Crea sito

HOME

RICETTE

I PESCI

FOTO

RADICI

ESPERIENZE

CONTATTI

LINK

 

 

 

L'omu gilusu mori curnutu

 

Lettera G

Gabbietta – s. f. Cassetta da frutta.

Gabillotu – s. m. Fittavolo, chi conduce in affitto il fondo del padrone |V.  Cabella.

Galantiria – s. f. Di buone maniere | gentilezza, modo raffinato di comportarsi.

Galantomu – s. m. Persona educata, onorata, rispettata.

Galla – s. f. La parte superficiale di un liquido | Veniri a G. - emergere, galleggiare.

Galletta – s. f. Forma di pane sottilissimo con poco sale.

Galliggiatina – s. f. Atto di stare a galla | emersione, tempo di galleggiamento.

Galuppatazza – s. f. Lunga galoppata.

Galuppateddra – s. f. Breve galoppata.

Galuppatina – s. f. L'atto del galoppare.

Gana – s. f. Grande voglia, desiderio.

Ganciuzzu – s. m. Piccolo gancio.

Garageddru – s. m. Piccolo garage.

Garagiazzu – s. m. Grande o brutto garage.

Garagiuni – s. m. Grande garage.

Garagiuzzu – s. m. Piccolo garage.

Garbari – intr. Essere di gradimento, gradire.

Garbatamenti - avv. Con garbo.

Garbateddru - agg. Poco garbato.

Garbatizza – s. f. Gentilezza.

Garbu – s. m. V. Arbu.

Garrusu – s. m. Pederasta, invertito, omosessuale.

Garzoni, garzuni – s. m. V. Arzuni.

Gebbia – s. f. Grande vasca per l'acqua, contenitore artificiale.

Gelateri  - s. m. Gelataio.

Geloni – s. m. V. Rosula.

Gelosu – agg. V. Gilusu.

Gentilizza – s. f. Qualità di chi è di condizione nobile, nobiltà d'animo.

Germanesi, germanisi - agg. Tedeschi.

Gettunazzu – s. m. Grande o brutto gettone.

Gettuneddru – s. m. Piccolo gettone.

Ghiannara – s. f. Frutto oblungo della quercia o di altre piante simili che si danno a mangiare ai maiali, ghianda.

Ghiccari – Usato all’infinito questo verbo ha il valore di buttare, abbandonare| V. Iccari.

Ghiornu – s. m. Nella loc. Ogni ghiornu – giornalmente| anche: ogni gh’iornu.

Ghiotta – s. f. Zuppa di pesce misto e di qualità. A Mazara è un misto di pesce che spetta, per contratto, al ritorno della pesca ai componenti dell’equipaggio di una barca.

Ghiri – tr. V. Iri

Ghiummarazzu – s. m. Grosso o brutto gomitolo.

Ghiummareddru – s. m. Piccolo gomitolo.

Ghiurnata – s. f. nella loc. A ghiurnata - a giornata |V. Iurnata.

Giaca – s. f. Ciottolo di pietra arrotondato dall’azione del mare o fiume.

Giachetta – s. f. Piccolo ciottolo

Giacchiteddra, giacchittina , giaccuzza – s. f. Piccola giacca.

Giacuna – s. f. Grande ciottolo.

Giallazzu - agg. Troppo carico di giallo, di colore intenso.

Giallinu - agg. Del colore di un giallo tenue, come la paglia.

Gialliri – intr. Prendere il colore del giallo.

Giallumi – s. m. Quantità di giallo.

Gialluni - agg. Molto carico di giallo.

Gialluri – s. m. Colore simile al giallo.

Gialluzzu - agg. Di colore leggermente giallo.

Giannetta – s. f. – Cavalla snella e veloce femmina del Giannetto |V. Giannettu.

Giannettu – s. m. Cavallo (dallo spagn. Jinete) di razza spagnola, piccolo e snello. | Per estens. cavallo snello, agile nella corsa.

Giannazzu - agg. Troppo pallido, del colore del limone.

Gianniari - intr. Ingiallire per paura o spavento o senso di colpa.

Gianniateddru - agg. Poco ingiallito, pallido.

Gianniatina – s. f. L'atto del divenire pallido, l'ingiallire.

Gianniatizzu - agg. Molto pallido, del colore verde-giallo, molto ingiallito.

Giarniatu - agg. Impallidito, ingiallito.

Gianniceddru - agg. Poco pallido, ingiallito.

Giannu - agg. Giallo-verde, di colore giallo-pallido| Divintari G. – impallidire, prendersi uno spavento| prov. Cu è G. è malatu – Chi è pallido è malato.

Giannuliddru - agg. Poco pallido, vizzo.

Giardineri , Giardinieri – s. m. Chi coltiva il giardino e lo accudisce |V. Iardinaru

Giarra – s. f. Gran vaso di terra cotta per tenervi liquidi, giara.

Giarraffa – s. f. varietà di oliva tra le più conosciute e apprezzate che, pur essendo una cultivar autoctona della Sicilia centro-occidentale, è presente anche in altre zone dell'Italia e persino all'estero.

Giarrazza – s. f. Grande o brutta giara.

Giarriteddra – s. f. Piccola giara.

Giarruna – s. f. Grande giara.

Giarruzza – s. f. Piccola giara.

Gigghiu – s. m. Sopracciglio, arco di peli sopra l'occhio a sua protezione.

Gigghiuni – s. m. Grosso sopracciglio, grande fiore.

Gigghiusu, gigghiutu - agg. Che ha sopracciglia folte e cespugliose.

Gigghiuzzu – s. m. Piccolo sopracciglio.

Gilataru, gelataru - s. m. Chi fa o vende gelati.

Gilatazzu – s. m. Grosso gelato| agg. troppo freddo.

Gilateddru - agg. Piccolo gelato| agg. Leggermente freddo.

Gilatina – s. f. l'atto del gelare.

Gilatu, gelatu – s. m. Dolce ghiacciato base di latte, zucchero e altri ingredienti| agg. Freddissimo, ghiacciato.

Gileccu – s. m. Indumento senza maniche che s’indossa sotto la giacca e sopra la camicia, gilè.

Giliccazzu – s. m. Ampio o brutto panciotto.

Giliccheddru, gilicchinu – s. m. Piccolo panciotto.

Gilusazzu - agg. Troppo geloso.

Giluseddru - agg. Poco geloso.

Gilusia – s. f. Passione d'animo prodotta dal timore che altri goda cosa da noi amata| sospetto di perdere in tutto o in parte l’affetto della persona amata.

Gilusiari - tr. Ingelosire.

Gilusiarisi - rifl. Ingelosirsi.

Gilusu - agg. Timoroso, sospettoso per amore| travagliato, afflitto da gelosia.

Gilusuni - agg. Molto geloso.

Gilusuzzu - agg. Poco geloso.

Giniazzu – s. m. Gran genio, per lo più malefico.

Ginirusità – s. f. Grandezza d'animo che spesso costa tanto sacrificio.

Ginìsi – s. m. Carbonella spenta per scaldini.

Giniusu - agg. Che va a genio, suscita simpatia, si lascia voler bene.

Gintagghia – s. f. Gente di bassa estrazione sociale e morale| canaglia.

Gintazza – s. f. Gente malvagia, di vile condizione.

Gintilizza – s. f. Qualità di chi è di condizione nobile d'animo, cortesia, onorevolezza.

Gintiluni – agg. Troppo gentile.

Gintuzza – s. f. Gente di bassa estrazione sociale ma nobile d’animo.

Girarisi - rifl. Voltarsi, guardare all'indietro.

Girateddra – s. f. Piccolo giro.

Girateddru – agg. Leggermente girato.

Giratina – s. f. Il girare e l’atto.

Giraviti – s. m. V. Cacciaviti.

Girazzu – s. m. Ampio o brutto giro.

Giri – s. m. Pianta selvatica del genere Beta Vugaris, abbastanza comune perché ne esistono anche del tipo coltivate.

Giruzzu – s. m. Piccolo giro.

Giseri – s. m. Stomaco di gallina, ventricolo degli animali, dove avviene la digestione.

Gissazzu – s. m. Grande quantità  o grosso pezzo di gesso.

Gissusu - agg. Carico di gesso.

Gisticulusu - agg. Che si esprime a gesti.

Gisticuluni – s. m. Grosso gesto.

Gisticuluzzu – s. m. Piccolo gesto.

Gistuni – s. m. Grosso gesto.

Gistuzzu – s. m. Piccolo gesto.

Gittunazzu – s. m. Grande o brutto gettone.

Gittuneddru – s. m. Piccolo gettone.

Giubba – s. m. Giacca da uomo.

Giuccatura, giuccu – s. m. Luogo ben riparato dal freddo| cuccia degli animali, nido| letto, giaciglio.

Giufà – s. m. Personaggio letterario della tradizione popolare siciliana, nome di persona che una ne pensa e cento le fa | tipo eccentrico e a volte intelligente.

Giuggiulena – s. f. Pianta delle graminacee con frutti piccoli e oleosi, più piatti che tondi, si usa, in Sicilia, metterla sul pane, semi di sesamo.

Giugnettu – s. m. Settimo mese dell'anno, luglio.

Giuiuzza – s. f. Piccola gioia.

Giulìu – s. m. Capogiro, giramento di testa.

Giummarra o Giummara - s. f. Ampia e folta pianta marittima, la Palma Nana (Chamaerops humilis L.).

Giummazzu - s. m. Grosso pennacchio.

Giummiceddru, giummiddru – s. m. Piccolo pennacchio.

Giummu – s. m. Ciuffo, fiocco, pennacchio.

Giummuni – s. m. Grosso pennacchio.

Giummusu – agg. Ricco di ninnoli.

Giummuzzu – s. m. Piccolo pennacchio.

Giura - agg. Traditore, falso.

Giurana – s. f. Rana.

Giuriziu – s. m. Parere, opinione, senno, intelligenza.

Giuriziusamenti - avv. Con assennatezza, intelligenza.

Giuriziuseddru - agg. Poco vivace, aperto.

Giuriziusu - agg. Che ha senno, intelligente, saggio, riflessivo.

Giustu – s. m. Equità, giustizia| agg. Adeguato, imparziale, onesto, esatto, preciso.

Giustuliddru – agg. Quasi equo.

Giuvamentu – s. m. Utilità, vantaggio, profitto, aiuto | prov. Ogni mpirimentu è G. - spesso l'ostacolo è di aiuto.

Giuvari - intr. Portare vantaggio, essere d’aiuto.

Giuvarisi - rifl. Servirsi, valersi.

Giuvatina – s. f. Vantaggio, aiuto.

Giuvinazzu – s. m. Giovane alto e robusto, non è detto in senso spregiativo, anzi.

Giuvini – s. m. Ragazzo poco più che adolescente.

Gna – s. f. Donna, signora, riferito a persona di origine popolana e accompagnata dal nome proprio| La gna Pina, la signora, donna Pina.

Gniatri, gniavitri - pr. Noi, noialtri | V. Niatri.

Gnizioni – s. f. Iniezione.

Gnocculu – s. f. Gnocco, sciocco, tonto.

Gnotu - agg. Sconosciuto| figghiu di gnoti – trovatello.

Gnucculiari – tr. mangiare con ingordigia.

Gnucculuni – s. m. Ingenuo, senza malizia.

Gnunari, gnuniari - tr. Accantonare.

Gnuniarisi - rifl. Mettersi da parte.

Gnuniata – s. f. V. gnuni.

Gnuniateddru - agg. Temporaneamente accantonato.

Gnuniatina – s. f. Atto dell'accantonare le cose inservibili.

Gnuniatu - agg. Accantonato, inservibile.

Gnunazza – s. f. Vano grande dove si ripongono le cose inservibili di una casa di cui è parte.

Gnuni – s. m. Ripostiglio, angolo, spazio dove sono riposte le cose inservibili, dimenticatoio, umile dimora, parti nascoste della casa.

Gnuniceddra, gnuniddra – s. f. Angolo appartato, luogo, spazio piccolo di casa dove si raccolgono cose inservibili.

Gnurantazzu - agg. Molto ignorante.

Gnuranteddru - agg. Poco ignorante.

Gnuranti - agg. Che manca delle cognizioni necessarie e convenevoli, che non sa, zotico, villano, grossolano.

Gnurantimenti - avv. Con ignoranza.

Gnurantinu - agg. Poco ignorante.

Gnurantizzu - agg. Molto ignorante.

Gnurantunazzu - agg. Molto ignorante.

Gnurantuni – agg. Molto ignorante.

Gnurantuzzu - agg. Piccolo ignorante.

Gnuranza – s. f. Mancanza di sapere.

Gnurari - tr. Non sapere, sconoscere.

Gnuratu - agg. Non preso in considerazione, volutamente dimenticato.

Gnuri – s. m. Cocchiere, vetturino, guidatore di carrozze.

Gnutticabili - agg. Che si può, da piegare più volte.

Gnutticamentu – s. m. Piegamento di lenzuolo stirato.

Gnutticari - tr. Piegare, risvoltare su se stesso più volte.

Gnutticarisi - rifl. Piegarsi, rannicchiarsi per occupare meno spazio.

Gnutticata – s. f. Piegamento di cose su se stesse ripetute volte.

Gnutticatazza – s. f. Piegatura ripetuta di lenzuolo.

Gnutticatazzu - agg. Ripetutamente pieghettato.

Gnutticateddra – s. f. Pieghettatura semplice.

Gnutticateddru - agg. Poco pieghettato su se stesso.

Gnutticatina – s. f. L'atto del piegare una cosa ripetute volte su se stessa.

Gnutticatu – agg. Piegato, ravvolto.

Gnutticatura – s. f. L'atto e l'effetto del piegare cosa su se stessa | giuntura di due parti dello stesso arto,  parte mobile del corpo umano.

Gnutticaturi – s. m. Piegatore, chi o che piega cosa su se stessa.

Gobbu - agg. – s. m. Gobbo | V. Immurutu.

Gomitu – s. m. V. Vuvitu.

Gorimentu – s. m. Piacere, soddisfazione che si trae dall'uso di un bene per possesso dello stesso.

Goriri - tr. Pigliare piacere o diletto di un bene, rallegrarsi| G. bona saluti - stare bene in salute.

Gradevuli - agg. Che riesce gradito, piacevole al tatto, alla vista, al palato.

Gradevulizza , gradivulizza – s. f. Piacere al tatto, alla vista, al palato.

Gradinu – s. m. V. scaluni.

Gradu – s. m. Dignità nella scala dei valori| la novantesima parte di un angolo retto| misura di parentado| gradimento, piacere.

Graffa – s. f. Frittella rotonda di pasta lievitata, dolce e ripiena di crema di ricotta, bombolone.

Granni - agg. V. Ranni.

Grannizza – s. f. V. Rannizza.

Granusu – agg. Con grani.

Grarimentu – s. m. Che è gradito, piace.

Grariri – tr. Avere a gradimento, preferire.

Grasciu – s. m. Unto, sporco di grasso.

Grassu – s. m. - agg. V. Rassu.

Grasta – s. f. Vaso per piantarvi fiori o aromi |V. Rasta, Casaria.

Grassumi – s. m. Quantità di grasso.

Grattalora – s. f. V. rattalora.

Grattari - tr.  Grattugiare |V. rattari.

Gravusu - agg. Pesante.

Graziuseddru - agg. V. Raziuseddru.

Graziusu - agg. V. Raziusu.

Grezzu - agg. Non lavorato, allo stato naturale| non rifinito.

Gridari – V. Vuciari.

Grillu – s. m. V. Riddru.

Grossu - agg. V. Rossu.

Grussizza – s. f. V. Russizza.

Guaiu – s. m. Danno, disgrazia, brutta condizione di vivere.

Guantera – s. f. Vassoio, piatto metallico a uso di servire a tavola.

Guanticeddri – s. m. Piccoli guanti.

Guardiania – s. f. Compenso che si dà agli addetti alla vigilanza | V. Vardania.

Guardianu – s. m. Custode, persona che ha cura dei luoghi e animali per la cui sorveglianza è pagato| V. Vardianu.

Guarimentu – s. m. Fase di guarigione.

Guariri – tr. Superare la malattia.

Guarituri – s. m. - agg. Chi o che guarisce i mali altrui per mezzo di facoltà proprie.

Guarutu – agg. Guarito, sanato.

Guarituri – s. m. Chi guarisce altrui da mali, senza ricorrere alla medicina ufficiale.

Guarnutu – agg. Adornato, abbellito.

Guaruta – s. f. Fine della malattia.

Guarutu - agg. Che ha ripreso la sanità.

Gucciceddra, gucciddra – s. f. Piccola goccia.

Gucciulari – intr. Cadere a goccia a goccia per perdita del rubinetto.

Gucciuna – s. f. Grossa goccia.

Gucciuzza – s. f. Piccola goccia.

Guinzagghiu – s. m. Striscia di cuoio infilato nel collare del cane.

Gulusazzu - agg. Molto goloso.

Guluseddru - agg. Leggermente goloso.

Gurimentu – s. m. V. Gorimentu.

Gustari - tr. V. Ustari.

Gustu – s. m. V. Ustu.

Torna all’Indice