rinunziare, molto soggezionato.

Ncarugnatu - agg. Preso da vigliaccheria| codardo, soggezionato.

Ncarugnaturi – s. m. Chi impone soggezione.

Ncarugniri - tr. Incarognire.

Ncarugnirisi - rifl. Avere soggezione, temere di non farcela, perdere fiducia.

Ncarugnusu – agg. Sopraffattore.

Ncarugnutu - agg. Messo in soggezione, che non si ritiene all'altezza, demoralizzato.

Ncarvunari - tr. Imbrattare di carbone.

Ncarvunarisi - rifl. Tingersi di nero.

Ncarvunateddru - agg. Poco annerito di carbone.

Ncasa - loc. In casa.

Ncasanza - loc. In carcere.

Ncasari - tr. Socchiudere| rincasare.

Ncasatu – agg. Rientrato in casa, socchiuso.

Ncasciamentu – s. m. Il chiudere in cassa, chiudere a più mandate la porta di casa.

Ncasciari - tr. Incassare, chiudere bene.

Ncasciatazzu - agg. Ben chiuso.

Ncasciateddru - agg. Messo, chiuso in piccola cassa.

Ncasciatina – s. f. Atto ed effetto della chiusura.

Ncasciatu - agg. Chiuso bene, chiuso in cassa.

Ncasciaturi - sm. Chi sistema roba nelle casse.

Ncascittari – tr. Disporre il pesce nelle cassette.

Ncasciunari – tr. Disporre materiale in cassoni.

Ncaseddrari - V. ncasiddrari.

Ncasermari - V. ncasirmari.

Ncasiddrari - tr. Spingere, premere, incasellare.

Ncasiddratu - agg. Collocato nel proprio scomparto, incastrato.

Ncasiddratura -  s. m. Incasellamento.

Ncasiddraturi – s. m. Chi colloca in caselle.

Ncasirmari – tr. Chiudere in caserma.

Ncassa - loc. In cassa.

Ncassabili - agg. Che si può mettere, chiudere in cassa, che si può riscuotere, internare nel muro.

Ncassamentu – s. m. l’incassare, l’incassarsi e il loro risultato

Ncassari - tr. Incassare, chiudere in cassa.

Ncassettari - V. Ncassittari.

Ncassittabili - agg. Che si può chiudere in cassetta.

Ncassittari - tr. Mettere, chiudere in cassetta.

Ncassu – s. m. Incasso, il ricavo della vendita di un giorno.

Ncassunari - tr. Mettere, chiudere in cassoni.

Ncassunatu - agg. Messo, chiuso in cassone.

Ncastagna - loc. Pigghiari N. – Cogliere sul fatto.

Ncastagnari - tr. Rosolare in padella, in tegame, imbiondire pietanze.

Ncastagnateddru - agg. Poco rosolato.

Ncastagnatu - agg. Rosolato, arrossato dal fuoco.

Ncastigu, ncastiu - loc. In castigo.

Ncastrabili - agg. Da, che si può incastrare, mettere nel sacco.

Ncastramentu – s. m. L'incastrare.

Ncastrari - tr. Mettere nel sacco.

Ncastrateddru - agg. Poco incastrato.

Ncastratina – s. f. Punto d’incastro, raggiro.

Ncastratizzu - agg. Bene incastrato.

Ncastratu - agg. Incastrato, bloccato, messo nei guai.

Ncastraturi – s. m. Chi incastra, blocca, raggira.

Ncastru – s. m. Sistema di bloccaggio.

Ncastunari - tr. Fissare gemme o pietre preziose, cosa in un'altra, incastrare.

Ncastunateddru - agg. Poco incastonato.

Ncastunatina – s. f. Atto ed effetto d'incastonare.

Ncastunatizzu - agg. Bene incastonato.

Ncastunatu - agg. Bloccato, fissato.

Ncastunatura – s. f. Sede di fissaggio di preziosi.

Ncastunaturi – s. m. Chi o che blocca, fissa nel castone.

Ncasu – loc. Nel caso.

Ncatina – loc. In catena, legato.

Ncatinabili - agg. Da incatenare.

Ncatinamentu – s. m. L'incatenare.

Ncatinari - tr. Legare| collegare, unire.

Ncatinarisi - rifl. Congiungersi, unirsi formando una catena .

Ncatinateddru - agg. Poco incatenato.

Ncatinatina – s. f. Legatura con catena.

Ncatinatura – s. f. Punto di fissaggio delle catene.

Ncatinaturi – s. m. Chi lega con catene.

Ncatini - loc. In catene| Mettiri N. – legare con catena.

Ncatramari - tr. Impiastrare, rivestire di catrame.

Ncatramata – s. f. Strato di catrame.

Ncatramateddra – s. f. Leggero strato di catrame.

Ncatramateddru - agg. Poco incatramato.

Ncatramatina, ncatramatura – s. f. Atto ed effetto d'incatramare.

Ncatramatizzu - agg. Molto bene incatramato.

Ncatramatu - agg. Impiastrato, rivestito di catrame.

Ncattivari, ncattiviri - intr. Divenire vedovo.

Ncattivatu, ncattivutu - agg. Vedovo, divenuto vedovo.

Ncauru - loc. A caldo.

Ncausa - loc. In lite.

Ncausiritila – loc. In mutandoni.

Ncavaddrari - tr. Mettere una gamba sull'altra, prendere dominio.

Ncavaddrateddru - agg. Poco accavallato.

Ncavaddratina, ncavaddratura – s.f. Atto ed effetto dell'accavallare.

Ncavaddraturi – s. m. Chi o che accavalla.

Ncavari - tr. Rendere cavo, affossare, scavare nel senso orizzontale.

Ncavatu - agg. Cavo, scavato, vuoto internamente.

Ncavatura – s. f. Cavità.

Ncavigghiari – tr. Fissare bene con cavicchi.

Ncavuru - loc. A caldo.

Ncazzabili - agg. Che è facile alla rabbia, all'ira.

Ncazzamentu – s. m. L'arrabbiarsi, l'adirarsi.

Ncazzari - intr. Muovere alla rabbia, all'ira.

Ncazzarisi - rifl. Arrabbiarsi, adirarsi, andare su tutte le furie.

Ncazzateddru - agg. Poco adirato, arrabbiato.

Ncazzatina, ncazzatura – s. f. Atto dell'arrabbiarsi, del muovere alla stizza.

Ncazzatizzu - agg. Molto arrabbiato, adirato, furioso.

Ncazzatu - agg. Arrabbiato, adirato, furioso.

Ncazzusu - agg. Irascibile, che facilmente si arrabbia.

Ncella - loc. In cella, in galera.

Ncelu - loc. In cielo.

Ncementari,ncimintiari  – tr. Saldare con cemento.

Ncendiari – tr. Dare fuoco per vendetta.

Ncensu – s. m. Incenso.

Ncensurabili – agg. Da non doversi censurare.

Ncensuratu – agg. Dalla fedina penale pulita.

Ncentru – loc. In centro.

Ncentu – loc. A gruppi di cento.

Nceppari - V. ncippari.

Ncerari - V. ncirari.

Ncerca - loc. In, alla ricerca.

Ncernierari – tr. Chiudere con cerniera.

Ncernieratu – agg. Munito di cerniera, chiuso.

Ncertu - agg. Indeciso, titubante, insicuro.

Nchianamentu – s. m. Spianamento.

Nchianari - tr. Spianare.

Nchianiari – tr. Pianeggiare, livellare, ridurre allo stesso piano terreno collinoso, gibboso.

Nchianiatu – agg. Pianeggiato, reso piano.

Nchianozzari - V. Nchianuzzari.

Nchianuzzari – tr. Spianare allo stesso livello.

Nchiappacarti – s. m. Impiegatuccio.

Nchiappari - intr. Cadere di piatto a peso morto, sporcare.

Nchiappatina – s. f. Presa, blocco,imbrattamento .

Nchiappatu - agg. Caduto a peso morto, bloccato, Imbrattato.

Nchiappusu – agg. Appiccicoso.

Nchiariri - tr. Divenire, fare chiaro, limpido.

Nchiaru - loc. In chiaro| Mettiri N. - chiarire.

Nchiarutu - agg. Divenuto chiaro, limpido.

Nchiesa – loc. In chiesa.

Nchiffaramentu – s. m. L’affaccendamento.

Nchiffaratu - agg. Affaccendato, occupato.

Nchinari - tr. Flettere, abbassare.

Nchinarisi - rifl. Riverire, chinare, flettere il corpo in senso di riverenza.

Nchinatu - agg. Chino, piegato, curvo.

Nchinu - avv. Appieno, in pieno| Pigghiari N. - colpire il bersaglio, centrarlo.

Nchiostrari - V. nchiustrari.

Nchiostru – s. m. Inchiostro.

Nchiovari - V. nchiuvari.

Nchippu – sm. Inghippo, contrarietà.

Nchiumazzari - tr. Riempire il cuscino di lana o altro.

Nchiummari - tr. Imbottire di piombo, sigillare, congiungere,  di cibo indigesto.  

Nchiummatu - agg. Impiombato, rivestito, sigillato di piombo, che non va giù, detto di cibo, dopato.

Nchiummatura – s. f. L'impiombare e l'effetto, attaccatura, giuntura.

Nchiummaturi – s. m. Chi impiomba, sigilla.

Nchiummusu - agg. Pesante come il piombo| difficile da ingerire.

Nchiuriri - tr. Chiudere cosa o persona in luogo da cui non possa sottrarsi o fuggire .

Nchiurisi - rifl. Chiudersi, sprangare porte e finestre, mettere via cose per tempi più grami.

Nchiurutu – agg. Chiuso, contrario di aperto.

Nchiustrari - tr. Intingere, cospargere d'inchiostro.

Nchiustratina, nchiustratura – s. f. Atto ed effetto dell’inchiostrare.

Nchiusu – agg. Chiuso, serrato.

Nchiusura - loc. In chiusura, verso la fine.

Nchiuvamentu – s. m. L'inchiodare, inchiodatura.

Nchiuvari - tr. Inchiodare, bloccare, mettere in condizione di non nuocere.

Nchiuvata – s. f. Inchiodatura.

Nchiuvatazza – s. f. Inchiodatura con molti chiodi.

Nchiuvateddra – s. f. Fissare con pochi chiodi.

Nchiuvatina – s. f. Atto ed effetto dell'inchiodare.

Nchiuvatu - agg. Inchiodato, chiuso, fissato con chiodi.

Nchiuvatura – s. f. L'inchiodare e la cosa inchiodata.

Nchiuvaturi – s. m. Chi inchioda.

Nciancianiddrari, Nciancianiddriari – tr. Corredare di sonagli.

Nciancianiddrusu – agg. Ricco di sonagli.

Ncidenti – s. m. Incidente.

Ncima - loc. In cima, in alto.

Ncima – s. m. Punto lungo d'imbastitura.

Ncimari - tr. Cucire con punti lunghi.

Ncimateddru - agg. Poco imbastito con punti lunghi.

Ncimatina, ncimatura – s. f. Atto ed effetto dell'imbastire, imbastitura.

Ncimatu - agg. Cucito con punti lunghi e radi.

Ncinagghia - s. f. nguine | V. Nginagghia.

Ncincu – loc. A gruppi di cinque.

Ncinnirari – tr. Sporcare di cenere, di fuliggine.

Ncinniratu - agg. Coperto di fuliggine, di cenere.

Ncinniriri - tr. Ridurre in cenere |consumare.

Ncinnirutu - agg. Ridotto, trasformato in cenere, bruciato.

Ncinta - agg. Incinta, gravida.

Ncinziari – tr. Adulare, ossequiare.

Ncippari – tr. Bloccare.

Ncipparisi – rifl. Incepparsi, bloccarsi.

Ncipriari - tr. Dare la cipria.

Ncipriarisi - rifl. Darsi la cipria.

Ncirari - tr. Impiastrare, dare la cera.

Ncirata – s. f. Stoffa impermeabile, lenzuolo di plastica, mantello con cappuccio.

Ncirateddra – s. f. Piccolo mantello impermeabile.

Ncirateddru - agg. Poco cosparso di cera.

Nciratina, nciratura  – s. f. L'atto dell'incerare, piccolo impermeabile con cappuccio.

Nciratu - agg. Cosparso di cera.

Ncircu – loc. A forma di cerchio.

Ncirenti – s. m. Evento fortuito | V. Incirenti.

Ncirenza – s. f. Connessione, relazione.

Ncirintatu - agg. Mal concio per incidente.

Nciriri - tr. Intaccare, incidere.

Ncirnierari - tr. Munire di cerniera, congiungere.

Ncirniratu – agg. Incernierato.

Ncirottari - V. nciruttari.

Ncirtizza – s. f. Ciò che non è certo, dubbio.

Nciruttari - tr. Coprire di cerotto| lucidare.

Nciruttatina - sf. Atto dell'incerottare.

Ncisioni – s. f. Taglio, incisione.

Ncisu – agg. Inciso, intagliato.

Ncittà - loc. In città.

Ncitabili - agg. Da incoraggiare, spronare.

Ncitamentu – s. m. Stimolo, coraggio, istigazione, provocazione.

Ncitari - tr. Spingere, stimolare, incoraggiare, spronare, fomentare, istigare.

Ncitateddru - agg. Leggermente incitato, spronato.

Ncitatina – s. f. Atto dell'incitare.

Ncitaturi – s. m. Chi incita, sprona, incoraggia a fare di più e meglio| Chi istiga a far male.

Ncitrignari - tr. Fare sodo, duro, tonico, forte.

Ncitrignusu – agg. Forte, tonico.

Ncitruliri - intr. Restare di stucco, meravigliato, rincitrullito.

Ncitrullutu, ncitrulutu – agg. Allibito, sbalordito.

Nciuria  - V. Ngiuria.

Nciuriusu – agg. Offensivo, ingiurioso.

Ncivili - agg. Rozzo, maleducato, villano.

Ncivilimentu – s. m. L'incivilire, educazione.

Nciviliri - tr. Ingentilire, educare a buoni costumi.

Ncivilutu - agg. Incivilito, ingentilito, educato.

Nclassi - loc. Dentro l'aula.

Nclassificabili - agg. Da non classificare.

Nclinari - tr. Piegare, torcere, fare angolo.

Nclinarisi - rifl. Piegarsi.

Nclinatina – s. f. Inclinatura, azione dell’inclinare.

Nclinazioni – s. f. Attitudine, tendenza, vocazione.

Ncluriri - tr. Aggiungere, annettere.

Nclurutu, nclusu - agg. Compreso, aggiunto.

Nclusioni – s. f. Annessione, il fare parte di qualcosa.

Ncocciacani – s. m. Accalappiacani.

Ncocciari - V. ncucciari.

Ncoddrari - V. ncuddrari.

Ncoddru - loc. Addosso, con sé, in groppa| Aviri N. – supportare.

Ncoffari - V. ncuffari.

Ncognitu - agg. Sconosciuto, non noto.

Ncollira - loc. In collera, arrabbiato.

Ncollirari - V. Ncullirari.

Ncolumi - agg. Sano e salvo.

Ncolonnari - V. Nculunnari.

Ncompletu - agg. Che manca di qualcosa.

Ncomuni - loc. Che appartiene a più persone.

Ncomunicazioni - loc. In buoni rapporti, in corrispondenza.

Ncontrari - V. Ncuntrari.

Ncontru – s. m. Incontro, occasione.

Ncoppari - V. Ncuppari.

Ncornari - V. ncurnari.

Ncoronari - V. Ncurunari.

Ncorpu - loc. In corpo.

Ncorsu - loc. In corso.

Ncoru - loc. In coro, a più voci.

Ncostanti - agg. Non costante.

Ncostruzioni - loc. Che si sta costruendo.

Ncotu - agg. Non raccolto, vicino.

Ncravattamentu – s. m. L’atto del mettere la cravatta.

Ncravattarisi - rifl. Mettersi la cravatta.

Ncravattatina – s. f. Atto ed effetto d'incravattare.

Ncrementari - V. ncrimintari.

Ncreritu - loc. In credito, in attivo.

Ncretiniri - V. ncritiniri.

Ncridulità – s. f. Sospetto, diffidenza.

Ncrimari - tr. Spalmare di crema.

Ncrimarisi - rifl. Spalmarsi la crema, darsi il belletto.

Ncrimentari - V. Ncrimintari.

Ncriminabili - agg. Da, che si può incriminare.

Ncriminari - tr. Accusare, incolpare di crimine.

Ncriminatina – s. f. Atto ed effetto dell'incriminare.

Ncriminatu - agg. Accusato, incolpato di crimine.

Ncrimintari - tr. Aumentare, accrescere.

Ncrinarisi – rifl. Piegarsi, cedere al peso.

Ncrinatu – agg. Inclinato, piegato.

Ncriribili - agg. Non credibile, inaudito.

Ncriscennu – agg. Destinato a crescere, aumentare.

Ncrisi - loc. Che ha perso sicurezza dei propri mezzi.

Ncritamentu – s. m. Il cospargere, il rivestire di creta.

Ncritari - tr. Coprire, sigillare con creta.

Ncritatina – s. f. Atto ed effetto del sigillare.

Ncritatu - agg. Sigillato, coperto, sporco di creta.

Ncritaturi – s. m. Chi copre o lavora con la creta.

Ncriticabili – agg. Da non potere criticare.

Ncritiniri - intr. Divenire cretino, non capire niente.

Ncritinutu - agg. Sbalordito, meravigliato, allibito.

Ncritusu – Agg. Che contiene argilla.

Ncrivari - tr. Formare, costruire crivelli.

Ncrociari - V. Ncruciari.

Ncrostari - V. Ncrustari.

Ncrostazioni – s. f. Crosta delle ferite, sostanza sedimentata e asciutta, patina di metalli per ossidazione.

Ncrucennuci - loc. A forma di croce.

Ncruci - loc. In croce.

Ncruciamentu – s. m. Incrocio.

Ncruciari - tr. Attraversare, incontrare.

Ncruciarisi - rifl. Scontrarsi, disporsi a forma di croce, accoppiarsi delle bestie.

Ncruciatu - agg. Disposto a croce, a griglia, a graticcio.

Ncruciatura – s. f. Punto d'incrocio.

Ncruciaturi – s. m. Chi sistema a croce, a griglia |Nave da guerra corazzata.

Ncruciusu – Agg. A croce.

Ncruru - loc. In crudo.

Ncrustamentu – s. m. Essiccazione, sedimento.

Ncrustari – tr. Rinsecchire, mettere la patina.

Ncrustarisi - rifl. Essiccarsi, rinsecchirsi.

Ncrustatazzu - agg. Molto incrostato.

Ncrustateddru - agg. Leggermente incrostato.

Ncrustatina, ncrustatura – s. f. Atto ed effetto dell'incrostarsi.

Ncrustatu - agg. Essiccato, rinsecchito.

Ncrustazioni – s. f. La crosta che si forma sulle ferite, sui metalli per ossidazione, nelle botti per sedimentazione.

Ncucchiamentu – s. m. Unione, legame, accumulo.

Ncucchiari - tr. Accumulare, incollare, unire insieme, ricostruire, ricomporre, collegare.

Ncucchiarisi - rifl. Congiungersi, unirsi, formare un unico corpo.

Ncucchiatina - sf. Atto ed effetto dell'unire, legatura.

Ncucchiatu - agg. Accumulato, unito, risparmiato.

Ncucchiatura – s. f. La legatura e la cosa legata.

Ncucciabili - agg. Che si può agganciare.

Ncucciamentu – s. m. Aggancio.

Ncucciari - tr. Agganciare.

Ncucciarisi - rifl. Unirsi, congiungersi.

Ncucciatina – s. f. Atto ed effetto dell'agganciare.

Ncucciatu - agg. Agganciato.

Ncucciatura – s. f. Aggancio.

Ncucina – loc. In cucina.

Ncucucciari – tr. Riempire al massimo, dare il colmo a un recipiente.

Ncucucciatu – agg. Colmo, molto pieno.

Ncuddrabili - agg. Che si può, da incollare.

Ncuddramentu – s. m. Incollamento.

Ncuddrari - tr. Attaccare con colla, incollare.

Ncuddrateddra, ncuntrateddru  – s. f. Leggera incollata.

Ncuddratina – s. f. Atto ed effetto dell'incollare.

Ncuddratu - agg. Incollato, attaccato con la colla.

Ncuddratura – s. f. Punto in cui il pezzo è incollato.

Ncuddrusu - agg.  Appiccicoso, colloso, appiccicaticcio.

Ncuetari - V. ncuitari.

Ncuffari - tr. Riempire ceste |V. Coffa.

Ncuffatina – s. f. L’atto di riempire ceste.

Ncugnabili - agg. Accostabile, che si può accostare, avvicinare.

Ncugnamentu – s. m. Avvicinamento, accostamento di cose o persone.

Ncugnari - tr. Accostare, avvicinare, spostare a convenienza| N. na cosa - accostare.

Ncugnarisi - rifl. Avvicinarsi, accostarsi a qualcuno, a qualcosa| Ncugniti se hai friddu – Accostati se hai freddo.

Ncugnata – s. f. Accostamento, avvicinamento.

Ncugnateddru - agg. Poco accostato.

Ncugnatina – s. f. Atto ed effetto dell'accostare.

Ncugnatizzu - agg. Molto accostato.

Ncugnatu - agg. Accostato, avvicinato| Essiri N. – avvicinato, accostato.

Ncugnatura – s. f. Accostamento, avvicinamento.

Ncuitamentu – s. m. Molestia, disturbo.

Ncuitari - tr. Infastidire, molestare , disturbare .

Nculabili - agg. Che si lascia prendere in giro.

Nculacchiarisi - rifl. Sedersi per non rialzarsi.

Nculacchiatu - agg. Seduto, che non ha voglia di alzarsi.

Nculari - intr. Prendere in giro, infinocchiare, mettere a sedere, sodomizzare, acculare, fare indietreggiare bestia da tiro.

Ncularisi - rifl. Sedersi, andare contro se stesso.

Nculateddru - agg. Preso in giro, raggirato.

Nculatina – s. f. Presa in giro.

Nculatu – agg. Raggirato, sodomizzato.

Nculatura – s. f. Fregatura, presa in giro.

Ncullirabili - agg. Facile alla collera.

Nculliramentu – s. m. Collera, rabbia.

Ncullirari - tr. Indurre alla collera, alla rabbia.

Ncullirarisi - rifl. Adirarsi, arrabbiarsi.

Ncullirateddru - agg. Leggermente in collera.

Nculliratina – s. f. Atto ed effetto dell'incollerire.

Nculliratu - agg. Arrabbiato, risentito.

Nculliriri - V. ncullirari.

Ncullirusu - agg. Irascibile, collerico.

Ncullirutu - agg. In collera.

Ncullucabili – agg. Da non potersi collocare.

Ncullucatu – agg. Non collocato, che non ha trovato sistemazione.

Nculu - loc. Nel sedere, di dietro.

Nculunnabili - agg. Da disporre in colonna.

Nculunnamentu – s. m. L'incolonnare.

Nculunnari - tr. Disporre in colonna, una cosa sotto l’altra.

Nculunnatu - agg. Incolonnato, disposto in colonna.

Nculunnatura – s. f. L'incolonnare e l'effetto.

Nculuriri - tr. Dare colore| Prendere colore.

Nculurutu - agg. Riportato al primitivo colore.

Ncuminciari - tr. Dare inizio, avviare le operazioni.

Ncumirari - tr. Incomodare, disturbare.

Ncumirarisi - rif. Scomodarsi.

Ncumiratu - agg. Scomodato, disturbato.

Ncummarari, ncummararisi – intr. Imparentarsi, divenire comari per mezzo di battesimo, cresima.

Ncummentu - loc. In convento.

Ncummincibili – agg. Di persona, che non si riesce a convincere.

Ncumpagni - loc. In società.

Ncumpagnia - loc. In compagnia.

Ncumparari, ncumpararisi – tr. Imparentarsi, divenire compari per mezzo di battesimi, cresime.

Ncumpitenti – agg. Incompetente.

Ncumprinsibili – agg. Che non si riesce a capire.

Ncumprinsivu – agg. Incomprensivo.

Ncumulabili – agg. Da non potersi accumulare.

Ncumunanza – loc. Che non appartiene a una sola persona.

Ncumuni - loc. In comune, che appartiene anche ad altri.  

Ncumunicabili - agg. Che non comunica con altro.

Ncumunicanti - agg. Che non ha comunicazione.

Ncumunicari - tr. Non comunicare.

Ncuncipibili - agg. Che non si può concepire.

Ncunclurenti - agg. Inconcludente.

Ncunclurenza – s. f. Inconcludenza.

Ncuncluribili – agg. Che resta aperto.

Ncunclusioni – loc. In conclusione, alla resa dei conti.

Ncunclusu – agg. Non concluso.

Ncuncretu loc. In concreto.

Ncundizioni - loc. In condizione.

Ncunfirenza – loc. In confidenza.

Ncunfissioni – loc. In confessione.

Ncunfunnibili – agg. Che non si può, da non confondere.

Ncunia – s. f. Strumento su cui si batte il ferro, incudine.

Ncuniari – tr. Infilare, introdurre cuneo da servirsene come leva.

Ncuniarisi – rifl. Infilarsi in strettoia, dove c’è poco spazio.

Ncunigghiarisi - rifl. Piegare le ginocchia, come i conigli, per trasporto di carico.

Ncunigghiatu – agg. Che poggia sulle ginocchia.

Ncunnucibili – agg. Da non potersi o doversi condurre.

Ncunsapevuli - agg. Non consapevole, all’oscuro di tutto.

Ncunsapivulizza – s. f. Mancanza di consapevolezza.

Ncunsidiratu, ncusiriratu – agg. Non tenuto in considerazione.

Ncunsistenza – s. f. L'essere inconsistente.

Ncuntintabili – agg. Non soddisfatto.

Ncuntinuazioni – loc. In continuazione.

Ncuntrabili - agg. Che si può incontrare.

Ncuntrari – tr. Trovare sul proprio cammino.

Ncuntrariari - tr. Avversare, contrariare, disapprovare.

Ncuntrariarisi – rifl. Contrastarsi, avversarsi, scendere in competizione.

Ncuntrariatu - agg. Contrariato, avversato.

Ncuntrarisi - rifl. Incontrarsi, scontrarsi| N. senza vulillu - incontrarsi per caso.

Ncuntrariu - loc. All'opposto.

Ncuntrastabili - agg. Che non si può contrastare.

Ncuntrastu - loc. A diverbio.

Ncuntrata, ncuntratina – s. f. Incontro| scontro, urto, impatto.

Ncuntratura – s. f. Punto in cui avviene l'incontro, lo scontro| urto, impatto.

Ncuntrullabili - agg. Che non si può, non si riesce a controllare.

Ncuntrullatu - agg. Non controllato.

Ncuntu - loc. In conto| Mettiri N. - addebitare.

Ncunurtatu – agg. Che non è stato fatto segno di alcun riguardo, di attenzione.

Ncunzabili – agg. Che non si può aggiustare, inservibile.

Ncupecchiari, ncupicchiari – tr. V. ncoperchiari, ncupirchiari.

Ncuperchiari - V. Ncupirchiari.

Ncuperta, ncuverta – s. f. In coperta, sulla nave.

Ncupicchiabili, ncupirchiabili - agg. Che si può chiudere, coprire.

Ncupicchiamentu, ncupirchiamentu – s. m. Il coprire.

Ncupicchiari, ncupirchiari - tr. Mettere il coperchio.

Ncupicchiateddru, ncupirchiateddru - agg. Leggermente o parzialmente coperto.

Ncupicchiatina, ncupirchiatina – s. f. Atto del coprire.

Ncupicchiatura, ncupirchiatura – s. f. Copertura, coperchio.

Ncupicchiaturi, ncupirchiaturi – s. m. Chi copre i recipienti.

Ncupirtari - tr. Avvolgere in coperta, coprire con coperchio.

Ncupirtarisi - rifl. Coprirsi, avvolgersi nella coperta.

Ncupirtatu - agg. Coperto, avvolto nella coperta.

Ncuppari - tr. Confezionare in cartone, accartocciare.

Ncuppatazzu - agg. Molto bene inscatolato, avvolto in cartone.

Ncuppateddru - agg. Leggermente inscatolato, avvolto in cartone.

Ncuppatina, ncuppatura – s. f. Inscatolamento.

Ncuppatu – agg. Avvoltolato.

Ncuppaturi - s. m. Chi è addetto alla confezione in cartone.

Ncuppinari - tr. Riempire i piatti di minestra col mestolo.

Ncuppulamentu – s. m. Il dare un tetto alle cose.

Ncuppulari - tr. Dare copertura alle cose, mettere un tappo ai recipienti.

Ncuppulateddru – agg. Che ha leggera copertura.

Ncuppulatina – s. f. L'atto del rendere coperto.

Ncuppulatizzu - agg. Molto bene coperto.

Ncupunabili - agg. Che si può interamente coprire.

Ncupunamentu – s. m. Involucro.

Ncupunari - tr. Avvolgere e coprire interamente, imbacuccare |V. Accupunari.

Ncupunarisi - rifl. Avvolgersi e coprirsi interamente, imbacuccarsi.

Ncupunata, ncupunatina – s. f. Copertura intensa.

Ncupunateddru - agg. Poco coperto, imbacuccato.

Ncupunatu - agg. Coperto, avvolto, imbacuccato.

Ncupunatura – s. f. Il coprire e il coprirsi interamente.

Ncura - loc. In coda| in cura| Essiri N. - essere in cura, in coda o alla fine della fila.

Ncurabili - agg. Incurabile, che non può guarire.

Ncurabilità – s. f. Incurabilità.

Ncuraggiamentu – s. m. L'incoraggiare.

Ncuraggiari, ncuraggiri - intr. Incoraggiare, dare infondere coraggio, rincorare, confortare.

Ncuraggiarisi, ncuraggirisi - rifl. Prendere coraggio, rianimarsi, rincuorarsi.

Ncuraggiatu – agg. Incoraggiato, sostenuto, aiutato.

Ncuraggiutu – agg. Preso da coraggio, animato.

Ncuranti - agg. Non curante, negligente.

Ncuranza – s. f. Incuranza, negligenza.

Ncurduniari - tr. Attorcigliare, avvoltolare.

Ncuriusiri - tr. Mettere, destare curiosità.

Ncuriusirisi – rifl. Essere attratto da curiosità.

Ncuriusutu – agg. Preso da curiosità.

Ncurnari – tr. Incornare, dare di corna.

Ncurnata – s. f. Incornata.

Ncurnatazzu - agg. Che è stato ripetutamente scornato| troppo discolo, irrequieto.

Ncurnateddru - agg. Poco scornato| con  corna| discolo, irrequieto.

Ncurnatina – s. f. Atto dell'incornare.

Ncurnatizzu - agg. Ripetutamente incornato| che ha corna| troppo discolo, irrequieto.

Ncurnatu - agg. Che ha le corna.

Ncurniciamentu – s. m. L'incorniciare.

Ncurniciari - tr. Mettere in cornice.

Ncurniciatazzu - agg. Molto bene incorniciato.

Ncurniciateddru - agg. Modestamente incorniciato.

Ncurniciatina, ncurniciatura – s. f. Atto d'incorniciare.

Ncurniciatizzu - agg. Molto bene incorniciato.

Ncurniciatu - agg. Incorniciato, messo in cornice.

Ncurniciaturi – s. m. Chi o che incornicia.

Ncurpa – loc. In colpa.

Ncurpabili - agg. Da incolpare, da accusare.

Ncurpamentu – s. m. Colpa, accusa.

Ncurpari - tr. Accusare.

Ncurpateddru - agg. Poco accusato, incolpato.

Ncurpatina – s. f. Atto dell'incolpare, dell'accusare.

Ncurpatu – agg. Incolpato, accusato, sospettato.

Ncurpaturi – s. m. Accusatore, chi incolpa gli altri.

Ncurpevuli - agg. Che non ha colpa.

Ncurpivulizza – s. f. Mancanza di colpa.

Ncurpuramentu – s. m. Inglobamento.

Ncurpurari - tr. Fondere, annettere.

Ncurrennu - loc. Alla svelta, di corsa.

Ncurriggibili - agg. Che non si può correggere.

Ncurriggibilità – s. f. L'essere incorreggibile.

Ncurrispunnenza – loc. In corrispondenza.

Ncurrispunnibili – agg. Che non corrisponde, non combacia con l’altro.

Ncursa – loc. In corsa.

Ncurtigghiu - loc. In cortile.

Ncurunari – tr. Incoronare, insignire di corona.

Ncurunatu – agg. Munito di corona.

Ncurva - loc. In curva.

Ncurvari - tr. Curvare, piegare ad arco.

Ncurvarisi - rifl. Incurvarsi, piegarsi.

Ncurvateddru - agg. Poco curvato, piegato.

Ncurvatina, ncurvatura  – s. f. Il curvare, il piegare, l'atto e l'effetto, il punto in cui inizia la curva, la piega.

Ncuscenti - agg. Che non ha coscienza, irresponsabile.

Ncuscenza – s. f. Incoscienza, irresponsabilità| loc. Secondo coscienza.

Ncusciamentu - sm. Accosciamento, l'accostare.

Ncusciari - tr. Piangere con convulsione.

Ncusciatina – s. f. Atto ed effetto dello spasmo.

Ncusciatu - agg. Spasmodico.

Ncustanti - agg. Incostante, mutabile.

Ncustantimenti - avv. Con saltuarietà.

Ncustanza – s. f. Incostanza, mutabilità, mutevolezza.

Ncustoria - loc. In custodia, sotto sorveglianza.

Ncusturari - tr. Chiudere nelle estremità.

Ncusturatu - agg. Rimarginato, cucito, chiuso.

Ncuttiri – tr. Infittire, accostare elementi tra loro.

Ncuttu - agg. Accanto, vicino, noioso, insistente.

Ncuttumari – tr.  Ammassare, non esprimere esteriormente, tener tutto dentro, accumulare.

Ncuttumatu – agg. Arrabbiato, tormentato, infuriato, avere tanta rabbia dentro e non poterla esprimere.

Ncuttura - loc. Che sta cuocendo.

Ncuttutazzu, ncuttutizzu - agg. Molto adirato interiormente.

Ncuttuteddru - agg. Poco adirato interiormente.

Ncuttutina – s. f. L'atto dell'adirarsi interiormente.

Ncuttutu - agg. Adirato interiormente, che ha pianto tanto| Moriri N. – rodersi di rabbia.

Ndagari - intr. Indagare, investigare, cercare di scoprire.

Ndagatu – s. m. – agg. Chi o che è sottoposto a controllo.

Ndebitarisi - rifl. Caricarsi di debiti| v. ndibitarisi.

Ndebitu - loc. In debito.

Ndecenti - agg. Contrario al doveroso rispetto della propria o dell'altrui persona, di abito, di discorso, inaccettabile, scandaloso.

Ndecentimenti – avv. In maniera impresentabile.

Ndecenza – s. f. Azione contraria all'onestà.

Ndecisioni – s. f. L'essere indeciso, dubbio.

Ndecisu - agg. Indeciso, incerto, dubbioso.

Ndecurusu – agg. Ignobile, volgare.

Ndefinibili - agg. Che non si può definire, spiegare.

Ndegnamenti - avv. Senza dignità.

Ndegnu - agg. Non degno, immeritevole.

Ndemuniatu – agg. Indemoniato.

Ndenni - agg. Indenne, illeso.

Ndeterminatu - agg. Incerto, non definito.

Ndetermini – loc. Ultimatum.

Ndibitarisi - rifl. Caricarsi di debiti.

Ndibitatu – agg. Indebitato, che ha debiti.

Ndibuliri – tr. Rendere fiacco.

Ndibulirisi – rifl. Divenire fiacco, privo di forze.

Ndibulutu – agg. Infiacchito, privo di forze.

Ndicari – tr. Indicare, fare segno, mostrare.

Ndicatu – agg. Mostrato, segnato a dito.

Ndicaturi – s. m. - agg. Segnale, chi o che indica.

Ndicazioni – s. f. Cenno o segno che indica, operazione non risolta.

Ndicenti - agg. V. Ndecenti.

Ndicisioni – s. f. V. Ndecisioni.

Ndifesa - loc. Sulla difensiva.

Ndifettu – loc. In difetto.

Ndiffirenti - agg. Che non trova soluzione.

Ndiffirenza – s. f. Stato apatico dell'animo.

Ndifinnibili - agg. Da non potersi difendere.

Ndifinnutu - agg. Non difeso.

Ndigistioni – s. f. Difficoltà di digerire i cibi.

Ndignarisi - rifl. Provare sdegno, indignazione.

Ndignatu - agg. Risentito nell'animo.

Ndignazioni – s. f. Risentimento dell'animo per azione riprovevole.

Ndilindilò – s. m. Suono della campanella di andata e ritorno |di soggetto molto alto e sconclusionato.

Ndirettamenti - avv. In modo indiretto, senza volerlo.

Ndirizzari - tr. Mettere per la diretta via, inviare all'indirizzo voluto.

Ndirizzu – s. m. Avvio, direzione, recapito.

Ndisparti – loc. A se stante.

Ndispinsabili - agg. Ciò di cui non si può fare a meno, necessario.

Ndispittiri - tr. Indisporre.

Ndisposizioni - sf. Leggero malessere.

Ndispostu - agg. Che ha leggero malessere.

Ndisprizzabili - agg. Che non è da disprezzare.

Ndispunenti – agg. Che indispone.

Ndissolubili, ndissulubili - agg. Che non si scioglie.

Ndistinguibili - agg. Che non si può distinguere.

Ndistruggibili, ndistruibili, ndistruribili, ndistruttibili - agg. Che non si può distruggere.

Ndisusu - loc. Non più in uso.

Ndividibili, ndivisibili – agg. Che non si può dividere.

Ndivisa - loc. In divisa.

Ndomabili - agg. Che non si lascia domare, sottomettere, sopraffare.

Ndossu - loc. Addosso, con sé| in dosso.

Ndoti - loc. Come corredo.

Ndottrinari - V. nduttrinari.

Ndottu - agg. Spinto, indotto.

Ndovinari - V. nduvinari.

Ndovinellu – s. m. Detto di significato oscuro.

Ndubbiu - loc. In dubbio.

Nduciri - tr. Addolcire| v. nnuciri.

Ndui - loc. In due| V. Nnui.

Ndulamentu – s. m. Ondulamento.

Ndulari - tr. Ondulare, arricciare.

Ndulatu - agg. Increspato, arricciato.

Ndulatura – s. f. L'atto dell'ondulare.

Ndulurutu - agg. Che dà sensazione di dolore.

Ndumabili - agg. Che non si lascia domare.

Ndumari – tr. Indomare, non addomesticare.

Ndurari – tr. Rosolare, dorare.

Ndurgenti - agg. Mite, clemente, tollerante.

Ndurgenza – s. f. Tolleranza, clemenza.

Ndurimentu – s. m. Stato dell'indurire.

Nduriri - tr. Fare duro| Divenire, farsi duro V. Nnuriri.

Ndussamentu – s. m. L’indossare e il modo.

Ndustriusu - agg. Che si applica per la risoluzione dei problemi.

Ndutazioni - loc. In dotazione, in dote.

Nduttrinamentu – s. m. L’indottrinare e l’essere indottrinato.

Nduttrinari – tr. Indottrinare, istruire.

Nduttu - agg. Indirizzato nel modo e nel luogo voluto, spinto, costretto.

Nduvinari - V. Nsirtari.

Torna all’Indice