Crea sito

HOME

RICETTE

I PESCI

FOTO

RADICI

ESPERIENZE

CONTATTI

LINK

Cchiù scuru di mezzanotti un pò fari

 

Lettera C – Parti Prima da Cà a Chiu

 

– avv. Qui, in questo luogo │V. ccà

Cabbasisi – s. m. Frutto rotondo pieno di peli  del Cyperus esculentus e per transizione: Coglioni.

Cabbietta – s. f. Cassetta per frutta.

Cabella – s. f. Imposta, affitto.

Cabillotu – s. m. L'affittuario di un fondo dietro pagamento di un canone annuo.

Cacafora, cacaloru - agg. Pauroso, timoroso.

Cacammarruggiu, cacaniru – s. m. Piccolo uccello che nidifica fra le stoppie| nomignolo attribuito al più piccolo tra tanti figli, di una nidiata, di una comitiva.

Cacaniru - s. m. L'ultimo dei figli in famiglia.

Cacareddra – s. f. Diarrea, paura.

Cacari - tr. Evacuare, defecare.

Cacariddriari, Cacariddriarisi - rifl. Spaventarsi, intimorirsi, avere gran paura, tanto da farsela addosso.

Cacariddriusu, cacariddrusu - agg. Timoroso, preso da spavento, frettoloso, di chi non vede l’ora di raccontare un fatto che doveva rimanere segreto.

Cacariusu – agg. Timoroso.

Cacasintenzi – s. m. Sputasentenze, saputello.

Cacasutta – agg. Pauroso, privo di coraggio.

Cacata – s. f. L'atto del defecare o  l'escremento stesso sia dell’uomo che dell'animale.  

Cacatazza – s. f. Grossa defecazione, lavoro mal riuscito.

Cacatazzu - agg. Troppo pieno di escrementi, preso dalla paura.

Cacateddra – s. f. Piccola o soddisfacente defecazione| lavoro mal riuscito.

Cacateddru – agg. Poco intriso di escrementi.

Cacatina – s. f. Evacuazione, defecazione.

Cacatu - agg. e s. m. Sporco di escrementi| Contento, abbandonato al suo destino.

Cacatuna – s. f. Notevole quantità di escrementi emessi in una volta.

Cacaturi – s. m. Luogo pubblico dove si eseguono bisogni fisiologici │ Chi sta compiendo l’atto.

Cacazzaru - agg. Di persona o di animale, che evacua parecchio e a più riprese| Timido, pauroso.

Cacazzata – s. f. Abbondante quantità di escrementi.

Cacazzina – s. f. Secreto della congiuntiva che si raggruma sul bordo e agli angoli delle palpebre, spec. durante il sonno o negli stati patologici dell'occhio | Cacatella delle mosche o insetti in genere..

Cacazziari - intr. Defecare a più riprese.

Cacazziarisi – rifl. Intimorirsi, spaventarsi| Assumere atteggiamento strano, spavaldo.

Cacazziusu, Cacazzusu, Cacazzuni - agg. Di persona, che ha tanta paura.

Cacazzu – s. m. spavento.

Caccamella – s. f. Arachide.

Càccamu – s. m. Albero, Diospyros kaki, Loto d’Africa molto comune in Sicilia che produce piccole bacche dalla buccia dolciastra. Da ragazzi mangiavamo la buccia, della bacca, e usavamo il nocciolo per lanciarlo  con una cannuccia. 

Caccariari – tr. Verseggiare della gallina che ha, appena, fatto l’uovo.

Caccarunu - pr. Qualcuno, qualunque persona.

Cacchi  - agg. Qualche| C. cosa – qualcosa| C. vota - qualche volta.

Cacchicosa – agg.  Qualcosa, qualunque cosa.

Cacchivota – avv. Qualche volta

Cacciavitazzu, cacciavituni – s. m. Grosso o brutto cacciavite.

Cacciaviteddru, cacciavitinu – s. m. Piccolo cacciavite.

Cacciaviti – s. m. Arnese da stringere viti o svitarle.

Cachì, Cacu – s. m. Frutto dolce simile alla mela │ V. mancognu.

Caciu - s. m. V. tumazzu.

Caciucavaddru – s. m. Tipo di formaggio.

Caciutteddra – s. f. Piccola forma di formaggio fresco.

Caddrata, caddriata  – s. f. Quantità di acqua o altro liquido contenuto in un secchio, secchiata │Colpo di secchio ricevuto addosso.

Caddrazzu – s. m. Grosso o brutto callo o secchio.

Caddriceddru – s. m. Piccolo callo │secchiello.

Caddrozzari - V. caddruzzari.

Caddrozzu – s. m. Rocchio, pezzo  cilindrico non molto lungo riferito alla salsiccia.

Caddru – s. m. Ispessimento dello stato corneo della cute su mani e piedi| Sostanza che unisce le ossa fratturate, secchio.

Caddruni – s. m. Grosso callo │grosso secchio.

Caddruseddru - agg. Poco pastoso al palato, un po’ duro.

Caddrusu - agg. Consistente, calloso.

Caddruzzari – tr. Dividere in rocchi salsicce, salami| v. caddruzziari.

Caddruzzatu – agg. Ridotto in rocchi.

Caddruzzazzu – s. m. Grosso o lungo rocchio di salsiccia o di salame.

Caddruzzeddru – s. m. Corto o minuto rocchio di salsiccia o di salame.

Caddruzziari - tr. Dividere in rocchi, all’incirca uguali.

Caddriuzzateddru – agg. Ridotto in pochi e piccoli rocchi.

Caddruzziatu - agg. Ridotto in rocchi.

Caddruzziatura – s. f. L’atto di dividere la salsiccia in rocchi.

Cafiata – s. f. Caffè scadente .

Cafisata – s. f. Contenuto di un cafiso.

Cafisu – s. m. Recipiente che serve a misurare l’olio e la cui capacità cambia, intorno ai sedici litri. Tempo fa  si misuravano,  con esso, anche il grano ed i legumi.

Cafittaru – agg. Di persona, bevitrice di caffè.

Cafittata – s. f. Contenuto di una caffettiera, colpo inferto.

Cafittazza, Cafittuna  – s. f. Grande caffettiera.

Cafitteddra, Cafittuzza – s. f. Piccola caffettiera e suo contenuto.

Cafittera – s. f. Attrezzo d'alluminio o acciaio utile per preparare il caffè, qualsiasi mezzo meccanico ridotto male, catorcio, macinino.

Cafuddramentu – s. m. Percosse a più non posso.

Cafuddrari, Cafuddari - tr. Menare botte da orbi, colpire qualcosa con forza.

Cafuddrata, cafuddratina – s. f. L’atto del picchiare o colpire.  

Cafunaria – s. f. Mascalzonata, azione da maleducato.

Cafunata – s. f. Villanata, mascalzonata.

Cafunazzu - agg. Villanzone, zoticone, pappone.

Cafuneddru - agg. Villano, maleducato │Mangione.

Cafuni - agg. Villano, zotico, incivile, di persona cui piace tanto ingozzarsi.

Cagghiari – intr. Quagliare il latte.

Cagghiata – s. f. L’atto del cagliare.

Cagghiu – s. m. Sostanza acida che coagula il latte da trasformare in formaggio.

Cagnolu – s. m. Cucciolo di cane.

Cagnulata – s. f. Cucciolata dello stesso parto di cani.

Caiccu – s. m. Ferro a gancio, a uncino| Piccola imbarcazione.

Caifarsu - agg. Bugiardo e traditore, spione, delatore, composto di caino e falso.

Cainata – s. f. Vigliaccata, tradimento.

Cainu – s. m. Traditore, cattivo, capace di brutta azione.

Caiordu, cajordu - agg. Sporcaccione, persona che contravviene alla legge morale, incivile.

Caiuni - s. m. Persona dedita all'ozio, senza voglia di far nulla, fannullone.

Caiurdeddru - agg. Poco sporco, poco civile,

Cala – s. f. L’atto e il tempo di tenere le reti in mare per pescare, seno di mare.

Calacala – loc. Appetibile.

Calacciuni – s. m. Piccolo seno di mare con spiaggetta.

Calafatari – tr. Calafatare, rendere impermeabile le imbarcazioni.

Calafato, Calafataru – s. m. Chi con stoppa e catrame rappezza barche in legno.

Calamarata – s. f. Quantità di inchiostro contenuta nel calamaio, colpo di calamaio| scorpacciata, mangiata di calamari.

Calamarazzu – s. m. Grosso calamaro.

Calamareddru – s. m. Piccolo calamaro.

Calamarettu – s. m. Piccolo mollusco di mare.

Calamaru – s. m. Calamaio| mollusco.

Calamaruni – s. m. Grande calamaio| Grosso calamaro.

Calamaruzzu – s. m. Piccolo calamaio, mollusco di piccole dimensioni.

Calamela – s. f. Caramella.

Calamenti - s. m. Termine marinaresco per indicare i cavi che servono per calare le reti.

Calamillu – loc. mandamelo giù.

Calannaru – s. m. Allodola.

Calannaruni – s. m. Grossa allodola │di persona  scansafatiche.

Calari - tr. Abbassare, diminuire, scontare, scendere, diminuire di peso, di prezzo, di volume, inghiottire,  calare.

Calarisi - rifl. Abbassarsi, chinarsi.

Calata – s. f. Discesa, luogo per il quale si scende, pendenza, l'atto del calare e del calarsi e calare le reti in mare.

Calatuna – s. f. Lunga o ripida discesa, massima pendenza| Lunga e abbondante pescata con le reti.

Càlia – s. f. Ceci tostati.  

Caliari - tr. Tostare frutta secca.

Caliarisi - rifl. Bruciacchiarsi.

Caliàta – s. f. L’atto di tostare lu scacciu │V. scacciu.

Caliatazzu - agg. Troppo abbrustolito, quasi bruciacchiato.

Caliateddra – s. f. Leggera cottura al fuoco delle castagne o di semi.

Caliateddru - agg. Poco abbrustolito, tostato.

Caliatina - s. f. Assenza dalla scuola, dal lavoro| tostatura di frutta secca.

Caliatizzu - agg. Troppo abbrustolito, quasi bruciacchiato.

Caliàtu - agg. Tostato, abbrustolito.

Caliatuna – s. f. Il tostare a modo.

Caliatura – s. f. Tostatura.

Caliaturi – s. m. L’addetto alla tostatura , chi tosta, abbrustolisce.

Caliceddru – s. m. Lieve diminuzione.

Calu – s. m. Diminuzione di peso, di volume| abbassamento, sconto, riduzione.

Calunia – s. f. Pretesto, ragione apparente con cui si cerca di nascondere il vero motivo di un'azione fatta o da fare, cavillo, scusa.

Caluniari – tr. Mettere in giro notizie gravi e false verso qualcuno, calunniare.

Calunariu – agg. Pretestuoso| incontentabile.

Caluniata – s. f. Pretesto.

Caluniazza – s. f. Grande pretesto, scusa.

Calunieddra – s. f. Piccolo pretesto, scusa.

Calunniatu - agg. Ingiustamente accusato.

Calunniaturi – s. m. Diffamatore.

Calunniusu - agg. Che accusa ingiustamente.

Calurusu - agg. Che ha o produce calore, affettuoso.

Camiari – tr. Scaldare il forno.

Camiata – s. f. Quanta roba può trasportare un camion │Riscaldata del forno per fare cuocere il pane.

Camella – s. f. Gavetta.

Camillinu – s. m. Gavettino.

Camilluni – s. m. Grossa gavetta.

Caminata – s. f. Passeggiata, gita, escursione, scampagnata, modo di muoversi.

Caminatazza – s. f. Lunga passeggiata.

Caminateddra -  s. f. Breve passeggiata.

Caminatina – s. f. Andatura.

Caminatuna – s. f. Lunga passeggiata.

Caminatura – s. f. Modo di camminare.  

Caminaturi – s. m. Chi preferisce andare a piedi, resistente, instancabile.

Caminu – s. m. Tratto di strada, modo di camminare| fonte di calore

Camiu – s m. Camion, mezzo da trasporto.

Camiunata – s. f. Il carico del camion.

Camiunazzu – s. m. Grosso o brutto camion.

Camiuncinu, camiuneddru , camiuzzu– s. m. Piccolo camion.

Camiuni – s. m. Grosso camion.

Cammara – s. f. Stanza.

Cammarazza – s. f. Grande o brutta camera.

Cammareddra – s. f. Piccola o graziosa stanza │ Camerino da spiaggia.

Cammareri – s. m. Cameriere, servo, addetto ai servizi nei ristoranti, alberghi e simili.

Cammarinu – s. m. Stanzetta con gabinetto , ripostiglio, abitacolo.

Cammaruna, cammaruni – s. m. Salone, stanzone.

Cammisa – s. f. Camicia.

Cammisara – s. f. Chi confeziona o vende camicie, merciaia.

Cammisazza – s. f. Ampia o brutta camicia.

Cammiseddra, cammisuzza, cammisuddra – s. f. Piccola camicia.

Cammisuna – s. f. Ampia camicia.

Camozzi – s. m. In generale, soldi.

Camula – s. f. Tarma, tignola.

Campagnazza – s. f. Brutto parte di terreno.

Campagneddra, campagnuzza – s. f. Piccolo e piacevole appezzamento.

Campagneri – agg. Amante della campagna.

Campagnolu – s. m. - agg. Contadino, colono| di campagna.

Campagnuna – s. f. Ampia distesa di terreno.

Campanaru – s. m. Campanile o chi suona le campane o le costruisce │Dolce con uovo che si prepara a Pasqua.

Campanata – s. f. Colpo di campana.

Campanazza – s. f. Grande o brutta campana.

Campaneddra – s. f. Piccola o graziosa campana, sonaglio.

Campanellu – s. m. Congegno elettrico che si applica alla porta d'ingresso o accanto sul muro.

Campanellinu, campanilluzzu , campanuzza – s. m. Piccolo campanello.

Campanelluni – s. m. Grande campanello.

Campaniari - intr. Tormentare, chied

chiedere con insistenza, suonare le campane.

Campaniata – s. f. Suono continuo di campana, richiamo di fedeli.

Campanìu – s. m. Lungo suono di campane.

Campanuni – s. m. Grande campana.

Campàri - intr. Vivere, crescere.

Campata – s. f. La vita di una persona.

Campatina – s. f. Vita vissuta da una persona, modo di vivere.

Campatu – agg. Vissuto.

Campavita – s. f. Vitalizio di una persona, rendita.

Campazzu – s. m. Grande o brutto campo.

Camperi – s. m. Guardia campestre.

Campiceddru, campicellu, campuzzu – s. m. Piccolo campo da gioco.

Campuliari - intr. Vivere di stenti, vivacchiare.

Camuliari - tr. Indisporre mediante lagne continue, corrodere delle tarme.

Camuliarisi - rifl. Corrodere, consumarsi, tipico delle tarme| pulsare di foruncolo.

Camuliateddru - agg. Poco consumato, intaccato dalle tarme.

Camuliatina – s. f. Corrosione, pulsazione.

Camuliatu - agg. Consunto, corroso, intaccato, rovinato.

Camulìu – s. m. Pulsazione, battito, corrosione.

Camuliuni – s. m. Forte pulsazione.

Camuliusu - agg. Soggetto a essere corroso, seccatore, insopportabile, noioso, importuno.

Camurra – s. f. Prepotenza, violenza.

Camurrìa – s. f. Scocciatura, fastidio| fregatura.

Camurriari - intr. Imbrogliare, raggirare, fregare.

Camurriatu – agg. Sottoposto a violenza, estorto.

Camurrista – s. m. Imbroglione, prepotente, chi regola illegalmente il comportamento di una comunità.

Camurriusu - agg. Seccatore, importuno, noioso, insistente, prepotente.

Canaggheddra – s. f. Piccola canaglia.

Canagghia – s. f. Persona vile e abietta, capace d'ogni bricconeria.

Canagghiata – s. f. Azione da vile, vigliaccata.

Canalata – s. f. Colpo di tegola| letto di un canale, pluviale.

Canalazzu – s. m. Grossa o brutta tegola, canalone di raccolta delle acque.

Canaleddru – s. m. Piccola tegola, canale.

Canali – s. m. Coppo, laterizio curvo per copertura di tetti| luogo dove corre acqua ristretta tra due rive o argini, pluviale per lo smaltimento delle acque piovane| Strettoia di mare tra terre emerse.

Canalicchiu – s. m. Rigagnolo, piccolo canale.

Canaluni – s. m.  Pluviale per la raccolta e la raccolta delle acque piovane.

Canazza – s. f. Voglia di fare niente e stendersi come fanno i cani.

Canazzu – s. m. Grosso o brutto cane.  

Cancellari - tr. Annullare, spazzare via |V. Scancellari.

Cancellu – s. m. Elemento costruttivo che viene collocato a delimitazione di un passaggio d'ingresso, carrabile o pedonale, per l'accesso ad una proprietà, costruzione, edificio o giardino.

Canciabannera – loc. Rinnegato, inaffidabile, mutevole, ambiguo.

Cancillata – s. f. Ringhiera di balcone, scala, terrazzo, recinti.

Cancillazzu – s. m. Grande o brutto cancello.

Cancilleddru, cancillettu, cancilluzzu – s. m. Piccolo cancello.

Cancilluni – s. m. Grande cancello.

Candìtu - agg. Confettato.

Canea – s. f. Chiasso, strepito, schiamazzo, rumore.

Caniotu – agg. Chi fa baccano energicamente.

Cangiamentu – s. m. Mutamento, variazione, sostituzione| v. cambiamentu.

Cangianti - agg. Che cambia secondo il punto di vista e il colore della luce, mutevole.

Cangiari - tr. Mutare una cosa con un'altra, variare, sostituire, barattare, trasformare.

Cangiarisi - rifl. Cambiarsi d'abito, indossare la biancheria intima pulita.

Cangiata – s. f. Cambio, baratto.

Cangiatina - s. f. Scambio, l'atto del cambiare, baratto.

Cangiatu – agg. Mutato, barattato.

Cangiu – s. m. Baratto, sostituzione.

Caniggheddra – s. f. Crusca fine, minuta.

Canigghia – s. f. Crusca, buccia di grano macinato separato dalla farina.

Canigghiata – s. f. Impasto di crusca.

Canigghiola – s. f. Polvere escrementizia che nasce dalla cute del capo sotto i capelli, forfora.

Canna – s. f. Pianta delle graminacee con fusto diritto e vuoto e interrotto da nodi| Misura agraria di circa

Cannarozzu – s. m. Budello, condotto dell'esofago.

Cannarozzufausu - s. f. Trachea.

Cannata – s. f. Brocca a un'ansa con beccuccio per versare l'acqua.

Cannateddra – s. f. Piccola brocca.

Cannatina – s. f. La quantità di liquido contenuto di una .

Cannatuni – s. m. Capace o robusta brocca di terracotta.

Cannavazzeddru – s. m. Piccolo straccio.

Cannavazzu – s. m. Straccio, grosso panno di canapa o altro per lavar pavimenti |Bannera di c. = Banderuola, persona che vale poco.

Cannazza – s. f. Grossa o brutta canna.

Canneddra – s. f. Canna sottile selvatica che cresce in zone paludose| Sostanza aromatica per dolci | qualunque supporto delle monete su cui si poggiano le monete in palio, si può giocare a " zichittuni " con le monete o con le Ciappeddri  (Il gioco prevede che ciascun concorrente si scelga dapprima una pietra piatta e quanto piu’ rotonda possibile detta “ ciappeddra”, i più sofisticati l’avevano in ferro o acciaio. Lo scopo del gioco è di mandare giù la canneddra o piu’ vicino possibile la propria moneta o ciappeddra perché la posta la vince chi le è più vicino. Si tira la moneta o la ciappeddra a turno per un numero di colpi stabilito in partenza. Se qualche concorrente ha collocato la sua moneta o ciappeddra troppo vicino alla canneddra è preferibile scanniddrari per poter vincere la posta in palio).

Cannellinu – s. m. Piccolo cannello.

Cannellu – s. m. Strumento a becco usato per saldare metalli.

Canniari - tr. Misurare con la canna, lesionare dell’osso della caviglia.

Canniarisi - rifl. Fendersi, lesionarsi longitudinalmente, lussarsi.

Canniatina – s. f. Lussazione, lesione a guisa di canna| misurazione con canna.

Canniatu - agg. Lesionato, lussato, incrinato, misurato con la canna.

Cannila – s. f. Candela di cera lavorata in forma cilindrica con stoppino nel mezzo per uso di far lume| elemento che produce scintilla per le esplosioni della miscela| misura di potenza luminosa.

Cannilaru – s. m. Venditore di candele e chi le ricava.

Cannilata – s. f. Bruciare di candele.

Cannilazza, Canniluni – s. f. Grossa o lunga candela.

Cannileddra, Canniluzza – s. f. Piccola candela.

Cannileri – s. m. Supporto per candela, bugia.

Cannilora – s. f. Candelora.

Cannistrata – s. f. Contenuto di un canestro o cesta .

Cannistrazzu – s. m. Grande o brutto canestro o cesto.

Cannistreddru , cannistruzzu– s. m. Piccolo canestro o  cesto.

Cannistru, canistru - s. m. Canestro, gerla,cesto, qualsiasi contenitore fatto con viticci o giunchi intrecciati opportunamente| canestro, cesto in cui va infilato il pallone nel gioco della pallacanestro.

Cannistruni – s.m. Grande canestro.

Cannistrata – s. f. Quantità di cose contenute in un canestro.

Cannistrazzu – s. m. Capacissimo canestro.

Cannitu – s. m. Luogo coltivato a canne.

Cannizzaru – s. m. Costruttore di canestri con le canne spaccate e appiattite.

Cannizzata – s.  f. Quantità di cose contenute in in canestro, stuoia di canne o  giunchi.

Cannizzazzu – s. m. Grande o brutto barriera di canne.

Cannizzola – s. f. Canna nana.

Cannizzu – s. m. Barriera di canne appiattite e intrecciate.

Cannolu – s. m. Dolce ripieno di ricotta condita con scaglie di cioccolata e canditi | Rubinetto| Tratto di canna tra un nodo e l'altro.

Cannulata – s. f. Scorpacciata di cannoli.

Cannulazzu – s. m. Grosso o brutto cannolo, rubinetto.

Cannuleddru – s. m. Piccolo cannolo, rubinetto.

Cannulicchiu – s. m. Gattuccio di mare, piccolo cannolo.

Cannunazzu – s. m. Grande o brutto cannone.

Cannuneddru – s. m. Piccolo cannone.

Cannuniamentu – s. m. Lo sparare col cannone in continuazione.

Cannuniari - tr. Sparare col cannone in continuazione.

Cannuniata – s. f. Serie di spari.

Cannuzza – s. f. Canna sottile.

Cantaranu – s. m. Mobile per conservarvi biancheria, sormontato da un grande specchio.

Cantarata – s. f. Quantità intorno al quintale │abbondante quantità di feci │Qualcosa detta o fatta fuori luogo.

Cantarazzu – s. m. Un quintale abbondante │ Persona dal comportamento non corretto.

Cantareddru – s. m. Peso di circa un quintale │piccolo càntaru.

Cantarisilla – loc. Svuotare il sacco.

Càntaru –  s. m. Antico vaso da notte alto, smaltato e fornito di seduta per comodo uso │ Insulto dispregiativo rivolto a persona che abbia un comportamento poco serio o immaturo.

Cantàru - s. m. Peso di cento chili.

Cantastori – s. m. Chi, per mestiere, va in giro cantando storie o leggendo fatti in versi.

Cantatazza – s. f. Lunga e piacevole cantata.

Cantateddra – s. f. Breve e piacevole cantata, generalmente sotto voce.

Cantatina – s. f. L'atto del cantare.

Cantatuna – s. f. Lungo e piacevole cantare.

Canticchiari, cantuliari - tr. Cantare sotto voce.

Canticchìu – s. m. Il canticchiare.

Cantunata – s. f. Abbaglio, errore, svista │Colpo di concio di tufo.

Cantunaru – s. m. Chi nelle cave di tufo è addetto al taglio dei conci.

Cantunera – s. f. Angolo esterno di un edificio| pizzu ri cantunera - lo spigolo della casa all’angolo.

Cantuni – s. m. Concio di tufo arenario per costruzioni.

Canùni – s. m. Grosso cane.

Canuscenti - agg. – s. m. Persona che si conosce.

Canuscenza – s. f. Notorietà .

Canusciri - tr. Sapere,  conoscere, presentare.

Canuscituri – s. m. Esperto, intenditore.

Canusciutu - agg. Noto a tutti, considerato.

Canuzzu – s. m. Piccolo cane.

Canzuna – s. f. Componimento musicale  cantabile.

Canzunazza – s. f. Lunga o brutta canzone.

Canzuncina, canzuneddra – s. f. Piccola e graziosa canzone.

Canzuneri – s. m. Raccolta di canti e canzonette musicali.

Canzunetta – s. f. Piccola o piacevole canzone.

Canzunicchia – s. f. Piccola o brutta canzone.

Capannazza – s. f. Grande o brutta capanna.

Capanneddra – s. f. Piccola graziosa capanna.

Capiddrazzi – s. m. Abbondanti, folti e incolti capelli.

Capiddri – s. m. Capelli della testa.  

Capiddruzzi – s. m. Fini capelli, di solito, dei bambini.

Capimentu – s. m. Capienza, capacità| comprensione.

Capiri, capisciri - tr. Comprendere, capire.

Càpiri – tr. Contenere, accogliere in sé, nel proprio interno │la casa càpi quanto vuole il proprietario.

Capitanatu – agg. Comandato, condotto.

Capitanazzu – s. m. Capitano spregevole.

Capitaneddru, capitanicchiu – s. m. Capitano da poco conto.

Capitanu - sm. Comandante, condottiero, capo riconosciuto.

Capitari - tr. Prendere, acchiappare, scoprire, capitare per caso.

Capituni – s. f. Anguilla di grande dimensione.

Capizzu – s. m. Parte alta del letto, capezzale| Cunzari lu capizzu a unu = preparare il cuscino ad una persona o accusare qualcuno ingiustamente.

Capizzuni – s. m. Reticolo che si mette al muso del cane perché non morda| occhiali.

Cappata – s. f. Di persona che non riesce a far nulla di buono.

Cappeddru – s. m. cappello, tutto ciò che copre a testa.

Cappiddrata - s. f. Il contenuto in un cappello| Cilpo di cappello.

Cappiddrazzu – s. m. Grande o brutto cappello| il solito poveraccio.

Cappiddruni – s. m. Grande cappello.

Cappiddruzzu – s. m. Copricapo per bambino.

Cappottu – s. m. Cappotto , pastrano| V. Portò.

Cappuccettu – s. m. Piccolo cappuccio │Piccolo mollusco, seppiola, che raggiunge una lunghezza massima di 6 cm e di colore variabile e va dal grigio al bruno-rossiccio. Vive su fondi sabbiosi o detritici nei pressi della costa e si pesca con le reti a strascico | Per saperne di più: http://andreasormani.altervista.org/pesci.htm#Seppiola

Cappucciu – s. m. Copricapo, compreso nella veste.

Capputteddru, capputtinu – s. m. Piccolo cappotto.

Capucciu – s. m. Copricapo a forma di borsa conica.

Capuagghiommaru – s. m. Estremità di gomitolo.

Capuliari - tr. Triturare, tritare finemente| pestare, subissare di botte.

Capuliata – s. f. Azione di triturare, ridurre a pezzetti │pestato di botte.

Capuliatazzu - agg. Ripetutamente percosso| abbondantemente tritato.

Capuliateddru - agg. Poco battuto, percosso, tritato| s.m. tritato di carne.

Capuliatina – s. f. L'atto del percuotere, del tritare.

Capuliatu – s. m. Tritato di carne| agg. percosso, picchiato.

Capuliuni – s. m. Tritume, percosse a più non posso.

Capumastru – s. m. Il muratore capo, capocantiere.

Capumisi – s. m. Il primo del mese.

Capunata – s. f. Prodotto tipico della cucina siciliana composto da un insieme di ortaggi fritti, con precedenza alle melanzane, conditi con sugo di pomodoro, sedano, cipolla, olive e capperi, in salsa agrodolce.

Capuneddru – s. m. Piccolo capone.

Capuni – s. m. Capone, pesce d'altura dal corpo piatto, giallo dorato e argentato.

Caputa – s. f. Quantità di materiale contenuta in un recipiente o mezzo di trasporto.

Caputu – agg. Contenuto, compreso, capito.

Capuzzarisi - V. pron. intr. Discendere al di sotto della superficie dell'acqua in profondità | estens. e fig. : Addentrarsi in qualcosa, immergersi nella folla, nel buio, nella nebbia, nello studio o nel lavoro.

Capuzzuni - s. m. Capocciata, spinta in acqua con un colpetto sulla nuca, brusco ripiego della testa per sopraggiunto un improvviso colpo di sonno.

Caramillaru – s. m. Chi fa o vende, mangia caramelle.

Caramillatu – s. m. Pasta di caramelle| agg. Che ha il sapore della caramella.

Caramillazza – s. f. Grossa o brutta caramella.

Caramilleddra, caramillina, caramilluzza – s. f. Piccola caramella.

Caramilluna – s. f. Grossa caramella.

Caramillusu – agg. A base di caramella, che ha particolari ingredienti.

Carattirazzu – s. m. Brutto carattere.

Carattireddru, carattiriceddru – s. m. Piacevole carattere.

Carattiri – s. m. Ciò che la natura, le abitudini, gli affetti e i pensieri imprimono nell'animo delle persone e ciò che le caratterizza, carattere.

Carattirinu, carattiruzzu – s. m. Piacevole e deciso carattere.

Carattiruni – s. m. Forte carattere.

Caravigghiareddru– agg. Che vende a prezzi un po’ alti.

Caravigghiaru - agg. e s. m. Chi o che vende a prezzo alto, esoso.

Caravigghiazzu - agg. Molto caro, costoso.

Caravigghiusu – agg. Che vende a prezzi alti.

Carcagnata – s. f. Colpo dato col tallone.

Carcagnazzu – s. m. Brutto o grosso tallone.

Carcagneddru, carcagnuzzu – s. m. Piccolo tallone

Carcagnu – s. m. Tallone, parte posteriore del piede.

Carcagnuni – s. m. Grosso calcagno │ Colpo di tallone dato con forza.

Carcagnusu – agg. Che ha grosso tallone.

Carcarazza – s. f. Cornacchia, gazza.

Carcariari - tr. Gorgheggiare della gallina che ha fatto l'uovo, il parlare continuo di certe persone che si sfogano con se stesse, rumore del petto in debito d'ossigeno.

Carcarìu – s. m. Gorgheggio| lamento continuo| Respiro affannoso d’ammalato.

Carcariuni – s. m. Rumoroso gorgheggio, lamento, respiro affannoso.

Carcariusu – agg. Che si lamenta in continuazione.

Carciaratu – s. m. Chi sconta una pena in carcere. 

Carciareri – s. m. Guardia carceraria.

Carciri, carciru – s. m. Luogo di detenzione .

Carciruni – s. m. Grande carcere.

Carciruzzu – s. m. Piccolo carcere.

Carcocciula – s. f. Frutto del cardo, Carciofo │Persona boriosa che si atteggia a saccente.

Carcucciularu - agg. Venditore di carciofi| di terreno, che si presta alla coltivazione di carciofi| di persona, cui piace mangiare carciofi.

Carcucciulata – s. f. Abbondante mangiata di carciofi.

Carcucciulazza – s. f. Grosso carciofo che si preferisce mangiare bollito con olio e aceto.

Carcucciuleri – agg. Buon produttore di carciofi.

Carcucciuliddra – s. f. Piccolo carciofo, ottimo per conservalo sottolio | carciofo selvatico molto piccolo e spinoso che, bollito, si mangia per passatempo.

Carcucciuluna – s. f. Grosso carciofo. 

Carculata – s. f. Calcolo. Stima approssimata.

Carculatu - agg. Determinato.

Carculazzu – s. m. Grosso calcolo.

Carculettu, carculiddru – s. m. Piccolo o semplice calcolo.

Carculu - s.m. Ogni operazione fatta con i numeri, tornaconto │Pietra che si genera in reni o altra parte del corpo.

Carculuni – . m. Lungo, grosso calcolo.

Carculuzzu – s. m. Piccolo, breve calcolo.

Cardarella – s. f. Secchio per calcina.

Cardeddra – s. f. Erba commestibile delle composite che cresce prevalentemente tra i vigneti, è buona da mangiare cotta o cruda a insalata| cicerbita.

Cardiddrata – s. f. Campo infestato da cicerbita │Abbondante mangiata di cicerbita.

Cardiddru – s. m. Cardellino, piccolo uccelllo dal canto melodioso.

Cardunata – s. f. Terreno coltivato a cardi| insieme di piante| carciofeto.

Cardunazzu – s. m. Grosso o brutto cardo.

Carduneddru – s. m. Piccolo cardo.

Carduni – s. m. Pianta del cardo o del carciofo.

Carenti - agg. Che manca di qualcosa, insufficiente| che sta per cadere, fatiscente.

Careramaru – agg. Costosissimo.

Cariceddru - agg. Poco caro, costoso.

Carimentu – s. m. Decadenza.

Carina – s. f. Colonna vertebrale, schiena.

Carintra – loc. Qua dentro.

Cariri - intr. Cadere, venire dall'alto al basso, tratto dal proprio peso| Stramazzare per terra| Scivolare di mano.

Carizzeddra – s. f. Attrazione d’affetto.

Carizzina – s. f. Piccola carezza.

Carizzuna – s. f. Ampia e prolungata carezza.

Carma – s. f. Calma, tranquillità, serenità d'animo.

Carmarisi - rifl. Quietarsi, tranquillizzarsi.

Carmata – sf. . Rilassatezza.

Carmazzu - agg. Molto sereno, tranquillo.

Carmizza – s. f. Silenzio, serenità, pace.

Carmizzu – agg. Troppo sereno.

Carmu - agg. Contrario di agitato, quieto, sereno, tranquillo.

Carmuliari – tr. Acquietare, tranquillizzare.

Carmuliddru - agg. Poco agitato, quasi sereno.

Carnami – s. f. Quantità di carne.

Carnaciumi – s.f. Colore esterno del corpo, carnagione.

Carnaru – s. m. Chi macella le bestie e vende carne.

Carnazza – s. f. Grande quantità di carne, di qualità scadente.

Carnezzeria – s.f.  Luogo dove si vende la carne, macelleria.

Carnuseddru - agg. Che sta bene in carne.

Carnusu, carnutu - agg. Polposo.

Carnuzza – s. f. Carne tenera.

Carpata – s. f. Caterva, moltitudine, quantità eccessiva, insieme di cose, calore eccessivo | Aviri o dari na C. di lignati - buscarle o darle di santa ragione.

Carpatazza – s. f. Gran quantità, moltitudine.

Carpinteri – s. m. Operaio addetto alle impalcature.

Carrarmatu – s. m. Carro semovente armato di cannone, mitraglia e munizioni.

Carrateddru, carratuneddru – s. m. Barile in miniatura a uso del contadino, contiene il vino per la giornata | V. Vallireddru.

Carratiddruzzu – s. m. Piccolo barile da cui beve il solo proprietario.

Carratunazzu – s. m. Brutta botticella.

Carratuni - s. m. Grosso barile che i bottai costruivano a misura secondo le esigenze del richiedente, bottaccio.

Carraturi – s. m. Falegname = d’opiri grossi (rossi)|V. Mastrurascia

Carriari - tr. Trasportare, traslocare masserizie da una casa all'altra.

Carriata – s. f. Trasporto di masserizie.

Carriatina – s. f. Trasporto di cose e relativo compenso, trasloco.

Carriatu – agg. Trasportato, traslocato.

Carricatazza – s. f. Strappo violento, grande sforzo.

Carricateddra – s. f. Piccolo sforzo, leggero strappo.

Carricateddru - agg. Poco carico.

Carricatina – s. f. Ammassamento di cose su un mezzo per trasportarle.

Carricatu - agg. Appesantito.

Carricazzu – s. m. Enorme peso.

Carricu – s. m. Peso che si pone addosso a persona, a bestie, sui veicoli per essere trasportato| asso o tre nel gioco

della briscola.

Carriculiddru - agg. Poco pesante.

Carricuneddru – sm. Piccolo sforzo.

Carricuni – s. m. Notevole sforzo, strappo.

Carricuzzu – s. m. Piccolo peso.

Carrinata – s. f. Colpo di moneta.

Carrinazzu – s. m. Antica moneta (Carlino) in cattivo stato di conservazione.

Carrinu – s. m. Antica moneta da dieci centesimi della prima monarchia sabauda, Carlino| tutto ciò che sostitutiva il C. per la forma es. una rondella.

Carrittata – s. f. Quanta roba può trasportare un carro| a carrittati - a iosa.

Carrittazzu – s. m. Vecchio o brutto carretto.

Carritteddru – s. m. Piccolo o grazioso carretto.

Carritteri – s. m. Conducente di carretti.

Carrittinu – s. m. Piccolo carretto come souvenir, in miniatura.

Carrìu – s. m. Trasporto.

Carriulata – s. f. Quanta roba può trasportare una carriola.

Carriulazza – s. f. Vecchia o brutta carriola.

Carriuleddra , carriuluzza – s. f. Piccola carriola.

Carriuluna - sf. Grande carriola e suo massimo contenuto.

Carrubba – s. f. Frutto del carrubo da cui si estrae una sostanza per produrre caramelle curative della tosse.

Carrubbaru – s. m. Venditore o mangiatore di carrube| agg. Di terreno, che si presta alla coltivazione di carrubi.

Carrubbazza – s. f. Grossa o lunga carruba.

Carrubbeddra – s. f. Piccola carruba.

Carrubbeddru – s. m. piccolo albero di carrube.

Carrubbitu – s. m. Terreno coltivato a carrubi.

Carrubbu – s. m. Albero di carrube.

Carrubbuni – s. m. Grande albero di carrube.

Carrumattaru – s. m. Trasportatore di materiale vario.

Carrumattazzu – s. m. Carretta grande o troppo piena.

Carramatteddru, carrumattuzzu – s. m. Piccola carretta.

Carrumattu – s. m. Grande carro senza sponde per trasporto di merci voluminose, è trainato da un cavallo.

Carramattuni – sm. Grande carretta per trasporto merce.

Carruseddru – s. m. Recipiente di varie forme con una fessura per mettere i soldi| Salvadanaio.

Carruzzeddra, carruzzella – s. f. Mobile con quattro ruote per trasportarvi neonati │ Tavola piatta con cuscinetti in voga tra i ragazzi degli anni cinquanta.

Carruzziari - tr. Portare a spasso.

Carruzziarisi - rifl. Spassarsela, divertirsi su un mezzo mobile.

Carruzziata – s. f. Giro in carrozza e in generale su qualunque mezzo di locomozione per diletto.

Carruzziatu - agg. Trasportato, condotto a spasso, trainato.

Carruzzinu – s. m. Piccolo calesse.

Carruzzuni – s. m. Grandissima carrozza.

Cartaru – s. m. Chi fa o vende o raccoglie carte, chi comanda il gioco.

Cartata – s. f. Quantità di cose contenute in un involto di carta .

Cartatazza – s. f. Grande foglio che avvolge più cose di quante dovrebbe contenere.

Cartateddra, cartina – s. f. Piccolo foglio che avvolge cose in dosi minute.

Carteddra – s. f. Gerla, cesta, recipiente di canna o vimini intrecciati a forma di pigna per raccogliere materiale e molto usate, una volta,  per la vendemmia.

Carti – s. m. Carte da gioco, serie di documenti, manifesti.

Cartiddraru – s. m. Artigiano che confeziona panieri e altro materiale intrecciato.

Cartiddrata – s. f. Quanta roba contiene un Gerla .

Cartiddrazza – s. f. Grande o brutto cesta.

Cartiddrina, cardiddruzza – s. f. Piccolo cesta.

Cartocciu – s. m. Foglio di carta avvoltolato per mettervi noccioline e simile| cartoncino di forma cilindrica con polvere da sparo| cartuccia.

Cartucceddru – s. m. Piccola cartuccia, cartoccio.

Cartuccera – s. f. Porta cartucce che si lega ai fianchi a mo' di cintura| bandoliera.

Cartucciata – s. f. Ciò che contiene una cartuccia, colpo.

Cartucciatazzu – s. m. Molto bene accartocciato, avvolto.

Cartucciatu - agg. Avvolto a cartoccio.

Cartucciazzu – s. m. Grossa cartuccia, ampio cartoccio.

Cartulinazza – s. f. Brutta cartolina.

Cartunata – s. f. Cartone pieno, scatola.

Cartunazzu – s. m. Brutto o grande cartone.

Cartuneddru – s. m. Cartone sottile per imballaggio.

Cartuzza – s. f. Piccolo documento utile| favorevole carta da gioco.

Caru - agg. Costoso, grazioso, gentile, affettuoso.

Carugnazzu - agg. Gran vigliacco.

Carugneddru - agg. Piccolo vigliacco.

Carugnità, carugnitudini – s. f. Vigliaccheria, infamia.

Carugnuni - agg. Gran vigliacco.

Caruliddru - agg. Poco costoso.

Carusa – s. f. Ragazza, giovane.

Caruseddru – s. m. Ragazzino.

Carusu – s. m. Ragazzo.

Carutazza – s. f. Brutta e rovinosa caduta| dissesto economico.

Caruteddra – s. f. Piccola, lieve caduta, leggero dissesto economico.

Caruttulu - s.m. Canaletto di scolo delle acque piovane, tombino.

Carutu - agg. Finito per terra, stramazzato.

Caruzzu - agg. Un po' costoso.

Carvunaru – s. m. Chi fa o vende carbone.

Carvunazzu – s. m. Grosso o brutto pezzo di carbone.

Carvuneddru – s. m. Piccolo pezzo di carbone| carbonella, brace.

Carvunera - s. f. Massa di legna predisposta a cupola per essere bruciata e ricavarne il carbone | stanza dove si conserva il carbone | carcere.

Carvuni – s. m. Avanzo di legno combusto, carbone.

Carzascarpi, carzaturi – s. m. Arnese per calzare le carpe.

Casaloru - agg. Amante della casa.

Casaria – s. f. Vaso di terracotta usato per la coltivazione di piante ornamentali o aromatiche |V. Rasta.

Cascami – s. f. Avanzi di stoffe e lane usate dai meccanici.

Cascavaddru – s. m. Formaggio da tavola, caciocavallo.

Cascia – s. f. Recipiente per frutta, verdura e pesce, baule per riporvi biancheria, la superficie del carro da sponda a sponda, cassa da morto.

Casciami – s. f. Ogni tipo di scatole di legno per trasporto merce.

Casciata – s. f. Quantità di cose contenuta in una cassa, un baule| di persona sistemato nella zona dove di solito si stipano le casse in un carretto o nel baule di una macchina.

Casciazza – s. f. Grande e capace baule, brutta cassa.

Casciteddra – s. f. Piccola cassa.

Cascittina – s. f. piccola cassa.

Cascittinu – s. m. Scatola di cartone per scarpe o biancheria in genere.

Cascittuni - agg. – s. m. Delatore, chi o che, segretamente, riferisce i fatti altrui, spione, ladro e infame, vile, disonesto.

Casciunata – s. f. Contenuto di un grosso baule, di una grande cassa.

Casciunazzu – s. m. Grande o brutto recipiente di legno.

Casciuneddru – s. m. Cassettino.

Casciuni – s. m.  Cassetto, per riporvi biancheria o altre cose.

Casciuzza – s. f. Piccola cassa - recipiente di legno per la conservazione di cose varie.

Caseddra – s. f. Scomparto, ogni piccolo spazio che contiene oggetti della stessa specie.

Casentula – s. f.  Grosso Lombrico terrestre di forma cilindrica della classe degli   “Oligocheti”   di colore rosa antico o grigiastro che vive nei terreni umidi.

Casilleddru, casillinu, casilluzzu  – s. m. Piccolo casello.

Casilluni – s. m. Grande casello.

Casinu – s. m. Casa di tolleranza, bordello| chiasso assordante.

Casirmeddra, casirmuzza  – s. f. Piccola caserma.

Casirmuna – s. f. Grande caserma.

Casottu – s. m. Casa posticcia di legno sulle spiagge| ripostiglio.

Caspita, caspitina - escl. Per bacco, per giove.

Cassata – s. f. E’ una torta tradizionale siciliana a base di ricotta zuccherata (obbligatoriamente di pecora), pan di Spagna, pasta reale e frutta candita.

Cassateddra  – s. f. Dolce ripieno di conserva di fichi in abbondanza nel periodo Natalizio, meno a Pasqua.

Cassatina – s. f. Piccola cassata.

Cassettu – s. m. Tiretto| V. Casciuneddru.

Cassittera – s. f. Cassetti di un mobile.

Cassittina – s. f. Piccola cassa di pronto soccorso.

Cassittuni – s. m. Capacissima cassa, cassonetto di raccolta della tapparella.

Cassunazzu – s. m. Enorme contenitore.

Cassunettu – s. m. Contenitore di tapparella avvolta.

Cassuni – s. m. La parte del camion che contiene il carico.

Castagnaru - agg. e s. m. Venditore o mangiatore di castagne.

Castagnata – s. f. Colpo di castagna │Mangiata di castagne.

Castagnazza, castagnuna – s. f. Grossa o brutta castagna.

Castagneddra, castagnuzza– s. f. Piccola castagna.

Castagnetu – s. m. Terreno coltivato a castagni.

Castagnu – s. m. Albero di castagne| agg. di colore marrone.

Casteddru – s. m. Carcere, castello.

Castiari - tr. Castigare, punire.

Castiata – s. f. Punizione, castigo.

Castiddranu, castillanu – s. m. Chi abita in un castello.

Castiddrazzu, castillazzu – s. m. Grande o brutto castello.

Castiddruzzu, castillucciu – s. m. Piccolo castello.

Castiu – s. m. Punizione.

Castiuni – s. m. Grosso castigo.

Castiuzzu – s. m. Piccolo castigo.

Castrata – s. f. Taglio, decapitazione.

Castratina – s. f. L'atto del castrare.

Castratu – s. m. Carne macellata di montone |- agg. Castrato, evirato.

Casularu – s. m. Casa di campagna.

Casuna – s. f. Grande casa.

Casuttazzu – s. m. Brutto casotto.

Casutteddru – s. m. Piccolo casotto.

Casuzza – s. f. Piccola casa.

Catafuttiri - tr. Conciare in malo stato| raggirare, fregare.

Catafuttirisinni - rifl. Non avere cura di qualcosa o di qualcuno.

Catafuttutu - agg. Fregato in pieno| ridotto a mal partito.

Cataprasimu - agg. Lento, apatico, flemmatico| s. f. Decotto, impacco.

Catarrata – s. f. Espettorazione.

Catarrattu – s. m. Vitigno a bacca bianca siciliano, diffuso prevalentemente nella provincia di Trapani.

Catarrazzu – s. m. Gran brutto catarro.

Catarreddru – s. m. Leggero catarro.

Catarru – s. m. Espettorazione, secrezione anormale di mucose infiammate.

Catarrusu - agg. Affetto da catarro.

Catastata – s. f. Mucchio di cose.

Catastazza – s. f. Grande o brutta catasta.

Catasteddra – s. f. Piccola catasta.

Catastuna – s. f. Gran mucchio di checchessia e specialmente di legna.

Catina – s. f. Legame formato da più anelli connessi uno all'altro| successione di fatti tra loro collegati.

Catinata – s. f. Colpo di catena.

Catinazza – s. f. Grossa o brutta catena.

Catinazzaru - agg. Che non osa attaccare| s. m. Costruttore di lucchetti, di catenacci| difensivista.

Catianazzata – s. f. Colpo di lucchetto.

Catinazzazzu – s. m. Grande o brutto catenaccio.

Catanazzeddru – s. m. Piccolo catenaccio.

Catinazzu – s. m. Lucchetto, serratura mobile per chiudere.

Catinazzuni – s. m. Grosso catenaccio.

Catinazzuzzu – s. m. Piccolo catenaccio.

Catineddra, catinella – s. f. Piccola catena.

Catinuna – s. f. Grossa catena.

Catoiu – s. m. Piccolo vano | bugigattolo.

Catraiu - s. m. Chi, nei porti, è addetto allo scarico delle navi, scaricatore di porto | fig. Di persone che si esprimono e comportano in modo grossolano

Cattiva – s. f. Donna cui è morto il marito da tanti anni │Donna che commette brutte azioni.

Cattivu - agg. Chi commette brutte azioni| s. m. Marito cui è morta la moglie, vedovo.

Cattubbulu – s. m. Maschio dell'ape, calabrone.

Cattugghiari - tr. Toccare qualcuno allo scopo di provocargli solletico.

Cauciu – s. m. V. Cavuciu.

Cauru  -  s. m. V. cavuru. 

Cavaddrazzu – s. m. Grosso o brutto cavallo.

Cavaddriari – intr. Esercitare il potere che non si ha| tiranneggiare.

Cavaddrina – s. f. Cavallina, alla maniera dei cavalli | Musca C. – Per "Mosca cavallina" si intendono comunemente vari ditteri entomofagi (succhiatori di sangue) ma il termine si riferisce specificamente a quella che viene anche chiamata "Mosca culaia", la Hippobosca equina │Tafano.

Cavaddru – s. m. Quadrupede domestico da sella o da tiro, cavallo.

Cavaddrunazzu, cavaddruni – s. m. Stallone, cavallo per la riproduzione.

Cavaddruzzu – s. m. Piccolo cavallo, puledro| C. marinu - Ippocampo.

Cavallaggiu – s. m. Potenza di un motore.

Cavarcari - tr. Andare a cavallo.

Cavarcatina – s. f. L’andare a cavallo.

Cavarenti – s. m. pessimo dentista.

Cavatuni – s. m. Tipo di pasta, tortiglione.

Cavigghia – s. f. Stinco, collo del piede |Arnese appuntito in ferro o legno  che si conficca nel muro o altrove per fissare oggetti o allargare funi ed altro, cavicchio o staggio, di sedia o del tavolo per appoggiare i piedi.

Cavigghiata – s. f. Colpo di cavicchio.

Cavigghiuni – s. m. Grosso cavicchio, di legno o di ferro.

Cavuciu – s. m. Colpo dato col piede a persona.

Cavuriusu – agg. Che riscalda molto facilmente.

Cavuru - agg. – s. m. Calore, caldo.

Cavuruliddru - agg. Tiepido, poco caldo

Cavurusu - agg. Che dà calore, riscalda  │Persona che si agita facilmente.

Cavusa – s. f. Controversia che si definisce in giudizio.

Cavusazzi – s. m. Pantaloni di poco conto o valore .

Cavusi, causi – s. m. Pantaloni.

 Cavisiddri – s. m. Pantaloni per bambini.

Cavusuna – s. m. Ampi e lunghi pantaloni, causa importante in tribunale.

Cazzalora – s. f. Casseruola, tegame.

Cazzettu – s. f. Ragazzino.

Cazziari - tr. Rimproverare aspramente, sgridare, richiamare all'ordine, al dovere.

Cazziata – s. f. Sgridata, rimprovero aspro, solenne.

Cazziatuni – s. m. Aspro rimprovero.

Cazzicatummula – s. f. Capriola, giravolta in avanti di tutto il corpo, capitombolo.

Cazzuliari - tr. Passare il tempo in giro ozieggiando, disturbare, dare fastidio.

Cazzulinu – s. m. Piccola cazzuola.

Cazzuni –agg. Di persona, stupida, ignorante │ Piccolo squalo maculato , Gattopardo, che raggiunge una lunghezza massima di 120 cm. Normalmente è di colore grigiastro o bruno cinereo con macchie scure e vive nei fondali rocciosi. Abbastanza comune in tutto il Mediterraneo.

Cazzuttata – s. f. Scambio di cazzotti, lite a suon di pugni.

Cazzuttazzu – s. m. Grande pugno sferrato con violenza.

Cazzutteddru – s. m. Piccolo cazzotto.

Cazzuttiari - tr. Malmenare, prendere a pugni.

Cazzuttuni – s. m. Gran pugno.

Ccà - avv. Qua.

Ccabbanna - avv. V. ccastabanna.

Ccaddiri – loc. Che cosa vuoi che dica.

Ccaffari – loc. Che cosa vuoi che faccia.

Ccagghiusu – Avv. Quassotto, in basso.

Ccammaffari – loc. Che cosa dobbiamo fare.

Ccarintra - avv. Qua dentro, in questo luogo.

Ccastabbanna - avv. Da questa parte.

Ccassupra - loc. Qua sopra, quassù.

Ccassutta - avv. Qua sotto, quaggiù, sotto il palmo della mano| prov. C. un ci chiovi - contro di me non la puoi spuntare.

Ccata – loc. Che cosa volete| C. a fari - che cosa dovete fare| C. a pigghiari - che cosa dovete prendere.

Ccavicinu - avv. Nei pressi, nei dintorni.

Ccera – loc. C’era, vi era, era presente, anche c’era.

Ccetta – s. f. Strumento per tagliar legna| scure.

Cchiantari - tr. Trapiantare, piantare, conficcare, interrare.

Cchiantarisi - rifl. Conficcarsi.

Cchiantatazza – s. f. L'atto energico con cui si conficca un chiodo, si trapianta un albero.

Cchiantateddra – s. f. L'atto delicato e leggero con cui si fissa una cosa a checchessia, comodo trapianto.

Cchiantateddru - agg. Poco conficcato, trapiantato.

Cchiantatina – s. f. Il conficcare, il trapiantare.

Cchiantatu - agg. Conficcato, piantato, fissato.

Cchiantatura – s. f. L'atto del conficcare, del piantare.

Cchiappa – s. f. Pomodoro secco, tufo grosso e piatto.

Cchiappara – s. f. Pianta estiva a diversi tralci, spinosa, di cui si mangiano i bottoni e le capsule con i loro semi detti capperi.

Cchiappareddru – s. m. Il rincorrere e bloccare con le mani l’avversario, noto gioco che i ragazzini praticano ovunque.

Cchiattiddra – s. f. Piattola, germe che si contrae ai genitali per sporcizia.

Cchiavi - loc. Che cosa ha, come si sente.

Cchiaviti – loc. Che cosa avete, come state.

Cchiccentra, cchicciantra – loc. Che c'entra, non è possibile, non può essere vero.

Cchiddugnu – loc. Che cosa vuoi che dia.

Cchiffà – loc. Che cosa vuoi che accada.

Cchigghiurnata – loc. Che brutta giornata.

Cchimminchia – loc. Che minchia.

Cchinnacchi, cchinnicchi, cchinnicchennacchi - loc. Non può essere, che c'entra, com’è possibile, non sia detto.

Cchiossai,cchiossà  - avv. Di più.

Cchiù, cchiuni - avv. Più.

Cchiuccà – loc. Più in qua.

Cchiuddrà – loc. Più in là.

Cchiuiusu – loc. Più giù.

Cchiussupra – loc. Più sopra.

Cchiussutta – loc. Più sotto.

Cci - part. pron. Ce, ne, gli, glieli, gliele, di solito è enclitica.

Ccinnà - locuz. Ce n’è.

Ccinnai – loc. Ce ne hai.

Ccinnaiu – loc. Ce ne ho.

Ccinnani - loc. Ce n’è, ce ne sono.

Ccinnatina – s. f. Atto dell'accennare| Accenno.

Ccinnavi – loc. Ce ne ha.

Ccinnè, ccinneni - loc. ce n’è.

Ccinnera - loc. Ce ne era.

Ccippu – s. m. Pezzo di un tronco d'albero, per affettarvi carne, individuo di cattiva estrazione sociale.

Ccisì, ccisini - loc. Ci sei, ci sei riuscito.

Ccisiti - loc. Ci siete, ci siete riusciti.

Ccissi - loc. Ci vada, potrebbe contenerlo.

Ccissimu - loc. Avremmo voglia di andarci.

Ccissiru - loc. Avrebbero voglia di andarci, potrebbero contenerli.

Ccisti - loc. Ci sei andato.

Ccistivu - loc. Lo avete visitato.

Ccittata – s. f. Colpo di accetta.

Ccittatazza – s. f. Gran colpo di accetta.

Ccittateddra – s. f. Leggero colpo di accetta.

Ccittatina – s. f. Atto dell'accettare, colpo di accetta.

Ccittazza – s. f. Grossa o brutta accetta.

Ccitticeddra – s. f. Piccola accetta.

Ccittuna – s. f. Grossa accetta, scure.

Cciù - loc. Glielo| Cciù rissi - gliel'ho detto| anche ciù.

Cciuncateddru - agg. Poco zoppo, azzoppato.

Cciuncatina – s. f. Atto di azzoppare.

Ccrittu – agg. Creduto.

Ccu - pr. sempl. Con, chi| Vegnu ccu tia - vengo con te |A ccu rici? – A chi dici?

Ccucchiddra – loc. Con quella.

Ccucchiddri – loc. Con quelli.

Ccucchiddru – loc. Con quello.

Ccucchista – loc. Con questa.

Ccucchisti - loc. Con questi.

Ccucchistu – loc. Con questo.

Ccuccomu – loc. Con che cosa.

Ccuccuè, ccuccueni – loc. Con chi è.

Ccuccuera – loc. Con chi era. 

Ccuccu – loc. Con chi.

Ccuccusemmu – loc. Con chi siamo, compagni di chi siamo.

Ccuccusi, ccuccusini – loc. Con chi sei.

Ccuccusiti – loc. Con chi siete, compagni di chi siete.

Ccuccustà – loc. Con chi stai.

Ccuccusugnu – loc. A quale gruppo faccio parte.

Ccuccuveni – loc. Chi ti fa compagnia.

Ccuddiriciccillu – loc. Pur avendoglielo detto.

Ccuddriari – tr. Addossare un peso, un obbligo| assegnare un compito| ingoiare.

Ccuddriarisi - rifl. Addossarsi un peso| assumersi un incarico, un debito.

Ccuddriatu – agg. Addossato, accollato.

Ccugnatri – loc. Con noi, assieme a noi.

Ccuiddra – loc. Con lei.

Ccuiddri – loc. Con loro.

Ccuiddru - loc. Con lui.

Ccummanu - loc. Con mano.

Ccummia - loc. Con me.

Ccunnenti - loc. Con niente, con poca cosa.

Ccunnui - loc. Con noi, in nostra compagnia.

Ccuppicca - loc. Con poco.

Ccuttia - loc. Con te, in tua presenza| C. vicinu un m’a firu a fari nenti - la tua presenza mi blocca, mi condiziona.

Ccuttuttu - avv. Nonostante, malgrado.

Ccuttuttuchistu - loc. Malgrado, nonostante ciò.

Ccuvviatri – loc. Con voi, in vostra presenza| C. chiuriu - con voi ho chiuso, non voglio avere più a che fare.

Ccuvvui - loc. Con voi, con vostra signoria.

C’è – loc. E’ presente, vi è contenuto| Cu c’è c’è, cu un c’è un c’è - peggio per gli assenti.

Cecamenti - avv. Alla cieca.

Cecu - agg. – s. m. Chi o che è privo della vista, otturato, senza uscita.

Celu – s. m. Cielo, volta celeste.

C’eni – loc. C’è, vi è contenuto

Centratina – s. f. Il centrare il bersaglio.

Centrinu – s. m. Lavoro a ricamo o uncinetto per soprammobile.

Centupeddri - s. m. Trippa.

Centuperi – s. m. Centopiedi, animaletto invertebrato di 10 cm circa che si nutre di insetti,  Scolopendra.

Cerchiari - V. Circhiari.

Cerimentu – s. m. Il cedere, il venir meno │V. cirimentu.

Cerimuniusu - agg. Contestatore, insoddisfatto.

Ceriri – tr. Cedere.

Cerniri, Cirniri - tr. Mondare.

Certamenti - avv. Senza dubbio.

Certaruni - pr. Certuni, taluni, alcuni.

Certu - agg. Sicuro.

Certuchi - avv. Indubbiamente, senza dubbio.

Certuni - pr. V. certaruni.

Cessu – s. m. Latrina, gabinetto| uno dei pezzi igienici del bagno.

Cestinazzu – s. m. Grande o brutto cestino.

Cestineddru – s. m. Piccolo o grazioso cestino.

Cestuni – s. m. Grande cesta.

Cevusu – s. m. Albero dei gelsi e relativo frutto .

Checchina  – s. f. Cicerchia, Lathyrus sativus , pianta delle leguminose il cui frutto viene usato per zuppe ma anche come mangime per colombi.

Checcu – s. m. - agg. Chi o che ha difficoltà di parlare per fatto nervoso, balbuziente.

Chiacchià – s. m. Nel linguaggio infantile, cavallo.

Chiacchiariari - intr. Parlare del più e del meno, divulgare pettegolezzi.

Chiacchiarata, chiacchiariata – s. f. Discorso di cose di nessuna importanza| inutile discussione.

Chiacchiaratazza, chiacchiaratazza - sf. Lunga discussione.

Chiacchiarateddra – s. f. Breve discussione.

Chiacchiaratina, chiacchiariatina – s. f. L'atto del chiacchierare, discussione.

Chiacchiaratu - agg. Che fa parlare di sé.

Chiacchiareri - agg. Che ama discutere.

Chiacchiariu – s. m. Discussione, chiacchiera.

Chiacchiarunazzu - agg. Che non può fare a meno di discutere, parlare di sè.

Chiacchiaruneddru - agg. Che chiacchiera troppo.

Chiacchiaruni - agg. Di persona che si rende noioso con le chiacchiere │Chiacchierone.

Chiacchira – s. f. Discorso di cose leggere, voce non vera| li chiacchiri su chiacchiri e li maccarruna inchinu la panza – Le discussioni sono vuote ma sono i maccheroni che riempiono la pancia (insomma le chiacchiere  non portano la concretezza).

Chiaia – s. f. Ferita, pustola, piaga.

Chiaiceddra, chiaiuzza – s. f. Piccola piaga.

Chiaiuna – s. f. Grande piaga.

Chiamaquagghi – s. m. Arnese del cacciatore per attirare quaglie| esca per volatili │di persona che riesce ad attirare l’attenzione.

Chiamateddra – s. f. Convocazione.

Chiamatuna – s. f. Convocazione di lunga durata o importante.

Chiamu – s. m. Richiamo di clientela con pubblicità, passa parola, allettamento, si usa per chiedere altra carta nel gioco del sette e mezzo.

Chiana – s. f. Piana, pianura.

Chianca – s. f. Tronco d’albero |Tetto di C. – la struttura dove poggiano le tegole |Macelleria .

Chiancheri – s. m. Macellaio.

Chiangiri - tr. Spargere lacrime per dolore fisico o morale, per commozione │Piangere.

Chiangiulinazzu - agg. Molto piagnone.

Chiangiulineddru - agg. Facile al pianto, che chiede piangendo.

Chiangiulinu - agg. Piagnucolone, facile al pianto, lamentevole, chi recrimina su tutto, che non sa perdere.

Chiangiuta – s. f. Pianto, sfogo di lacrime, liberazione da sofferenza.

Chiangiutazza – s. f. Lungo pianto.

Chiangiuteddra – s. f. Breve pianto.

Chiangiutina – s. f. Lamento, pianto.

Chiangiutu - agg. Pianto.

Chianozzu – s. m. Pialla, utensile per la lavorazione del legno.

Chianta – s. f. La parte di sotto del piede, della scarpa e quella carpale della mano| giovane pianta| progetto di una costruzione.

Chiantabili – agg. Che è da piantare.

Chiantamentu – s. m. L'atto del piantare.

Chiantari - tr. Mettere a dimora, interrare, conficcare, smettere.

Chiantatu - agg. Fermo in un posto, messo a dimora, piantato, chiodato.

Chianteddra – s. f. Plantare, la parte interna della scarpa.

Chianticeddra, chiantiddra – s. f. Piccola pianta.

Chiantiddrari - tr. Chiodare il plantare della scarpa, risuolare.

Chiantiddriu – s. m. Il rumore del risuolare le scarpe.

Chiantimi – s. f. Insieme di piccole piante da vivaio da trapiantare a dimora.

Chiantu – s. m. Lacrime di gioia, dolore, commozione.

Chianu - agg. Che ha lo stesso livello in tutti i suoi punti| s. m. Pianoro, piazzale, tratto di terreno in unico livello| avv. Senza fare schiamazzi| Chianu chianu - pianeggiante.

Chianura – s. f. Luogo piano e spazioso.

Chianuzzata – s. f. Colpo di pialla.

Chianuzzeddru – s. m. Piccola pialla.

Chianuzziari – tr. Ridurre allo stesso livello.

Chiappa – s f. pomodoro secco, si conserva sotto olio| fico secco| parte polposa dell’anca.

Chiappara – s. f. Pianta dei capperi e i suoi frutti.

Chiappareddru – s. m. Noto gioco dei monelli in cui si rincorrono| V. acchiappareddru.

Chiappariddraru – s. m. - agg. Raccoglitore e venditore di capperi.

Chiappazza – s. f. Spessa piastra di pietra.

Chiappetta – s. f. Piastrella di pietra piatta │Coprinterruttore, rifinitura .

Chiappiteddra – s. f. Sottile piastra di pietra| parte di fico o pomodoro secco.

Chiappuni – s. m. Grossa piastra di pietra piatta.

Chiappuzza – s. f. Piccola piastra di pietra piatta.

Chiariceddru - agg. Poco chiaro.

Chiarizza – s. f. L'essere chiaro, limpidezza, trasparenza.

Chiarizzu - agg. Molto chiaro.

Chiaruliddru - agg. Poco chiaro.

Chiarumi – agg. Troppo chiaro.

Chiaruri – s. m. Luce viva dell'alba.

Chiarutu - agg. Diventato chiaro, esemplificato, evidente, palese, certo.

Chiarazzu – agg. Parte della rete a strascico a maglie larghe.

Chiatta – s. f. Grossa barca a fondo piatto, usata come traghetto di persone su fiumi o su canali. |V. Addrabbanna.

Chiattiari – tr. Passare da una parte all’altra attraverso la chiatta │Abbandonare una barca │Prendere in giro.

Chiattiddra – s. f. Microbo che infesta i genitali| persona insopportabile| Piattola.

Chiattizza – s. f. Stato dell'essere piatto.

Chiattu - agg. Appiattito, levigato │Persona più larga che alta.

Chiattuliddru - agg. Poco piatto.

Chiattuni – s. m.  Persona grossa e bassa.

Chiavazza – s. f. Grande o brutta chiave.

Chiavetta – s. f. Piccola chiave, apriscatole.

Chiavica – s. f. loc. impedimento, fastidio.

Chiaviceddra – s. f. Piccola chiave.

Chiavinglisi – s. f. Chiave inglese per molti usi, se ne serve specialmente l’idraulico.

Chiavinu – s. m. Chiave sottile e lunga per portoncini.

Chiavuna – s. f. Grossa chiave.

Chiavuzza – s. f. Piccola chiave.

Chiazza – s. f. Luogo pubblico spazioso circondato da edifici al centro cittadino, o di un quartiere |Macchia irregolare │Piazza.

Chiazzaloru – s. m. Chi trascorre gran parte della giornata in piazza a oziare.

Chiazzusu - agg. Pieno di chiazze.

Chicara – V. Cicara.

Chicchiamentu – s. m. Balbuzie.

Chicchiari - intr. Balbettare, pronunziare le parole con difficoltà per fatto nervoso.

Chicchiata – s. f. Balbuzie.

Chicchiceddru - agg. Poco balbuziente.

Chicciantra, chiccitrasi - loc. Che c'entra, non può essere vero, non è possibile.

Chiccu – s. m. V. cocciu.

Chicculiddru - agg. Poco balbuziente.

Chiccuni - agg. Affetto da forte balbuzie.

Chiccuzzu - agg. Leggermente balbuziente.

Chiddra - agg. Quella.

Chiddratru, chiddravitru - agg. - Quell'altro.

Chiddri - agg. Quelli, quelle, quei, quegli| E’ pl. di chiddru, chiddra| Darici C. i l’ursu - suonargliele di santa ragione.

Chiddru - agg. Quello.

Chieriri – tr. V. dumannari

Chiffarazzu – s. m. Grosso impegno.

Chiffareddru – s. m. Piccolo impegno.

Chiffari – s. m. Impegno di lavoro, faccenda da sbrigare.

Chiffariusu, chiffarusu - agg. Affaccendato, che è sempre impegnato, occupato.

Chilata – s. f. Peso di un chilo circa.

Chilazzu – s. m. Peso di un chilo abbondante.

Chiliceddru, chiliddru – s. m. Massa di un chilo.

Chilomitru – s. m. Mille metri.

Chilu – s. m. Quantità di mille grammi.

Chilumetricu - agg. Di chilometro.

Chilumitrata – s. f. Misura di un chilometro.

Chilumitrazzu – s. m. Gran brutto chilometro.

Chiluzzu – s. m. Massa che pesa poco meno di un chilo o all’incirca.

China – s. f. Piena, il tumultuoso precipitarsi delle acque.

Chinu - agg. Colmo|Pieno.

Chinuliddru - agg. Non troppo pieno.

Chiossà, chiossai - avv. Di più, tutto al più, al massimo.

Chiossaliddru - avv. Poco di più.

Chioviri - tr. Precipitarsi delle acque dal cielo, è usato anche personalmente quando le cose vanno male.

Chiovu – s. m. Ferro sottile e acuto da una parte con capocchia, pensiero fisso.

Chirenza – s. m. Fiducia nella solvibilità di qualcuno e diritto ad esigere.

Chisiola - s. f. Piccola edicola  votiva contenente l’immagine del santo a cui è dedicato |figura misera, immagine | V. Fiureddra.

Chissa - agg. Quella.

Chissi - agg. Quei, quegli, quelli, quelle.

Chissu - agg. Quello.

Chista - agg. Questa, ciò.

Chisti - agg. Questi, queste| pl. di chistu, chista.

Chistu - agg. Questo, ciò.

Chitarrata – s. f. Colpo dato con la chitarra| suonata.

Chitarrazza – s. f. Grande o brutta chitarra.

Chitarreddra, chitarruzza – s. f. Piccola chitarra.

Chitarriari – tr. Suonare con la chitarra.

Chitarruni – s. m. Grande chitarra.

Chiuannintra – loc. Più in dentro, in profondità maggiore.

Chiuavutu – agg. Più alto.

Chiuccà - loc. Più in qua.

Chiuddarre, chiudarrera, chiudarreri – loc. Più indietro.

Chiuddavanti – loc. Più avanti.

Chiuddistanti – loc. Più distante.

Chiuddrà - loc. Più in là| Farisi C. – scostarsi.

Chiuddrocu – loc. Più vicino a te.

Chiuffermu – loc. Più stabile.

Chiuffinu – loc. Più sottile.

Chiuffunnu, chiuffunnutu – loc. Più profondo.

Chiugghiusu – agg. Più giù.

Chiuggiannu – loc. Più pallido.

Chiuiusu – loc. Più giù, più a valle.

Chiullargu - loc. Più largo, più ampio.

Chiullariu, chiulaiu – agg. Più brutto, orrendo.

Chiullisciu – agg. Più levigato, più scivoloso.

Chiullucenti – loc. Più lucido, splendente.

Chiulluntanu - loc. Più lontano, a distanza maggiore.

Chiumazzata – s. f. Giaciglio.

Chiumazzeddru – s. m. Piccolo cuscino.

Chiumazzu – s. m. Cuscino, guanciale imbottito di piume, lana o altro.

Chiumegghiu – agg. Meglio, migliore.

Chiummari - tr. Controllare la verticalità, otturare il dente, sigillare| impallinare.

Chiummata – s. f. Fucilata| colpo di piombo.

Chiummatu - agg. Impiombato| sigillato.

Chiummiceddru, chiummiddru – s. m. Piccolo pezzo di piombo.

Chiumminu – s. m. Cartuccia di fucile da Luna park |V. Piombinu

Chiummu – s. m. Metallo pesante e duttile| attrezzo del muratore| Piombo.

Chiummuseddru - agg. Pesantuccio come il piombo.

Chiummusu - agg. Pesante come il piombo.  

Chiummuzzu – s. m. Piccolo pezzo di piombo.

Chiunchi - pr. Ogni persona.

Chiunfora – loc. Esternamente.

Chiunnarreri, chiunarrè, chiunarrera – loc. Più indietro.

Chiunnavanti – loc. Più avanti|Iri C. chi narreri - progredire.

Chiunnenti – loc. Ancora di meno.

Chiunnettu – loc. Più pulito.

Chiunnicu – loc. Più piccolo.

Chiunnivuru – loc. Più nero.

Chiunnotti – loc. Più avanti nella notte, più tardi.

Chiunnovu – loc. Più nuovo.

Chiuppicca – loc. Di meno.

Chiuppu – s. m. Albero Populus tremula, pioppo.

Chiuribili - agg. Che si può, è da chiudere.

Chiurintra – loc. Più in dentro.

Chiuriri - tr. Chiudere, murare buche, mettere fine, completare.

Chiurisi - rifl. Chiudersi,  proteggersi, barricarsi.

Chiurma – s. f. Moltitudine di persone, di operai al servizio di un unico padrone, insieme di marinai.

Chiurranni – loc. Più grande.

Chiurrossu – loc. Più grosso.

Chiurrussu – loc. Più rosso.

Chiusa – s. f. conclusione, termine| sbarramento fluviale. 

Chiusinu – s. m. Tombino, pozzetto in cui è contenuto il congegno per aprire o chiudere la rete idrica di una zona.

Chiussapuritu – loc. Più grazioso, simpatico.

Chiussira - loc. Più tardi.

Chiussupra - loc. Più su, in alto.

Chiussutta - loc. Più giù, in basso.

Chiutardu – loc. Più in là nel tempo.

Chiutarduliddru – loc. Fra qualche minuto.

Chiutempu – loc. Più tempo, più del dovuto.

Chiutintu – loc. Più cattivo, peggiore.

Chiutostu, Chiuttostu – loc. Più discolo, irrequieto| avv. piuttosto, anziché.

Chiuvana - agg. Di o da pioggia.

Chiuvaru – s. m. Chi fa o vende chiodi.

Chiuvazzu – s. m. Grosso o brutto chiodo.

Chiuviceddru, chiuviddru – s. m. Piccolo chiodo.

Chiuvuni – s. m. Grosso o lungo chiodo.

Chiuvusu - agg. Che promette pioggia, con parecchi chiodi.

Chiuvuta – s. f. Quantità di pioggia caduta.

Chiuvuzzu – s. m. Piccolo chiodo.

Chiuvvicinu – loc. Più vicino.

Torna all’Indice