Crea sito

HOME

RICETTE

I PESCI

FOTO

RADICI

ESPERIENZE

CONTATTI

LINK

                                                                                                                                                                                

Ammuccaficu, no babbi.

 

Lettera A – da Ammo a Azzu

Ammoddru - avv. Immerso |teniri A. - tenere in acqua| anche:  a moddru.

Ammogghiu – s. m. Pesto d’aglio (alla trapanese). A Mazara del Vallo si è soliti condire con lo stesso pesto le sarde alla brace o altro pesce azzurro (Sauri, Sgombri ecc.).

Ammolaforbici, ammolaforbicecuteddra  – s. m. Arrotino.

Ammolari – Tr. V. Ammulari.

Amu – loc. Dobbiamo| si usa di solito con il verbo all'infinito| A. a fari, a gh’iri, a veniri - dobbiamo fare, andare, venire| A. vistu, fattu - abbiamo visto, fatto.

Ammuccamuschi - agg. Si dice di chi vive oziando.

Ammuccaficu – s. m. Chi crede a tutto quello che gli dicono, ingenui  |Mazarisi A. – soprannome dei Mazaresi.

Ammuccari - tr. Inghiottire; per metafora, prendere per buona una notizia non necessariamente veritiera.

Ammuccarisi - rifl. Credere alle  bugie altrui.

Ammucciareddru – s. m. Nascondino, gioco di bambini | V.  Mmucciareddru.

Ammucciamentu – s. m. Nascondiglio.

Ammucciari - tr. Nascondere, occultare.

Ammucciarisi - rifl. Nascondersi, sparire.

Ammucciatu – agg. Nascosto.

Ammucciuni - loc. di Nascosto, alla chetichella.

Ammuffari - intr. Ammuffire.

Ammuffatina – s. f. Atto dell'ammuffire.

Ammuffatu – agg. Ammuffito, che sa di muffa.

Ammugghiari - tr. Coprire, cancellare| prendere moglie │inzuppare, intingere.

Ammulamentu – s. m. L'affilare, l'arrotare.

Ammulari - tr. Arrotare, affilare.

Ammulata – sf. Affilatura di coltello.

Ammulateddra – s. f. Leggero filo dato alla lama dall’arrotino.

Ammulateddru – agg. Poco affilato.

Ammulatina – s. f. L’affilare.

Ammulatu - agg. Arrotato, affilato, tagliente.

Ammulaturi – s. m. Arrotino, chi dà il taglio, il filo alla lama.

Ammumentu - avv. Quasi| Anche:  a mumentu.

Ammuna – s. f. Grossa gamba.

Ammuniri - intr. Richiamare, rimproverare.

Ammunitu, ammunutu - agg. Richiamato, rimproverato.

Ammunzeddru – loc. A cumulo| anche:  a munzeddru.

Ammunziddramentu – s. m. L'ammucchiare, l'ammonticchiare.

Ammunziddrari - tr. Ammucchiare.

Ammunziddratina – s. f. L’ammonticchiare, accumulo .

Ammunziddratu – agg. Ammonticchiato, portato a cumulo.

Ammurramentu – s. m. Arenamento, incagliamento .

Ammurràri – Int. arenarsi, incagliarsi, finire su una secca, insabbiarsi.

Ammurrata, ammurratina – s. f.  L'atto dell’arenamento .

Ammusciamentu – s. m. Il mostrare, afflosciamento.

Ammusciari - intr. Afflosciare, cedere, rammollire.

Ammusciusu – agg. Cadente, flaccido.

Ammutimentu – s. m. L'ammutolire.

Ammutinamentu – s. m. Rimostranza, ribellione.

Ammutinarisi - rifl. Ammutinarsi, ribellarsi in massa.

Ammutiri - intr. Ammutolire, non avere la forza di replicare.

Ammuttari - tr. Spingere, imprimere movimento.

Ammuttata – s. f. Spinta| aviri n’A. – essere raccomandato.

Ammuttateddra – s. f. Leggera spinta.

Ammuttatina – s. f. Spintarella, forza esercitata su qualcosa in movimento.

Ammuttatu - agg. Spinto, spostato con forza.

Ammuttuni – s. m. Spintone.

Ammutuliri - tr. Restare senza parole, indurre al silenzio.

Ammutulitu, ammutulutu - agg. Ammutolito, zittito.

Ammuzza – s. f. Piccola gamba.

Ammuzzu – loc. A caso, come capita, senza possibilità di scelta| anche:  a muzzu.

Ampiamenti - avv. In maniera ampia, largamente.

Ampiamentu – s. m. L'ampliare, allargamento.

Ampiari - tr. Accrescere, allargare.

Ampiatu - agg. Accresciuto, ingrandito, allargato.

Ampiu - agg. Vasto, largo, comodo.

Ampizza – s. f. Abbondanza, vastità, larghezza.

Amputamentu – s. m. Taglio, amputazione.

Amputari - tr. Tagliare, recidere.

Amputazioni – s. f. Taglio completo.

Amu – s. m. Amo ovvero piccolo uncino che serve per pigliar pesci| ambo, unione di due numeri vincenti al lotto.

Amunì, amuninni – loc. Imperativo del Verbo Iri – Andiamo, Andiamocene.

Amurusamenti - avv. Con amore.

Amurusu - agg. Amoroso, affettuoso.

Analizzari - tr. Osservare attentamente.

Anarfabetu – s. m. Chi o che non sa leggere né scrivere.

Anca – s. f. Mola, molare, grosso e largo dente atto alla masticazione | Regione anatomica che comprende la radice della coscia e parte della base del tronco.

Anciova – s. f. Acciuga, alice, pesce azzurro del genere Engraulis ringens.| Per saperne di più: http://andreasormani.altervista.org/pesci.htm#Acciuga

Ancheggiari - tr. Camminare dondolando e anche, per attirare l’altrui attenzione.

Ancorari - tr. Bloccare, fermare, ormeggiare usando l’ancora.

Ancoraggiu – s. m. Punto da potervi ancorare la barca, ormeggio.

Ancoratu - agg. Fermato, bloccato.

Angugnari - V. Abbutari.

Ancurazza – s. f. Grossa o brutta ancora.

Ancureddra – s. f. Piccola ancora.

Andruni – s. m. Andito di un palazzo che dalla porta va fino al cortile.

Aneddru – s. m. Anello │Cerchietto di metallo prezioso che si porta al dito come ornamento| Tutto ciò che ha forma circolare ed entro certi limiti.

Angaria – s. f. Atto di prepotenza, sopruso.

Angiddra – s. f. Anguilla │Pesce senza scaglie e molto viscido.

Angiddrazza – s. f. Grossa o brutta anguilla.

Angiddruna – s. f. Grossa anguilla.

Angiddruzza – s. f. Piccola anguilla.

Angiova – s. f. Acciuga │Piccolo pesce azzurro.

Angiuvazza – s. f. Grossa o brutta acciuga.

Angiuveddra – s. f. Piccola acciuga.

Angulatu - agg. A forma di angolo.

Angulatura – s. f. La parte angolata| angolo.

Angulazzu – s. m. Grande o brutto angolo.

Angulicchiu – s. m. Angolo di poco conto.

Anguluzzu – s. m. Piccolo angolo.

Angustiari - tr. Dare sofferenza.

Angustiarisi - rifl. Soffrire.

Angustiatu - agg. Triste, sofferente.

Aniddrazzu – s. m. Grosso o brutto anello.

Aniddruni – s. m. Grosso anello.

Aniddruzzu – s. m. Piccolo anello.

Animaliscu – agg. V. armaliscu.

Animeddra, animella – s. f. Persona pavida, timorata, introversa| piccola anima.

Annacamentu – s. m. Dondolamento, scuotimento, agitazione.

Annacari - tr. Dondolare, agitare, cullare.

Annacarisi, annaculiarisi - rifl.  Muoversi, mantenere l’equilibrio, prendersela con comodo, ancheggiare.

Annacarisilla - rifl. Prendersela con comodo.

Annacatina - s. f. Svogliatezza, l'andare a rilento, mollezza.

Annacatura – s. f. Il dondolare, l'ancheggiare della donna  per civetteria.

Annacaturi – s. m. Chi muove l'altalena, la culla, chi ancheggia nel camminare.

Annaculiari - tr. Muovere, agitare, scuotere.

Annacunazzu,annacuni  – s. m. Spintone, per un durevole dondolamento.

Annacuneddru – s. m. Leggera spinta per leggero dondolio.

Annata – s. f. Spazio di un anno, canone annuo che si paga per uso di cosa di cui altri hanno la proprietà o la gestione.

Annatazza – s. f. Brutto o cattivo anno.

Annateddra – s. f. Anno abbastanza favorevole.

Anavanzamentu – s. m. Miglioramento, progresso.

Annavanzari – tr. Avanzare, approssimare.

Annazzi – s. m. Brutti, difficili anni.

Anneatiammari – escl. Annegati a mare, vai fuori dalle scatole.

Annegghiamentu, annigghiamentu – s. m. Offuscamento, riduzione di visibilità.

Annenti – loc. A nulla| anche a nenti │ bonu A.  = persona incapace.

Annettaricchi - s. m. piccolo strumento per pulire le orecchie, stuzzicaorecchi, persona di scarso  valore.

Anniari - intr. Dare o trovare morte nell'acqua, per annegamento.

Anniarisi - rifl. Morire soffocato nell'acqua, suicidarsi.

Anniatina – s. f. Annegamento.

Anniatu - agg. Morto per annegamento.

Annigghiari – tr. Offuscare, oscurare.

Annigghiarisi – rifl. Perdere lucidità, oscurarsi.

Anniari – tr. Annegare, affogare.

Anniatammari – loc. Essere in rovina.

Anniatu – agg. Annegato, affogato |part. Pass. di Anniari.

Anniatri – loc. A noi.

Annigghiatu – agg. Scuro.

Annigghiusu – Agg. oscurabile.

Annintra - loc. In profondità, più in dentro| Iri A. - penetrare, introdursi| Trasiri A. - mandare più in dentro, introdurre con più forza.

Annipersi - loc. Fannullone| anche:  anni persi.

Annirutu - agg. Oscurato, rabbuiato, fatto nero.

Annirvusiatu - agg. Innervosito, arrabbiato, nervoso.

Annittamentu – s. m. Pulitura.

Annittari - tr. Pulire, nettare.

Annittata – s. f. Pulitura, l'azione del nettare.

Annittatazza – s. f. Pulitura decisa.

Annittateddra – s. f. Leggera pulita, pulitura grossolana, superficiale.

Annittateddru – agg. Poco pulito.

Annittatina – s. f. L'atto del nettare, del pulire.

Annittatu - agg. Nettato, pulito.

Annittatura – s. f. L'atto del nettare, del pulire.

Annittaturi – s. m. - agg. Pulitore, chi o che netta, pulisce.

Annuiari -  tr. Infastidire, stare male | V. siddriari.

Annuiarisi – rifl. Essere preso da indolenza, non avere voglia.

Anuiatu – agg. Privo di volontà.

Annuiatri – loc. A noi.

Annuiatu – agg. Privo di volontà.

Annullatina – s. f. Rottura, l'atto dell'annullare| eliminazione.

Annullatu - agg. Cancellato, eliminato.

Annunciamentu, annunziamentu – s. m. L'annunziare.

Annunciari, annunziari - tr. Riferire, comunicare.

Annunga – avv. Altrimenti, caso mai.

Annurvamentu – s. m. Accecamento.

Annurvari – tr. Accecare, rendere cieco │Ingannare.

Ansiusu - agg. Pieno di ansia.

Anticazzu - agg. Troppo antico.

Anticchia – avv. V. Nanticchia

Antichiceddru - agg. Poco antico, non più in uso.

Anticuliddru - agg. Poco antico| vecchiotto.

Antinna – s. f. Antenna, palo lungo e diritto per vari usi.

Antipaticuliddru - agg. Poco antipatico.

Antipaticuni - agg. Molto antipatico.

Antura - avv. Poco fa, qualche ora fa.

Anuratu- agg.  Di persona onorata, riverita, rispettata.

Anzianeddru - agg. Non tanto anziano e comunque non più giovane.

Anzianicchiu - agg. Poco anziano.

Anzianottu – agg. Di uomo, non tanto vecchio.

Anzianuliddru, anzianuzzu - agg. Un po’ anziano, non giovane.

Anzichi - loc. Prima che.

Apiceddra , apuzza – s. f. Piccola ape.

Appacchiatu - agg. Stordito, steso sul letto abbandonato.

Appaciari -  tr. Appaciare,  pacificare, fare pace│ V. Mpaciari.

Appagnari - Tr. Irritare cavalli, rendere irrequieto un cavallo.

Appagnarisi – Intr. Essere imbizzarrito.

Appagnatu – agg. Imbizzarrito (cavallo).

Appaisanarisi - rifl.  Ambientarsi, sapersi muovere in un ambiente non suo.

Appaisanatu - agg. Ambientato, di forestiero che si sa muovere in un ambiente non suo.

Appalazzatu - agg. Costellato di palazzi.

Appalorarisi, appalurarisi - rifl. Convenire, darsi parola, impegnarsi, accordarsi, promettersi.

Appaloratu, appaluratu - agg. Promesso, impegnato verbalmente.

Appanari - tr. Riempire la pancia in modo esagerato.

Appanarisi - rifl.  Saziarsi oltre misura e in modo poco civile, ingozzarsi, rimanere soddisfatto.

Appanatu - agg. Molto sazio, soddisfatto.

Appannamentu – s. m. Visibilità, trasparenza ridotta, opacità.

Appannari - tr. Offuscare, rendere opaco.

Appannarisi - rifl. Offuscarsi, intorbidirsi.

Appannateddru – agg. Poco opaco.

Appannatina – s. f. Riduzione di luce, offuscamento.

Appannatu - agg. Offuscato, torbido, opaco| v. mpannatu.

Apparanzari – Tr. Stare insieme con qualcuno, eguagliare.

Apparecchiu – s. m. Congegno meccanico| aereo.

Apparecchiatina – s. f. L’atto dell’apparecchiare.

Apparecchiatu - agg. Approntato, preparato.

Apparecchiaturi – s. m. Chi apparecchia.

Apparigghiamentu – s. m. L'accoppiare.

Apparigghiari - tr. Accoppiare, disporre secondo la stessa lunghezza.

Apparintarisi - V. mparintarisi.

Appartanti – s. m. Chi prende lavori a cottimo o a misura.

Appartari - tr. Dare, prendere in appalto, mettere da parte.

Appartarisi - rifl. Mettersi da parte, isolarsi.

Appartatamenti - avv. In separata sede.

Appartatu - agg. Dato in appalto.

Appartaturi – s. m. Chi esegue lavori pubblici per appalto.

Apparteniri - intr. Essere di competenza, fare parte di una famiglia o di qualcosa.

Apparti - loc. In disparte, in privato, tranne.

Appassimentu – s. m. Avvizzimento, l'appassire.

Appassutu - agg. Secco, appassito.

Appattabili - agg. Che si può, da confrontare.

Appattamentu – s. m. Confronto, l'appaiare.

Appattari - tr. Trovare l’uguale, confrontare, fare coppia, pareggiare.

Appattarisi - rifl. Mettersi d’accordo, stare ai patti.

Appenniri – tr. Appendere, stendere.

Apperi - loc. A piedi, andare a piedi | anche:  a peri.

Appi – v. v. Ebbi, ebbe, ha avuto| A. a gh’iri - ha dovuto andare| A. a fari - ha dovuto fare.

Appiccicamentu – s. m. Modo di inerpicarsi, aderenza.

Appiccicari - tr. Incollare, fare scalate difficili.

Appiccicarisi - rifl. Arrampicarsi, attaccarsi, incollarsi.

Appiccicata – s. f. L'atto dell'attaccare, arrampicata, scalata.

Appiccicatazza – s. f. Lunga e difficile scalata, attaccatura molto tenace.

Appiccicateddra – s. f. Leggera scalata, arrampicata, incollata.

Appiccicatina – s. f. Atto dell'attaccare, dell'arrampicarsi| scalata.

Appiccicatu - agg. Appiccicato, incollato, arrampicato.

Appiccicuni – s. m. Scalata, arrampicata difficoltosa.

Appiccicusu – agg. Che si attacca, che non riesce a staccarsi da qualcuno o da qualcosa.

Appicu – loc. A perpendicolo, corrispondente alla direzione del filo a piombo| Iri A. - Essere inghiottito, sprofondare| anche: a  la picu.

Appigghiarisi - rifl. Attaccarsi, attenersi, azzuffarsi. 

Appigghiateddru - agg. Poco attaccato, stretto, avvinghiato │Poco risentito.

Appigghiatina – s. f. L'atto dell'attaccarsi, del tenersi │L’atto del risentimento.

Appigghiatu – agg. Molto stretto, risentito.

Appigghiatura – s. f. Punto di appiglio, di presa.

Appigghiu, appigliu – s. m. Appiglio, pretesto.

Appimu - v. v. Abbiamo avuto, dovuto.

Appinnicarisi - rifl.  Appisolarsi, prendere un sonno leggero, la pennichella.

Appinnuliarisi – rifl. Stare sospeso, lasciarsi andare tenendosi con le mani,  rimanere sospeso |V. Pinnuliari.

Appinnuliatu – agg. Appeso, sospeso.

Appinnuliuni – loc. Che si lascia andare tenendosi.

Appinnutu – agg. Sospeso nel vuoto.

Appinu - v. v. Hanno avuto, dovuto| Anche appiru, con funzione di passato remoto.

Appiramentu – s. m. Basamento per un nuovo fabbricato.

Appirati – loc. A calci.

Appiricari –tr. Avanzare in mare toccando il fondo.

Appisantimentu – s. m. L'appesantire, gravame, carico.

Appitenza – s. f. Voglia di mangiare.

Appitiri - tr. Destare appetito, desiderare.

Appitittu – s.  m. Bisogno di mangiare, voglia di cosa| v. pitittu.

Appitrati – loc. A sassate| anche:  a pitrati.

Appizzari - tr. Appuntire, conficcare, affiggere, deteriorare, perdere, sprecare,  sciupare, rimettere, appendere.

Appizzarisi - rifl. Attaccarsi, conficcarsi| A. comu na sanguetta – dare troppo fastidio.

Appizzarobbi – s. m. Pezzo d'arredamento al quale si appendono cappotti, giacche e altri indumenti e accessori; attaccapanni.

Appizzateddru - agg. Poco piantato, bruciacchiato.

Appizzati - loc. A colpi di oggetti appuntiti.

Appizzatina – s. f. L'atto del conficcare, deterioramento.

Appizzatu - agg. Conficcato, deteriorato, rovinato, appeso.

Appizzaturi – s. m. - agg. Chi o che conficca, affigge, provoca deterioramento, divide in più appezzamenti.

Appoiaperi – s. m. Appoggiapiedi per stare più comodi o per isolare i piedi dal pavimento.

Appoiu – s. m.  Sostegno, aiuto.

Appressu – avv. Subito dopo, in seguito, vicino, accanto.

Apprimacchittu – loc. Alla prima occasione.

Approcciu – s. m. Breve incontro, contatto.

Approvatina, appruvatina – s. f. Approvazione.

Appuiarisi - rifl.  Sostenersi, avvalersi dell'aiuto degli altri.

Appuiateddru - agg. Poco sostenuto.

Appuiatina – s. f. Sostegno.

Appuiatu - agg. Sostenuto.

Appuntari - tr. Congiungere con filo, attaccare con spillo o altro provvisoriamente, prendere nota, fare a punta.

Appuntatazza – s. f. Conficcare alla meglio e bene.

Appuntateddra – s. f. L'appuntare provvisorio.

Appuntateddru - agg. Poco appuntato.

Appuntatina – s. f. L'atto dell'appuntare, dell'appuntire.

Appuntatu – s. m. Primo grado dei carabinieri| agg. annotato, appuntito.

Appuntatura – s. f. L'atto dell'appuntare.

Appuntavugghi - sm. Cuscinetto su cui si fissa ago, spillo.

Appuntiddrabili - agg. Che si può puntellare, appoggiare, sostenere.

Appuntiddramentu – s. m. Sostegno, appoggio.

Appuntiddrari - tr. Puntellare, sostenere.

Appuntiddrarisi - rifl. Sostenersi, reggersi, affidarsi.

Appuntiddratina – s. f. Il puntellare, sostegno, appoggio.

Appuntiddratu - agg. Sostenuto, appoggiato.

Appuntiddru, appuntinu – s. m. Piccola, breve annotazione| avv. A meraviglia.

Appustari - tr. Accatastare, fare cumulo, sistemare .

Appustarisi - rifl. Tendere agguato, stabilirsi.

Appustateddru - agg. Poco situato, raccolto.

Appustatina – s. f. Riunione, sistemazione.

Appustatu - agg. In posizione definitiva, ammonticchiato, messo insieme.

Appuzzari - tr. Calare un recipiente nel pozzo a riempire.

Appuzzatu – agg. Posto a riempire.

Appuzzuni – loc. Penzoloni, capovolto| A testa A. - con la testa in giù.

Aqquatalari – tr. Usare cautela, tutelare, riparare dal vento, coprire per troppo freddo, prendere le necessarie precauzioni.

Aqquatararisi – rifl. Prendere gli opportuni accorgimenti, ripararsi, coprirsi.

Aqquataratu - agg. Previdente, cauto, accorto, riparato.

Aqquattarisi - rifl. Chinarsi il più possibile, rannicchiarsi.

Aqquattatazzu - agg. Molto rannicchiato, chinato.

Aqquattateddru - agg. Poco Chinato, rannicchiato.

Aqquattatina – s. f. Atto del chinarsi.

Aqquattatu – agg. Chinato, raccolto, rannicchiato.

Aracchi – loc. Attento! Scappa!  Mettere in guardia per l’arrivo di qualcuno non apprezzato. 

Araciu – avv.  Lentamente, senza fretta, piano, adagio  | A. A. – piano piano.

Arancina –  s. f. Riso cotto arrotolato a forma di arancia, ricoperto di mollica, internamente farcito.

Aranciteddru, aranciuzzu  – s. m. Piccola arancia │Piccolo Granchio

Aranciu – s. m. L'albero che dà come frutti le arance e l'arancia stessa │Granchio .

Aranciuni – s. m. Grossa arancia e il suo colore │ Un grosso granchio.

Arantu - loc. Fare qualcosa con calma, senza tralasciare niente │Arantu Arantu = Con calma senza tralasciare niente .

Aratata – s. f. Un solco, un colpo d’aratro.

Aratazza – s. f. Profonda aratura.

Arateddra – s. f. Leggera aratura.

Arateddru –agg. leggermente arato.

Aratina – s. f. Aratura leggera.

Aratru – s. m. Aratro, strumento per dissodare la terra, con cui si rivoltano le zolle

Aratrazzu – s. m. Grosso aratro.

Aratruzzu – s. m. Piccolo aratro.

Arattamentu – s. m. L'adattare, adeguamento.

Arattari - tr. Adattare.

Arattarisi - rifl. Svolgere una mansione che non sia la propria, adeguarsi.

Arattatu - agg. Adeguato.

Araturi – s. m. Chi ara, dissoda la terra.

Arba – s. f. Passaggio dalle tenebre alla luce.

Arbeggiari - intr. Approssimarsi dell'alba, rischiarare.

Arbu – s. m. Modo di porsi, garbo, forma, maniera.

Arbulazzu, Arvulazzu – s. m. Grande o grosso albero.

Arbulicchiu, Arvulicchiu – s. m. Piccolo o brutto albero.

Arbuliddru, Arvuliddru, arvuluzzu  – s. m. Piccolo o grazioso albero.

Arbura, Arburi – s. m. Primo chiarore, luce dell'alba.

Arcateddra – s. f. Piccola arcata.

Arcateddru - agg. Poco arcuato, inarcato.

Arcatina – s. f. L'atto del fare archi.

Arcatu - agg. Inarcato, arcuato.

Arcatura – s. f. Serie di archi, portici.

Arcazzu – s. m. Grande o brutto arco.

Archiceddru, arcuzzu – s. m. Piccolo arco.

Arcuni – s. m. Grande arco.

Ardintuliddru - agg. Poco piccante.

Ardintumi – s. m. Quantità di acre contenuta in una cosa.

Ardintuni - agg. Molto piccante, acre.

Arditina – s. f. L'atto del bruciare | V. Iarditina.

Aregna – s. f. Aringa, pesce che, in Sicilia, si trova soltanto salato o affumicato.

Aremi – s. m. Segno dei Denari nelle carte da giuoco siciliane o napoletane. 

Arganettu – s. m. Piccolo strumento musicale a mantice.

Argia – s. f. Stia. Per estensione la parte dei pantaloni con la cerniera o i bottoni in cui è custodito il cardellino, il membro dell'uomo| mascella, guancia |  V.  Argi

Argiata – s. f. Manrovescio| contenuto di una stia, di una gabbia.

Argiateddra – s. f. Leggero manrovescio, piccola gabbia.

Argiazzi – s. m. Grosse branchie.

Argi – s. m.  Branchie del pesce │Parte dell’apparato respiratorio, umano, compresa tra la mandibola e il collo.

Argintatina, argintatura  – s. f. L’argentare.

Argintatu - agg. Del colore dell'argento.

Argintaturi – s. m. Operaio che lavora l’argento.

Arginteri, argintieri – s. m. Venditore d'argento.

Argintinu - agg. Del colore dell'argento, limpido.

Argiuna – s. m. Ampie mascelle, capacissima stia, gabbia.

Argiuni – s. m. Gran manrovescio.

Argiuzza – s. f. Piccola mascella, stia, gabbia.

Arianu – s. m. Pianta aromatica dal fusto legnoso, Origano.

Ariari - tr. Aprire porte e finestre per arieggiare ambienti.

Ariata – s. f. Sguardo fugace, ricordo| Somiglianza.

Ariatamenti - avv. Sbadatamente, distrattamente.

Ariazza – s. f. Grande o brutta area, estesa aia, forte vento.

Arica – s. f. Pianta acquatica marina, Poseidonia.

Aricazza – s. f. Grande o brutta alga.

Arichiceddra – s. f. Piccola alga.

Aricchia – s. f. Organo dell'udito, orecchia.

Ariccheddra, aricchieddra  – s. f. Piccolo orecchio |la piega che si usa mettere agli spigoli dei quaderni o dei libri.

Aricchiazza – s. f. Grande o brutto orecchio.

Aricchina – s. f. Pendaglio d’oro che orna l'orecchio.

Aricchineddra – s. f. Piccolo orecchino.

Aricchiuna – s. f. Grande orecchia.

Aricchiuni – s. m. Omosessuale, pederasta |V. Arrusu.

Aricchiuzza – s. f. Piccolo orecchio.

Ariddru - loc. Grillo, insetto ortottero.

Aridizza – s. f. Aridità.

Ariu – s. m. Aria, atmosfera.

Ariusazzu - agg. Molto superbo, che riceve molta luce e aria.

Ariuseddru - agg. Presuntuoso, che riceve poca luce e aria.

Ariusu - agg. Superbo, borioso, vanitoso| all'aria, ventilato.

Ariuzza – s. f. Leggero venticello, piccola superbia, vanità.

Arma – s. f. Anima, sostanza immateriale e immortale dell'uomo| La matri è l’A.

Arma – s. f. Arma, qualunque arnese per difendere sé e offendere gli altri.

Armadiuzzu , Armardiettu  – s. m. Piccolo armadio.

Armalazzu – s. m. Grosso animale, bestione| Uomo violento, ignorante, zotico.

Armaleddru – s. m. Piccolo animale, bestiola.

Armaliscamenti - avv. Con modi bestiali.

Armaliscu - agg. Brutale, bestiale.

Armaloru – s. m. Chi fabbrica o vende armi.

Armalu – s. m. Bestia, Animale,  persona ignorante.

Armaluni – s. m. Bestione, grosso animale.

Armaleddru , Armaluzzu – s. m. Piccolo animale.

Armarisi - rifl. Munirsi di armi, prepararsi alla guerra.

Armateddra – s. f. Piccola armata.

Armateddru - agg. Poco armato.

Armatu - agg. Munito di armi.

Armaturi – s. m. Chi vende armi, proprietario di navi.

Armazza – s. f. Grossa arma, anima dannata.

Armenu - avv. Almeno, se non altro.

Armeri – s. m. Chi costruisce, ripara, vende, custodisce armi.

Armiceddra – s. f. Piccola anima.

Armiggiu – s. m. Armeggio, maneggio di armi.

Armuzza – s. f. Anima buona.

Arocciuli - s. m. Crostacei marini di piccole dimensioni della classe Maxillopoda di cui fanno parte anche i "Denti di cane".

Arora – s. f. Aurora | Per conoscere un Arora particolare http://andreasormani.altervista.org/usanze.htm

Arpiunazzu – s. m. Grosso o brutto arpione.

Arpiuneddru – s. m. Piccolo arpione.

Arrabbiatazza – s. f. Grande cattiveria, stizza, furia.

Arrabbiatazzu - agg. Molto arrabbiato, furioso.

Arrabbiateddra – s. f. Piccola stizza, cattiveria.

Arrabbiateddru - agg. Poco stizzito, arrabbiato.

Arrabbiatu - agg. Furioso, furibondo, incollerito.

Arraccamari – tr. V. raccamari.

Arradiazzu – s. m. Grande o brutta radio.

Arradiettu – s. m. Radiolina.

Arraddiniusu – agg. Insopportabile.

Arradiu – s. m. Apparecchio che trasmette musica e diffonde notizie, radio.

Arraffari – tr. Afferrare, strappare con violenza, con scaltrezza o con avidità, arraffare.

Arraffatina – s. f. L’atto d’arraffare.

Arragghiari - - intr. Gemito dell'asino| di persona, cantare o recitare male, provare forte dolore fisico, lamentarsi, sbraitare V. ragghiari.

Arraggiari – tr.  Adirare, Infuriarsi │Di cane sofferente di rabbia.

Arraggiarisi - rifl. Farsi prendere dalla collera.

Arraggiatazzu - agg. Molto furibondo, idrofobo.

Arraggiatu - agg. Incattivito.

Arraggiunari - Intr. Discutere di un argomento, discorrere.

Arramarisi - rifl. Ricoprirsi di rame, insaporirsi di rame.

Arramatu - agg. Cosparso di rame, avariato, guasto,  avido.

Arrampicatina – s. f. Scalata, l'atto e l'effetto dell'arrampicarsi.

Arrancari – intr. Muoversi con affanno, camminare con fatica.

Arranfari – tr. Allungare il braccio per appropriarsi  di cose non sue, prendere con aggressività.

Arrapatu - agg. Rapato, tosato.

Arrappari - tr. Raggrinzire, corrugare.

Arrappateddru - agg. Poco raggrinzito.

Arrappatu - agg. Corrugato, raggrinzito, che presenta rughe.

Arrassari - tr. Spostare, allontanare.

Arrassarisi - rifl. Scostarsi, allontanarsi.

Arrassateddru - agg. Poco scostato, allontanato.

Arrassatina – s. f. L'atto dello scostare.

Arrassatu – agg. Spostato, allontanato.

Arrassettari, arrassittari - tr. Aggiustare, riparare alla meglio |v. rassittari.

Arrassu - avv. Da parte, di fianco, stare lontano.

Arré,  Arreni, Arrera - avv. Ancora, di nuovo.

Arrenniri – tr. Arrendere.

Arrennirisi - rifl. Deporre le armi, arrendersi.

Arricampari - tr. Raccogliere dalla terra, riunire in un posto, ritornare.

Arricamparisi - rifl. Rientrare, rincasare.

Arricampatu – agg. Rientrato, raccolto.

Arricchimentu – s. m. L'arricchire.

Arricchiri - tr. Divenire ricco, aumentare gli averi.

Arricchirisi - rifl. Farsi ricco, aumentare i propri beni.

Arricciamentu – s. m. Raggrinzimento.

Arricciatazza – s. f. Massimo raggrinzimento.

Arricciatazzu - agg. Troppo raggrinzito.

Arricciateddra – s. f. Lieve raggrinzimento.

Arricciateddru - agg. Poco raggrinzito.

Arricciatina, arricciatura – s. f. Raggrinzimento.

Arricciatu - agg. Raggrinzito.

Arriccutu - agg. Divenuto ricco.

Arriciuppari – tr. Racimolare frutta dopo il raccolto.

Arriciviri – tr. Ricevere, ottenere.

Arricogghiri – tr. Cogliere, raccogliere.

Arricogghirisi, arricugghirisi – rifl. Rincasare, rientrare a casa.

Arricordari - V. arricurdari.

Arricriari - tr. Divertire, dare gioia| v. ricriari.

Arricriarisi - rifl. Divertirsi, gioire, godere, spassarsela | v. ricriarisi.

Arricriusu – Agg. Festaiolo, divertente.

Arricugghiuta – s. f. Quantità di raccolto, periodo di raccolta.

Arricuntari – tr. Contare di nuovo.

Arricurdari - tr. Tenere a mente| v. riurdari.

Arricuvirarisi – rifl. Nascondersi, ricoverarsi.

Arricuviratu – agg. Riparato. Ammalato in ospedale.

Arridari – tr. Arredare.

Arridateddru - agg. Poco arredato.

Arridatina – s. f. L'atto dell'arredare.

Arridaturi – s. m. e agg. Chi o che arreda.

Arriddossari - V. arriddussari.

Arriddossu – loc. Al riparo, anche:  a ridossu.

Arriddottu – agg. In brutto stato.

Arridduciri - V. rridduciri, ridduciri.

Arriddussari – tr. V.riddussari.

Arriddussarisi – rifl. Trovare riparo dal vento, ripararsi.

Arriddussateddru – agg. Poco riparato dal vento.

Arriddussatina – s. f. Riparo.

Arriddussatu – agg- Riparato, messo al sicuro.

Arriduciri – tr. Ridurre.

Arrifari – tr. Rifare.

Arrifilari - tr. Assestare, rifilare, arrotare| v. rifilari.

Arrifodirari – tr. Rifoderare.

Arrifranchirisi - rifl. Rivincere| v. rifranchirisi.

Arrifrancutu – agg – Che si è rifatto della perdita.

Arrifriddari - V. rifriddari.

Arrifriscari - V. rifriscari.

Arrifurniri – tr. Rifornire.

Arrimacinari – tr. Macinare per la seconda volta.

Arrimannari – tr. Ritornare indietro, rimettere al mittente| v. rimannari.

Arrimazzari - tr. Sbattere a terra con violenza.

Arrimidiari – tr. Rimediare.

Arriminari - V. Riminari.

Arrimiscari – tr. Rimuovere, rimestare.

Arrimoddrari, arrimuddrari – tr. Riportare allo stato molle| v. rimuddrari.

Arrimodernari, arrimodirnari – tr. Riportare ai tempi attuali.

Arrimuddrari – intr. Perdere forza, indebolirsi, ammorbidire, ammollare.

Arrinesciri - tr. Avere effetto, compimento, riuscire| Cu nesci arrinesci - la fortuna avvantaggia gli audaci.

Arrinisciutu - agg. – s. m. Di successo, riuscito a migliorare la propria condizione sociale ed economica.

Arrinnevuli - agg. Che si arrende alla prima difficoltà.

Arrinnevulizza – s. f. Sottomissione per debolezza.

Arriordari, arriurdari - V. Riurdari.

Arriordinari, arriurdinari - V. Riurdinari.

Arriparari, arripararisi - V. Riparari, Ripararisi.

Arripartiri – intr. Partire di nuovo.

Arripassari – tr. Rileggere per memorizzare meglio.

Arriperdiri – tr. Perdere ancora.

Arripigghiari, arripigghiarisi  - V. Ripigghiari, Ripigghiarisi.

Arripizzari - V. Ripizzari.

Arriposari, arripusari - V.  Ripusari.

Arripuddriri – tr. Intristire, raggrinzire per vecchiaia, avvizzire.

Arripuddrutu – agg. Incartapecorito, avvizzito.

Arripusatu – agg. Non più stanco.

Arrisicari, arrisicarisi - V. risicari.

Arrisigghiari – tr. Il divenire con la pelle d’oca passando dal caldo al freddo, intirizzire.

Arrisinari – intr. Intristire, imbozzacchire, crescere male, stentato e sottile.

Arrisinatu – agg. Intristito, colpito dalla resina, cresciuto male.

Arrisittari – tr. Aggiustare, ricomporre, mettere in ordine.

Arrisittarisi – rifl. Tranquillizzarsi.

Arrispigghiari - tr. Destare, riscuotere dal sonno, scuotere dall’inerzia, rendere più pronto, più accorto, scaltrire, smaliziare, stimolare, eccitare.

Arrispigghiarisi - rifl. Risvegliarsi, ridestarsi.

Arrispigghiatu – agg. Sveglio, desto.

Arrispittari - tr. Portare rispetto.

Arrispunniri - intr. Replicare, rispondere.

Arristatina – s. f. L'atto dell'arrestare, arresto.

Arristatu - agg. Fermato, imprigionato, bloccato, interrotto.

Arrisulutu – agg. Deciso, fermo.

Arritatu - agg. Irritato, arrossato.

Arritintari – tr. Tentare di nuovo, riprovare| v.  ritintari.

Arritrabili - agg. Che si può arretrare.

Arritrairi – tr. Riportare indietro.

Arritrari - tr. Tirare indietro.

Arritrarisi - rifl. Spostarsi, tirarsi indietro.

Arritrati – s. m. Soldi dovuti da corrispondere o corrisposti in ritardo.

Arritratizza – s. f. Stato di scarsa conoscenza.

Arritratazzu – agg. Molto arretrato.

Arritrattari – tr. Ritrattare.

Arritratu - agg. Rimasto indietro| incivile, zotico.

Arrittari - tr. Rendere dritto, eccitarsi.

Arrittatu - agg. Reso diritto, eccitato sessualmente.

Arriurdarisi – rifl. Tenere a mente, non dimenticare.

Arriurdatu – agg. Avvertito, ammonito.

Arrivatu - agg. Che non ha più nulla da chiedere alla vita, che ha raggiunto lo scopo.

Arriveniri - intr. Riprendere i sensi, tornare indietro sui propri passi, venire di nuovo.

Arrivestiri – tr. Ricoprire, vestire di nuovo.

Arrivilari – tr. Rispondere all’interrogazione.

Arrivinniri - V. rivinniri.

Arrivisciri – intr. Risuscitare, tornare in vita.

Arrivisciutu – agg. Risorto, tornare in possesso della vita.

Arrivistirisi – rifl. Rivestirsi.

Arrivuliri – tr. Pretendere cosa data.

Arrivutari – tr. Mettere sotto sopra, risvoltare.

Arrivutarisi – rifl. Cambiare posizione, ribellarsi.

Arrizzamentu – s. m. Intirizzimento, i .

Arrizzari - tr. Arricciare, drizzare, irrigidire, rizzare | A. li carni.

Arrizzarisi – rifl. Sollevarsi, contrarsi, rizzarsi.

Arrizzatina – s. f. L'atto del sollevarsi, del rizzarsi.

Arrobbanisi - s. m. Autore di furti da poco, per lo più a proposito di ragazzi, ladruncolo.

Arrotolari, arrutuliari – tr. Raccogliere avvolgendo.

Arrubari - V. rubari.

Arruccarisi - rifl. Arroccarsi, trincerarsi.

Arruddruliari - tr. Ingarbugliare, capitombolare, ruzzolare |V. Ruddruliari.

Arruffianarisi - rifl. Essere servile |V. Ruffianarisi.

Arruffuni - agg. Confusionario.

Arrugginiri - tr. Ossidarsi |v. rugginiri.

Arrugginiusu . agg. Facile a ossidarsi.

Arrunchiari – tr. ammucchiare mettendo di lato | ritrarre un arto, scorciare una tonaca o una veste troppo lunga, corrugare della fronte, rannicchiarsi per il freddo.

Arrunzari - tr. Ammassare, trascinare, raccogliere.

Arrunzatina -  s. f. L'atto dell'ammassare, dello spingere.

Arruppari – Tr. Unire, congiungere insieme con uno o più nodi, annodare.

Arrupparisi – intr.  Aggrovigliarsi, ingarbugliarsi.

Arruppatu – agg. Annodato, aggrovigliato.

Arruppusu – agg. Tendente ad ingarbugliarsi.

Arrurazzu – s. m. Grosso o brutto errore.

Arrureddru – s. m. Piccolo errore.

Arruri – s. m. Mancanza, colpa, sbaglio.

Arrurinu, arruruzzu – s. m. Piccolo errore.

Arruruni – s. m. Grosso errore, strafalcione.

Arrusazzu – s. m. Gran pederasta, invertito.

Arrusciari – tr. Innaffiare, annaffiare. 

Arruseddru – s. m. Giovane pederasta, invertito.

Arrusicari - V. rusicari.

Arrussabili - agg. Che tende a diventare rosso.

Arrussiari – intr. Divenire rosso| v. russiari.

Arrustimentu – s. m. L'arrostire e il modo.

Arrustiri -  tr. Cuocere sulla brace.

Arrustu – s. m. Carne cotta allo spiedo, alla brace.

Arrustutu – s. m. Cotto alla brace, arrostito.

Arrusu – s. m. Effeminato, travestito, pederasta, omosessuale.

Arrutuliusu – agg. Facile da avvoltolare.

Arrutunnatu - agg. Reso tondo, rotondo.

Arruvinari - V. ruvinari.

Arruzzuliari – Cadere, stramazzare per terra |V. ruzzuliari.

Arsizzu - agg. Molto asciutto, arido, che ha molta sete.

Arsuliddru – agg. bruciacchiato leggermente.

Artarazzu – s. m. Grande o brutto altare.

Artareddru – s. m. Piccolo altare.

Artariarisi - rifl. Arrabbiarsi, innervosirsi.

Artaricchiu, Artarinu, Artaruzzu – s. m. Piccolo insignificante altare.

Artaruni – s. m. Grande altare.

Arti – s. f. Mestiere, maestria d'operare.

Articeddra – s. f. Mestiere che rende poco.

Artistuni – s. m. Grande artista.

Artistuzzu – s. m. Piccolo o mediocre artista.

Arzu – s. m. Amante fuori del matrimonio, mantenuto| congegno di mira per aggiustare il tiro.

Arzuni – s. m. Faccendiere, garzone.

Aschiari – tr. Distruggere, ridurre in cenere.

Asciddra – s. f. Ascella.

Ascippari – tr. Strappare, estirpare, cavare.

Asciucamanu – s. m. Asciugamano| v. tuvagghia.

Asciucari, asciucarisi – tr. Asciugare | intr. Asciugarsi.

Asciuneddru – s. m. Piccola grande ascia.

Asciuni – s. m. Grossa ascia.

Asciuttuliddru - agg. Poco asciutto.

Ascutari – tr. Ascoltare, dare retta, ubbidire.

Asfartatina – s. f. L'atto dell'asfaltare.

Asfartatu - agg. Coperto di asfalto.

Asfartaturi – s. m. Chi asfalta.

Asiliu – s. m. Scuola materna.

Asilu – s. m. Ospitalità, rifugio.

Asinaggini – s. f. Comportamento da asino, scempiaggine.

Asinata – s. f. Cretinata, sciocchezza.

Asinazzu – s. m. Grosso asino| agg. scioccone.

Asineddru – s. m. Piccolo asino, somarello| agg. Sciocchino | Osso sacro, coccige.

Asiniari - intr. Comportarsi da sciocco.

Asinità - sf. Scemenza, idiozia| Diri A.- raccontare scemenze.

Asinuni – s. m. Grosso asino| agg. Bestione, ignorantone.

Asinuzzu – s. m. Piccolo asino, ignorantello.

Aspettu – s. m. Sembianza, la parte esteriore, portamento.

Aspirari - intr. Tendere a qualcosa, risucchiare| tr. Inspirare.

Aspiratazza – s. f. Grossa e prolungata aspirazione.

Aspirateddra - sf. Piccola e breve aspirazione.

Aspirateddru - agg. Poco aspirato.

Aspiratina – s. f. L'atto dell'aspirare.

Aspiratuna – s. f. Lunga e grossa aspirazione.

Aspittatazza – s f. Attesa lunga.

Aspittateddra – s. f. Breve attesa.

Aspittatina – s. f. Attesa.

Aspriceddru - agg. Poco aspro, ruvido.

Asprignu - agg. Acerbo, non maturo.

Aspru - agg. Acerbo, ruvido, rigoroso, severo.

Assabinirica, Ossabinirica – s. m. Saluto, letteralmente benedica a vossia,  per assonanza rammenta il saluto arabo  "As-salam aleikum" il cui significato è "che la pace sia con voi". | V. Binirica.

Assaggiari - tr. Provare il gusto, il sapore| assaporare| v. tastari.

Assaggiatina – s. f. L'atto dell'assaggiare.

Assaggiaturi – s. m. Chi è preposto ad assaggiare i cibi e ne dà il giudizio.

Assaggiu – s. m. Cosa da assaggiare, campione, prova, verifica, controllo.

Assaggiuzzu . s. m. Piccolo assaggio.

Assairi – loc. Lascia andare.

Assaiuliddru - avv. Poco più di tanto.

Assaliri - intr. Sopraffare, affrontare con animo di alleggerire del carico di annientare.

Assapanari - tr. Inzuppare d'acqua, bagnare.

Assapanarisi - rifl. Inzupparsi d'acqua, impregnarsi.

Assapanatu – agg. Inzuppato, completamente bagnato, infradiciato.

Assapuramentu - sm. L'assaporare, assaggio.

Assapurari - tr. Assaggiare, gustare| v. nsapuriri, tastari.

Assecunnu - loc. A seconda.

Assegnari - V. assignari.

Assegnatu – agg. Dato, attribuito.

Assemi - avv. Insieme con, in compagnia di.

Assettari - V. assittari.

Assettu – s. m. Consistenza, ordine.

Assicunnari - tr. Favorire, seguire.

Assicurarisi - rifl. Rendersi conto, accertarsi, documentarsi.

Assicutari - tr. Correre dietro a qualcuno, scacciare, allontanare, licenziare, espellere.

Assignatina – s. f. L'atto dell'assegnare.

Assimigghiabili - agg. Che può assomigliare.

Assimigghianti - agg. Somigliante, simile.

Assimigghianza – s. f. Somiglianza.

Assimigghiari - intr. Essere simile, avere uguali sembianze, caratteristiche.

Assinnari - tr. Danneggiare, rovinare.

Assirenari, assirinari - tr. Tranquillizzare.

Assirinarisi - rifl. Calmarsi, tranquillizzarsi.

Assistatura – s. f. L'atto dell'assestare e dell'assestarsi| inamovibilità.

Assitempi - avv. In quei tempi, allora.

Assittari - tr. Mettere a sedere.

Assittarisi - rifl. Sedersi, accomodarsi.

Assoliu – s. m. Petrolio, liquido infiammabile, gasolio.

Assolu - loc. A livello col suolo.

Assommari - V. Assummari.

Assorariu - avv. A quell'ora.

Assortu - agg. Libero da condanna| Immerso in pensieri.

Assuciabili - agg. Che si può, da associare.

Assuciamentu – s. m. L'associare.

Assuciari - tr. Accomunare, unire, mettere insieme.

Assuciarisi - rifl. Mettersi insieme, condividere il parere altrui.

Assuggettabili, assuggittabili - agg. Che si può sottomettere, dominare, accorpare.

Assuggettamentu, assuggittamentu - sm. Sottomissione,  dominio, l'assoggettare.

Assuggettari, assuggittari - tr. Sottomettere, soggiogare.

Assulatu - agg. Esposto al sole, assolato, solatio | Appiattito , sbancato, senza un soldo, squattrinato.

Assulu - loc. avv. Da solo.

Assulutista - sm. Tiranno, dittatore.

Assulutoriu - agg. Che assolve, liberatorio.

Assulutu - agg. Inevitabile, necessario, illimitato, non diviso con altri.

Assummari - tr. Aggiungere, ammontare, eseguire la somma, accumulare, raccogliere, mettere da parte, ascendere, emergere |V. Summu.

Assummatu – agg. Aggiunto, emerso.

Assunnatu – agg. Che ha ancora sonno.

Assuperchiari, assupirchiari – tr. Avanzare, aumentare.

Assuppari - tr. Bagnare, impregnare, assorbire |Assuppa viddranu = Pioggerellina leggera e minuta che il contadino prende sottogamba ma rimane inzuppato.

Astarina – s. f. Candela di stearina cioè cera+acido stearico.

Astata – s. f. Colpo d'asta.

Astazza – s. f. Grossa o brutta asta.

Astepica - loc. In questa epoca, nei tempi in cui viviamo.

Asticeddra – s. f. Piccola asta.

Asticu – s. m. Elastico.

Asticusu – agg. Con caratteristica di elastico.

Astima – s.  f. Anatema, maldicenza, malaugurio, maledizione.

Astimiari - tr. Augurar male.

Astimiatu - agg. Trattato con maldicenza.

Astimiaturi – s. m. - agg. Maldicente, sputasentenze.

Astimiusu – agg. Maldicente.

Astitempi - loc. Ora, in questo periodo.

Astiusu - agg. Odioso, rancoroso.

Astorariu - loc. In questo momento.

Astrachiceddru – s. m. Piccolo terrazzo.

Astracu – s. m. Copertura orizzontale di casa calpestabile, terrazzo.

Astracuni – s. m. Vasto terrazzo.

Astracuzzu – s. m. Piccolo terrazzo.

Astuna – s. f. Grossa o lunga asta.

Astura - loc. A quest'ora, in questo particolare momento.

Astutari – tr.  Spegnere |V. stutari.

Astutazzu - agg. Molto astuto, furbissimo.

Astuteddru - agg. Poco astuto, furbo.

Astutu - agg. Furbo │Spengo .

Astuzza – s. f. Piccola asta.

Ata - loc. Dovete| A. a ghiri - dovete andare.

Atiu - agg. – s. m. Non credente.

Atomicu - agg. Di atomo.

Atra, avutra – agg. altra, diversa.

Atroci - agg. Crudele, terribile, feroce.

Atru - agg. - pron. Altro, quello tra più cose o persone di cui non si è parlato prima| All’atru, all’avitru - all’altro, al prossimo.

Atruchì - loc. Altroché.

Atta – s. f. Gatta.

Attaccanfernu – s. m. Chi crea zizzania tra amici, parenti.

Attaccari - tr. Unire, legare con nodo.

Attaccarobi, attaccarrobbi – s. m. Attaccapanni.

Attaccatazzu - agg. Molto legato.

Attaccateddru - agg. Poco legato.

Attaccatina – s. f. Legame, punto di legatura.

Attaccatu - agg. Legato, appeso, attaccato.

Attanagghiamentu – s. m. Stretta, l'attanagliare.

Attanagghiari - tr. Stringere forte.

Attangari - tr. Puntellare una porta, un arco, una struttura.

Attappari - tr. Chiudere col tappo.

Attareddra – s. f. Gattina

Attassari – tr. Irrigidire per il freddo, intirizzire.

Attavulari - tr. Intavolare, apparecchiare |Impalcare| Chiarire |V. Ntavulari.

Attavulatu - agg. Intavolato, apparecchiato |Impalcato| Chiarito.

Attazzu – s. m. Lungo, contorto atto │ Gattone.

Attecchiri - V. atticchiri.

Atteggiarisi - V. attiggiarisi.

Attenniri, attinniri - tr. Attendere, aspettare .

Attentari - V. attintari.

Attenzioni – s. f. V. attinzioni.

Atterrari - V. attirrari.

Atterriri - V. attirriri.

Attì, attia – Quando si vuole attirare l’attenzione di qualcuno, specialmente tra i ragazzi, si usa sia al maschile sia al femminile, a te.

Atticchimentu – s.  m. L'attecchire, adesione.

Atticchiri - intr. Mettere radici, consolidarsi.

Atticeddra – s. f  Gattina.

Atticeddru – s. m. Piccolo atto o gattino.

Attiggiarisi - rifl. Darsi un comportamento che non è il proprio.

Attillarisi - rifl.  Attillarsi, vestire con cura.

Attillatamenti - avv. In modo attillato, con aderenza.

Attillatu – agg. Aderente al corpo.

Attimpari – intr. Invecchiare, perdere consistenza, vitalità │Lasciare, abbandonare.

Attimpatu - agg. Avanti negli anni, antico, vetusto│ Abbandonato.

Attimu – s. m. Momento brevissimo di tempo.

Attimugnari – tr. Accatastare il grano, accumulare disordinatamente.

Attimuni – s. m. Molto più che un attimo, quando l’attesa è tanta │Mettersi  al  timone.

Attimuririsi - rifl. Sentir timore, spaventarsi.

Attimusfera – s. f. Massa d'aria che circonda la terra e ne segna il movimento.

Attinagghiari – tr. Stringere con tenaglie.

Attinagghiatu – agg. Stretto con tenaglie.

Attinenti - agg. Che ha attinenza, riguarda.

Attinghitè - loc. Pieno oltre misura, a dismisura.

Attinirisi - rifl. Riferirsi, appoggiarsi, fare affidamento.

Attinnenti – s. m. Chi presta particolari servizi a un ufficiale maggiore │Attendente.

Attintari - tr. Eseguire un fatto criminoso │Ascoltare.

Attintaturi - agg. – s. m. Chi o che esegue attentati con o senza compenso.

Attiramentu – s. m. Attrazione.

Attirari - tr. Attrarre con l'inganno.

Attirraggiu – s. m. Atterrare proprio degli aerei.

Attirramentu – s. m. Il toccare terra.

Attirrari - tr. Toccare terra dell’aeroplano| Abbattere.

Attirrarisi - rifl. Chinarsi per terra, avvilirsi.

Attirratu - agg. Abbattuto, steso a terra │Atterrato.

Attisa – s. f. L'attendere, l'aspettare │Tesa.

Attisabili - agg. Che si può tendere, irrigidire.

Attisamentu – s. m. Il tendere, l'irrigidirsi.

Attisari - tr. Tendere, irrigidire, drizzare, rizzare.

Attisarisi - rifl. Tendersi, irrigidirsi, inturgidirsi, erigersi.

Attistamentu – s. m. L'attestare.

Attistari - tr. Attestare, asserire.

Attistarisi - rifl. Capeggiare, mettersi alla testa.

Attistatu – s. m. Documento ufficiale| agg. Attestato, scritto, documentato.

Attivatu - agg. Messo in moto, in azione.

Attoccari - V. attuccari.

Attorcigghiari, attorcigliari - V. atturcigghiari| v. nturciniari.

Attorciri – tr. Torcere.

Attorniari - V. Atturniari.

Attornu - avv. - A cerchio, intorno.

Attraccamentu – s. m. Legame, nodo │ Attracco.

Attraccari - tr. Legare, bloccare, ancorare.

Attraccatu - agg. Legato, bloccato.

Attraccu – s. m. Assicurazione della barca al molo.

Attrantari – tr. Inturgidire, alzare, sollevarsi del pene per eccitazione.

Attrappari – tr. Arraffare, sorprendere, afferrare, attrappare.

Attraversari - V. attravirsari.

Attraversu - avv. Da quello che, a seconda.

Attravirsabili - agg. Che si può, si lascia attraversare.

Attravirsamentu – s. m. Attraversamento │L'attraversare e l’essere attraversato.

Attravirsari - tr. Percorrere, transitare.

Attrezzari - V. Attrizzari.

Attrezzu – s. m. Arnese. 

Attribuitu – agg. Assegnato.

Attriceddra – s. f. Attrice poco affermata.

Attriciuna – s. f. Attrice molto esperta, famosa.

Attriciuzza – s. f. Attrice poco esperta.

Attriti – s.f. Artrite, infiammazione acuta delle articolazioni.

Attrizzamentu – s. m. L'attrezzare.

Attrizzari - tr. Corredare, fornire di qualcosa.

Attrizzatu - agg. Fornito di attrezzi.

Attrizzatura – s. f. L'insieme degli attrezzi.

Attrizziceddru – s. m. Piccolo attrezzo.

Attrizzuni – s. m. Grosso attrezzo.

Attrosi – s. f. Artrosi, infiammazione acuta delle articolazioni.

Attruismu – s. m. Amore, dedizione per il prossimo, libera disponibilità.

Attu – s. m. Gatto| Documento con o senza valore legale | Azione, comportamento di un certo tipo, spec. in quanto soggetti a un giudizio | movimento, gesto.

Attuarmenti – avv. In questo momento.

Attuatu – agg. Messo in funzione.

Attuccari - intr. Spettare, appartenere per diritto o per dovere| v. ttuccari, tuccri.

Attummari, attummarisi - V. ttummari, ttummarisi, tummari, tummarisi.

Attunnari – tr. Arrotondare, ridurre a forma sferica.

Attuppacula – s. f. Ficodindia non maturo che facilita l’occlusione.

Attuppari - tr. Tappare, chiudere, otturare, occludere|  Non potere defecare per troppa stitichezza o per aver mangiato troppi fichidindia.

Attuppateddru – s. m. Tipo di pasta (ditali, ditalini), Lumaca del tipo Cantareus Apertus  quando  l’opercolo calcareo è integro nel periodo di letargo |V. Ioriscu, Joriscu

Atturcibili, atturcigghiabili - agg. Che si può, da attorcigliare.

Atturcigghiamentu – s. m. L’attorcigliare.

Atturcigghiari - tr. V. nturciuniari.

Atturcigghiarisi - rifl. Attorcersi, contorcersi.

Atturcigghiatazzu - agg. Molto contorto.

Atturcigghiateddru – agg. Poco contorto, attorcigliato.

Atturcigghiatina – s. f. L'atto dell'attorcigliare.

Atturcigghiatu - agg. Contorto.

Atturcigghiatura – s. f. L'attorcigliare.

Atturcigghiaturi - agg. – s. m. Chi o che attorciglia.

Atturcigghiusu – Agg. Che si attorciglia da solo.

Atturcimentu – s. m. L'attorcigliare.

Atturniabili - agg. Accerchiabile, che si può cingere.

Atturniamentu – s. m. Accerchiamento.

Atturniari - tr. Cingere, accerchiare.

Atturniarisi - rifl. Cingersi, disporsi a cerchio.

Atturramentu – s. m. L’atto del tostare, fastidio.

Atturrari – tr. Tostare, abbrustolire, dare fastidio.

Attuzzu – s. m. Piccolo atto ma anche piccolo gatto.

Auggheddra, avugghieddra – s. f. Piccolo ago.

Augghia, avugghia – s. f.  Ago, arnese d'acciaio con punta acuta cruna nell'altro nella quale s'infila il refe per cucire o ricamare.

Augghiata, avugghiata – s. f. Quanto refe occorre per cucire di volta in volta, quantità.

Augghiatazza, avugghiatazza – s. f. Lunga quantità di filo.

Augghiateddra, avugghiateddra  – s. f. Piccola quantità di filo.

Augghiatu – s. m. Piccolo squalo di medie dimensioni della famiglia Squalus achantias, spinarolo | Per saperne di più:  http://andreasormani.altervista.org/pesci.htm#Spinarolo

Augghiazza, avugghiazza – s. f. Grosso ago.

Aulazza – s. f. Grande o brutta aula.

Auleddra, auliceddra, auliddra – s. f. Piccola aula.

Auluna – s. f. Grande aula.

Aumentari - V. aumintari.

Aumentu – s. m. Accrescimento, miglioramento economico.

Aumintabili - agg. Atto ad aumentare, che cresce.

Aumintari - tr. Accrescere, affrettare| A. lu passu - essere più sollecito.

Aumintatu - agg. Accresciuto.

Aunia - sf. Lotta della natura contro la morte.

Auriari - tr. V. agurari.

Aùriu – s. m. V. aguriu.

Austari - tr. V. Ustari.

Austinu – agg. Di agosto.

Austu – s. m. ottavo mese dell'anno.

Autru - agg. V.Atru.

Avà – loc. - Forza, su, orsù, coraggio, ti prego, per favore.

Avantaeri - avv. L'altro ieri.

Avantarisi - rifl. Gloriarsi, esaltarsi.

Avantassira - avv. L'altra sera.

Avantichi - avv. Prima che.

Avanzamentu – s. m. Precedere, promozione, sviluppo di carriera.

Avanzari - tr. Proseguire| Progredire| essere creditore es.  Avanzu centu euro.

Avanzarisi - rfl. Venire innanzi, avvicinarsi.

Avanzata – s.  f. Progressione.

Avanzateddra – s. f. Piccolo avanzamento.

Avanzatina – s. f. L'atto dell'avanzare.

Avanzatu - agg. Rimasto, che non si è potuto consumare| accostato, progressione, che ha occupato altro spazio.

Avanzaturi – s. m. - agg. Chi o che avanza, prosegue.

Avanzu – s. m. Rimanenza, rimasuglio, proseguimento │ Credito.

Avaessiri – loc. Doveva essere.

Avilla, avilli, avillu – loc. Averla, averli o averle, averlo.

Avogghia - loc. Indica abbondanza | anche: a vogghia.

Avugghia – s. f. Ago.

Avugghiateddru – s. m. Piccolo spinarolo.

Avugghiatu – s. m.  Pesce, Spinarolo (Squalus acanthias) |V. Augghiatu

Avugghiazza – s. f. Grosso ago.

Avugghiola – s. f. Grosso ago per cucire sacchi, materassi, teloni.

Avutizza – s. f. Altezza.

Avutu – agg. Alto| Iri cchiù A. - salire ancora| A.A. –  molto Alto.

Avutuliddru – agg. Poco alto.

Avvalirisi – rifl. Farsi forte, avere a garanzia.

Avvallatu – agg. Arcuato, di superficie, depressa.

Avvampari - intr. Ardere, bruciare con fiamma.

Avvampatu – agg. Arso, bruciato.

Avvelenari - V. AAvilinari.

Avverari - V. Avvirari.

Avvertiri - V. Avvirtiri.

Avviari - tr. Indirizzare, mettere in moto.

Avviarisi - rifl. Incamminarsi, mettersi in viaggio.

Avvicenna - avv. Scambievolmente| anche:  a vicenna.

Avvicennamentu – s. m. L'avvicendare.

Avvicinari - tr. Accostare, avvicinare.

Avvicinarisi - rifl. Avvicinarsi, accostarsi, approssimarsi.

Avvicinnamentu – s. m. L'avvicendare| alternanza.

Avviddranatu – agg. Contadinesco, campagnolo, grossolano, zotico| che non è elegante, delicato |V. Mmiddranatu.

Avvilenti - agg. Che avvilisce, deprimente.

Avvilimentu – s. m. Stato di chi è avvilito, depressione.

Avvilinamentu – s. m. L'avvelenare.

Avvilinari - tr. V. Mmilinari.

Avvilinarisi - rifl. Avvelenarsi.

Avviliri – tr. Deprimere, abbattere.

Avvilirisi - rifl. Scoraggiarsi, deprimersi, accasciarsi.

Avvinimentu – s. m. V. avvenimentu.

Avviniri – s. m. Futuro, sistemazione.

Avvintarisi - rifl. Scagliarsi, lanciarsi contro.

Avvintatu - agg. Precipitoso, imprudente, scagliato contro.

Avvintiziu - agg. Che si aggiunge per caso, assunto a tempo in servizio, non stabile, provvisorio.

Avvinturarisi - rifl. Esporsi a pericolo, cercare sensazioni.

Avvirari, avvirarisi - rifl. Accadere, succedere.

Avvirsatu - agg. Contrariato.

Avvirtìri - tr. Avvisare, informare.

Avvisagghia, avvisaglia – s. f. Contrasto, scaramuccia.

Avvisari - tr. Avvertire, informare.

Avvisatu – agg. Informato, avvertito.

Avvisaturi – s. m. Informatore, messo.

Avvistamentu - sm. L'avvistare e la cosa avvistata.

Avvistari - tr. Scorgere cosa lontana.

Avvistatu - agg. Scorto, visto appena.

Avvisu – s. m. Avvertimento, bando, editto, manifesto.

Avvisuni – s. m. Lungo avviso

Avvisuzzu – s. m. Piccolo avviso.

Avvitabili - agg. Che si può, da avvitare.

Avvitamentu – s. m. Giro di vite.

Avvitari - tr. Stringere come vite.

Avvorgibili – s. f. Tapparella, serranda| agg. che si può avvolgere, raccogliere su se stesso.

Avvorgimentu – s. m. L’avvolgere.

Avvortu - agg. Rotolato su se stesso.

Avvucatazzu – s. m. Pessimo avvocato.

Avvucateddru – s. m. Giovane e inesperto avvocato.

Avvucaticchiu – s. m. Giovane o inesperto avvocato.

Avvucatissa – s. f. Avvocato femmina.

Avvucatuni – s. m. Avvocato di grido.

Avvucatuzzu – s. m. Avvocato poco capace.

Avvurgevuli - agg. Che si può avvolgere.

Avvurgiri - tr. Raccogliere (come vorgiri – vurgiri).

Avvurgirisi - rifl. Arrotolarsi su se stesso.

Avvurgituri – sm. Macchina con funzione di avvolgere.

Avvurgiutu – agg. Raccolto su se stesso, rotolato.

Aziunazza – s. f. Grande o brutta azione.

Aziuneddra – s. f. Simpatica, piccola azione.

Azioni, Aziuni – s. f. Azione.

Azotu – s. m. Gas elementare dell'aria e che arricchisce il terreno agrario, nitrato.

Azutatu - agg. Che contiene azoto.

Azzaccagnari - tr. Accoltellare, ferire | Afferrare, arraffare, prendere con forza.

Azzaccanatu - agg. Inzaccherato, sporcato di schizzi di fango.

Azzaloru - s. m. Albero di Azzeruolo (Crataegus azarolus L.) appartenente alla Famiglia delle Rosaceae.

Azzalora – s. f. Lazzeruola, frutto dell'Azzeruolo.

Azzannamentu – s. m. L'azzannare e l'essere azzannato.

Azzannari - tr. Mordere, addentare| rovinare il filo della lama, perdere il funzionamento di qualcosa.

Azzardari - tr. Arrischiare, osare.

Azzardu – s. m. Grosso rischio| gioco illegale.

Azzardusu - agg. Che rischia troppo, che si espone a pericolo.

Azzeccari, azziccari - tr. Indovinare, avere in sorte.

Azzenti – agg. - Ardente, bruciante, pizzicante, piccante | es. l’occhi azzenti – gli occhi ardenti |l’ogghiu novu è azzenti – l’olio nuovo è piccante.  

Azzintiari – tr.   Bruciare, Ardere |intr.  Provare pizzicore, essere piccante da far lacrimare | Ci voli cipudda p'azzintiari l'occhi – Ci vuole cipolla per bruciare gli occhi.

Azzeramentu, azziramentu – s. m. Arrotondamento.

Azzerari, azzirari - tr. Annullare, arrotondare allo zero.

Azzizzari – tr. Abbellire, impreziosire, rendere prezioso.

Azzolu – s. m. Colore indaco in polvere per dare candeggio al bucato.

Azzuffamentu – s. m. Rissa, lite.

Azzuffarisi - rifl. Venire alle mani, accapigliarsi, avvinghiarsi.

Azzuffateddra – s. f. Tentativo di azzuffamento.

Azzulata – s. f. Candeggio con l’azzolu.

Azzuni – V. Arzuni

Azzuppari - tr. Rendere zoppo |intr. Diventare zoppo.

Azzuppatina – s. f. L’azzoppare e l’azzopparsi.

Azzuppatu - agg. Azzoppato.

Azzurreddru - agg. Poco azzurro.

Azzurrinu - agg. Del colore leggermente azzurro.

Azzurrognulu - agg. Del colore dell'azzurro.

 Torna all’Indice