Crea sito

HOME

RICETTE

I PESCI

FOTO

RADICI

ESPERIENZE

CONTATTI

LINK

Dura chiossà na quartara ciaccata chi una sana

 

Lettera D

 

Dabbeni - agg. Buono, onesto.

Dacapu - loc. Daccapo | anche:  da capu.

Dacci - loc. Dai a lui - a lei - a loro.

Daccilla – loc. Dagliela.

Daccilli – loc. Daglieli.

Daccillu - loc. Daglielo.

Daccinni - loc. Dagliene.

Daccordu – loc. Va bene, come non detto.

Dadazzu – s. m. Grande o brutto dado.

Dadettu, dadiceddru, dadinu, daduzzu  – s. m. Piccolo dado.

Daduni – s. m. Grosso dado.

Dafari – s. m. Impegno, occupazione |anche da fari.

Dammaggiu - s. m. Danno più o meno grave dovuto a cause fortuite o volontarie.

Dammi - loc. Dai a me.

Dammilla – loc. Dammela.

Dammilli – loc. Dammeli.

Dammillu - loc. Dammelo.

Dammini – loc. Diamone.

Damminni - loc. Dammene.

Dammussari – tr. Conservare in un dammuso |V. Addammusari.

Dammusu – s. m. Vuoto tra soffitto e piano di calpestio superiore, soffitto |Casa caratteristica di Pantelleria.

Damuriedaccordu – loc. Secondo quanto pattuito, come da accordi presi.

Dannarisi - rifl. Dannarsi | lavorare con accanimento, affaticarsi.

Dannatamenti - avv. Da dannato, in modo ossessivo.

Dannatina – s. f. Il dannarsi e l’effetto| Perdizione d’anima.

Dannazzu – s. m. Grande danno.

Danni – loc. Dai a noi.

Danniceddru – s. m. Piccolo danno.

Danniggiatina – s. f. Azione del danneggiare e del danneggiarsi.

Danniggiu – s. m. Danno.

Dannilla – loc. Dai ciò a noi.

Dannilli – loc. Dalli a noi.

Dannillu – loc. Daccelo.

Dannuni – s. m. Gran danno.

Dannusazzu - agg. Molto dannoso.

Dannuseddru - agg. Poco dannoso.

Dannusu - agg. Nocivo, rovinoso.

Dannuzzu – s. m. Piccolo danno.

Daparti - loc. Da parte,anche da parti.

Dapocu - loc. Da poco tempo | anche: da pocu.

Dappressu - avv. Dietro, stare dietro a qualcuno.

Darici – loc. Dargli, assegnargli.

Darininni – loc. Darcene, assegnarcene.

Darisi - rifl. Affidarsi, concedersi.

Darivi – loc. Darvi, assegnarvi.

Darrera, darrè - avv. In coda, per ultimo, in fondo | il didietro o posteriore.

Daticcillu – loc. Dateglielo.

Datimillu – loc. Datemelo.

Datini – loc. Datene.

Datinillu – loc. Datecelo.

Datininni – loc. Datecene.

Davantuliddru – agg. Poco più avanti.

Daveru - avv. Veramente, sul serio.

Daziu - s. m. Imposta, tassa, dazio.

Debitazzu – s. f. Grosso e odioso debito.

Debituni – s. m. Grosso debito.

Debituzzu – s. m. Piccolo debito.

Debosciatu - agg. Infiacchito dal vizio, dalla vita libertina; vizioso, depravato | s. m. Persona dissoluta, viziosa.

Decalitru – s. m. Contenitore per  misura di dieci litri.

Deci - agg. Somma di dieci unità.

Decimbrinu – agg. Di dicembre.

Decìriri, decirìri - tr. Stabilire, decidere.

Decoratu - agg. Insignito di medaglia, adornato, affrescato.

Decuruni – s. m. Gran bel decoro.

Decurusamenti - avv. Con decoro, in modo dignitoso.

Decurusu - agg. Dignitoso.

Definutu – agg. Portato a termine.

Degeneratu - agg. Maleducato, insolente, indegno, mascalzone.

Demulutu – agg. Abbattuto.

Denunziari - tr. V. Dinunziari.

Denutrutu – agg. Non abbastanza in carne.

Designari - V. Disignari.

Destinatu – agg. Prescelto dal destino.

Destinu – s. m. Destino, sorte, fatalità.

Desulatu - agg. Sconsolato, triste.

Dettagghiatu, dettagliatu – agg. In ogni sua parte.

Dettatina – s. f. L’azione del dettare.

Dialittazzu – s. m. Dialetto brutto o incomprensibile.

Dialitteddru – s. m. Piacevole dialetto.

Diamantazzu – s. m. Grosso o brutto diamante.

Diamanteddru – s. m. Piccolo diamante.

Diamantuzzu – s. m. Piccolo diamante.

Diavulazzu – s. m. Brutto demonio, di ragazzo, troppo discolo, irrequieto.

Diavulicchiu, diavuliddru – s. m. Piccolo demonio | di bambino, vivace, irrequieto.

Diavuliria – s. f. Cosa diabolica, azione malvagia, perversa.

Diavuluni – s. m. Cattivo più del diavolo.

Diavuluzzu – s. m. Di ragazzo, vivace, irrequieto.

Dibitazzu – s. m. Grosso debito.

Dibiteddru, dibiticeddru – s. m. Piccolo debito.

Dibituni – s. m. Grosso debito.

Dibituri – s. m. Chi deve una somma di denaro, un favore.

Dibitusu – agg. Abituato a far debiti.

Dibituzzu – s.  m. Piccolo debito.

Dibuliceddru, dibuliddru - agg. Poco debole, fiacco, che non regge al sovrappeso.

Dibulizza – s. f. Mancanza di forza, fiacchezza, dappocaggine.

Dibulutu - agg. Indebolito, privato della forza, fiacco.

Dicarenza – s. f. Perdita di dignità, di prestigio, di ricchezza, onorabilità.

Dicarimentu – s. m. Scadimento.

Dicarutu - agg. Che sta peggio in tutti i sensi| Nobili D. - nobile povero.

Diccà - loc. Da questa parte | anche: di ccà.

Diccabbanna – loc. Da questa parte.

Diccillu, diccilu - loc. Diglielo.

Dicenti - agg. Accettabile, proporzionato al bisogno.

Dicenza – s. f. Decoro, dignità, buon comportamento nei tratti, nel vestire.

Dichiu – s. m. Stanchezza, affanno, indisposizione, insofferenza.

Dichizza – s. f. Stanchezza, affanno, sofferenza.

Diciancu - loc. Di fianco, accanto, lateralmente| anche di ciancu.

Dicidiri - tr. V. deciriri.

Dicimbrinu - agg. Che è nato a dicembre| relativo il mese di dicembre.

Dicinnovi - agg. Quantità numerica composta di diciannove unità.

Dicintrari - tr. Opposto ad accentrare, portare verso la periferia.

Dicìriri - tr. Prendere decisioni, farsi un’opinione | V. Deciriri.

Dicirottu - agg. Quantità numerica composta da diciotto unità.

Dicissetti - agg. Quantità numerica composta da diciassette unità.

Diciutu - agg. Detto, riferito.

Diclinari - tr. Ripetere un nome nei suoi casi, flettere, abbandonare.

Dicori - loc. Di cuore, con affetto| anche di cori.

Dicoru – s. m. Dignità secondo il grado| sentimento di tale dignità.

Dicritatu – agg. Ordinato con decreto.

Dicurriri - tr. Avere effetto (come curriri).

Dicursa loc. Subito, velocemente, rapidamente | anche: di cursa.

Dicurtu - loc. Da poco, di recente | anche: di curtu.

Dicurusu - agg. Dignitoso.

Diddrà - loc. Da quella parte | anche: di drà.

Diddra – loc. Sua, di lei, che le appartiene| anche d’iddra.

Diddri – loc. suoi| sue| di loro| anche d’iddri.

Diddru – loc. Suo, di lui, che gli appartiene | anche d’iddru.

Difarcari - tr. Detrarre, sottrarre.

Difarcata – s. f. Sottrazione.

Difarcazioni – s. f. Il defalcare, detrazione, sottrazione.

Difenniri - tr. Salvare dai pericoli, difendere.

 Difennirisi - rifl. Evitare di prenderle.

Difettari - V. difittari.

Difficilazzu - agg. Molto difficile, difficoltoso.

Difficileddru - agg. Poco difficile, difficoltoso.

Difficiliceddru, difficiliddru, difficiluzzu - agg. Leggermente difficile, difficoltoso.

Difficiluni - agg. Troppo difficile.

Difficurtusu - agg. Che ha in sé difficoltà, complicato, difficile.

Diffira – s. f. Il diffidare.

Diffirari - tr. Non avere fiducia, dissentire.

Diffunniri - tr. Spandere, estendere, far conoscere(come funniri).

Dificenti - agg. Deficiente, scemo, idiota.

Dificenza – s. f. Scemenza, idiozia.

Difila – loc. Uno di seguito all’altro| anche di fila.

Difinnenza – s. f. Difesa.

Difinnibili - agg. Che si può, da difendere.

Difinnutu - agg. Aiutato, difeso.

Difinutu - agg. Portato a termine, completato.

Difisu - agg. Aiutato.

Difittazzu, difittuni  – s. m. Grande o brutto difetto.

Difitteddru, difittuzzu  – s. m. Piccolo difetto.

Difittusazzu - agg. Molto difettoso.

Difittuseddru - agg. Poco difettoso.

Difora – loc. Di fuori, esterno| anche di fora.

Difronti, difrunti - loc. Di fronte, di rimpetto| anche di frunti.

Digiruta, digistioni – s. f. Digestione.

Dignarisi - rifl. Compiacersi per cortesia o benignità.

Dignitati – s. f. Condotta morale, dignità.

Dignitusamenti - avv. Con dignità.

Dignitusu - agg. Che ha dignità.

Dignizza – s. f. Decoro, rispettabilità.

Dilatu - loc. Di fianco, da parte | anche di latu | fatti D. – Scostati.

Dilicateddru - agg. Gracilino, debole.

Dilicatizza – s. f. Riservatezza nel trattare, nel parlare.

Dilicatu - agg. Piacevole, gentile.

Dilicenza – s. f. Intelligenza, pronto intendimento.

Dilittarisi - rifl. Nutrire compiacimento, divertirsi.

Dilusazzu - agg. Molto deluso.

Diluseddru - agg. Poco deluso.

Diluviari - intr. Piovere a dirotto | V. Sdiluviari

Dimagrutu - agg. Divenuto magro| V. Nsiccutu.

Dimenticatina – s. f. Il dimenticare | V. Scurdatina.

Dimurari – intr. Ritardare, non  in tempo.

Dimulutu – agg. Diroccato, distrutto.

Dimustratina – s. f. L'atto del dimostrare.

Dinenti - loc. Di nulla| anche di nenti.

Dinettu - loc. Al netto, privo della tara | anche: di nettu.

Dintra - avv. Da dentro, dalla parte interna.

Dinucchiarisi - rif. Mettersi in ginocchio.

Dinucchiata – s. f. Colpo dato col ginocchio.

Dinucchiuni - nella loc. A D. - in ginocchio.

Dipenni - loc. Può darsi, a seconda.

Dipenniri - intr. Essere soggetto, sottoposto, dipendere.

Dipettu - loc. Di petto, con decisione | anche: di pettu.

Dipicca – loc. Da poco tempo| Sapiri D. – Sapere di poco, scipito | anche: di picca.

Dipinnenti - agg. – s. m. Chi o che dipende, impiegato.

Dipinnenza – s. f. Il dipendere, sottomissione.

Dipiriri - intr. Dimagrire, andare a male.

Diplumatu - agg. – s. m. Chi o che è fornito del diploma.

Dipravatu - agg. Scostumato, immorale.

Diragghiamentu, diragliamentu – s. m. Il deragliare e l'effetto.

Diragghiari, diragliari - tr. Uscire dalle rotaie, provocare deragliamento.

Diragghiatu, diragliatu - agg. Uscito dai binari.

Diriggiri – tr. Dirigere, condurre, comandare.

Diri - tr. V. Dire

Dirivari - tr. Provenire, scaturire, avere origine.

Dirivatu - agg. Che deriva| s. m. Prodotto che si ricava d'altra sostanza.

Disa – s. f. Disa o saracchio (Ampelodesmos mauritanicus) è una pianta perenne della famiglia delle Graminacee che vive su terreni aridi e sabbiosi, tipiche rappresentanti della prateria mediterranea. Anticamente veniva utilizzata dai nassaroli mazaresi per confezionare il cordame per mantenere congiunte  le nasse.

Disanurari - tr. Togliere l'onore, la fama.

Disanuratu - agg. Privato dell'onore.

Disarmari - tr. Togliere privare delle armi| tr. Smontare l'impalcatura.

Discazzu – s. m. Grande o brutto disco.

Dischettu, dischiceddru – s. m. Piccolo disco.

Discinnenza - sf. Stirpe, origine, tutti i discendenti.

Discinniri - intr. Derivare, trarre origine, venire a basso ( come scinniri).

Disciogghiri - tr. Riportare liquido, sciogliere (come sciogghiri).

Discordi - agg. D’idea diversa.

Discurriri - tr. Esaminare un'opinione, dibattere, ragionare (come curriri).

Discurruta – s. f. Discussione, chiacchierata.

Discurrutazza – s. f. Serie di lunghe chiacchiere, discussione.

Discurrutazzu - agg. Di argomento o persona, di cui si è molto parlato.

Discurruteddra – s. f. Breve discussione, chiacchierata.

Discurruteddru - agg. Discusso, ma non tanto.

Discurrutina – s. f. L'atto del discutere.

Discurrutizzu - agg. Troppo chiacchierato, parecchio trattato.

Discursazzu – s. m. Lungo o brutto discorso.

Discurseddru, discursettu – s. m. Piccolo, piacevole discorso.

Discursu – s. m. Discorso, comizio, contenuto di un fatto  |V. Riscursu.

Discursuni – s. m. Importante discorso.

Discursuzzu – s. m. Semplice discorso.

Discustabili - agg. Che si può scostare, allontanare.

Disiabili - agg. Degno d'essere desiderato, appetito.

Disiari - tr. Avere voglia, invocare, desiderare.

Disiatu – agg. Desiderato.

Disidirari - tr. V. disiari.

Disignazzu - sm. Grande o brutto disegno.

Disigneddru, disignettu, disigninu, disignuzzu – s. m. Piccolo disegno.

Disignuni – s. m. Grande disegno.

Disincagghiari, disincagliari - tr. Levare da un incaglio, da una secca | liberare.

Disincagghiatu  – agg. Libero.

Disinnestu – s. m. Pratica come disinnestare l’innesto eseguito in modo sbagliato.

Disinnistari - tr. Disinserire| rifare l'innesto.

Disinteressarisi - V. disintirissarisi.

Disinteressi, disintiressi – s. m. Mancanza d’interesse.

Disintirissarisi - rifl. Non mostrare alcun interesse a una cosa.

Disintossicari, disintussicari - tr. Liberare da intossicazione.

Disintossicarisi, disintussicarisi - rifl. Liberarsi da sostanze tossiche.

Disintossicatu, disintussicatu - agg. Liberato da sostanze tossiche, purificato.

Disinvortu - agg. Spedito, franco, spigliato, sciolto, disimpacciato.

Disinvurtura – s. f. L'essere disinvolto, spigliato, sfrontatezza.

Disiu – s. m. Atto della volontà che appetisce un bene che manca, la cosa desiderata, voglia, macchia sulla pelle, desiderio non soddisfatto.

Disiuni – s. m. Forte desiderio.

Disiusu - agg. Che si desidera, voglioso.

Disiuzzu – s. m. Piccolo desiderio.

Disobbirenti - agg. Che non obbedisce.

Disobbirenza – s. f. Il disubbidire.

Disobbiriri - tr. Non obbedire, rifiutarsi.

Disobbirutu – agg. Disobbedito.

Disonestitati – s. f. V. disunistà.

Disonistà, disonistitati - sf. V. disunistà.

Disonorari, disonurari - tr. Privare dell'onore.

Disonuri – s. m. Perdita di onore, infamia, vergogna.

Disordinari - tr. Creare disordine, v. disurdinari.

Disossari, disussari – tr. Togliere l’osso dalla carne macellata.

Disossatu, disussatu – agg. Di carne macellata liberata dall’osso.

Dispiacirisi - rifl. Provare dispiacere, tramutarsi in volto, contrario di gioire.

Dispittuzzu – s. m. Piccolo dispetto.

Disprezzari - V. disprizzari.

Disprezzu – s. m. Disistima.

Disprizzari - tr. Non stimare, biasimare |V. Risprizzari.

Disprizzarisi – rifl. Non ritenersi nella dovuta considerazione.

Disprizzatu - agg. Non apprezzato, umiliato, biasimato.

Disprizzusu - agg. Offensivo, umiliante.

Dissirenza – s. f. L'essere dissidente, discordanza.

Dissiriu – s. m. Discordia d'opinioni| litigio, contrasto, divergenza.

Distanti – avv. Distante, alla larga.

Distantuliddru - avv. Di poco lontano, poco più in là.

Distenniri - tr. Allungare o allargare cosa contratta.

Distinari - tr. Predisporre una cosa a un determinato fine, assegnare, indirizzare.

Distinu – s. m. Fato, condizione, sorte.

Distrairi - tr. Deviare, svagare (come strairi).

Distrairisi - rifl. Svagarsi, pensare ad altro.

Distraiutu – agg. Disinteressato, disattento.

Distrurutu, distrusu, distruttu - agg. Rovinato, abbattuto, demolito.

Disubbiriri - intr. Non osservare il comando, l'ordine, trasgredire.

Disubbirutu - agg. Non obbedito.

Disubbligarisi – rifl. Contraccambiare un obbligo.

Disunurari - V. Disanurari.

Disupra - loc. Di sopra | anche:  di supra.

Disusu – nella loc. In D. - che non si usa, desueto.

Disutta - loc. Di sotto | anche:  di sutta.

Ditannu - loc. Da allora, da quel tempo| anche:  di tannu.

Dittu – s. m. Detto, proverbio | agg. soprannominato, chiamato, cosiddetto.

Diunari – intr. Astenersi dal cibo per un periodo determinato, digiunare.

Diunazzu – s. m. Lungo digiuno.

Diuneddru – s. m. Piccolo digiuno.

Diuni, dijunu – s. m. Astinenza dal cibo, digiuno.

Divanazzu – s. m. Grande o brutto divano.

Divaneddru, divanettu – s. m. Piccolo divano.

Divotu - agg. Dedito alla devozione, offerto.

Divulata - loc. Di volata, velocemente | anche:  di vulata.

Divutamenti - avv. Con devozione.

Dollatu – loc. Da un solo lato, da una parte.

Dommiririesbiriri - loc. In men che non si dica, in un battibaleno.

Doppu, dopu - avv. Poi, indi, in seguito.

Doppurumani, dopudumani - avv. Il giorno successivo al domani.

Doppupranzu, dopupranzu – Avv. Nel pomeriggio.

Dorceri – s. m. Venditore di dolci.

Dorceria – s. f. Laboratorio del dolciere.

Dorcezza – s. f. L'essere dolce.

Dorci – s. m. – agg. Qualunque confettura o pasta dolce | V.  Cosaruci.

Dorcizza – s. f. V. ducizza.

Drà, ddrà  - avv. Là, in quel luogo.

Drabbanna - avv. Di là, dall’altra parte. 

Draffora - loc. Là fuori.

Dragghiusu - avv. Laggiù, là sotto.

Drammuni – s. m. Grande dramma.

Drampunta - loc. Là in fondo, alla fine, all'estremità | anche: a dra punta.

Drancapu - avv. Lassù, là sopra.

Drani - avv. Là, in quel luogo.

Drannata, drannu - avv. Quell'anno.

Drantunnu - loc. Là intorno.

Drararrera - loc. là dietro.

Draravanti - loc. Là davanti.

Drarintra - loc. Là dentro.

Drassupra - avv. Là sopra.

Drassutta - avv. Là sotto, giù.

Dratru – loc. Quell’altro.

Draunara – s. f. Uragano| vento violento con lampi e pioggia | impetuoso sconvolgimento delle acque marine e dei laghi cagionato da forti venti | tromba d’aria.

Draunaru - agg. Impetuoso, simile a uragano.

Draura - loc. Quell’ora,  a quell'ora.

Dravia - avv. Più in là.

Dravicinu - loc. Là vicino, in quel posto.

Dravota - avv. Quella volta.

Drepica - loc. Quell’epoca| Quei tempi.

Dri, ddri - agg. Quei – quelli – quelle.

Dridrì – loc. Nel linguaggio infantile, andare a spasso.

Drittu – agg. In linea retta.

Drizzamentu – s. m. Il raddrizzare.

Drizzari - tr. Raddrizzare, rendere diritto ciò che è storto, migliorare, rimettere a buono, educare | V. Addrizzari

Drizzatazza – s. f. Laboriosa e faticosa raddrizzata.

Drizzateddra – s. f. Leggera raddrizzata.

Drizzateddru - agg. Poco raddrizzato.

Drizzatina, drizzata, drizzatura – s. f. L'atto del raddrizzare.

Drocu, ddrocu - avv. Là - proprio là - in quel punto.

Drocubanna - avv. Là, dietro l'angolo, da quella parte.

Drocuiusu - avv. Laggiù, là sotto.

Drocuncapu - avv. Là in alto, sopra.

Drocurarrera - avv. Là dietro.

Drocuravanti - avv. Là davanti.

Drocusupra - avv. Là sopra, lassù.

Drocusutta - avv. Là sotto, laggiù.

Dru - agg. Quello| Na dru mumentu - in quel preciso istante.

Druabili – agg. che si può dare o prendere a noleggio.

Druamentu – s. m. Noleggio.

Druannu - avv. Quell'anno, noleggiando.

Druarisi - rifl. Prendere in affitto, trovare lavoro a giornata.

Druatina – s. f. Locazione, canone d'affitto, noleggio| prestazione d'opera.

Druatu - agg. Impegnato nel lavoro, preso o dato in affitto, noleggiato.

Drulatu - loc. Quel lato| Quella parte| anche:  dru latu.

Drumari - tr. Accendere| girare l’interruttore. |V. Addrumari

Drummernu - loc. L'inverno trascorso.

Duana – s. f. Dogana.

Dubbiuni – s. m. Grosso dubbio.

Dubbiusu - agg. Incerto, perplesso.

Dubbiuzzu – s. m. Piccolo dubbio.

Dubbizza – s. f. Incertezza, dubbio.

Duci - agg. Dolce | Duci duci – dolcissimo.

Duciastru - agg. Che sa di dolce.

Duciazzu - agg. Troppo dolce.

Duciddru - agg. Poco dolce.

Duciumi – s. m. Varietà di dolce, sapore stucchevole.

Duciuni - agg. Troppo dolce.

Duciuri – s. m. Quantità di dolce contenuto in una sostanza.

Duciuzzu – agg. Poco dolce.

Ducizza – s. f. Qualità, condizione della cosa dolce.

Dui - pr. Due.

Dulureddru – s. m. Leggero dolore.

Duluri – s. m. Sensazione spiacente che affligge il corpo, dispiacere gravissimo.

Duluruni – s. m. Grande dolore.

Dulurusu - agg. Che causa dolore.

Dulurutu - agg. Indolenzito, che ha in sé dolore.

Dumanassira - avv. Domani sera.

Dumanastura - avv. Domani a quest'ora.

Dumani - avv. Il giorno dopo a quello in cui si parla.

Dumanimatina - avv. Domattina| anche:  dumani matina.

Dumanna – s. f. Atto con cui ci rivolgiamo a un'autorità per ottenere qualcosa| il prezzo chiesto dal venditore| richiesta.

Dumannari - tr. Rivolgersi a uno con parole per sapere qualcosa, chiedere l'elemosina, domandare.

Dumannazza – s. f. Gran brutta domanda.

Dumanneddra – s. f Piccola domanda.

Dumanneri – s. m. Accattone, chi chiede per vizio o per bisogno, mendicante.

Dumesticari - V. dumisticari.

Dumila - agg. Due volte mille.

Dumisticari - tr. Rendere domestico, ammansire, liberare dallo stato selvatico.

Dunca – avv. Dunque.

Dunni - avv. Donde, da dove.

Duppiu - agg. Spesso, che ha grosso spessore.

Duppiuni – s. m. Copia di un'altra opera, cosa uguale a un'altra.

Duppizza – s. f. Spessore.

Durari - intr. Avere vita, bastare, resistere| tr. Indorare, dorare, rivestire d'oro.

Duratu - agg. Resistito, vissuto, indorato, ricoperto d'oro.

Duratura – s. f. Indoratura, tempo necessario.

Durceri – s. m. Chi fa e vende dolci |V. Dorceri

Durciumi – s. m. Quantità di dolce.

Duriceddru - agg. Poco duro, tenace, compatto.

Duricenni - agg. Che ha dodici anni.

Duricesimu - agg. Che occupa il numero dodici.

Durici - agg. Dodici unità.

Durizza – s. f. Resistenza dei corpi, compattezza, tenacia.

Durmigghiuni - agg. Che ama dormire troppo.

Durmigghiusu - agg. Sonnacchioso, sonnolento.

Durmitina – s. f. L’atto del dormire.

Durmuta – s. f. Durata di sonno.

Durmutazza – s. f. Lunga e profonda dormita.

Durmuteddra – s. f. Breve dormita.

Durnatu, durniatu - agg. Ornato, abbellito.

Duruliddru - agg. Poco duro.

Dutturazzu – s. m. Pessimo dottore.

Duttureddru – s. m. Mediconzolo, inesperto.

Dutturi – s. m. Chi ottiene il grado di dottorato, in generale il medico.

Duzzina – s. f. Dozzina, dodici cose.

 Torna all’Indice