Crea sito

HOME

RICETTE

I PESCI

FOTO

RADICI

ESPERIENZE

CONTATTI

LINK

 

 

 

Lu lupu di mala cuscenza comu opira penza

 

 Lettera L

 

Laccanu – s. m. Cosa o persona flaccida, molliccia, debole.

Lacchi – s. m. Sfaccettature, tinte non uniformi| Casa biancata lacchi lacchi - casa imbiancata, tinteggiata in modo approssimativo, di colore mal distribuito.

Lacchiari – tr. Tinteggiare in modo superficiale.

Lacchiata – s. f. Tinta, pennellata difforme.

Lacchiateddra – s. f. Pennellata alla peggio.

Lacchiatina – s. f. L’azione del pennellare male.

Lacchiaturi – s. m. Imbrattatore.

Lacciata – s. f.  Latte sieroso che avanza dopo la caseificazione.

Lagnusazzu – agg. – s. m. Grande, troppo indolente.

Lagnuseddru – agg. Piccolo, poco indolente.

Lagnus์a – s. f. Mancanza di volontเ, infiacchimento del corpo e della mente.

Lagnusiarisi – rifl. Lasciarsi andare, essere preso dalla noia, disattendere.

Lagnusu - agg. Indolente, svogliato, pigro.

Laiata – s. f. Guardata strana

Laitazza – s. f. Brutta guardata

Laiu - agg. Brutto, orribile, mostruoso |V. Lariu | Essiri cchi๙ L. da morti - essere mostruoso.

Laiuni - agg. Troppo brutto.

Laizza – s. f. Bruttezza

Laiuzzu - agg. Poco brutto.

Lallu, lallutu - agg. Sciocco, credulone, lento, apatico, sbadato, strambo.

Lama – s. f. Parte tagliente del coltello o di un utensile |loc. di persona che vale poco.

Lamentu – s. m. Voce che deriva da dolore fisico, mancato raggiungimento di uno scopo.

Lamera – s. f. Ferro battuto ridotto in lamine.

Lamiari – tr. Lesinare, desiderare ardentemente.

Lamiceddra, lamiddra – s. f. Corta o stretta lama.

Laminazza – s. f. Grande o brutta lamina, lamiera

Lamintarisi - rifl. Dimostrare malinconicamente il proprio dolore o disappunto.

Lamintazza – s. f. Grande o brutta lamentela.

Lamintazzu - sm. Grande o brutto lamento.

Laminteddra, lamintuzzu  – s. f. Piccola lamentela.

Laminteddru – s. m. Piccolo lamento.

Laminturi – s. m. Mugugno, borbottamento.

Lamintusu - agg. Chi si lamenta per vizio.

Lampa– s. f. Lampada a petrolio.

Lampanti - agg. Chiaro, evidente, nuovo.

Lampara – s. f. Lampada per illuminare una zona di mare per pescare, la barca stessa in cui ่ piazzata la lampada.

Lamparina - s. f. Involucro di vetro per illuminare, lampadina.

Lamparinazza - s. f. Grossa o brutta lampadina.

Lamparineddra - s. f. Piccola lampadina.

Lamparinuna – s. f. Grossa lampadina.

Lampiari - intr. L'accendersi dell'elettricitเ atmosferica a intermittenza, mandare splendore a guisa di lampo, lo spegnere e l'accendere dei fari.

Lampiata - s. f. Colpo di luce che si estende nel cielo primo del tuono, il lampeggiare una volta, emissione di energia nell’atmosfera.

Lampiceddru, lampiddru - s. m. Lampo di poca luce.

Lampiggiamentu – s. m. Il lampeggiare continuo e frequente.

Lampiunazzu – s. m. Grande o brutto lampione.

Lampiuncinu, lampiuneddru – s. m. Piccolo lampione.

Lampiuni – s. m. Lanterna che illumina strade, piazza, lucernario, faro, fanale| persona inutile | traliccio.

Lampu – s. m. Fulmine, bagliore, baleno, folgore, luce improvvisa, scarica elettrica dell’atmosfera che precede il tuono.

Lampuni – s. m. Prolungato lampo| frutto simile alla fragola.

Lampuzza – s. f. Piccola lampada, lucignolo.

Lampuzzu – s. m. Piccolo lampo.

Lanazza – s. f. Brutta lana.

Lancia – s. f. Arma di offesa costituita da un'asta di varia lunghezza con un ferro appuntito all'estremitเ superiore, Partire lancia in resta, affrontare con estrema decisione una prova o un impegno | Arnese di ferro per la pesca dei tonni | scialuppa.

Lanciatazza – s. f. Gran colpo di lancia, lo scagliare con impeto.

Lanciateddra -  s. f. Leggero lancio, colpo di lancia.

Lanciatina – s. f. L'atto del lancio.

Languri – s. m. Svogliatezza, torpore| caratteristico rumore di stomaco dovuto a fame.

Lanna – s. f. Recipiente di latta | latta, barattolo per alimenti.

Lannata – s. f. Colpo di latta o di barattolo, suo contenuto.

Lannazza – s. f. Brutto o grande barattolo di latta.

Lanniceddra – s. f. Piccolo barattolo di latta.

Lannuni – s. m. Grande barattolo di latta.

Lannuzza – s. f. Lattina| piccolo barattolo.

Lantirneri – s. m. Guardiano di fari, costruttore o venditore di lanterne.

Lantirnuni – s. m. Grande lanterna.

Lantirnuzza – s. f. Piccola lanterna.

Lanzari - tr. Rigettare, vomitare. 

Lanzarisi - rifl. Rigurgitare, emettere vomito |Mettersi in mostra provocando l’attenzione degli altri.

Lanzamentu – s. m. Atteggiamento o espressione ripugnante tale da far venire il vomito.

Lanzatina – s. f. L'azione del rigettare.

Lanzatu – agg. Chi si comporta in modo disgustoso, elogiante.

Lanziarisi – V. Lanzarisi.

Lanzuni – s. m. Fuoriuscita improvvisa di vomito.

Lanzu – s. m. Espulsione, vomito, atteggiamento disgustoso.

Lapa – s. f. Ape, insetto che produce la cera e il miele | per transizione Apecar.

Lapazza – s. f. Pezzo di tavola usata in carpenteria.

Lapazzeddra – sf. . Piccolo pezzo di tavola per carpenteria.

Lapazziamentu – s. m. Chiodatura di tavole in carpenteria.

Lapazziari - tr. Rinforzare, congiungere con lapazze.

Lapazziata – s. f. Colpo dato con la lapazza, il chiodare.

Lapazziatazzu - agg. Molto rinforzato con lapazze.

Lapazziateddru - agg. Poco rinforzato con lapazze.

Lapazziatina – s. f. Azione ed efficacia del rinforzare con lapazze.

Lapazziatu - agg. Rinforzato con lapazze.

Lapazziatura – s. f. Azione ed efficacia del rinforzare con lapazze.

Lapazziaturi, lapazzieri – s. m. Carpentiere, chi ha il compito di rinforzare le impalcature in carpenteria.

Lappana – s. m. Tordo d'Alga (Labrus Turdus o viridis) pesce della famiglia dei Labridi rappresentata nel Mediterraneo da una ventina di specie | Per saperne di pi๙ http://andreasormani.altervista.org/pesci.htm#Tordodalga  | Persona lenta a capire, tonto.

Lappusazzu - agg. Troppo aspro, non maturo.

Lappuseddru - agg. Poco aspro, maturo.

Lappusu - agg. Aspro, acre, non maturo.

Lapuzza – s. f. Piccola ape.

Lardiari - tr. Lasciare  segno di sporcizia, lardellare cibi per la cottura.

Lardiateddru - agg. Poco lardellato.

Lardiatina – s. f. Traccia di sporco lasciata, l’atto del lardellare.

Lardiatu – agg. Ben lardellato per la cottura.

Lardiatura – s. f. Segno sciolto di sporco,  buona lardellatura.

Lardiaturi - agg. – s. m. Chi o che lascia il segno di sporco | addetto alla lardellatura.

Lardiceddru – s. m. Quantitเ minima di lardo, leggera pinguedine.

Larduni – s. m. Grosso strato o pezzo di lardo.

Lardusu, lardutu - agg. Che ha molto lardo, molto grasso.

Larghizza – s. f. Larghezza, generositเ.

Largu – s. m. Nell'urbanistica moderna, spazio risultante dall'incrocio di varie vie o dall'aumento di sezione di una strada | agg. Dimensione di capacitเ, ampiezza, spazio .

Lariazzu - agg. Molto brutto, mostruoso | seccatore, antipatico.

Laricusu – agg. Spazioso, di superficie eccessiva.

Lariu - agg. Brutto, orribile, mostruoso |V.  Laiu.

Lariuni - agg. Troppo brutto.

Lariuzzu - agg. Poco brutto.

Larma – s. f. Umore degli occhi, lacrima, anima | Na L. d'ogghiu - un po’ d’olio |La Mamma ่ l’A. – La Mamma ่ l’anima.

Larmiari - intr. Versare lacrime, piangere.

Larmiceddra, larmiddra, larmuzza – s. f. Piccola lacrima, anima cara.

Lasagnaturazzu – s. m. Grosso e lungo mattarello.

Lasagnatureddru – s. m. Corto o sottile mattarello.

Lasagnaturi – s. m. Mattarello, pezzo di legno cilindrico per rendere sottile l’impasto di farina | anche  Sagnaturi.

Lascata – s. f. Diradamento di cose strette.

Lascatazza – s. f. Notevole diradamento di cose strette.

Lascatazzu - agg. Notevolmente diradato, dilatato.

Lascateddra – s. f. Leggero diradamento di cose strette.

Lascateddru - agg. Poco diradato.

Lascatina – s. f. L'atto del diradare.

Lascu - agg. Rado, sparso, di maglia larga.

Lasculiddru – agg. Poco diradato.

Lascusu - agg. Rado, che non si presenta a maglia fitta.

Lasimiari – tr. Chiedere poche cose| domandare in elemosina| comprare quantitเ limitate.

Lassala, lassali, lassalu – loc. lasciala, lasciali, lascialo.

Lassamillu – loc. Lasciamelo.

Lassaminni – loc. Lasciamene.

Lassamulu – loc. Lasciamolo, abbandoniamolo.

Lassari - tr. Abbandonare, cedere, lasciare.

Lassarisi - rifl. Separarsi, divorziare, lasciarsi, abbandonarsi.

Lassata – s. f. Quello che si rifiuta.

Lassatina – s. f. L'atto del separare| ereditเ cui si ha diritto.

Lassatu - agg. Abbandonato, non pi๙ cercato.

Lassitu – s. m. Ci๒ che si lascia morendo, ereditเ.

Lasticu – s. m. V. asticu.

Lasticusu - agg. Allungabile, soggetto a tendersi.

Lastima  – s. m.  Lamento, affanno, fastidio, pena.

Lastimiari – tr. Tormentare con continue lamentele gli altri.

Lastrari - tr. Pavimentare con lastre| V. lastricari.

Lastrazza – s. f. Grande o brutta lastra.

Lastricari - tr. Pavimentare con basole.

Lastricata, lastricatina, lastricatura – s. f. Pavimentazione.

Lastricaturi – s. m. Pavimentatore di strade, chi lastrica manti stradali.

Lastruna, lastruni – s. f. Grande lastra.

Lasu – s. m. Soddisfazione, riconoscenza |Stu L. un ti lu rugnu – Questa soddisfazione non te la do.

Latamentu – s. m. Spostamento laterale.

Latata – s. f. Spostamento laterale| una delle facce.

Latatazza – s. f. Notevole spostamento laterale.

Latateddra – s. f. Leggero spostamento laterale.

Latateddru - agg. Poco spostato lateralmente.

Latatina – s. f. L'atto dello spostare lateralmente.

Latraieri, latraeri – avv. L’altro, il giorno precedente a ieri.

Latrazzu - sm. Gran ladro.

Latriceddru - sm. Piccolo ladro.

Latrina – sf. Fossa biologica| essiri na L. - essere puzzolente.

Latru – s. m. Chi toglie la roba altrui di nascosto, ladro| agg. Birbante, scaltro.

Latrunculu – s. m. Giovane ladro.

Latruni – s. m. Gran ladro, cattivo soggetto.

Latruzzu – s. m. Ladruncolo, giovane ladro.

Lattari - tr. Allattare | imbiancare, tinteggiare, scialbare con latte di calce.

Lattaru – s. m. Venditore di latte.

Lattata – s. f. Scialbatura| poppata.

Lattateddra – s. f. Leggera scialbatura, poppata.

Lattatina – s. f. Scialbatura, tinta| poppata.

Lattatu – agg. Imbiancato, tinto di bianco.

Lattaturi – s. m. Imbianchino, chi per mestiere scialba parete e soffitte, tintore.

Lattera – s. f. Recipiente per il latte.

Latticeddru – s. m. Piccola quantitเ di latte.

Lattuca – s. f. Nota pianta ortense per insalata.

Lattucazza – s. f. Grossa o brutta lattuga.

Lattucheddra – s. f. Piccola lattuga.

Lattucuna – s. f. Grossa lattuga.

Lattumi – s. m. Organo secretore del seme maschile del tonno.

Lattuzzu – s. m. Piccola quantitเ di buon latte.

Latu – s. m. Spazio, fianco di persona per tutta la sua altezza, uno dei segmenti di una figura geometrica | Mettiri ri L. – mettere da parte, risparmiare.

Lauria – s. f. Dignitเ dottorale, laurea.

Lauriari - tr. Conferire la laurea.

Lauriarisi - rifl. Conseguire la laurea.

Lauriatu - sm. - agg. Chi o che ha conseguito laurea.

Lausu – s. m. Merito, gratitudine.

Lausta – s. f. Aragosta.

Lavaggiu – s. m. Luogo dove si lavano le auto, il lavare e il lavarsi.

Lavagnazza – s.f. Grande o brutta lavagna.

Lavagneddra, Lavagnuzza – s. f. Piccola o graziosa lavagna.

Lavagnuna – s. f. Grande lavagna.

Lavanca – s. f. Dirupo, precipizio, voragine.

Lavancarisi – rifl. Scivolare dal burrone, precipitare nel vuoto.

Lavanna – s. f. Erba commestibile dalle foglie spinose e fiori gialli, lavanda | Clistere.

Lavannara – s. f. V. lavannera.

Lavannata – s. f. Contenuto di un clistere.

Lavannazza – s. f. Brutta pianta di cardo, ampio recipiente per clistere.

Lavanneddra – s. f. Clistere che si pratica proprio ai bambini e agli ammalati| piccola pianta di cardo.

Lavannera – s. f. Chi lava i panni per denari.

Lavapiatta – s. m. Pozzetto di porcellana o in acciaio.

Lavatazza – s. f. Grossa lavata di panni.

Lavatazzu - agg. Molto ben lavato.

Lavateddra – s. f. Piccola lavata di panni.

Lavateddru - agg. Poco lavato.

Lavatina – s. f. Lavaggio| L. ri facci - rimprovero.

Lavatuna – s. f. Grande lavata.

Lavoru – s. m. V. Travagghiu.

Lazzalora – s. f. Frutto di un arbusto con semi fibrosi.

Lazzaruni - agg. Uomo abietto, brigante, ladro.

Lazzaruniari – tr. Esercitare il mestiere del brigante, rubacchiare.

Lazzata – s. f. Tratto di spago con cui si fa girare la trottola.

Lazzateddra – s. f. Piccola funicella per far girare la trottola.

Lazzatina – s. f. Legatura di scarpe | l’annodare due corde.

Lazzatura – s. f. Legatura, punto in cui avviene il nodo.

Lazzaturi – s. m. Chi ่ preposto ad allacciare scarpe, a eseguire nodi.

Lazzettu, lazziceddru, lazziteddru, lazzitteddru, lazzittinu – s. m. Laccetto, cordicella.

Lazzu – s. m. Spago, filo a pi๙ capi| stringa, cordicella.

Lazzuni – s. m. Lunga o grossa funicella.

Learmenti – avv. Con lealtเ.

Leartเ – s. f. L’essere onesto, sincero |anche:  liartเ.

Lebbru – s. m. Mammifero dell'ordine dei roditori simile al coniglio, lepre.

Leccaculu – s. m. – agg. Portaborse, ruffiano.

Leccari - V. liccari.

Leccu – s. m. Boccaccia, eco, smorfia | il ripetere quello che altri dicono o fanno. 

Leggirizza – s. f. Leggerezza, peso contenuto.

Leggiu - agg. – avv. Di poco peso, agile, sciolto, leggero.

Lemmu – s. m. Vaso di terracotta troncoconico largo e profondo per lavare stoviglie o altri usi |V. Mafarata.

Lena – s. f. Volontเ, fiato, riposo | di L.  – senza sosta.

Lenza – s. f. Cordino dei muratori| Filo per pescare| Appezzamento di terreno.

Lesionari - V. lisiunari.

Lesiunari – tr. Tagliare, frangere.

Lesiunarisi – rifl. Incrinarsi per soprappeso.

Lesiunatu – agg. Incrinato| v. sciaccatu.

Lestiri - tr. Confezionare, tutte le operazioni del sarto dal taglio al cucito | intr. Sbrigare, servire i clienti.

Lestirisi – rifl. Affrettarsi, darsi da fare, sbrigarsi.

Letami – s. m. V. fumeri.

Lestu – agg. Veloce, rapido.

Lestuebonu - loc. Pronto, confezionato, con particolare riferimento agli abiti giเ pronti.

Levamacchi, levatacchi – s. m. Sostanza in polvere, sostituita dalla candeggina, che ha la forza di levare le macchie dai panni sporchi.

Levitu – s. m. Pasta acida che consente al pane di lievitare | V. Criscenti.

Li – s. f. Decima lettera dell'alfabeto latino| Art. I – gli –le | li peri, li manu, li patati, li zocculi  – i piedi, le mani, le patate, gli zoccoli| pr. Le, esse, essi, loro| Li vulia pruvari – le volevo provare.

Liama – s. f. Corda di erba per legare spighe o legna a fasci.

Liamiceddra – Piccola o sottile liana.

Liamuna – s. f. Grossa liana.

Liamuzza – s. f. Piccola liana.

Lianti - agg. Ricercato nel vestire.

Liantiria – s. f. Modo di comportamento elegante.

Liantizza – s. f. Eleganza, finezza.

Lianza – s. f. Unione, lega| accortezza nel vestire.

Liari – intr. Legare, coagulare, fondersi.

Liazza – s. f. Pezzo di corda, spago.

Libirtari - tr. Sbrigare, servire una persona |V. Allibirtari.

Libiru - agg. Non occupato, esente, franco, indipendente, autonomo.

Libraru - sm. Venditore di libri.

Librazzu - sm. Grosso o brutto libro.

Librettu, libriceddru, libricinu – librittinu, libruzzu  – s. m. Piccolo libro, libercolo, raccolta di preghiere.

Liccaculu, liccaperi, liccapiatti – s. m. Adulatore, ruffiano| persona servile e strisciante.

Liccari - tr. Gustare con la lingua, leccare.

Liccarisi - rifl. Abituarsi a fare cose non buone, a contrarre vizi| L. i baffi - mangiare con gusto.

Liccasapuni - s. m. Coltello a serramanico.

Liccata, liccatina - s. f.  L'atto del leccare.

Liccatazza – s. f. Abbondante leccata.

Liccatazzu - agg. Ripetutamente leccato| molto vizioso.

Liccateddra – s. f. Leggera leccata.

Liccateddru - agg. Poco leccato, viziosetto.

Liccatizzu - agg. Molto ben leccato, troppo vizioso.

Liccatu - agg. Inumidito con la saliva, vizioso, abitudinario, ben ordinato V. Mpupatu.

Liccatura – s. f. Il leccare per vizio, per abitudine.

Liccaturi – s. m. Chi o che lecca per abitudine o vizio.

Liccazzu - agg. Troppo vizioso, abitudinario.

Licchettu – agg. Lesto, veloce, svelto.

Licchiceddru - agg. Amante di leccornie, proprio dei bambini.

Licchittiari – tr. Rendere agevole o scorrevole un meccanismo.

Liccu - agg. Bramoso, ghiotto, goloso, voglioso, ingordo, amante di leccornia, vizioso.

Liccumia, liccumaria – s. f. Leccornia, goloseria, golositเ.

Liccunarei, liccunaria – s. f. Pietanza golosa| Bocconcino ghiotto, desiderio sfrenato.

Liccunata – s. f. Atto di corruzione.

Liccunazzu - agg. Molto ghiotto di leccornie| vizioso.

Liccuneddru - agg. Di bambino, ghiotto di leccornie, viziosetto.

Liccuni - agg. Ghiotto di leccornie| vizioso.

Liccunusu, liccusu – agg. Da leccare

Licinzievuli – agg. Che ่ da licenziare.

Liffiuni – s. m. Schiaffone ben assestato da fare addormentare.

Liganti - agg. Attillato, ricercato nel vestire.

Ligantimenti - avv. Con eleganza.

Ligantiria – s. f. Raffinatezza, sciccheria.

Liganza – s. f. Qualitเ di ci๒ che ่ eletto, fine, o per propria natura o arte.

Liggi – s. f. Espressione dell'autoritเ che comanda o proibisce checchessia, giustizia, legalitเ.

Liggiazza – s. f. Gran brutta legge.

Liggiceddra – s. f. Legge di comodo.

Liggiceddru - agg. Di poco peso.

Liggiriri – tr. Diminuire di peso.

Liggiuna – s. f. Legge ben fatta.

Liggiuta – s. f. Lettura | Leggere una volta.

Liggiutazza – s. f. Lunga e meditata lettura.

Liggiuteddra – s. f. Breve e piacevole lettura.

Lignaloru – s. m. Chi raccoglie e vende legna, dopo averla tagliata.

Lignata – s. f. Colpo di legno, bastonata, randellata.

Lignatazza – s. f. Forte legnata.

Lignateddra – s. f. Leggera bastonata.

Lignazzu – s. m. Brutto o cattivo legno.

Ligniceddru, ligniddru – s. m. Piccolo pezzo di legno.

Lignu – s. m. Parte soda del tronco e dei rami dell'albero, legno, legname.

Lignuni – s. m. Grosso pezzo di legno.

Lignusu - agg. Di legno, duro, poco energico.

Lignutu - agg. Indurito come il legno.

Lignuzzu – s. m. Pezzetto di legno.

Limatazza – s. f. Lunga e abbondante limata.

Limateddra, limatuzza – s. f. Breve e leggera limata.

Limateddru – agg. Poco limato.

Limatina – s. f. L'atto del limare.

Limatuna – s. f. Limata lunga e tenace.

Limazza – s. f. Grossa e robusta, brutta lima.

Limiceddra, limiddra - s. f. Piccola lima.

Limitatizza – s. f. Ristrettezza di beni.

Limiuni – s. m. Albero e frutto Citrus limon appartenente alla famiglia delle Rutaceae con buccia liscia e gialla e di sapore acre. Il nome comune limone si pu๒ riferire tanto alla pianta quanto al suo frutto.  |Anche lumia.

Limosina – s. f. Elemosina.

Limun์tu – s. m. Campo coltivato a limoni.

Limusiniari - tr. Dare o chiedere elemosina.

Limuzza – s. f. Piccola lima.

Linguazza – s. f. Grossa lingua, persona maldicente.

Lingueddra – s. f. Ugola, pettorina della scarpa.

Linguiari - intr. Parlare con petulanza, infastidire.

Linguiceddra, linguiddra – s. f. Piccola lingua.

Lingutazzu – agg. Di persona che non riesce a tenere la bocca chiusa.

Linguteddru – agg. Di bambino, che parla in continuazione.

Lingutu - agg. Ciarliero, pettegolo, impertinente, linguacciuto, petulante.

Linia – s. f. Traccia impressa con la penna o matita su carta, con un attrezzo sul terreno| Binario, tragitto, percorso.

Liniari - agg. Che appartiene a linea| tr. Incrinare, fendere.

Liniarisi – rifl. Fendersi di oggetti delicati.

Liniatu - agg. Intaccato, lesionato.

Liniatura – s. f. Impercettibile fessura di oggetti incrinati, venatura, fenditura.

Liniazza – s. f. Lunga o grossa linea.

Liniceddra – s. f. Breve tratto di linea.

Liniuna – s. f. Grossa o lunga linea.

Liniuzza – s. f. Breve tratto di linea.

Linninusu - agg. Infestato da lendini.

Linnira/i – s. m. Lendini, uova di pidocchi.

Lintamenti - avv. In modo lento, attento.

Lintazza – s. f. Grande o brutta lente.

Lintazzi – s. m. Grossi o brutti occhiali.

Linticchieddra – s. f. Piccola lenticchia.

Linticchia – s. f. Pianta leguminosa e frutto di lei a forma di disco.

Linticchiaru – s. m. Venditore o mangiatore di lenticchie | agg. Di terreno, da coltivare a lenticchie.

Linticchiata – s. f. Gran mangiata di lenticchie, Campo coltivato a lenticchie.

Linticchiazza – s. f. Grossa o brutta lenticchia.

Linticeddra – s. f. Piccola lente | Piccoli occhiali.

Linticeddru - agg. Poco impacciato, fiacco, un po’ stanco.

Lintiggini – s. m. Macchiettine di colore rame-scuro che compaiono specialmente sulla faccia, efelidi.

Lintiniusu - agg. Pieno di lentiggini.

Lintizza – s. f. L'essere lento, apatia, fiacchezza.

Lintuna – s. f. Gran lente| Grandi occhiali.

Lintuni - agg. Molto lento, apatico, stanchissimo.

Lintuzza – s. f. Liccola lente| Piccoli occhiali.

Lintuzzu - agg. Un po' lento, fiacco.

Linzazza – s. f. Brutto podere| grossa  lenza di pescatore.

Linziari - tr. Ridurre a strisce| ferire |

Linziatu – agg. Strappato a strisce, graffiato.

Linziceddra – s. f. Podere| stretto telo di lenzuolo| Lenza.

Linziuni – s. m. Graffio o segno lasciato con qualunque mezzo tagliente sul corpo, taglio| ferita| Lu riduc์ Lenzi Lenzi – l’ha ridotto a brandelli.

Linzuddra – s. f. Piccolo podere| Stretta striscia di lenzuolo e simile.

Linzolu – s. m. Lenzuolo.

Linzulata – s. f. Quanta roba pu๒ contenere un lenzuolo.

Linzulazzu – s. m. Grande o brutto lenzuolo.

Linzuleddru, linzuluzzu  – s. m. Piccolo lenzuolo.

Linzuluni – s. m. Grande lenzuolo.

Linzuna – s. f. Lenza troppo spessa o lunga.

Liofanti – s. m. Noto pachiderma, elefante.

Lippiari – tr. Leccare, gustare.

Lippu – s. m. Sostanza verdognola e viscida, grassume | alghe unicellulari, muschio di scoglio.

Lippusazzu – s. m. Molto coperto di muschio, di alghe.

Lippuseddru – agg. Poco coperto di muschio, alghe.

Lippusu – agg. Coperto di muschio, alghe| scivoloso.

Lisc์a – s. f. Sostanza che contiene in dissoluzione potassa caustica e soda per dare candore e pulito al bucato, lisciva.

Lisciamentu – s. m. L'atto del rendere liscia una cosa, accarezzamento.

Lisciari - tr. Levigare, accarezzare, adulare.

Lisciatina – s. f. L'azione del lisciare.

Lisciusu – agg. Non ruvido.

Lisina – s. f. Lesina, punteruolo.

Lisineddra – s. f. Piccola lesina.

Lisionari - V. lisiunari.

Lisioni – sf. Fessura, crepa| v. lisiuni.

Lisiunari - tr. Provocare lesioni, crepe, spaccature.

Lisiunarisi - rifl. Fendersi, spaccarsi.

Lisiunata – s. f. Fessura, spaccatura.

Lisiunateddru - agg. Poco lesionato.

Lisiunatina – s. f. L'atto e punto di lesione.

Lisiunazza – s. f. Grande lesione, crepa.

Lisiuneddra – s. f. Piccola lesione.

Lisiuni – s. m. Fenditura, crepa, offesa, danno.

Listazza – s. f. Lunga o brutta lista.

Listiari - tr. Riempire il vuoto o le fessure | Fregiare con liste, ridurre in liste.

Listiceddra, listina, listuzza  – s. f. Piccola lista.

Listiceddru - agg. Un po' rapido.

Listitina – s. f. Confezione di abito, manifattura.

Listizza – s. f. Sveltezza, celeritเ.

Listuna – s. f. Lunga lista.

Listuni – s. m. Lungo elenco di cose con relativo prezzo, striscia di legno per tetto.

Liticari - V. Sciarriari.

Littera – s. f. Paglia che si mette nella stalla per farci dormire le bestie.

Littirazza, littrazza – s. f. Lunga o brutta lettera, grande carattere di alfabeto.

Littireddra, littiriceddra , littriceddra, littruzza – s. f. Lettera di breve contenuto.

Littiruna, littruna, littruni – s. f. Lunga lettera.

Littra – s. f. Lettera.

Littuni – s. m. Grande letto.

Littuzzu – s. m. Piccolo letto.

Livantinu – agg. Chi si lascia trasportare dalle chiacchiere e dai pareri altrui, senza personalitเ, debole.

Livari – tr. Levare, togliere.

Liveddru – s. m. Strumento col quale si riscontra se le cose sono allo stesso piano.

Lividdrari - tr. Portare al medesimo piano. 

Lividdrazzu – s. m. Grande o brutto livello

Llusu - agg. Ingannato da illusione.

Locari - tr. Dare in locazione, in affitto.

Locatariu – s. m. Chi riceve in locazione, inquilino.

Locaturi – s. m. Chi dเ in locazione, a pigione, in affitto, albergatore, oste.

Locazioni – s. f. Contratto con cui si concede l'uso di una cosa a prezzo determinato.

Locca, loccu  – agg. Sciocco, allocco, cretino, scemo/a.

Lofiu – s. m. Scemo, sciocco, stupido.

Longu - agg. Contrario di corto, lungo.

Longuammatula - s. m. Alto inutilmente, inservibile.

Lorda - agg. Sudicia, donna poco di buono, scostumata.

Lordu - agg. Sporco, imbrattato di macchie, sudicio.

Lordumi – s. f. Sporco, sporcizia

Lu - art. Lo | pr. Esso, lui, lo ed ่ sempre enclitico e certe volte con la doppia elle| Diccillu – diglielo| Lassatilu stari - lasciatelo stare.

Lucentariu  – s. m. Lucernario, abbaino.

Lucchittazzu – s. m. Grosso o brutto lucchetto.

Lucchitteddru, lucchittinu – s. m. Piccolo lucchetto.

Lucentariu  - s. m. Apertura praticata sulla copertura di un edificio per illuminare il sottotetto o comunque gli ambienti sottostanti, lucernario.

Lucidatazza – s. f. Intensa lucidata, lucentezza.

Lucidateddra – s. f. Leggera lucidata.

Lucidateddru - agg. Leggermente lucidato.

Lucidatina - sf. L'atto del lucidare.

Lucidatizzu - agg. Molto, brillante.

Lucidatu - agg. Lucidato, splendente.

Lucintari - tr. Lucidare, dare splendore.

Lucintata – s. f. Il lucidare una volta.

Lucintatazza – s. f. Abbondante lucidata.

Lucintatazzu - agg. Molto ben lucidato.

Lucintateddra – s. f. Leggera lucidata.

Lucintateddru - agg. Leggermente lucidato.

Lucintatina – s. f. Brillantezza, l'atto del lucidare.

Lucintatu - agg. Lucidato, splendente.

Lucintatura – s. f. Lucidatura.

Lucintazzu - agg. Molto lucente.

Lucinteddru – agg. Leggermente lucido.

Lucintizza – s. f. Splendore, brillantezza.

Luciri - tr. Splendere, brillare.

Lucitari – tr. Rendere brillante.

Lucitata – s. f. Lustrata.

Lucitu – s. m. Crema per scarpe| agg. splendente, non opaco.

Luciuri – s. m. Splendore, brillantezza.

Luciuna – s. f. Luce intensa.

Luciuzza – s. f. Luce poco intensa.

Luffari – tr. Carpire, prendere indebitamente.

Lugliu – s. m. Settimo mese dell'anno |V. Giugnettu.

Lumieddra – s. f.  Piccolo limone.

Lumera – s. f. Porta candela, bugia.

Lumi – s. m. Mezzo d’illuminazione a petrolio domestico e anche ad uso dei carrettieri.

Lumia – s. f. Limone | V. Limiuni.

Lumiueddra  - agg. Piccolo limone.

Lumiceddru – s. m. Piccolo lume a petrolio.

Lumincellu – s. m. Specie di limone di sapore piacevole.

Lungarinu - agg. Longilineo, oblungo, slanciato.

Lunghiddru – Leggermente lungo.

Lunghizza – s. f. Dimensioni del corpo solido, tratto lungo.

Lunguni – agg. Molto lungo.

Lunniri, Lunniria – s. m. Primo giorno della settimana.

Luntanazzu - avv. Posto a notevole distanza.

Luntaneddru - avv. Poco lontano.

Lupumannaru – s. m. Lupo mannaro, licantropo.

Lurdami – s. f. Lordura, sudiciume, sporco tenace.

Lurdia – s. f. Sporcizia | sudiciume, lordume.

Lurdiari - tr. Sporcare, insudiciare.

Lurdiceddru - agg. Poco sporco, sudicio.

Lurdizza – s. f. Sporcizia, sudiciume.

Lurdizzu - agg. Troppo sporco, insudiciato.

Lurduliddru - agg. Poco sporco.

Lurdumi – s. m. Quantitเ di sporco, sudiciume, sporcizia.

Lurdunaria - sf. Lordura, sporcizia, sudiciume.

Lurduni - agg. Troppo sporco.

Lurdura – s. f. Sudiciume, sporcizia.

Lussusu - agg. Di lusso.

Lustrascarpi – s. m. Lustrino, chi lustra le scarpe per mestiere.

Lustratina – s. f. L'atto del lustrare.

Lustru – s. m. Chiarore, prosperitเ, decoro | agg.  lucido  splendente.

Lustrusu - agg. Luminoso.

Lustruni – s. m. Abbondante luce.

Lustrura – sf. Luce, chiarore.

Lustruri – s. m. Luccicore, bagliore, splendore.

Lustrusu - agg. Che dเ tanta luce o pi๙ di quanta occorre.

Luvanneri – s. m. Chi occupa una casa in affitto, affittuario.

Luvaru – s. m. Pagello bastardo (Pagellus acarne) ma anche Pagello fragolino (Pagellus erythrinus), pesce abbastanza comune nel Mediterraneo |Per saperne di pi๙: http://www.andreasormani.altervista.org/pesci.htm#Pagellobastardo

 

Torna all’Indice