Crea sito

HOME

RICETTE

I PESCI

FOTO

RADICI

ESPERIENZE

CONTATTI

LINK

 

 

 

Megghiu un tintu canusciutu chi un bonu a canusciri

 

 Lettera M – Parti prima da Mà a Mir

M –Molte parole iniziano con due emme per elisione della vocale iniziale come per es. mmaginari –immaginari – immaginare altre In certi casi prendono  il posto della “v” | Macabunniari - vagabondare.

Ma’ - dimin. Di matri, mamma – madre.

Macabunnaria – s. f. L'essere fannullone.

Macabunnazzu – s. m. Gran fannullone, chi evita il lavoro e ne fugge.

Macabunneddru – s. m. Piccolo fannullone.

Macabunniari - intr. Oziare, andare in giro in qua e in là senza meta, aborrire il lavoro, rifiutarlo.  

Macabunniarisilla – v. pron. Spassarsela, trastullarsi, svagarsi.

Macabunnu – s. m. Girovago, chi ha voglia di far niente, indolente, fannullone, chi va in giro senza meta| Di persona, cui piace oziare.

Macari – avv. Magari, anche, pure, speriamo che si avveri.

Macaruria - s. f. Sporcizia, sudiciume, azione vergognosa.

Macaruru – s. m. Sporco proprio perché non si lava, sudicio.

Macasenu – s. m. Luogo dove si ammassa merce, magazzino.

Macasinata – s. f. Un magazzino pieno.

Macasinazzu – s. m. Grande o brutto magazzino.

Macasineddru – s. m. Piccolo magazzino.

Maccarruna – s. m. Pasta affusolata fatta in casa, maccheroni.

Maccarrunaru – s. m. Mangiatore di maccheroni, artigiano e venditore di maccheroni.

Maccarrunata – s. f. Scorpacciata di maccheroni.

Maccarrunazzu – s. m. Grosso o lungo maccherone.

Maccarruncinu  – s. m. Maccherone più piccolo e sottile.

Maccarruniata – s. f. Scorpacciata di maccheroni.

Macchettu – s. m. Bianchetto o gianchetti neonati dello  Zerro (Maena smaris) | V. Ritunnu

Macchiazza – s. f. Ampia o brutta macchia di sporco.

Macchiceddra, macchiuzza, macchiteddra – s. f.  Piccolo sporco.

Macchiuna – s. f. Grande unto.

Maccu – s. m. Poltiglia di fave secche stracotte.

Macellari - V. macillari.

Macellu – s. m.  Frastuono assordante con disordine relativo, luogo di macellazione delle bestie.

Machinetta – s. f. In generale piccolo congegno meccanico, in particolare – spremi pomodoro, macina caffè manuale, macchina per fare o tritare  ghiaccio, per cucire, macinino.

Machinicchia – s. f. Piccola auto o congegno meccanico.

Machinuna – s. f. Grosso congegno meccanico o grossa  automobile.

Machinuni – s. m. Auto di grossa cilindrata.

Machinuzza – s. f. Automobilina.

Macillazzu – s. m. Ampio o brutto mattatoio.

Macilleddru – s. m. Piccolo mattatoio.

Macilluni – s. m. Ampio locale per macellazione.

Macilluzzu – s. m. Piccolo macello.

Macina – s. f. Grossa pietra circolare col compito di macinare.

Macinare – tr. Ridurre in polvere, in frammenti o in piccoli granuli con macine o altri.

Macinateddra – s. f. Una leggera macinata.

Macinatina – s. f. L’atto del macinare.

Macineddru, macininu – s. m. Piccolo strumento per macinare caffè, pepe.

Maciniari – tr. Fissare ossessivamente il ricordo o il pensiero su qualcosa, arrovellarsi.

Maciniu – s. m. Rumore caratteristico del macinino |Tormento interiore.

Macirari - tr. Ammollire una cosa in acqua o in altro liquido, specialmente carta.

Maciriari - tr. Ridurre in piccole parti, frantumare.

Maciriarisi - rifl. Rodersi internamente, arrovellarsi il cervello, vivere in agitazione.

Maciriatu – agg. Fratturato, triturato.

Macirìu – s. m. Irrequietezza, fervore.

Mafarata - s. f. Zuppiera a parete lisce smaltata, vaso troncoconico di creta |V. Lemmu

Mafarda – s. f. Formina di pane, panino.

Mafia – s. f. Prepotenza, associazione criminale segreta.

Mafiusazzu – s. m. Capo mafia, pezzo da 90.

Mafiuseddru – s. m. Giovane delinquente.

Mafiusu - agg. – s. m. Appartenente a famiglia prepotente, violenta, che ammette solo il suo codice.

Magazzineri – s. m. Chi è preposto alla cura e alla sorveglianza del magazzino, responsabile del carico e scarico della merce contenutavi.

Magazzinu – s. m.  V. Macasenu.

Magghietta – s. f. Indumento leggero di cotone, maglietta| tipo di pasta di tre-quattro centimetri di forma cilindrica, più piccola del rigatone.

Magghia – s. f. Qualunque quadrato della rete o anello della catena, cerchietto per catenine, indumento intimo di lana o di cotone, maglia di qualsiasi tipo.

Magghiazza – s. f. Grande o brutta maglia.

Magghiceddra – s. f. Piccola maglia.

Magghittina – s. f. Camicetta leggera a maglia, tipo di pasta corta di forma cilindrica, più sottile delle penne.

Magghiunazzu – s. m. Ampio o brutto indumento di lana.

Magghiuneddru – s. m. Piccolo e leggero indumento di lana.

Magghiuni - sm. Pesante indumento di lana.

Maggiu – s. m. Quinto mese dell'anno| V. Maiu.

Magliu – s. m. Martello grosso di legno per battere i cerchi delle botti o su pali da conficcare nel terreno.

Magnacceddru – s. m. Piccolo magnaccia.

Magnacciata – s. f. Azione da magnaccia.

Magnacciazzu – s. m. Sfruttatore incallito.

Magnacciu – s. m. Individuo che sfrutta a proprio vantaggio la prostituzione di una donna; ruffiano, lenone.

Magnacciuni – s. m. Sfruttatore incallito, protettore capo.

Magruni – s. m. Impasto povero di cemento.

Maiddra – s. f. Recipiente in legno a bordo basso, usato per impastare la farina per fare il pane o la pasta | Mangiari a la M.  – Nei tempi passati durante il raccolto era usanza mangiare alla M. tutti insieme, allora però il raccolto si faceva con parenti ed amici.  

Maiddrata – s. f. Farina che si può intridere nella madia in una volta | Mangiata in comune .

Maiddrazza – s. f. Grande o brutta madia.

Maiddruni – s. m. Madia stretta e profonda in cui si intride la farina per farne pane.

Maiddruzza – s. f. Piccola madia.

Maisi – s. m.  Maggese, terreno a riposo per acquistare la fertilità.

Maistrali, maistru  – s. m. Vento da nord-ovest, maestrale.

Maistranza – s. f. Personale che attende a un lavoro, frutto di fatica.

Maistrazzu – s. m. Maestro sgarbato e dispotico.

Maistreddru, maistruzzu  – s. m. Giovane e inesperto maestro.

Maistria – s. f. Bravura, capacità, abilità, padronanza, esperienza, eccellenza.

Maistruni – s. m. Maestro di provate capacità.

Maiu – s. m. Quinto mese dell'anno| pianta di piretro con le classiche margherite gialle.

Maiulinu – agg. Che è nato a maggio, relativo il mese di maggio |Polpo di qualità.

Mairu - agg. Non grasso, rinsecchito, asciutto.

Malabbanna – s. f. Luogo di perdizione.

Malabbentu – s. m. Cattivo avvenimento.

Malacarni – s. m. Cattivo soggetto, pendaglio da forca.

Malaccattatu – agg. Comprato male o a prezzo alto.

Malaccittatu - agg. Accolto in malo modo, freddamente, indesiderato.

Malaccumpagnatu – agg. Avere come compagno una persona non raccomandabile, male accompagnato |Megghiu sulu chi M.

Malaccurdari – tr. Accordare male, concedere contro voglia.

Malaccurdarisi – rifl. Rimanere insoddisfatto.

Malaccurdatu - agg. Concesso, accordato male.

Malaccustari – tr. Accostare incautamente.

Malaccustatu – agg. Accostato in modo non corretto.

Malacrianza – s. f. Atto contrario alla gentilezza, scortesia, inciviltà, cattiva educazione.

Malacruci – s. m. Insofferenza, mal sopportazione.

Malacumpagnia – s. f. Cattiva amicizia.

Malacunnuttu – s. m. Cattivo soggetto, tipo da galera.

Malacuriu – s. m. Triste presagio.

Malaffiratu - agg. Affidato in cattive mani, a persona di pochi scrupoli.

Malaffirratu - agg. Preso, afferrato in modo sbagliato.

Malaffittatu - agg. Affittato a persone cattive, disoneste, in debito con la giustizia.

Malaffittu – s. m. Cattivo affitto, non confacente.

Malaffiziunatu - agg. Legato da ipocrita affezione.

Malaffunnatu – agg. Affondato in malo modo.

Malaffussatu – agg. Impelagato in malo modo.

Malafimmina – s. f. Prostituta, donna perversa, malvagia, bugiarda.

Malafini – s. f. Fine disastrosa, nefasta.

Malafiri – s. f. Stato d'animo di chi opera o parla contrariamente a quello che pensa, a fine d'ingannare.

Malafiura – s. f. Figuraccia, pessima figura.

Malafiurista – s. f. Persona abituata a fare figuracce.

Malaiurnata – s. f. Giornata in cui va tutto storto o dalle cattive condizioni atmosferiche.

Malalingua – s. f. Maldicente, bugiardo.

Malamenti - avv. In malo modo.

Malamicizia – s. f. Cattiva amicizia.

Malamicu - agg. Cattivo amico.

Malammirnata – s. f. Cattivo inverno.

Malammiscata – s. f. - agg. Assortita malamente, insufficiente rimescolata con le carte da gioco.

Malamorti – s. f. Cattiva morte, morte violenta.

Malamuri – s. m. Falso amore.

Malancunia – s. f. Malinconia, tristezza.

Malandrinaria – s. f. Sopruso, violenza, malvagità, cattiveria.

Malandrinazzu – s. m. Cattivo soggetto, mafioso| agg. Prepotente, che esige rispetto e incute paura.

Malandrineddru - agg. Di ragazzo, cattivo, prepotente| s. m. Ragazzo prepotente.

Malandrinu – s. m. Cattivo soggetto, mafioso| agg. Prepotente, che incute paura.

Malannata – s. f. Anno avverso, contrario.

Malannuminata – s. f. Cattiva nomea, brutta fama, cattivo passato.

Malanova – s. f. Disgrazia, cattiva notizia, triste presagio.

Malanuttata – s. f. Notte mal trascorsa per indisposizione, cattiva notizia, brutti pensieri.

Malaparata - s. f. Comportamento ostile, situazione sfavorevole.

Malaparteri – agg. Cattivo, vendicativo, capace di far male.

Malaparti – s. f. Cattiva azione, offesa, mal comportamento, partaccia.

Malapigghiarisi – rifl. Contrastarsi in malo modo.

Malapigghiatu – agg. Non aver assoggettato.

Malapinsata – s. f. Cattiva idea, mal pensiero.

Malapinseri – s. m. Cattiva opinione, brutta idea.

Malapisari – tr. Ingannare nel peso.

Malapisatu – agg. Non pesato come si deve.

Malapparteniri - intr. Essere di proprietà di cattivo soggetto.

Malappartinutu – agg. Di proprietà di cattivo soggetto.

Malappistatu – agg. Che ha contratto brutta malattia.

Malappisu – agg. Appeso in modo sbagliato.

Malappuntatu - agg. Male appeso, annotato, appuntato, graduato dell'arma che gode di cattiva fama.

Malarrivatu - agg. Arrivato in condizioni pietose, misere, infelici.

Malarucatu – s. m. e agg. Chi o che ha avuto cattiva educazione.

Malarucazioni – s. f. Cattivo comportamento con persone.

Malasira, malasirata, malasiritina – s. f. Brutta serata.

Malatazzu - agg. Molto malato, di malattia incurabile.

Malateddru - agg. Indisposto, lievemente ammalato.

Malatia – s. f. Malattia, malessere del fisico.

Malatizzu - agg. Molto malato, con poche possibilità di guarigione.

Malauguriu, malauriu – s. m. Triste presagio.

Malavintura – s. f. Cattiva e sfortunata avventura|  agg. Persona sfortunata, sventurata.

Malavinturusu – s. m. Chi passa o subisce le conseguenze di una malaventura.

Malavogghia, malavoglia – s. f. Cattiva volontà, indolenza, apatia.

Malavota – s. f. Pessima volta.

Malazioni – s. f. Gestaccio, brutto comportamento.

Malaziunariu, malaziuneri, malaziunista – s. m. Chi, per abitudine, commette cattive azioni| agg. Cattivo, malvagio, vendicativo.

Mali – s. m. Male, contrario di bene, danno, disgrazia| avv. Malamente.

Malibbanni – loc. Luoghi brutti| Iri a M. - deviare dalla giusta via.

Maliceddru - agg. Leggero malessere, piccolo male.

Malignazzu - agg. Malvagio, perverso, cattivo oltre il dovuto.

Maligneddru - agg. Diffidente, che non si fida degli altri.

Malinsignatu - agg. Mal cresciuto, maleducato.

Malintisu - agg. Mal capito, frainteso| s. m. Incomprensione.

Maliriciri – tr.  Maledire.

Malarizioni – s. f. Atto del maledire.

Maliziusazzu - agg. Assai scostumato.

Maliziuseddru - agg. Poco traviato.

Maliziusu - agg. Traviato, perverso, che pensa sempre in negativo.

Malomu – s. m. Uomo cattivo, bugiardo, perverso.

Malu – s. m. Cattivo| s. m. Malvagità, cattiveria | v. mali.

Malucarutu – agg. Caduto in malo modo, tanto da farsi male.

Malucavatu – agg. persona di moralità criticabile |Curtu e M. - Corto e M. = Essere basso e non solo.

Malucchiata – s. f. Sguardo sinistro, vendicativo.

Malucchiatu – agg. Guardato con sospetto, con cattiveria.

Malucumminatu - agg. Messo male, conciato male.

Malufigghiu – s. m. La pecora nera della famiglia.

Malujutu, maluiutu – s. m. malandato, sciupato, in cattive condizioni, andato a male (riferito sia  a cose che a persone)

Malumaritu – s. m. Cattivo, despota.

Malummira – s. f. Che non ha voce in capitolo, che fa solo numero.

Malunsignatu – agg. Educato male, irrispettoso.  

Malupagaturi - s. m. Persona che non rispetta i termini di un pagamento.

Malupilu - agg. Malpelo, rosso, ribelle.

Malupinsanti – s. m. - agg. Scorretto.

Malupìsci – s. m. Pesce cattivo, persona di pessimo carattere, permalosa, irritabile ed irritante, squalo.

Malupinseri – s. m. Cattiva intenzione.

Malupruceriri, malupruciriri – intr. Mal comportarsi.

Maluprucirusu - agg. Insoddisfatto, non incline a far bene, brusco, irascibile, vendicativo.

Malusignu – s. m. Cattivo presentimento, brutto segno.

Malusinturi – s. m. Cattivo presagio, brutto presentimento.

Malustari – s. m. Indisposizione fisica momentanea.

Malustatu – s. m. Cattiva condizione fisica o economica, indisposizione.

Malutempu -  s. m. Insieme di vento e pioggia, tempesta, burrasca.

Maluversu – s. m. Cattiva sistemazione| sbagliata conduzione della casa, di un’azienda | cattivo soggetto.

Maluvintazzu – s. m. Ventaccio avverso, brutto, dannoso.

Maluvinnutu – agg. Venduto a prezzo stracciato.

Maluvinutu - agg. Indesiderato, venuto male.

Maluvistu - agg. Avversato, contrariato, perseguitato.

Maluvistutu - agg. Trasandato.

Maluvuliri – s. m. Mal volere, cattiva volontà.

Maluvulutu - agg. Indesiderato, male accettato.

Maluvutatu – agg. Che non è stato girato adeguatamente.

Maluzzu - avv. Non tanto bene.

Mammaddrau – s. m. Mostro delle favole.

Mammana – s. f. Ostetrica, levatrice.

Mammasantissima – s. f. Persona seria e dall'aspetto dignitoso, austero, riverito, il decano della mafia.

Mammulinu, mammuluni – sm Persona attaccata morbosamente alla mamma.

Mammuna – s. f. Mamma che incute rispetto| austera, severa.

Mammuzza – s. f. Mamma affettuosa, premurosa.

Managgevulizza – s. f. Facilità di maneggio, facile uso.

Manata – s. f. Schiaffo, ceffone, sberla, quanta roba può stringere una mano.

Manatazza – s. f. Gran ceffone, forte sberla, più cose raccolte con la mano.

Manateddra – s. f. Leggero schiaffo, pacca sulle spalle.

Manatina – s. f. Leggera pacca.

Manatuna – s. f. Gran ceffone.

Manazza - sf. Grande o robusta mano.

Manca – agg. Sinistra.

Mancarizzi – s. f. Serie di atti maleducati.

Mancatina, mancatura – s. f. Errore, colpa, ammanco, privazione.

Manchivulizza – s. f. Errore, colpa, difetto.

Manciafrancu - s. m. Scroccone, profittatore, sbafatore.

Manciatariu - s. m. Mangione, ingordo, ghiottone.

Manciatura - s. f. Mangiatoia per animali.

Mancìu – s. m. Prurito, formicolio.

Mancognu – s. m. Frutto dolce simile alla mela, Caco.

Mancu - avv. Neanche, neppure, nemmeno.

Mancu, mancusu - agg. Mancino, sinistro.

Mandarinazzu – s. m. Grosso o brutto mandarino.

Mandarineddru – s. m. Piccolo mandarino.

Mandarinu – s. m. Albero simile all'arancio, frutto rotondo simile all'arancia, ma più piccolo e più dolce.

Mandulinazzu – s. m. Grande o brutto mandolino.

Mandulineddru – s. m. Piccolo mandolino.

Manera – s. f. Modo, garbo.

Manganeddru- s. m. Bastoncino flessibile in dotazione alla polizia.

Manganiddrari - intr. Percuotere col manganello.

Manganiddrata – s. f. Colpo inferto col manganello.

Manganiddrazzu – s. m. Grosso o brutto manganello.

Manganiddriari - intr. Percuotere.

Mangevuli – agg. Piacevole al palato, gustoso.

Mangiacasi – s. m. Spendaccione, sprecone, scialacquatore.

Mangiapaniatrarimentu – loc. Buono a nulla, fannullone, parassita, scroccone.

Mangiari - tr. Masticare il cibo e inghiottirlo, prudere| s. m. Cibo, pranzo.

Mangiarisi - rifl. Rodersi dentro.

Mangiarizzi – s. m. Serie di cose da masticare| Scorpacciate di cibarie, godurie.

Mangiataru - agg. Che si lascia corrompere.

Mangiatazza – s. f. Grande o brutto pasto.

Mangiatazzu - agg. Troppo rosicchiato, corroso.

Mangiateddra – s. f. Piacevole, piccolo pasto.

Mangiateddru - agg. Poco rosicchiato, corroso.

Mangiatina – s. f. Pasto, nutrimento.

Mangiatizzu - agg. Troppo rosicchiato, corroso.

Mangiatura – s. f. Contenitore della stalla dove si dà da mangiare alle bestie |Azione del mangiare.

Mangiaturata – s. f. Contenuto di una mangiatoia.

Mangiaturazza – s. f. Grande o brutta mangiatoia.

Mangiatureddra – s. f. Piccola mangiatoia.

Mangiaturi - agg. Mangione, pappone.

Mangiugghia, mangigghia – s. f. Specie di rendita, regalia equivalente a corruzione, tangente, mangeria | vitalizio, pizzo.

Mangiunaria – s. f. Ingordigia, appetito incontenibile.

Mangiunazzu - agg. Pappone, ingordo.

Mangiuneddru - agg. Di bambino, pappone, ingordo.

Mangiuni - agg. Che mangia con molto appetito.

Maniabili – agg. Atto ad essere maneggiato, manipolato| maneggevole.

Maniamentu – s. m. Il maneggiare, uso.

Maniari - tr. Toccare e ritoccare, con le mani o con attrezzi che hanno attinenza con le mani, palpeggiare, manipolare, contare denari, toccare la frutta prima di prendere quella voluta.

Maniata – s. f. Branco, manipolo, insieme di persone o di animali.

Maniatazza – s. f. Lungo manipolare di cose.

Maniatazzu - agg. Molto toccato con le mani.

Maniateddra  - s. f. Momentaneo manipolar delle cose.

Maniateddru - agg. Poco toccato e ritoccato con le mani.

Maniatina – s. f. L'atto del toccare più volte una cosa.

Maniatizzu - agg. Molto toccato con le mani.

Maniatu – agg. Toccato con le mani, maltrattato.

Maniatura – s. f. L’atto e l’insistenza con cui si sogliono toccare le cose| Manipolazione.

Maniaturi – s. m. Chi ha la mania di toccare le cose | Manipolatore.

Manicatorta - agg. Imbroglione, pessimo pagatore.

Manicazza - sf. Ampia o brutta manica.

Manicazzu – s. m. Grosso o brutto manico.

Manicheddra – s. f. Piccola manica.

Manicheddru – s. m. Staffile, manico della frusta.

Manicuni – s. m. Grande manico.

Manifistazzu – s. m. Grande o brutto manifesto.

Manifisteddru, manifistinu – s. m. Piccolo manifesto.

Manifistuni – s. m. Grande manifesto.

Maniggheddra – s. f. Piccola maniglia.

Manigghia – s. f. Pezzo di metallo fisso per aprire o sollevare, maniglia.

Manigghiata – s. f. Colpo dato con la maniglia.

Manigghiazza – s. f. Grossa o brutta maniglia.

Manigghiuni – s. m. Grande maniglia.

Maniscu - agg. Pronto a usare le mani, litigioso.

Manìu – s. m. Possibilità di disporre,  denaro che passa ogni giorno per le mani di uno.

Mannanti – s. m. Chi induce altri a commettere crimini.

Mannàra – s. f. Scure a doppio taglio usata dal boia, mezzaluna per tritare carne e simile.

Mànnara – s. f. Luogo in cui sono custodite le pecore, ovile.

Mannarata – s. f. Numero di ovini.

Mannarazza – s. f. Grande recinto per animali.

Mannareddra, mannariceddra – s. f. Piccolo recinto per animali.

Mannari - tr. Dare commissione con comando , che uno vada, trasmettere, inviare, spedire, allontanare, cacciar via.

Mannaruna – s. f. Grande ovile, ampia recinzione.

Mannaruzza – s. f. Piccolo ovile, modesta recinzione.

Mannatu – s. m. Commissione, incarico, ordine di pagamento| Incaricato.

Mannaturi – s. m. Chi dà incarico.

Mannò - avv. Altrimenti, casomai, oppure.

Manopira, manopra – s. f. Manovra.

Manta – s. f. Coperta, coltre.

Manteniri - intr. Mantenere, tenere con le mani| M. la famigghia - mantenere la famiglia.

Mantinirisi - rifl. Sostentarsi, sapersi ben comportare, sorreggersi.

Mantinutu – s. m. Parassita| Fari u M. - vivere alle spalle altrui.

Manualazzu – s. m. Operaio edile cui sono affidati lavori umili e comunque di scarse capacità.

Manualeddru – s. m. Giovane, inesperto operaio edile.

Manu – s. f. Mano |M. M.  – man mano.

Manufina – s. m. Ladro, borseggiatore | anche:  manu fina.

Manuleggia – s. f. Borseggiatore, scassinatore| anche:  manu leggia.

Manulesta – s. m. Ladro, borseggiatore| anche manu lesta.

Manulonga – s. m. Ladro, chi arriva dove vuole, persona influente| anche manu longa.

Manumanu - loc. Subito, improvvisamente, a mano a mano.

Manumoddra – s. f. Lento, apatico, poco energico.

Manumorta – s. f. Apatia, lentezza.

Manuna – s. f. Grande mano.

Manuveddra -  S. f.  Manovella.

Manuzza – s. f. Piccola mano | attrezzo per la raccolta delle olive | Manu M. – mano nella mano.

Manzu - agg. Tranquillo, docile, calmo.

Mappazza – s. f. Grande o brutta mappa.

Mappiceddra – s. f. Piccola mappa, stralcio.

Mappina – s. f. Tovagliolo per asciugare piatti e stoviglie.

Mappinata – s. f. Asciugata di tovagliolo.

Mappinazza – s. f. Grande o brutta Mappina.

Mappineddra – s. f. Piccola mappina.

Mappinuna – s.f. Grande mappina.

Mappuna – s. f. Grande mappa.

Mara – s. f.  Maga, donna che riesce ad incantare, che è tutta in disordine, spettinata.

Maraggiata – s. f.  Fenomeno che si ha quando il moto ondoso presso le coste raggiunge il massimo della sua intensità e potenza, e le masse acquee subiscono una traslazione violenta e subitanea.

Marapertu – s. m. Lontano dalla spiaggia, mare profondo.

Maravigghia – s. f. Stranezza, commozione d'animo, stupore nel vedere cosa rara o perfetta, meraviglia.

Maravigghiari - tr. Suscitare meraviglia, stupire.

Maravigghiarisi - rifl. Stupirsi, restare meravigliato.

Maravigghiatu - agg. Stupito, allibito, sbalordito.

Maravigghiusu - agg. Che cagiona meraviglia, stupore.

Maravigghiuzza – s. f. Piccola meraviglia.

Marazzi – s. f. |V. Mmarazzi. 

Marazzari – tr. Ingombrare |V. Ammarazzari.

Marcatina – s. f. L'atto del marcare, del porre il segno, nel fermare l’avversario.

Marcatizzu - agg. Molto ben marcato, segnato in più parti.

Marcatu - agg. Che ha il marchio, il segno, l’impronta| contrastato, ostacolato.

Marcaturi - agg. – s. m. Chi o che marca, contrasta, ostacola, appone il marchio.

Marcazza – s. f. Grande o brutta marca, impronta.

Marchevuli - agg. Che si può imprimere, evidenziare.

Marchiari – tr. Apporre, imprimere il marchio, il segno, timbrare.

Marchiceddra – s. f. Marca di poca rilevanza, scadente.

Marchiceddru – s. m. Piccolo marchio.

Marchisazzu – s. m. Brutto o rigoroso marchese.

Marchiseddru – s. m. Giovane marchese.

Marchisi – s. m. Titolo nobiliare tra duca e conte, periodo mestruale della donna.

Marchisinu – s. m. Giovane marchese.

Marchittina – s. f. Piccola marchetta, atto del meretricio. (Le ragazze di una casa di tolleranza ricevevano dalla tenutaria per ogni prestazione una marchetta, agli effetti del conteggio).

Marchittuna – s. f. Grossa marchetta.

Marchiu – s. m. Segno o stampo particolare per riconoscere le proprie cose, impronta d'infamia, sigillo.

Marchiuni – s. m. Grosso marchio.

Marchiuzzu – s. m. Piccolo marchio.

Marciateddru - agg. Poco marcito.

Marciatina – s. f. L'atto del marciare o del marcire.

Marciatizzu - agg. Molto marcio.

Marciazza – s. f. Grande o brutta marcia.

Marciazzu - agg. Troppo marcio, corrotto.

Marcibili – agg. Deteriorabile, di facile contaminazione.

Marcimentu – s. m. Deterioramento, fase di contaminazione di un prodotto.

Marciri – tr. Deterioramento di un prodotto ortofrutticolo.

Marciteddra – s. f. Breve marcia.

Marciteddru - agg. Poco marcio.

Marciu - agg. Guasto, avariato, corrotto, fradicio, bacato.

Marciumi – s. m. Quantità di cose marce.

Marciuna – s. f. Lunga marcia.

Marciuni - agg. Troppo corrotto, avariato.

Marciuzza – s. f. Piccola marcia.

Maregna – s. f. Moneta d'oro del valore di venti franchi.

Marètamu, marètimu  – s. m. Marettimo, una delle isole Egadi.

Margarita, marghirita – s. f. Noto fiore prataiolo.

Margiazzu - agg. Troppo basso, acquitrinoso.

Margiteddru - agg. Poco acquitrinoso.

Margiu – s. m. Luogo basso dove l'acqua si ferma e muore| agg. Paludoso, fangoso | Molto noti , a Mazara, i Gorghi Tondi.

Margiusu - agg. Di terreno, basso,  paludoso.

Marinaria – s. f. Tutto ciò che riguarda la marina.

Marinariscu - agg. Di marinaio.

Marinarismu – s. m. Categoria cui appartengono i marinai.

Marinaru – s. m. Addetto al servizio di una nave, soldato di marina, pescatore.

Mariolu – s. m. - agg. Bugiardo abituale, falso, imbroglione.

Mariranni – s. m. Oceano.

Maritari - tr. Unire in matrimonio.

Maritarisi - rifl. Unirsi in matrimonio.

Maritatina – s. f. Matrimonio, l'atto dello sposarsi, stato di chi è sposato.

Maritazzu – s. m. Marito violento, brutale.

Mariteddru, marituzzu – s. m. Marito premuroso, comprensivo, gentile, generoso, di poco peso.

Marituni – s. m. Gran marito, di successo.

Mariulazzu - agg. Gran bugiardo, imbroglione.

Mariuleddru - agg. Piccolo bugiardo, imbroglione.

Mariuluni - agg. Gran bugiardo, imbroglione.

Marmagghia – s. f. Quantità di gente vile, minutame, cose piccole, i ragazzi accanto agli uomini, gentaglia, marmaglia.

Marmaru – s. m. Roccia metamorfica composta prevalentemente di carbonato di calcio, marmo.

Marmittazza – s. f. Grande o brutta marmitta.

Marmitteddra – s. f. Piccola marmitta.

Marmoriu - agg. Di marmo.

Marmuraru – s. m. Venditore o lavoratore di marmi.

Marmuzzu – s. m. Piccolo pezzo di marmo.

Maronna – s. f. La Madonna | M. mia! – Madonna mia!

Marpiunaria – s. f. Furberia, azione da furfante.

Marpiunazzu - agg. Gran furbacchione.

Marpiuneddru - agg. Piccolo furbacchione, furfantello.

Marpiuni - agg. Marpione, furfante, furbacchione, imbroglione.

Marranzanu – s. m. Scacciapensieri, strumento a fiato tipico della Sicilia.

Marrascata  – s. f. Burrasca, tempesta.

Marrastra – s. f. Matrigna.

Marreddra – s. f. Matassa, quantità di filo o spago avvolto e fermato in un certo punto, complotto, fatto ordito, intricato.

Marriddrari - tr. Formare, fare matasse, pensare in modo contorto, architettare.

Marriddraru – s. m. Chi avvolge in matasse, che racconta, inventa frottole, complotta| Imbroglione.

Marriddrata, marriddratina – s. f. Atto e effetto dell'avvolgere in matassa.

Marriddratu - agg. Avvolto in matasse, ordito, complottato, intricato, contorto.

Marriddraturi – s. m. - agg. Chi o che avvolge in matasse, ordisce intrighi.

Marriddrazza – s. f. Grossa o brutta matassa.

Marriddriari - tr. V. marriddrari.

Marriddriu – s. m. Imbroglio.

Marriddruna – s. f. Grossa matassa.

Marriddrusu - agg. Imbroglione, cavilloso.

Marriddruzza – s. f. Piccola matassa.

Marrò - agg. Del colore della castagna, marrone.

Marrubbiata – s. f. L’Azione del marrobbio.

Marrobbiu – s. m. Marrobbio (fenomeno di onda anomala) | Il fenomeno è  una repentina, imprevedibile e sensibile variazione del livello del mare. Questo fenomeno può assumere notevoli proporzioni (sono stati registrati movimenti di ben 150 centimetri) soprattutto in primavera ed in autunno. A Mazara il fiume Màzaro (fiume spiritato) è una grossa preoccupazione per le barche in porto che vengono sbattute di qua e di là e le attrezzature subiscono danni più o meno gravi.

Marruggeddru, marruggiuzzu  – s. m. Piccolo manico di attrezzo da lavoro o di scopa.

Marruggiamentu – s. m. Il munire di manico un attrezzo da lavoro  o scopa.

Marruggiari - tr. Munire di manico un qualunque attrezzo da lavoro o scopa.

Marruggiata – s. f. Colpo dato col manico di un attrezzo o di scopa.

Marruggiatina, marruggiatura – s. f. Atto del munire di manico un attrezzo o una scopa.

Marruggiazzu – s. m. Grosso o brutto bastone per manici..

Marruggiu  - s. m. Manico di scopa o di attrezzi da lavoro come zappa, badile, piccone.

Marruggiuni – s. m. Grosso manico.

Marteddru – s. m. Attrezzo per battere colpi e picchiare su qualsiasi materiale, martello.

Martiddrabili - agg. Da martellare, battere.

Martiddramentu – s. m. Il martellare, insistenza.

Martiddrari - intr. Percuotere, battere, insistere, tormentare.

Martiddrata – s. f. Colpo di martello.

Martiddrazzu – s. m. Grosso o brutto martello.

Martiddriari – intr. Dare di, usare il martello.

Martiddrina – s. f. Tipo di piccone in formato ridotto provvisto di manico col taglio da una parte e la punta dall'altra.

Martiddrìu – s. m. Il rumore proprio del martello in uso.

Martiddruni – s. m. Grosso martello.

Martiddruzzu – s. m. Piccolo martello.

Martiri – s. m. Chi rende testimonianza della fede, di un'idea anche a costo della vita| Secondo giorno della settimana.

Martiria, martiri – s. m. Secondo giorno della settimana.

Martirizzari - intr. Far soffrire, tormentare, sottoporre a vessazioni fino a morire.

Martoriari - V. Marturiari.

Martoriu – s. m. Suono di campana che annunzia un triste evento.

Marturiamentu – s. m. L'opprimere.

Marturiari - intr. Tormentare, torturare, martirizzare.

Maru – s. m. Mago, maliardo che opera malefici.

Marunazzu – s. m. Mattone pressato per pilastri o muri portanti.

Maruneddru – s. m. Piccolo mattone per pavimentazione.

Maruni – s. m. Ritaglio di terracotta, di scaglia di marmo e cemento, di marmo a forma quadrata o rettangolare  per pavimentazione | Mattone.

Marva – s. f. Pianta erbacea le cui tisane sono usate come calmante, emolliente e lassativo.

Marvagiamenti – avv. Con malvagità.

Marvagità – s. f. Cattiveria.

Marvagiu – agg. Perverso, perfido, infame, cattivo.

Marzianu – s. m. Abitatore di Marte o di altro pianeta |persona di statura molto bassa.

Marzulinu - agg. Che è nato nel mese di marzo, relativo a mese.

Mascagna – s. f. Pettinatura all'indietro, resa famosa da Mascagni.

Mascara – s. f. Camuffamento del  viso, maschera.

Mascarari - tr. Nascondere, camuffare, mascherare.

Mascaratu - agg. Che ha la maschera, simpaticone, che fa ridere.

Mascarazza – s. f. Grande o brutta maschera.

Mascariari - tr. Imbrattare, lordare, insudiciare.

Mascariata – s. f. Imbrattatura.

Mascariatazza – s. f. Abbondante imbrattare di cose.

Mascariatazzu - agg. Molto imbrattato.

Mascariateddra – s. f. Leggero imbrattare di cose.

Mascariateddru - agg. Poco imbrattato.

Mascariatina – s. f. Lordura, unzione, atto dell'imbrattare.

Mascariatu - agg. Imbrattato, lordato, sporcato.

Mascariuni – s. m. Segno di sporco troppo evidente sul viso.

Mascariusu – agg. Imbrattatore.

Mascaruna – s. f. Grande maschera.

Mascarunata – s. f. Imbrattamento, lordura di cose.

Mascaruni – s. m. V. mascariuni.

Mascarzunata – s. f. Azione da vile, birbonata.

Mascarzunazzu – s. m. - agg. Persona spregevole.

Mascarzuneddru – s. m. - agg. Vigliacchetto.

Mascarzuni – s. m. - agg. Vile, abietto, spregevole.

Masciddra – s. f. Guancia, gota, mascella.

Masciddrari - intr. Schiaffeggiare, prendere a schiaffi| v. masciddriari.

Masciddraru – s. m. Mandibola, osso mobile della mascella.

Masciddrata – s. f. Schiaffo, manata.

Masciddrazza – s. f. Mascella ben pasciuta, sviluppata.

Masciddriari - intr. Schiaffeggiare.

Masciddriatu – agg. Preso a schiaffi.

Masciddruna – s. f. Grossa mascella.

Masciddruzza – s. f. Piccola mascella.

Masculazzu - agg. – s. m. Comportamento mascolino.

Masculiddru – s. m. Bambino di sesso maschile. 

Masculinu - agg. Di maschio.

Masculu – s. m. Maschio, contrario di femmina.

Masculuni – s. m. Grande maschio, senza ombra di dubbio.

Mascunata – s. f. Insieme di fuochi d'artificio, serie di botti, di petardi nelle feste paesane.

Mascunazzu – s. m. Grande botto, grosso petardo, mortaretto.

Mascuneddru – s. m. Piccolo botto, petardo, mortaretto.

Mascuni – s. m. Mortaretto, petardo, botto.

Mascuniata – s. f. V. mascunata.

Masinnò - loc. Casomai, altrimenti, sennò, oppure, diversamente, in caso contrario.

Massara – s. f. Donna dedita alle faccende di casa, moglie del massaio.

Massaria – s. f. L’azienda del massaio.

Massarisimu – s. m. Categoria cui fanno parte i coltivatori diretti.

Massarizi – s. m. L'insieme dei beni di una casa, di un massaio.

Massarottu – s. m. Contadino con pochi appezzamenti di terreno, giovane massaio.

Massaru – s. m. Coltivatore diretto, colono, proprietario terriero che lavora in proprio, salariato fisso a servizio del padrone.

Massaruni – s. m. Proprietario e coltivatore di molti terreni, esperto nell’arte di condurre la masseria.

Massaruzzu – s. m. Piccolo coltivatore diretto, figlio del massaio.

Massettu – s. m. Massicciata, gettito di calcestruzzo prima della pavimentazione stradale.

Massicciaturi – s. m. Operaio addetto alla esecuzione della massicciata.

Massimu - agg. Grandissimo| avv. Tutt’al più.

Massimumassimu – loc. Tutt’al più.

Masticamastica – s. f. Gomma da masticare. 

Masticatina – s. f. Atto e effetto del masticare.

Masticatu - agg. Triturato coi denti.

Masticaturi – s. m. - agg. Chi o che mastica, ruminante.

Mastichiari - intr. Tentennare, non essere convinto, titubare, parlare con difficoltà.

Mastichìu – s. m. Rumore caratteristico del masticare| tentennamento, diffidenza.

Mastra – s. f. Sarta, maestra di taglio e cucito| Essiri M. - sapere il fatto suo, essere esperta.

Mastria – s. f. Prestazione di mastro, confezione di un lavoro ben fatto, compenso per la mano d’opera.

Mastriari – intr. Esercitare la propria professione, il mestiere.

Mastricchiari - tr. Improvvisare, fare, adoperarsi in lavori che esulano da competenze specifiche.

Mastriceddra – s. f. Sartina, persona poco esperta.

Mastriceddru – s. m. Giovane artigiano inesperto, muratore poco pratico.

Mastriggiu – s. m. La vita lavorativa di un muratore, attività artigianale.

Mastru – s. m. Artigiano, chi insegna arte manuale, chi tiene bottega, dal fabbro al barbiere, dal sarto al fabbro ferraio, al muratore| M. d’ascia – falegname| M. firraru - fabbro| M. furnaru - fornaio, panificatore| M. scarparu – calzolaio| Iri a M. - imparare un mestiere| Libru M. - registro del dare e dell'avere.

Mastruni – s. m. Artigiano molto quotato e specialmente il muratore.

Mastrurascia – s. m. Falegname = M. d’opiri fini per distinguer lo dal Carradore(M. d’opiri grossi) |V. Varcaloru.

Mastruzzu – s. m. Giovane o inesperto artigiano e specialmente il muratore.

Masuni - V. vasuni.

Matacubbu – s. m. Oggetto o persona ingombrante, pesante e inutile.

Matalotta – s. m. Tipo di salsa molto buona per cucinare piatti a base di pesce | per saperne di più: http://www.andreasormani.altervista.org/antipasti.html#_35

Matapollu – s. m. Tela leggera di cotone, usata per la confezione di biancheria, madapolam.

Mataroccu –s. m. Tipo di salsa molto buona per cucinare piatti a base di pesce | per saperne di più:

http://www.andreasormani.altervista.org/antipasti.html#_35

Matarazzaru/a – s. m. Chi confeziona o vende materassi.

Matarazzazzu – s. m. Grande o brutto materasso.

Matarazzeddru, matarazzinu – s. m. Piccolo materasso.

Matarazzu – s. m. Confezione di stoffa riempita di lana o di altro su cui ci si corica, materasso.

Matarazzuni – s. m. Grande materasso.

Matassa – s. f. V. Marreddra.

Matassazza – s. f. Grande o brutta matassa.

Matasseddra, matassina – s. f. Piccola matassa.

Matassuna – s. f. Grande matassa.

Matassuni – s. m. Grande matassa di lana.

Materia – s. f. Sangue infetto, pus.

Matina – s. f. La prima parte del giorno fino a mezzogiorno, mattino.

Matinata – s. f.  Mattinata |V. matina | Fari matinati - alzarsi di buon mattino.

Matinateddra – s. f. Buona mattinata dove tutto va per il verso giusto.

Matinazza – s. f. Brutta mattinata, dove tutto va storto.

Matineddra – s. f. Piacevole mattinata, di buon ora.

Matineddru - avv. Presto, di buon ora.

Matineri – s. m. - agg. Chi o che ha l'abitudine di alzarsi presto la mattina.

Matinu – s. m. V. Matina |susisi M. - alzarsi presto.

Matinuna – s. f. Mattina da ricordare.

Matinuzza – s. f. Mattina favorevole.

Matiriali - agg. Di persona, rozza, incivile, manesca| di cosa - che occupa molto spazio, voluminosa, corpulenta, ingombrante| s. m. Insieme di cose da usare.

Matitazza – s. f. Lunga o grossa matita.

Matiteddra, matituzza – s. f. Piccola matita.

Matituna – s. f. Grossa matita.

Matrastra – s. f. Donna che ha preso il posto della mamma morta, cattiva madre| v. parrastra.

Matrazza - s. f. Malessere generale concentrato nello stomaco che  provoca fastidiosi movimenti d’aria, gonfiore e dolore che si diffondono fino a dare fastidio alle spalle. Causato da una cattiva digestione, ma alcune volte può essere conseguenza di una serie di gravi dispiaceri che, accumulandosi nel tempo, provocano soprattutto nelle donne una fastidiosa situazione di malessere.

Matri – s. f. Donna con figli, genitrice, madre |Beddra M. - la Madonna | M. batissa - suora a capo di badia.

Matrimuniazzu – s. m. Grande o brutto matrimonio.

Matrimuniuni – s. m. Matrimonio ben riuscito, vantaggioso.

Matrimuniuzzu – s. m. Modesto matrimonio.

Matriperla – s. f. Conchiglia che contiene in sé la perla.

Matruna – s. f. Donna autorevole per età e nobiltà d'animo.

Matruzza – s. f. Mamma affettuosa.

Mattanza – s. f. Fase finale della pesca del tonno durante la quale i grossi pesci, giunti nell'ultimo compartimento della tonnara ( camera della morte ), vengono uccisi.

Mattareddru, mattarellu – s. m. V. lasagnaturi.

Mattula – s. f. Cotone idrofilo, ovatta, bambagia.

Mattuliddra – s. f. Sensazione di leggerezza, piccolo batuffolo di cotone.

Mattuliddru - agg. Un po' opaco, poco lucido, squilibrato.

Mattulusu – agg. Soffice e leggero, come il cotone sgranellato.

Maturdu – agg. Testardo, distaccato, alienato.

Matureddru - agg. Poco maturo.

Maumau - agg. Primitivo, tribale.

Mazza – s. f. Grosso bastone per battere le biade, sorta di grosso martello usato per battere sull'incudine o per fissare pali.

Mazzacanata – s. f. Nel gergo dei muratori, colpo di pietra, sassata.

Mazzacanazzu – s. m. Grossa pietra per muratura.

Mazzacaneddru – s. m. Piccola pietra a uso dei muratori.

Mazzacani – s. m. Ciottolo, pezzo di pietra informe di varia pezzatura, letteralmente allontana cane.

Mazzamagghia – s. f. Marmaglia, insieme di ragazzini indisciplinati.

Mazzamareddru – s. m. Tromba d’aria, vento forte e potente.

Mazzami – s. f. Ciò che rimane di cose grosse, minutaglia di pesce.

Màzzara – s. f. Masso, più o meno grosso, usato come zavorra  e legato ad una cima, come àncora |Pigghiati na M. – Augurare a qualcuno di suicidarsi buttandosi a mare con un sasso al collo.

Mazzareddra – s. f. Piccola màzzara.

Mazzariddrari, mazzariddriari tr. Battere con la mazza, dare di mazza.

Mazzateddri – s. m. In generale botte date senza cattiveria, batoste.

Mazzazza – s. f. Grande o brutta mazza.

Mazzazzu – s. m. Grosso o brutto mazzo.

Mazzettari - V. mazzittari.

Mazzetta – s. f. Piccola mazza o martello con manico corto | Somma di denaro pagato da chi vuole corrompere qualcuno o da chi è vittima di un'estorsione.

Mazzettu – s. m. Piccolo mazzo di fiori.

Mazziari - tr. Battere con la mazza, specialmente le spighe, confezionare mazzetti, percuotere.

Mazziatina – s. f. L'atto e l'effetto del battere con la mazza o del fare mazzetti.

Mazziatu – agg. Battuto con la mazza.

Mazziatura – s. f. Trasformazione in mazzetti, battitura, l’atto del battere con la mazza.

Mazziaturi – s. m. Chi batte con la mazza per lavoro.

Mazziceddra – s. f. Piccola mazza.

Mazziceddru – s. m. Piccolo mazzo di fiori.

Mmazziteddra, mazzuddra – s. f. Piccola mazza.

Mazziteddru – s. m. Piccolo mazzetto.

Mazzittamentu – s. m. Il fare mazzetti.

Mazzittari - tr. Fare, disporre in mazzi.

Mazzittata – s. f. Grosso mazzetto, il fare mazzetti.

Mazzittateddru - agg. Poco mazzettato.

Mazzittatina – s. f. L'atto del far mazzetti.

Mazzittatu - agg. Raccolto e legato a mazzetto.

Mazzittatura – s. f. Punto in cui si lega il mazzetto.

Mazzittaturi – s. m. Persona addetta a raccogliere e a far mazzi.

Mazzittiari - tr. Fare, trasformare in mazzetti  i fiori.

Mazzittinu – s. m. Piccolo mazzo.

Mazzittuni – s. m. Grosso mazzo.

Mazzittuzzu – s. m. Piccolo mazzo.

Mazzocculu – s. m. Martello di ferro pesante a uso dei muratori, di legno usato dai bottai.

Mazzola, mazzolu – s. f. Piccola mazza, mazzuolo.

Mazzu – s. m. Piccola quantità di fiori o ortaggi, quantità di cose costituenti un unico corpo | anche Culo.

Mazzuliàri  - tr. Punire, castigare con severità, usare la mazzola.

Mazzunamentu – s. m. Il far mazzi, fascine di fiori o ortaggi.

Mazzunata – s. f. Il fare un grosso fascio, colpo di mazza.

Mazzunateddru - agg. Leggermente legato a mazzo.

Mazzunatina – s. f. L'atto del fare mazzetti.

Mazzunatu – agg. Fatto a mazzetto.

Mazzunaturi – s. m. Chi raccoglie e dispone a mazzi, a fascine.

Mazzuneddru – s. m. Piccolo mazzo.

Mazzuni – s. m. Grosso mazzo.

Mazzuzzu – s. m. Piccolo mazzo.

Mbacuccari – tr. Coprire bene per preservare l’individuo dal freddo.

Mbacuccarisi - rifl. Coprirsi in modo che si vedano soltanto gli occhi.

Mbacuccatu - agg. Con la testa coperta.

Mballaggiu – s. m. Rinvoltura delle balle e le cose stesse imballate| carta di Mb. - carta spessa ad uso di confezionare pacchi.

Mballari - tr. Ridurre a balle, fare colli per ovvi vantaggi di spazio e trasporto.

Mballatina, mballatura – s. f. L'atto e l'effetto d'imballare.

Mballaturi – s. m. Chi o che imballa, fa balle, confeziona pacchi.

Mbambulamentu – s. m. L'atto di chi rimane imbambolato, meravigliato, esterrefatto.

Mbambulari - intr. Incantare, meravigliare, dare un volto da bambola.

Mbambularisi - rifl. Rimanere impietrito, emozionarsi.

Mbambulatu – agg. Esterrefatto, alienato.

Mbandierari, mbandiriari - tr. Ornare di bandiere.

Mbanti - loc. Per dire nulla e suona come rimprovero.

Mbarazzari - tr. Ingombrare, mettere in imbarazzo.

Mbarazzatu - agg. Occupato, ingombrato, indeciso, di poche iniziative.

Mbarazzu – s. m. Ingombro, disagio, stato d'animo che cagiona inquietudine, perplessità.

Mbardari – tr. Rivestire la bestia di barda.

Mbarsamari - tr. Preparare con balsami, aromi e altro, un cadavere per conservarlo dalla corruzione.

Mbarsamatina – s. f. L'atto e l'effetto dell'imbalsamare.

Mbarsamatu – agg. Incapace di agire, alienato.

Mbarsamatura – s. f. Atto e effetto dell’imbalsamare.

Mbarsamaturi – s. m. Chi imbalsama.

Mbasa, Mbasi - loc. In base, a seconda.

Mbasciata – s. f. Il riferire o far riferire, sede dell'ambasciatore di uno stato.

Mbasciatina – s. f. L'atto del riferire o del far riferire, avvolgimento con fasce, legatura di fascine.

Mbasciaturi – s. m. Latore di ambasciata, chi tiene rapporti diplomatici.

Mbassu - loc. In basso, giù.

Mbastardiri - intr. Degenerare, peggiorare, perdere o acquisire certe prerogative, mescolare.

Mbastardirisi - rifl. Divenire bastardo, acquisire nuove esperienze negative, peggiorarsi nel carattere e nella lingua, nei comportamenti.

Mbastardutu – agg. Che ha perso le caratteristiche proprie.

Mbaullari - tr. Chiudere nella bara, in un baule.

Mbavagghiabili, mbavagliabili - agg. Da imbavigliare.

Mbavagghiamentu – s. m. Imbavagliamento, atto d’imbavagliare.

Mbavagghiari - tr. Imbavagliare, mettere il bavaglio, mettere a tacere, nascondere il volto col fazzoletto.

Mbavagghiatu – agg. Imbavagliato.

Mbecillaggini – s. f. Comportarsi da cretino.  

Mbecilli – agg. Idiota, cretino.

Mbecillimenti – avv. Da imbecille.

Mbecilliri -  Tr. Rendere imbecille | Intr.  Essere imbecille

Mbecillaggini – s. f. Scempiaggine, idiozia.

Mbecillazzu – agg. Grande imbecille.

Mbecilleddru, mbicillinu – agg. Piccolo imbecille.

Mbecillità – s. f. Idiozia, minorazione d'intelletto.

Mbecillitutini – s. f. L'essere imbecille.

Mbicilluni - agg. Grande imbecille.

Mbicillutu - agg. Divenuto imbecille.

Mbilicu - loc. In bilico, sospeso, in equilibrio.

Mbillettari, mbillittari - tr. Dare il belletto.

Mbillittarisi - rifl. Darsi il belletto.

Mbillittatura – s. f. L'imbelletarsi.

Mbirrittari, mbirrittiari – tr. Coprire il capo.

Mbirrittarisi, mbirrittiarisi  - rif. Coprirsi il capo.

Mbloccu - loc. In blocco, in unica soluzione.

Mbottiteddru - agg. Poco imbottito.

Mbottitina – s. f. Atto d'imbottire.

Mbottitu - agg. Pieno di qualcosa.

Mbottitura – s. f. Materiale occorrente per imbottire.

Mbottituri – s. m. Chi imbottisce, riempie di qualcosa.

Mbracari – tr. Imbracare, disporre dei cinture intorno a qualcosa da caricare.

Mbriacarisi, mriacarisi – rifl. Ubriacarsi, esaltarsi.

Mbranatu – agg. Lento di comprendonio, apatico, tardo.

Mbrevi – loc. In poche parole.

Mbrogghiari, mbrogliari - V. mbrugghiari, mbrugliari.

Mbrogghiu, mbrogliu – s. m. imbroglio, intrigo, fatto contorto, debito.

Mbrugghiabili - agg. Che si può soggiogare, aggrovigliare, intricare.

Mbrugghiamentu – s. m. V. mbrugghiu.

Mbrugghiaperi – s. m. Tipo che è d'impaccio più che di aiuto| essiri M. - intralciare il lavoro altrui, essere d’impaccio.

Mbrugghiari, mbrugliari - intr. raggirare, abbindolare, ingannare| tr. Aggrovigliare, intricare, mescolare cose tra loro.

Mbrugghiarisi, mbrugliarisi - rifl. Confondersi nel parlare, perdere il filo del discorso, indebitarsi| mbrugghiarisi a setti lazza - finire in un mare di debiti.

Mbrugghiatazzu - agg. Troppo imbrogliato, con parecchi debiti.

Mbrugghiateddru - agg. Poco imbrogliato, intricato, con qualche debito.

Mbrugghiatina – s. f. Atto d'imbrogliare, del raggirare.

Mbrugghiatu - agg. Raggirato, intricato, che ha debiti.

Mbrugghiaturi - agg. – s. m. Chi o che imbroglia, complica certe situazioni.

Mbrugghiu – s. m. Frode, inganno, raggiro| fari M. - frodare.

Mbrugghiunazzu – s. m. Troppo imbroglione, per nulla onesto.

Mbrugghiuneddru - agg. Poco imbroglione, onesto.

Mbrugghiuni - agg. Ingannatore, falso.

Mbucatina – s. f. Atto d'imbucare.

Mbulletta - loc. Senza un soldo, squattrinato.

Mburcittatu – agg. Preso con la forchetta.

Mburrari – tr. Cospargere di burro.

Mburratu – agg. Coperto di burro.

Mbuscamentu – s. m. Il nascondere, nascondiglio.

Mbuscari - intr. Nascondere, sistemare un proprio raccomandato.

Mbuscarisi - rifl. Nascondersi, trovare sistemazione.

Mbuscata – s. f. Luogo di sorpresa, agguato.

Mbuscateddru – agg. Sistemato secondo le aspettative.

Mbuscatina – s. f. Atto d'imboscare.

Mbuscatu - agg. Nascosto, sistemato.

Mbustari - tr. Mettere, chiudere in busta.

Mbuttigghiamentu – s. m. L'atto dell'imbottigliare.

Mbuttigghiari – tr. Sigillare in bottiglie, intrappolare.

Mbuttigghiatina – s. f. Atto d'imbottigliare.

Mbuttigghiatu - agg. Sigillato, chiuso in bottiglia.

Mbuttigghiatura – s. f. V. mbuttigghiatina.

Mbuttigghiaturi – s. m. Addetto all’imbottigliamento.

Mbuttigghiunari – tr. Sigillare in damigiana.

Meccu – s. m. Broncio, stoppino della candela, fiocco di cotone.

Mediaturi – s. m. V. sinzali.

Mediazioni – s. f. V. sinzalia.

Medicari -V. mericari.

Megghiu - agg. Più buono, migliore| Essiri lu M. - primeggiare.

Meli – s. m. Sostanza vischiosa e dolce che producono le api, miele.

Melu – s. m. V. Pumu.

Mennula – s. f. Frutto del mandorlo di forma ovale racchiuso in un guscio legnoso.

Mennulu – s. m. L’albero delle mandorle.

Menti – s. f. Facoltà che ha l'uomo di pensare, intendere, conoscere| A M. sirena - con calma| Teniri a M. - ricordare a memoria| Malatu ri M. - pazzo.

Mèntiri - Tr. Inventare con la mente, fingere | Intr. la verità, dire il falso con piena consapevolezza.

Mentri, mentrichi - avv. Mentre, nel momento in cui.

Mentu – s. m. V. Vavarozzu.

Menumali - loc. Per fortuna| anche menu mali.

Meravigghiari, meravigliari - V. maravigghiari, maravigliari.

Mercanteggiari – V. Mircanteggiari.

Mercantiggiamentu – s. m. Il mercanteggiare, trattazione.

Mercantiggiari - intr. Esercitare la mercatura, trattare sul prezzo.

Mercantiggiatu – agg. Pattuito, trattato.

Mercantiggiaturi – s. m. Uomo d'affari, chi tratta prima di comprare.

Mercantiggiu - sm. Trattativa, contrattazione.

Mercuri, merculi, merculiria, mercuriria – s. m. Terzo giorno della settimana.

Mericari - V. miricari.

Mericazioni – s. f. Il medicare, la parte medicata.

Mericu – s. m. Chi esercita la medicina, dottore.

Meritari - V. miritari.

Metiri - tr. Falciare, segare con la falce, mietere.

Metituri – s. m. Chi miete con la falce.

Mettiri - tr. Collocare in un determinato posto, introdurre, infilare, posare, porre, aggiungere.

Mettirisi - rifl. Disporsi, prendere posizione, indossare| v. mittirisi.

Metraggiu – s. m. V. Mitraggiu.

Meusa – s. f. Milza = organi interno di animale posto al lato sinistro del petto.

Mezzjornu – s. m. Punto della metà del giorno, corrispondente alle ore dodici.

Mezzu – s. f. inv.  Metà,  una delle due parti di una cosa divisa, mezza parte.

Mezzu – s. m. Metà dell’intero: mezzo chilo; mezza porzione, mezza giornata; | mezza età, non più giovanile e non ancora senile; età matura | un lavoro a mezzo tempo, a tempo parziale | un mezzo scandalo; una mezza idea, un’idea molto vaga | era mezza morta, molto mal ridotta | non ho detto mezza parola, assolutamente nulla ¨ avv. per metà; parzialmente, quasi la metà di un tutto: un mezzo del ricavato |si usa spec. dopo un numerale, sottintendendo il nome precedentemente espresso: due chili e mezzo; ho quindici anni e mezzo; sono le dodici e mezzo (frequente, intendendosi mezzo come agg., la concordanza al femminile.

Mezzumarinaru - s. m. Strumento della navigazione marittima formata da una lunga asta che termina con un uncino e utilizzato per avvicinare il natante al molo per l'ormeggio o anche per recuperare cime o oggetti in mare.

Mezzumunnu - iperb. Per dire mezzo mondo, un notevole numero di persone.

Mezzura – s. f. Metà ora, anche menz'ura.

Mezzurata – s. f. Una mezza ora circa.

Mezzureddra - sf. Mezz'ora circa, il canzonare, lo scimmiottare una persona mentre parla o si muove| tirari a M. - scimmiottare.

Mia - pr. A me | Ppi mia - per quello che riguarda me | Si  un fussi ppi mia - se non fosse per me| Tocca a mia - è il mio turno.

Micciu – s. m. Stoppino di candela o lume |V. Meccu.

Midiari – intr. Fare da paciere.

Midiaturi – s. m. Mediatore, intermediario| v. sinsali.

Migghiaru – s. m. Quantità pari a mille.

Migghiorari - V. Migghiurari.

Migghiu – s. m. Misura di lunghezza marittima, pari a 1852 metri.

Migghiuliddru – agg. In via di guarigione, di progresso.

Migghiurabili - agg. Che si può migliorare.

Migghiuramentu – s. m. Il migliorare.

Migghiuranza – s. f. Miglioria.

Migghiurari - tr. Rendere migliore, cambiare in meglio.

Migghiuratu – agg. Che ha fatto progressi.

Migghiurii – s. m. Complesso di opere di miglioramento.

Migghiuri - agg. Migliore, più buono.

Mignulazzu – s. m. Grosso mignolo.

Mignuleddru, mignulinu – s. m. Dito piccolo.

Mignulu – s. m. Dito piccolo degli arti | V. Iriteddru.

Mila – agg. – s. f.  Migliaia | Centu M. - cento volte mille.

Milànu – s. m. Organo del polpo e della seppia di colore marrone scuro e dal sapore di mare molto intenso.

Milingiana – s. f. Noto ortaggio di colore nero-viola, melanzana.

Milingianata – s. f. Campo coltivato a melanzane.

Milingianazza – s. f. Grossa o brutta melanzana.

Milingianeddra – s. f. Piccola melanzana.

Miliunata – s. f. Quantità di circa un milione.

Miliuneddru – s. m. Quantità di quasi un milione.

Millanni – s. m. Periodo di mille anni.

Millesimu - agg. Che occupa il numero mille| la millesima parte di un numero.

Milli - agg. Quantità pari a cento volte dieci.

Milluzzeddru, mirruzzeddru – s. m. Piccolo merluzzo.

Milluzzu, mirruzzu – s. m. Noto pesce marino dalla carne digeribile, merluzzo, nasello.

Minacciari - intr. V. minazzari.

Minari - tr. Disseminare il terreno di mine| intr. Spirare, provenire, ventilare| Agitare, muovere nel senso di masturbarsi.

Minarisilla - rifl. Masturbarsi.

Minata – s. f. Atto masturbatorio.

Minazzari - intr. Far temere danno o castigo con atti e gesti severi o parole aspre.

Minchia – s. f. Organo sessuale maschile| esclamazione di stupore, di meraviglia, spavento, come per dire perbacco| M. lenta, morta - Di persona - lenta, flemmatica, che non si eccita, che non avverte stimoli| Un mi scassari la M. - non disturbarmi, non intrometterti| Chi M. mi cunti – Cosa vuoi che io ne sappia.

Minchiamarina - s. f. Oloturia, invertebrato di mare.

Minchiata – s. f. Frottola, fandonia, sciocchezza| azione poco pulita| Cuntari minchiati - raccontare frottole.

Minchiatazza – s. f. Grossa fandonia.

Minchiateddra – s. f. Piccola frottola.

Minchiatuna – s. f. Grossa frottola.

Minchiazza – s. f. Vistosi attributi maschili.

Minchiuliri – intr. Restare sbigottito.

Minchiuna – s. f. Grosso organo.

Minchiunaria – s. f. Errore banale.

Minchiunata – s. f. Banalità, sciocchezza, volgarità.

Minchiunazza – s. f. Vistosi genitali.

Minchiunazzu – agg. Troppo minchione.

Minchiuni – agg. Pacioccone, di buona pasta, babbeo, bonaccione.

Minifuttista - agg. Che prende tutto sotto gamba, incurante di ciò cui va incontro.

Minimamenti - avv. Per lo meno, come minimo.

Miniminagghia – s. f. Indovinello, breve detto in cui si propone d'indovinare qualcosa di significato oscuro.

Ministreddra, ministrina – s. f. La minestra per i bambini.

Minna – s. f. Organo femminile che secerne il latte per nutrimento dei neonati, seno.

Minnali - escl. Proprio dei bambini o degli ipocriti per non dire minchia |V. Mizzica.

Minnaloru - agg. Pappone di latte materno.

Minnata – s. f. Colpo di seno.

Minnazza – s. f. Grossa mammella.

Minneddra, minniceddra, minnuzza  – s. f. Piccola mammella, rubinetto del barilotto.

Minnula – s. f. Mennola (Maena maena) varietà di pesce della famiglia degli sparidi.

Minnitta – s. f. Vendetta, rivincita, ritorsione.

Minnulata – s. f. Dolce di mandorle, zucchero e miele.

Minnulazza – s. f. Grossa o brutta mandorla.

Minnuleddra, minnulicchia ,minnuluzza  – s. f. Piccola mandorla.

Minnulitu – s. m. Terreno coltivato a mandorli.

Minnuluna – s. f. Grossa mandorla.

Minnuluni – s. m. Grande albero di mandorle.

Minnuna – s. f. Grossa mammella.

Minnutu - agg. Dotato di grosse mammelle.

Minutami – s. f. Quello che rimane di cose grosse o di una certa pezzatura| minuteria.

Minutazzu - agg. Troppo piccolo, esile| s. m. L'attesa di un lunghissimo minuto.

Minuteddru - agg. Piccolo minuto| s. m. L'attesa di un piacevole minuto.

Minutiddru - agg. Sottile, minuto, di costituzione fisica piccola.

Minuteria, minuteria – s. f. V. minutami.

Minutu – s. m. Sessantesima parte dell'ora| agg. Minuto, piccolo, contrario di grosso.

Minnuzza – s. f. Piccola tetta.

Minuzzagghia, minuzzaglia, minuzzami, minuteria – s. f. Quantità di piccole cose.

Minuzzari - tr. Sminuzzare, tagliare in piccolissimi pezzi verdure  o altro.

Minuzzatu - agg. Sminuzzato, tagliato a piccoli pezzi.

Minzogna – s. f. Bugia, falsità, detto non vero.

Minzugnaru, minzugneri - agg. – s. m. Bugiardo, falso.

Miolu – s. m. Rullo orizzontale rotabile e collocato a poppa dei pescherecci per favorire la tirata a bordo delle reti.

Mipari – loc. Mi pare, mi sembra, mi sa, ho l’impressione, il presentimento| anche mi pare.

Miraculuni – s. m. Grande miracolo.

Miraculusu – agg.  Persona attenta in modo esagerato, facile ad preoccuparsi.

Miraggheri – s. m. Serie di medaglie.

Miragghetta s. f. Piccola medaglia.

Miragghia – s. f. Piastra di metallo in forma di moneta che si conia per onoranza, premio.

Miragghiari – tr. Ornare di medaglia.

Miragghiata – s. f. Colpo di medaglia.

Miragghiatu – agg.  Medagliato, premiato di medaglia.

Miragghiazza – s. f. Grande o brutta medaglia.

Miragghieddra – s. f. Piccola medaglia.

Miragghieri – s. m. Raccolta di medaglie.

Miragghiuni – s. m. Grossa medaglia, d’oro che orna il collo alla signora.

Mirari - intr. Guardare fissamente, prendere la mira, tendere, aspirare in qualcosa.

Mirazza -.  S. f. Gran brutta mira.

Mircanteggiari - tr. Trattare, tirare nel prezzo.

Mircanteggiu – s. m. Trattativa.

Mircanzia – s. f. Serie di merci da vendere.

Mircatazzu – s. m. Grande o brutto mercato.

Mircateddru – s. m. Piccolo o grazioso mercato.

Mircatu – s. m. Luogo dove si compra e vende un po’ di tutto| M. settimanali - il mercato che è allestito un giorno fisso della settimana | Prezzo basso (anche Miccatu).

Mircatuni – s. m. Grande mercato.

Mircatuzzu – s. m. Piccolo mercato.

Mirciaiu – s. m. Chi manda avanti una merceria.

Mirciria – s. f. Negozio in cui si vendono determinate cose per la casa e per la persona.

Mirdaiolu – agg. Timoroso, fifone.

Mirdata – s. f. Cosa mal riuscita, da poco.

Mirdusu – agg. Cacasotto, timoroso.

Miré, miremma - avv. Anche, pure |V. Viremma.

Miresimu - agg. Uguale, identico, stesso.

Miresinu – loc. Mi hanno dato.

Miresimarisi - rifl. Comprendere lo stato d'animo altrui.

Miria - s. f. Invidia |V. Mmiria.

Miriamenti – avv. In media.

Mirianti - avv. Per mezzo di, con l'aiuto di, muro interno divisorio.

Miricabili - agg. Da, che si deve medicare.

Miricamentu – s. m. Farmaco, medicina, aggiustare.

Miricamintusu - agg. Che ha proprietà di medicare.

Miricanata, miricaniata – s. f. film all'americana, esagerazione, smargiassata, cosa che sbalordisce.

Miricari - tr. Curare con medicine, sanare, incollare.

Miricarisi – rifl. Curarsi le ferite.

Miricata – s. f. Destrezza, abilità, valentia, medicazione specialmente agli occhi.

Miricatazza – s. f. Lunga medicazione.

Miricateddra – s. f. Leggera medicazione.

Miricateddru - agg. Poco medicato.

Miricatina – s. f. L'atto del medicare.

Miricatu - agg. Curato, sanato, incollato, rattoppato.

Miricaturi – s. m. L'addetto alla medicazione.

Miricazioni – s. f. Il medicare.

Miriceddra – s. f. Discreta mira.

Miricina – s. f. Farmaco, scienza o arte di conservare la salute.

Miricinali – s. m. Medicina, farmaco.

Miricinazza – s. f. Brutta medicina.

Miricusu – agg. Che ha proprietà curative.

Miriri – V. Viriri

Miritari - tr. Avere in premio.

Miritarisi - rifl. Ottenere ricompensa secondo il merito e si dice di servizio o di lavoro, avere diritto.

Miritusu – Agg. Che merita.

Mirlettu – s. m. Trina, nastro ricamato per impreziosire capi di corredo.

Mirlittari - tr. Adornare con merletto.

Mirlittazzu – s. m. Largo o brutto merletto.

Mirlitteddru, mirlittinu – s. m. Stretto merletto.

Mirlittusu – agg. Da arricchire con merletto.

Miruddra – s. f. Massa molle della cavità del cranio, midollo, cervello, intelligenza.

Torna all’Indice