Crea sito

HOME

RICETTE

I PESCI

FOTO

RADICI

ESPERIENZE

CONTATTI

LINK

Cu avi culu cunsirira

 

Lettera C – Parti Secunna – da Ci a Cuz

 

Ci - part. pron. Ci, ce| pron. A lui - a lei - gli - glieli - gliele.

Ciเ - pr. Gliela.

Ciaccari – tr. Procurare lesioni a qualcosa, danneggiare.

Ciaccatina – s. f. Piccola crepa.

Ciaccazza – s. f.  Spaccatura, crepa.

Ciaccula - s. f. Fiaccola, lanterna per andare a caccia di notte, frugnolo.

Ciacculiari - tr. Cacciare col frugnolo di notte gli uccelli addormentati parlando a bassa voce quindi per trasposizione ha assunto anche il significato di sparlare, parlar male a bassa voce.

Ciaddumannamu – loc. Gliela chiediamo.

Ciafici – loc. E’ riuscito.

Cialoma – s. f.  Canto, preghiera, vocio confuso, invocazione dei pescatori di tonno durante la pesca.

Cianciana – s. f. Sonaglio.

Ciancianaru – s. m. Venditore di sonagli.

Ciancianata – s. f. Suono, colpo di sonaglio.

Ciancianazza – s. f. Grosso o brutto sonaglio.

Ciancianeddra – s. f.  Campanellino.

Ciancianiari – tr. Suonare di campanelli, tintinnare.

Ciancianiddraru – s. m. Costruttore o venditore di sonagli.

Ciancianiddratu – agg. Ornato di campanelli, sonagli.

Ciancianiddrazza – s. f. Grosso sonaglio.

Ciancianiddriari – tr. Tintinnare, suonare campanellini.

Ciancianiddrusu – agg. Pieno di sonagli o campanelli.

Ciancianiddruzza – s. f. Piccolo sonaglio.

Ciancianuna – s. f. Grossa campana di rame.

Ciancazzu – s. m. Grosso fianco.

Ciancu – s. m. Lato del corpo che va da sotto l'ascella alla coscia.

Ciannu– loc. Gli hanno.

Ciantra – nella loc. Chi ciantra – che c’entra, non ่ possibile.

Ciappa, ciappi – loc. Le, gli ha dovuto.

Ciappeddra – s. f. Pietra, sasso liscio |V. Canneddra

Ciappimu – loc. Ne abbiamo avuto| C. a gh’iri - ci siamo dovuti andare.

Ciappiru – loc. Hanno avuto.

Ciarameddra - s. f. Piva a due canne una delle quali ่ congiunta con l'otre che emette l'aria, mentre l'altra serve per modulare il suono, ciaramella, cornamusa, zampogna.

Ciaramiddraru  - s. m. Suonatore di Ciaramella, zampognaro.

Ciaramucia – s. f. Piccolo rettile dal corpo allungato e zampe corte, lucertola |A Marsala: ucciarda.

Ciarari - tr. Odorare, annusare.

Ciaratu – agg. Odorato, annusato, persona nota per la sua falsitเ .

Ciaraveddru - s. m. Capretto.

Ciaresi – loc. Gliela diedi.

Ciascazzu – s. m. Grossa o brutta bottiglia.

Ciaschiteddru, Ciaschiceddru – s. m. Bottiglia impagliata| parziale insuccesso.

Ciascu – s. m. Bottiglia di vetro di due litri rotonda e impagliata| insuccesso| Fari C. - fallire.

Ciascuni – s. m. Grossa bottiglia impagliata| grande insuccesso.

Ciatatina – s. m. Fiatone dopo uno sforzo.

Ciatazzu – s. m. Respiro affannoso, prolungato, alito puzzolente.

Ciatiari - intr. Soffiare, alitare, fiatare.

Ciaticeddru – s. m. Leggero alito.

Ciatu – s. m. Respiro, alito.

Ciatuni – s. m. Respiro affannoso.

Ciatuzzu – s. m. Leggero alito.

Ciau – s. m. Saluto confidenziale tra amici.

Ciauru, ciavuru – s. m. Piacevole odore, aroma, profumo.

Cica – s. f. Piccola porzione di cosa.

Cicalazza - s. f. Grossa o insopportabile cicala, persona che non si stanca di parlare.

Cicaleddra, cicaluzza - s. f. Piccola cicala, bambino che non si stanca di parlare.

Cicaliari, Cicalari - intr. Cantare della cicala, chiacchierare continuamente, sparlare.

Cicaliu – s. m. Cicaleccio.

Cicaluni – s. m. Grossa cicala.

Cicaluzza – s. f. Piccola cicala.

Cicara – s. f. Tazza e suo contenuto.

Cicarata – s. f. Contenuto di una tazzina da caff่.

Cicarazza – s. f. Grande o brutta tazzina da caff่, suo contenuto.

Cicareddra – s. f. Tazzina da caff่, suo contenuto.

Cicariddrata - sf. Tazza di caff่ troppo piena, colpo di tazzina.

Cicariddrazza – s. f. Contenuto di una tazzina| grande o brutta tazzina.

Cicariddruna – s. f. Grande tazzina da caff่ e suo contenuto.

Cicariddruzza – s. f. Piccola tazzina da caff่.

Cicaruni – s. m. Tazzone per caffelatte e suo contenuto.

Cicarunata – s f. Contenuto di un cicaruni.

Cicerculu – s. m. Legume a pallina.

Cic์, ciciddra – s. f. Nel linguaggio infantile, pisellino di bambino.

Cicirata – s. f. Campo coltivato a ceci.

Cicirazzu – s. m. Grosso cece.

Cicireddru – s. m. Piccolo cece │ pesciolino  della famiglia degli Ammotiditi ,  Cicerello o Novellame ha un corpo molto allungato, 16-18 cm e vive sui fondali sabbiosi nascondendosi nella sabbia. Buono da mangiare fritto│ Effervescente digestivo .

Ciciri  - s. m. Pianta leguminosa che dเ frutti tondi e ricchi di calorie| Ceci.

Ciciruzzu – s. m. Piccolo cece.

Ciciuliari - intr. Parlare continuo su argomenti inutili.

Ciciuliata – s. f. Discorso continuo e inutile.

Ciciul์u – s. m. Voc์o.

Cicuriaru – s. m. Venditore o mangiatore di cicoria| agg. Di terreno, che si presta alla coltivazione di cicoria.

Cicuriata – s. f. Campo coltivato a cicoria │ Abbondante mangiata di cicoria.

Cicurieddra, cicuriuzza – s. f. Cicoria ancora piccola.

Cicuriusu – agg. Di terreno ricco di cicoria.

Cidivulizza – s. f. Cedimento, sottomissione.

Cillazza – s. f. Ampia o brutta cella.

Cilletta, cilluzza – s. f. Piccola cella.

Cimiciaru, cimiciusu - agg.  Luogo infestato da cimici, sudicio.

Ciminia – s. f. Ciminiera, camino.

Cimintata – s. f. Colata di cemento per otturare fessure.

Cimintatu - agg. Legato, saldato.

Cinchina – s. f. Quantitเ uguale a cinque.

Cincu - agg. Cinque.

Cincucentesimu - agg. Che occupa il numero cinquecento.

Cincucentu - agg. Cinque centinaia.

Cinnirazza – s. f. Quantitเ eccessiva di cenere.

Cinnirazzu – s. m. Minutame di carbone.

Cinniri, cinnirumi – s. f. Residuo della combustione di sostanze organiche.

Cinquantinu - agg. Che ha cinquant'anni.

Cintata – s. f. Colpo dato con la cintura.

Cinticeddra, cintuzza – s. m. Piccola cintura.

Cintratina – s. f. L'atto del centrare il bersaglio.

Cintratu – agg. Colpito in pieno.

Ciocca, ciolla  – s. f. Chioccia, membro floscio| eretto prende il nome di pinna – pene.

Ciocilu, ciociu - agg. Di persona, che si lamenta in continuazione.

Cipuddra – s. f. Pianta aromatica a foglie, cipolla.

Cipuddraru – agg. Venditore o mangiatore di cipolle| Di terreno, che si presta alla coltivazione di cipolle.

Cipuddrata – s. f. Campo coltivato a cipolle, decotto.

Cipuddrazza – s. f. Grossa o brutta cipolla.

Cipuddretta, cipuddrina – s. f. Pianta di cipolla da trapiantare a dimora.

Cipuddruna – s. f. Grossa cipolla.

Cipuddruzza – s. f. Cipolla novella.

Cira – s. f. Sostanza prodotta dalle api, cera.

Cirasa – s. f. Frutto del ciliegio, ciliegia.

Cirazza – s. f. Abbondante o brutta cera.

Circari – tr. Cercare.

Circatazza – s. f. Il cercare velocemente.

Circateddra – s. f. Ricerca leggera.

Circateddru - agg. Velocemente cercato.

Circatina – s. f. L'atto del cercare.

Circatu - agg. Cercato.

Circaturi – s. m. Chi cerca cosa nascosta o smarrita.

Circazzu – s. m. Grande o brutto cerchio.

Circhettu – s. m. Piccolo cerchio.

Circhiari - tr. Stringere, racchiudere in cerchi.

Circhiatu - agg. A forma di cerchio, circondato.

Circhiazzu – s. m. Grande o brutto cerchio.

Circhiceddru, circhiettu, circhiteddru – s. m. Piccolo cerchio.

Circhiunazzu – s. m. Grande o brutto cerchione.

Circhiuneddru – s. m. Orecchino a forma di cerchio.

Circhiuni – s. m. Orecchino grande, rivestimento metallico della ruota del carro o dell’auto.

Circunazzu – s. m. Grande o brutto cerchione.

Circuneddru – s. m. Piccolo cerchione, orecchino.

Circuni - s. m. V. Circhiuni.

Circuzzu – s. m. Piccolo cerchio o circo.

Cirimentu – s. m. Il cedere e il venir meno l'effetto| cessione.

Cirimuniuna – s. f. Grande cerimonia.

Cirimuniusu - agg. Amante delle cerimonie │Chi, nei rapporti sociali, eccede in complimenti e convenevoli.

Ciriri - tr. Lasciare, abbandonare, ridare, soccombere, arrendersi, cedere.

Ciriveddru - s. m. Cervello.

Cirnimentu – s. m. Il setacciare e l’atto.

Cirnitina – s. f. L'atto del setacciare.

Cirnitura – s. f. Quantitเ di materia setacciata.

Cirnituri – s. m. Addetto al setacciamento.

Cirnuta – s. f. Operazione del crivellare| cernita, vaglio.

Cirnutazza – s. f. Lunga cernita.

Cirnutazzu - agg. Ripetutamente cernito.

Cirnuteddra – s. f. Breve setacciata.

Cirnuteddru - agg. Poco setacciato.

Cirnutu - agg. Setacciato, crivellato, vagliato.

Cirtezza, cirtizza – s. f. Conoscenza dei fatti.

Cirumi – s. m. Materia untuosa secreta dall'orecchio.

Ciruni – s. m. Grossa candela.

Cirutu - agg. Restituito, reso.

Cirvellu – s. m. Organo centrale del sistema nervoso.

Cirvillettu, cirvillinu – s. m. Piccolo cervello.

Cirvilloticu - agg. Strambo, insensato.

Cirvilluni – s. m. Gran cervello, persona intelligente.

Cisemu – loc. E’ ora.

Cis์ – loc. Ci sei, ci sei riuscito.

Cisiti – loc. Ci siete, siete riusciti.

C’issi – loc. Ci vada.

Cissiceddru – s. m. Piccolo cesso.

C’issiru – loc. Andrebbero, andassero.

Cissuni – s. m. Grande o brutto cesso.

Cissuzzu – s. m. Piccolo cesso.

C’isti – loc. Ci sei andato.

C’istivu – loc. Siete andati.

Cistinata – s. f. Contenuto di un cestino.

Cistinazzu – s. m. Grande o brutto cestino.

Cistineddru – s . m. Piccolo cestino.

Cistinu – s. m. Recipiente in cui si ripongono le carte stracce, borsetta per bambini dell'asilo, paniere.

Cistuni – s. m. Grande cesto.

Cisugnu – loc. Eccomi.

Cisuiata – s. f. Colpo di cesoia.

Cisunnu – loc. Eccoli arrivati.

Citratu – s. m. Sale formato dalla combinazione dell'acido citrico con la base solidificabile, ่ meglio conosciuto come citrato di magnesia.

Citrignu - agg. Ben solido, ben messo in carne, che ha caratteristiche del cedro, piacevole da mangiare.

Citrolu – s. m. Pianta del genere zucca con frutto allungato, buono per insalata| agg. Di uomo, citrullo.

Citrularu – s. m. Coltivatore o mangiatore di cetrioli.

Citrulata – s. f. Campo coltivato a cetrioli, colpo di C.

Citrulazzu – s. m. Grosso cetriolo.

Citruleddru, citrulinu – s. m. Piccolo cetriolo.

Citruluni – s. m. Grosso cetriolo, di persona, pi๙ che citrullo.

Citruluzzu – s. m. Piccolo e tenero cetriolo.

Ciuciareddru – s. m. Gioco a soffio molto in uso negli anni ’50 e ’60. Consisteva nel far capovolgere con un soffio le figurine o i santini in palio.

Ciuciari – tr. Espellere dalla bocca espirando, soffiare | Produrre un getto d'aria con uno strumento es. mantice |Rimuovere con la forza dell'aria espirata o soffiata | intr. Espirare con forza l'aria dalla bocca socchiusa, Emettere aria con forza dalla bocca e dalle narici, sbuffare, Emettere sospiri, sospirare.

Ciuciata – s. f. Rapida e breve espirazione d'aria, soffiata |fig. Insinuazione o suggerimento malevolo, loc. spiata.

Ciuciu – s. m. Soffio |soffio vitale - l'alito col quale Dio infuse ad Adamo la vita e lo spirito |spostamento o passaggio di aria, attimo.

Ciuciuliari, ciuciuliniari, ciuciuluniari - V. ciciuliari.

Ciuciul์u - s. m. V. Ciciuliu.

Ciuffazzu – s. m. Grosso o brutto ciuffo di capelli, di erba.

Ciuffettu, ciufficeddru, ciuffiddru, ciuffiteddru, ciuffuzzu – s. m. Piccolo ciuffo.

Ciuffu – s. m. Ciocca di capelli che si alza o scende sulla fronte, gruppo di piume di alcuni uccelli, un pugno di fili d'erba.

Ciuffuni – s. m. Gran ciuffo.

Ciuffutu - agg. Che ha un folto ciuffo di capelli che gli cadono sulla fronte.

Ciulliddra – s. f. Il pene del bambino.

Ciulluni – s. m. Lungo o grosso pene.

Ciullutu – agg. Dotato.

Ciulluzza – s. f. Membro di un ragazzo.

Ciumara – s. f. Breve corso d’acqua, piccolo torrente.

Ciumi – s. m. Corso di acqua corrente, fiume.

Ciumiceddru – s. m. Torrente.

Ciuncatazzu – Molto azzoppato.

Ciuncateddru – agg. Poco zoppo.

Ciuncatu – agg. Azzoppato, zoppo.

Ciuncazzu – agg. Troppo zoppo.

Ciuncu – agg. Zoppo, storpio.

Ciunnari - tr. Segnare con le unghie da lasciare il segno, graffio.

Ciunnateddru – s. m. Leggero graffio.

Ciunnatina – s. f. L’atto e il risultato del graffiare.

Ciunnuni – s. m. Grosso graffio.

Ciurazzu – s. m. Grosso o brutto fiore.

Ciurera – s. f. Vaso da davanzale.

Ciuriari - tr. Infiorare, ornare con fiori.

Ciuriatu - agg. Persona piena di efelidi in tutto il corpo |V. Lintiniusu

Ciuri – s. m. Parte della pianta che dเ origine al seme, fiore o fiori.

Ciuriddra – s. f. Fiorellino.

Ciuriddru – s. m. Piccolo fiore.

Ciurmagghia, ciurmaglia – s. f. Brutta comitiva di persone.

Ciuruseddru - agg. Di uovo, appena bollito.

Ciurusu, Cirusu - agg. Di uovo, bollito.

Civosi – loc. Letteralmente ci volle - era necessario che accadesse, anche ci vosi| v. vosi.

Civu – s. m. Parte interna di un agrume che consiste in quella parte bianca tra la scorza e il frutto abbonda in prevalenza nel cedro.

Civusaru - s. m.  Venditore di morei| agg. Di persona, cui piacciono i gelsi.

Civusazzu – s. m. Grosso gelso.

Civuseddru, civusuzzu – s. m. Piccolo gelso.

Civusuni – s. m. Grosso gelso.

Coccanu - s.m. Arnese o padellino che raccoglie la cera delle candele | agg. Di persona che con fare prepotente e voce stentorea si pone al centro della discussione.

Cocchiula – s. f. Secrezione secca |V. Crocchiula.

Cocciu – s. m. Chicco, seme o granello di piante, acino |Pesce del genere Trigla e simili.

Cociri - tr. Preparare i cibi per mezzo del fuoco, cuocere.

Cocu – s. m. Esperto, responsabile della cucina.

Coddra – s. f. Composto di materie tenaci per attaccar legni o altro.

Coddru – s m. Collo, parte del corpo tra le spalle e la testa, parte terminale di un'anfora, di una bottiglia.

Coffa – s. f. Recipiente, cesta,  sporta, in foglie di palma nana essiccati per dare biada al cavallo, per confezionare fichi secchi.

Cogghiri - tr. Cogliere fiori, foglie, frutti, raccattare, raccogliere.

Coincirenti - agg. Che combacia.

Coincirenza – s. f. Sovrapposizione, caso fortuito, incrocio di treni in una stazione.

Coinciriri – tr. Combaciare, coincidere.

Coitaniu - agg. Della stessa etเ.

Colari - V. Culari.

Coleri – s. f. Malattia infettiva ormai, forse, debellata.

Collira – s. f. Rabbia, dispiacere.

Collittazzu – s. m. Grande o brutto colletto.

Collitteddru, collittinu – s. m. Piccolo colletto.

Collu – s. m. Pacco, involto.

Colorari - V. Culurari.

Comora – loc. Intanto, nel frattempo.

Comastura – loc. A quest’ora| alla stessa ora.

Com่, comeni - loc. Cos์ com'่, integralmente.

Comera - loc. Cos์ com'era, nello stato d'origine, primordiale.

Comeramu - loc. Nella posizione originaria.

Comeranu - loc. Non manomessi.

Comeravu – loc. Senza diversitเ alcuna.

Comicamenti - avv. In modo comico, con comicitเ.

Comicu - agg. Buffo, che fa ridere| sm. Attore di commedia.

Comiru, comitu – s. m. Agio, tornaconto| avv. bene, convenevole.

Comiziari – intr. Intrattenere il pubblico con un discorso politico e cercare di convincerlo.

Comora - avv. Intanto, per adesso, nel frattempo, in questo momento.

Complimintusu - agg. Cerimonioso.

Compustizza – s. f. V. cumpustizza.

Comu - avv. Come, in qualunque modo.

Comudu – agg. Che non mostra disagio, non soffre| s. m. Tempo necessario.

Comunanza – s. f. Unione di beni, societเ.

Comunazzu – s. m. Grande o brutto comune.

Comuneddru – s. m. Piccolo comune.

Comuni – s. f. (la C.) Municipio, palazzo di cittเ| centro abitato| agg. Che appartiene a tanti| facile.

Comuru, comutu – agg. Comodo, tranquillo.

Comuvava – loc. Comunque vada, in un modo o nell’altro.

Comuveniveni - loc. Comunque venga, a casaccio| Fari a C. – agire liberamente.

Conca – s. f. Qualunque cosa incavata a forma di vaso.

Conchiuriri – tr. Finire, terminare │V. Cunchiuriri.

Concimari - tr. V. cuncimari.

Concimatina – s. f. Il concimare e l’atto.

Concimatu - agg. Ingrassato di concime.

Concipiri - tr. Generare nuova vita| afferrare con la mente| v. cuncipiri.

Conciu – s. m. Blocco di pietra arenaria.

Concluriri - tr. V. Cunchiuriri.

Concritizza – s. f. L'essere concreto.

Condinsatu – agg. Ristretto, conciso.

Condivirutu, condivisu – agg. Accettato con altri.

Confini – s. m. Estrema linea che circoscrive il territorio di una nazione, di un podere.

Confinu – s. m. Pena mediante la quale il condannato deve abbandonare il proprio domicilio.

Confirari - tr. Rivelare, riferire in segreto.

Confirenza – s. f. Discorso in pubblico su cose importanti| confidenza.

Congratularisi - rifl. Rallegrarsi con uno di ci๒ che torna a suo onore e profitto.

Consanguiniu - agg. Che ha stesso sangue.

Considerari - V. Cunsirirari.

Consiggheri, consiglieri – s. m. V. cunsiggheri, cunsiglieri.

Consigghiari, consigliari - V. cunsigghiari, cunsigliari.

Consigghiu, consigliu – s. m. V. Cunsigghiu.

Consiglieri – s. m. Chi fa parte di un consiglio per l'amministrazione di beni pubblici o privati| V. cunsiggheri.

Consigliu – s. m. Avvertimento che si dเ ad altri di fare o non una cosa| v. cunsigghiu.

Conti – s. m. Titolo nobiliare.

Continenti – s. m. Si indica in questo modo il Nord Italia.

Continintali - agg. – s. m. Del continente, del nord.

Continituri – s. m. Recipiente.

Continuu - agg. Perpetuo, ininterrotto.

Contrabbannari - tr. Vendere illegalmente .

Contrabbanneri – s. m. Chi vive di contrabbando.

Contrabbannu – s. m. Atto che si fa contro i bandi e le leggi di uno Stato| illegalitเ| Di C. - illegalmente.

Contracambiu, contracangiu – s. m. Pari cambio, baratto.

Contracangiari – tr. Cambiare una cosa con altra| scambiare, barattare.

Contracaricu, contracarricu – s. m. Carico per bilanciare, di diverso seme nel gioco della briscola.

Contraccorpu – s. m. Colpo di forza contraria.

Contrachiavi – s. f. Duplicato, copia.

Contracorpu – s. m. V. contraccorpu.

Contradanza, contronanza – s. f. Danza di pi๙ persone.

Contradiciri, contradiri, contraddiciri, contraddiri - tr. Avversare.

Contrafattu - agg. Imitato, falsificato, avversato.

Contraliggi – loc. Avverso alle leggi, illegale.

Contraluci - loc. In direzione contraria alla luce.

Contramanu - loc. In senso inverso, in direzione contraria.

Contraminzioni – s. f. Trasgressione, multa.

Contramuru – loc. Con la faccia al muro.

Contraparti – s. f. La parte avversa.

Contrapigghiari, cuntrapigliari - tr. avversare| v. cuntrapigghiari.

Contrapigghiarisi, cuntrapigliarisi - rifl. Inveire uno contro l'altro| litigare| v. cuntrapigghiarisi.

Contrapilu – s. m. Rasatura contraria all'inclinazione del pelo| Fari pilu e C. - aggiustare per le feste.

Contrapisu – s. m. Peso che ่ opposto a un altro allo scopo di bilanciare.

Contrappunirisi – rifl. Contrapporsi.

Contrapuntari - tr. Contrariare, opporsi, avversare.

Contrariu - agg. Che ่ opposto in tutto e per tutto, sfavorevole.

Contrasensu – s. m. Diversitเ.

Contrasignari - tr. Mettere o fare un segno per riconoscere.

Contrassegnu – s. m. Segno per riconoscere| versamento di somma per merce ricevuta.

Cuntrasta – s. f. Controversia, lite.

Contrastari - tr. Avversare| v. cuntrastari.

Contrastu – s. m. V. cuntrastu.

Contrattari - tr. Trattare| pattuire| v. cuntrattari.

Contrazioni – s. f. Pulsazione, battito.

Controllari - V. cuntrullari.

Controllu – s. m. Il controllare e l'effetto.

Contronanza – s. f. Ballo di gruppo in coppie con figurazioni e disposizioni a comando in lingua francese/siciliana |V. Quatriglia.

Contru – prep. Conrario, avverso.

Contruluci – s. f. V. contraluci.

Contrumarcia – s. f. Marcia in senso opposto.

Contrusensu – s. m. Senso contrario.

Conzalemmi – s. m. Chi rappezza i piatti e stoviglie varie.

Conza – s. f. Condimento, salsa, ornamento.

Conzari - V. cunzari.

Conzascarpi – s. m. Ciabattino, calzolaio.

Conzu – s. m. il palangaro formato da una lenza di nylon spessa armata con molti ami e raccolta dentro casse o ceste.

Copertu - agg. Nuvoloso, riparato.

Copiatu – s. m. Lavoro di trascrizione.

Copiaturi – s. m. Scrivano, chi trasferisce su un foglio il contenuto di un altro, studente che copia dal compagno.

Copiazzari - tr. Scopiazzare, plagiare, copiare qua e lเ| v. cupiazzari.

Copiazzatu - agg. Scopiazzato, non originale.

Coppi – s. m.  seme delle carte da giuoco| Battiri a C. – insistere, infastidire.

Coppu – s. m. Cartoccio, involto a cono per avvolgere cose di vario genere. piccola rete con manico usata per catturare piccoli animali o pesci pescati, retino.

Coppula – s. f. Copricapo con tesa, tipico del contadino.

Corcu, coiccu – s. m. Gancio.

Cori – s. m. Organo per il pompaggio del sangue, sentimento di umanitเ.

Coricinu – s.m. Piccolo cuore.

Coriu – s. m. Spessa pelle di animale per lo pi๙ concia per vari usi e per risuolar scarpe| Aviri la facci ri C. - essere insensibile.

Corniciaru – s. m.  Corniciaio │V. curniciaru.

Corniciuni - sm. V. curniciuni.

Corniri – s. m. Calcio d'angolo, palla mandata fuori in fondo alla propria metเ campo.

Corpacciu – s. m. Grosso colpo.

Corpevuli - agg. Che ha colpa.

Corpevulizza, corpivulizza – s. f. L'essere colpevole.

Corpiri - tr. Cogliere nel segno| avere, provare meraviglia| v. curpiri.

Corpitu – agg. Centrato, abbattuto.

Corpumortu - agg. Debole, gracile.

Corputu - agg. Preso in pieno.

Corredu – s. m. Insieme d'abiti e biancheria di una ragazza che si sposa o si fa monaca.

Correggiri - tr. Liberare da errori, migliorare.

Correnti – s. f. Corso d'acqua di un fiume| flusso d’aria, di elettricitเ.

Corrispunnenza – s. f. Il corrispondere| carteggio, serie di lettere.

Corrispunniri - V. currispunniri.

Corrittizza – s. f. L'essere corretto, lealtเ, onestเ.

Corrompiri - V. currumpiri.

Corsu – s. m. Strada principale di una cittเ| lo scorrere delle acque di un fiume| il naturale procedere delle cose.

Cortellu – sm. V. cuteddru.

Cosaruceddra – s. f. Piccolo dolce.

Cosaruceddri – s. m. Palline dolci variamente colorate per guarnire torte o dolci.

Cosaruci – s. f. Qualunque confettura o pasta dolce.

Cosaruciaru – s. m. Chi fa dolci.

Cosaruciazza – s. f. Brutto o grande dolce.

Cosca – s. f. Costa, foglia di un ortaggio, specialmente della lattuga, combriccola di pi๙ persone votata a far male.

Costari - V. Custari.

Costatari - V. Custatari.

Costi – s. m. Le ossa attaccate allo sterno.

Costu - sm. Il prezzo di un’opera| A C. di - costi quel che costi| A C. i fabbrica - a prezzo di fabbrica| A C. i

Costula – s. f. Vertebra unita allo sterno.

Costumazzu – s. m. Ampio o brutto costume.

Costumeddru – s. m. Piccolo costume.

Cosu – s. m. Lo stesso che cosa e si dice, quando il nome non viene in mente.

Cota – s. f. Raccolta di frutti, ortaggi, legumi .

Cotu - agg. Raccolto, staccato, raccattato.

Cotucotu -avv. Accanto e zitto

Cozzu – s. m. La parte alta posteriore del collo, nuca,  non affilata di una lama, opposta ai denti del pettine, pi๙ sottile di una cosa squadrata |C. di pani (parte posteriore di pane).

Crapa – s. f. Domestico animale erbivoro molto agile che ama arrampicarsi, capra.

Crapareddru – s. m. Pastorello addetto alle capre.

Craparu – s. m. Pastore di capre| venditore di latte.

Crapazza – s. f. Grande o brutta capra.

Crapettu – s. m. Cucciolo di capra macellato.

Crapicceddru, capricciuzzu – s. m. Piccolo capriccio.

Crapignu - agg. Di capra.

Crapuni – s. m. Grosso capro, becco, irco.

Crapuzza – s. f. Giovane capra.

Crastazzu – s. m. Grosso o brutto montone.

Crasticeddru – s. m. Giovane montone.

Crastu – s. m. Montone, ariete, il maschio della pecora| chi ่ tradito dalla moglie.

Crastuneddru – s. m. Giovane montone| lumaca dal guscio verde molto resistente.

Crastuni – s. m. Grosso montone| tipo di lumaca che va in letargo nelle fessure delle rocce.

Cravattaru – s. m. Venditore di cravatte.

Cravattazza - sf. Grande o brutta cravatta.

Cravatteddra, cravattina, cravattuzza – s. f. Piccola cravatta.

Cravattuna – s. f. Grande cravatta.

Crediri – V. Cririri.

Crepacori – s. m. Dolore intenso, spavento.

Creribili - agg. Che ่ da credere, verisimile.

Cretinisimu, cretinismu – s. m. Imbecillitเ, scemenza, idiozia.

Cretoni – s. m. Tipo di stoffa usata in sartoria.

Crianza – s. f. Decenza, educazione, civile comportamento.

Criari - tr. Trarre dal nulla| produrre col cervello opere.

Criata – s. f. Serva, sguattera| donna di servizio, cameriera.

Criaturazzu – s. m. Chi ha comportamento da ragazzo viziato.

Criatureddru – s. m. Piccolo e simpatico ragazzo.

Criaturu, criatura – s. m. Bambino.

Crirenza – s. f. Mobile dove si conservano stoviglie | credito.

Criribili - agg. Da credere, verisimile.

Criribilitเ – s. f. L'essere credibile.

Cririnzina – s. f. Piccola credenza.

Cririri – tr. Prestare fede, tenere per vero, stimare bene.

Criscenti – s. m. Lievito per pane| agg. destinato a crescere.

Criscenza – s. f. Aumento di numero, volume.

Criscibili - agg. Atto a crescere.

Criscimogna – s. m. Crescita, sviluppo.

Crisciri - intr. Aumentare di volume, in altezza, farsi maggiore.

Criscita – s. f. Aumento di volume.

Criscitina, criscitura – s. f. L'atto del crescere| accrescimento, crescita.

Crisciuta – s. f. Crescita.

Crisciutazzu, crisciutizzu - agg. Troppo cresciuto.

Crisciuteddru - agg. Poco cresciuto.

Crisciutu - agg. Aumentato in volume e in quantitเ.

Crisiceddra – s. f. Piccola crisi.

Crisimari - tr. Fare da padrino.

Crisimarisi - rifl. Ricevere il sacramento.

Cristianazzu – s. m. Persona cattiva e malvagia, alta e grossa.

Cristianeddru – s. m. Persona minuta e brava.

Cristianu – s. m. Chi professa la religione di Cristo| persona qualunque.

Crita – s. f. Argilla.

Critazza – s. f. Grande o brutta argilla.

Critazzu – s. m. Terreno collinoso di argilla.

Crittu - agg. Concepito come vero, creduto.

Crituna – s. f. Grossa zolla di creta.

Critusu - agg. Argilloso.

Crituzza – s. f. Piccolo pezzo di creta.

Crivaru – s. m. Chi fa o vende setacci.

Crivata – s. f. Quantitเ di cose setacciate in una volta.

Crivazzu – s. m. Grande o brutto setaccio.

Criviceddru – s.vm. Piccolo setaccio.

Crivu – s. m. Vaglio, staccio, setaccio| arnese fatto di due cerchi rientranti di fascina o altro legno confitto con un tessuto di seta o di crine al fine di separare la parte pi๙ fine di un prodotto e specialmente la farina dalla crusca.

Crivuni – s. m. Grande staccio.

Crivuzzu – s. m. Piccolo staccio.

Crocchiula – s. f. Incrostazione da escoriazione.

Crozza - s.f. Cranio, teschio |Cruccia

Crucchiuliddra, crucchiuluzza – s. f. Piccola incrostazione .

Crucchiuluna – s.f. Grossa incrostazione.

Crucera - s. f. Termine per indicare qualsiasi attraversamento di legni, ferro e simili a forma di croce per arte e armature.

Cruciddra, cruciuzza – s. f. Piccola croce.

Cruciuna – s. f. Grande croce.

Crudu – agg. V. Cruru.

Crurazzu - agg. Molto crudo.

Cruriceddru - agg. Poco cotto.

Cruru - agg. Non cotto| di persona, ignorante.

Cruruliddru - agg. Poco cotto| ignorantello.

Crusta – s. f. Secrezione disseccata| cellule morte.

Crusticeddra, crustiddra – s. f. Sottile crosta.

Cu - pr. Chi, colui che.

Cu avi - loc. Chi ha.

Cubba – s. f. Cupola, tetto.

Cubbaita – s. f. Tipo di torrone fatto con semi di sesamo, miele e mandorle.

Cucchia – s. f. Coppia.

Cucchiara, cucchiaru – s. f. Strumento concavo con manico con cui si mangia la minestra, cucchiaio.

Cucchiarata – s. f. Quanto cibo si prende con un cucchiaio │Colpo dato con il cucchiaio.

Cucchiaratazza – s. f. Cucchiaiata piena.

Cucchiarateddra – s. f. Piccola cucchiaiata.

Cucchiarazza – s. f. Grande o brutto cucchiaio.

Cucchiareddra – s. f. Piccolo cucchiaio.

Cucchiarina – s. f.  Cucchiaino da caff่.

Cucchiarineddra – s. f. Contenuto di un piccolo cucchiaio.

Cucchiarinu – s. m. Piccolo cucchiaio e suo contenuto.

Cucchiaruni – s. m. Grande cucchiaio.

Cucchiaruzza – s. f. Piccolo cucchiaio.

Cucc์a – s. f. Frumento bollito che si usa preparare a Santa Lucia.

Cucciari - tr. Piluccare, staccare un chicco dopo l’altro| rimediare qualcosa.

Cucciazzu – s. m. Grosso acino d'uva.

Cucciceddru, cucciddru, cucciteddru – s. m. Piccolo chicco, acino.

Cucciddratu – s. m. Biscotto o pane a forma rotonda.

Cucciuni – s. m. Grosso chicco, foruncolo.

Cucciusu - agg. Che ha molti o grossi chicchi.

Cucciutu - agg. Testardo, caparbio| di molti o grossi chicchi.

Cucciuzzu – s. m. Piccolo chicco.

Cuccu – s. m. Grosso uccello notturno che emette un lamento lugubre e sinistro| di persona, che schiva ogni compagnia.

Cuccui – loc. Con chi, chi | C. ti iungi? Chi pratichi?

Cuccusemu – loc. Questi sono i nostri compagni.

Cuccus์ – loc. Con chi sei.

Cuccusiti – loc. Chi sono i vostri compagni.

Cuccusugnu – loc. Chi ่ il mio compagno.

Cucenti - agg. Ardente, bollente.

Cucibili - agg. Che si presta a cottura.

Cucinabili – agg. Che ่ da cucinare.

Cucinari - tr. Cuocere cibi, lavorarsi una persona con atti e raggiri, convincere.

Cucinarisi - rifl. Prepararsi un pasto.

Cucinata – s. f. Cottura.

Cucinatu - agg. Cotto, convinto, persuaso.

Cucinazza – s. f. Grande o brutta cucina.

Cucineddra – s. f. Piccola o graziosa cucina.

Cucineri – s. m. Chi cucina, cuoco.

Cucirisi – rifl. Cuocersi.

Cuciusu – agg. Facile alla cottura.

Cuciuta – s. f. Tempo di cottura.

Cuciutu - agg. Cotto, cucinato.

Cucivulu – agg. Di facile cottura, adatto per cuocerlo. 

Cucucceddru – s. m. Appena colmo.

Cucucciazzu – s. m. Grande quantitเ.

Cucucciu – s. m. Pieno fino al massimo della capacitเ, pieno zeppo, qualsiasi cosa che vada aldilเ delle aspettative, colmo.  

Cucucciuni – s. m. Grande accumulo.

Cucuzza – s. f. Pianta con foglie grandi, rampicante e frutti grossi, zucca.

Cucuzzaru – s. m. Produttore o venditore di zucche| agg. Di terreno, che si presta a coltura di zucche.

Cucuzzata – s. f. Campo coltivato a zucca │Zucca candita.

Cucuzzazza – s. f. Grande o brutta zucca.

Cucuzzeddra, cucuzzina – s. f. Pianta del genere zucca con frutti lunghi e affusolati, buoni per minestre.

Cucuzzuna – s. f. Grossa zucca.

Cucuzzuni – s. m. Zuccone| Grossa testa rapata| agg. Ignorantone.

Cuddraru - s.m. Collare, collo | tra cozzu e c. = tra capo e collo.

Cuddriari – tr. Avvolgere, arrotolare qualcosa su se stesso (่ usato principalmente per arrotolare una corda).

Cuddriarisi - rifl. Fingere di accettare o capire.

Cuddriceddra – s. f. Colla veramente efficace.

Cuddriceddu – s. m. Piccolo o esile collo.

Cuddruni – s. m. Grosso o lungo collo.

Cuddrura – s. f. Forma di pane di circa mezzo chilo.

Cuddrureddra – s. f. Ciambella di pane.

Cuddruruni – s. m.  Grande forma di pane.

Cuddruzzu – s. m. Collo del bambino.

Cueddrocu – loc. Risposta al bussare alla porta, chi ่ lเ?

Cu est, cu eni   - loc. Chi ่.

Cu est ddrocu - loc. Chi ่ lเ.

Cuetari - V. cuitari.

Cuffaru – s. m. Chi fa o vende o riempie “coffe” , ceste.

Cuffata – s. f. Quanta roba pu๒ contenere una cesta

Cuffateddra – s. f. Cesta poco piena.

Cuffazza – s. f. Grande e capace cesta.

Cufficeddra – s. f. Piccola cesta, cuffietta per neonati.

Cuffinata – s. f. Quantitเ di cose contenute in un canestro.

Cuffinazzu – s. m. Grande o brutto canestro.

Cuffineddru – s. m. Piccolo canestro.

Cuffinu – s. m. Recipiente cilindrico adatto al trasporto o conservare prodotti agricoli.

Cuf๙, cufuni - loc. Chi ่ stato |a Cufuni – a volontเ.

Cuffuna – s. f. Grande cesta.

Cuffuzza – s. f. Piccola cesta.

Cufularu – s. m. Cucina in muratura| caminetto.

Cufuneddru – s. m. Trabiccolo personale in terracotta per  scaldare mani o piedi, scaldino.

Cufuruna – s. f. Tartaruga primariamente di mare.

Cufuruneddra – s. f. Piccola tartaruga pi๙ che altro terrestre.

Cugghimentu, cugghitina, cugghitura – s. f. Raccolta.

Cugghiuniari - tr. Schernire, prendere in giro.

Cugghiunata – s. f. Presa in giro.

Cugghiuni – s. m. Organo riproduttivo del maschio, testicolo| ottuso, stupido.

Cugghiunutu – agg. Che ha carattere, personalitเ.

Cugghiutu - agg. V. cotu.

Cugnintura – s. f. Occasione, circostanza, situazione.

Cugnu – s. m. Prisma triangolare a due piani inclinati, cuneo.

Cuitari - tr. Assecondare,  Calmare, soddisfare i bisogni di qualcuno.

Cuitarisi - rifl. Quietarsi, accontentarsi, rassegnarsi, calmarsi.

Culabroru – s. m. Arnese da cucina per colare il brodo| colino.

Culacchiata – agg. Colpo battuto col sedere cadendo a terra.

Culapponti – loc. - disporsi a quattro zampe.

 Culari - tr. Filtrare, far passare un liquido per un panno o altro perch้ sia purificato, togliere le impuritเ, gocciolare.

Cularinu – s. m. Infiammazione dell'ano con perdita di sangue, emorroidi.

Culata – s. f. Il colare| colpo dato con il sedere, fortuna.

Culatu - agg. Filtrato, purificato, gocciolato.

Culatura – s. f. La cosa colata, gocciolatura.

Culavi - loc. Chi l'ha.

Cullirazza – s. f. Grande collera, dispiacere.

Cullireddra, culliriceddra – s. f. Piccola collera, dispiacere.

Culliruna – s. f. Grande collera, dispiacere.

Culummina - s. f. Donna intrigante e vanitosa.

Culurari, culuriri - tr. Dare il colore, dipingere.

Culuritu, culurutu – s. m. Carnagione| agg. Dipinto, carico di colore.

Culusu - agg. Favorito, baciato dalla fortuna.

Cumannamentu – s. m. Comando, il comandare.

Cumannanti – s. m. Chi o che comanda,  spadroneggia senza averne l'autoritเ, capo.

Cumannari - tr. Imporre la propria volontเ.

Cumannatu - agg. Che esegue ordini.

Cumannaturi – s. m. Chi esercita il comando.

Cumannu – s. m. Ordine di fare, luogo di convegno degli ufficiali da cui sono emanati gli ordini, potere.

Cumerda,cumerdia – s. f.  Aquilone.

Cuminciari - tr. Avere, iniziare.

Cuminciatina – s. f. Inizio, punto in cui si riprende un lavoro interrotto.

Cuminciatizzu - agg. Molto bene iniziato.

Cuminciatu – agg. Che ha avuto inizio.

Cuminienza – s. f. Ci๒ che ่ conveniente, profitto, tornaconto.

Cumiziari – intr. Parlare al pubblico da parte del politico per convincerlo a votare per lui.

Cummari – s. f. Donna che tiene a battesimo o a cresima.

Cummattimentu – s. m. Lavoro poco impegnativo, l'accudire ai bisogni della casa e della famiglia.

Cummattiri - intr. Lavoricchiare, lavorare senza fatica o impegno, accudire, darsi da fare.

Cummattitu – s. m. Lavoro di vigilanza, disbrigo di faccende di casa, di lavori leggeri, fatica.

Cummattusu – s. m.  persona o discorsi sofisticati e cavillosi.

Cummeniri – intr. Accordarsi sulle condizioni di un contratto, tornare utile.

Cummentu – s. m. Casa per religiose, di frati| spiegazioni di un'opera.

Cummigghiari - tr. Coprire, occultare alla vista.

Cummigghiarisi - rifl. Coprirsi, ripararsi dal freddo.

Cummigghiatu - agg. con qualcosa addosso, coperto.

Cumminari - tr. Operare| fare.

Cumminarisi – rifl. Assumere atteggiamenti eccentrici.

Cumminatu - agg. Situato, posto.

Cumminazioni – s. f. Caso.

Cumminciri – tr. Rendere edotto, convincere.

Cummincirisi – rifl. Prendere coscienza, convincersi.

Cumminciutu – agg. In piena coscienza, convinto.

Cumminenti - agg. Opportuno, acconcio.

Cumminenza, cumminienza – s. f. Ci๒ che ่ conveniente, profitto, lucro, tornaconto.

Cumminibili - agg. Che conviene, vantaggioso, profittevole.

Cummiritเ – s. f. Agio, opportunitเ, occasione.

Cummittu – s. m. Luogo di educazione, istituto, collegio.

Cummogghiu – s. m. Tutto ci๒ che funge da copertura.

Cummoviri - tr. Suscitare affetti.

Cumpagnazzu – s. m. Brutto o cattivo compagno.

Cumpagneddru, cumpagnettu – s. m. Giovane o simpatico compagno.

Cumpanaggeddru – s. m. Buon companatico.

Cumpanaggiari - tr. Consumare, mangiare poco per volta.

Cumpanaggiarisillu – loc. Consumarlo poco per volta, con parsimonia.

Cumpanaggiatu - agg. Consumato poco per volta, lentamente.

Cumpanaggiazzu – s. m. Companatico non gradito.

Cumpanaggiu – s. m. Companatico.

Cumpararisi - rifl. Imparentarsi, divenire compari mediante battesimo o cresima.

Cumparazzu – s. m. Brutto compare.

Cumpareddru – s. m. Caro compare.

Cumpari – s. m. Chi tiene a battesimo o a cresima e il padre del battezzato, del cresimato.

Cumpariggiu – s. m. Rapporto di parentela tra compari.

Cumpariri - tr. Apparire, sorgere.

Cumparutu – agg. Apparso.

Cumparuzzu – s. m. Affettuoso compare.

Cumpassioni – sf. Sentimento di pietเ.

Cumpatiri - tr. Avere comprensione, sopportare.

Cumpiaciri - intr. Fare di buon grado ci๒ che altri richiede.

Cumpinsatu - agg. Contraccambiato, risarcito| s. m. Foglio di trucioli pressati uniformamente.

Cumplicateddru - agg. Poco complicato.

Cumplicatizzu - agg. Molto complicato.

Cumpluttari - tr. Ordire, congiurare, tramare contro qualcuno.

Cumportarisi - V. cumpurtarisi.

Cumpruvari - tr. Provare| accertare.

Cumpunutu – agg. Che ha forma, che contiene.

Cumpurtarisi – rifl. Atteggiarsi a buono o a cattivo comportamento.

Cumpustizza – s. f. Correttezza, decoro.

Cumunali - agg. Di comune.

Cumunioni – s. f. Comunanza, societเ| ostia, il sacramento dell'eucarestia.

Cunceriri - tr. Accordare, acconsentire, concedere.

Cunchiurimentu – s. m. Accordo, termine.

Cunchiuriri - tr. Terminare, concludere.

Cuncirenti - agg. Che coincide.

Cuncumeddru – s. m. riunione di persone che complottano contro altri.

Cunfetta – s. f. Piccolo dolce di zucchero che copre una mandorla o della cioccolata, confetto.

Cunfidari - V. cunfirari.

Cunfinari - intr. Avere come confini, condannare al confino.

Cunfirari - tr. Riferire con segretezza a persona fidata| raccontare in confidenza.

Cunfirarisi - rifl. Affidare i propri segreti a qualcuno, aprirsi.

Cunfirenza – s. f. Fiducia illimitata| familiaritเ| conferenza| v. confirenza.

Cunfissari - tr. Affermare ci๒ di cui si ่ sospettati, palesare, dichiarare apertamente| riferire i peccati in confessione, la veritเ.

Cunfissarisi - rifl. Svelare i propri peccati, alle autoritเ le proprie colpe.

Cunfittara – agg. Addetta alla confezione di confetti.

Cunfittaru – s. m. - agg. Venditore di confetti| mangiatore, goloso di confetti.

Cunfittazza – s. f. Grosso o brutto confetto.

Cunfitteddra, cunfittina, cunfittuzza – s. f. Piccolo confetto.

Cunfittuna – sf. Grosso confetto.

Cunfortari - V. cunfurtari.

Cunfortu – s. m. Vigore, impeto di forza.

Cunfruntari - tr. Mettere a confronto, paragonare.

Cunfruntarisi – rifl. Scambiarsi opinioni.

Cunfunniri - tr. Scambiare, confondere.

Cunfunnirisi - rifl. Smarrirsi, perdere il filo del discorso.

Cunfunnutu – agg. - V. cunfusu.

Cunfurtari - tr. Alleviare dolori, sofferenze.

Cunfurtarisi - rifl. Darsi pace, ristoro, avere speranza.

Cunfusamenti – avv. In modo confuso, poco chiaro.

Cunfusioni – s. f. Confusione, moltitudine di gente, turbamento, smarrimento, caos.

Cunfusu - agg. Che ่ in preda a confusione, poco chiaro| Prov. Essiri cchi๙ C. chi pirsuasu - essere frastornato.

Cungeru – s. m. Assenza temporanea dal servizio| fine del servizio militare.

Cungirari - tr. Licenziare dal servizio militare, mandar via per fine ferma.

Cungirarisi - rifl. Andar via, allontanarsi, dimettersi.

Cuniggheddru, cuniggiuzzu – s. m. Piccolo coniglio.

Cunigghera – s. f. Gabbia per conigli| Recinto.

Cunigghiaru – s. m. Allevatore, venditore, mangiatore di conigli │Sito in cui si custodiscono conigli.

Cunigghiata – s. f. Nidiata di conigli| numero di conigli nati da unico parto.

Cunigghiazzu, cunigghiuni – s. m. Grosso coniglio.

Cunigghiu – s. m. Mammifero dell'ordine dei roditori, coniglio| di persona, paurosa, timida.

Cunnanna – s. f. Sentenza di pena, condanna.

Cunnannari - intr. Imporre pena per sentenza, privare della libertเ, indurre al pagamento di una somma.

Cunnucimentu – s. m. Accompagnamento.

Cunnuciri - tr. Accompagnare, condurre, indugiare.

Cunnuciusu – agg. Temporeggiatore, perdi tempo.

Cunnutta – s. f. Condotta, comportamento |Mala cunnutta – Persona poco raccomandabile.

Cunortu – s. m. Rassegnazione, sollievo, conforto.

Cunsegna - sf. Atto del dare cosa in deposito o in custodia, punizione che priva il militare della libera uscita.

Cunsegnari - V. cunsignari.

Cunsirirari - tr. Osservare attentamente, tenere in pregio, prendere (o tenere) in considerazione, prendere in esame, riguardare.

Cunsiggheddru, cunsiglieddru – s. m. Piccolo consiglio.

Cunsiggheri – s. m. Chi consiglia, membro di una pubblica amministrazione.

Cunsigghiari - tr. Indurre uno a fare o no.

Cunsigghiarisi - rifl. Pigliare consigli| chiedere il parere di esperti, anziani.

Cunsigghiazzu – s. m. Grande o brutto consiglio.

Cunsigghiu – s. m. Norma di operare che si dเ nei casi dubbi| parere, adunanza pubblica di uomini che trattano argomenti importanti.

Cunsigghiusu – agg. Che ่ prodigo di consigli.

Cunsignari - tr. Affidare| Punire il militare.

Cunsignarisi - rifl. Consegnarsi, presentarsi, costituirsi.

Cunsignatu - agg. Dato, ridato, affidato| s. m. Chi ่ privato della libertเ temporanea, di uscita per punizione.

Cunsintimentu – s. m. Consenso, approvazione.

Cunsulanti - agg. Lieto, felice, confortante.

Cunsulari - tr. Alleviare, confortare.

Cunsularisi - rifl. Prendere consolazione, confortarsi.

Cunsulazioni – s. f. Conforto, letizia.

Cunsulu, cunsolu  – s. m. Consolazione che parenti e amici portano alla famiglia che ha perso una persona cara e che di solito consiste nella preparazione del pranzo, consolamento, conforto,banchetto o  imbandigione funerea.

Cunsumari - tr. Finire a poco a poco, rovinare.

Cunsumarisi - rifl. Logorarsi, esaurirsi| cadere in disgrazia, rovinarsi.

Cunsumu – s. m. Logoramento per uso frequente, cosa consumata.

Cunsuntu - agg. Ammalato grave, tisico,arrabbiato| Moriri C. - rodersi di rabbia.

Cunta - s. f.  Racconti  |v. Cuntu

Cuntari - tr. Numerare, raccontare, avere un certo peso.

Cuntata – s. f. Il contare, conta, verifica.

Cuntaturi – s. m. Strumento di misurazione di energia elettrica, gas, acqua| chi racconta, narratore.

Cuntazzu – s. m. Lungo o brutto conto, racconto.

Cuntemplari - V. cuntimplari.

Cunticeddru – s. m. Conticino, storiella, breve racconto.

Cuntintari - tr. Accontentare, soddisfare uno di una richiesta.

Cuntintarisi - rifl. Rimanere soddisfatto.

Cuntintizza – s. f. Soddisfazione, gioia.

Cuntorciri - tr. Torcere, girare su se stesso (come torciri).

Cuntraddittu, cuntradittu - agg. Avversato, contrariato.

Cuntrapilu – s. m. Rasatura contraria all'inclinazione del pelo.

Cuntrariari - tr. Contraddire, avversare, opporsi.

Cuntrariarisi – rifl. Non essere coerente con se stesso.

Cuntrariatu – agg. Avversato.

Cuntrariu - agg. Opposto, sfavorevole, avverso| s. m. Ci๒ che ่ contrario.

Cuntrariusu – agg. Incoerente.

Cuntrastari - tr. Avversare combattere, altercare, reagire| v. cuntrariari.

Cuntrastu – s. m. Opposizione, avversione, disputa.

Cuntrata – s. f. Quartiere di cittเ, zona di campagna.

Cuntu – s. m. Racconto| calcolo, denaro che si ha in deposito.

Cuntuttu – avv. Malgrado, ci๒ nonostante.

Cunurtari - tr. Consolare, alleviare, confortare.

Cunurtarisi - rifl. Consolarsi a vicenda, provare sollievo, piacere, conforto.

Cunventu -  v. cummentu.

Cunvincimentu – s. m. Convinzione, persuasione.

Cunvittu – s. m. V. cummittu.

Cunzabili - agg. Che si pu๒ aggiustare, riparare.

Cunzari - tr. Riparare, aggiustare, accomodare, rimettere in ordine, apparecchiare, allestire, approntare, condire.

Cunzarisi - rifl. Imbellettarsi.

Cunzata – s. f. Riparazione, condimento.

Cunzatazza – s. f. Buona e definitiva riparazione.

Cunzatazzu - agg. Molto aggiustato, riparato, condito.

Cunzateddra – s. f. Piccola riparazione, leggero condimento.

Cunzateddru - agg. Poco condito, riparato, aggiustato.

Cunzatina – s. f. Riparazione, condimento.

Cunzatizzu - agg. Molto aggiustato, riparato, condito.

Cunzatu - agg. Aggiustato, abbellito, condito.

Cunzatura – s. f. Riparazione, condimento.

Cunzaturi – s. m. Chi aggiusta, accomoda, rassetta, ripara, condisce.

Cupaggiu – s. m. Il personale di un barca o nave, meno gli ufficiali superiori.

Cuperchiu – (V. Cuvecchiu)

Cupiatu – s. m. Lavoro di copiatura| agg. trascritto, riportato.

Cupiaturi – s. m. Copista, scrivano, scritturale, plagiatore, duplicatore.

Cupiazzari – tr. Scopiazzare, copiare da altro ci๒ che si fa credere produzione propria.

Cupircheddru,cupirchiuzzu  – s. m. Piccolo coperchio.

Cupirchiari – tr. Coprire con coperchio.

Cupirchiazzu – s. m. Grande o brutto coperchio.

Cupirchiuni – s. m. Grande coperchio.

Cupirtazza – s. f. Grande o brutta coperta.

Cupirteddra – s. f. Piccola o graziosa coperta.

Cupirtina, cupirtuzza  – s. f. Coperta per culla o lettino, foglio di cartoncino che serve da coperta a un libro, a un quaderno.

Cupirtuna – s. f. Grande coperta.

Cupirtuni – s. m. Involucro esterno delle ruote delle auto,copertone.

Cuppazza – s. f. Grande o brutta coppa.

Cuppazzu – s. m. Grande cartoccio.

Cuppera – s. f. Piatto porta coppe.

Cuppetta, cuppiceddra – s. f. Piccola coppa.

Cuppiceddru, cuppiddru – s. m. Piccolo cartoccio.

Cuppiddra – s. f. Piccola coppa.

Cuppinata – s. f. Quantitเ di ci๒ che contiene un Cuppinu, colpo di mestolo.

Cuppinazzu – s. m. Grande o brutto mestolo e suo contenuto.

Cuppineddru – s. m. Piccolo mestolo e suo contenuto.

Cuppinu – s. m. Arnese incavato con manico per prendere minestre, sughi| Mestolo.

Cuppularu - s. m. Antico mestiere di fabbricante di coppole e berretti vari | Caporale dei mafiosi e guardiano delle terre dei padroni che vessava i poveri contadini.

Cuppulata – s. f. Contenuto di una coppola, berretto, colpo di Coppola.

Cuppulazza – s. f. Brutta o grande coppola, suo contenuto.

Cuppuliddra – s. f. Berretto per bambino, suo contenuto.

Cuppuluna – s. f. Contenuto di un ampio berretto.

Cuppuluni – s. m. Grande coppola, .

Cuppuluzza – s. f. Piccolo berretto per bambino.

Cupputazzu - agg. Troppo incavato.

Cupputeddru - agg. Poco incavato.

Cupputu - agg. Incavato, cavo, semisferico| piattu C. - piatto fondo.

Cuppuzzu – s. m. Piccolo cartoccio.

Cura – s. f. Coda| premura, somministrazione di medicine.

Curaddru, curallu – s. m. Aggregazione calcarea, Corallo.

Curaddruzzu – s. m. Corallino.

Curaggeddru – s. m. Piccolo coraggio.

Curaggiazzu – s. m. Gran coraggio.

Curaggiu – s. m. Animo, vigore| Aviri C. – osare| Dari, fari C. -  animare, sostenere| Pigghiari C. – rincuorarsi.

Curaggiusamenti - avv. Con coraggio.

Curaggiusu - agg. Animoso, spavaldo.

Curaggiuzzu – s. m. Piccolo coraggio.

Curanza – s. f. Rispetto di s้.

Curata – s. f. Parte terminale della colonna vertebrale.

Curateddra – s. f. Breve e leggera cura.

Curateddru - agg. Poco curato.

Curatina – s. f. L'atto del curare.

Curatulu – s. m. Sorvegliante di azienda agricola.

Curazzu – s. m. Cuore troppo duro e insensibile, codazzo, seguito.

Curbusu - agg. Tortuoso, pieno di curve.

Curcari - tr. Mettere a letto, deporre, stendere, adagiare.

Curcarisi - rifl. Mettersi a letto, stendersi.

Curcata – s. f. Disporsi a letto, stesura.

Curcatu - agg. Steso, disteso, che dorme.

Curchiceddru, curchiddru, curchiggheddru, curchiteddru – s. m. Piccolo gancio.

Curchittazzu – s. m. Grosso o brutto gancio.

Curchittu – s. m. Piccolo gancio o uncino.

Curdami – s. f. Serie di corde.

Curdaru – s. m. Chi fa o vende corde.

Curdata – s. f. Il legarsi di pi๙ persone.

Curdazza – s. f. Grossa o brutta corda.

Curdiceddra, curdina – s. f. Funicella.

Curduncinu, curduneddru, curdunettu – s. m. Piccolo cordone per guarnire abiti, filo per ricamo.

Curduni – s. m. Funicella di seta, di cotone, di lana per lavoro di tappezzeria| cordicella con cui i monaci si cingono il saio| grossa corda per legatura o traino.

Curiddra – s. f. Piccola coda, leggera cura.

Curina – s. f. Foglia della palma nana, se ne ricava cordicella e scope.

Curiusari - V. curiusiari.

Curiusazzu - agg. Molto curioso, che fa di tutto per sapere i fatti della gente.

Curiuseddru - agg. Poco curioso.

Curiusiari – intr. Assistere, impicciarsi dei fatti altrui.

Curiusitเ – s. f. Desiderio di sapere cose futili, i fatti altrui| stranezza.

Curiusu - agg. Che vuol sapere i fatti altrui| strano, antipatico, bizzarro.

Curmari – tr. Riempire a pi๙ non posso.

Curnateddra – s. f. Leggero colpo di corna.

Curnatazza – s. f. Grande o brutta cornata.

Curnazzu – s. m. Grosso corno.

Curniceddra – s. f. Piccola cornice.

Curnici – s. f. Ornamento tutt'attorno a una casa, a un quadro.

Curniciaru – s. m. Chi fa o vende cornici.

Curniciazza – s. f. Grande o brutta cornice.

Curniciuzza – s. f. Piccola cornice.

Curnuni – s. m. Grosso o grande corno.

Curnutazzu - agg. Che ha grandi corna| di uomo, ripetutamente tradito.

Curnuteddru - agg. Che ha piccole corna, di ragazzo, vivace, discolo, irrequieto, biricchino |Pesce forca (anche curnutu).

Curnutu - agg. Che ha corna, di marito, tradito.

Curnuzzu – s. m. Piccolo corno.

Curpa – s. f. Mancamento contro le leggi, fallo, peccato, colpa.

Curpanza – s. f. Mancamento a certe norme.

Curpazzu – s. m. Grande, grosso colpo.

Curpusu - agg. Corpulento, voluminoso.

Curputu - agg. Preso, abbattuto, corpulento.

Currennucurrennu - loc. Subito, di fretta, in breve tempo, velocemente, di corsa.

Curria – s. f. Larga striscia di cuoio, cinghia. 

Curricurri – s. m. Pandemonio, parapiglia, fuggi-fuggi.

Currituri – s. m. Chi prende parte a una gara| C. i bicicletta – ciclista| C. i cavaddra – fantino| C. i machini - pilota.

Curruta – s. f. Gara, trasferimento da luogo a luogo.

Currutazza – s. f. Gran lunga corsa.

Curruteddra - . sf. Piccola e breve corsa.

Currutina – s. f. L'atto del correre.

Cursa – s. f. Gara, competizione sportiva.

Cursazza – s. f. Lunga o brutta corsa.

Cursiceddra, cursiddra – s. f. Piccola o piacevole corsa.

Cursu – s. m. Rubinetto| lo scorrere delle acque.

Curticeddru - agg. Poco corto, breve.

Curtiggheddru – s. m. Piccolo cortile.

Curtigghiaru - agg. – s. m. Chi o che abita in un cortile, ha modi bassi| villano.

Curtigghiazzu – s. m. Ampio cortile.

Curtigghiu – s. m. Spazio ampio tra costruzioni| strada senza uscita, cortile|comportamento da villano.

Curtigghiuzzu – s. m. Piccolo cortile.

Curtizza – s. f. Brevitเ, contrario di lunghezza, bassa statura, la dimensione pi๙ breve.

Curtu - agg. Di poca lunghezza, basso, breve.

Curtuliddru - agg. Non abbastanza lungo o alto.

Curuna – s. f. Ornamento floreale per funerali e anche quella che indossa un re.

Curunari - tr. Incorniciare con corona.

Curunatu – s. m. - agg. Chi o che porta la corona, re| raggiunto, realizzato.

Curunazza – s. f. Grande o brutta corona.

Curuneddra – s. f. Piccola corona |Cuticola delle unghie.

Curuzzu – s. m. Piccolo cuore| Mittirisi u C. mpaci – rassegnarsi.

Cusเ, cusani - avv. Chissเ, se per caso.

Cuscenti - agg. Che risponde agli impulsi del cervello, consapevole.

Cuscenza – s. f. Consapevolezza.

Cusciari – tr. Andare in giro senza meta.

Cusciazza – s. f. Lunga o grossa coscia.

Cusciceddra – s. f. Piccola coscia.

Cuscinazzu – s.m. Grande o brutto cuscino.

Cuscineddru – s. m. Piccolo cuscino, simpatico cugino.

Cuscinettu – s. m. Cilindro su cui girano i cardini di un'asse| appendi aghi, spilli.

Cuscinu – s. m. V. chiumazzu

Cuscinziusu - agg. Che opera con coscienza| Essiri C. - agire con coscienza.

Cusciteddra, cusciuzza – s. f. Piccola coscia.

Cusciuna – s. f. Grossa coscia.

Cusciutu – agg. Di persona a cui piace andare in giro | V. Cusciari.

Cus์, cusini - loc. Chi sei, qual ่ il tuo nome.

Cusiri - tr. Congiungere pezzi di tela con refe, cucire.

Cusiriteru - agg. Che vuole sapere i fatti altrui, impiccione.

Cusiritiari - intr. Tendere l'orecchio per sapere i fatti altrui, origliare.

Cusiti - locuz. Chi siete, come vi chiamate.

Cusitina – s. f. L'atto del cucire.

Cussalutu – loc.  mancia, regalia |dal latino cum salute (se volete saperne di pi๙ http://www.andreasormani.altervista.org/esperienze.htm )

Custari – tr. Avere il prezzo di, costare.

Custura – s. f. Cucitura che fa come una costola e unisce due pezzi.

Custureri – s. m. Sarto.

Cus๙ - loc. Come si chiamano| Cus๙ e su - chiunque essi siano.

Cusugnu - loc. Chi sono, come mi chiamo.

Cusunnu - loc. Come si chiamano.

Cusuta – s. f. Rappezzo, il cucire e l'atto.

Cusutazza – s. f. Lungo lavoro di cucito.

Cusutazzu - agg. Cucito alla “bell’e meglio”.

Cusuteddra – s. f. Piccolo tratto di cucito.

Cusutizzu - agg. Molto cucito.

Cusutu - agg. Unito, rattoppato.

Cusuzza – s. f. Piccola, poca cosa, contributo.

Cuteddru – s. m. Strumento per tagliare|Coltello.

Cutiddrata – s. f. Colpo inferto col coltello| taglio, ferita.

Cutiddrazzu – s. m. Grande coltello con lama lunga e appuntita.

Cutiddriari - tr. Colpire ripetutamente col coltello.

Cutiddruni – s. m. Grosso e lungo coltello.

Cutiddruzzu – s. m. Piccolo coltello.

Cutra – s. f. Coperta leggera di cotone, copriletto |si na c. – sei un porta scalogna.

Cutrazza – s. f. Vecchia o brutta coltre.

Cutriceddra – s. f. Piccola coltre per culla.

Cuttunazzu – s. m. Brutto cotone.

Cuttuni – s. m. Pianta della famiglia delle Malvaceae originaria dell’India e importata in Italia dagli Arabi| Cotone.

Cuttunina – s. f. Coperta imbottita e trapunta.

Cuttura – s. f. Tempo in cui si cuoce una vivanda.

Cutturari, cutturiari – tr. Infastidire, tormentare, bollire.

Cutugnata – s. f. Marmellata di cotogna, colpo.

Cutugnazzu – s. m. Grosso albero di cotogne e frutto relativo.

Cutugneddru – s. m. Piccolo cotogno e relativo frutto.

Cutugnu – s. m. Albero di mela cotogna e relativo frutto.

Cutuliari - trans. Prendere in giro.

Cutupiddri - avv. Niente di niente, il nulla.

Cuva – s. f. Periodo d'incubazione delle uova per calore degli uccelli.

Cuvari - tr. L’accovacciarsi degli uccelli sulle uova per riscaldarle affinch้ nascano i pulcini| Fuoco sotto la cenere, con possibilitเ di divampare.

Cuvata – s. f. Pulcini della stessa cova, tempo di cova.

Cuvatina – s. f. Nascita dei pulcini.

Cuvatu - agg. Uovo non pi๙ fresco, alterato.

Cuvatura – s. f. Tempo di cova.

Cuveniveni – loc. Chiunque sia, qualunquesia il turno di ciascuno| A C. - a chi la tocca la tocca.

Cuvecchiu – s. m. Ci๒ con cui si copre la pentola e altri recipienti.

Cuvernu – s. m. Chi amministra lo Stato, gestione di una casa.

Cuvirnari - tr. Dirigere, guidare, amministrare.

Cuvirnata – s. f. Assistenza, cura.

Cuzziteddru – s. m. La parte posteriore di collo.

Cuzzuluni – s. m. Testa pelata, calvizie, tosatura.

Cuzzuni – s. m. Grosso e robusto collo, visto da parte posteriore.

 

Torna all’Indice