Crea sito

HOME

RICETTE

I PESCI

FOTO

RADICI

ESPERIENZE

CONTATTI

LINK

 

 

 

Lu immurutu 'n mezzu la via lu sò immu un si lu talìa

 

 Lettera I

 

 

Iamma – s. f. Parte del corpo umano che va dal ginocchio al piede |V. Amma

Iàpiri - tr. Aprire girando la chiave, spalancare porta o finestra.

Iardinaru – s. m. Chi coltiva il giardino.

Iardinazzu – s. m. Grande o brutto giardino.

Iardineddru – s. m. Piccolo giardino | Essiri do so I. – essere a proprio agio, felice.

Iardinu – s. m. Luogo cinto per lo più da muri e siepi per coltivarvi alberi, fiori e ortaggi| in generale - frutteto e in particolar modo agrumeto, giardino | V. Jardinu.

Iarditina - s. f. L'atto del bruciare.

Iccabili - agg. Che si può buttare, da gettare.

Iccamentu – s. m. Gettito, svuotamento, travaso.

Iccari - tr. Gettare, buttar via, lasciare andare, abbandonare |Anche: Jccari, Ittari.

Iccarisi - rifl. Gettarsi, lasciarsi andare nel vuoto, lanciarsi, buttarsi, farsi .

Iccata – s. f. Gittata di calcestruzzo, abbandono.

Iccataru – s. m. Chi butta senza badare al peggio.

Iccatina – s. f. Lancio, gittata.

Iccatu - agg. Buttato, lanciato, disteso sul letto.

Iccatura – s. f. Malocchio, iella | gettito, lancio.

Iccaturi – s. m. Lanciatore, iettatore.

Iddra – pr. Essa, lei, si usa come soggetto e complemento.

Iddri - pr. loro, essi, esse, si usa come soggetto e complemento.

Iddru - pr. Egli, lui, si usa come soggetto e complemento | Iddru, per noi ragazzini degli anni cinquanta del secolo scorso, era l'eroe, il protagonista dei film, quello che risolveva tutto.

Idoniu - agg. Abile in certe mansioni, capace.

Ielu – s. m. Gelo, freddo gelato |V. Jelu

Iemu - V. Jemu

Iemuninni - V. Jemuninni

Ienniru – s. m. Genero | anche Jènniru

Ignizioni – s. f. V. gnizioni.

Ignoranti - agg. Che non sa| V. Gnuranti.

Ignurantazzu - agg. Troppo ignorante | V. Gnurantazzu.

Ignuranteddru - agg. Poco ignorante | V. Gnuranteddru.

Ignuranti - agg. V. Gnuranti.

Ignurantimenti - avv. Da ignorante | V. Gnurantimenti.

Ignurantizzu - agg. Troppo ignorante | V. Gnurantizzu.

Ignurantuni - agg. V. Gnurantuni.

Ignurantuzzu – agg. Piccolo ignorante.

Ilamentu – s. m. Congelamento.

Ilari - tr. Gelare.

Ilata – s. f. Brina gelata, gelata.

Ilatazza – s. f. Grande o brutta gelata.

Ilateddra – s. f. Leggera gelata.

Ilateddru - agg. Poco ghiacciato.

Ilatina – s. f. L'atto del gelare.

Ilatu - agg. Di ghiaccio.

Ilatura – s. f. L’atto del gelare.

Imboccu – s. m. Imboccatura, apertura di accesso.

Immaginazza – s. f. Grande o brutta immagine.

Immagineddra – s. f. Piccola immagine.

Immaginuna – s. f. Grande immagine.

Immaginuzza – s. f. Piccola immagine.

Immari – tr. Fare a gobbe.

Immatu - agg. Gobbo, gibboso.

Immazzu – s. m. Grande gobba.

Immiceddru, immiddru – s. m. Piccola gobba.

Immu – s. m. Gobba, deformazione della colonna vertebrale, cifosi |anche Jimmu.

Immurutu - agg. Gibboso, ondulato | s. m. Gobbo.

Immuzzu – s. m. Piccola gobba.

Impaiari - V. mpaiari.

Impalari - tr. Conficcare pali da adibire a sostegno | V. Mpalari.

Impanari, impaniari - V. Mpaniari.

Impannari - V. Mpannari.

Impantanarisi  - V. Mpantanarisi.

Impapucchiari – tr. Preparare alla peggio, rabberciare.

Impapucchiatu – agg. Rabberciato.

Impastari - tr. V. Mpastari.

Impegnari - tr. V. Mpignari.

Impegnarisi - rifl. V. Mpignarisi.

Impiatu – s. m. Pubblico ufficiale | agg. utilizzato, usato, adoperato | V. Mpiatu.

Impignari - tr. Dare pegno | V. Mpignari.

Impignarisi - rifl. Lavorare con volontà, applicarsi, concentrarsi nel lavoro.

Impignu – s. m. Volontà di fare| v. mpegnu.

Impipatu – agg. Coperto di pepe.

Impirfizioni – s. f. Difetto, errore.

Impirimentu – s. m. V. Mpirimentu.

Impiriri - tr. Opporsi, ostacolare.

Impirutu - agg. Ostacolato, che non è in condizione di operare.

Impittirisi – rifl. Mettere superbia, inorgoglirsi.

Impittutu - agg. Vanitoso, borioso, superbo.

Implorari - V. implurari.

Impluramentu – s. m. Richiesta d’aiuto.

Impluranti - agg. Che implora aiuto, soccorso.

Implurari – tr. Chiedere umilmente, supplicare.

Imponimentu – s. m. Imposizione, ordine, comando.

Impratichirisi – rifl. Divenire pratico, esperto, acquisire esperienza.

Impraticutu – agg. Pratico, che ha raggiunto abbastanza esperienza.

Impressioni – s. f. Presentimento, sospetto.

Impugnamentu – s. m. Modo d’impugnare.

Impugnari - tr. Contenere, stringere in pugno, contrariare, avversare una decisione.

Impunenti - agg. Maestoso, vastissimo, grandioso, enorme.

Impunenza – s. f. Imposizione, grandiosità, febbre, debilitazione fisica.

Impusissarisi - rifl. V. Mpusissarisi.

Impustari - tr. V. Mpustari.

Ina – s. f. Erba infestante del grano, quando non è coltivata come biada per i cavalli, avena.

Inabbicinabili – agg. Che non si lascia avvicinare.

Inabbitabili – agg. Che non si può avvitare.

Inabitabili – agg. Che non è da abitare.

Inabitatu – agg. Non abitato.

Inacidiri, inaciriri, inacitiri - tr. Diventare aceto, acido.

Inaddrizzabili – agg. Da non potersi raddrizzare.

Inaddrizzatu – agg. Non raddrizzato.

Inadimpizza – s. f. Mancato adempimento.

Inaffunnabili - agg. Da non doversi affondare, che non può sprofondare.

Inaffunnatu - agg. Non sprofondato.

Inappinnibili – agg. Che non si può appendere.

Inappressu – loc. In seguito| anche:  in appressu.

Inauramentu – s. m. L'inaugurare, cerimonia d’inaugurazione.

Inaurari - tr. Dare solenne principio.

Inauratu – agg. Inaugurato.

Inaurazioni – s. f. L'inaugurare e l'effetto.

Inazza – s. f. Brutta o quantità eccessiva di avena.

Incancarinutu - agg. Andato in cancrena.

Incancairiri – tr. Diventare o andare in cancrena.

Incannistrari - tr. Disporre, sistemare in ceste |V. ncannistrari.

Incantaturi – s. m. - agg. Chi avvilisce la mente altrui, incantatore.

Incantu – s. m. Pubblica vendita | malia, sortilegio, cosa incantevole | stupore |V. Ncantu.

Incanuscibili – agg. Da non potersi riconoscere.

Incapaci - agg. Mancante delle necessarie qualità, inetto.

Incapevuli, incapibili - agg. Di cosa, che non si riesce a capire | indecifrabile. 

Incapistrari – tr. Legare col capestro.

Incapistrarisi – rifl. Intricarsi con le corde.

Incapitabili – agg. Che non si riesce a trovare.

Incapizzari – tr. Rassettare lenzuola o coperte.

Incappari - intr. Sbattere contro di qualcuno o di qualcosa| v. ncappari.

Incappucciabili – agg. Da incappucciare.

Incappuccimentu – s. m. L’atto dell’incappucciare.

Incappucciari – tr. Mettere il cappuccio.

Incappucciarisi – rifl. Coprirsi la testa.

Incapputtari – tr. Vestire col cappotto.

Incapputtarisi – rifl. Indossare il cappotto.

Incapricciarisi – rifl. Invaghirsi, innamorarsi fortemente, togliersi uno sfizio, soddisfarsi.

Incartu – s. m. Cosa avvolta in carta, confezione.

Incartunari – tr. Inscatolare.

Incarugniri - tr. Spaventare, incutere paura con minacce, terrorizzare, atterrire.

Incarugnirisi - rifl. Avere paura, soggezione, cambiare opinione in peggio.

Incarugnutu – agg. Timido, pauroso, che crede di non essere più capace, rinunziatario.

Incasciamentu – s. m. Sistemazione di cose in cassa.

Incasciari - tr. Conservare cose nelle casse, chiudere bene l’uscio di casa.

Incasiddrabili - agg. Da incastrare, incasellare.

Incasiddrari - tr. Mettere in casella, stipare.

Incassunari - tr. Chiudere in cassoni.

Inchibili – agg. Che è da riempire.

Inchimentu – s. m. Riempimento.

Inchinabili - agg. Che si può inchinare, abbassare.

Inchinamentu - sm. Abbassamento di sé.

Inchinu – s. m. Piegamento del corpo in segno di riverenza, rispetto.

Inchiri - tr. Riempire qualunque recipiente.

Inchirisi – rifl. Riempirsi, ingozzarsi.

Inchitina – s. f. Riempimento.

Inchiuta – s. f. Riempimento.

Inchitura – s. f. Modo e tempo di riempimento.

Inchiutu, incutu - agg. Riempito, colmo.

Incinsieri – s. m. Coppa di metallo per spargere, diffondere incenso.

Incirenti – s. m. Evento che accade, caso fortuito.

Incirenza – s. f. Intromissione, punto di contatto.

Inciribili - agg. Che non si può cedere.

Inciriri - tr. Tagliare poco più oltre la superfici.

Incirtizza – s. f. L'essere incerto, insicurezza.

Incisivu - agg. e s. m. Che ha forza di incidere, penetrante, rapido, energico, tagliente| uno dei quattro denti più esterni della bocca.

Inclunclurenti – agg. Che non riesce a portare a fine.

Inclurimentu – s. m. Inclusione.

Incluriri - tr. Comprendere nel numero

Inclurutu – agg. Compreso, che vi fa parte.

Incomiru, incomitu – s. m. Disagio, disturbo, fastidio.

Incrimentu – s. m. Accrescimento, aumento.

Incrimintari - tr. Accrescere, aumentare.

Incriribili - agg. Non credibile.

Incriribilità – s. f. Incredibilità.

Incrirutu – agg. Non creduto.

Incrociu – s. m. Unione di razze diverse, punto in cui convergono due strade, bivio.

Incrustari – tr. Essiccare, fare la crosta.

Incucchiari -  tr. Porre in contatto più o meno stabile, collegare, connettere | rifl. Riunire per uno scopo comune, combinare.

Incucciari - tr. V. Ncucciari.

Incucucciamentu – s. m. Riempimento oltre il dovuto.

Incucucciari – tr. Colmare.

Incuddrabili - agg. Da potersi incollare.

Incuddrari - tr. V. Ncuddrari.

Incugnari - V. Ncugnari.

Incuitari – tr. Molestare, insultare.

Inculari - intr. Sodomizzare, prendere per i fondelli, raggirare.

Inculata – s. f. Botta, evento disastroso.

Inculatu – agg. Sodomizzato, raggirato.

Incullatu – agg. Attaccato, appiccicato.

Incullirari – tr. Muovere alla collera.

Incullirarisi – rifl. Andare in collera, arrabbiarsi.

Inculliratu – agg. Preso da collera.

Incummigghiabili – agg. Da non potere o dovere coprire.

Incumpitenti - agg. Che manca di preparazione specifica, incapace.

Incumpitenza – s. f. Inabilità per mancanza di perizia.

Incumpletu - agg. Non completo, mancante di una parte.

Incumplitizza – s. f. L'essere incompleto.

Incumurarisi – rifl. Prendersi carico, scomodarsi.

Incunchiurutu,  Incunchiusu – agg. Non portato a termine.

Incutini – s. f. V. Ncunia.

Incutugnatu – agg. Indurito come la mela cotogna che si fa fatica a inghiottire.

Incuzzari - tr. Piallare un'asse| rendere orizzontale.

Indenniri – tr. Ascoltare con interesse, capire.

Indennituri – s. m. Chi ha dimestichezza, capisce.

Indossu – avv. Addosso, con sé.

Inducimentu – s. m. Il divenire, far dolce.

Indumani - avv. Il giorno dopo.

Ineddru – s. m. Lunga asta usata dai pescatori di Mazara distanziare la barca dal molo

Infami - agg. V. Nfami.

Infestari - V. Mpistari.

Infrariciri – tr. Infracidire, divenire fradicio |V. Nfrariciri.

Infuddrimentu – s. m. L’ammattimento, divenire esaltato, matto |V. Nfuddriri.

Inguini – s. f. Inguine, parte tra la coscia e il busto.

Inia – s. f. Iella, sfortuna, discendenza.

Inirenti - agg. Che si riferisce, riguarda, ha relazione.

Inirenza – s. f. Relazione, connessione.

Inisi, iris - s. m. Brioscia ripiena di crema di ricotta, impanata e fritta.

Innarazzu – s. m. Brutto mese di gennaio.

Innareddru – s. m. Favorevole mese di gennaio.

Innarinu - agg. Che è nato in gennaio.

Innaru – s. m. Primo mese dell'anno.

Innaruzzu – s. m. Favorevole mese di gennaio.

Innirazzu - agg. Cattivo genero, brutto mese di gennaio.

Innireddru – s. m. Bravo genero.

Innuccenti - agg. V. Nnuccenti.

Innuccenza – s. f. V. Nnuccenza.

Inortri - avv. Per di più, oltre.

Insignari - tr. Dare cognizione di un'arte, insegnare.

Interbentu – s. m. Aiuto, collaborazione.

Intornu - avv. In giro, circa, attorno.

Intra – avv. e prep.  Entro, dentro, contrario di fuori.

Intranti - agg. Che sta per venire| Simana I. – la settimana prossima.

Intrata, intratina – s. f. Luogo per il quale si entra, ingresso, incasso, rendita, ricavo| v. trasuta.

Intratura – s. f. Ingresso, porta per la quale si entra| V. Trasuta.

Intricanza – s. f. Ingerenza, intervento importuno e fuori posto.

Intricarisi - rifl. Intromettersi nelle altrui faccende.

Intrugghiu, intrugliu – s. m. Mescolanza di liquidi.

Intrusu - agg. Estraneo, non invitato.

Intuitu – s. m. Avvedutezza, facoltà e atto d'intuire| agg. pensato con la mente, non manifesto.

Invicchiari – V. Mmicchiri

Invitari - V. Mmitari.

Invitu - s. m. V. Mmitu.

Inviu – s. m. L'inviare, spedizione.

Invugghiari, Invogghiari  – tr. Spingere a fare, ad agire, convincere.

Inzalataru – agg. Ottimo per insalata.

Iocari – V. Iucari.

Iocu – s. m. Gioco, passatempo.

Ioriscu – s. m. Lumaca del tipo Cantareus Apertus prende il nome di Attuppateddru quando  l’opercolo calcareo integro nel periodo di letargo |V. Joriscu

Iornu – s. m. Spazio di tempo di ventiquattro ore, giorno |V. Jornu.

Ioviri, ioviria – s. m. Quarto giorno della settimana, giovedì | V. Joviri.

Iputicari - tr. Gravare di un diritto un bene altrui.

Iri - intr. Andare, camminare, muoversi, trasferirsi |in alcuni casi si usa la forma: Ghiri  es. amu a ghiri – dobbiamo andare | I. a geniu – piacere| | I. a ligna senza corda - essere smemorato | I. a mali banni - imbroccare la via del male | I. a passu ri furmica - andare lentamente| I. bonu - procedere bene.

Iritali – s. m. Salvadito| aggeggio del sarto per spingere l’ago, ditale.

Iritata – s. f. Traccia lasciata dal dito, impronta, colpo, quanta roba vischiosa si riesce a prendere.

Iritatazza – s. f. Traccia lasciata da un grosso dito.

Iritateddra – s. f. Traccia, impronta lasciata da un piccolo dito.

Iritazzu – s. m. Ditone, grosso o brutto dito.

Iriteddru, iriticeddru – s. m. Piccolo dito, mignolo.

Iritu – s. m. Membro noto della mano e del piede, dito.

Irituni – s. m. Grosso dito.

Irituzzu – s. m. Piccolo dito.

Irremuvibili - agg. Fermo nelle sue decisioni.

Irresulutu - agg. Fermo, deciso nelle sue idee.

Irricanuscibili , Irricunuscibili – agg. Che non si riconosce più, che ha aspetto diverso.

Isabili - agg. Che si può sollevare, alzare.

Isari - tr. Alzare, sollevare, aumentare l'altezza di una cosa, edificare |V. Jsari e Spinciri.

Isarisi - rifl.  Alzarsi, levarsi da terra.

Isatazza – s. f. Elevazione notevole.

Isateddra – s. f. Leggera elevazione.

Isateddru - agg. Poco sollevato.

Isatina – s. f. L'azione del sollevare, sollevamento.

Isatu - agg. Alzato, sollevato, eretto, costruito.

Isca – s. f. Cibo per pesci, e in generale per catturare animali| Allettamento ingannevole anche per persone.

Issari - tr. Sollevare, alzare a forza di braccia, cospargere di gesso.

Issaru – s. m. Produttore e venditore di gesso.

Issateddru - agg. Poco sollevato, impregnato di poco gesso.

Issatina – s. f. L'atto dello sporcarsi di gesso.

Issatizzu - agg. Alquanto sollevato, molto sporco di gesso.

Issatu - agg. Sollevato, alzato, gessato, ingessato.

Issatura – s. f. Gessatura, sollevamento di cosa.

Issaturi – s. m. Chi o che solleva pesi, gessista, chi ingessa.

Issiari - tr. Murare con gesso.

Issiata – s. f. Gessatura.

Issiatazza – s. f. Abbondante gessatura.

Issiateddra – s. f. Leggera gessatura.

Issiatina – s. f. L'atto del gessare.

Issu – s. m. Solfato di calcio polverizzato, gesso.

Issusu - agg. Che contiene molto gesso.

Istanti – s. m. Attimo.

Istirisimu, istirismu – s. m. Atto di nervosismo incontrollato.

Isulanti - agg. Che isola| nastru I. – nastro che preserva da scariche elettriche.

Isulanu - agg. – s. m. Chi o che abita nell’isola.

Isularisi - rifl. Appartarsi, allontanarsi dagli altri, perdere i contatti con chiunque.

Isulatu - agg. Solo, allontanato.

Isulazza – s. f. Grande o brutta isola.

Isuleddra – s. f. Piccola o graziosa isola.

Isulicchia – s. f. Piccola isola di scarsa importanza.

Isulottu – s. m. Piccola isola.

Isuluna – s. f. Grande isola.

Isuluzza – s. f. Piccola isola.

Italeddru – s. m. Tipo di pasta per minestra.

Italianizzari – tr. Rendere a forma italiana, improntare della lingua.

Ittari – tr. Buttare| V. Iccari

Ittatura – s. f. Iella, malocchio, maleficio, ciò che si butta perché inservibile.

Ittaturi – s. m. Chi esercita il malocchio, punto da cui ci si butta.

Iu - pr. Io| pass. rem. Del verbo iri - Andai, sono andato.

Iucabili - agg. Che si può giocare, muovere.

Iucaloru – s. m. Articolazione, giuntura di due parti dello stesso arto| parte mobile del corpo umano |V. Jucaloru.

Iucari - Intr. Giocare|  I. a palluni - giocare al calcio | I. ppi sordi o ppi nenti - giocare per soldi o per niente| I. ppi passari lu tempu - giocare per passatempo . | tr.  Affrontare una competizione, disputare |I. na partita – giocare una partita. |anche Jucari

Iucata – s. f. Incontro, giocata| Farisi na I. sfidare la fortuna.

Iucatazza – s. f. Brutta o forte somma giocata, difficile partita.

Iucateddra – s. f. Piccola somma giocata, breve partita.

Iucatina – s. f. L'azione del giocare.

Iucaturazzu – s. m. Gran giocatore incallito.

Iucatureddru – s. m. Chi gioca senza averne il vizio.

Iucaturi – s. m. - agg. Chi o che gioca per diletto, per vizio o professione| I. ri palluni – calciatore.

Iuculano -  s. m.  Giocherellone.

Iumenta – s. f. La mamma del puledro, giumenta  |V.  Jumenta.

Iuminteddra, iumintina – s. f. Giovane giumenta.

Iumintuna – s. f. Grossa giumenta.

Iumintuzza – s. f. Giovane giumenta.

Iuncibili - agg. Che si può congiungere, unire, legare, arrivare, pervenire.

Iuncimentu – s. m. Congiunzione, giuntura, legame, unione.

Iunciri - tr. Congiungere, legare| Giungere, pervenire |intr.  accompagnarsi.

Iungirisi - rifl. Congiungersi, praticare| prov. Iungiti ccu chiddri megghiu ri tia e perdici li spisi - pratica buone amicizie a costo di rimetterci.

Iungitina – s. f. Parte aggiunta, legame, giuntura.

Iungitura – s. f. Giuntura, cosa che si unisce all'altra per avere vantaggio, utile, parte aggiunta, punto di giuntura.

Iungiuta – s. f. Aggiunta.

Iunta, iuntata – s. f. Differenza a compendio di uno scambio, aggiunta,  quantità che può stare nel concavo delle due mani unite.

Iunticeddra, iuntiddra – s. f. Quel po’ che si riesce a prendere con due mani.

Iuntu - agg. Arrivato, pervenuto, unito, congiunto.

Iuntura – s. f. Giuntura, punto di congiunzione.

Iuntuzza – s. f. Entrambe le mani non completamente piene.

Iurici – s. m. Giudice.

Iurnata – s. f. Giorno, periodo dall’alba al tramonto, prestazione di un giorno di lavoro, paga di un giorno |Anche: Jurnata.

Iurnataru, iurnateri  – s. m. Bracciante, operaio a giornata| agg. Di giornata| Essiri I. i campagna - essere bracciante a giornata.

Iurnatazza – s. f. Brutta giornata.

Iurnateddra – s. f. Vantaggiosa giornata.

Iurnatuna – s. f. Giornata faticosa e pesante.

Iusu - avv. Giù, in basso |V. Jusu.

Iuta – s. f. Tratto di strada percorso | Filamento per ricavarne sacchi| a I. - all’andata| prov.  na I. e na vinuta – impiegare il tempo necessario di andata e ritorno.

Iutu - v.v. iri: Andato.

Iuviria – s. m. Quarto giorno della settimana, giovedì.

 Torna all’Indice