Crea sito

HOME

RICETTE

I PESCI

FOTO

RADICI

ESPERIENZE

CONTATTI

LINK

 

Cu mancia fa muddrichi

 

Lettera M – Parti secunna da Mis a Muz

 

Misa – s. f. Posta in palio, puntata, azione dell’indossare.

Misata – s. f. Paga, intervallo di un mese.

Misazzu – s. m. Gran brutto mese.

Miscabili - agg. Contagioso, infetto, che si può mescolare.

Miscamentu – s. m. Intrusione, mescolanza, contagio, infezione.

Miscari - V. Mmiscari.

Miscata – s. f. Il mescolare cose diverse, intrusione in fatti che non riguardano | Miscuglio.

Miscatazza – s. f. Abbondante mescolata, entrato in causa in prima persona.

Miscateddra – s. f. Leggera mescolata.

Miscateddru - agg. Poco mescolato, contagiato.

Miscatina – s. f. Intrusione, intervento non richiesto e inopportuno, l'atto del mescolare, contagio.

Miscatu - agg. Contagiato.

Miscatura – s. f. Mescolanza, miscuglio, contagio.

Miscaturi - agg. – s. m. Intrigante | Chi o che mescola, contagia.

Mischinaria – s. f. Vigliaccheria, bassezza morale.

Mischinata – s. f. Azione da meschino, bassezza.

Mischinazzu - agg. Poveraccio, detto a persone cui ne succedono di tutti i colori.

Mischineddru - agg. Poverino, detto a persona che soffre.

Mischinità – s. f. Taccagneria, bassezza d'animo.

Mischinu - agg. Poveretto, meschino, di poco peso, misero di spirito, infelice | piccolo, poco cresciuto.

Miscrirenti – s. m. - agg. Chi o che non crede per principio, ateo.

Miscugghiu – s. m. Mescolanza di elementi.

Misi – s. m. Dodicesima parte dell'anno| V.v. Ha messo, mise.

Misiceddru, misiddru – s. m. Mese vantaggioso, favorevole.

Misiriari - tr. Stillare ogni sorta di risparmio, attaccarsi alla miseria, fare il taccagno.

Misirizza – s. f. Grande miseria.

Missaloru – s. m. Assiduo frequentatore di chiesa cui piace assistere spesso alla messa.

Misteri – s. m. Occupazione relativa alla specialità di ciascun lavoratore.

Misteriu, misteru – s. m. Fatto arcano, sconosciuto, incomprensibile dalla mente umana.

Mistiranti, mistirianti – s. m. Chi esercita un mestiere| agg. Impostore, buffone, che recita per farsene una ragione.

Mistiriazzu – s. m. Gran brutto mestiere.

Mistirieddru – s. m. Mestiere leggero e discretamente remunerato.

Mistiriusu - agg. Non chiaro, fortuito.

Mistura – s. f. Mescolanza di dosi diverse da formare un composto.

Misu - agg. Situato, collocato.

Misuni – s. m. Lungo o insopportabile mese.

Misurateddra – s. f. Controllo superficiale, approssimativo.

Misurateddru - agg. Misurato alla peggio.

Misuratina – s. f. L'atto del misurare.

Misuratu - agg. Misurato, verificato, controllato| Essiri M. - essere imparziale.

Misuraturi – s. m. - agg. Chi o che controlla.

Misurazza – s. f. Grande o brutta unità di misura.

Misureddra – s. f. Piccola unità di misura.

Misurinu – s. m. Piccola unità di misura convenzionale.

Misuzzu – s. m. Mese vantaggioso, propizio.

Mità, mitani – s. f. Una delle due parti uguali che unite danno il tutto.

Mitallu – s. m. Sostanza minerale semplice, lucente, dilatabile, conduttore di calore e di elettricità.

Mitibili – agg. Che è in condizione di essere mietuto.

Miticulusu - agg. Scrupoloso.

Mititaria – s. f. Sistema di colonia secondo la quale chi coltiva il fondo divide i prodotti col padrone del fondo, mezzadria.

Mititeri – s. m. Conduttore di un fondo di proprietà d’altri con cui divide a metà i prodotti o secondo condizioni di entrambi.

Mitituri – s. m.  Mietitore.

Mitraggheri – s. m. Soldato addetto alla mitragliatrice.

Mitragghetta – s. f. Piccola mitraglia.

Mitragghia – s. f. Arma con cui è possibile colpire più bersagli da certa distanza.

Mitragghiamentu – s. m. Il mitragliare.

Mitragghiari - tr. Colpire con scariche di mitragliatrice

Mitragghiata – s. f. Raffica di mitraglia.

Mitraggiu – s. m. Misurazione e vendita a metro.

Mitrazzu – s. m. Brutto metro.

Mittemu - loc. Se, per ipotesi, supponiamo| v. v. mettiamo.

Mittemula – loc. Mettiamola, posiamola.

Mittemunillu – loc. Indossiamolo.

Mittemuni – loc. Mettiamoci, indossiamo.

Mittemulu – loc. Mettiamolo, adagiamolo, posiamolo.

Mittutu, misu – Messo, situato, posto.

Mituta – s. f. Il modo di mietere.

Miu – pr. Che appartiene a me.

Mizzanu - agg. Di mezzo, medio.

Mizzica - escl. Puerile per dire - può essere? - per bacco| Usano dirlo anche gli ipocriti per non dire minchia.

Mmacanti - loc. A vuoto, in fallo.

Mmacanza - loc. In vacanza.

Mmacasinatu – agg. Conservato in magazzino.

Mmaccata – s. f. Il pestare, il percuotere.

Mmaccatazza – s. f. Gran brutto colpo, grande percorsa.

Mmaccateddra – s. f. Leggera contusione, piccola ammaccatura.

Mmaccateddru - agg. Poco contuso, ammaccato.

Mmaccatina – s. f. Atto del battere| Contusione| Livido.

Mmaccatu - agg. Pestato, contuso, battuto.

Mmaccatura – s. f. Contusione, punto di impatto, livido.

Mmaccuni – s. m. Contusione, botta, livido, pestaggio.

Mmaculatu - agg. Immacolato, puro, integro, incontaminato.

Mmagghiabili – agg. Che si può ammagliare.

Mmagghiamentu – s. m. L’ammagliare e l’effetto.

Mmagghiari – tr. Ammagliare, rappezzare reti e simili.

Mmagghiatina – s. f. L’ammagliare e l’effetto.

Mmaginabili – agg. Da potersi immaginare.

Mmaginari – tr. Pensare, riflettere.

Mmaginazioni – s. f. Modo di riflettere, supposizione.

Mmainabili - agg. Che si può ammainare.

Mmainamentu – s. m. L'operazione di abbassare la bandiera.

Mmainari - tr. Abbassare la bandiera.

Mmaistrabili - agg. Che si può ammaestrare, addomesticare, educare.

Mmaistramentu – s. m. Insieme di pratiche al fine di educare, ammaestrare, addomesticare.

Mmaistrari - tr. Addomesticare, ammansire, educare.

Mmalidicenti, mmaliricenti – agg. e s. m. Chi o che dice male degli altri| Cattivo, perverso.

Mmalidicenza, mmaliricenza – s. f. Cattiveria umana.

Mmalidiciri, mmalidiri, mmaliriciri, mmaliriri - intr. Augurare male.

Mmalincunirisi – Rifl. Intristirsi.

Mmalincunutu – Agg. Triste, intristito.

Mmalirittamenti – avv. In modo malevolo, perverso.

Mmalirittu – agg. Invaso dasl demonio.

Mmalirizioni – s. f. Augurio al male.

Mmammaluccutu – agg. Intontito, apatico, impacciato.

Mmammalucchiri – intr. Perdere energia, infiacchirsi, imbambolarsi.

Mmammaluccu – Agg. Lento, apatico, svogliato.

Mmancanza – loc. In assenza.

Mmanetti – loc. In manette.

Mmanu - loc. In mano, manualmente.

Mmarazzami – s. f. Quantità di roba che provoca confusione, disordine.

Mmarazzari – tr. Intasare, ingombrare, occupare spazio con materiale inservibile, creare disordine.

Mmarazzarisi – rifl. Intasarsi, occuparsi di roba varia, di materiale quasi inservibile.

Mmarazzatu – agg. Occupato, ingombrato, intasato.

Mmarazzi – s. m. Masserizie, insieme d’oggetti riposti perché inservibili al momento e quindi d’impedimento, ingombro, disordine | Livari li marazzi di lu  mezzu – mettere ordine.

Mmarazzu – s. f. Qualcosa  che imbarazza, che mette a disagio, imbarazzo.  

Mmarazzusu – agg. Ingombrante.

Mmarcabili - agg. Che è da imbarcare.

Mmarcamentu – s. m. Imbarcamento, l'imbarcare.

Mmarcari - tr. Mettere, caricare nella barca, nella nave, imbarcare.

Mmarcarisi - rifl. Salire su una barca o nave, partecipare a un affare o ad un avvenimento rischioso, imbarcarsi.

Mmarcatina – s. f. L'atto e l'effetto dell'imbarcare.

Mmarcatu – agg. Che si trova sulla nave, imbarcato.

Mmarcu – s. m. L'imbarcare, scalo, punto d'imbarco, trasferimento di cose e persone nella barca, nella nave.

Mmargiarisi - rifl. Immergersi, sprofondare nel fango, impantanarsi.

Mmarrilari – tr. Travasare vino nei barili.

Mmarunabili – agg. Di pavimento, da ammattonare.

Mmarunatina – s. f. Pavimentazione.

Mmarunatu - agg. Ammattonato, pavimentato| sm. Pavimento, quantità di superficie ammattonata.

Mmarunaturi - sm. Muratore addetto alla pavimentazione.

Mmasabili - agg. Da accostare.

Mmasamentu – s. m. L'accostare una cosa all'altra.

Mmasari - tr. Accostare, avvicinare una cosa sin quasi a toccare l'altra, spaventare.

Mmasatazza – s. f. Notevole accostamento, grande spavento.

Mmasateddra – s. f. Leggero accostamento, piccolo spavento.

Mmasateddru - agg. Poco accostato, spaventato.

Mmasatina – s. f. Accostamento, spavento.

Mmasatu - agg. Accostato, avvicinato, spaventato.

Mmasaturi – s. m. Chi accosta, avvicina una cosa a un'altra, chi procura spavento.

Mmassabili - agg. Che si può ammassare, accumulare in un punto.

Mmassamentu – s. m. Accumulo, ammasso.

Mmassari - tr. Accostare cose ad altre, accumulare, accatastare.

Mmassarisi – rifl. Restringersi, accostarsi uno all’altro.

Mmassateddru - agg. Poco ammassato, accatastato.

Mmassatina – s. f. Accumulo, ammasso di cose, atto dell'ammassare.

Mmassatu - agg. Accatastato, accumulato.

Mmassaturi – s. m. Chi ammassa, accatasta cose.

Mmastardiri – intr. Imbastardire, perdere le caratteristiche primordiali.

Mmastardirisi – Rifl. Imbastardirsi, perdere originalità.

Mmastardutu – agg. Che ha geni diversi rispetto alla norma.

Mmastrabili - agg. Che si plagia, addomestica.

Mmastrari - tr. Rendere domestico, ammansire, plagiare.

Mmastrateddru - agg. Poco ammaestrato, addomesticato.

Mmastratina – s. f. Addestramento.

Mmataffari – intr. Infeltrire, perdere sofficità.

Mmataffatu – agg. Infeltrito, privo di sofficità.

Mmataffusu – agg. Che ha proprietà d’infeltrire.

Mmatassari – tr. Trasformare il filo in matasse.

Mmatassatu – agg. Di filo, trasformato in matasse.

Mmatassusu – agg. Che si può raccogliere in matasse.

Mmazzettari, mmazzittari - tr. Legare in fascine.

Mmazzittatina – s. f. Legatura di mazzi di fiori, di verdura.

Mmazzittatu - agg. Raccolto e legato in mazzo.

Mmazzittaturi – s. m. Chi o che ricava mazzi da fiori o verdure.

Mmazzunamentu – s. m. L'atto di formare grosse fascine.

Mmazzunari - tr. Ammonticchiare in grossi mazzi, in fascine.

Mmazzunatu - agg. Raccolto e legato in grosse fascine.

Mmazzunatura – s. f. Atto di trasformare in mazzi.

Mmazzunaturi – s. m. Chi raccoglie e lega in grossi mazzi, in fascine.

Mmeci - avv. In luogo di, al contrario, anziché.

Mmernu – s. m. La stagione più fredda dell’anno, inverno.

Mmestiri - tr. Urtare| investire del denaro per ottenerne guadagno.

Mmia – pr.  A me.

Mmiacamentu – s. m. L'ubriacare e l'ubriacarsi.

Mmiacari - intr. Dare da bere alcolici ad una persona sino a farla ubriacare.

Mmiacarisi - rifl. Divenire ubriaco, raggiungere uno stato d’ebbrezza, d'incoscienza.

Mmiacatazzu - agg. Troppo ubriaco.

Mmiacateddru - agg. Poco ubriaco.

Mmiacatina – s. f. L'atto d'ubriacare e d’ubriacarsi.

Mmiacatizzu – agg. Troppo ubriaco.

Mmmiacatura – s. f. Il vizio d'ubriacarsi, stato di chi è ubriaco.

Mmiacu - agg. Bevitore di sostanze alcoliche, alcolizzato | essiri M. comu na signa - essere ubriaco fradicio.

Mmiacunazzu - agg. Alcolizzato, che ha bevuto tanto vino.

Mmiacuneddru - agg. Di persona  resa gioiosa dal vino.

Mmiacuni – s. m. Chi ha il vizio di ubriacarsi.

Mmiacuzzu - agg. Di giovane, cui piace il vino, poco ubriaco.

Mmicchiabili – agg. Che è destinato a invecchiare.

Mmicchiamentu – s. m. L’invecchiare.

Mmicchiari – intr. Divenire vecchio.

Mmicchiatu – agg. Non più giovane, invecchiato.

Mmicchiri – intr. Divenire vecchio, invecchiare.

Mmicchiutu – agg. Invecchiato, più vecchio di quel che sembri.

Mmiddranatu – agg. Contadinesco, campagnolo, grossolano, zotico| che non è elegante, delicato.

Mmidesimarisi, mmidisimarisi - rifl. Mettersi nei panni di un altro, condividere, capire.

Mmidiatamenti – avv. All’improvviso, subito.

Mmidiatu – agg. Improvviso, repentino.

Mmilinamentu – s. m. Avvelenamento.

Mmilinari – intr. Assassinare con sostanza velenosa.

Mmilinarisi – rifl. Avvelenarsi, suicidarsi.

Mmilinatu – agg. Che ha ingurgitato sostanze venefiche| che non cessa mai di odiare.

Mmilinaturi – s. m. Chi dà a bere sostanze venefiche, avvelena il sangue altrui con discorsi ostili.

Mmiliniari – tr. Indurre a mangiare, usando un tono ricattatorio, aggressivo, violento| mangiare contro voglia.

Mmiliniarisi – rifl. Mangiare in senso spregiativo.

Mmilinusu – agg. Capace di emettere veleno, rancoroso, vendicativo.

Mminchiuliri – intr. Allibire, restare di stucco.

Mminchiulutu – agg. Allibito, sbigottito.

Mministrari – tr. Governare i beni pubblici, scodellare la minestra nei piatti.

Mmirabili – agg. Degno d’ammirazione.

Mmirari - tr. Sentire ammirazione, guardare con piacere, con interesse, con meraviglia.

Mmirazioni – s. f. Sentimento di cosa insolita, meravigliosa.

Mmirdicari – intr. Rinverdire, diventare verde per vergogna, tramutarsi in volto, rinascere a nuova vita,

Mmirdusu – agg. Di persona moralmente e materialmente disgustosa, ripugnante.

Mmiria – s. f. Voglia d’imitare altrui, invidia.

Mmiriari – intr. Fare quello che fanno gli altri per invidia.

Mmiriarisi – rifl. Provare invidia.

Mmiriatamenti - avv. Subito, con immediatezza, all'improvviso.

Mmiriatazzu – agg. Vittima di troppa invidia.

Mmiriatu - agg. Immediato,improvviso, repentino| invidiato.

Mmiriazza – s. f. Grande e brutta invidia.

Mmiriusu – agg. Che ha invidia, invidioso.

Mmiriuzza – s. f. Leggera invidia.

Mmirmari – intr. Fare il verme, avariarsi, putrefarsi di sostanze vegetali e animali.

Mmirmatu – agg. Col verme, avariato, guasto.

Mmirmusu – agg. Infestato da vermi.

Mmirnari – intr. Approssimarsi dell’inverno.

Mmirnatu – agg. Che ha trascorso l’inverno.

Mmisca – s. f. Indica un insieme di salumi, affettati.

Mmiscari – tr. Mescolare, comporre più elementi in uno.

Mmiscarisi – rifl. Intromettersi, prendere parte alla lite, entrare in causa| Confondersi, mescolarsi.

Mmiscata – s. f. Il mescolare cose diverse, intrusione in fatti che non ci riguardano| Miscuglio.

Mmiscatazza – s. f. Abbondante mescolata, entrato in causa in prima persona.

Mmiscatu – agg. Mescolato|loc. Prov. Essiri nuddru mmiscatu cu nenti – Non avere potere, voce in capitolo.

Mmiscateddra – s. f. Leggera mescolata.

Mmiscateddru - agg. Poco mescolato, contagiato.

Mmiscatina – s. f. Intrusione, intervento non richiesto e inopportuno, l'atto del mescolare, contagio.

Mmiscatura – s. f. Mescolanza, miscuglio, contagio.

Mmiscaturi - agg. – s. m. Intrigante| Chi o che mescola, contagia.

Mmistibili - agg. Che si può investire.

Mmistimentu – s. m. Scontro tra due mezzi  | investire denaro per ottenerne un utile.

Mmistitina – s. f. Investimento, scontro.

Mmistutu – agg. Investito.

Mmita – loc. In vita.

Mmitabili - agg. Che si può invitare, avvitare.

Mmitamentu – s. m. Avvitamento| invito.

Mmitari – intr. Invitare, gradire la presenza di qualcuno |Tr. Avvitare.

Mmitarisi – rifl. Dare la propria disponibilità.

Mmitatina – s. f. Invito.

Mmitata – s. f. Avvitamento.

Mmitatazza – s. f. L'avvitare fortemente.

Mmitatu – s. m. Persona gradita| agg. avvitato.

Mmitateddra – s. f. Leggero avvitamento.

Mmitateddru - agg. Poco avvitato.

Mmitatina – s. f. L'atto dell'avvitare, invito.

Mmitatu – s. m. Invitato| agg. Avvitato, invitato, ospite| aviri mmitati - avere ospiti.

Mmitaturi – s. m. Avvitatore, chi avvita, strumento con cui avviene l’avvitamento| chi invita.

Mmitu – s. m. Invito.

Mmivenza - loc. In vita.

Mmrazza - loc. In braccio.

Mmucca - loc. In bocca.

Mmuccatura – s. f. Bocca di un qualunque recipiente, imboccatura del porto.

Mmucciareddru – s. m. Nascondino, noto gioco dei bambini.

Mmudernamentu – s. m. Rinnovamento di cose vecchie.

Mmurdiarisi - intr. pronom.  Andarsene a dormire, mettersi a letto.

Mmutarisi – rifl. Cambiarsi specialmente  la biancheria intima.

Mobileri – s. m. Rivenditore di mobili.

Mobiluzzu – s. m. Piccolo mobile.

Moddrari - V. Muddrari.

Moddru - agg. Contrario di duro, debole, fiacco, molle, mogio, lento, abbattuto, avvilito, dimesso, soffice, morbido| A M. – in acqua.

Modu, moru – s. m. Sistema, mezzo| maniera.

Mogghi – s. f. La donna sposata, coniuge | V. muggheri.

Mola – s. f. Pietra circolare in uso nei granai e negli oleifici | per affilare lame, molare (dente).

Mollari - tr. V. mullari.

Molletta – s. f. s. f. Piccola molla, aggeggio per appendere i panni  |V. Mulletta.

Molu – s. m. Braccio di porto che si protende dalla terraferma verso lo specchio acqueo, la cui principale funzione è servire da ormeggio alle imbarcazioni e consentire la discesa sulla terraferma dei passeggeri e lo scarico delle merci al riparo del moto ondoso.

Moraru – s. m. Modulo, arnese per sagomare la rete.

Morbitizza – s. f. Sofficità.

Morbituliddru – agg. Poco morbido.

Morbitu - agg. Piacevole al tatto, soffice, contrario di duro, di ruvido| M. M. - morbidissimo.

Moribunnu – agg. Che sta per morire |anche Muribunnu.

Morroiti – s. m. Strutture vascolari dell'ano che diventano patologiche quando sono infiammate ed emettono sangue, emorroidi.

Mortarettu – s. m. Botto usato nelle feste paesane| v. mascuni.

Mortificarisi – rifl. Umiliarsi, arrossire di vergogna.

Mortiplicatu - agg. Aumentato di un numero di volte il moltiplicando.

Mortiplicaturi – s. m. Secondo termine della moltiplicazione.

Mortiplicazioni – s. f. Operazione aritmetica .

Mortoriu – s. m. Sinistro suono di campane che annuncia il funerale di una persona morta.

Moru - agg. Di pelle scura| s. m. modo, modalità| V. 3ª pers. s. di moriri = muoio.

Morvu – s. m. Muco, secrezione delle membrane nasali, materia viscosa della lumaca.

Moscardinu – s. m. Polpo bianco o muschiato con una fila di ventose | Dolce duro a base di zucchero e farina | V. Scardellina.

Mostrari – tr. V. mustrari

Motivazzu – s. m. Grande o brutto  motivo.

Motiveddru, mutivuzzu– s. m. Piccolo motivo.

Motivu – s. m. V. Mutivu.

Motivuni – s. m. Gran motivo.

Motu – s. m. Il trasferirsi di un corpo, movimento brusco |T’ava a veniri  un M. – Augurare una pena .

Movimentu – s. m. V. muvimentu.

Moviri – tr. Spostare di posto, muovere.

Movirisi – rifl. Agire, incamminarsi| Un ti moviri – stai fermo.

Mozzu – s. m. Ragazzo che, nelle navi, fa i più umili servizi | agg. reciso, tagliato | Asse che portano le ruote e supporta il peso del carro | agg. Reciso, tagliato, che ne è privo.

Mpaccari - tr. Confezionare pacchi, impaccare.

Mpaccateddru - agg. Impaccato alla meglio.

Mpaccatina – s. f. L'atto d'impaccare.

Mpaccatu - agg. Impaccato, confezionato.

Mpaccatura – s. f. L'impaccare e l'effetto, confezione.

Mpaccaturi – s. m. Confezionatore di pacchi.

Mpacceri - agg. Che ha poca cura dell'ordine, che si impiccia degli affari altrui.

Mpaccheri - agg. Imbroglione, bugiardo, falso.

Mpacchettari - V. mpacchittari.

Mpacchittari – Tr. Involtare o confezionare formando uno o più pacchetti.

Mpacchittatura, mpachettatura – s. f. Confezione, l'impacchettare.

Mpacchittaturi, mpachettaturi – s. m. Confezionatore di pacchi.

Mpacceri – agg. Che è d’impiccio.

Mpacciari - tr. Impacciare, occupare spazio, ingombrare.

Mpacciateddru - agg. Poco ingombrato, occupato, impacciato.

Mpacciatina – s. f. L'atto dell'impacciare, dell'occupare.

Mpacciatu – agg. Ostacolato nei  movimenti, goffo.

Mpacciatura – s. f. Il tipo di impaccio, l'ingombrare.

Mpacciaturi – s. m. Chi provoca impacci.

Mpacciu – s. m. Impedimento, ostacolo, fastidio, ingombro, disordine| fari M. - essere di peso.

Mpacciuseddru - agg. Poco d'impaccio per altri, che occupa spazio prezioso.

Mpacciusu - agg. Che ostacola, limita l'operato altrui, che occupa spazio.

Mpaccu – s. m. Panno umido e caldo per curare ferite o traumi.

Mpaccunari – tr. Lo stesso che impacchettare ma in grosse scatole, in capaci cartoni.

Mpaci - loc. In pace| essiri M. - essere in buoni rapporti.

Mpaciari - intr. Far pace, pareggiare.

Mpaciarisi – rifl. Riappacificarsi.

Mpaciatina – s. f. L’atto del  rappacificare .

Mpaciatu - agg. Stato di chi è in pace, non più in lite, riportato in pace.

Mpagghiabili - agg. Da impagliare.

Mpagghiamentu – s. m. L'impagliare.

Mpagghiari - tr. Impagliare, rivestire, ricoprire.

Mpagghiata – s. f. Impagliata.

Mpagghiateddru - agg. Avvolto in poca paglia.

Mpagghiatina – s. f. Atto dell'impagliare.

Mpagghiatu - agg. Impagliato, avvolto con paglia.

Mpagghiatura – s. f. L'impagliare e l'effetto.

Mpagghiaturi – s. m. Impagliatore, chi impaglia, riveste con paglia bottiglie e damigiane.

Mpaginari - tr. Impaginare, unire le pagine in ordine per ricavarne libri.

Mpaginatura – s. f. L'atto dell'impaginare.

Mpaginaturi – s. m. Tipografo addetto all'impaginazione.

Mpaginazioni – s. f. L'impaginare e l'effetto.

Mpaiari - tr. Aggiogare al carro il cavallo o altro animale, mettere al traino una bestia.

Mpaiata, paiatina, mpaiatura – s. f. L’atto dell'aggiogare.

Mpaiatu – agg. Aggiogato, che è al traino.

Mpaiaturi – s. m. Chi è preposto ad aggiogare la bestia al carro, all'aratro.

Mpalari - tr. Conficcare pali da adibire a sostegno.

Mpalliriri - intr. Divenire pallido. 

Mpallirutu – agg. Divenuto pallido.

Mpanari – Tr. passare un cibo nel pangrattato prima di friggerlo | impanare le cotolette, il pesce.

Mpanatura – s. f. L’impanare e il suo risultato.

Mpanaturi – s. m. Addetto all’impanatura.

Mpannabili - agg. Che si può appannare, intorbidire.

Mpannamentu – s. m. Appannamento.

Mpannari - tr. Appannare, offuscare.

Mpannarisi - rifl. Perdere lucentezza, offuscarsi.

Mpannateddru - agg. Poco appannato, offuscato.

Mpannatina – s. f. L'atto dell'appannare.

Mpannatu - agg. Offuscato, appannato.

Mpannatura – s. f. L'atto dell’appannare e dell'appannarsi. 

Mpantanarisi - rifl. Finire nel pantano, affossarsi, infangarsi, impelagarsi.

Mpapacchiamentu – s. m. Presa in giro, esecuzione di un brutto lavoro.

Mpapacchiari - tr. Fare male qualcosa non essendone capace.

Mpapacchiarisi – rifl. Confondersi, perdere il filo del discorso.

Mpapacchiusu – agg. Che facilmente commette strafalcioni.

Mpappinamentu – s. m. Confusione, disordine mentale, incertezza.

Mpappinari – intr. Mettere alcuno in stato di confusione mentale.

Mpappinarisi - rifl. Confondersi, perdere il filo logico del discorso.

Mpappinatazzu - agg. Molto confuso.

Mpappinateddru - agg. Poco confuso.

Mpappinatina – s. f. Confusione.

Mpapucchiari – tr. V. mpapacchiari.

Mparari - tr. Imparare, apprendere.

Mpararisi - rifl. Imparare, apprendere, divenire esperto.

Mparateddru - agg. Non sufficientemente appreso.

Mparatina – s. f. Apprendimento.

Mparatu – agg. Appreso, fatto proprio.

Mpardari – tr. Creare disordine

Mpardarisi – rifl. Impacciarsi, intralciarsi.

Mpari – s. m. Diminuitivo di cumpari – compare.

Mpariddrari - tr. Mettere in padella.

Mparigghia - loc. A coppia di due.

Mparintari, mparintarisi – rifl. Imparentarsi.

Mparintatu – agg. Che fa parte dello stesso albero genealogico.

Mparola - loc. In, sulla parola| pigghiari p. - prendere sul serio.

Mpartenza – loc. In partenza| essiri M. – stare per partire.

Mparti – loc. In parte, in società.

Mparularisi - rifl. Accordarsi a parole.

Mparziali - agg. Che non favorisce nessuno dei contendenti.

Mpassibili – agg. Impassibile.

Mpassuliri - intr. Appassire, diventare vizzo, detto di uva, fichi| invecchiare, decadere.

Mpassulutu – agg. Appassito, floscio, seccatosi naturalmente| racina mpassuluta - uva passa.

Mpastari - tr. Impastare, mescolare più elementi di cui uno è liquido, per ottenere pasta.

Mpastata – s. f. Miscuglio da impastare o impastato, di farina ma anche di malta per murare o rivestire pareti.

Mpastateddra – s. f. Piccola quantità di miscuglio da impastare.

Mpastateddru - agg. Poco impastato.

Mpastatina – s. f. Atto dell'impastare.

Mpastatrici – s. f. Macchina per impastare.

Mpastatu – agg. Impastato, amalgamato.

Mpastatura – s. f. Atto dell'impastare.

Mpastaturi – s. m. Chi impasta farina, gesso, calce e simili.

Mpastu – s. m. Calce, miscuglio di sabbia e cemento per murare, pastone.

Mpasturari - tr. Mettere le pastoie alla bestia per non farla allontanare.

Mpasturatu - agg. Munito di pastoie.

Mpastusu - agg. Appiccicaticcio, vischioso.

Mpatrunarisi, mpatrunirisi – rifl. Impadronirsi, appropriarsi di un bene non suo, diventare esperto su qualcosa

Mpatrunutu – agg. Impadronito, che si è completamente appropriato di qualcosa.

Mpazzimentu – s. m. Impazzimento, perdita della ragione.

Mpazziri - intr. Divenire pazzo, perdere la ragione.

Mpazzutu – agg. Che gli ha dato di volta il cervello.

Mpegnari - V. mpignari.

Mpegni – s.  m. Faccende da sbrigare.

Mpegnu – s. m. Obbligo morale di risolvere qualcosa |V. Mpignu.

Mpenniri – tr. Appendere, attaccare, impiccare.

Mpeu – s. m. Occupazione, posto di lavoro, impiego.

Mpelagarisi - rifl. Sprofondare, mettersi nei guai.

Mpetra - loc. Di pietra.

Mpetramentu – s. m. Processo di indurimento.

Mpetrari - V. mpitrari

Mpettu - loc. In, sul petto.

Mpiantari - tr. Eseguire l'impianto, impostare, piazzare, collocare, istallare.

Mpiantatina – s. f. Atto d'impiantare.

Mpiantatu - agg. Impostato, collocato, di buona stazza fisica, che ha beni.

Mpiantu – s. m. Impianto di  qualche cosa che possa servire per il buon funzionamento di un negozio, di una casa |M. elettricu – impianto elettrico.

Mpiari - intr. Dare ufficio, carica| tr. Occupare, adoperare, usare.

Mpiarisi – rifl. Trovare lavoro come impiegato.

Mpiattari – tr. Scodellare, mostrare qualcosa.

Mpiatu - agg. Usato, impiegato | s. m. dipendente pubblico o privato.

Mpiazzu – s. m. Grosso o brutto impiego.

Mpiccari - intr. Agganciare qualcuno alla gola con la corda.

Mpiccarisi - rifl. Togliersi la vita mediante impiccagione.

Mpiccatina, mpiccatura – s. f. L'atto dell'impiccare.

Mpicceri - agg. – s. m. Intrigante, chi o che non è capace di farsi gli affari propri.

Mpicciari – tr. Complicare le cose, creare problemi.

Mpicciarisi - rifl. Intromettersi nelle altrui faccende.

Mpiccicari - tr. Attaccare, incollare.

Mpiccicarisi - rifl. Appiccicarsi, incollarsi, fare presa.

Mpiccicateddru - agg. Attaccato, incollato alla meglio.

Mpiccicatina – s. f. Atto d’attaccare.

Mpiccicatura – s. f. Cosa incollata, attaccata.

Mpiccicaturi – s. m. Attacchino, chi appiccica, attacca, incolla.

Mpiccicusu - agg. Appiccicoso, che si attacca, contiene colla| persona importuna, invadente.

Mpicciu – s. m. Impiccio, fastidio, noia.

Mpicciusazzu - agg. Molto fastidioso, noioso, invadente.

Mpicciuseddru - agg. Poco impiccione, noioso, invadente.

Mpicciusu - agg. Noioso, fastidioso, invadente.

Mpicciuttari - intr. Ringiovanire o illudersi di divenire giovane.

Mpiciamentu – s. m. Rivestimento con pece.

Mpiciata – s. f. Il rivestire con pece.

Mpiciatazza – s. f. Lavoro di rivestimento con abbondante pece.

Mpiciateddra – s. f. Leggero strato di pece.

Mpiciatina – s. f. L'atto del rivestire di pece.

Mpiciatu - agg. Rivestito con pece, dalla carnagione scura.

Mpiciatura – s. f. L'atto del rivestire con pece.

Mpiciaturi – s. m. L'operaio addetto al rivestimento di opere con pece.

Mpiciusu - agg. Che si attacca come pece, vischioso.

Mpigghiarisi – rifl. Impigliarsi. 

Mpigna – s. f. Faccia tosta, viso brutto, cattivo.

Mpignamentu – s. m. Il dare in pegno le proprie cose.

Mpignari - tr. Dare in pegno come cauzione, obbligare qualcuno a fare qualcosa| intr. Tenere occupato| promettere di dare o di vendere in parola o per caparra.

Mpignarisi - rifl. Dare tutto di sé, opporre resistenza.

Mpignatina – s. f. Impegno, accordo.

Mpignatu - agg. Promesso, dato in pegno, riservato.

Mpignu – s. m. Obbligo, promessa, dispetto, azione che ha lo scopo di fare dispiacere ad altri.

Mpignusu - agg. Di persona che insiste a fare le cose per principio o per dispetto anche nel torto.

Mpigriri – intr. Perdere entusiasmo, non avere più voglia.

Mpigrutu – agg. Senza voglia di fare, apatico, svogliato.

Mpiiceddru – s. m. Impiego di poco conto.

Mpillicciari – tr. Rivestire una superficie di legno comune con sottili fogli di legno pregiato.

Mpillicciarisi - rifl. Indossare la pelliccia.

Mpillicciatura  - agg. Rivestimento di una superficie di legno comune con sottili fogli di legno pregiato.

Mpinari – intr. Dare, procurare pena.

Mpinarisi - rifl. Darsi pena, intristirsi.

Mpinatina – s. f. L'atto del divenire triste, periodo di tristezza.

Mpinatu - agg. Triste.

Mpinatura – s. f. Tristezza.

Mpinciri , mpingiri  – intr. Fermarsi  qualche minuto e poi riprendere, impigliarsi, imbattersi in un cespuglio di spine, inciampare.

Mpinciuni – s. m. Strappo, graffio, grosso intralcio.

Mpinciuta – s. f. Intralcio, trattenuta.

Mpinciusu – agg. Di persona che si ferma spesso con chiunque.

Mpinciutu - agg. Impigliato, intrattenuto.

Mpinnata – s. f. Tettoia in luogo aperto, atto di orgoglio.

Mpinnateddra – s. f. Piccola tettoia. 

Mpinsabili - agg. Impensabile, inimmaginabile.

Mpinseri - loc. Stato di chi è soprappensiero.

Mpinsiriri - intr. Mettere in pensiero, preoccupare.

Mpinsiririsi - rifl. Rattristarsi, impensierirsi, preoccuparsi.

Mpinsirutu - agg. Impensierito, poco convinto, sospettoso, soprappensiero.

Mpipari – intr. Insaporire con pepe, impepare.

Mpiparisinni  – rifl. Impiparsene, infischiarsene.

Mpipitiarisi – rifl. Innervosirsi, perdere la calma.

Mpirenza – s. f. Impedimento, ostacolo.

Mpiricuddrari – tr. Impedire, dare fastidio.

Mpirimentu – s.m. Ostacolo, ostruzione.

Mpiriri - intr. Ostacolare, ostruire, opporsi, evitare.

Mpiritu, mpirutu - agg. Ostacolato, ostruito, menomato.

Mpirnari - tr. Bloccare col perno.

Mpirtinenti - agg. Che manca di rispetto, maleducato.

Mpirtinenza – s. f. Offesa, cattiva educazione.

Mpirugghiari – tr. Intricare, complicare le cose, incasinare.

Mpirugghiu – s. m. Intrigo, groviglio.

Mpirimentu – s. m. Ostacolo.

Mpiriri - tr. Opporsi, ostacolare.

Mpirutu - agg. Ostacolato, che non è in condizione di operare.

Mpirtusabili - agg. Che si può nascondere.

Mpirtusari - tr. Infilare in un buco.

Mpirtusatu -  agg. Nascosto.

Mpirugghiu - s. m. Imbroglio.

Mpirusa – s. f. Lampedusa, l’isola più grande delle Pelagie.

Mpirusanu – agg. Chi è nato o abita a Lampedusa.

Mpistari - agg. Rendere l'ambiente puzzolente, irrespirabile| contagiare.

Mpistatu - agg. Appestato, putrido, contagiato.

Mpisu - agg. Appeso, attaccato, impiccato.

Mpitrabili - agg. Che ha la proprietà di divenire solido come la pietra.

Mpitrari - intr. Solidificare, indurire, divenire come pietra, proprio del sale, dello zucchero, entrare nella pubertà| cospargere di pietre.

Mpitrarisi - rifl. Divenire di pietra, indurire, irrigidirsi, diventare uomo.

Mpitrateddru - agg. Poco solido, duro, irrigidito.

Mpitratu - agg. Di pietra, irrigidito, raggrumato.

Mpittirisi - rifl. Insuperbirsi, divenire furioso, irrigidirsi nelle proprie decisioni.

Mpittusu – agg. Superbo, orgoglioso.

Mpittutu - agg. Insuperbito, impetuoso, furioso.

Mpizzu - loc. Sul ciglio, sul lembo, all’estremità, che sta per scivolare.

Mplorari, mplurari - intr. Pregare con devozione.

Mportanti – agg. Importante, non comune.

Mportari - V. mpurtari.

Mportazioni – s. f. L'importare.

Mposa - loc. In posa| mettirisi M. - assumere una certa posizione.

Mpossibili - agg. Che non può essere.

Mpostari - V. mpustari.

Mpostazioni – s. f. L'impostare.

Mpostu - agg. Imposto, ordinato.

Mpoviriri - V. mpuviriri.

Mpraticabili - agg. Che non si può praticare, usare, inservibile al momento o all’uso consueto.

Mpraticabilità – s. f. Facoltà che esenta dall'usare, dal praticare.

Mpratichiri - intr. Rendere pratico con l'esercizio, addestrare.

Mpratichirisi - rifl. Divenire pratico, esperto con l'esercizio, addestrarsi, acquisire destrezza, migliorarsi.

Mpraticutu - agg. Pratico, destro, esperto.

Mprenari - V. Mprinari.

Mpresa – s. f. Ciò che si fa con rischio e difficoltà, impresa in genere.

Mprescia - loc. In, di fretta| M. M. – speditamente.

Mpressionari - V. Mprissiunari.

Mprestari - V. mpristari.

Mprestitu - loc. In prestito.

Mpretura – loc. In pretura.

Mpricari - intr. Imprecare, augurare male, maledire| implicare, coinvolgere, compromettere.

Mpricatu - agg. Sospettato di colpevolezza, coinvolto.

Mpricazioni – s. f. Sospetto, coinvolgimento.

Mprinari - intr. Ingravidare usato in modo particolare per le bestie, mettere incinta.

Mprimisi – avv.  prima di tutto, anzitutto, per prima.

Mprisa – s. f. Impresa |V. Mpresa

Mprisariu – s. m. Impresario.

Mprisenza - loc. In presenza, a vista, dal vivo.

Mprisi – s. m. Insistenze, rischi.

Mprisiari – tr. Insistere ostinatamente.

Mprisintabili - agg. Impresentabile, che è in pessimo stato.

Mprisiusu - agg. Insistente, cocciuto, testardo.

Mprissionari - V. Mprissiunari.

Mprissiunabili, mprissiunanti - agg. Che può impressionare.

Mprissiunari - intr. Impressionare, influenzare, sbigottire.

Mprissiunarisi - rifl. Rimanere sbigottito, sbalordito.

Mprissiunista - sm. Illusionista, prestigiatore.

Mpristabili - agg. Che si può dare in prestito.

Mpristari - tr. Dare o avere in prestito.

Mpristatu – agg. Dato o avuto  in prestito.

Mprividibili, mpriviribili - agg. Imprevedibile, non prevedibile.

Mprivisioni - loc. Secondo il previsto.

Mprivistu – s. m. Evento fortuito| cosa di cui s’ignorano le cause.

Mpronta – s. f. Segno che si lascia su una cosa, orma, traccia.

Mpropriu - loc. In proprio| travagghiari M. - lavorare per proprio conto.

Mprova - loc. In prova, in visione.

Mprovvisabili - agg. Che si può, da improvvisare.

Mprovvisamenti - avv. Subito, all'improvviso.

Mprovvisari - tr. Dare o fare qualcosa all'improvviso, senza pensarci.

Mprovvisata – s. f. Piacevole sorpresa.

Mprovvisatu - agg. Non preordinato, non prestabilito, fatto in fretta.

Mprovvisazioni – s. f. Sorpresa, senza alcun avviso.

Mpruvilazzari - intr. Cospargere di polvere.

Mpruvilazzarisi - rifl. Impolverarsi.

Mpruvilazzatu - agg. Impolverato.

Mpuddra – s. f. Vescichetta sulla pelle, bolla.

Mpunità – s. f. Esenzione di pena.

Mpunta - loc. In punta.

Mpuntarisi - rifl. Ostinarsi, non demordere, insistere.

Mpuntu - loc. In punto.

Mpupari - tr. Vestire o abbellire qualcuno | rifl. Vestirsi bene o acconciarsi.

Mpupatu - agg. Carino, bello, aggraziato.

Mpupazzari - tr. Fare, ottenere un pupazzo.

Mpupazzatu - agg. Trasformato in pupazzo.

Mpupazziari - V. mpupazzari.

Mpupittari – intr. Abbellire, adornare.

Mpuppa - loc. In poppa,  vento favorevole.

Mpupiddriarisi – rifl. Insuperbire.

Mpupiddriatu – agg. Superbo, vanitoso.

Mpupiddriusu – agg. Superbo, vanitoso.

Mpurmunatu - agg. Ammalato di polmoni.

Mpurpettari, mpurpittari - tr. Formare, trasformare in polpette.

Mpurtanti - agg. Importante, degno di stima.

Mpurtanza – s. f. Importanza|  darisi M. - farsi prendere dalla vanità.

Mpurtari - tr. Comprare dall'estero| sommare, interessare.

Mpurtatina – s. f. Atto dell'importare, del sommare.

Mpurtatu - agg. Fatto venire dall'estero| sommato.

Mpurtazioni – s. f. L’importare e le merci importate.

Mpuru - avv. Eppure| agg. Impuro, innaturale.

Mpusessu - loc. In possesso.

 

Mpussisarisi – rifl. Prendere possesso, mettersi in forze.

Mpusissatina – s. f. L'atto prendere possesso.

Mpusissaturi - sm. Chi prende possesso di un bene non suo.

Mpussibili - agg. Che non è possibile, di difficile soluzione.

Mpussibilità – s. f. Certezza di non riuscire.

Mpussibilitatu - agg. In condizione di difficoltà, non potere operare.

Mpustari - tr. Impostare qualcosa, dare impiego, inviare via posta.

Mpustarisi - rifl. Assestarsi, sistemarsi, trovare occupazione, accomodarsi.

Mpustatina – s. f. Sistemazione, collocarsi.

Mpustatu - agg. Impostato, ben messo, robusto, collocato, sistemato, accatastato.

Mpustatura – s. f. Sistemazione.

Mpustaturi – s. m. Chi imposta, facendiere.

Mpustimabili - agg. Atto a divenire infetto.

Mpustimari - intr. Divenire infetto.

Mpustimateddru - agg. Poco infetto.

Mpustimatina – s. f. Infezione.

Mpustimatu - agg. Infetto, contagiato.

Mpustimaturi – s. m. Chi o che causa infezione.

Mpusturi – s. m. Chi si fa passare per quello che non è.

Mputenti - agg. Debole, che non ha la forza d'imporsi, svigorito.

Mputenza – s. f. Debolezza, impotenza.

Mputiri - loc. In potere, in ossesso| aviri M. possedere, disporre.

Mpuvirimentu – s. m. Impoverimento.

Mpuviriri - intr. Impoverire.

Mpuviririsi – rifl. Divenire povero, impoverirsi.

Mpuvirtà – loc. In povertà.

Mpuvirutu – agg. Divenuto povero.

Mrugghiari - tr. Camuffare, coprire  birbanterie, occultare le prove, imbrogliare |V. Mbrugghiari.

Mrugghiarisi - rifl. Imbrogliarsi, indebitarsi. 

Mrugghiatu - agg. Carico di debiti, ingarbugliato. 

Mrugghiatura – s. f. Indebitamento.

Mrugghiaturi – s. m. Chi fa imbrogli o debiti.

Muarru – s. f. Armadio.

Muccaturi – s. m. Fazzoletto per soffiarsi il naso.  

Mucciareddru – s. m. Nascondino, gioco di ragazzini| nascondiglio, luogo segreto.

Mucciusu – agg. Irrequieto, discolo.

Muccunata – s. f. Quantità di un sorso| forma di corruzione, tangente, somma versata per favore ricevuto.

Muccunazzu – s. m. Grossa sorsata.

Muccuneddru – s. m. Piccolo sorso.

Muccunettu – s. m. Dolce ripieno a base di pasta di mandorla specialità delle Suore benedettine del Convento di clausura di San Michele di Mazara del Vallo, che secondo l'antica tradizione pasticcera siciliana dei conventi di clausura, ha contribuito ad arricchire l'arte dolciaria siciliana |cibo squisito.

Muccuni – s. m. Quantità di liquido o boccone di cibo si riesce a mettere in bocca in una volta.

Muccuniata – s. f. Bustarella per favore dato o ricevuto, corruzione, pizzo, tangente.

Muccuniatazza – s. f. Grossa tangente.

Muccuniateddra – s. f. Piccola tangente.

Muddracchiara – s. f. Molle abbastanza, di acqua dal brutto sapore.

Muddrari - tr. Cedere, allentare, cessare, desistere, lanciare contro.

Muddraria – s. f. Lentezza, debolezza fisica, mancanza di vigore, perdita di tensione.

Muddrarisi – rifl. Sganciarsi, allentarsi, lanciarsi contro.

Muddratina – s. f. Cessione, cedimento, mollezza.

Muddratu - agg. Concesso, ceduto, allentato, dato con forza.

Muddria – s. f. Lentezza, allentamento, cedimento, fiacchezza.

Muddriari – intr. Cedere, allentarsi di corda o di filo, molleggiare.

Muddrica – s. f. La parte interna e molle del pane.

Muddricata – s. f. Mollica di pane grattugiata.

Muddricazza – s. f. Grosso o brutto pezzo di mollica.

Muddricheddra, muddricuzza  – s. f. Briciola di pane.

Muddricusu - agg. Soffice.

Muddrisi - agg. Mandorla dal guscio tenero.

Muddrizza – s. f. Qualità di ciò che è molle, mancanza di nerbo e di energia.

Muffazza – s. f. Gran quantità di muffa.

Muffiari – intr. Tradire, fare la spia.  

Mufficeddra, muffuzza  – s. f. Leggermente ammuffito.

Muffuna – s. f. Gran quantità di muffa.

Mufuciu – agg. Morbido, soffice.

Mufulettu – s. m. Panino rotondo morbido.

Muggheri, mogghi  – s. f. La donna con cui ci si è uniti in matrimonio.

Mugghirazza – s. f. Moglie cattiva.

Mugghireddra, mugghiruzza – s. f. Moglie affettuosa e brava.

Mugghiruna – s. f. Grande moglie.

Mugnuni – s. m. Arto monco.

Mula – s. f. Femmina del mulo.

Mulattera – s. f.  Strada stretta di campagna, non asfaltata, da percorrere con il mulo.

Mulazzu – s. m. Grosso e grande mulo.

Mulestamentu – s. m. Il molestare.

Mulestari - V. mulistari.

Mulestaturi – s. m. - agg. Molestatore, chi o che dà fastidio| molesto, noioso.

Mulettu – s. m. Cefalo ovvero muggine, il pesce più comune dei fiumi e coste italiane |mezzo meccanico per sollevare e trasportare masse pesanti | piccolo mulo.

Muliceddru – s. m. Piccolo mulo.

Mulinaru – s. m. Chi gestisce il mulino.

Mulineddru – s. m. Piccolo mulino, vento vorticoso, gorgo, macinino.

Mulitura – s. f. L'atto del tritare, dello sminuzzare, frangitura d’olive.

Mullamentu – s. m. Cedimento, mancanza di forza.

Mullari - tr. Cedere, dar corda.

Mullatina – s. f. L'atto del cedere, dell'assestare| cedimento.

Mullatu - agg. Mollato, ceduto, crollato, lasciato andare.

Mullazza – s. f. Grossa o brutta molla.

Mulletta – s. f. Piccola molla, aggeggio per appendere i panni |V. Molletta.

Mulu – s. m. Quadrupede erbivoro nato da un asino e da una cavalla.

Mulunaru – s. m. Coltivatore o venditore di angurie o meloni| agg. Di terreno, che si presta alla coltivazione di angurie o meloni.

Mulunata – s. f. Campo coltivato a cocomeri o a meloni.

Mulunazzu – s. m. Grosso cocomero, anguria.

Muluneddru – s. m. Piccolo cocomero o melone.

Muluni – s. m. Meloni di tutte le specie.

Mumintazzu – s. m. Lungo o brutto momento.

Muminteddru, mumintinu – s. m. Brevissimo tempo favorevole.

Munaceddru -  s.m. Insetto  o verme del tipo Tenebrio molitor che si può trovare nella pasta.

Munacheddra – s. f. Giovane monaca.

Munacheddru – s. m. Giovane monaco.

Munciri - tr. Spremere per i  capezzoli le mammelle delle femmine dei mammiferi per ricavarne latte |V. Mungiri.

Munciuniari – tr. Sgualcire, stropicciare.

Munciuniuni – s. m. Stropicciamento.

Muncuni – s. m.  Parte rimanente di un arto monco.

Mungibeddru – s. m. L’Etna.

Mungimentu – s. m. Il mungere.

Mungiri - tr. Spremere per i  capezzoli le mammelle delle femmine dei mammiferi per ricavarne latte.

Mungitina, mungitura – s. f. L'atto del mungere.

Mungituri – s. m. Chi o che munge.

Mungiuta – s. f. Il mungere in una volta.

Mungiutu - agg. Munto, spremuto.

Munita – s. f. Metallo coniato dallo stato, biglietto cui è dato valore di denaro.

Munnamentu – s. m. Sbucciatura.

Munnari - tr. Sbucciare, mondare.

Munnata – s. f. Sbucciata, lo sbucciare.

Munnatazza – s. f. Grossolana sbucciata.

Munnateddra – s. f. Lieve sbucciata.

Munnatina – s. f. Atto dello sbucciare.

Munnatu - agg. Sbucciato.

Munnaturi – s. m. Chi o che sbuccia.

Munneddru – s. m. Piccola altura, antica misura di volume.

Munnizza – s. f. Immondizia, rifiuti.

Munnizzaru – s. m. Luogo di raccolta dei rifiuti, addetto alla raccolta.

Munnu – s. m. Il mondo, l’esistente.

Munta – s. f. Accoppiamento tra animali.

Muntagnaru – s. m. Abitante di montagna.

Muntagnata – s. f. Grande cumulo |Cogghiri na M. di olivi –Raccogliere un grande cumulo di olive.

Muntagnazza – s. f. Alta o brutta montagna.

Muntagneddra – s. f. Piccola o piacevole montagna.

Montagnola – sf. Montagna facile da scalare.

Muntagnolu – s. m. Montanaro, di montagna.

Muntagnuna – s. f. Grande montagna.

Muntagnuzza – s. f. Piccola montagna.

Muntanaru – s. m. V. muntagnaru.

Muntari - intr. Salire sopra a qualsiasi cosa, montare| V. Acchianari | Riunire i vari pezzi per ricavare un blocco unico, installare, superare, sorpassare.

Muntarozzu – s. m. Rilievo del terreno, prominenza, dosso.

Muntateddru - agg. Persona  tronfia, immodesta.

Muntata – s. f. Salita, ascesa.

Muntatina – s. f. L'atto del montare.

Muntatu - agg. Montato, riunito in unico blocco| esaltato, tronfio, superbo.

Muntatura – s. f. Montaggio| la parte portante degli occhiali| esagerazione.

Muntaturi – s. m. Addetto al montaggio di qualcosa.  

Muntuni – s. m. Maschio della pecora, montone, Lumaca del tipo Cornu aspersum  | V. Crastu.

Munzeddru – s. m. Mucchio, cumulo, quantità di cose o persone | Mettiri a M. – ammucchiare, accatastare.

Munziddrabili - agg. Che si può, da ammucchiare, accatastare.

Munziddramentu – sm. L’ammonticchiare. Il fare cumulo.

Munziddrari - tr.  V. Ammunziddrari

Munziddrata – s. f. Mucchio, ammucchiata, catasta di materiale.

Munziddrazzu – s. m. Grosso o brutto mucchio.

Munziddriari - tr. V. Ammunziddrari.

Munziddruni – s. m. Grosso mucchio.

Munziddruzzu – s. m. Piccolo mucchio.

Muramentu – s. m. Atto e modo di murare.

Murari - tr. Edificare, costruire, fabbricare, chiudere con muratura.

Murata – s. f. L’atto del murare.

Murateddru - agg. Poco murato, chiuso.

Muratina – s. f. L'atto del murare.

Muratu - agg. Murato, edificato, costruito, chiuso con muratura.

Muraturi – s. m. Chi mura, costruisce case.

Murazzu – s. m. Grosso o brutto muro.

Murettu – s. m. Muro basso.

Murga, mùria, – s. f.  Residuo dell'olio d'oliva, usato per produzioni non alimentari, morchia.

Murìa – s. f. Mortalità dovuta a malattie infettive.

Muribunnu – agg. Che sta per morire.

Muriceddru – s. m. Muro basso o sottile.

Murina - s. f. Murena (Muraena helena) pesce aguilliforme  |Per saperne di più: http://www.andreasormani.altervista.org/pesci.htm#Murena

Murmuriarisi – rifl. Borbottare, lamentarsi in continuazione.

Murmuriata – s. f. Borbottio, lamento continuato.

Murmuriatedda – s. f. Leggero, flebile lamento, borbottio.

Murmuriateddu – agg. Leggermente malvisto l’altrui benessere.

Murmuriatina – s. f. Lamentela, lamento continuo per insoddisfazione, dolore, disastro.

Murmuriatu - agg. Mal gradito, mal sopportato, invidiato.

Murmuriu – s. m. Lamento continuo.

Murriti – s. f. pl. Smanie, nocività, emorroidi.

Murritiari -  tr. Tentativo di sistemare un meccanismo,  aggiustare, scherzare.  

Murritusu – agg. Irrequieto, che non sta mai fermo, turbolento, antipatico, insopportabile.

Murriuni – s. m. Turbante copricapo, foulard.

Mursazza – s. f. Grande o brutta morsa.

Mursetta – s. f. Piccola morsa.

Mursettu - sm. Piccola morsa, boccone, pezzo di cibo che si stacca con la bocca.

Mursiddra – s. f. Piccola morsa.

Mursuna – s. f. Grande morsa.

Murta – s. f. Condanna, pena in denaro, contravvenzione.

Murtacinu – agg. Chi ha l’aspetto di un morto, snervato, mogio, avvilito.

Murtareddru – s. m. Piccolo mortaio per pesto.

Murtarettu – s. m. Piccolo botto.

Murtari - intr. Condannare a una multa, a una contravvenzione.

Murtaru – s. m. Mortaio per pestare qualsiasi cosa.

Murtatella – s. f. Mortadella.

Murticeddri – s. m. Il giorno dei morti.

Muruni – s. m. Grosso muro.

Murvusu - s. m. Moccioso, sporco di muco, sbarbatello.

Muscacavaddrina – s. f. Mosca cavallina insetto ematofago, ovvero succhia il sangue dei mammiferi per nutrirsi e per riprodursi. Il suo nome scientifico è Stomoxys calcitrans, ma è noto anche come mosca delle stalle essendo particolarmente frequente in tali ambienti.

Muscalora – s. f. Nastro vischioso per acchiappare mosche.

Muscaloru  – s. m. Ventaglio per allontanare mosche e ventilare la carbonella accesa.

Muscatavana – s.  f. Insetto parassita dei bovini, chi ha il sesto senso, riesce a trovare cose nei luoghi più impensati facendosi guidare dal fiuto o dall'intuito, tafano.

Muscateddra – s. f. Uva da tavola dagli acini piccoli e dal sapore di moscato| fico d’india bianco| persona sprezzante .

Muscazza – s. f. Grossa o noiosa mosca.

Muschera – s. f.  Arnese a coppa collocata a protezione delle mosche.

Muschiddra – s. f. Piccola mosca.

Muschigghiuni – s. m. Moscerino, animaletto che infesta le campagne in estate.

Muschitta – s. f. Piccolissimo insetto che vive vicino alle botti o alla frutta marcia, zanzara, moscerino.

Muschittata – s. f. Colpo sparato col moschetto.

Musciceddru - agg. Poco floscio.

Musciu - agg. Di pene, floscio, flaccido| di persona lenta, apatica, insoddisfatta.

Musculazzu – s. m. Grosso, muscolo molto sviluppato.

Musculiari - tr. Soffiare con un ventaglio per accendere il fuoco, infiammare |V. Muscaloru e Sbambuliari.

Musculiddru, musculuzzu  – s. m. Piccolo muscolo.

Musculuni – s. m. Grosso muscolo.

Muscunazzu – s. m. Grosso moscone.

Muscuni – s. m. Grossa mosca.

Musicanti – s. m. Suonatore di strumento musicale.

Musicheddra – s. f. Musica semplice ma piacevole.

Musioni – s. f.  Mossa, segnale avvisaglia.

Mussagghiu – s. m. Torcinaso, bastoncino robusto con cordicella con cui si stringe il labbro superiore del cavallo nell'atto di ferrarlo.

Mussiari - intr. Disapprovare storcendo il muso.

Mussiata – s. f. Storta di muso, disapprovazione.

Mussiatazza - sf. Totale disapprovazione.

Mussiateddra – s. f. Lieve disapprovazione.

Mussiatina – s. f. Storta di muso in senso di disapprovazione.

Mussiatura – s. f. Disapprovazione, diniego.

Mussiaturi – s. m. Chi non condivide, disapprova.

Mussiceddru, mussiddru – s. m. Piccolo muso.

Mussinu –s. m. Museruola per cani.

Mussu – s. m. Estremità delle labbra, muso| V. Fungia.

Mussuni – s. m. Grosso muso.

Mussuzzu – s. m. Piccolo muso.

Mustazzeddru – s. m. Baffetto, la peluria sul labbro superiore dell'adolescente.

Mustazzolu  – s. m. Dolce a base di farina e vino cotto.

Mustazzulata – s. f. Scorpacciata di  mostaccioli.

Mustazzulazzu – s. m. Grosso mostacciolo.

Mustazzuleddru – s m. Piccolo mostacciolo.

Mustazzu – s. m. Serie di peli acconciati  sul labbro superiore dell'uomo, baffi.

Mustazzuni – s. m. Persona con baffi lunghi e folti, folti e lunghi baffi.

Mustazzusu – s. m. - agg. Chi o che ha lunghi e folti baffi.

Mustia – s. m.  Mostella Phycis Phycis, pesce  http://andreasormani.altervista.org/pesci.htm#Musdea

Mustra – s. f. Campione, saggio di mercanzia.

Mustrari - tr. Esporre, esibire.

Mustrarisi - rifl. Apparire, esporsi, dimostrarsi, comportarsi.

Mustrateddru - agg. Poco mostrato, esposto per breve tempo.

Mustratina – s. f. Esposizione, sfoggio.

Mustratu - agg. Esposto, esibito.

Mustrazzu – s. m. Grande o brutto mostro.

Mustruni – s. m. Grosso e brutto mostro.

Mustrusu – agg. Mostruoso.

Mustruzza – s. f. Piccola mostra.

Mustruzzu – s. m. Piccolo mostro.

Mustu – s. m. Succo dell'uva prima di divenire vino, mosto.

Mutamentu – s. m. Cambiamento, variazione, trasformazione.

Mutangara – s. f. Sordomuta.

Mutangaru – s. m. Sordomuto, sordastro, finto tonto.

Mutanna – s. f.  Completo di mutande e maglietta, ricambio | Farisi la M. – Bagnarsi tutto.

Mutanneddra – s. f. Completo intimo ridotto per bambini.

Mutanni – s. m. Mutande.

Mutannuna – s. m. Mutande lunghi invernali.

Mutastru – s. m. Sordomuto.

Mutamuta  -  loc. A la M. - senza farsi notare, sentire.

Mutazzu – s. m. Grosso o brutto imbuto.

Muticeddru, mutiddru – s. m. Piccolo imbuto, sordomuto.

Mutu – s. m. Arnese di metallo, di vetro o di materia plastica, a forma conica, terminante a cannello, usato per travasare liquidi in bottiglie o altri recipienti a bocca stretta e, nella tecnica di laboratorio e in usi pratici, anche per filtrare | Imbuto.

Mutuni – s. m. Grosso imbuto.

Muturazzu – s. m. Grosso motore.

Mutureddru, muturuzzu – s. m. Piccolo motore.

Muturuni – s. m. Grosso motore.

Mutuzzu – s. m. Piccolo imbuto, poco sordomuto.

Muzziata – s. f. Il comprare o il vendere a corpo quantità imprecisate di merci.

Muzziatazza – s. f. Il comprare e il vendere a corpo grosse quantità di merci.

Muzziateddra – s. f. Il comprare e il vendere all'ingrosso piccole quantità di merci.

Muzzicari - tr. Mordere, stringere coi denti per far male.

Muzzicarisi – rifl. Mordersi | M. li manu – pentirsi.

Muzzicata – s. f. Morso.

Muzzicataru, muzzicaturi - agg. Che ha la mania di mordere, mentre litiga.

Muzzicatazzu - agg. Molto morsicato.

Muzzicateddru - agg. Poco morsicato.

Muzzicatina – s. f. L'atto del mordere.

Muzzicatizzu - agg. Molto morsicato.

Muzzicatu - agg. Morso, addentato.

Muzzicuneddru – s. m. Leggero morso.

Muzzicuni – s. m. Quello che si strappa coi denti, segno lasciato dal morso| morso, un pezzetto di qualunque cosa.

Muzzina – s. f. Specie, razza, natura, carattere | Essiri ri bona o mala M. = Avere un buon o cattivo carattere.

Muzzu – s. m. Mucchio, mozzato | A M. = A casaccio.

Muzzuni – s. m. Mozzicone di sigaretta o sigaro.

 Torna all’Indice